29/05/12

Il mio nome è Bond. Eurobond!


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il mio nome è Bond. Eurobond!



Inviato da iPhone

Lo Shale Gas visto dalla Russia


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Lo Shale Gas visto dalla Russia


Da Club Orlov. Traduzione di Massimiliano Rupalti



La storia ufficiale dello shale gas (gas di scisti) è più o meno questa: i recenti progressi tecnologici delle compagnie energetiche americane hanno reso possibile mettere in produzione un abbondante, ma precedentemente inaccessibile, fonte di gas naturale pulito e amico dell'ambiente. 


Questo ha fatto diventare gli Stati Uniti leader mondiale della produzione di gas naturale, superando la Russia e preparandosi per mettere fine al monopolio russo del gas in Europa. 

Inoltre, questo nuovo shale gas viene trovato in molte parti del mondo e favorirà, a tempo debito, la maggior parte dei paesi del mondo nel raggiungere l'indipendenza dai tradizionali produttori di gas. Di conseguenza, la capacità di quei paesi con grandi riserve di gas naturale – Russia ed Iran – di controllare il mercato del gas naturale si ridurrà, insieme alla loro influenza geopolitica.
Se fosse così, ci dovremmo aspettare che il Cremlino e la Gazprom se la stiano facendo sotto. Ma è così? Ecco ciò che ha detto recentemente il presidente della Gazprom, Alaxei Miller, alla Süddeutsche Zeitung: "Lo shale gas è una campagna globale di pubbliche relazioni ben organizzata. Ce ne sono molte: il raffreddamento globale e i biocarburanti". 

Egli evidenzia che la tecnologia per p...


Inviato da iPhone

Fine settimana di sangue a Chicago


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Fine settimana di sangue a Chicago

Da venerdì a lunedì ci sono state quaranta sparatorie con 11 morti e 43 feriti


Inviato da iPhone

La Bolla del Secolo è Fra Noi, e Non se ne Parla


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La Bolla del Secolo è Fra Noi, e Non se ne Parla

Signore e signori, siamo in bolla, la più grande, enorme fantasmagorica bolla finanziaria che si sia mai vista sul globo terraqueo dai tempi dei tulipani Olandesi. Eppure non se ne parla. Nessun titolone da New Economy, nessun espertone in prime time, nessuna "massaia" che passa dal mercato della frutta a quello finanziario via cellulare



(anedottoto: Tanti anni fa, in una banca lontana lontana, un giovane funnyking a due giorni dallo scoppio della bolla internet si sentì dire da una massaia con borsa delle arance: "presto presto dott. funnyking, mi compri le Aisoftware prima che finiscono... lo giuro, non lo scorderò MAI! Aisw (alphacode) era un titolo quotato al mercato semigrigio chiamato Easdaq,… la signora con le arance, che compra all'Easdaq non ha prezzo. Non ricordo neppure cosa ne fu di quel titolo)



Dunque dove ero rimasto?


Ah già la megabolla spaziale!


Dunque leggete qui sotto da ZeroHedge:



The Swiss National Bank may have pegged the EURCHF (and as noted earlier, is progressively accumulating losses defending the barrier – even as EURCHF options are leaning further and further towards the peg breaking), but what about its bonds? At the current rate, Swiss debt, which is quite negative, with 2 year bonds now trading at record NEGATIVE rates, will repay itself quietly in a few short decades: ahhh the benefits of compounding. And for an example of how this is done, hours ago, the government issued debt at a rate of 0.62%. Oh sorry, we forgot the negative sign.




20120529 swiss 0 La Bolla del Secolo è Fra Noi, e Non se ne Parla




Inviato da iPhone

Crisi, la Spagna sprofonda, i tassi volano. Vicino intervento del salva Stati


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Crisi, la Spagna sprofonda, i tassi volano. Vicino intervento del salva Stati

di Matteo Cavallito -   Nel corso delle prossime settimane la Spagna potrebbe essere costretta a fare ricorso al fondo di salvataggio europeo diventando così il quarto Paese dell'eurozona ad essere soccorso dallo scoppio della crisi ad oggi. Lo sostiene il quotidiano El Mundo citando fonti governative. Un'indiscrezione, quella lanciata dalla stampa spagnola, che alimenta un'ipotesi [...]


Inviato da iPhone

Crisi USA: 700.000 famiglie perderanno gli assegni di disoccupazione


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Crisi USA: 700.000 famiglie perderanno gli assegni di disoccupazione

Tra poco tempo 700.000 famiglie con 1,3 milioni di bambini, perderanno l' assegno di disoccupazione. Lo riferisce il New York Times, aggiungendo anche che i pagamenti si fermeranno per coloro che sono disoccupati da più di sei mesi. Tutto questo perchè il Congresso, quando a febbraio scorso, rinnovando il programma, ha messo delle limitazioni ai singoli stati che a sua volta hanno innalzato i requisiti, hanno reso piu' difficile qualificarsi per ottenere i sussidi di disoccupazione, soprattutto nei mesi iniziali quando a pagare e' lo stato stesso e non le casse federali. Ad esempio in Florida è stato ridotto il numero delle settimane per cui lo stato paga i sussidi direttamente, la conseguenza è che in questo modo oltre la meta' dei richiedenti sono stati respinti.


Inviato da iPhone

Controlli o … razzie?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Controlli o … razzie?

Che cosa diremmo se venisse disposto che nel corso dell'anno la Polizia Stradale deve effettuare su tutto il territorio nazionale un dato numero di servizi sulla strada per incrementare di un tot percento le contravvenzioni a carico degli automobilisti? Che cosa diremmo se venisse disposto che nel corso dell'anno le Forze dell'Ordine debbono effettuare un dato numero di interventi sul territorio per incrementare di un tot percento le denunce di reato alla Magistratura?


Grideremmo certamente allo scandalo; inveiremmo contro lo Stato tiranno; solleveremmo gli scudi contro un sopruso inaccettabile da parte delle Autorità preposte! Reagiremmo giustamente all'intollerabile stravolgimento delle regole di ordinaria gestione del potere: aumentare i controlli va bene, può essere anche un interesse di tutti, ma se la maggior parte dei controllati le rispettasse, come si potrebbe sperare in un incremento delle contravvenzioni o delle denunce di reato? Le conseguenze di comportamenti tutti da verificare non possono mai trasformarsi in un risultato predeterminato dell'azione di controllo se non prevaricando i diritti fondamentali dei Cittadini e travalicando i limiti dei doveri delle Pubbliche Autorità.

In materia tributaria tutto questo non vale! Quando si tratta delle entrate dello Stato i principi generali vanno sempre a farsi benedire.

Secondo quanto risulterebbe dal Piano di Azione 2012 dell'Agenzia delle Entrate (cfr. articolo di M. Mobili su Il Sole 24 Ore di oggi 29.05.2012, pag. 23) infatti l'obiettivo dei controlli previsti è quello di recuperare all'incirca il 15% in più rispetto al 2011: la voce "conseguimento delle previsioni di entrata" registrerebbe l'importo di 10 miliardi di Euro (cioè 1,3 miliardi in più del 2011) che dovrebbe derivare dalla stessa quantità di accertamenti dell'anno precedente (n. 380.000) indirizzando le verifiche su n. 3.166 grandi imprese (quelle con volumi d'affari non inferiori ad 100 milioni di Euro), n. 13.000 medie imprese, n. 130.000 piccole imprese e professionisti, n. 35.000 contribuenti persone fisiche che saranno assoggettati al redditometro e n. 11.000 poveri cristi che saranno sottoposti ad accertamenti bancari! Da tutti questi controlli "debbono" scaturire i 10 miliardi di recuperi tributari e l'incremento di 1,3 miliardi rispetto all'anno precedente in barba ai principi del "buon andamento" e della "imparzialità" dell'azione della Pubblica Amministrazione (art. 97 Cost.) ed ai frequenti richiami da parte del Presidente del Consiglio Monti (<> – Bergamo, 26.05.2012, cerimonia del giuramento degli Allievi Ufficiali della Guardia di Finanza). Tanto per completare il quadro, va anche ricordato che gli operatori dell'Agenzia delle Entrate si spartiranno pure gli incentivi quale premio per ciò che avranno recuperato.

Finiamola di fare gli struzzi … prima che sia troppo tardi!



Inviato da iPhone

Italia: la colonia atlantica risponde “presente”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Italia: la colonia atlantica risponde "presente"

Apprendiamo con sgomento la notizia dell'espulsione dal nostro territorio di Khaddour Hasan, Ambasciatore plenipotenziario della Repubblica Araba di Siria presso la Repubblica Italiana, in quanto reputato "persona non grata" dal ministero degli Esteri presieduto da Giulio Terzi di Sant'Agata. La decisione congiunta con Parigi, Londra e Berlino, arriva dopo la divulgazione della notizia relativa ai [...]


Inviato da iPhone

Stiamo per invadere la Siria (ma nessuno lo sa)


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Stiamo per invadere la Siria (ma nessuno lo sa)



I governi fantoccio d'Europa  diretti da Gran Bretagna, Israele, Usa si offrono per entrare in guerra contro Siria, Iran, ben sapendo che trascineranno dentro anche la  Russia e la  Cina.  E' un piano suicida, scellerato, già programmato  e dato per scontato dai dominanti. L'incendio dell'Europa e del medio Oriente servirà a far collassare le civiltà [...]


Inviato da iPhone

In arrivo l’Aids del futuro?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

In arrivo l'Aids del futuro?

Si tratta della malattia di Chagas, causata da un parassita trasmesso attraverso la puntura di un insetto



Inviato da iPhone

Monti: “fermiamo il Calcio 2 o 3 anni”. Ormai, e’ uscito di senno.


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Monti: "fermiamo il Calcio 2 o 3 anni". Ormai, e' uscito di senno.

Monti: "Sarebbe opportuno fermare il calcio per due o tre anni". La frase e' stata detta in seguito agli scandali che hanno coinvolto il mondo del Pallone.


 


monti alieno2 Monti: RIGOR MONTIS IN VERSIONE ALIENO


Se un imprenditore commette un'illecito a nessuno sano di mente verrebbe di chiedere di chiudere per 2 o 3 anni tutte le imprese Italiane.


Se in Veneto si indaga un disonesto, nessuno sano di mente direbbe, puniamo tutti i Veneti.


Se c'e' uno stupro, nessuno sano di mente proporrebbe la castazione chimica per tutti i maschi Italiani.


 


Dopo questa frase, credo siamo a livelli piu' fantascientifici della "Culona inchiavabile" di Berlusconi. Non esiste paese al mondo dove si sia fermato mai il calcio (a parte nei periodi piu' cruenti di Guerra). Il calcio, coi suoi mille difetti (sia in Italia che all'estero), e' uno sport, ma e' soprattutto un'attivita' economica come altre, che genera introiti ed entrate per lo Stato, nonche' occupazione diretta e soprattutto indotta. Se ci sono storture, questa vanno corrette e basta, agendo in modo ordinario.


  


Che dire? Siamo oltre ogni immaginazione. Almeno col predecessore di Monti, ed i suoi "cucu'" oltre a mettersi le mani nei capelli, vedendolo si sorrideva, qui non c'e' neanche da ridere. D'altronde Monti e' sorretto da personaggi di analogo calibro, gli eredi del "cucu'" e quelli che "a Parma hanno non vinto". L'imprimatur e' di colui che "non vede un boom di Grillo". Quindi fa bene Monti ad adeguarsi ed oltrepassare il livello dei suoi sponsor.


 


GPG Imperatrice


 


PS: comunque, pensandoci bene, la frase ben si adatta al personaggio. D'altronde l'hanno chiamato per "fermare l'Italia per 2 o 3 anni", e ci sta pure riuscendo.





Inviato da iPhone

Il super-virus e il misterioso Stato hacker


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il super-virus e il misterioso Stato hacker

C'è uno Stato che ha dichiarato guerra cibernetica al mondo. Da anni sta spendendo enormi risorse per sviluppare virus informatici sofisticatissimi allo scopo di sabotare e spiare le istallazioni sensibili dei propri nemici. Ancora non si conosce il nome di questo Paese, ma gradualmente si stanno scoprendo le sue armi e i loro effetti. L'ultima si chiama Flame (fiamma), un "malware" chiamato anche Skywiper o Flamer, che ha stupito gli addetti ai lavori per la sua complessità. Gli stessi scopritori non hanno esitato a definirla "la più complessa tra tutte le cyber-minacce scoperte finora". Un software talmente avanzato che solo uno Stato, un esercito o un'agenzia...
Ferdinando Calda


Inviato da iPhone

Se il calcio va chiuso per 3 anni perché “pieno di difetti”, che fare di banche e Parlamento?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Se il calcio va chiuso per 3 anni perché "pieno di difetti", che fare di banche e Parlamento?


Se il calcio va chiuso per 3 anni perché "pieno di difetti", che fare di BANCHE e PARLAMENTO?


Dopo le tristi vicende del calcio scommesse, Monti vorrebbe sospendere il campionato di calcio per "due o tre anni". Secondo il premier stiamo assistendo ad un "concentrato di difetti" che fa "rabbrividere". Monti non si riferisce soltanto allo scandalo del calcio scommesse emerso in queste ore, ma cita anche il recente episodio di Genova quando "dei giocatori si sono tolti la maglia di fronte a chissà quali minacce di qualche centinaio sfegatati", un episodio "che bisognerà ancora approfondire".


Il premier ha precisato che "non si tratta di una proposta del governo" ma di una semplice "posizione personale, di un appassionato di calcio di anti anni fa, quando il calcio era calcio". Sì, diciamo che Monti ha ragione su un punto: questi episodi sul calcio scommesse sono inaccettabili, specialmente se provengono da un mondo che non soffre la povertà. Ma il calcio è diventato qualcosa più di un semplice sport. Ci sono di mezzo tanti soldi, e qualcuno dice pure troppi. Ma così è: il giro d'affari è impressionante.


Sospendere il campionato non rappresenta però una soluzione. Anzi, sarebbe una beffa. Per lo Stato, innanzitutto. Zamparini, il presidente del Palermo, ha duramente attaccato Monti e ha chiesto "come potrebbe lo Stato rinunciare a 900 milioni di euro l'anno". E in effetti la domanda ha un certo senso. Magari Monti saprebbe come fare, basterebbe – ad esempio – aumentare la benzina. Ma discorso economico a parte, gli italiani potrebbero resistere addirittura tre anni senza calcio? Sembra quasi impossibile. Anzi, lo è.


Di questo passo, però, si potrebbe applicare lo stesso ragionamento per altre questioni. Non solo per il calcio. Tipo: le banche danno vita ad un "concentrato di difetti"? Ok, allora chiudiamole. Stessa cosa per la politica…



Inviato da iPhone

Usa: stop sussidi a 500.000 disoccupati


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Usa: stop sussidi a 500.000 disoccupati

Pagamenti si fermeranno per chi e' disoccupato da oltre 6 mesi


Inviato da iPhone

Cina e Giappone, addio al dollaro


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Cina e Giappone, addio al dollaro

Cina e Giappone dicono addio al dollaro. Succederà dal 1 giugno quando i due Paesi daranno vita ad un rapporto di cambio diretto tra yen e yuan e abbandoneranno l`attuale sistema che determina i tassi delle due monete attraverso i loro valori rispetto al dollaro Usa. Il ministro delle finanze giapponese, Jun Azumi, che ha dato l'annuncio, ha spiegato che la scelta è stata determinata dalla volontà dei due Paesi di offrire un possibile stimolo al commercio e agli investimenti reciproci. Precisando poi che le operazioni dirette ridurranno i costi di transazione e ridurranno i rischi per le istituzioni finanziarie.

In realtà, a voler vedere bene la situazione, essa si inserisce a...
Andrea Angelini


Inviato da iPhone

LA "MAQUINA INFERNAL" EUROPEA FA INGRIPPARE LA SPAGNA


Ti è stato inviato tramite Google Reader

LA "MAQUINA INFERNAL" EUROPEA FA INGRIPPARE LA SPAGNA



DI AMBROSE EVANS-PRITCHARD

telegraph.co.uk



La Spagna sta precipitando in un vortice debito-deflazione. Niente a che fare con quello che sta succedendo in Grecia. Non è il risultato di stravaganze di bilancio dei decenni passati, e non è nemmeno un mito wagneriano.



Il collasso del paese è il risultato, matematicamente certo – e ampiamente previsto - della feroce contrazione monetaria e fiscale che grava su una economia che lotta per superare il crollo del settore immobiliare.


Inviato da iPhone

Mutui: crollo in IV trimestre -31,3%


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Mutui: crollo in IV trimestre -31,3%

Istat, in 2011 -14,3% rispetto al 2010


Inviato da iPhone

Abolire le tasse


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Abolire le tasse

L'umanità è andata avanti solo quando qualcuno ha immaginato ciò che fino ad allora era inimmaginabile, venendo preso per pazzo dai contemporanei. Dalla scoperta del fuoco, a quella del volo: si possono fare migliaia di esempi, non li farò, dando per scontato tale ovvia verità non necessiti ulteriori illustrazioni. Preferisco invece cimentarmi subito nel tentativo di immaginare un'altra possibilità oggi inimmaginabile, ben sapendo sarò preso per pazzo: Abolire le tasse. Che vuol anche dire abolire le spese dello Stato. E' concepibile che una comunità possa vivere e prosperare senza tasse, e dunque con una forma di Stato privo di spese? Oppure ridotte ad un minimo indispensabile (magistratura, etc.) che non superi ad esempio il 10% del PIL, da finanziare con lotterie e donazioni su base volontaria? Secondo me non solo è possibile, in linea teorica, ma addirittura auspicabile perché produrrebbe una serie enorme di benefici per la stragrande maggioranza della popolazione, per vari motivi.
1)Le tasse deprimono lo sviluppo. Sono state inventate per mantenere una minoranza a spese della maggioranza. Infatti le tasse esistono fin da quando sono comparse le prime forme di potere gerarchico organizzato (già i Sumeri duemila anni prima di Cristo avevano elaborato un sistema fiscale, così come poi egiziani, greci, romani, etc.). che con la forza si appropriavano delle risorse dei sottoposti, finanziandoci eserciti e polizie con cui rafforzare la propria capacità impositiva, senza neanche bisogno di giustificarle con la fornitura di "pubbliche utilità" come è stato poi fatto nelle civilizzazioni più avanzate, dove questo furto legalizzato è stato parzialmente compensato con quelli che oggi chiamiamo servizi pubblici. Subito dopo la caduta dell'impero romano d'Occidente (tra l'altro determinata proprio dall'eccessiva tassazione) tra il quinto ed il sesto secolo vi sono state zone franche non soggette a poteri altrui, in cui le tasse non si sono pagate, e sono state zone ad alto sviluppo (per l'epoca). Con l'avvento del feudalesimo, fin dall'impero carolingio dell'ottavo secolo d.C. le tasse hanno assunto di nuovo il loro ruolo originario: un pizzo imposto dai potenti che a loro capriccio potevano imporlo con mille scuse e varianti, innanzitutto la "protezione" che il potente assicurava. Esattamente come il pizzo mafioso: anch'esso viene richiesto a fronte del servizio protettivo. Si esercitava a cascata: i duchi pagavano al re, e si facevano pagare dai marchesi e dai conti, i quali a loro volta si rifacevano sui baroni , che infine tassavano i loro abitanti. La concessione del feudo comportava proprio la concessione dell'esercizio impositivo, ed il feudatario poteva farsi le sue leggi. Nel medioevo al sottoposto veniva consentito di mantenere il minimo per la sussistenza tutto il resto veniva sequestrato (tassato), e non a caso furono secoli di stagnazione. La sostanza non è poi cambiata di molto nei secoli successivi,anche se all'allentamento ...


Inviato da iPhone

El colapso del sistema financiero español


Ti è stato inviato tramite Google Reader

El colapso del sistema financiero español

El colapso del sistema financiero español facebookEl colapso del sistema financiero español emailCompartir/Share

El colapso del sistema financiero español España se hunde


El colapso del sistema financiero español está aquí. Ya no es algo imaginado ni supuesto, sino una realidad aplastante. Un gorila de 800kg dentro de vuestro salón. Hace más de un año, puse en mi web una advertencia a todos los lectores: SACAD VUELTRO DINERO DE LOS BANCOS. Algunos me hicieron caso, la mayoría, como suele pasar, no. Bueno, creo que podemos decir que llevaba razón. No se puede rescatar a CAJA MADRID, BANKIA o tenga el nombre que tenga. Hay que aplicar Ley Glass-Steagall y cerrarlo. El siguiente en caer es el BANCO SANTANDER. Tiene una deuda de más de 800 mil millones de euros. En el otoño, SANTANDER anunciará las perdidas, y con eso, el fin del sistema financiero español. Somos carne de cañon de los políticos de turno.


¿O seguís pensando que vuestros votos cuentan para algo?


Daniel Estulin




Inviato da iPhone

Il “De Grauwe moment” dell’Europa: una previsione lungimirante della crisi di bilancia dei pagamenti dell'Eurozona

In team con Istwine e con la supervisione di Cesaratto abbiamo tradotto questo suo interessante articolo in cui si evidenzia la "strana natura" di questa unione monetaria, un ibrido tra un accordo di tassi di cambio fissi e un'unione monetaria con le compensazioni Target 2.  Per questo ci troviamo in una crisi finora inedita dagli esiti non scontati.

Sergio Cesaratto - In un articolo sul Financial Times scritto un anno prima dell’avvio dell’Unione Monetaria Europea (UME), Paul De Grauwe avanzò un’ipotesi lungimirante su ciò che sarebbe potuto accadere come conseguenza, cosa di cui la maggior parte degli economisti si sono resi conto solo recentemente.1 ....Continua a leggere

Giornali “assistiti”

La stampa ha reso noto che, al termine di una visita compiuta a Palazzo Chigi, la Guardia di Finanza ha sequestrato due milioni e mezzo di Euro destinati al quotidiano l’Avanti.

Il mito del deleveraging e il collasso da debito

Il mito del deleveraging e il collasso da debito: Sono ormai anni che martello i lettori sulla tematica del debito aggregato, ed è da tempo immemore che vi spiego perché il debito sta affogando la crescita economica e che ci porterà progressivamente ad affogare. Ma veramente non c’è limite … Continua a leggere

Italia: tra "spremitura" e "taglio delle spese" indovinate un po' dove cade la scelta...

Italia: tra "spremitura" e "taglio delle spese" indovinate un po' dove cade la scelta...:

In Italia...

tra "ULTERIORE spremitura" dei limoni-cittadini (iper-recessiva...)

e "taglio delle spese (inutili)" (che, se calibrato bene, NON è recessivo ma piuttosto migliorativo dell'efficienza della macchina-Stato e REDISTRIBUTIVO dai ladri&dalle caste al cittadino medio...)

indovinate un po' dove cade la scelta...

indovinate un po'....



Da NoisefromAmerika

ecco un grafico ed un'analisi molto molto significativi....

Vedi la "colonnina Italia"

dove l'azzurro chiaro è quanto programmi di tagliare da uno stato inefficiente, ladro e medioevale....

mentre il blu scuro è quanto...



[ clicca sul titolo per continuare a leggere ]

JP Morgan cade sui derivati che lei stessa ha inventato

JP Morgan cade sui derivati che lei stessa ha inventato:



Franco Spinelli*







La maxi perdita sui derivati ammessa recentemente dal colosso Usa JP Morgan è una nemesi storica. Un suo uomo, Mark Brickell, viene messo a fine anni ’80 a capo dell’Isda, l’associazione degli operatori in derivati, per frenare la regolamentazione del settore, scrive Franco Spinelli, ordinario di Economia politica all’Università di Brescia. Non solo: nel 1994 è sempre JP Morgan a inventare i Cds, strumenti che fungono da “assicurazione” contro il fallimento di un’emittente. 





leggi tutto

Anche Italia, Regno Unito e Canada espelleranno gli ambasciatori siriani dal proprio paese come già annunciato da Germania, Francia e Australia

Anche Italia, Regno Unito e Canada espelleranno gli ambasciatori siriani dal proprio paese come già annunciato da Germania, Francia e Australia:

Altro Terremoto di magnitudo 5.8 in Emilia: 9 morti. Qual è la vera causa?

Altro Terremoto di magnitudo 5.8 in Emilia: 9 morti. Qual è la vera causa?:

di Dioni per Informare x Resistere Dopo la scossa di magnitudo 5.8 Richter a 10.2km di profondità, delle ore 09:00 di stamattina, che ha fatto tremare tutto il centro/nord Italia, altre repliche di entità significativa hanno interessato la stessa area epicentrale, tra modenese e ferrarese: la prima è stata di magnitudo 4.0 Richter a 10km di profondità alle ore 09:07, la seconda di magnitudo 3.6 Richter a 11km di profondità alle [...]

“Siamo stanchi dell’Europa”, Tokyo, Pechino e Seul si fanno la loro alleanza

“Siamo stanchi dell’Europa”, Tokyo, Pechino e Seul si fanno la loro alleanza:



Antonio Talia







La situazione dell'Europa desta preoccupazioni e neanche l’America ispira particolare fiducia all'estremo Oriente. Meglio corazzarsi insieme a partner vicini e solidi, contro la crisi che viene da Ovest. Così Cina, Giappone e Corea del Sud, quasi il 20% del Pil mondiale, hanno annunciato una trilaterale economica, che però fa paura ai paesi vicini.





leggi tutto

I timori per la Grecia si attenuano

I timori per la Grecia si attenuano: I mercati USA Lunedì sono stati chiusi per festa nazionale in occasione del Memorial Day.

Conoscere.

Sono un ex ragazzo, ormai sui trenta. Bella presenza, da sempre nelle discoteche della mia città e in quelle cult dell’Italia. Prima con i soldi di famiglia, poi finiti quelli per le vicissitudini della vita, ora con i miei. Non lavoro, prima non

Slovacchia, tassati per un anno banche e depositi

Slovacchia, tassati per un anno banche e depositi: Il primo ministro slovacco socialdemocratico Robert Fico ha annunciato ieri la decisione di introdurre una tassa speciale sugli istituti di credito del Paese, nonché quella di estendere ai privati il prelievo fiscale esistente sui depositi bancari...

Come ti salvo l’euro in quattro mosse

Come ti salvo l’euro in quattro mosse: Uno dei principali centri studi tedeschi propone la sua ricetta per fermare il collasso della moneta unica

Le disgrazie non vengono mai da sole

Le disgrazie non vengono mai da sole: Nord senza pace: dopo il terremoto è in arrivo anche Bersani  

Il banchiere arrestato a Milano

Il banchiere arrestato a Milano: Massimo Ponzellini, ex Bpm: "Abbiamo una banca?"

Bollette salate? La colpa è delle fonti fossili

Bollette salate? La colpa è delle fonti fossili: Energie Alternative - Nell'ultimo decennio le bollette elettriche degli italiani sono aumentate di 177 euro a famiglia. Come emerge da un dossier di Legambiente, però, responsabile dell'aumento è la nostra dipendenza dalle fonti fossili e dai giacimenti esteri. Le rinnovabili, invece, pesano solo per il 13%.

Francia: ondata di suicidi sui binari

Francia: ondata di suicidi sui binari:
Ben 10500 passeggeri di treni ad alta velocità (TGV) hanno subito ritardi di molte ore, in gran parte a causa di una "piccola ondata" di suicidi*. Nel silenzio, nonostante la Francia sia il paese europeo che spende di più in assistenza di categorie fragili, disoccupati e poveri in generale, sempre più francesi colpiti a fondo dalla crisi colgono l'occasione dei ponti festivi per mettere a profitto la loro solitudine e... togliersi di mezzo in modi plateali. Di solito si conta un suicidato al giorno sui binari, qua siamo a quota 6 e la Francia per ora non è che all'usuale 10% di disoccupazione, nessuna banca collassa, niente rischi di default, niente austerità... 
Per le ferrovie è un dramma nel dramma, ogni suicida dà diritto a molti giorni di malattia per gli autisti di treno (che già sono sempre meno e devono lavorare sempre di più, con l'ultimo regolamento interno SNCF ha aumentato il loro tempo di guida minimo giornaliero da 7h43' a 7h45', senza relativo aumento di stipedio...) e richiede dalle due alle tre ore per gli accertamenti e la rimozione dei corpi dei poveri suicidati. Più delle proteste, per bloccare l'alta velocità potè la crisi. 
"Siamo molto preoccupati per l'aumento dei suicidi", ha dichiarato Michel Pronost della SNCF, "negli ultimi due giorni abbiamo registrato ben 12 suicidi sui binari del territorio nazionale".*
*link: http://www.europe1.fr/France/TGV-nuit-de-galere-pour-10-500-voyageurs-1104127/ 
_____________

Terremoti/ Monti: Faremo il possibile nei tempi più brevi

E FINALMENTE IL GOVERNO HA BATTUTO UN COLPO!!! GUAI A VOI SE NON STARETE ACCANTO A QUESTA GENTE! E NON COME AVETE FATTO NEGLI ULTIMI 10 GIORNI!!! OPPURE SI DEVE ASPETTARE L'EUROPA????

Terremoti/ Monti: Faremo il possibile nei tempi più brevi


Roma, 29 mag. (TMNews) - Per i danni provocati dal terremoto in Emilia "lo Stato farà tutto il possibile nei tempi più brevi". "I cittadini abbiano fiducia, l'impegno dello Stato è garantito". Lo ha assicurato il premier Mario Monti, in una dichiarazione alla stampa a Palazzo Chigi, dopo le nuove scosse che hanno fatto tremare il nord Italia.

Cacciari faccia come Bartali


Sovente il professor Cacciari sale in cattedra e questo è normale, altrimenti che professore sarebbe ?Appare in tv, scrive sull’Espresso, rilascia interviste. Le sue dichiarazioni ormai sono sempre simili, molto pessimistiche e questo è un riflesso della situazione, del resto non è facile inventarsi cose nuove. Intervistato dalla Zanzara, nota trasmissione radio-televisiva, ha dichiarato che un Primo Ministro (Berlusconi), che fa travestire una certa Marystel Polanco da Ilda Boccassini, deve avere qualche problema. Giu

Gruppo Bilderberg in Usa per decidere le sorti delle elezioni

Gruppo Bilderberg in Usa per decidere le sorti delle elezioni

Gruppo Bilderberg in Usa per decidere le sorti delle elezioni

LOGGIA MASSONICA | Al via il nuovo meeting (non piu') segreto dell'elite dei potenti che vuole il controllo globale. Fuori dalle sale a porte chiuse, un numero record di manifestanti: in migliaia rischiano di compromettere la riservatezza dell'evento.

Spagna: Crollano Vendite Al Dettaglio Ad Aprile (-9,8%)

Spagna: Crollano Vendite Al Dettaglio Ad Aprile (-9,8%)


(AGI) Madrid - Crollano le vendite al dettaglio in Spagna ad aprile con uno scivolone tendenziale del 9,8% contro previsioni a -6%
(AGI) Madrid - Crollano le vendite al dettaglio in Spagna ad aprile con uno scivolone tendenziale del 9,8%. Il dato, corretto degli effetti stagionali, e' peggiore di quanto attendessero gli analisti, che prevedevano un calo del 6% dopo il -3,8% di marzo scorso. Si tratta, rileva l'Istituto di statistica spagnolo, del ventiduesimo mese consecutivo di calo delle vendite al dettaglio e quella di aprile e' la maggiore flessione dal 2003, anno in cui la serie storica ha preso l'avvio .

Sulla Spagna vi avevo già anticipato tutto 2 anni fa...


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Sulla Spagna vi avevo già anticipato tutto 2 anni fa...




Mentre negli ultimi tempi l'Italia è un po' meno "sotto attacco",
anche perchè il LTRO1 ed il LTRO2 sono stati fatti soprattutto per tamponare il nostro Paese
(non perdere il mio post: Ogni giorno che passa è sempre più evidente: il magic-LTRO è servito soprattutto a rimandare il DEFAULT DELL'ITALIA),

l'Epicentro della Crisi dell'Eurozona adesso si sta focalizzando sulla Spagna.

Ohhh sia ben chiaro: la Spagna non ha nessuna colpa e l'Eurozona nemmeno...

La Colpa è tutta della cattiva Speculazione, della cattiva Germania, del complotto anglo-americano contro l'Euro e del...



[ clicca sul titolo per continuare a leggere ]


Inviato da iPad

Victoria Grant, 12 anni, spiega la frode bancaria


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Victoria Grant, 12 anni, spiega la frode bancaria


Victoria Grant spiega la frode bancaria che ha causato la crisi economica


E' diventato un video virale il discorso tenuto da una bambina 12enne canadese, Victoria Grant, che spiega il funzionamento della frode bancaria. Victoria, al Public Banking Institute, in un discorso di sei minuti tocca i punti fondamentali della frode bancaria che, in Canada come in altri paesi, ha causato la crisi economica attuale.
Vi propongo il video in lingua originale e, sotto, la traduzione in italiano (traduzione di Massimo Frulla):


Inviato da iPad

Effetto crisi: l'oro di famiglie e banche va in Svizzera


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Effetto crisi: l'oro di famiglie e banche va in Svizzera






Cosa c'è dietro al boom delle esportazioni di lingotti d'oro dall'Italia alla Svizzera? E come mai l'Italia nel 2011 è diventato il terzo mercato produttore mondiale di "oro riciclato"? Da un lato il florilegio dei "compro-oro", negozi non regolamentati spesso nelle mani della criminalità organizzata. Dall'altro c'è la crisi dei distretti orafi, che costringe le banche italiane a rivendere al di là delle Alpi i lingotti che i gioiellieri non riescono a trasformare. 





leggi tutto



Inviato da iPad

Settore banche, rimbalzi in vista? Quali i titoli piu' promettenti?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Settore banche, rimbalzi in vista? Quali i titoli piu' promettenti?

 La discesa fino a testare nuovi minimi storici a 6568 punti ha comportato per l'indice settoriale domestico delle banche il raggiungimento dell'area di eccesso negativo, tecnicamente definita di &quot;ipervenduto&quot;, sul grafico degli indicatori di uso più comune.


Inviato da iPad

Terremoto forte nell'Emilia ... Sentita scossa Milano forte ... Anche io in Piemonte ho i lampadari che dondolano. Attendiamo news

Forte scossa di terremoto avvertita in tutto il Nord Italia. Magnitudo 5.7, epicentro in Emilia

Notizie > Italia

Forte scossa di terremoto avvertita in tutto il Nord Italia. Magnitudo 5.7, epicentro in Emilia

Monti contestato a Bergamo dai ragazzi di Lo Sai


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Monti contestato a Bergamo dai ragazzi di Lo Sai

- di Maurizio Elia Spezia per Informare per Resistere-  Il 27 Maggio 2012, il presidente del consiglio Mario Monti è stato aspramente contestato dai cittadini Bergamaschi e dai ragazzi di Lo Sai specialmente quelli della città di Bergamo, che si sono distinti dal resto dei manifestanti perchè non portavano nessun simbolo e come dice il Corriere.it: " Erano urlatori [...]


Inviato da iPad

“Il calcio rischia il crack: perdite per 428 milioni”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

"Il calcio rischia il crack: perdite per 428 milioni"

Le prime pagine di oggi, martedì 29 maggio





Inviato da iPad

FINANZA/ Agli Europei l’Ucraina ha già perso (6 miliardi…)


Ti è stato inviato tramite Google Reader

FINANZA/ Agli Europei l'Ucraina ha già perso (6 miliardi…)

Gli Europei di calcio rischiano di tramutarsi nella rovina definitiva dell'Ucraina, un po' come avvenne per la Grecia con le Olimpiadi del 2004. MAURO BOTTARELLI ci spiega perché

(Pubblicato il Tue, 29 May 2012 06:03:00 GMT)

FINANZA/ Cosa c'è dietro la "febbre" dell'oro italiana?, di P. Annoni
FINANZA/ Facebook, l'ultima "truffa" di Wall Street, di M. Bottarelli


Inviato da iPad

Il grillo del signoraggio


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il grillo del signoraggio

di Ilvio Pannullo


La sbornia di Parma, dalle 17.15 di lunedì 21 maggio 2012 la Stalingrado grillina d'Italia, non accenna a smettere. Si è detto e scritto tanto, tantissimo, forse addirittura troppo, sul Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, ma quello che è certo riguarda soltanto il passato: il futuro è tutto da scrivere ed è già in cammino. Il successo elettorale, lontano dall'essere inaspettato e imprevedibile, ha galvanizzato i militanti, il popolo delle rete e tutti coloro che sperano in un cambiamento, in una nuova prospettiva, in futuro che sia migliore del tragico presente.


A chi osserva, a quanti apprezzano l'effetto ma mai voterebbero per il vate genovese, perché restii a concedere il proprio favore a chi urla da un palco, negandosi al tempo stesso ad ogni democratico confronto, non resta che sperare nell'onda d'urto, nell'effetto a catena che il Movimento 5 Stelle ha inesorabilmente innescato.


Il neo eletto sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, ha saputo vincere ed esultare, accendendo gli animi e la speranza. «É l'alba della Terza Repubblica», dice in versione Pifferaio di Hamelin, inseguito dalla stampa di mezzo globo e accolto ovunque dagli osanna dei suoi ragazzi. «É la svolta», gli fa eco Giovanni Favia, proconsole in Regione del Movimento. Adesso, però, viene il bello. O il brutto, dipendendo il giudizio finale da cosa concretamente verrà fatto.


Il partito anti-partito deve infatti fare subito i conti con il mostruoso debito del Comune, che alcune voci accreditano essere pari a 600 milioni di euro. A ciò si aggiunga il profondo rosso del Teatro Regio, stimato dai 7 ai 12 milioni di euro, e la clausola penale, pari a 180 milioni di euro, prevista nel contratto stipulato tra il Comune di Parma e la Iren Emilia s.p.a. e che andrà pagata, per cestinare quell'inceneritore tanto osteggiato in campagna elettorale. Problemi enormi per un tecnico informatico, eletto sindaco di una città che conta appena 200.000 anime.


Dal giorno della vittoria elettorale il titolo della società quotata "Iren Emilia", con sede legale e direzione centrale a Reggio Emilia, non fa che andare giù: a preoccuparsi, oltre agli azionisti disperati, è l'intero settore dell'economia tradizionale. Grillo fa paura e a fare ancora più paura sono le idee veicolate dal Movimento di cui è il portavoce: democrazia diretta, controllo in tempo reale della corretta esecuzione del mandato elettorale, selezione meritocratica dei candidati sulla base delle esperienze e dei programmi.




Inviato da iPad

L'Entità Europea non serve agli europei


Ti è stato inviato tramite Google Reader

L'Entità Europea non serve agli europei



Inviato da iPad

La grande protesta di ieri in Georgia


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La grande protesta di ieri in Georgia

Gli oppositori del presidente della Georgia Mikheil Saakashvili hanno organizzato ieri, domenica 27 maggio, una manifestazione in Piazza della Libertà nella capitale Tblisi, in vista dell'apertura della loro campagna per le elezioni parlamentari che si terranno il prossimo autunno. Alcuni osservatori indipendenti hanno calcolato che erano presenti circa 80.000 persone, numero di molto superiore alle aspettative: si tratta di uno dei più grandi raduni politici del Paese dalla cosiddetta "Rivoluzione delle rose" del 2003, che portò Saakashvili e il suo partito (il Movimento di Unità Nazionale) al potere contro Eduard Shevardnadze, ex funzionario di partito sovietico.


Quando diventò presidente, Saakashvili era il capo di stato più giovane di tutta l'Europa, a soli 36 anni. Istruito in Occidente avviò subito una serie di radicali riforme modernizzatrici e si scontrò duramente con la Russia per il controllo delle regioni separatiste georgiane dell'Abkhazia e dell'Ossetia del Sud. Lo scontro diventò guerra aperta nel 2008, un conflitto disastroso per la Georgia, che venne rapidamente travolta sul campo. La popolarità di Saakashvili, da allora, è crollata, ma il suo partito è rimasto saldamente aggrappato al potere, grazie al controllo totale sugli organi dello Stato, sui governi locali e sui mezzi di comunicazione.


- La guerra tra Russia e Georgia


Per Mikheil Saakashvili si avvicina ora la prova delle elezioni parlamentari (ottobre 2012) e la fine del suo secondo mandato presidenziale: nel 2013 non potrà presentarsi per una terza volta ma ha fatto sapere di non escludere una sua candidatura a Primo Ministro. Inoltre, se a ottobre otterrà la maggioranza parlamentare, ha annunciato di voler preservare la riforma già avviata del pubblico impiego e una politica estera filo-occidentale.


La grande protesta di ieri è stata organizzata da "Sogno Georgiano", il partito sostenuto da Boris Ivanishvili, una delle duecento persone più ricche del mondo e l'imprenditore più facoltoso del Paese che ha dimostrato quanto sostegno possano avere le forze di opposizione, almeno nella capitale. A Tblisi l'opposizione è infatti più popolare che altrove proprio perché qui molti lavoratori del settore pubblico hanno perso il lavoro nella ristrutturazione di servizio civile, polizia, ospedali pubblici e sistema di istruzione voluta dal presidente.


Ivanishvili ha inoltre legami stretti con Mosca: di recente ha venduto una catena di farmacie in Russia ("Doktor Stoletov") per decine di milioni di dollari: una transazione che non avrebbe p...



Inviato da iPad

Riusciranno gli spagnoli a farsi dare i soldi ?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Riusciranno gli spagnoli a farsi dare i soldi ?



[monomaniac] per fare i soldi ci vuole la regola aurea: seguire gli istituzionali.....
Chi si sta imbottendo di BTP? Risposta: le banche. Come mai? Risposta: perche' sanno che ci fara ...


Inviato da iPad

L'Italia con il Grillo e con il Marchese (per tacer del Bersani)


Ti è stato inviato tramite Google Reader

L'Italia con il Grillo e con il Marchese (per tacer del Bersani)






Mentre i banchieri del Diavolo proseguono indisturbati nell'applicazione pratica della loro agenda di spoliazione di tutto lo spoliabile di un paese, come gli alieni dei film che scendono sulla Terra solo per trasformarci in cibo e compost,  la politica italiana che fa? 


Ci sono state elezioni amministrative che hanno visto il prevedibile successo del Movimento Grand Hotel e l'aumento dell'astensionismo, oltre al non trascurabile crollo del partito di B. e della Lega, mazzolati ben bene dai loro elettori delusi e smaronati. 





Prima di parlare del Grillo e del suo partito marketing, togliamoci subito qualsiasi eventuale dubbio riguardo alla nocività dell'astensionismo, ovverosia del fenomeno rappresentato dal gran numero di persone che non va più a votare.


Io starei tranquilla. L'astensionismo, nel paese di chi vota senza averne un'idea, di chi vota alla c.d.c. il tizio impomatato che la sera prima ha estorto loro una carezza intima e rubato il primo vero orgasmo della loro vita sussurrandogli all'orecchio "ti toglierò l'ICI", è una benedizione del cielo. Il suffragio universale non è un dogma, è un'opportunità. Una volta ero convinta che votare fosse un dovere assoluto ma mi sto ricredendo. Se a votare vanno solo quelli che sono convinti di ciò che fanno, nel bene o nel male, e sono un minimo informati su che cos'è la politica, è meglio. Io concederei il diritto di voto solo dopo che l'elettore ha superato un esame scritto e orale, figuriamoci.


La seconda ragione per la quale chi si astiene ne ha ormai tutto il diritto è perché votare questi partiti è obiettivamente null'altro che un atto di massima perversione dove affluiscono la coprofilia, il sadomasochismo e la necrofilia. Non si può pretendere che tutti siano capaci di agire le perversioni più estreme.





Grillo, dunque. Io non mi preoccuperei nemmeno di lui. E' appena stato eletto il sindaco Pizzarotti a Parma che sono comparse le prime crepe nel movimento, e il terremoto non c'entra.


Tutti si preoccupano di Casaleggio, questo capellone fuori tempo massimo, questo guru che ha creato il fenomeno Grillo prima sul web e poi l'ha lanciato nell'agone della politica. (Bello, agone, vero?) "Dietro il Movimento Cinque S...


Inviato da iPad

Inchiesta – Consumi Auto gonfiati: una TRUFFA enorme, che se corretta, farebbe male alla Germania


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Inchiesta – Consumi Auto gonfiati: una TRUFFA enorme, che se corretta, farebbe male alla Germania

vw 450x300 Inchiesta   Consumi Auto gonfiati: una TRUFFA enorme, che se corretta, farebbe male alla Germania


 


Consumi auto gonfiati: i numeri dello scandalo


 


Sono infinite le inchieste realizzate sulla questione in Europa, e tutte con lo stesso esito. Tempo fa le riviste Autobild (tedesca) e da Quattroruote hanno certificato ciò che più o meno tutti i proprietari di un'auto hanno sempre sospettato: i consumi di carburante dichiarati dalle Case automobilistiche non sono reali. Si tratta di un vero e proprio scandalo a norma di legge (con differenze tra il 17% ed il 47%).  I dati risultano infatti da specifici test di omologazione senza i quali le vetture non potrebbero essere commercializzate. Questi test rispecchiano male il reale uso che si fa normalmente dell'auto e quindi falsano, e di parecchio, i consumi effettivi. Alcuni esempi tratti dall'inchiesta che fece quattroruote:


Alfa Romeo 159 1.9 JTD +28%
Audi A6 3.0 TDI +23%
BMW 118d +47%
Citroën C1 1.0 +30%
Fiat Punto 1.4 +28%
Ford S-Max 2.0 TDCi +22%
Nissan Qashqai 1.5 dCi +43%
Opel Corsa 1.3 CDTi +37%
Renault Twingo 1.5 dCi +37%
Toyota Yaris 1.4 D-4D +29%
Volvo V50 2.0 D +19%
Volkswagen Golf 2.0 TDI GT +20%
Volkswagen Passat 2.0 TDI +34%


 


Come si effettuano i test a norma di legge


 


Per stabilire i dati sul consumo riportati sul libretto di circolazione, le Case auto non ricorrono a vere e proprie prove su strada, ma effettuano i diversi cicli di test sui banchi a rulli, seguendo peraltro alla lettera una normativa varata dall'Unione Europea (ma in vigore complessivamente in 50 Paesi del Vecchio Continente) che non ammette deroghe. In sostanza, si procede ad una serie di operazioni (accelerazioni, frenate, riprese, ecc.) che, in teoria, dovrebbero simulare alla perfezione quanto accade normalmente su strada. La prova complessiva dura 1.180 secondi (ovvero una ventina di minuti), 780 dei quali riservati al percorso cittadino (e quindi al consumo urbano) con una velocità ...



Inviato da iPad

Purtroppo per Napolitano, è il presidente anche di Grillo


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Purtroppo per Napolitano, è il presidente anche di Grillo






Per la terza volta nel giro di un mese il Quirinale attacca Grillo (senza mai citarlo). Prima le critiche di populismo, poi il sarcasmo sul "boom" elettorale. Oggi avverte: «I partiti politici sono essenziali, il web non li può soppiantare». Forse al Colle è giunto il momento di una presa di coscienza. Il Movimento 5 Stelle esiste. I grillini sono in crescita e la Costituzione impone a Napolitano di essere anche il loro presidente.





leggi tutto



Inviato da iPad

Il Colle stoppa il nuovo fisco di Monti


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il Colle stoppa il nuovo fisco di Monti

La legge delega di riforma deve tornare in Consiglio dei ministri per alcune modifiche. Dubbi del Quirinale sulla retroattività delle norme [...]




Inviato da iPad

Fornero, "imparare un mestiere è fondamentale, non avere una laurea"


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Fornero, "imparare un mestiere è fondamentale, non avere una laurea"


 


"Imparare un mestiere, una professione, oggi e' fondamentale. Non e' detto che tutti debbano avere una laurea e magari debbano averla di malavoglia e utilizzarla anche peggio con una scarsa spendibilita' sul mercato". Lo ha affermato il ministro del Lavoro, Elsa Fornero. (Repubblica)



Già ascoltare un ministro del governo dichiarare che la laurea non è fondamentale per tutti, è una cosa fuori dal mondo (soprattutto in un paese dove solo un 19enne su tre è iscritto all'università, e la media dei laureati tra i 30-34 anni è al 20%, contro una media Ue del 37%) ... più che altro vorrei chiedere al "Ministro dei licenziamenti", sarebbe bello imparare un mestiere, ma quando darete la possibilità a tutti di trovare uno? magari si occupasse di quello la Fornero, invece che pensare alla scuola, visto che la disoccupazione a maggio 2012 si è attestata al 9.8% (e quella giovanile intorno il 36%)!



Inviato da iPad

TRICHET PROPONE DI ABOLIRE LA DEMOCRAZIA PER SALVARE L’EURO


Ti è stato inviato tramite Google Reader

TRICHET PROPONE DI ABOLIRE LA DEMOCRAZIA PER SALVARE L'EURO

L'ex presidente della BCE stima che l'Unione Europea deve poter gestire il budget di uno stato membro in caso di stallo. Jean-Claude Trichet ha proposto giovedì che l'Unione Europea possa gestire il budget di uno stato membro se essa constata la sua incapacità di mettere in ordine le proprie finanze, come parte delle misure da [...]


Inviato da iPad

Ma Napolitano ci è o ci fa?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Ma Napolitano ci è o ci fa?

Dal Tg1 di oggi una riflessione che sorge spontanea





Inviato da iPad

Effetto crisi: l'oro di famiglie e banche va in Svizzera

Cosa c’è dietro al boom delle esportazioni di lingotti d’oro dall’Italia alla Svizzera? E come mai l’Italia nel 2011 è diventato il terzo mercato produttore mondiale di “oro riciclato”? Da un lato il florilegio dei “compro-oro”, negozi non regolamentati spesso nelle mani della criminalità organizzata. Dall’altro c’è la crisi dei distretti orafi, che costringe le banche italiane a rivendere al di là delle Alpi i lingotti che i gioiellieri non riescono a trasformare.



Leggi il resto: http://www.linkiesta.it/node#ixzz1wEuRawgI

Economia nel pallone: come il calcio

Economia nel pallone: come il calcio

Vi chiederete come mai parlo di calcio su un blog di finanza. Risulta certo un po’ “off topic” ma se guardiamo bene la realtà, tanto off topic poi non è. Innanazitutto i numeri: l’annata 2010-2011 ha fatto segnare al settore una perdita di 648 milioni di Euro, con un patrimonio netto che è collassato del 50%. Andatevi a ...