06/07/12

Gli Usa e la liquidazione del dissenso


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Gli Usa e la liquidazione del dissenso

In molti paesi le persone che oltrepassano la linea opponendosi al governo, rischiano il carcere, la tortura o la morte.

Fino a poco tempo fa, era difficile per i dissidenti americani oltrepassare quella linea. Se volevano farsi arrestare per aver detto qualcosa di sovversivo, le semplici idee non erano sufficienti; avrebbero dovuto minacciare di aggredire fisicamente il Presidente o un altro alto funzionario.

Ma l'America del dopo 11 settembre non è più un faro dei diritti umani. Come ha scritto recentemente sul New York Times l'ex Presidente Jimmy Carter: "Gli Stati Uniti stanno abbandonando il loro ruolo di campioni globali dei diritti umani". In questo articolo,...
Kevin Barrett*


Inviato da iPhone

SPENDING REVIEW: RIMANE TAGLIO 350000 DIPENDENTI PUBBLICI


Ti è stato inviato tramite Google Reader

SPENDING REVIEW: RIMANE TAGLIO 350000 DIPENDENTI PUBBLICI


I tagli alle università e i trasferimenti alle scuole private non ci saranno più. Sarebbe stato un vero e proprio scandalo, ma vengono stanziati 10 milioni per le università non statali. Vengono, però, stanziati 103 milioni per la gratuità dei testi anche nelle scuole secondarie. I docenti senza cattedra potranno insegnare materie affini. Vengono trasferiti alle Regioni 23 milioni in modo che le scuole possano fare più visite fiscali senza oneri.





Nemmeno i piccoli ospedali spariscono per decreto, ma non è detto che le Regioni non li chiudano. Anche perché la scure sulla sanità è tremenda. Ci saranno, infatti,  5 miliardi di tagli (posti letto, spese farmaceutiche, acquisto di beni e servizi). 





I dipendenti pubblici diminuiranno di 350000 unità e la maggior parte saranno semplici dipendenti (è troppo comodo dire -20% di pochi dirigenti e -10% della maggior parte di dipendenti pubblici). Le forze armate saranno ridotte del 10%, ridotte di un poco le spese per le missione di pace, gli armamenti, ma anche per le vittime dell'uranio impoverito. Gli statali non ricollocati andranno in mobilità per due anni con l'80% dello stipendio (chissà come faranno ad essere ricollocati se per Monti il pubblico è una spesa!) o in pensione con le vecchie regole. I buoni pasto non potranno essere superiori a 7€. Gli statali non potranno più monetizzare le ferie, neanche per la cessazione del rapporto di lavoro. C'è di buono che non vi saranno più incarichi di studio e consulenze per i dipendenti in pensione. Arriva anche la pagella per i dipendenti pubblici. I Cda delle società pubbliche non potranno avere più di 3 membri.





Le province saranno accorpate e si dimezzerà il loro numero sulla base della popolazione e della dimensione territoriale. Le Province si occuperanno di discariche, trasporti e viabilità. I trasferimenti alle Regioni saranno tagliati di 700 milioni di euro per il 2012 e 1 miliardo per il 2013, alle Province di 500 milioni per il 2012 e 1 miliardo per il 2013, per i Comuni di 500 milioni nel 2012 e 2 miliardi nel 2013.





I sindacati saranno solo informati della revisione degli organici. E' previsto un taglio del 10% dei permessi retribuiti e dei trasferimenti ai patronati. I compensi dei Caf per dichiarazione scendono di 1€.





Ci saranno le superprefetture e chiuderanno 30 tribunali, 37 procure e 220 sedi distacca...


Inviato da iPhone

Teoria di Marc Faber


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Teoria di Marc Faber

tassa_sulla_prostituzione.jpg

"Una curiosa teoria economica che è stata annunciata negli Stati Uniti. Il tipo si chiama Marc Faber ed è un'analista di borsa, un uomo d'affari ed imprenditore di successo... Nel giugno 2008, quando l'amministrazione Bush ha studiato un progetto per rilanciare l'economia americana, Marc Faber ha scritto nel suo bollettino mensile un commento con molto umorismo: "Il governo federale sta valutando di dare a ciascuno di noi una somma di 600,00 USD. Miei cari connanzionali americani: Se noi spendiamo quei soldi al Walt-Mart, il denaro va in Cina. Se noi spendiamo i soldi per la benzina, va agli arabi. Se acquistiamo un computer, il denaro va in India. Se acquistiamo frutta, i soldi vanno in Messico, Honduras e Guatemala. Se compriamo una buona macchina, i soldi andranno a finire in Germania o in Giappone. Se compriamo regalini, vanno a Taiwan, e nessun centesimo di questo denaro aiuterà l'economia americana. L'unico modo per mantenere quel denaro negli Stati Uniti è di spenderlo con puttane o birra, visto che sono gli unici due beni che si producono ancora qui. Io sto già facendo la mia parte...".
Risposta di un economista italiano, anche lui di buon umore: "Carissimo Marc, la situazione degli americani diventa realmente sempre peggiore. Inoltre mi dispiace informarLa, che la fabbrica di birra Budweiser recentemente è stata acquistata dalla multinazionale brasiliana AmBev. Pertanto Vi restano solo le puttane. Ora, se queste (le puttane) decidessero di inviare i guadagni ai loro figli, questi soldi arriverebbero direttamente al CONGRESSO DEI DEPUTATI ITALIANI qui a Roma, visto che qui esiste la maggior concentrazione di figli di puttana del mondo... Saluti". Simone S., Roma





Inviato da iPhone

Vendite sulle due sponde dell’Atlantico dopo l’occupazione Usa


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Vendite sulle due sponde dell'Atlantico dopo l'occupazione Usa

Piazza Affari è quella che ha la peggio in Europa, appesantita soprattutto dai bancari. Crolla Finmeccanica, in controtendenza Terna.


Inviato da iPhone

Stufi di pagare in spiaggia? Ecco il manuale dei diritti (e dei dritti)


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Stufi di pagare in spiaggia? Ecco il manuale dei diritti (e dei dritti)

-di Debora Billi per Informare per Resistere- Siete mai stati sulle spiagge di Bahia? No? Neanch'io. Ed è un peccato, perché ce le saremmo godute senza pagare una lira. E come a Bahia, in tutte le spiagge del mondo si entra senza pagare: si noleggiano ombrellone e lettino solo se si desidera. In Italia invece [...]


Inviato da iPhone

Helsinki tira un siluro all’euro e minaccia di andarsene


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Helsinki tira un siluro all'euro e minaccia di andarsene

La Finlandia ha ribadito il suo no all'ipotesi di dover diventare responsabile, seppure in solido con altri, del debito pubblico di altri Paesi del sistema dell'euro.

Il ministro delle Finanze, Jutta Urpilainen, è stato quanto mai chiaro. Il governo di Helsinki preferisce l'ipotesi di uscire dall'euro piuttosto che essere costretto a pagare i debiti dei Paesi cicale dell'area Sud. Tipo la Grecia e la Spagna.

Ma il monito implicito vale pure per l'Italia. Una nuova presa di posizione che si è aggiunta a quella di dire no alla decisione di utilizzare i fondi europei salva Stati per comprare i titoli pubblici dei Paesi attaccati dalla speculazione internazionale....
Filippo Ghira


Inviato da iPhone

Una bassa macelleria sociale


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Una bassa macelleria sociale

Con la cosiddetta "Spending review", il governo Monti ha messo in atto una vera e propria macelleria sociale. Chi ne farà le spese saranno tutti i cittadini ed in particolare i lavoratori della Pubblica Amministrazione.

L'Unione Sindacale di Base Pubblico Impiego non può accettate i primi due decreti già varati e non aspetterà passivamente il prossimo in arrivo. Per Massimo Betti dell`esecutivo nazionale dell'Usb, Monti e l`ammucchiata partitica che lo sostiene vogliono cancellare con un colpo di spugna quel poco che è rimasto di Stato sociale nel nostro Paese.
Andrea Angelini


Inviato da iPhone

Stanno trasformando le nostre coltivazioni, gli animali e persino i nostri bambini in bizzarri mostri genetici - cosa potrebbe andare storto?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Stanno trasformando le nostre coltivazioni, gli animali e persino i nostri bambini in bizzarri mostri genetici - cosa potrebbe andare storto?

Questo è solo un esempio di quello che governi ultraliberisti e lassisti nei confronti dei ricchi, delle corporazioni, dei privati non autorizzati e dell'elite globale in genere, può fare a noi e alla natura. E' proprio vero, i potenti, forse, sono istruiti ma non hanno cultura. Le conseguenze saranno devastanti (I Lupi…)

da The American Dream

Genetic-MonstersLa più grande minaccia ambientale che abbiamo di fronte è la modificazione genetica. In tutto il mondo, gli scienziati stanno trattando il tessuto della vita come se fosse un parco giochi dove tutto è permesso. Dietro porte chiuse, scienziati di tutto il pianeta stanno creando alcuni dei mostri più singolari e più bizzarri che si possano immaginare, e pochissime persone sembrano preoccupate. Ma la verità è che scherzare con i mattoni della vita avrà alcune conseguenze molto gravi.

Gli scienziati affermano che stanno rendendo i nostri raccolti più forti, più produttivi e meno vulnerabili agli insetti. Gli scienziati sostengono di poter alterare i nostri animali in modo che siano più "utili" per noi. Gli scienziati sostengono che la modificazione genetica puo solo  "migliorare" l'umanità. Ma cosa succederebbe se qualcosa andasse storto sul serio? Per esempio, che cosa succederebbe se venissimo a sapere che mangiare cibi geneticamente modificati è molto, molto dannoso per noi?

Ebbene, in questo momento oltre il 70 percento degli alimenti preparati, in commercio negli Stati Uniti, contengono almeno un ingrediente che è stato modificato geneticamente. Sarebbe un po' difficile tornare indietro ora. Ci siamo precipitati e abbiamo creato orde di bizzarri mostri genetici, senza mai prendere in considerazione seriamente le conseguenze. Un giorno, le generazioni future potrebbero guardare indietro e chiedersi come abbiamo potuto essere così incredibilmente stupidi.

Cibo Frankenstein

Ci avevano prom...



Inviato da iPhone

IL RUOLO DELLA NATO NELLA FINTA VITTORIA DI MONTI


Ti è stato inviato tramite Google Reader

IL RUOLO DELLA NATO NELLA FINTA VITTORIA DI MONTI

Il governo Monti sino a dieci giorni fa appariva in agonia, e già i fans del Buffone di Arcore pregustavano l'ora della rivincita. Invece il vertice europeo di Bruxelles, concluso giovedì scorso, ha conferito addirittura un alone eroico al Presidente del Consiglio, che sarebbe riuscito ad avere la meglio sulle obiezioni della cancelliera Merkel sullo "scudo salva-Stati". Sono fioccati i paragoni giornalistici con l'altro Mario, a sua volta trionfatore della partita contro la Germania; ma, ovviamente, ciò avveniva prima della finale contro la Spagna. Purtroppo gli attuali giornalisti sono quasi tutti laureati alla Luiss, perciò nessuno di loro ha potuto ricorrere a qualche reminiscenza classica, magari ricordandosi del console romano Gaio Mario, che nel 101 a.C. sconfisse le tribù germaniche dei Cimbri e dei Teutoni. Del resto neanche Gaio Mario scherzava con le tasse, dato che pare sia stato l'inventore della tassa Una Tantum.

In realtà da più parti si è levato il sospetto che l'esito del vertice di Bruxelles fosse già scontato in partenza, e che i media abbiano psicodrammatizzato delle questioni di dettaglio per dare l'impressione di uno scontro fra Titani, da cui Monti sarebbe uscito vincitore. Il sospetto che si sia trattato di una fiaba mediatica, è confermato da un documento sull'euro presentato al Consiglio Atlantico della NATO del 4 giugno scorso, un mese prima del vertice UE di Bruxelles. Sarà il caso di ricordare, per inciso, che anche Mario Monti era un advisor del Consiglio Atlantico sino a pochi mesi fa, come ci segnala il suo curriculum sul sito dello stesso Consiglio Atlantico.[1]

Il documento sull'euro a cui ci si riferisce, è una relazione del banchiere Josef Ackermann, appena dimessosi da Chief Executive Officer di Deutsche Bank. Forse a causa delle noie giudiziarie che ha in Germania, Ackermann se n'è tornato nella natia Svizzera a dirigere un'altra multinazionale, il Gruppo Assicurativo Zurigo, uno dei maggiori del mondo. Inoltre Ackermann è tuttora in forza al Consiglio Atlantico, perciò ha ancora tutte le carte in rego...


Inviato da iPhone

Tanto rigore per nulla? 5 economisti ed 1 sindacalista ne parlano …


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Tanto rigore per nulla? 5 economisti ed 1 sindacalista ne parlano …

A ClassTv Msnbc la scorsa settimana abbiamo parlato di crisi con colleghi e rappresentanti dei lavoratori. Varie visioni disponibili del modo di affrontare la crisi. Spero sia utile. Se vuoi vedere qui il video della trasmissione, clicca qui. Related Posts:Parole … Continue reading


Inviato da iPhone

CHI E' IL CREDITORE DEL FAMOSO DEBITO PUBBLICO?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

CHI E' IL CREDITORE DEL FAMOSO DEBITO PUBBLICO?


Art.4810
La missione di S.AU.S.TV è di diffondere al grande pubblico la scoperta del VALORE INDOTTO della MONETA teorizzata e formalizzata dall'emerito Professore Giacinto Auriti nei propri scritti e nell'esperimento del SIMEC.
VIDEO: http://www.liberamenteservo.it/modules.php?name=News&file=article&sid=4810














Inviato da iPhone

Grecia: ue, no aiuti se non risanamento


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Grecia: ue, no aiuti se non risanamento

Piano deve essere messo sul giusto binario


Inviato da iPhone

Mps: Profumo, piano B? Se va peggio di cosi salta euro


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Mps: Profumo, piano B? Se va peggio di cosi salta euro



(Pubblicato il Fri, 06 Jul 2012 16:02:00 GMT)


Inviato da iPhone

L'economia peggiora in tutto il mondo. Non sarà che tutto il mondo sta sbagliando tutto?



Inviato da iPhone

Cominciano a calarsi le brache anche sui tagli?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Cominciano a calarsi le brache anche sui tagli?

Mentre la Bce taglia di un altro 0,25% i tassi (al minimo storico di 0,75%) - insomma, Draghi sta...


Inviato da iPhone

CENE ESTIVE con i Bloggers di Economia&Finanza: I PROSSIMI APPUNTAMENTI


Ti è stato inviato tramite Google Reader

CENE ESTIVE con i Bloggers di Economia&Finanza: I PROSSIMI APPUNTAMENTI

Ieri sera gran bella Cena a Camogli

presso il Ristorante "Mille ed una Notte"

(ottimi la qualità, il servizio e la location)

Insieme ai bloggers

IL GRANDE BLUFF
MERCATO LIBERO
MERCATO LIBERO NEWS
USEMLAB
RISCHIO CALCOLATO
COBRAF - ZIBORDI

c'erano 40 amici in una bella e stimolante atmosfera.

Tra una focaccia di Recco, un bicchiere di vino bianco ed un pescato fresco...si parlava di economia, finanza, Crisi, iniziative concrete etc

riuscendo perfino a non rovinarsi l'appetito...;-)

Grazie a tutti!



NON PERDERE I PROSSIMI APPUNTAMENTI:

"L'ITALIA SAREBBE IL PAESE PIU' BELLO DEL...



[ clicca sul titolo per continuare a leggere ]


Inviato da iPhone

Euro si, euro no, euro come – Ce lo chiede l’Europa. Due interventi di Alberto Bagnai


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Euro si, euro no, euro come – Ce lo chiede l'Europa. Due interventi di Alberto Bagnai


Claudio Messora intervista Alberto Bagnai (Byoblu)



L'intervento di Alberto Bagnai all'incontro di Cesena "Euro si, euro no, euro come", organizzato dal "Comitato di difesa sociale".


Segnalaci su:
Aggiungi 'Euro si, euro no, euro come – Ce lo chiede l'Europa. Due interventi di Alberto Bagnai' a Del.icio.usAggiungi 'Euro si, euro no, euro come – Ce lo chiede l'Europa. Due interventi di Alberto Bagnai' a TechnoratiAggiungi 'Euro si, euro no, euro come – Ce lo chiede l'Europa. Due interventi di Alberto Bagnai' a Yahoo My Web


Inviato da iPhone

Contro Beppe Grillo la casta pensa ad una nuova legge elettorale


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Contro Beppe Grillo la casta pensa ad una nuova legge elettorale

di DANIELE V. COMERO


Due mesi esatti sono passati dalla mezza rivoluzione che è avvenuta alle elezioni comunali del 7 maggio scorso, dopo che la prima parte del sommovimento si era già realizzata l'anno scorso, nel maggio 2011, con la simbolica caduta di Milano nelle incredule mani di Pisapia. A Milano, i milanesi hanno subito sperimentato le conseguenze, sia i votanti arancioni che quelli verde-azzurri, chiamati a mettere le mani in tasca con un giro di aumenti delle tariffe e delle tasse comunali senza precedenti. Anche in questi giorni si profila qualcosa di simile, si parla di spending review, un termine inglese che probabilmente maschera un qualche marchingegno per far pagare ancora a noi il conto del ristorante frequentato dalla casta.  Ma su di loro quali effetti ci sono stati? Non sono ancora del tutto evidenti, si sa che i partiti, come sono stati strutturati fino al 2010, non sono più proponibili, i consensi sono in caduta libera, per cui questa casta politica è probabilmente all'ultimo giro.


Da un punto di vista politologico gli elementi da segnalare sono due: il tracollo del centro destra, PDL e Lega, e l'affermazione sulla scena del Movimento Cinque Stelle – M5S.


Il fatto che l'M5S sia esploso soprattutto al centro-nord, a scapito della sinistra e nutrendosi dello sfarinamento dell'elettorato leghista, lascia pensare che sia in corso un cambiamento epocale. L'esplosione del fenomeno Grillo, dopo anni di posizioni di nicchia, è stato repentino, in contemporanea dello scandalo che ha coinvolto la gestione Bossi della Lega, traendone certamente dei grossi benefici in termini di flussi di voto. Questo è il punto principale segnalato da molte indagini elettorali: la disponibilità alla transumanza, la possibilità dell'esodo di milioni di voti.


E' vero che la Lega Nord è corsa subito ai ripari con un congresso che si è svolto settimana scorsa, che ha messo in sella un nuovo leader, Bobo Maroni affiancato da un gruppo dirigente rinnovato, autodefinitosi "barbari sognanti" (sognano ardentemente di riprendersi i voti persi). Come si possa pensare di fermare la possibile transumanza di milioni di voti, che potrebbero lasciare l'ovile leghista alle politiche del prossimo anno, organizzando un congresso federale o confederale, con risultato preannunciato, senza un rinnovamento serio dopo quello che è accaduto in via Bellerio, è un mistero.


Così i voti viaggiano verso Grillo, tanto in Lombardia che in Veneto, dove è virtualmente il primo partito, trasformando radicalmente la sua vocazione iniziale: da quella or...



Inviato da iPhone

È ora che l’Italia prenda iniziative per le banche e non aspetti l’Europa

In Europa si sta combattendo una “guerra” finanziaria sul campo dei debiti pubblici. In prima linea, in trincea, però, ci sono le banche, che sono le maggiori detentrici proprio di quei titoli di Stato spesso a rischio insolvenza. Proprio gli istituti di credito continentali sono

La situazione dell’indice Dax


Torniamo ad analizzare, dopo parecchie settimane, l'indice azionario della più forte economia d'Europa, quella tedesca. Il paniere dei trenta titoli più rappresentativi della Germania ha cominciato ad apprezzarsi dall'inizio di giugno

Immigrazione, permesso di soggiorno a chi denuncia lo sfruttatore


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Immigrazione, permesso di soggiorno a chi denuncia lo sfruttatore

Il Consiglio dei ministri di oggi ha approvato in via definitiva, su proposta del ministro per gli Affari europei Enzo Moavero Milanesi e del ministro del Lavoro Elsa Fornero, il decreto legislativo che recepisce la normativa comunitaria in materia di sanzioni e provvedimenti nei confronti dei datori di lavoro che impiegano cittadini di Paesi terzi il cui soggiorno è irregolare.

Un testo fortemente voluto dal ministro per la cooperazione Riccardi che prevede il diritto al rilascio del permesso di soggiorno all'immigrato che denuncia il suo sfruttatore. La legge include anche una norma transitoria che consente ai datori di lavoro "irregolari" di stipulare contratti di lavoro.



Inviato da iPhone

G8 Diaz: "Decapitati i vertici della polizia italiana". Si, ma chi li ha messi lì?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

G8 Diaz: "Decapitati i vertici della polizia italiana". Si, ma chi li ha messi lì?

La storia della repubblica Italiana è sempre stata purtroppo contrassegnata da depistaggi, insabbiamenti, stragi impunite e pagine nere rimosse. Ieri la Cassazione ha coraggiosamente provveduto ad aprire uno squarcio di verità rispetto ai fatti del g8 e in particolare ai pestaggi dentro la scuola Diaz, dove dormivano alcune decine di manifestanti inermi, scambiati "casualmente" per pericolosi black-bloc.

Le condanne penali non valgono nulla, cancellate una parte dall'indulto e un'altra dalla prescrizione, i responsabili della mattanza della Diaz non trascorreranno nemmeno un giorno in carcere.

Ma è la pena accessoria dell'interdizione dai pubblici uffici per 5 anni che comunque rappresenta un segnale importante: questi pregiudicati - da ieri a tutti gli effetti pregiudicati - non possono più sedere e sovrintendere i vertici della polizia, delle forze dell'ordine e dei servizi segreti italiani.

In qualsiasi altro paese civile, penso a casi analoghi di procedimenti penali nei confronti delle alte sfere dei servizi di sicurezza nazionale, la rimozione e la sospensione cautelativa...



[[Se vuoi continuare a leggere clicca sul titolo del post]].


Inviato da iPhone

Cina, c’è aria di crisi


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Cina, c'è aria di crisi

La banca centrale abbassa i tassi d'interesse, mentre anche il Fmi parla di mercati emergenti in difficoltà


Inviato da iPhone

Imperdibile.


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Imperdibile.



Da Libero di oggi:   di Non leggere questo blog [Clicca per ingrandire - Fonte: Libero di oggi] http://nonleggerlo.blogspot.it/2012/07/imperdibile.html


Inviato da iPhone

Ma l'Euro-summit non era stata una mega vittoria di Monti e dell'Italia? (reloaded)


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Ma l'Euro-summit non era stata una mega vittoria di Monti e dell'Italia? (reloaded)

Ma Mario Balotelli...

opsss scusate....Mario Monti...

non aveva fatto il culo alla Germania nel mitico Euro-summit da 337 parole in bozza?....(scudo anti-spread incluso nel prezzo)



O forse i mass-media italiani di ordinanza hanno un po' esagerato...

e, come sempre, con l'Informazione nel senso "alto" della parola hanno ben poco a che spartire?....;-)



vedi il mio post: Ma l'Euro-summit non era stata una mega vittoria di Monti e dell'Italia?



Btp, spread su Bund 10 anni a 470 pb, livello pre-vertice Ue





Apertura
di contrattazioni in calo e spread contro Germania in aumento per i...



[ clicca sul titolo per continuare a leggere ]


Inviato da iPhone

INFLAZIONE E MONETA: GORINI INTERVISTA CARBONE (2)


Ti è stato inviato tramite Google Reader

INFLAZIONE E MONETA: GORINI INTERVISTA CARBONE (2)

DI REDAZIONE


Roberto Gorini e Francesco Carbone parlano di inflazione, potere d'acquisto dei salari, prezzi e svalutazione competitiva delle monete.




Inviato da iPad

L’oro rientrerà nel sistema monetario?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

L'oro rientrerà nel sistema monetario?


All'inizio del 2011, la London Bullion Market Association ha cominciato a fare pressioni affinché l'oro fosse riconosciuto dalla Commissione di Basilea sulla Vigilanza Bancaria come l'asset liquido di migliore qualità. E' stato un approccio pianificato che ha coinvolto tutta la comunità finanziaria, con il Parlamento Europeo che ha votato all'unanimità per raccomandare che le controparti centrali (essenzialmente intermediari regolamentati per la stabilità dei mercati dei titoli) accettassero l'oro come garanzia ai sensi del Regolamento Europeo sull'Infrastruttura di Mercato (REIM). Le pressioni della LBMA hanno certamente contribuito a questo risultato favorevole. Una crescente accettazione dell'oro come garanzia nei mercati regolamentati sta costringendo il Comitato di Basilea a riconsiderare la posizione dell'oro come asset bancario, che attualmente ha uno scarto di garanzia del 50%. Ora è una certezza che tale scarto sarà rivisto a zero, lo stesso status del denaro contante.


Questo è uno sviluppo importante per il mercato dell'oro fisico e le prime avvisaglie di un cambiamento sono state segnalate da un documento di consultazione emesso dalla FED e dai regolatori bancari alla luce delle prossime norme di Basilea 3. [1] Deve essere rimasto sullo stomaco della FED aver visto circolare una proposta secondo cui



Una società bancaria di depositi o di risparmio ed una società di credito possono assegnare un rischio ponderato pari a zero al contante circolante e tenuto in tutti gli uffici delle istituzioni di deposito controllate o in transito; invece per i lingotti d'oro tenuti nei caveau di un ente depositario controllato, o tenuti nei caveau di un qualsiasi altro istituto depositario su una base assegnata, possono farlo nella misura in cui gli asset dei lingotti d'oro sono compensati dalle passività dei lingotti d'oro. [2]



Ci possono essere pochi dubbi, se la storia è una guida, che il Tesoro Americano e la FED preferirebbero non dare all'oro uno status che rivaleggia col dollaro, ma non possono comandare a bacchetta la Commissione di Basilea. Fin da quando il Presidente Nixon sganciò il dollaro dal gold standard, il mantra ufficiale è stato quello che l'oro non ha più alcun ruolo monetario. Assistere ad un dietrofront ed inserirlo nello stesso rango dei dollari contanti è quindi estremamente significativo. Inoltre, vi è una logica indiscutibile nel non penalizzare le banche che desiderano diversificare i propri bilanci e garanzie dal denaro fiat, alcuni dei quali stanno diventando sempre più rischiosi in questi tempi di stress sistemico.


<...


Inviato da iPad

4 giorni di sesso gratis in albergo: cameriera sviene


Ti è stato inviato tramite Google Reader

4 giorni di sesso gratis in albergo: cameriera sviene

di REDAZIONE



Scambio di coppie, raduno internazionale appena concluso in un noto hotel di Noventa di Piave. Dopo il primo esperimento dello scorso anno, la struttura ha fatto il bis e aumentato i numeri: 100 camere prenotate dagli appassionati di scambio di coppie e sesso libero. Scene da capogiro, tanto che una cameriera addetta a servire ai tavoli è svenuta nel vedere certe prestazioni da urlo. Le coppie, in tutto un centinaio, hanno consumato orge e rapporti sessuali anche nei momenti conviviali, in aggiunta poi a quanto accaduto nelle camere chiuse o aperte agli esibizionisti. Tutta la struttura ricettiva di Noventa era stata comunque prenotata dagli organizzatori. A Noventa, pochi erano a conoscenza dell'evento appena concluso e durato quattro giorni. Una full immersion nel sesso più sfrenato, reclutando gli appassionati e adepti in tutta Europa, per lo più attraverso la rete, i blog e socialnetwork specializzati, infine il tradizionale passaparola tra affezionati di questa pratica sempre più diffusa.


Un club privè non bastava e così è stato deciso di puntare su un albergo bello e capiente. Gli albergatori di Noventa, classe piuttosto compatta visto che ha superato nel numero addirittura la vicina San Donà, si interrogano sull'opportunità che un collega apra le porte della struttura a simili eventi. Noventa sta diventando un crocevia turistico di tutto rispetto, tanto che si ventila una prossima tassa di soggiorno, visto che gli arrivi sono al pari di una località turistica come Eraclea Mare.


Dal Consiglio provinciale, Andrea Tomei, che già si era scagliato una prima volta contro l'organizzazione di simili feste private, conferma la sua posizione. «Sono perplesso», dice, «quale amministratore del territorio che ha una vocazione turistica di un certo tipo, davanti a simili situazione che quanto meno colpiscono la pubblica opinione, io credo negativamente nella maggior parte dei casi. A questo punto sentiremo cosa ne pensano gli operatori turistici della zona di Noventa in merito, per capire come comportarci di fronte a tutto questo. E poi ci piacerebbe sapere cosa ne pensi anche l'amministrazione comunale e la comunità cittadina, perché non stiamo certo parlando di un club filatelico e di giocatori di bridge, ma di persone, seppure consenzienti, che fanno sesso esplicito senza freni o minime inibizioni».


Intanto un dvd hard con protagoniste coppie di San Donà e Jesolo gira già nelle edicole della...



Inviato da iPad

Indovinate chi era il consulente tributario di Passera e Banca Intesa?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Indovinate chi era il consulente tributario di Passera e Banca Intesa?

di Linkiesta La vicenda, seppur trattata con grande discrezione dai media, ormai è nota. Corrado Passera, ministro dello sviluppo economico, è indagato per una complicata operazione finanziaria – volta – secondo gli inquirenti a far ottenere un vantaggio fiscale illegittimo. Lo scoop fatto da La Stampa di Torino è stato poi approfondito dalFatto Quotidiano. Chi ha visto le [...]


Inviato da iPad

Gli economisti tedeschi contro la Merkel: “troppi regali all’Italia”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Gli economisti tedeschi contro la Merkel: "troppi regali all'Italia"




Giovanni Del Re







Centosettanta economisti tedeschi, ispirati da Hans-Werner Sinn, direttore dell'istituto di ricerca Ifo, hanno scritto una lettera aperta, pubblicata oggi sulla Frankfurter Allgemeine Zeitung, indirizzata ad Angela Merkel. Oggetto delle critiche l'unione bancaria e gli aiuti diretti del fondo salva-Stati agli istituti in difficoltà. Un altro macigno sulle spalle del Cancelliere, ma non tutti gli accademici sono d'accordo. 





leggi tutto



Inviato da iPad

Gli Usa dispongono di armi a fulmine guidato


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Gli Usa dispongono di armi a fulmine guidato

Cannone laserScienziati e ingegneri del Picatinny Arsenal* sono impegnati nella creazione di un congegno che per distruggere il proprio bersaglio farà abbattere su di esso fulmini stimolati da  raggi laser. Soldati e appassionati di fantascienza, questo fa per voi.


"Non ci stanchiamo mai dei fulmini che disintegrano i nostri obiettivi simulati," ha detto George Fischer, lo scienziato responsabile del progetto.


Un Canale al Plasma Indotto da Laser (LIPC) è ideato per eliminare obiettivi che conducono l'elettricità meglio dell'aria o del terreno che li circondano. Come hanno fatto gli scienziati ad imbrigliare il percorso apparentemente casuale dei fulmini e a cosa serve il laser? Per comprendere la tecnologia è utile qualche fondamento di fisica.


leggi tutto



Inviato da iPad

TASSI D'INTERESSE E SPECULAZIONE


Ti è stato inviato tramite Google Reader

TASSI D'INTERESSE E SPECULAZIONE








I tassi d'interesse giocano un ruolo veramente fondamentale nell'economia, e non sono solo numeri arbitrari. Svolgono una funzione di coordinazione: quando risparmiamo, e i tassi d'interesse conseguentemente calano, ecco il momento in cui ha senso per le imprese produrre beni e investire in progetti che daranno frutti nel futuro.


Creare più moneta, iniettarla nel sistema bancario e abbassare i tassi d'interesse, questa non è una soluzione alla depressione, questa è la causa della depressione.





Il controllo dei prezzi è notoriamente causa di distorsioni nella struttura economica e quindi deleterio per l'economia. Gestire centralmente il tasso d'interesse significa controllare il prezzo del denaro, il prezzo più importante del sistema economico.





Se non ci sono investimenti nel mercato un motivo ci sarà. Non è un caso che le banche non facciano più prestiti alle imprese. Abbassare il tasso d'interesse significa forzare e incentivare gli investimenti. Questo processo non è sano. E infatti le conseguenze, di lungo termine, sono molto peggiori dei benefici di breve.






Marc Faber, in una recente intervista radiofonica, ha cercato di spiegare perché la manipolazione del tasso d'interesse da parte delle autorità monetarie, e in particolare suo abbassamento, creino speculazione. 





Come spesso accade, le misure adottate dalla politica per risolvere un problema portano al risultato di un peggioramento del problema stesso.


































"Fondamentalmente abbiamo interventi nel libero mercato senza precedenti. Misure fiscali, deficit pubblici, interventi regolatori e politica monetaria interventista con tassi d'interesse artificialmente bassi che hanno creato una condizione di tassi reali negativi. Ogni cittadino del mondo deve realizzare che se deposita denaro in banca, dopo un anno quel denaro ha perso potere d'acquisto, perché il costo della vita è aumentato, e il ritorno su ogni deposito di fatto è 0% dopo aver pagato le spese alla banca e tutti gli altri balzelli."





"In questa situazione, forzi le persone a speculare. Loro speculano e ciò crea enorme volatilità".





"Non sappiamo come sarà il mondo tr...


Inviato da iPad

La Finlandia Pronuncia la Parola Magica… Meglio Uscire dall’Eurozona che Pagare i Vostri Debiti


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La Finlandia Pronuncia la Parola Magica… Meglio Uscire dall'Eurozona che Pagare i Vostri Debiti

 La Finlandia Pronuncia la Parola Magica... Meglio Uscire dallEurozona  che Pagare i Vostri Debiti


dal Borsa Italiana:



Finlandia: "meglio uscire da Eurozona che pagare debiti degli altri"


(Il Sole 24 Ore Radiocor) – Milano, 06 lug – La Finlandia preferisce uscire dalla zona euro, piuttosto che pagare i debiti degli altri paesi europei. E' quanto ha dichiarato il ministro delle Finanze finlandese, Jutta Urpilainen al quotidiano Kauppalehti. "La Finlandia si impegna a essere un membro della zona euro e stimiamo che l'euro sia benefico per la Finlandia. Tuttavia la Finlandia non aderira' all'euro a qualsiasi prezzo e siamo pronti a tutti gli scenari, compreso quello di abbandonare la moneta unica europea", ha dichiarato il ministro delle finanze, aggiungendo: "la responsabilita' collettiva per i debiti e i rischi degli altri paesi non sono cose a cui dobbiamo prepararci". "Siamo costruttivi e vogliamo risolvere la crisi, ma non a ogni tipo di condizione", ha ribadito Urpilainen.



Il 9 Luglio si avvicina e i paesi chiamati a garantire il nostro debitone…. come dire… hanno qualcosa da ridire. A prlare di uscita dall'euro NON è un blogger scalmanato qualunque ma il ministro delle finanze finlandese.


Dunque i finnici mettono sul piatto la pistola, e (a parole) sono ufficialmente pronti ad abbandonare l'Euro. Probabile anzi quasi certo che queste siano parole per disinnescare preventivamente ogni giochetto "mediterraneo" che ripeta la sconfitta patita la settimana scorsa al consiglio europeo.


Resta il fatto che l'ipotesi di uscita dall'euro sia stata ufficialmente sdoganata.


 Una previsione: lo scudo anti-spread in qualche modo si farà, ma il prezzo che ci verrà imposto sarà salatissimo.





Inviato da iPad

Sulla carta i tagli ci sono, ma ora viene il bello: applicarli


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Sulla carta i tagli ci sono, ma ora viene il bello: applicarli


Via libera al decreto taglia-costi. Nella notte il consiglio dei ministri ha approvato la spending-review, e in una surreale conferenza stampa nottura Monti e alcuni ministri ne hanno spiegato i punti principali. Qui sotto la scheda (da Repubblica), e più in fondo le prime reazioni. I tagli ci sono, a differenza di quanto si poteva immaginare solo ieri sera. Ma ora viene il bello: resistere alle pressioni e applicarli. Sarà dura.


 


I NUMERI DEL DECRETO


Il provvedimento garantirà risparmi da 4,5 miliardi nel 2012, da 10,5 nel 2013 e da 11 nel 2014. Da qui stanziati due miliardi (uno nel 2013 e uno nel 2014) per la ricostruzione del terremoto in Emilia, Lombardia e Veneto. Confermati anche i fondi per salvaguardare altri 55.000 lavoratori 'esodati'. L'importo complessivo è di 1,2 miliardi a partire dal 2014.


Ma gran parte dei fondi servirà ad evitare l'aumento dell'Iva. Il dl ottiene la sospensione sino al 30 giugno 2013 dell'incremento dell'Iva e riduzione dell'incremento dell'Iva a decorrere dall'anno 2014. Il provvedimento prevede l'eliminazione dell'ulteriore incremento di 0,5 punti dal 2014.  "L'obiettivo – ha detto il viceministro Grilli è di riuscire a far sparire l'aumento dell'Iva e quindi di riuscire a trovare nelle prossime misure altri 6 miliardi".


COSA NON C'E'


Escluso il taglio dei piccoli ospedali, che tante polemiche aveva scatenato. La norma che prevedeva il taglio automatico delle strutture con meno di 80 posti letto (o addirittura con meno di 120, come circolato in una prima bozza) era presente nella bozza del provvedimento, ma il ministro della Salute Renato Balduzzi, si era impegnato a non farla passare. "Ma serve – ha detto il ministro – una riorganizzazione della rete ospedaliera".


Mancano, dal dl approvato, anche le norme sui tribunali, per cui è stato deciso un mini rinvio, fino a oggi. Al centro di queste altre misure, i 295 uffici giudiziari destinati alla soppressione o all'accorpamento: 37 tribunali, 38 procure e 220 sezioni distaccate.


TAGLI ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE


-20% dirigenti, -10% altro personale e uffici più piccoli. Nella Pubblica amministrazione è previsto un taglio degli uffici dirigenziali di almeno il 20% e delle risorse destinate al personale non dirigenziali di almeno il 10%. Inoltre è prevista una riduzione dello spazio previsto per ogni impiegato: tra i 12 e i 20 metri quadrati a persona nei palazzi di nuova costruzione e tra i 20 e i 25 negli altri. Prevista anche l...



Inviato da iPhone

Giochi di potere. Mercati manipolati da HFT che arricchiscono le grandi banche


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Giochi di potere. Mercati manipolati da HFT che arricchiscono le grandi banche

Mercati volatili all'ennesima potenza? Assolutamente si. E tutti vi sarete chiesti come mai e come è possibile ritrovarsi in listini anche importanti, con volatilità inimmaginabile fino a qualche anno fa, con un'escursione anche di 3-4 punti percentuali nell'arco di una giornata.
Beh, c'è poco da fare. L'intelligenza artificiale sta dominando il mercato in tutti i modi. Non ingegnatevi più di tanto. Non chiedetevi troppo il perché e il per come. Quando ci si confronta  con macchine senza sentimenti ed emozioni, il gioco si fa freddo e calcolatore, a volte assurdo e assolutamente maniacale.


Gli stessi grandi operatori, gestori magari di fondi total return (e io ne ho uno proprio sotto gli occhi in questi giorni…) utilizzano solo più derivati per poter aumentare e diminuire a tempi di record l'esposizione sull'Azionario.
E noi che magari pensiamo che l'operatore Pinco Pallo si metta ancora a comprare direttamente Generali con metodologia "curando"….
Quelli si che erano bei tempi. Quella si che era borsa.
Oggi è tutto molto diverso.



HFT: i parassiti dell'High Frequency Trading


Per vostra conoscenza, tengo informarvi sulle ultime news in ambito HTF, ovvero gli High Frequency Trading.


A) HTF costituiscono oggi il 50-70% del volume scambiato sui mercati odierni.
B) Ci sono un pugno di operatori che rappresentano il 2% del totale che DA SOLI muovono l'80% del volume totale. Se non è monopolio questo…
C) Un singolo HFT di grandi dimensioni può da solo influenzare un mercato con incrementi di volumi di +/-10%
D) I sistemi di HFT di grandi dimensioni rendono a casa madre cifre astronomiche, tra gli $ 8 ed i $ 21 miliardi di dollari all'anno. Fatevi due banali conti e poi capirete perché continuano a NON essere illegali.


Vi voglio ricordare che gli operatori HFT si intrufolano sul mercato con transazioni che avvengono in millisecondi (un battito di ciglia tanto per capirci). Con questa metodologia gli HFT manipolano il mercato e guadagnano camionate di denaro, ovviamente sulle spalle di qualcuno... Quindi ditemi voi chi può ancora credere nella correttezza, nell'efficienza e nella trasparenza dei mercati.


Ma fatemi il favore, ve lo dico da tempo. I mercati ormai sono una BISCA!


E come tutti i sistemi estremizzati, un...



Inviato da iPhone

Picco del petrolio: uno sbaglio? Non ci giurerei troppo


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Picco del petrolio: uno sbaglio? Non ci giurerei troppo

acquafracking.jpg

Avevo già visto l'articolo di George Monbiot qualche giorno fa sul Guardian, oggi lo si trova tradotto su CDC.

In sintesi, Monbiot prende per buono il nuovo slogan in voga: il fracking risolverà tutti i nostri problemi petroliferi, tornate a casa tranquilli. Ne avevamo ovviamente già parlato, dei livelli di propaganda a cui si è arrivati anche nel nostro Paese pur di vendere il fracking di proprietà Halliburton.

Come sempre accade col petrolio, i dati vanno letti per quelli che sono. Ad esempio: riporta Monbiot che il Nord Dakota è la nuova Arabia Saudita, è pieno di petrolio (che però, ahem, non si può estrarre), e che ha una produzione di 550.000 barili al giorno. Fantastico! Circa quattro volte la produzione totale... italiana.

Oppure, si parla di un aumento di 20 milioni di barili al giorno aggiuntivi, nei prossimi dieci anni. Ebbene: anche questa sembra una cifra elevata, eppure è assolutamente insufficiente a coprire la depletion attuale. Quando leggete di migliaia e milioni di barili, scolpitevi nella mente questo dato fondamentale:

IL MONDO CONSUMA UN MILIARDO DI BARILI OGNI 12 GIORNI.

Continua a leggere Picco del petrolio: uno sbaglio? Non ci giurerei troppo...

Commenta »



Inviato da iPhone

Le famiglie hanno sempre meno soldi


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Le famiglie hanno sempre meno soldi

Istat: reddito disponibile in termini reali giù dell'1% su base congiunturale, del 2% su base annua


Inviato da iPhone

INDIA - India, presto medicine gratis per tutta la popolazione


Ti è stato inviato tramite Google Reader

INDIA - India, presto medicine gratis per tutta la popolazione

Il governo ha annunciato un progetto da 5,4 miliardi di dollari. Il piano riguarda solo i farmaci generici. I medici che prescriveranno medicinali di marca rischiano di incorrere in multe. Critiche grandi case farmaceutiche: così affossano il mercato.


Inviato da iPhone

“I movimenti sono il futuro del mondo, Obama una delusione”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

"I movimenti sono il futuro del mondo, Obama una delusione"




Ampia intervista a Michael Walzer, pubblicata oggi da La Repubblica. Il grande filosofo rappresentante della sinistra americana si confronta col suo paese e del mondo.





leggi tutto



Inviato da iPhone

FT, Draghi sta esaurendo munizioni

FT, Draghi sta esaurendo munizioni: Se non ci sarà ripresa, presto altre misure

Scappo dalla banca

usurocraziaSarà che la crisi dei debiti sovrani le ha messe in difficoltà, sarà che dopo gli spot del Governo sull’uso del contante gli italiani hanno iniziato ad usate le carte di credito per non fare la figura dei disonesti, ma per la verità  è sempre più difficile trovare andare in banca e trovarci un ladro.

Crisi: Lagarde, economia sta peggiorando anche su mercati emergenti

Crisi: Lagarde, economia sta peggiorando anche su mercati emergenti:

(Pubblicato il Fri, 06 Jul 2012 08:38:00 GMT)

Crisi, Roubini: La zona euro rischia di crollare

Crisi, Roubini: La zona euro rischia di crollare: Nouriel Roubini ha avvertito, in un'intervista concessa al quotidiano finanziario tedesco "Handelsblatt", che la zona euro rischia di crollare. L'economista da' alla moneta unica ancora 3-6 mesi di tempo...



Torino, un Comune fallito salvato dall’Imu

Torino, un Comune fallito salvato dall’Imu:




Il Comune di Torino ha approvato il bilancio previsionale 2012. I numeri sono preoccupanti: il debito sale a 4,5 miliardi di euro, i tagli alla spesa pubblica sono esigui, si fa troppo affidamento sulle dismissioni immobiliari e la cassa è vuota. Come se non bastasse, ci sono 300 milioni di anticipo tesoreria approvati sulla base del bilancio 2010, già finito sotto osservazione da parte della Corte dei Conti.  





leggi tutto

In Grecia c’è chi non usa più l’Euro

In Grecia c’è chi non usa più l’Euro:

temdi Mark Lowen - BBC News


Questo articolo è perfetto per spiegare con semplicità un importante concetto: si può evitare l’uso dell’euro ed il ricatto del debito che esso genera senza aspettare che siano le istituzioni a organizzare la cosa, perché spontaneamente esse non lo faranno mai.


Ma la gente comune, che per vivere ha la necessità di scambiare beni e servizi materiali, può organizzarsi creando delle valute parallele con le quali strutturare una forma moderna e telematica di baratto.


E tutto pare funzionare alla perfezione.

Reazioni tiepide agli stimoli, in calo l'euro e le azioni Asia

Reazioni tiepide agli stimoli, in calo l'euro e le azioni Asia: Chiudono in calo le azioni di Giappone, Cina e Hong Kong venerdì in scia alla debolezza contenuta di Wall Street. L'indice Nikkei perde 57 punti, [...]


CIPRO: IL PRESIDENTE DI TURNO DELLA UNIONE EUROPEA MINACCIA DI CHIEDERE PRESTITI A BUON MERCATO ALLA RUSSIA. di Antonio de Martini

CIPRO: IL PRESIDENTE DI TURNO DELLA UNIONE EUROPEA MINACCIA DI CHIEDERE PRESTITI A BUON MERCATO ALLA RUSSIA. di Antonio de Martini:

L.’ultimo paese d’Europa ad essere diviso da un muro sorvegliato da truppe, ormai da una settimana è il presidente dalla Unione Europea e questo è già emblematico.


Diventa paradossale se questo stesso paese, chiede un prestito alla Russia spiegando che le condizioni – definite dal vertice di Bruxelles che ha visto ” trionfare ” Mario Monti – dei prestiti della UE potrebbero essere più dure.

“Abbiamo chiesto il prestito contemporaneamente alla UE e alla Russia e le condizioni russe potrebbero essere più interessanti.”

Il Presidente Christofias , ex comunista, ospita oltre quarantamila russi e poco più numerosi inglesi che hanno trasformato l’ex base militare cardine della NATO nel Levante, in un centro finanziario privilegiato per l’Oriente slavo.

Su una cosa Christofias ha certamente ragione , in contraddizione con se stesso , dice che una cosa è il libero mercato e un’altra è un mercato senza regole.

Cipro ha chiesto dieci miliardi di euro al fondo salva stati e si trova a due ore di aliscafo dalla Siria

Nelle sue acque è stato trovato – da una joint venture israelo-americana – il giacimento Leviathan , unico che possa competere in dimensioni con il giacimento siberiano di Gazprom.

Il paese è uno dei centri di elusione fiscale del Mediterraneo assieme a Gibilterra e Monaco.

Per i prossimi sei mesi gestirà l’Agenda dell’Unione Europea nel momento più delicato della sua esistenza.

E poi , i vari Merkel, Monti & Partners vogliono che li prendiamo sul serio .



L'euro il grande sconfitto, la mossa delle banche centrali (FT)

L'euro il grande sconfitto, la mossa delle banche centrali (FT): La rassegna stampa delle notizie finanziarie nei principali quotidiani in edicola e on line. Milano Finanza: La Germania torna a dire nein. Per il [...]