23/07/12

LA TEMPESTA E' GIA' QUI

Grazie all'anonimo per la segnalazione del link non funzionante!!!
Zio

Ti è stato inviato tramite Google Reader

LA TEMPESTA E' GIA' QUI


Il debito italiano (clicca per ingrandire)

Euro: la sentenza è stata emessa si attende l'esecuzione

godetevi le vacanze, 
che ad agosto potrebbe essere troppo tardi

di Moreno Pasquinelli


Ho iniziato a scrivere quest'articolo subito dopo il crollo degli scambi borsistici di venerdì 20 luglio, che com'è noto si muovono in maniera inversa agli interessi sui titoli di Stato, anzitutto ..."

La sapete l’ultima Barzelletta? Il Governo preparerebbe un Prelievo forzoso sui Conti correnti.


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La sapete l'ultima Barzelletta? Il Governo preparerebbe un Prelievo forzoso sui Conti correnti.

Giuseppe Sandro Mela.


 


Risate  10  cavallo che ride La sapete lultima Barzelletta? Il Governo preparerebbe un Prelievo forzoso sui Conti correnti.

Cavallo Austriaco che ride.


 


                 Il ritorno dalle ferie é sempre traumatico. La scrivania zeppa di pile di posta, le e-mail da leggere ed alle quali rispondere, l'immarcescibile bolletta dell'Enel, la segreteria telefonica piena di messaggi privi del numero telefonico cui richiamare. Ma soprattutto il ritorno in Italia, con l'immancabile auto parcheggiata giusto davanti alla serranda della rimessa. I colleghi che presi da scrupoli di coscienza vorrebbero finire tutto quello che non hanno fatto durante un anno nella settimana prima di partire a loro volta.


                Ah, Amici miei! Come era bella la mia cara, vecchia Austria! Alles in Ordnung.


                E l'Italia? Auf diese Weise wird Europa unseren Bürgern viel näher gebracht, also ist doch alles in Ordnung, oder? Che più o meno significa «Così l'Europa sarà più vicina ai cittadini, non siete contenti?»


                No, la barzelletta non é questa.


                Ho la grande fortuna di avere molti buoni amici, che mi domando come facciano a sopportarmi, me con tutti i miei difetti.



Inviato da iPhone

La scienza si adopera per il bene?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La scienza si adopera per il bene?




"Se questa scienza, che tanti vantaggi porterà all'umanità, non troverà il significato umano delle proprie scoperte, si rigirerà contro l'umanità" 
Giordano Bruno 1548-1600



La scienza quando si tratta di sviluppare nuovi congegni per servire la sfera militare non si nega di certo. Sicuramente lo fa per il "progresso" ed il bene dell'intera umanità.
Per questo, ad esempio hanno inventato la nanotecnologia che ha permesso la creazione di zanzare droni che consentono la "puntura" di soggetti target, magari per avvelenarli o inserire un chip dentro il loro corpo, o chissà che altro. Certo, per il nostro bene, non dubitiamo. Così come le armi psicotrope, le armi psicotroniche e la bio ingegneria (vedi anche qui) le armi a


Inviato da iPhone

Ricordiamo Enrico Letta: “Le dimissioni di Berlusconi valgono 100 punti di spread”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Ricordiamo Enrico Letta: "Le dimissioni di Berlusconi valgono 100 punti di spread"


Dopo le parole di Rocco Buttiglione sul rapporto Berlusconi-Spread, ricordiamo anche quelle di Enrico Letta del Partito Democratico:


 


"Le dimissioni di Berlusconi valgono 100 punti di spread"

(ENRICO LETTA, Partito Democratico, 26 SETTEMBRE 2011)


 


ECCO COME E' ANDATA.

Il 26 settembre lo spread era arrivato a quota 381,62. Oggi lo spread tocca i 530 punti. Quindi le dimissioni di Berlusconi non hanno fatto diminuire lo spread di 100 punti, anzi: lo hanno fatto aumentare.


 


 



Inviato da iPhone

Jim Richards: L'oro a 5.000-7.000 $/oz e il potenziale distruttivo dello scandalo LIBOR


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Jim Richards: L'oro a 5.000-7.000 $/oz e il potenziale distruttivo dello scandalo LIBOR

Jim Richards è l'autore di un fortunatissimo libro, "currency wars", le guerre delle valute.
In questa intervista parla dell'oro a 5-7.000 $/oz e di come lo scandalo Libor potrebbe far saltare tutto il sistema bancario. Purtroppo l'audio non è buonissimo...



Inviato da iPhone

Scende la Borsa e sale tutto: spread, rendimenti dei decennali e debito pubblico italiano al record


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Scende la Borsa e sale tutto: spread, rendimenti dei decennali e debito pubblico italiano al record

Quello che non dovrebbe salire, purtroppo lo fa!! Allarme spread della Spagna, che oggi raggiunge il record portando i rendimenti del decennale al 7,50%. Lo spread tra i Btp e il Bund tedesco arriva a toccare i 529 punti base, il massimo dello yield del decennale è 6,42%. Dall' Eurostat arriva l' allarme debito pubblico del Belpaese che si porta al 123,3%:

Il debito pubblico nell'Eurozona continua a salire. Secondo i dati diffusi recentemente da Eurostat, nel primo trimestre dell'anno è stato raggiunto l'88,2% del Pil contro l'87,3% della fine del 2011. In crescita anche il debito italiano, attualmente al 123,3%, secondo solamente alla Grecia (132,4%): una soglia record, che supera il picco storico raggiunto nel 1995 del 120,9%. fonte



Insomma un' altra giornata da dimenticare per le borse europee, per i molti problemi e dubbi della tenuta dell' area stessa e per la moneta unica che nella seduta odierna, scivola ai minimi da 2 anni sul dollaro e da ben 12 sullo yen.

Ma noi eravamo pessimisti......................................


Inviato da iPhone

ALLARME SPREAD/ Tra Bce ed Euro 2, quale piano convincerà i mercati?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

ALLARME SPREAD/ Tra Bce ed Euro 2, quale piano convincerà i mercati?

Gli stati hanno rinunciato alla sovranità monetaria. Ma nei momenti di crisi è un problema che ci sia soltanto un attore in gioco. GIOVANNI PASSALI analizza la situazione

(Pubblicato il Mon, 23 Jul 2012 16:36:00 GMT)

VITTADINI/ 4. Quel pendolo tra Politica e Banca, di A. Quaglio
ALLARME SPREAD/ L'analista: ecco perché la speculazione trova le porte aperte, Int. a P. Annoni


Inviato da iPhone

SPREAD DI NUOVO AL MASSIMO


Ti è stato inviato tramite Google Reader

SPREAD DI NUOVO AL MASSIMO

Lo spread ritorna di nuovo verso i massimi.



Oggi è arrivato quasi a 530 punti base ed è molto vicino al massimo storico.



Se non si fossero bloccati gli ordini allo scoperto forse avremmo un nuovo massimo storico dello spread.




Abbiamo sempre detto che le misure intraprese prima dal Governo Berlusconi e ora dal Governo Monti avrebbero peggiorato la situazione.



Stiamo, infatti, seguendo la stessa politica del Governo greco.



Abbiamo aumentato la precarietà, aumentato l'età pensionabile, aumentato l'Iva, approvato il fiscal compact (http://petsalvatore.blogspot.it/2012/06/cosa-comporta-il-fiscal-compact.html), introdotto la spending review (http://petsalvatore.blogspot.it/2012/05/cosa-significa-spending-review.html), tolto l'articolo 18 (http://petsalvatore.blogspot.it/2012/06/cosa-comporta-il-fiscal-compact.htmle il Paese si è fermato.





Bisognava, invece, riportare a casa i nostri militari in missione, ricostruire l'Aquila e l'Emilia Romagna, ridurre l'età pensionabile, abolire i contratti precari, migliorare i trasporti, nazionalizzare le banche e evitare le privatizzazioni.


Inviato da iPhone

LA TEMPESTA D'AGOSTO È GIÀ QUI


Ti è stato inviato tramite Google Reader

LA TEMPESTA D'AGOSTO È GIÀ QUI


Il mercato dei titoli italiani. (Clicca per ingrandire)
Euro: la sentenza è stata emessa

godetevi subito le vacanze, che ad agosto potrebbe essere troppo tardi

di Moreno Pasquinelli


Ho iniziato a scrivere quest'articolo subito dopo il crollo degli scambi borsistici di venerdì 20 luglio, che com'è noto si muovono in maniera inversa agli interessi sui titoli di Stato, anzitutto spagnoli e italiani. Segno dell'inestricabile connessione tra i debiti sovrani e quelli bancari. Da almeno due anni andiamo dicendo che lo scoppio del bubbone dell'euro sarebbe stato annunciato dal crack combinato. Come volevasi dimostrare.
Dopo il venerdì nero, un'altra volta ancora il "lunedì nerissimo: «È ancora tensione sugli spread europei. Il differenziale tra il Btp decennale italiano e il Bund tedesco è salito a 528 punti, con il rendimento del decennale italiano oltre il 6,39%, per poi stabilizzarsi intorno a quota 522. Lo spread tra i Bonos ...


Inviato da iPhone

E ora chi convince Bersani a candidare Monti?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

E ora chi convince Bersani a candidare Monti?






Male le borse, lo spread cresce. Davanti alle pressioni dei mercati si fa più forte l'ipotesi di un nuovo governo Monti che passi per la candidatura dell'attuale premie sostenuto da Pd e Udc in caso di elezioni anticipate in autunno. L'unico da convincere resta il segretario del Pd, mentre il presidente della Repubblica gradisce l'ipotesi. E con lui i sostenitori delle primarie, che nonostante le promesse verrebbero sacrificate sull'altare del Monti bis, sostenuto anche da una lista indipendente nata nel segno della continuità con l'attuale esecutivo. 





leggi tutto



Inviato da iPhone

Tonfo dei mercati, «non ci sono più sicurezze nell’eurozona»


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Tonfo dei mercati, «non ci sono più sicurezze nell'eurozona»






Piazza Affari crolla, i rendimenti dei Btp salgono, lo spread s'impenna. Più l'incertezza aumenta nei Paesi periferici, più i capitali degli investitori prendono la via dei Paesi considerati il cuore della zona euro. Vendere è l'imperativo, complice il lassismo dei politici. Société Générale, una delle maggiori banche francesi, ha affermato in una nota di stamattina che «non ci sono più sicurezze nell'eurozona». E intanto avanza la possibilità che la Spagna possa chiedere un piano di salvataggio totale e non solo limitato alle banche. 





leggi tutto



Inviato da iPhone

21000 MILIARDI NEI PARADISI FISCALI


Ti è stato inviato tramite Google Reader

21000 MILIARDI NEI PARADISI FISCALI

Nel link seguente potrete trovare informazioni sui soldi depositati nei paradisi fiscali: http://www.taxjustice.net/cms/front_content.php?idcat=148



La cifra è pari a 21000 miliardi di dollari, che diventano 32000 se si aggiungono i beni di lusso.


Inviato da iPhone

LIBERO MERCATO


Ti è stato inviato tramite Google Reader

LIBERO MERCATO

XTOL, credere che l'assenza di regole e di interventi da parte dello stato garantisca maggiore benessere per tutti, è sbagliato.

I braccianti agricoli e gli operai sono sempre stati ridotti in schi ...


Inviato da iPhone

Gli esorcismi non salvano l'euro


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Gli esorcismi non salvano l'euro

L'euro è irreversibile, dice il governatore Mario Draghi. Il Titanic è inaffondabile, dicevano i suoi costruttori. C'è chi chiama il...


Inviato da iPhone

L’Italia brucia e Monti va da Putin: per Repubblica è “da statista”. Ma quando lo faceva Berlusconi…


Ti è stato inviato tramite Google Reader

L'Italia brucia e Monti va da Putin: per Repubblica è "da statista". Ma quando lo faceva Berlusconi…


C'è qualcosa che non torna. Mentre Piazza Affari brucia e affonda come un relitto marcio e lo spread ha raggiunto livelli imbarazzanti, il nostro premier è in Russia. Viaggio istituzionale, si dice: tra una chiacchierata con il Patriarca ortodosso, sorrisi e battute varie degne del miglior battutista britannico, Mario Monti ha trovato anche il tempo di dire che la Borsa non lo preoccupa. Rimane laggiù, a bere té e a complimentarsi per la bellezza dei samovar tradizionali. Si diverte anche, come è normale e giusto che sia. E i giornali, quelli seri dei tromboni di professione, sono con lui. Addirittura un audio su Repubblica per spiegare l'importanza del viaggio montiamo in Russia: c'è la crisi, Mosca ha il gas, l'inverno più o meno alle porte. Insomma, ecco come si comporta lo statista.


Va dai cattivi a salvare l'Italia. E così Putin diventa meno mandante di assassini politici, Medvedev assume un ruolo di primo piano, l'est europeo improvvisamente si scopre essere la nostra àncora di salvezza. Tutto giusto. Peccato che quando il predecessore di Monti, Silvio Berlusconi, faceva le stesse cose (viaggi in Russia, incontri con Putin e i capi di Gazprom, ecc ecc), i giornalai prezzolati tuonavano indignati: la Borsa crolla e il premier va a divertirsi nella dacia dello zar, scriveva Repubblica. E se il Cavaliere osava dire che lui era a Mosca proprio per trovare nuovi capitali e nuove spalle per la disastrata economia italica, i sorrisi e le urla degli stornelli riempivano ogni spazio informativo del Paese. Per non parlare delle accuse su presunti festini in compagnia di Putin (e magari pure del tedesco Schroeder).


Ma si sa, le cose cambiano, e così tutto ora diventa serio: la Russia può aiutarci ed è sacrosanto che Monti sia a Mosca a parlare con presunti assassini e a visitare monasteri ortodossi. E se Piazza Affari brucia, la colpa è della Merkel. Che paese ridicolo.



Inviato da iPhone

In questi giorni di Panico s'intensificano l'emotività e le stronzate


Ti è stato inviato tramite Google Reader

In questi giorni di Panico s'intensificano l'emotività e le stronzate



In questi giorni di Panico s'intensificano l'emotività e le stronzate.

Tornano fuori prepotentemente i soliti luoghi comuni da Bar Sport...

Italia sotto attacco da parte della speculazione

attacco dei ribassisti sui btp e sullo spread

bisogna combattere la speculazione

in UE abbiamo strumenti efficaci per combattere la speculazione (ah ah ah!)

tutta colpa degli speculatori e della fantomatica speculazione 

tutta colpa dello short selling (vendite al ribasso)

etc etc

naturalmente il tutto nello stesso solco di

tutta colpa di Moody's e delle agenzie di rating che sono il braccio...



[ clicca sul titolo per continuare a leggere ]


Inviato da iPhone

La resa dei conti


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La resa dei conti

Btp_Italia.jpg

"I tromboni dell'informazione della mattina hanno ognuno le proprie ricette e interpretazioni della crisi che l'Italia sta vivendo, un "PIRLA" più "PIRLA" di tutti addirittura ha detto che tutto nasce dall'America, un altro che è tutta colpa dei tedeschi, dimenticandosi dei 2.000 miliari di debiti che l'Italia ha accumulato. Non essendoci colpa non esiste neanche un colpevole, singolare teoria giornalistica asservita al potere, che per mantenere i propri miseri privilegi dimentica le ruberie dei politici e gli affari dei politici con i soldi pubblici. Si dimentica degli arricchimenti dei burocrati che, con norme su norme ad personam, hanno dissanguato le casse dello Stato. Si dimentica della corruzione che scorre nella macchina pubblica. Tutto questo i tromboni dell'informazione "che fanno parte del prelievo della cassa comune" se lo dimenticano, ma ci ricordano lo sciagurato comportamento degli Italiani, come se a governare ci fossero i cittadini e non le CASTE , i PRIVILEGIATI, i BUROCRATI. Tutti con la copertura della STAMPA asservita. Allora é facile per questa accozzaglia buttarla in caciara, colpa dell'America, dei tedeschi , della finanza, dei pensionati, del posto fisso, ecc. Poveri uomini senza palle, ricordatevi che il debito non l'abbiamo fatto noi e non saremo noi a pagarlo. Verrà l'ora della resa dei conti e tutti dovrà essere restituito con l'interesse ma quello applicato da EQUITALIA". alfonso della rocca





Inviato da iPhone

Spagna: divieto di vendite allo scoperto


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Spagna: divieto di vendite allo scoperto

L'Authority della Borsa spagnola ha deciso di introdurre il divieto di vendite allo scoperto su tutti i titoli per 3 mesi.


Inviato da iPhone

ALLARME SPREAD/ L'analista: ecco perché la speculazione trova le porte aperte

ALLARME SPREAD/ L'analista: ecco perché la speculazione trova le porte aperte: Rendimenti Btp e Bonos alle stelle: dopo il venerdì nero un inizio di settimana molto difficile per lo spread. PAOLO ANNONI ci aiuta a capire cosa sta accadendo sui mercati

(Pubblicato il Mon, 23 Jul 2012 14:54:00 GMT)

FINANZA/ Sapelli: così i poteri forti stanno svendendo l’Italia, di G. Sapelli
BORSE A PICCO/ Giannino: ecco perché i mercati non credono più all’Italia, Int. a O. Giannino

Bernanke sarà causa di un disastro prima del 2014

bernanke187lil
A tre mesi dall'osservazione di Mark Faber: “I ricchi perderanno il 50% dei loro averi”, arriva un commento di Paul Farrell di MarketWatch che conferma tutte le ipotesi.
Faber aveva avvertito in un'intervista a CNBC che i grandi ricchi del pianeta avrebbero potuto perdere il 50% delle loro ricchezze. Come?

BINDI: “Alle elezioni Casini starà con noi, ma il premier lo indicherà il Pd”

BINDI: “Alle elezioni Casini starà con noi, ma il premier lo indicherà il Pd”:
Queste le parole di Rosy Bindi riportate dalla Stampa oggi in edicola.

Ricordiamo Buttiglione: “Le dimissioni di Berlusconi valgono 300 punti di spread”

Ricordiamo Buttiglione: “Le dimissioni di Berlusconi valgono 300 punti di spread”:

Vale la pena ricordare alcune dichiarazioni rilasciate dai nostri politici in merito allo spread ai tempi delle dimissioni di Berlusconi. Partiamo con Rocco Buttiglione dell’UdC:

Le dimissioni di Berlusconi valgono 300 punti di spread
(ROCCO BUTTIGLIONE, 12 NOVEMBRE)

ECCO COME E’ ANDATA.
Il giorno prima della dichiarazione di Buttiglione lo spread aveva chiuso a 456,21 punti (11 novembre 2011). Oggi lo spread è a quota 530. Dei 300 punti di differenza dovuti alle dimissioni di Berlusconi non c’è traccia.

Perché non chiediamo in massa indietro i nostri soldi?

Perché non chiediamo in massa indietro i nostri soldi?:
Questo Paese non cambierà mai fino a che non ci sarà una sollevazione popolare su cose specifiche, concrete, simbolo della colossale presa per i fondelli dell’epoca. Ad esempio, la telefonia.
Possibile che sui contratti di Telecom, Vodafone e co., ci sia scritto che il loro segnale copre il 98% del territorio e io mi trovi sempre nel 2%, anche se giro per tutta Italia come una trottola?
Possibile che io paghi la Tim per avere un segnale Umts e invece in Val di Vara (La Spezia, mica il Texas) navigo oltre il 50% del mio tempo con un segnale Edge (cioè lento come un bradipo che...............

Napolitano ha torto e i fans del Quirinale detestano la logica

Napolitano ha torto e i fans del Quirinale detestano la logica:
Intervista a Franco Cordero*
napolitano 20120723
di Silvia Truzzi - Il Fatto Quotidiano
Non sarà una guerra nucleare, com’è stato scritto, ma il conflitto d’attribuzioni tra poteri dello Stato sollevato dal Quirinale contro la Procura di Palermo non è né un atto frequente né un fatto politicamente irrilevante.
Non solo per il terreno – delicatissimo – nel quale si muove (la trattativa Stato-mafia); anche per le premesse dal quale muove: ovvero la presunta violazione delle prerogative costituzionali del capo dello Stato. Per questo, a distanza di una ventina di giorni dall’ultima intervista, abbiamo nuovamente interpellato il professor Franco Cordero.

Milano e Madrid a picco, urge intervento Bce

Ormai i mercati drogati dal debito hanno disperato bisogno della loro "dose" almeno un paio di volte alla settimana direi....
O interviene la BCE con una siringata di nuovo debito.... o interviene il governo con una "non manovra" sui vostri risparmi...  ;-)

In bocca al lupo......

Zio

Milano e Madrid a picco, urge intervento Bce: Piazza Affari sprofonda ancora insieme a Madrid, mentre si accentuano ulteriormente le pressioni sui titoli di Stato e sull'euro (minimo a 1,2082). [...]



Passaparola - La Sicilia verso l’abisso - Alfio Caruso

Passaparola - La Sicilia verso l’abisso - Alfio Caruso:
La Sicilia verso l’abisso
(13:30)
sicilia_caruso.jpg
pp_youtube.png
"E’ chiaro che soltanto eventi straordinari, che non dipenderanno dalla volontà dissipatrice dei siciliani, potranno fare sì che i comuni, le province che in teoria dovrebbero essere abolite e la stessa Regione, si dedichino a una politica, soprattutto la politica delle uscite, molto più rigorosa di quanto avvenuta fin qui, voi ci credete? Io no!" Alfio Caruso

Il Passaparola di Alfio Caruso, giornalista e scrittore

Il destino della Sicilia (espandi | comprimi)
Buongiorno, sono Alfio Caruso e ho scritto “I Siciliani”, il tentativo di ...................

Fiscal C...he????

Fiscal C...he????:


Questi sono i grandi geni che dovrebbero salvare l'Italia? E il brutto è che li votiamo pure (e da decenni) ...





 visto su nonleggerlo

 video dal canale youtyube, Soldenberg


Vedi anche:

Tutti zitti, è passato il "Fiscal compact" ... (ma nessuno lo deve sapere)!

L'ignoranza ti fa ... parlamentare!

L'ignoranza ti fa ... parlamentare! (2)

Consob: reintrodotto divieto vendite allo scoperto per una settimana

Consob: reintrodotto divieto vendite allo scoperto per una settimana:

(Pubblicato il Mon, 23 Jul 2012 13:46:00 GMT)

 Operazione Placebo.....   (zio)

Era ovvio, no?

Era ovvio, no?:







Voglio solo farvi rivedere questa paginata del Sole24Ore di un mesetto fa (venerdì 29 giugno 2012):








Già dimeticata l'atmosfera da trionfo dei tg sulla grande vittoria di Marietto Monti? "Gol e Spread, i tre supermario che l'Europa ci invidia" ... Non mi viene neanche da ridere ...  avrei preferito aver torto quando pubblicavo il video di un cinegiornale degli anni '30 giusto per dire quanto mi suonava ridicola tutta 'sta pompa magna. E oggi? Oggi macello, tanto per cambiare:








Lo spread nell'era Monti (dal 16 novembre 2011):