27/07/12

Euroland 2012-2016: Democratizzazione e stabilizzazione di una nuova potenza mondiale

LEAP/E2020: Euroland 2012-2016, quale sarà il futuro dell’Europa?
Traduciamo le tanto ambite anticipazioni LEAP/E2020 riguardo al futuro dell’Europa nel periodo tra il 2012 ed il 2016.

Euroland 2012-2016: Democratizzazione e stabilizzazione di una nuova potenza mondiale (parte1)

Nel contesto di una crisi globale sistemica, due trend principali caratterizzeranno la vita degli Europei:
- la stabilizzazione dell’Eurolandia come nuova totale potenza eocnomica;
- l’assoluta necessità, da parte delle classi dirigenti di tutta Europa, di superare il gelo democratico che domina in questo momento e impedisce il corso dell’integrazione europea.
In questo senso, l’analisi LEAP/E2020, si concentra sulle modalità secondo le quali, a partire dalla seconda metà del 2012, le condizioni saranno favorevoli affinché i due

NON HANNO LIMITI. SARA’ ANCHE PEGGIO DI COSI’

NON HANNO LIMITI. SARA’ ANCHE PEGGIO DI COSI’: DI PAOLO BARNARD
paolobarnard.info

Emergono i dettagli, la penna Bic sta unendo i puntini sul foglio e sta emergendo la figura completa, se di completo esiste qualcosa nella perfidia dei tecnocrati europei, che sembra non avere fondo.
Nei corridoi della UE sta trapelando la seconda parte del piano Draghi-Merkel di ieri. Vi pareva che si accontentassero di intrappolarci nell’Eurozona per altri 5 o 10 anni senza, fin da subito, spremere sangue concreto?
Nella foto: il ministro delle Finanza tedesco Wolfgang Schäuble

E QUALCUNO AVVISA CHE IL MERCATO DI AGOSTO NON DEVE NECESSARIAMENTE ILLUDERE...

E QUALCUNO AVVISA CHE IL MERCATO DI AGOSTO NON DEVE NECESSARIAMENTE ILLUDERE...:

Super Mario Draghi e i suoi poteri (poco super)

Super Mario Draghi e i suoi poteri (poco super):



Basta una dichiarazione del banchiere centrale per far precipitare gli spread. Ma i suoi poteri e l’effettiva determinazione sono limitati. L’uscita dall’Euro rimane sul tappeto e può essere l’occasione per l’inizio di un percorso nuovo di cui l’Italia sarebbe chiamata a dare il meglio di sé
Le scorse settimane, caratterizzate dall’elevata tensione sui titoli di stato italiani e spagnoli, sono state percorse da una vera tempesta di idee sulle cause dell’innalzarsi dello spread. Ha dato il “la” Mario Monti, sostenendo inizialmente che l’innalzarsi dello spread fosse colpa del presidente di Confindustria Squinzi, il quale si era permesso di ......................

Povera Italia, ancora ostaggio dei Draghi

Povera Italia, ancora ostaggio dei Draghi: Le donne, i cavalier, l’arme e gli amori, le cortesie, le audaci imprese io canto ...”. Così l’Ariosto cominciava il poema epico intitolato all’Orlando Furioso, ma il riferimento ai draghi non è un richiamo storico-letterario al nostro grande poeta, è solo la constatazione di come sia facile ancora oggi conquistare la gente con storie fascinose, ma assolutamente incredibili. Nel Medio Evo si raccontava di draghi (Draghi, appunto!) che tenevano prigioniere bellissime fanciulle, oggi si raccontano frottole altrettanto incredibili, ma del pari ritenute dalla popolazione credibili, grazie alla superficialità (o complicità) degli organi di informazione. Abbiamo già...
Roberto Marchesi (Dallas - Texas)

Crisi: il 49% dei tedeschi ha paura

Crisi: il 49% dei tedeschi ha paura: Sondaggio della "Bild": molti temono un peggioramento entro la fine dell'anno

Nuovo commento su Spread: luglio col bene che ti voglio, qui dietro ....

Bravo  Alboino!!! Bisognerebbe fare un libro con le frasi della crisi..... a postuma memoria...


alboino ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "Spread: luglio col bene che ti voglio, qui dietro ...":

A proposito di enfatizzare le reazioni positive delle bische (pardon mercati), sono da incorniciare certi articoli del Sole 24, troppo divertenti.
Anche la frase virgolettata di Draghi è addirittura da tramandare ai posteri, dove parla di "appoggio dei cittadini europei" all'euro.
Ma quando mai sono stati consultati, se non in minima parte.

Altra perla da ricordare in futuro: "l'euro è irreversibile".



Postato da alboino in ML NEWS alle 17:55:00

Romney promette guerra all’Iran per l’amico Netanyahu

Romney promette guerra all’Iran per l’amico Netanyahu: Il candidato repubblicano alle elezioni presidenziali statunitensi, Mitt Romney, si prepara alla sua imminente visita in Israele cercando di ingraziarsi gli elettori ebrei filo-israeliani sui temi a loro più cari, primo fra tutti l’Iran. In un’intervista rilasciata al quotidiano israeliano Ha’aretz, Romney ha rilanciato la necessità di “non escludere l’opzione militare” contro Teheran, definita “la più grande minaccia” per l’intera comunità internazionale. “L’opzione militare non va scartata. Deve essere soppesata e deve essere pronta qualora tutte le altre strade non avessero successo”, ha dichiarato il candidato repubblicano, ricordando che gli Usa considerano...
Ferdinando Calda

È giallo sul salvataggio di Madrid

È giallo sul salvataggio di Madrid: Il presente della Spagna è fatto di incertezza economica e proteste popolari. Con una dose costante di altalene di indiscrezioni e smentite che fanno solo il gioco degli speculatori, lasciando gli spagnoli con la paura del baratro e una rabbia che li porta sempre più di frequente nelle strade. Nei giorni scorsi il governo spagnolo aveva escluso la richiesta all’Unione Europea di un salvataggio dopo le riunioni avute dal ministro dell’Economia Luis de Guindos con i suoi omologhi di Germania e Francia. “Si esclude sia di chiedere un salvataggio come hanno fatto Grecia, Portogallo e Irlanda, sia di sollecitare formalmente al fondo europeo Efsf l’acquisto di debito sovrano...
Alessia Lai

GRAZIE CONSOB...IL MIGLIOR CONTRARIAN DEL MERCATO

GRAZIE CONSOB...IL MIGLIOR CONTRARIAN DEL MERCATO:
E' uno spasso vedere la Consob all'opera....ogni volta che il mercato crolla...la Consob non fa nulla...
Quando oramai il mercato ha finito di scendere e i grossi investitori guadagnato bene...LA CONSOB BLOCCA LE VENDITE ALLO SCOPERTO SU BANCHE.. Basta aspettare che la Consob faccia un tale annuncio e nelle settimane successive la borsa sale all'impazzata.
E' successo 4 volte su quattro......la speculazione credo che debba ringraziare la Consob per questa opera di facilitazione dei guadagni..

Borsa, Consob proroga a 14/9 divieto vendite scoperto su finanziari

E' EVIDENTE CHE  DIFFICILMENTE IL MERCATO SCENDERA' FINO AD ALLORA...IL 12 SETTEMBRE LA CORTE COSTITUZIONALE TEDESCA PRENDERA' UNA DECISIONE IMPORTANTE...ECCO IL MOTIVO DEL 14 SETTEMBRE...

Non c'è nulla da dire...GRAZIE CONSOB!!!



Pronti a tutto per l’euro

Pronti a tutto per l’euro:
di Marco Cedolin
Il presidente della BCE Mario Draghi sale sul palco, si schiarisce la voce, e con tono fermo urla, “Pronti a tutto per l’euro!”
L’eco delle sue parole non ha ancora finito di perdersi nell’imponderabile e già le borse brindano, i mercati festeggiano ed il sole fa capolino fra le nubi, promettendo futuri di ripresa economica e di crescita infinita.
Milano recupera il 6%, lo spread scende a 475 ed i cittadini tirano un sospiro di sollievo. Per fortuna é arrivato lui ad aiutarci a recuperare qualche certezza, altrimenti chissà dove saremmo finiti.
Già, chissà, ma la sensazione é quella che non dovremo aspettare a lungo per saperlo, perchè quando Mario Draghi ha detto “Pronti a tutto per l’euro”, non si riferiva a sé o alla banca privata che rappresenta, ma a voi che a rappresentarvi non avete proprio nessuno….
Siete voi quelli che dovrete essere disposti a tutto per salvare l’euro e quel “tutto” credetemi si rivelerà un elemento davvero omnicomprensivo.

Salveranno l’euro con i vostri salari, con le vostre pensioni, con il vostro diritto alla salute e con le vostre case e se non basterà prenderanno quello che ancora resta, perché le borse, i mercati e lo spread hanno fame e non si può mancare di compiacerli.
Nel caso stiate già battendo le mani, provate a fermarvi a metà del vostro gesto.
Pronti a tutto, chi?
link:
Segnalaci su:
Aggiungi 'Pronti a tutto per l’euro' a Del.icio.usAggiungi 'Pronti a tutto per l’euro' a TechnoratiAggiungi 'Pronti a tutto per l’euro' a Yahoo My WebAggiungi 'Pronti a tutto per l’euro' a Google BookmarksAggiungi 'Pronti a tutto per l’euro' a SegnaloAggiungi 'Pronti a tutto per l’euro' a OKnotizieAggiungi 'Pronti a tutto per l’euro' a Bookmark.itAggiungi 'Pronti a tutto per l’euro' a DeliriousAggiungi 'Pronti a tutto per l’euro' a Live-MSNAggiungi 'Pronti a tutto per l’euro' a DiggitaAggiungi 'Pronti a tutto per l’euro' a FaceBookAggiungi 'Pronti a tutto per l’euro' a WikioAggiungi 'Pronti a tutto per l’euro' a Fai informazioneAggiungi 'Pronti a tutto per l’euro' a BlogSphere NewsAggiungi 'Pronti a tutto per l’euro' a MySpaceAggiungi 'Pronti a tutto per l’euro' a TwitterAggiungi 'Pronti a tutto per l’euro' a Technotizie

lo sport nazionale: depredare la cosa pubblica


-         lo Sport nazionale: depredare la cosa pubblica   -
di Paolo De Gregorio, 27 luglio 2012

Ci ricorda Travaglio nel suo editoriale di oggi, 27 luglio, su “il Fatto Quotidiano” che il succo della vicenda Formigoni è che la sua giunta regionale ha fatto arrivare alla “Fondazione Maugeri” (che si occupa di Sanità) 200 milioni di euro grazie a: “delibere discrezionali sulle prestazioni non tariffabili” e di questi milioni 70 sono arrivati all’amico di Formigoni, Daccò, quel signore che provvedeva alla bella vita del presidente della Regione Lombardia, una specie di Minetti al maschile.

Questo sistema, molto diffuso in Italia, che consente ai privati di spolpare la Sanità Pubblica, ha un nome preciso: CONVENZIONI tra pubblico e privato, tra cui corre un fiume di denaro e di interessi criminali sempre in piena, e con l’esposizione della politica ad affondare le mani nella marmellata.

Spesso Travaglio suggerisce soluzioni ai problemi e l’ha fatto in particolare sul suo giornale a proposito di giustizia con dettagliati suggerimenti per nuove regole di legge.
Oggi, con il caso Formigoni, siamo di fronte a una tale entità di ruberie alla cosa pubblica che si potrebbe pensare anche alla soluzione del problema, visto che tutti i partiti tacciono perché a vari livelli tutti amano la marmellata.

La soluzione è semplicissima: il privato fa il privato, sta sul mercato e si fa pagare il servizio sanitario direttamente dai suoi utenti, senza avere alcun rapporto finanziario con lo Stato, e tutte le convenzioni vengono abolite.

Al di fuori di questo drastico provvedimento le ruberie continueranno, perché oggi gli imprenditori privati e l’attuale classe politica sono senza etica e senza vergogna e la loro missione è quella di arricchirsi spolpando la cosa pubblica.

La stessa abolizione dovrebbe riguardare l’8 per mille al Vaticano, che con lo Stato laico non dovrebbe avere nessun tipo di rapporto finanziario. Si lascino liberi i cattolici di finanziare in modo diretto la propria Chiesa, magari offrendolo alle parrocchie sul territorio, mentre oggi l’8 per mille va alla Curia che lo utilizza per i suoi lussi e le sue speculazioni.
Paolo De Gregorio

L'agricoltore

L'agricoltore:
orti_erranti.jpg
"Non capisco perché, se mancano le risorse alimentari, lo Stato cerca in tutti i modi di chiudere le aziende agricole facendogli fare concorrenza da Paesi fuori dall'UE che hanno bassi costi di produzione con manodopera a basso costo e fitofarmaci qui banditi? Vorrei far notare inoltre che il problema non sono le aree industriali, ma le terre abbandonate dagli agricoltori perchè non hanno più un guadagno, che gli incentivi agli agricoltori non funzionano perchè vanno in tasca sempre ai soliti noti che magari hanno delle aziende che non sanno produrre a dovere. L'unica cosa di cui ha bisogno l'agricoltore è poter vendere il suo prodotto ad un prezzo adeguato ai sacrifici e ai costi di produzione. Bisogna chiudere la GDA e tornare al piccolo fruttivendolo e ai mercatini, molte aziende piccole creano più ricchezza di una sola grande azienda. Io parlo da agricoltore,niente incentivi, solo miglior prezzo del prodotto o riduzione dei costi di produzione. Niente concorrenza da Paesi che sfruttano i lavoratori e che sono fuori dall'UE a meno che non disponiamo del prodotto, in questo caso lo importeremo. Quindi più controlli da parte delloSstato, chiusura delle aziende che comprano fuori UE e poi rivendono con marchio italiano e carcere e sequestro beni per i titolari. L'agricoltura sta morendo perchè lo Stato la considera merce di scambio con altri paesi, tipo "Voi ci date il gas o comprate i nostri mezzi e noi vi facciamo vendere qui i vostri prodotti agricoli (non conformi alle regole UE)"." sergio r.


2012 - IL COLLASSO ECONOMICO (LA FENICE)

2012 - IL COLLASSO ECONOMICO (LA FENICE):

Art.4845
L'economia globale, su questo pianeta che chiamiamo casa, è iniziata a collassare. Possiamo vedere un collasso economico che il mondo non ha mai visto prima, non solo negli Stati Uniti. E' Globale. Ma non temere: ...VIDEO: http://www.liberamenteservo.it/modules.php?name=News&file=article&sid=4845












Zibordi contro Barnard, quando i filo-MMT la pensano l'uno al contrario dell'altro

Zibordi contro Barnard, quando i filo-MMT la pensano l'uno al contrario dell'altro: Certo che è un pò strano che la stessa situazione sia un bene per un sostenitore della MMT come Zibordi ed un male per un altro come Barnard, si fatica a farsi una idea compiuta, sarebbe bello chiede ...

Fotovoltaico: ora si socializzano le perdite del termoelettrico

Fotovoltaico: ora si socializzano le perdite del termoelettrico:
pannelisolari8.jpg
Il 3 Maggio scorso si verificò un evento storico nella produzione energetica italiana: fu "il giovedì in cui l'energia costava zero", grazie al boom del fotovoltaico italiano, ove profetizzai che presto nuove leggi e decreti avrebbero protetto la lobby dei produttori di termoelettrico.
Da quel giorno, è infatti cominciata la battaglia dei produttori tradizionali contro la produzione di energia rinnovabile, che li costringeva a rimetterci fior di soldoni. "Non cederanno senza combattere", qui raccontavamo la storia successiva.
Continua a leggere Fotovoltaico: ora si socializzano le perdite del termoelettrico...
Commenta »





LA SVENDITA PROGRAMMATA DELLE SOVRANITA’- Gennaro Zezza

LA SVENDITA PROGRAMMATA DELLE SOVRANITA’- Gennaro Zezza:

Segnalaci su:
Aggiungi 'LA SVENDITA PROGRAMMATA DELLE SOVRANITA’- Gennaro Zezza' a Del.icio.usAggiungi 'LA SVENDITA PROGRAMMATA DELLE SOVRANITA’- Gennaro Zezza' a TechnoratiAggiungi 'LA SVENDITA PROGRAMMATA DELLE SOVRANITA’- Gennaro Zezza' a Yahoo My WebAggiungi 'LA SVENDITA PROGRAMMATA DELLE SOVRANITA’- Gennaro Zezza' a Google BookmarksAggiungi 'LA SVENDITA PROGRAMMATA DELLE SOVRANITA’- Gennaro Zezza' a SegnaloAggiungi 'LA SVENDITA PROGRAMMATA DELLE SOVRANITA’- Gennaro Zezza' a OKnotizieAggiungi 'LA SVENDITA PROGRAMMATA DELLE SOVRANITA’- Gennaro Zezza' a Bookmark.itAggiungi 'LA SVENDITA PROGRAMMATA DELLE SOVRANITA’- Gennaro Zezza' a DeliriousAggiungi 'LA SVENDITA PROGRAMMATA DELLE SOVRANITA’- Gennaro Zezza' a Live-MSNAggiungi 'LA SVENDITA PROGRAMMATA DELLE SOVRANITA’- Gennaro Zezza' a DiggitaAggiungi 'LA SVENDITA PROGRAMMATA DELLE SOVRANITA’- Gennaro Zezza' a FaceBookAggiungi 'LA SVENDITA PROGRAMMATA DELLE SOVRANITA’- Gennaro Zezza' a WikioAggiungi 'LA SVENDITA PROGRAMMATA DELLE SOVRANITA’- Gennaro Zezza' a Fai informazioneAggiungi 'LA SVENDITA PROGRAMMATA DELLE SOVRANITA’- Gennaro Zezza' a BlogSphere NewsAggiungi 'LA SVENDITA PROGRAMMATA DELLE SOVRANITA’- Gennaro Zezza' a MySpaceAggiungi 'LA SVENDITA PROGRAMMATA DELLE SOVRANITA’- Gennaro Zezza' a TwitterAggiungi 'LA SVENDITA PROGRAMMATA DELLE SOVRANITA’- Gennaro Zezza' a Technotizie