08/08/12

PREDATORI OSCURI E INCONSAPEVOLI SCHIAVI


Ti è stato inviato tramite Google Reader

PREDATORI OSCURI E INCONSAPEVOLI SCHIAVI

Warning: Division by zero in /web/htdocs/www.stampalibera.com/home/wp-content/plugins/rating-widget/rating-widget.php on line 2945


Capisco perfettamente ciò che intendi. Adesso ti dico perché sei qui. Sei qui perché intuisci qualcosa che non riesci a spiegarti. Senti solo che c'è. È tutta la vita che hai la sensazione che ci sia qualcosa che non quadra nel mondo. Non sai bene di che si tratta, ma l'avverti. È un chiodo fisso nel cervello, da diventarci matto. È questa sensazione che ti ha portato da me. Tu sai di cosa sto parlando…


Morpheus nel film MATRIX



 


Quando sei alla folle ricerca di qualcosa, qualcosa che non ti da pace, iniziano a spuntare da ogni dove indizi che avvalorano i tuoi dubbi. Tutto sembra avere un senso quando i diversi pezzi del puzzle combaciano fino ad unirsi in un disegno più grande.


Non molto tempo fa mi sono imbattuta in un video del Professore Corrado Malanga, massimo esperto mondiale di interferenza aliena – il fenomeno chiamato anche abduction.


Quel video mi rimase impresso e un mio amico, seguace delle teorie di Malanga, mi rivelò un fatto inquetante: i prelevamenti da parte degli alieni avvengono per privarci di una componente per noi importante, l'Anima.


Nel luglio 2005 in una conferenza Malanga affermò [1]:


«Nelle mie indagini riguardanti l'esistenza degli alieni e le loro interferenze sugli esseri umani mi sono imbattuto spesso in discorsi sull'Anima: l'Anima sarebbe ciò a cui gli alieni ambiscono e vorrebbero sottrarci, ma che non tutti gli esseri umani possiedono.


Le più importanti famiglie della Terra, essendo i loro membri privi d'Anima, al fine di avere un po' di Anime dagli alieni, spalleggerebbero il loro progetto e gli alieni sottrarrebbero Anime agli esseri umani e ne fornirebbero alcune ai vari potenti del mondo per vivere, tutti insieme, di vita immortale.


Dunque questi Alieni, esseri extraterrestri, ci rapiscono/prelevano con lo scopo di privarci della nostra Anima, per loro preziosa fonte di energia.

Una teoria folle, se vogliamo definirla…

Accantonai il discorso per un breve periodo, quando, aprendo dei collegamenti a dei siti mi apparse una parola "Los Voladores", tradotto in italiano "Quelli che volano". Incuriosita da questo termine andai dritta alla pagina che riportava l'articolo [2], nel sito di Carlos Castaneda:


Gli sciamani toltechi scoprirono la presenza di esseri oscuri<...



Inviato da iPad

ARRESTATO MICHELE NISTA???


O la BCE stampa trilioni di euro o Spagna ed Italia sono fritte

O la BCE stampa trilioni di euro o Spagna ed Italia sono fritte: TRADUZIONE EFFEDIEFFE

Ferie pagate

Ferie pagate:
prrrr.jpg
Ma le ferie dei parlamentari sono pagate?
Continuate a votarli, mi raccomando, italiani di m...! E scrivetemi pure parla per te, me ne fotto.
Post volgare? Me ne frego, sono stanco, stanco, stanco..... Poi vedere le facce di culo abbronzate che verranno a parlarci di sacrifici etc. etc. etc. Bravi. CONTINUATE A VOTARLI. Votate casini, nero come la pece, ma non perchè ha sudato no, perchè si è fatto un mese di ferie..... O il nano, una settimana in Sardegna.... Ma adesso però devono essere "reperibili".
MA ANDATE TUTTI A FARE IN C...! Alessandro T.

Un nuovo autunno caldo anzi bollente

Un nuovo autunno caldo anzi bollente: Il prossimo autunno non sarà facile. Sarà caldo anzi bollente. Il ministro del Lavoro Elsa Fornero, tra una lacrima e l’altra versate pensando alla sorte dei dipendenti pubblici e privati da lei medesima messi sulla strada, ha avuto un soprassalto di realismo ipotizzando che, forse, le misure varate dal governo Monti stanno mettendo a rischio il futuro industriale del nostro Paese. Noi abbiamo fatto il possibile per evitarlo, ha messo le mani avanti Fornero, ma è colpa della crisi in corso. Una crisi che è molto pesante che mette a rischio la sopravvivenza delle nostre principali industrie e che inoltre, scopre la ministra, mette a rischio il lavoro. Senza industria...
Andrea Angelini

Tecniche di Spread Trading: un approccio neutrale ai mercati finanziari

Tecniche di Spread Trading: un approccio neutrale ai mercati finanziari: Gli ultimi anni hanno segnato notevoli picchi di volatilità, con ripetuti e repentini cambi di direzionalità anche intraday. In questo contesto operare proficuamente sui mercati finanziari è diventato ancor più complesso, tanto per gli operatori professionali quanto per i piccoli risparmiatori.   Se il sostegno garantito ai mercati dalla Bce la scorsa settimana sembra aver, almeno per ora, interrotto la costante discesa dei listini azionari del Vecchio Continente (il Ftse Mib ha aggiornato i propri minimi storici lo scorso 25 luglio a 12.295 punti) lo scontro tra falchi e colombe sulle possibili soluzioni da adottare da parte dell’Europa per uscire dalla crisi del debito sovrano che la attanaglia potrebbe portare a nuovi cambi, anche improvvisi, di direzionalità dei mercati finanziari.   In questo contesto operare con tecniche di trading prettamente trend following piuttosto che puramente discrezionale potrebbe non essere la migliore delle alternative per gli investitori. L’incertezza  e la volatilità dei mercati sono due delle principali variabili che consentono invece di guardare con favore in questa fase lo spread trading.   Nota anche come pair trading, questa tecnica ha il vantaggio primario di essere market neutral. In altre parole, se ben calibrata e settata riduce drasticamente, fino a renderlo neutrale, il rischio complessivo dell’investitore al mercato e alla sua direzionalità. A riprova della bontà di questa metodologia vi è la constatazione che molti hedge fund, dunque investitori professionali, implementano le loro strategie di investimento basandosi su questa tecnica.   Tra le numerose forme con cui è possibile tradare con tecniche di spread trading, la più immediata poggia le basi su questo concetto: acquisto un determinato controvalore di uno strumento finanziario e contestualmente ne vendo una pari quantità. In genere si selezionano 2 titoli di società dello stesso comparto, partendo dal presupposto che, salvo la presenza di eventi specifici della singola azienda, il loro comportamento in Borsa dovrebbe essere per questo motivo analogo.   Grazie allo spread trading l’investitore potrà dunque pensare di acquistare il titolo più forte e vendere quello più debole, guadagnando in tal caso dalla prosecuzione della tendenza ma coprendosi in tal senso dalle perdite che un cambio di sentiment o direzione potrebbe causare. Anche la volatilità del portafoglio viene così ridotta drasticamente.   Detto del caso più semplice e immediato, sono molteplici le strategie di pair trading che gli investitori potrebbero valutare. Per approfondire e capire meglio le possibili tecniche da adottare, ActivTrades offrirà gratuitamente agli investitori italiani la possibilità di partecipare allo Spread Trading Tour.  In programma dal prossimo 1° ottobre, il Tour ideato e organizzato da Carlo Alberto De Casa e dal team italiano del broker inglese farà prima tappa a Verona. Nei giorni seguenti la comitiva si muoverà dapprima verso Vicenza, per poi passare a Padova, Treviso e Trieste. Nella città giuliana si chiuderà, il 5 ottobre la prima settimana di viaggio.  La seconda parte della manifestazione, che culminerà idealmente con l’ormai tradizionale appuntamento del Trading Online Expo 2012 in agenda il 18 e 19 ottobre presso la sede di Borsa Italiana a Palazzo Mezzanotte, interesserà invece sia città del centro che del nord ovest dell’Italia. L’appuntamento per gli investitori sarà dunque per l’8 ottobre a Bologna mentre nei giorni seguenti la comitiva si dirigerà dapprima alla volta di Firenze e successivamente verso Genova, Alba e Torino.  Chi fosse interessato a partecipare alla manifestazione organizzata da ActivTrades o volesse maggiori informazioni può consultare il seguente link: http://www.fare-trading.com/    

Non è credit crunch: è demand crunch

Non è credit crunch: è demand crunch: Alberto Bisin oggi su Repubblica teme che la BCE non basti. Inoltre ritiene che “le prospettive di crescita delle economie del Sud dell’Europa sono alquanto misere” e che questo possa portare all’uscita di alcuni Paesi dall’euro. Sembra di leggere Piga. … Continue reading →

E i greci si riscoprono atleti, contro la crisi meglio spostarsi in bicicletta

E i greci si riscoprono atleti, contro la crisi meglio spostarsi in bicicletta:
E così i greci creatori delle Olimpiadi si riscoprono atleti. O meglio, ciclisti. Tra il costo dei pedaggi stradali alle stelle e il prezzo della benzina che sale ogni giorno, ad Atene in molti hanno deciso di appendere la macchina al chiodo e affidarsi ai pedali. Nella capitale i rivenditori di biciclette, caschi, ginocchiere e campanelli stanno spuntando come funghi. E ogni ateniese ha ormai almeno un negozio di biciclette nel proprio quartiere.
leggi tutto

Il gioco che Monti fa in Italia

Il gioco che Monti fa in Italia:

Unhappy families: il Portogallo

Come stiano le cose lo sapete: le crisi fotocopia, delle quali vi ho descritto il meccanismo quiqui, e qui, prevedono una fase espansiva, nella quale la periferia si indebita coi soldi del centro per comprare i beni del centro, e una recessiva, nella quale la bolla scoppia. Questa fase, come sapete se avete letto Frenkel, si conclude generalmente con una crisi valutaria. Gli speculatori, seguendo il meccanismo che ho descritto qui e qui, giocano al ribasso sulla valuta del paese fragilizzato dal debito estero, vendendone grandi quantitativi. La Banca centrale prova a "difendere" il cambio assorbendo l'eccesso di offerta di valuta nazionale, cioè vende, di fatto, valuta estera a un prezzo calmierato (il cambio fisso) agli speculatori, per sostenere il prezzo della valuta nazionale. Quando le riserve di valuta estera nelle casse della Banca centrale (le riserve ufficiali) finiscono, si è costretti a svalutare, e gli speculatori, tutti contenti, rivendono la valuta estera per.................................

Tabella dei CDS

STATI SOVRANI TITOLI FINANZIARI AUSTRALIA

Bund: Cronaca di un Massacro Annunciato. (Molti ma Molti Pesci Grossi stanno per Farsi male)

Bund: Cronaca di un Massacro Annunciato. (Molti ma Molti Pesci Grossi stanno per Farsi male):
Queen Elizabeth II 001 Bund: Cronaca di un Massacro Annunciato. (Molti ma Molti Pesci Grossi stanno per Farsi male)
C’è una grossa, grassa anomalia sul mercato. Si chiama Bund, e sta per fare tanta ma tanta bua a hedge fund e banche di investimento.
Lo diciamo da tempo, i tassi di interesse tedeschi sono semplicemente ridicoli, non rispecchiano affatto le reali condizioni economiche della Germania ma sono il risultato di una................

Italiani alle corde: reddito giù, bassi risparmi

Italiani alle corde: reddito giù, bassi risparmi: Fotografia della Cgia di Mestre: redditi ai livelli di 10 anni fa e risparmi decurtati del 26%

COME FUNZIONA IL NOSTRO SISTEMA FISCALE

COME FUNZIONA IL NOSTRO SISTEMA FISCALE:
 [I Pensieri in libertà di Mauro Gargaglione ravviveranno il blog in questi giorni di lavoro per il team di Riecho Economia e Libertà. Per non perderti le novità iscriviti alla Newsletter "Born to Be free". Non basta sapere, bisogna agire, stay tuned.]
Immaginiamo 10 uomini che ogni giorno vanno a bersi una birra e che il conto sia SEMPRE 100 dollari. Se pagassero il conto nel modo in cui si pagano le tasse (aliquote progressive ndt) avremmo una cosa del genere:

I primi quattro (i più poveri) sono esentati dal pagare.
Il quinto paga 1 dollaro
Il sesto paga 3 dollari
Il settimo 7$
L’ottavo 12$
Il nono 18$
Il decimo (il più ricco) pagherebbe 59$
Quindi questo è il sistema che hanno deciso di adottare.

I dieci uomini vanno tutti i giorni al pub a bere birra e sembrano abbastanza soddisfatti dell’accordo trovato finchè un giorno il barista gli fa una proposta insolita. «Siccome siete clienti così affezionati, invece di 100$ vi faccio lo sconto di 20 e pagherete 80$».

Il gruppo decide di non cambiare il modo di suddividere il conto per cui per i primi quattro non cambia nulla. Continueranno a bere gratis. E gli altri? Come fanno a spartirsi equamente lo sconto di 20$ del barista. Se lo dividono per sei avranno uno sconto cadauno di 3.33$ da sottrarre al dovuto ma se fanno così il quinto e il sesto uomo vanno in negativo e dovrebbero essere pagati per bere! Allora il barista suggerisce che sarebbe più equo ridurre ogni singola parte di una percentuale crescente.

Visto che gli va bene il sistema di contribuzione progressiva originario, procedono a ricalcolare l’ammontare secondo il suggerimento del barista.

Quindi il quinto uomo non pagherà più nulla (100% di risparmio)
Il sesto pagherà 2$ invece di 3 (33% di risparmio)
Il settimo 5 invece di 7 (28% di risparmio)
L’ottavo 9 invece di 12 (25%)
Il nono 14 invece di 18 (22%)
Il decimo 49 invece di 59 (16%)

Ciascuno dei dieci è adesso in una posizione migliore (o uguale) rispetto a prima. Però all’uscita dal pub gli uomini cominciano a fare i conti di quanti dollari dei 20 di sconto concessi dal barista si sono messi in tasca.

Il sesto fa «Per me c’è solo 1$ dei 20 del barista ma – indicando il decimo – lui se n’è beccati 10!»
«Hai ragione – dice il quinto – alla fine anch’io ho risparmiato solo 1$, non è affatto equo che lui abbia beneficiato dieci volte me»
«E’ vero – grida il settimo – perché a lui tornano indietro 10$ mentre a me solo 2? I più ricchi si prendono sempre i maggior vantaggi! »
«Ehi un momento – esclamano all’unisono i primi quattro – perché per noi non c’è niente? Questo sistema è basato sullo sfruttamento dei poveri !! »

Nove uomini circondano il decimo e lo menano.

La sera successiva il decimo uomo non si presenta al pub per la bevuta e allora gli altri nove si bevono la loro birra senza di lui ma al momento di pagare il conto si accorgono di una cosa importante. Non hanno abbastanza soldi per pagare neanche la metà del conto!

Così, cari amici e amiche, giornalisti e governanti, funziona il nostro sistema fiscale.

Nota:
per quelli che non l’hanno capito, nessuna spiegazione è possibile
per quelli che l’hanno capito, nessuna spiegazione è necessaria.
di Mauro Gargaglione
Contributor Riecho Economia e Libertà

Crisi USA: a Detroit si gettano i cadaveri in strada

Crisi USA: a Detroit si gettano i cadaveri in strada:
detroit9.jpg
Non ci siamo dimenticati di Detroit, che un po' la città-simbolo di questo blog e il nostro personale "canarino nella miniera" della crisi.
Seguiamo le vicissitudini di quella disgraziata città ormai da tempo, spesso attoniti ed atterriti allo spettacolo del progressivo incredibile degrado. Sembra di vedere una città futuristica e postcatastrofe, eppure tutto accade oggi.
L'ultima, segnalata dalla NBC, è questa: "I luoghi abbandonati di Detroit diventano discariche per cadaveri".
Continua a leggere Crisi USA: a Detroit si gettano i cadaveri in strada...
Commenta »




L’Egitto ha bombardato il Sinai

L’Egitto ha bombardato il Sinai:
Alcuni elicotteri militari egiziani hanno bombardato il villaggio di Touma e l’area di Sheikh Zuwaid nella penisola del Sinai, a circa 10 chilometri dalla striscia di Gaza, uccidendo 20 presunti militanti islamici (Al Jazeera ha scritto che sarebbero anche di più), in risposta all’attacco di domenica scorsa in cui un gruppo armato ha ucciso 16 agenti della polizia egiziana per cercare di entrare in Israele dal Sinai.
Secondo un comandante dell’esercito egiziano sono stati uccisi «venti terroristi e distrutti tre carri armati appartenenti ai terroristi. Le operazioni sono ancora in corso», ha detto l’agenzia di stampa Reuters. La notte scorsa c’erano già stati nella regione del Sinai scontri tra alcuni uomini armati e le forze di sicurezza egiziane al posto di blocco di al-Arish. Sei persone sono rimaste ferite, ha raccontato un giornalista di Reuters. Due uomini armati, inoltre, sono stati arrestati dalla polizia egiziana per il sospetto di aver attaccato un’azienda produttrice di cemento che appartiene all’esercito egiziano.
È la prima volta, dalla guerra contro Israele del 1973, che l’Egitto bombarda la penisola del Sinai. La presenza militare egiziana nella zona è limitata e richiede l’approvazione di Israele in base al trattato di pace del 1979, quando la penisola è tornata ad essere parte dello stato egiziano. Ha scritto BBC che nella regione le tensioni sono aumentate negli ultimi mesi: gli estremisti islamici hanno conquistato potere dopo la destituzione dell’ex presidente egiziano Hosni Mubarak.
Foto: STRINGER/AFP/GettyImages

Le nostre zombie bank si abbuffano sempre più di BOT e BTP

Le nostre zombie bank si abbuffano sempre più di BOT e BTP:

Notizia fresca, Sempre più Btp in mano alle banche italiane, 316 mld a fine giugno (fonte, Bankitalia)
Cresce ancora l’ammontare dei titoli di stato italiani in mano alle banche del Belpaese. Secondo i dati contenuti nel Supplemento al Bollettino Statistico “Moneta e banche” pubblicato da Bankitalia le banche italiane a fine giugno 2012 detenevano titoli di stato italiani per 316,106 miliardi di euro, in rialzo rispetto ai 302,53 miliardi di euro di maggio. Da inizio anno la quota di bond governativi detenuti dalla banche con sede in Italia è cresciuta di oltre 100 mld. In crescita anche i depositi privati (+2,9%), mentre scendono dell’1,5% i prestiti alle imprese.
Milano, Finanza.com

Quindi se ne deduce che quasi la metà dei 2 LTRO è stata destinata al solo acquisto dei titoli di stato italiani e che la liquidità regalata dalla BCE potrebbe essere finita. Ma per le banche estere francesi e tedesche in primis che devono ancora sbolognare tonnellate di debito italiano no problem, il fondo ESM è pronto per entrare in azione, a settembre avrà il via libera dalla Corte Costituzionale Tedesca (e vorrei vedere il contrario con tutti i bonos e btp che le loro banche devono ancora vendere). Non solo ma sull’onda dell’euforia dell’ok tedesco al fondo, potranno anche vendere a prezzi maggiori degli attuali. Una vera pacchia.
Alla fine come sempre detto, quando tutto il nostro debito sarà ripartito tra banche nazionali, BCE e fondo ESM la ristrutturazione sarà solo un problema delle nostre banche e dei privati cittadini coi titoli di stato in portafoglio… e vi rimando alle conclusioni di questo post
Debito italiano ed evoluzione dello scenario politico-economico della zona euro.

Genova, danneggiata sede di Equitalia. La scritta sui muri: “Ladri assassini”

Genova, danneggiata sede di Equitalia. La scritta sui muri: “Ladri assassini”:
Lancio di pietre e scritte piene di insulti (“ladri assassini”) nella notte contro la sede di Equitalia di via D’Annunzio a Genova, in pieno centro cittadino. L’attacco è balzato agli occhi degli uomini di sorveglianza che hanno allertato le forze dell’ordine.
Sul posto sono intervenuti i carabinieri del nucleo radiomobile e i colleghi della sezione rilievi che hanno svolto accertamenti nella speranza di riuscire a raccogliere tracce o impronte lasciate dai danneggiatori. Tra le scritte non compaiono rivendicazioni o sigle.

Uk, chi controllava il controllore?

Uk, chi controllava il controllore?: Jessica Harper, ex capo della vigilanza sulle frodi e la sicurezza digitale di Lloyds Banking Group, settore bancario del famoso gruppo assicurativo britannico, ammette in tribunale di aver frodato il suo datore di lavoro sottraendo denaro per quattro anni...

Il Sentiero dell'Oro verso i $10,000 l'oncia

Il Sentiero dell'Oro verso i $10,000 l'oncia

E' notizia di qualche giorno fa che il Tesoro degli Stati Uniti condurrà un audit delle riserve auree della Federal Reserve Bank di New York. Questa è una verifica che il Tesoro degli USA non conduceva sin dal 1954. Capite benissimo, cari lettori, che un audit vero e completo dovrebbe coprire circa 60 anni di storia fino ad oggi, dovrebbe indagare sui possessori reali di quell'oro e scoprire se qualcun altro potrebbe avanzare rivendicazioni su quello stesso oro. Ufficialmente è il Tesoro degli Stati Uniti il vero possessore dell'oro immagazzinato presso la FED, e se si scopre che manca dell'oro rispetto alle quantità ad oggi dichiarate o si scopre che parte di esso è "intralciato" il Tesoro stesso verrà incolpato di questo illecito. Comprenderete come questo sia un incentivo per il Tesoro affinché chiuda un occhio su eventuali infrazioni. Vedremo come andrà a finire, vedremo se l'audit sarà seguito da una verifica anche da parte del GAO. Gli auspici non sono dei migliori. Nel frattempo leggiamo questa analisi "audace" di Dan Amoss su un possibile ritorno al gold standard.
__________________________________________________________________________________


di Dan Amoss


C'è un percorso plausibile dell'oro verso i $10,000 l'oncia. E non richiede un crollo della società civile...

Gli speculatori vedono i banchieri centrali come dei moderni supereroi in grado di spingere i mercati con una sola frase. Nella mente della maggior parte degli investitori, Ben Bernanke, Mario Draghi e Masaaki Shirakawa potrebbero anche indossare calzamaglie, maschere e mantelli. Questi banchieri centrali supereroi piombano continuamente sui mercati finanziari per difenderli dalle oscillazioni al ribasso... e per assicurarsi che offrano sempre guadagni in conto capitale.

La realtà, naturalmente, è che questi supereroi sono frodi. Non hanno superpoteri... se non il ....................................

Multa storica per le banche del Regno Unito

Multa storica per le banche del Regno Unito: Multa storica per le principali banche inglesi.

Problemi con Equitalia: 2 anziani si impiccano abbracciati

Problemi con Equitalia: 2 anziani si impiccano abbracciati:

di REDAZIONE
Due anziani coniugi si sono uccisi, impiccandosi nel garage di casa, ad Ancarano in un piccolo paese del teramano: li hanno trovati abbracciati. Nessuna lettera d`addio, ma un figlio schiacciato dai debiti: i due, 79 anni il padre, 75 la madre, erano i genitori di un artigiano la cui abitazione, era finita all’asta dopo che banche ed Equitalia avevano avviato le azioni per recuperare i crediti vantati.


Il50enne, in un gesto di disperazione, ha tentato di recuperare la casa, con una tentata estorsione ai danni dell’uomo che ha ricomprato l’immobile all’asta. E per questo è finito in carcere.

La vicenda è riportasta dal quotidiano locale Il Centro. Sembra che la donna, come raccontano alcuni testimoni, da tempo soffrisse di depressione. A trovare i due anziani morti, ieri pomeriggio, è stato un altro figlio che abitava con la coppia. In un primo momento si era diffusa nel paese la voce che i due anziani avessero deciso di togliersi la vita per far ereditare la loro abitazione al figlio in difficoltà. Ipotesi che – riferisce il quotidiano – è esclusa da Bruno Massucci, avvocato dell’uomo: «Il mio assistito perderebbe anche la casa ereditata».

FONTE: http://www.dazebaonews.it/

Spagna:S&P pronta taglio rating 4 banche

Spagna:S&P pronta taglio rating 4 banche: Agenzia rating in attesa dettagli aiuti Ue su settore credito

Il canto del cigno

Il canto del cigno:

Casini_legge_elettorale.jpg
"I cigni quando intuiscono di dover morire, riescono ad emettere un canto con note forti e splendenti, riescono a cantare come mai prima, proprio perché consapevoli che la loro vita terrena é giunta al termine e, tutto questo, lo fanno cercando di farsi notare per l'ultima volta. Troppe similitudini trovo con la nostra classe politica attuale che, sapendo di dover lasciare una vita privilegiata, cerca in tutti i modi di farsi notare, ma in questo caso non per la paura di morire, ma per la paura di perdere tutto (magari anche restituire). La differenza sostanziale é che il cigno canta e urla con orgoglio, mentre il politico parla e urla per paura di dover lasciare i privilegi. Troppo spesso si dice gli animali ci insegnano qualcosa, ed è proprio in questi momenti che i nostri politici dovrebbero prendere esempio da loro. Signori politici fate il vostro ultimo canto e toglietevi dai coglioni." Sabrino Di Renzo, Gradara

Intervista ad Andrea Costantini, Secretary General of the Italians in Singapore Society

ShoppingSingapore


Andrea, come va l’economia di Singapore?
Abbastanza solida. GDP cresce all'1.9% , il tasso di disoccupazione e' molto contenuto ( 2%), aumenta pero' l'indice dei prezzi (+4.9) l'inflazione core (+2.9) e la dipendenza dall' Europa che si potrebbe sentire maggiormente nei prossimi quarters. Ancora molti singaporeani hanno investimenti in v

Il Crollo della Produzione Agricola. Una lezione da meditare.

Il Crollo della Produzione Agricola. Una lezione da meditare.:




Giuseppe Sandro Mela.







Grano nel Campo Il Crollo della Produzione Agricola. Una lezione da meditare.

Grano nel Campo. Fonte: Coldiretti








                In una società di servizi, magari con ancora un qualche residuo industriale produttivo, la cui popolazione vive prevalentemente in agglomerati urbani, si sviluppa insensibilmente l’idea che il cibo con cui ci ......................

Soldi russi al Pci di "Re Giorgio"!

Soldi russi al Pci di "Re Giorgio"!:



Fonte:http://freeskipper.blogspot.it/2012/08/soldi-russi-al-pci-di-re-giorgio.html

Antonio Di Pietro è furioso dopo l'ennesimo voto di fiducia incassato dal governo sulla spending review, e ne ha per tutti! Torna a cantarle di santa ragione al Quirinale e lo fa dalle pagine del suo blog - Non riconosco più Napolitano - e poi sul settimanale "Oggi" dove, utilizzando le parole del suo storico avversario Bettino Craxi, riprende dall’ex leader del Psi l'accusa più politica che il segretario socialista aveva formulato nei confronti dell'onorevole Giorgio Napolitano: i trascorsi legami con l'allora Urss e con la Prima Repubblica. “Esistono - secondo Di Pietro - due Giorgio Napolitano: quello che ci racconta oggi la pubblicistica ufficiale, il limpido garante della Costituzione, e quello che raccontò l'imputato Bettino Craxi in un interrogatorio formale, reso, nel 1993, durante una pubblica udienza del processo Enimont, uno dei più importanti di Tangentopoli. Craxi descriveva quel Napolitano, esponente di spicco del Pci nonchè presidente della Camera, come un uomo molto attento al sistema della Prima Repubblica specie coltivando i suoi rapporti con Mosca. Io credo che in quell'interrogatorio formale, che io condussi davanti al giudice, Craxi stesse rivelando fatti veri perchè accusò pure se stesso e poi gli altri di finanziamento illecito dei partiti. Ora delle due l'una: o quei fatti raccontati non avevano rilevanza penale oppure non vedo perchè si sia usato il sistema dei due pesi e delle due misure. Abbiamo letto sul prestigioso NYT che al ........................

Carburanti: Qe, Eni Prosegue Nei Rialzi

Carburanti: Qe, Eni Prosegue Nei Rialzi


(ASCA) - Roma, 8 ago - Volano le quotazioni internazionali di benzina e diesel, si contraggono bruscamente i margini lordi delle compagnie ed Eni decide per il secondo giorno consecutivo di aumentare i prezzi raccomandati salendo sulla verde di un altro centesimo, sul gasolio di 0,5 centesimi e sul Gpl di 1 centesimo. Rialzi che, sommati a quelli di ieri, fanno rimbalzare il market leader di 2,3 centesimi in 48 ore sul prodotto leggero e di 1 centesimo su quello pesante. Ferme tutte le altre petrolifere, almeno per oggi. Non si escludono interventi per domani, che potrebbero alzare la soglia della prossima discesa da ottovolante promessa e attesa dai consumatori per il week end, con gli anticipi del venerdi'. Gli sconti, tuttavia, non si estenderanno al Gpl, che potrebbe vivere un mese di graduale salita senza il ''brivido'' del sottocosto del fine settimana. Sul territorio si assiste ad una crescita generalizzata sia dei valori medi (in conseguenza dei recenti rincari), sia delle punte massime. In progresso anche le no-logo, tradizionalmente sensibili alle dinamiche dei mercati internazionali. Piu' nel dettaglio, secondo quanto risulta in un campione di stazioni di servizio che rappresenta la situazione nazionale per Check-Up Prezzi QE, i prezzi medi serviti sono oggi in ascesa a 1,866 euro/litro per la benzina, 1,756 per il diesel e 0,755 per il Gpl. Punte massime fino a 1,949 per la verde, a 1,798 per il diesel e a 0,793 per il Gpl. A livello Paese il prezzo medio praticato della benzina (sempre in modalita' servito) va dall'1,855 euro/litro di Esso all'1,866 di IP (no-logo su a 1,780). Per il diesel si passa dall'1,748 euro/litro di Esso all'1,756 di Tamoil (no-logo fino a 1,654). Il Gpl infine e' tra 0,746 euro/litro ancora di Esso e 0,755 di Shell, Tamoil e TotalErg (no-logo a 0,740).

Kirchner all'Europa: "I morti non possono pagare i debiti"

Kirchner all'Europa: "I morti non possono pagare i debiti"

7 agosto 2012 (MoviSol) - Parlando alla Camera di Commercio di Buenos Aires il 2 agosto, nella ricorrenza della sua fondazione, il Presidente argentino Cristina Fernandez de Kirchner ha nuovamente stigmatizzato la politica antipopolare dei governi europei ricordando che il suo scomparso consorte Nestor Kirchner ammonì nel 2003 alle Nazioni Unite che "i morti non possono pagare i debiti". L'allora Presidente Kirchner spiegò che l'austerità non avrebbe mai generato una ripresa in Argentina e giurò di non anteporre gli interessi dei banchieri a quelli dei cittadini.

"Sento che l'Europa non capisce questo", ha detto la Kirchner. Guardiamo alla Spagna: "Come si fa ad avere la crescita se la gente perde il lavoro, i salari vengono tagliati, le case messe all'asta e i benefici sociali ridotti?" Ho letto che il 10 per cento dell'impiego pubblico verrà tagliato, assieme a 50 mila posti letto negli ospedali, ha detto. "Non si può sostenere un'economia o una società in queste condizioni", ha ammonito.

In Europa "c'è un'incredibile crisi speculativa", aggiunto, "qualcosa che noi conosciamo bene". Confutando l'idea che in Europa ci sia un'eccessiva spesa pubblica, ha ricordato che ci sono stati i salvataggi bancari, come quella della Bankia in Spagna, che era amministrata dall'ex direttore del FMI Rodrigo Rato. Rato "era solito impartirci lezioni" sulla politica economica, ma la sua banca ha un buco di 230 miliardi di euro. "C'è stato un incredibile salvataggio delle banche, così che queste hanno potuto disimpegnarsi dalle posizioni difficili" nelle nazioni sud europee, ma si tratta "delle stesse banche che hanno prestato i soldi" a quei paesi!

È proprio "come l'Argentina nel 2001", quando i predatori finanziari stranieri imposero "mega-swaps" e salvataggi a condizioni usuraie, promettendo che ciò avrebbe blindato il paese dalla crisi. Fino all'ultimo i finanzieri proclamarono che l'economia fosse veramente "solida". Era una frode, e gli argentini ne furono vittima.

Il Presidente argentino ha parlato alla vigilia del pagamento di 2,3 miliardi di dollari ai possessori dei bonds Boden-2012, rilasciati in cambio dei soldi congelati nel "corralito" imposto nel 2001 dal folle ministro delle Finanze Domingo Cavallo. La Kirchner ha sfruttato l'occasione per documentare come il debito estero, a cominciare dal famoso prestito dei fratelli Barings nel 1811, è stato usato per saccheggiare il paese, dettagliando come l'"aritmetica dei banchieri" ha costretto l'Argentina a pagare e pagare ma il debito cresceva sempre.

Sul proprio sito Facebook, la Kirchner ha pubblicato tabelle del governo che mostrano come tutti i parametri finanziari, economici e sociali sono migliorati dal 2002 ad oggi. Il debito pubblico è sceso dal 166% al 41,8%, il PIL è raddoppiato, gli interessi sul debito sono passati dal 21,9 al 6% del bilancio, il salario minimo è cresciuto otto volte, il numero dei poveri è sceso dal 48 al 7%, il debito delle province dal 21,9 al 6,9%. Sono cifre da spiattellare in faccia a chi dice che se l'Italia esce dall'Euro "farà la fine dell'Argentina".

Obama ha speso 790 miliardi in più ma non c’è lavoro

Obama ha speso 790 miliardi in più ma non c’è lavoro:




Vincenzo Miglino






Nonostante 787 miliardi di spesa pubblica aggiuntiva per sostenere l'economia Usa, la disoccupazione è cresciuta. La delusione per il modo in cui ha speso Obama questa montagna di soldi è forte. Il problema per il presidente più a sinistra della recente storia Usa, che a novembre si gioca la rielezione,  è che dall’ultima rilevazione della camera di commercio Usa emerge che, tra i piccoli imprenditori, solo 1 su 5 pensa di assumere nel 2013.



leggi tutto

S&P’s boccia la Grecia, Juncker prevede uscita dall’euro in autunno


Ti è stato inviato tramite Google Reader

S&P's boccia la Grecia, Juncker prevede uscita dall'euro in autunno

Standard & Poor's ha rivisto al ribasso le prospettive della Grecia, da stabili a negative perché il Paese avrà bisogno di ulteriori finanziamenti [...]




Inviato da iPhone

Guerra al fotovoltaico: conviene a noi, non all’Enel


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Guerra al fotovoltaico: conviene a noi, non all'Enel

Il 3 maggio scorso si verificò un evento storico nella produzione energetica italiana: fu "il giovedì in cui l'energia costava zero", grazie al boom del fotovoltaico italiano. Debora Billi, giornalista e blogger, profetizzò che presto nuove leggi e decreti avrebbero protetto la lobby dei produttori di termoelettrico. «Da quel giorno – scrive ora nelle pagine di "Petrolio.blogosfere" – è infatti cominciata la battaglia dei produttori tradizionali contro la produzione di energia rinnovabile, che li costringeva a rimetterci fior di soldoni. Con buona pace delle decantate "leggi di mercato", si è cercato in tutti i modi di porre un freno all'enorme produzione italiana di energia gratuita solare. Motivo: le centrali a olio combustibile e turbogas non dovevano chiudere i battenti. «Il bello è che abbiamo praticamente un problema di sovrapproduzione: ma non dovevamo fare le urgentissime centrali nucleari?». (continua…)




Inviato da iPhone

Grecia/ S&P abbassa outlook da "stabile" a "negativo"

Grecia/ S&P abbassa outlook da "stabile" a "negativo"

Washington, 8 ago. (TMNews) - L'agenzia di rating Standard and Poor's ha abbassato l'outlook del debito greco da "stabile" a "negativo", a causa dei "ritardi" nell'applicazione del piano di tagli e riforme negoziato da Atene con i creditori internazionali. S&P mantiene il rating a CCC ma sottolinea che un ulteriore abbassamento è possibile a causa della situazione economica che va peggiorando: secondo l'agenzia Atene potrebbe essere costretta a chiedere aiuti finanziari supplementari per 7 miliardi di dollari. (fonte Afp)

QUANDO D'ALEMA CHIESE A MONTI...


Ti è stato inviato tramite Google Reader

QUANDO D'ALEMA CHIESE A MONTI...


DI GIANFRANCO LA GRASSA

conflittiestrategie.it

Siamo un po' in ritardo rispetto a quanto sta accadendo e alle notizie varie. Tuttavia, ho ritenuto utile finire l'articolo (apparentemente) teorico, che credo pochi leggeranno e mediteranno, mentre sempre più viene invece in evidenza come, senza una buona teoria (per nulla astrusa poiché serve ad afferrare ciò che sta "dietro la maschera"), si ottenga soltanto il bla bla dei giornalisti, politici ed economisti vari dei tempi correnti. Quanto ai "pensatori", sono i più limitati di tutti e, se per caso non lo fossero, sono allora consapevoli imbroglioni venduti a questo o quel gruppo di "grandi decisori" (quelli solitamente indicati come dominanti).


Inviato da iPhone

Standard & Poor's declassa la Grecia


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Standard & Poor's declassa la Grecia

Il rating da "stabile" a "negativo". Per l'agenzia servono ancora aiuti Ue e Fmi


Inviato da iPhone

USA: VEICOLI CORAZZATI PER PATTUGLIARE LE CITTA'


Ti è stato inviato tramite Google Reader

USA: VEICOLI CORAZZATI PER PATTUGLIARE LE CITTA'

Veicoli corazzati del tipo utilizzato per dare la caccia ai ribelli in Afghanistan sono impegnati a pattugliare le strade a Sheboygan County nel Wisconsin come parte di un'esercitazione della US Army Reserve. Il Capitano William Geddes ha detto che "la US Army Reserve ha voluto avvertire l'opinione pubblica riguardo le date dell'esercitazione in modo che i residenti non siano allarmati quando un branco di veicoli militari pesantemente corazzati  gireranno per le strade della contea".

Le esercitazioni sono in corso, nonostante il fatto che le truppe alla guida dei veicoli M1117 blindati hanno già ricevuto la loro formazione di base. "Sono veicoli che questi ufficiali militari potrebbero utilizzare se sono schierati, i veicoli di pattuglia,".

I veicoli, che sono stati utilizzati all'estero in Afghanistan, sono descritti come "strani", "intimidatori" e "pesantemente corazzati", pur avendo le stesse dimensioni di un grosso SUV. Le autorità locali, almeno apparentemente, sembra che non siano state nemmeno informate sule esercitazioni in programma, che proseguiranno fino al 17 agosto.
Adam Payne amministratore di Sheboygan County, ha detto di non essere a conoscenza delle esercitazioni. Due funzionari della città si sono rifiutati di commentare, perché nemmeno loro ne sapevano nulla dell'esercitazione.
Geddes esortato i cittadini a non creare pericoli per la sicurezza sulle strade fermandosi a guardare i veicoli.
I crescenti fenomeni di esercitazioni militari che si svolgono lontano da basi militari in mezzo al pubblico nelle città, ha portato il timore che il popolo americano sia stato acclimatato ad accettare una potenziale futura dichiarazione di legge marziale.


Inviato da iPhone

L’OPPOSIZIONE TEDESCA CORRE IN SOCCORSO DI DRAGHI E PUNTA A SCALZARE LA MERKEL ALLEANDOSI CON LA B.C.E. LA COMPATTEZZA POLITICA DELLA GERMANIA È ORMAI UN RICORDO. di Antonio de Martini


Ti è stato inviato tramite Google Reader

L'OPPOSIZIONE TEDESCA CORRE IN SOCCORSO DI DRAGHI E PUNTA A SCALZARE LA MERKEL ALLEANDOSI CON LA B.C.E. LA COMPATTEZZA POLITICA DELLA GERMANIA È ORMAI UN RICORDO. di Antonio de Martini

Il partito socialdemocratico rivela la sua strategia elettorale per scalzare la Cancelliera Merkel dal potere, sposando la tesi della Banca Centrale Europea, ossia dei Bond garantiti da più paesi, abbinati con l'Unione fiscale e una nuova bozza di Costituzione Europea da sottoporre a referendum.


Sigmar Gabriel, leader ...........

E’ recessione piena! Record per la cassa integrazione e industriali timorosi

E’ recessione piena! Record per la cassa integrazione e industriali timorosi

di MARIETTO CERNEAZ
Il Pil fa un tonfo, va sotto del 2,5% nel terzo trimestre.… Un record vero e proprio che sancisce la recessione e mette in dubbio le parole di Mario Monti, che solo qualche giorno fa sosteneva di vedere la luce in fondo al tunnel. Una luce che

LEGGI2 Comments

Gli imprenditori avanzano soldi, il Governo assume 21.000 insegnanti

Gli imprenditori avanzano soldi, il Governo assume 21.000 insegnanti

di CARLO MELINA
Mio nipote, 8 anni, quando fa i compiti è obbligato dalla sua maestra… (cattolica) a scrivere, dopo la data, il Santo del giorno. Integralismo? No, si chiama libertà di educazione. Perché i suoi genitori (o i facenti veci) hanno scelto liberamente per lui un percorso educativo di

LEGGI0 Comments

Le parole di Monti non bastano per calmare i mercati

Dice Monti che lo spread sarebbe a quota 1.200 nel caso Silvio Berlusconi fosse rimasto al governo. Non sapremo mai la verità. Dati alla mano, poco prima dell'insediamento del governo, il 9 novembre, ci fu il picco dello spread a 553 punti base. Prima delle parole di Draghi dalla City, qualche giorno fa, il nuovo picco, a 536 punti. Le previsioni del Fmi per il 2012 sono passate da un +0,3% a un -1,9%. Ma a essersi rotto nel frattempo è il meccanismo di trasmissione della politica monetaria. Oltre a una riforma del lavoro considerata un ibrido.

ANALISI


Leggi il resto: http://www.linkiesta.it/node#ixzz22vrjMHAw

"L'uscita della Grecia? E' gestibile"

Flags of the EU member states fly behind

"L'uscita della Grecia? E' gestibile"

7 agosto 2012 - Ma non desiderabile. Lo dice il presidente dell'Eurogruppo Jean-Claude Juncker CONTINUA

La Fornero è libera. Giustizia chiede: liberate Bernardo Provenzano.

Articolo di Paolo Barnard

www.paolobarnard.info

La melassa di Fornero, Mediobanca, ING, Generali, INVESCO. Oggi è veleno vero.

Un assassino economico come Elsa Fornero scala le poltrone dell’accademia sognando di ricevere un giorno una chiamata per un incarico di prestigio in un grande istituto finanziario internazionale. Che so, ING? AXA? Zurich? Ovviamente parcella milionaria.
Un automa sociopatico come Elsa Fornero siede in un Ministero italiano per eseguire gli ordini ricevuti, sognando di ricevere un giorno una chiamata per un incarico di prestigio in un grande istituto finanziario internazionale. Che so, ING? AXA? Zurich? Ovviamente parcella milionaria.
Dovete solo indovinare il nome del grande istituto finanziario internazionale, il resto è una certezza.

Siria: vescovo Aleppo accusa Usa e denuncia, islamisti anche dal Belgio

Warning: Division by zero in /web/htdocs/www.stampalibera.com/home/wp-content/plugins/rating-widget/rating-widget.php on line 2945

07 Agosto 2012 – 20:26

(ASCA) – Roma, 7 ago – ”Ci sono scontri in atto in diverse zone e quartieri della citta’. Si odono continui colpi di arma da fuoco, tanti scoppi, alcuni molto forti, forse di mortaio. Siamo molto preoccupati perche’ non sappiamo cosa accadra’ e a cosa andremo incontro. Si dice che si stia preparando una battaglia, che genere di conflitto sara’, quando comincera’ e quanto durera’ non lo possiamo sapere.

Non possiamo fare altro che sperare in un compromesso che eviti uno spargimento di sangue, vittime innocenti. Altro sangue non fara’ che aumentare l’odio, le divisioni, e la distanza tra le parti”: e’ l’appello disperato lanciato all’agenzia Sir da mons. Jean-Cle’ment Jeanbart, arcivescovo greco-melkita di Aleppo, la seconda citta’ della Siria teatro da settimane dello scontro tra le forze del regime di Assad e i ribelli.

Leggi il resto di questo articolo »