18/08/12

Se l’Italia crolla la colpa è di Sansone e di tutti i Filistei


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Se l'Italia crolla la colpa è di Sansone e di tutti i Filistei

di LEONARDO FACCO


Date le attuali condizioni, pare decisamente realistico definire l'Italia un "paese in via di sottosviluppo". Non serve certo che sia io a riportare la sequela di dati ed informazioni che, più o meno quotidianamente, possiamo leggere su giornali vari, questo in particolare, in Rete e – di tanto in tanto – ascoltare anche in tv. Ciò che è innegabile è che siamo in piena recessione economica, che anche per chi non è avvezzo alle teorie degli economisti di "Scuola Austriaca" non è un bel vedere.


Ci sono alcuni indicatori che la storia economica mondiale ci ha tramandato nel tempo, ma che pochi studiosi del regime hanno seriamente approfondito. Uno degli emeriti intellettuali che, invece, ce lo ha segnalato è Charles Adams, che in questo paese è stato tradotto da "Liberilibri", glorioso editore di libri libertari. Nel libro "For Good and Evil", Adams mostra al lettore un sacco di evidenze – tutte conseguenza degli eccessi della tassazione – che spiegano perché gli Imperi, i Regni e i Governi – oggi possiamo aggiungere le Democrazie – son miseramente caduti. Tra queste, ci sono alcuni fenomeni sociali che stiamo rivivendo:


1) Un paese non ha futuro quando scappano i capitali;


2) Un paese non ha futuro quando non ci investono gli stranieri;


3) Un paese non ha futuro quando fuggono le menti migliori;


4) Un paese non ha futuro quando prendono il largo anche gli imprenditori, ovvero gli unici produttori di ricchezza che la società conosca;


5) Un paese non ha futuro quando l'emigrazione comincia a trasformarsi in un fenomeno di massa.


Senza che sia necessario essere direttori del Censis o di Demoskopea, la casistica di cui sopra è ormai una realtà, triste, che attanaglia la penisola italiana. Per la cronaca, appena riesco me ne vado oltrefrontiera per scandagliare qualche opportunità interessante per ripensare il futuro, non tanto mio, ma di mio figlio. Giusto per riprendere una domanda che mi sento spesso rivolgere – per chiunque abbia un minimo di amor proprio – è doveroso chiedersi: che fare se l'Italia crolla?


Intanto, era necessario cominciare a predisporsi – con buone letture – a capire che lo Stato non è mai la soluzione, ma il problema. Trovarsi di colpo sotto le macerie non è il massimo della vita. Frédéric Bastiat, troppo poco letto e per nulla insegnato nei diplomifici nostrani, sosteneva: "Di fatto lo Stato non è rimasto disattento. Ha due mani, una per ricevere, l'altra per dare, o come si dice, la mano rude e la mano dolce. L'attività della second...



Inviato da iPhone

DENUNCIATI SATANISTI: HANNO UCCISO 300 GATTI NERI


Ti è stato inviato tramite Google Reader

DENUNCIATI SATANISTI: HANNO UCCISO 300 GATTI NERI

di REDAZIONE


Dodici gruppi "esoterico-satanisti" che operano nel centro-nord Italia sono stati denunciati dal presidente nazionale dell'Associazione italiana difesa animali ed ambiente (Aidaa), Lorenzo Croce, per l'uccisione di 300 gatti neri. Lo annuncia l'associazione animalista in una nota, precisando di aver denunciato all'autorita' giudiziaria 34 adepti di questi 12 gruppi per il reato di maltrattamento e uccisione di animali ai sensi dell'articolo 544 ter del codice penale, sulla base di "oltre 300 segnalazioni giunte al servizio online di tutela degli animali che facevano riferimento a sparizioni di gatti neri in diverse zone del Piemonte, Lombardia, Liguria Emilia Romagna, Veneto e Lazio". Secondo gli animalisti, i 300 gatti neri sono stati "rapiti ed uccisi nel corso di riti e sacrifici a satana" tra il 2007 e il 2012.


"La denuncia – precisa Aidas – riguarda in particolare le sette operanti nella zona di Cairo Montenotte in Liguria. Alba, Val Pellice e valli del Cuneese e alto Verbano in Piemonte; in Valtellina (Zona Morbegno e Val chiavenna), Basso Varesotto (Zona diga del Panperduto nota anche come zona operativa delle Bestie di Satana) e nella zona dei boschi del parco delle Groane in Lombardia; Per quanto riguarda il Veneto la segnalazione riguarda un gruppo esoterico che in un paio di occasioni, nel 2007 e 2008, avrebbe operato con i propri riti nella zona del cimitero di Lazise.


In Emilia il gruppo esoterico è operativo nella zona del Modenese ed in particolare nelle vicinanze del comune di Mirandola ed infine per quanto riguarda il Lazio i gruppi segnalati sono due, uno operante nella zona del cimitero del Verano a Roma e uno operante nella zona di Montefiascone sul lago di Bolsena in provincia di Viterbo".



Inviato da iPhone

Dozzine di droni sottomarini dislocati nelle acque iraniane


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Dozzine di droni sottomarini dislocati nelle acque iraniane

TRADUZIONE EFFEDIEFFE


Inviato da iPhone

Altro che primavera araba, la guerra in Siria è per il gas


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Altro che primavera araba, la guerra in Siria è per il gas




Ernesto Gallo e Giovanni Biava







Nessuno interviene in Siria perché ci sono già tutti. Dagli Usa alla Turchia, tutti sono già lì in qualche modo. E il motivo è anche l'energia. Nel luglio 2011 Siria, Iraq e Iran hanno firmato un accordo per costruire entro il 2016 un gasdotto collegante South Pars (Iran), il più grande giacimento mondiale di gas naturale, alla Siria e dunque al Mediterraneo. Un mese dopo il governo siriano ha annunciato la scoperta di un vasto giacimento di gas a Qara, vicino a Homs. Da allora lo scontro armato non si è più fermato. E da allora la Ue non ha saputo che pesci prendere. 





leggi tutto



Inviato da iPhone

Mah?.....


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Mah?.....

Mah?.....Sarà...
Ma a me questo mega-rialzo delle Borse costruito sui volumi fini di agosto non mi convince....
Mi sembra un'ottima occasione speculativa per ripagarsi le vacanze in Hotel a 4 stelle...
ma per il resto non mi convince affatto...

Ed il mio giudizio non si lascia di certo influenzare dal sublime godimento che sto provando...
visto che giovedì 26 luglio comprai una bella manciata di MPS a 0,165...
Ebbene le ho ancora...ed oggi sono a 0,22 (quasi +35%...) anche grazie all'allucinante +17% di venerdì scorso causato da una sparata di Profumo-in-costume-da-bagno che ha dichiarato come la fondazione MPS dovrebbe un po' disimpegnarsi da MPS....
Evvai (!) di allegra speculazione rialzista sulle masturbazioni estive di ingressi cinesi, arabi o marziani nell'azionariato di una banca fallita e "salvata" poco fa dallo Stato Italiano e dai Tremonti-bonds....
Però la speculazione rialzista (la peggiore...) non scandalizza MAI nessuno....
mentre quella ribassista fa sempre scandalizzare schiere di Soloni nazional-populisti che di trading&finanza non capiscono una mazza...
leggetevi bene questo mio trattato di pragmatismo: Uèèèèèèè!!! Voiooo la Mamma....!

Beh...
il mio colpaccio-scommessa in questa Italia Investimento speculativo ad alto ...


Inviato da iPhone

La Merck ammette l’inoculazione del virus del cancro


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La Merck ammette l'inoculazione del virus del cancro

La Merck ammette l'inoculazione del virus del cancro – La divisione vaccini della farmaceutica Merck, ammette l'inoculazione del virus del cancro per mezzo dei vaccini. (chi conosce la NMG, la Nuova Medicina Germanica di R.G. Hamer sa che non esistono virus del cancro. La frase credo intenda il concetto che un attacco chimico pesante al nostro corpo, messo a segno dai vaccini, possa favorire una reazione di difesa naturale tale da essere combattuta in modo traumatico sino all'induzione del cancro che come ben sappiamo ha origine nella nostra Psiche.) Ndr


La sconvolgente intervista censurata, condotta dallo studioso di storia medica Edward Shorter per la televisione pubblica di Boston WGBH e la Blackwell Science, è stata tagliata dal libro "The Health Century" a causa dei sui contenuti – l'ammissione che la Merck ha tradizionalmente iniettato il virus (SV40 ed altri) nella popolazione di tutto il mondo.

Questo filmato contenuto nel documentario "In Lies We Trust: The CIA, Hollywood & Bioterrorism", prodotto e creato liberamente dalle associazioni di tutela dei consumatori e dall'esperto di salute pubblica, Dr. Leonard Horowitz, caratterizza l'intervista al maggior esperto di vaccini del mondo, il Dott. Maurice Hilleman, che spiega perché l a Merck ha diffuso l'AIDS, la leucemia e altre orribili piaghe nel mondo:



Nei vaccini venduti al terzo mondo si é scoperto che molti di questi contenevano l'ormone B-hCG un anti fertile se immesso in un vaccino.

La corte Suprema delle Filippine ha scoperto che oltre 3 milioni di ragazze e donne hanno assunto questi vaccini contaminati, cosí come in Nigeria, Tailandia ecc…




Per chi non abbia ancora visto questi video-documenti scioccanti:

http://uk.youtube.com/watch?v=edikv0zbAlU" href="http://uk.youtube.com/watch...



Inviato da iPhone

Ecco il golfo in cui passa il 20% del petrolio mondiale. È l’assicurazione sulla vita di Assad e dell’Iran. di Antonio de Martini


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Ecco il golfo in cui passa il 20% del petrolio mondiale. È l'assicurazione sulla vita di Assad e dell'Iran. di Antonio de Martini

20120818-163433.jpg

Nella cartina vedete la penisola araba, la parte orientale dell'Arabia saudita con Quatif , la città che si è ribellata ai sauditi- Wahabiti essendo la regione abitata da tribù sciite. Nel golfo, Bahrein base della quinta flotta USA e abitata da sciiti in rivolta contro la dinastia sunnita.

Il re del Baharein, ha ricevuto " l'aiuto fraterno" dell'Arabia Saudita ed ha faticato non poco a convincere la segretaria di Stato Clinton che la rivolta era aiutata dai vicini iraniani.

Il grande paradosso americano è consistito nel promuovere il " regime change" in Irak a favore degli sciiti e il "regime change " in Siria contro gli Alawiti ( che sono una forma di sciitismo) , il "regime change" sembra basato sul principio di maggioranza che però non è applicabile a Israele dove la maggioranza è araba e palestinese.

Una contraddizione che dura dal 1948 e che avvelena la regione.

La legge di maggioranza non è valida per i Curdi abitanti in Turchia e in Siria, ma lo è per quelli abitanti in Irak e in Persia.

Il criterio base sembra essere che gli amici degli USA sono OK e gli altri vanno bombardati.

Questo atteggiamento privo di basi culturali e mirante ad esportare la mentalità americana come fosse Coca Cola, ha come conseguenza pratica il dissanguamento economico dei " principi ereditari" ( Sauditi, ed Emirati del Golfo) costretti a finanziare tutte le guerre dell'area e il dissanguamento reale di quanti fanno resistenza a un progetto incomprensibile.

Tra sanzioni economiche e bombardamenti il mondo arabo ha pagato un tributo di oltre un milione e mezzo di morti.

Il prezzo pagato dagli USA , oltre ai cinquemila morti in Irak, è consistito nella perdita della immagine del "cavaliere bianco" che si batte per la libertà altrui e nella perdita – strada facendo – di una serie di alleati: il numero dei paesi partecipanti alle " crociate USA" nel medio Oriente è passato dai 31 paesi della prima campagna irachena ( 1991) con la benedizione ONU, agli otto , in diminuzione, della campagna afgana, ai sei della campagna siriana, con il veto ONU ( di Cina e Russia) alla trovata della "no fly zone"( 2012).

Una brutta preparazione per il confronto in preparazione con la Cina che sarà il tema del prossimo mandato presidenziale .



Inviato da iPhone

Il governo: "Possibile referendum sull'euro"


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il governo: "Possibile referendum sull'euro"

LA SVOLTA TECNICA

Il governo: "Possibile referendum sull'euro". Sorpresa, anche Monti fa il leghista



Inviato da iPhone

Monti di Balle


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Monti di Balle

Speravamo di non sentire almeno per un po' le balle che questo signore, impostoci come capo del governo dal peggior presidente della repubblica che l'Italia abbia mai avuto, ci propina quotidianamente…ed invece anche dalla Svizzera non manca di farci sentire il suo Monti-pensiero…infarcito di bugie…e prodromo di ulteriori furti di democrazia e di equità.



La frase ad effetto utilizzata come prologo alle balle di sempre è quella sull'evasione fiscale…"una guerra"…dice il sobrio…una guerra che non è mai stata combattuta né da lui né dai suoi predecessori.



Ma questo prologo gli serve per puntualizzare che il desiderato abbassamento di una tassazione da veri e propri ladri di Stato non è, almeno per il momento (ma non deve dimettersi a breve questo clown ???) nei progetti del suo governo.



Poi passa di palo in frasca e mentre accusa chi evade di rendere vani i sacrifici di tutto il popolo italiano parla delle intercettazioni, altro mezzo investigativo per scoprire corruzioni ed evasioni…e ne parla come il suo predecessore…niente di più, niente di meno…ma da tecnico…e quindi meno avversato da quel partito, il PD, che non difende più né i diritti né la Costituzione…difende solo le sue poltrone e i suoi privilegi….difesi meglio senza intercettazioni !



Ma i monti di balle che questo individuo spara ogni giorno vengono, sempre, smentiti da quei dati che ne rivelano l'infondatezza e la falsità.



I mutui salgono al 4,2%…il doppio di almeno due anni fa benché il tasso di riferimento, da cui le banche traggono l'interesse da ricavare dai prestiti (Euribor), sia al minimo storico 0,75%…



Rincarano tutte le bollette, da quella del gas a quella per l'energia elettrica a quella per l'acqua…bene comune; aumenta la tassa sui rifiuti e raddoppia quella sulla casa….e tutto questo accade quando il paese è ormai in ginocchio…aziende e fabbriche chiudono…molti, troppi tentano il suicidio per la disperazione, la disoccupazione è ai massimi storici…così come la corruzione, a cui il governo del sobrio non ha posto alcun rimedio né alcun inasprimento delle pene…e così come l'evasione fiscale…contro la quale continuano gli indecorosi raid della guardia di finanza contro i piccoli commercianti…tralasciando quella ben più grave e sostanziosa delle grandi industrie e delle varie caste italiane…avvocati, medici, ingegneri, etc…



Segue ed appog...


Inviato da iPhone

Democrazia è salvare le grandi banche zeppe di debito pubblico


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Democrazia è salvare le grandi banche zeppe di debito pubblico

di REDAZIONE*


Un dogma è di solito definito come qualcosa che è considerato troppo prezioso e prestigioso per pensare di modificarlo. Qualsiasi proposta che si avvicina alla sua completa abolizione è definita come sorprendentemente ridicola. Nel regno della prostituzione legalizzata (la politica), le carriere vengono fatte difendendo dogmi, non importa a quale costo, se questo sia socialmente dannoso, o intenzionalmente disonesto. L'istruzione pubblica obbligatoria è il primo che viene in mente. I vari sistemi di compravendita dei voti che si mascherano da rete di sicurezza sociale sono un altro esempio. Ogni volta che la classe politica o i suoi difensori nei media si trovano in un vicolo cieco tentando di convalidare l'ultimo complotto del governo per riempire i suoi forzieri o per incatenare le libertà già indebolite, spesso ricorrono all'evocazione del più grande dogma esistente: la democrazia .


A partire dai primi anni della comprensione di base, i bambini del mondo Occidentale vengono inondati dalla propaganda affinché credano che senza la democrazia la società discenderebbe nel caos invivibile. Le scuole, sia pubbliche che private, perpetuano ogni anno questa fantasia a milioni di partecipanti forzati. Viene detto loro che il governo, che ha praticamente le mani in pasta dappertutto, è stato formato solo con le migliori intenzioni. In America in particolare, la democrazia rappresentativa costruita con il genio collettivo dei padri fondatori del paese viene lodata come un dono per l'umanità. E sebbene la sua influenza sia in calo negli ultimi anni, la Costituzione servì da modello per lo sviluppo di stati-nazione in tutto il mondo. Nel 1987, la rivista Time ha stimato che dei 170 paesi che esistevano all'epoca, "più di 160 hanno scritto carte modellate direttamente o indirettamente sulla versione USA."


La Costituzione si presenta come la creazione miracolosa di individui divini quando, in realtà, non era niente del genere. Come ogni tentativo di centralizzare il potere dello stato, la Costituzione è stata formata dai desideri economici dei suoi estensori. Th...



Inviato da iPhone

AHMADINEJAD: "Un attacco all'Iran porterà Israele alla distruzione"


Ti è stato inviato tramite Google Reader

AHMADINEJAD: "Un attacco all'Iran porterà Israele alla distruzione"

Teheran e il gruppo libanese Hezbollah sostenuto dall'Iran avvertono su una catastrofica ritorsione contro un eventuale attacco israeliano, minacciando di rendere il paese "un inferno". Le dichiarazioni sono arrivate dopo notizie secondo le quali Israele sta preparando un attacco unilaterale contro l'Iran. Il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha detto che il suo partito aveva già fissato obiettivi in ​​Israele e sarebbe in grado di colpire con un piccolo numero di razzi se Tel Aviv decide di attaccare per primo.

"Se siamo costretti a usarli per proteggere il nostro popolo e il nostro paese, non esiteremo a farlo ... e questo trasformerà la vita di centinaia di migliaia di sionisti in un inferno", così Nasrallah ha avvertito in un discorso nel Quds Day, un evento annuale per mostrare solidarietà con i palestinesi sotto occupazione utilizzando il nome arabo di Gerusalemme.
Nasrallah ha anche avvertito che un attacco israeliano contro l'Iran porterebbe una "risposta enorme" della Repubblica islamica, dando "l'opportunità sempre sognata" dal 1979.
I leader militari israeliani hanno segnalato che possono attaccare le fazioni militanti del gruppo libanese in un prossimo futuro, se gli attacchi con razzi contro obiettivi israeliani continueranno.


Inviato da iPhone

Ma quale democrazia!


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Ma quale democrazia!


Un dogma è di solito definito come qualcosa che è considerato troppo prezioso e prestigioso per pensare di modificarlo. Qualsiasi proposta che si avvicina alla sua completa abolizione è definita come sorprendentemente ridicola. Nel regno della prostituzione legalizzata (la politica), le carriere vengono fatte difendendo dogmi, non importa a quale costo, se questo sia socialmente dannoso, o intenzionalmente disonesto. L'istruzione pubblica obbligatoria è il primo che viene in mente. I vari sistemi di compravendita dei voti che si mascherano da rete di sicurezza sociale sono un altro esempio. Ogni volta che la classe politica o i suoi difensori nei media si trovano in un vicolo cieco tentando di convalidare l'ultimo complotto del governo per riempire i suoi forzieri o per incatenare le libertà già indebolite, spesso ricorrono all'evocazione del più grande dogma esistente: la democrazia .


A partire dai primi anni della comprensione di base, i bambini del mondo Occidentale vengono inondati dalla propaganda affinché credano che senza la democrazia la società discenderebbe nel caos invivibile. Le scuole, sia pubbliche che private, perpetuano ogni anno questa fantasia a milioni di partecipanti forzati. Viene detto loro che il governo, che ha praticamente le mani in pasta dappertutto, è stato formato solo con le migliori intenzioni. In America in particolare, la democrazia rappresentativa costruita con il genio collettivo dei padri fondatori del paese viene lodata come un dono per l'umanità. E sebbene la sua influenza sia in calo negli ultimi anni, la Costituzione servì da modello per lo sviluppo di stati-nazione in tutto il mondo. Nel 1987, la rivista Time ha stimato che dei 170 paesi che esistevano all'epoca, "più di 160 hanno scritto carte modellate direttamente o indirettamente sulla versione USA."


La Costituzione si presenta come la creazione miracolosa di individui divini quando, in realtà, non era niente del genere. Come ogni tentativo di centralizzare il potere dello stato, la Costituzione è stata formata dai desideri econo...



Inviato da iPhone

Lo Stato di polizia fiscale


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Lo Stato di polizia fiscale


Lo Stato di polizia fiscale spinge l'Italia verso il crac

Benzina ancora più cara, così, tanto per agevolare le ultime vacanze di una sta­gione resa grama da­lla crisi ma diventa­ta orrida per le misure fiscali e repressi­ve adottate da un governo di incoscienti che vivo­no fuori dalla realtà

Alessandro Sallusti - Sab, 11/08/2012


Inviato da iPhone

La scelta del presidente dell’Uruguay: vivere con 800 euro al mese


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La scelta del presidente dell'Uruguay: vivere con 800 euro al mese




Roberto Pellegrino







Non ha la scorta né un conto in banca, e per il fisco uruguaiano è un "nullatenente". José Alberto Mujica Cordano è da due anni il presidente dell'Uruguay. Dei 250mila pesos (circa 10 mila euro) del suo stipendio da Capo di Stato, Mujica trattiene per sé soltanto 800 euro, e devolve il resto al Fondo Raúl Sendic, un'istituzione che aiuta lo sviluppo delle zone più povere del Paese. Dice: «questi soldi, anche se sono pochi, mi devono bastare perché la maggior parte degli uruguaiani vive con molto meno»





leggi tutto



Inviato da iPhone

In Italia la pressione fiscale favorisce la povertà della popolazione


Ti è stato inviato tramite Google Reader

In Italia la pressione fiscale favorisce la povertà della popolazione

Pressione fiscaleDesta sempre molto stupore e indignazione il dato sulla pressione fiscale che, secondo quanto ci ha riferito lo scorso mese di luglio (2012) il presidente di Confcommercio Sangalli per tramite de Il Sole 24 Ore, si attesterebbe al 55%.


Da Il Sole 24 Or


«Abbiamo raggiunto - ha detto il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli - un livello di pressione fiscale che, per chi le tasse le paga, si attesta attorno al 55 per cento. È un livello che zavorra drasticamente investimenti e consumi».


La realtà è ben diversa e come ho avuto modo di argomentare in un precedente articolo, il dato medio indicato dai vari centri studi, non ci racconta l'esatta situazione del prelievo fiscale e la relativa disuguaglianza tributaria, se non scomposto tra le varie categorie di contribuenti che lo compongono.


leggi tutto



Inviato da iPhone

IL DENARO SE NE VA, LA MISERIA STA PER ARRIVARE.


Ti è stato inviato tramite Google Reader

IL DENARO SE NE VA, LA MISERIA STA PER ARRIVARE.

DI GIUSEPPE SANDRO MELA*


Chiedo venia ai Signori Lettori se questo post sarà scritto come si mangia. Non certo per togliermi qualche sassolino dalle scarpe, ma esclusivamente per essere sicuro di risultare perfettamente comprensibile.


Coloro che sostengono la opportunità o la necessità dell'intervento dello stato in economia hanno, tra le tante, alcune vistose caratteristiche. Consentitemi di enunciarle sogghignando nella mente.


1. Non sottopongono al vaglio della ragione le tesi che sostengono, non curandosi quindi di contraddirsi. Ma l'unico modo per dimostrare che una tesi economica é valida consiste in un'accurata valutazione quantitativa dei costi e dei benefici. In parole povere: ci si guadagna oppure ci si perde? A giudicare dal debito sovrano accumulato dall'Italia, non si direbbe che siamo in attivo. Ma per loro questo è un dato trascurabile, da tignosi contabili.


Ma non ve li ricordate i loro slogan? «Pubblico è bello!», quindi «debito é bello!». «Proibito proibire!», ma perché é proibito prelevare il mio denaro? «Il salario é una variabile indipendente!», ma chi li mantiene i disoccupati? Il tragicomico è che ci credevano, e che persistono a crederci. E il Libretto Rosso di Mao, sì, quello che vi mettevano sulla scrivania tutte le mattine? Ma che fine hanno fatto i sessantottini, struggenti ricordi dei vignettisti d'Italia? Con chi se la potranno prendere gli umoristi?


 2. Sono proprio dei besughi (scusate il termine così soft, quello proprio sarebbe mentecatti).


Intanto, chi sostiene tesi contraddittorie mica che è tutto a piombo.


Chi poi le volesse proprio applicarle mica ci c'é del tutto: se non altro é un masochista.


Chi poi scambia allegramente il debito con il credito ha qualche problema percettivo e cognitivo. Per parlare come si mangia é da psichiatra, con preghiera di internarlo e tenercelo per sempre.


Ma soprattutto vi sono due vistosissimi scollamenti col reale.


a - L'int...



Inviato da iPhone

La guerra alle mosche di Monti


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La guerra alle mosche di Monti

Monti_Bersani.jpg



Rigor Montis ha due preoccupazioni. La prima è l'evasione fiscale, la seconda sono le intercettazioni. Sulla prima è avvilito per il "grosso danno nella percezione del Paese all'estero". Mi immagino il sarcasmo, per non dire il vero e proprio disprezzo, quando il Non Eletto incontra i capi di Stato europei (gli Eletti). Gli rinfacceranno sicuramente lo Scudo Fiscale che ha premiato gli evasori totali, tra i quali anche criminali e tesorieri di partito, con un miserabile 5% di sanzione. Lo faranno blu per la nostra legge sul falso in bilancio, una vera barzelletta. Lo distruggeranno per la mancanza di lotta alla corruzione che ci costa circa 100 miliardi di euro. Lo investiranno di insulti per l'inesistenza di una legge sul conflitto di interessi. Povero Monti, come deve vergognarsi. Figure così a livello internazionale nemmeno Bokassa. I partner europei vorrebbero dargli "assistenza finanziaria", in sostanza comprare il debito pubblico italiano che cresce alla velocità della luce, ma l'evasione "contribuisce a indisporli" quando Monti si presenta con il piattino in mano.
Rigor Montis ha perciò dichiarato "lo stato di guerra" agli evasori, "una dura lotta all'evasione che può comportare la necessità di momenti di visibilità che possono essere antipatici. Ma che hanno un forte effetto preventivo nei confronti degli altri cittadini". Non vedo l'ora!
Inizi dai bilanci dei partiti, da quelli delle cooperative di ogni colore, prenda in mano l'elenco degli scudati e gli faccia sputare ogni euro evaso con la stessa energia con la quale Equitalia si catapulta sui cittadini che non pagano, spesso per errore, qualche centinaio di euro, faccia per decreto leggi anti corruzione e per punire severamente il falso in bilancio, risolva gli intrecci incestuosi della Borsa. I suoi partner europei gli sorrideranno. Credo invece che Rigor Montis, più modestamente, voglia scatenare la guerra alle mosche. Ai pollivendoli, ai fiorai, ai venditori di miele millefiori, agli agriturismi della Lombardia (già fatto), ai venditori di souvenir a Venezia e a Firenze (già fatto sul Ponte Vecchio), ai ristoranti fuori porta che non rilasciano lo scontrino. Nel frattempo, mentre Rigor Montis è in guerra, le piccole e medie imprese aspettano circa centoventi miliardi di crediti dallo Stato, pagano le tasse più alte dell'Occidente (l'IRAP anche s...



Inviato da iPhone

Il distributore automatico di vibratori


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il distributore automatico di vibratori

Preso d'assalto in notturna dagli avventori



Inviato da iPhone

La Follia di Possedere Immobili in Italia


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La Follia di Possedere Immobili in Italia

 


2573803685 La Follia di Possedere Immobili in Italia


Ci sono due ragioni fondamentali che decretano l'assoluta follia di possedere immobili in italia:


1) Il mercato: I prezzi scenderanno, non esiste una sola possibilità su un milione che nei prossimi anni i prezzi degli immobili e gli affitti non vedano una brusca ulteriore caduta. I motivi sono evidenti:



  1. La facilità e il basso costo per  ottenere un mutuo sulla casa, almeno per i  prossimi 10 anni, non si potrà neppure avvicinare a quella che ha gonfiato la bolla immobiliare. Di fatto i soldi che hanno tenuto i livelli di prezzo delle case su valori assurdi semplicemente non esistono più. (si signori, il prezzo che pensate valga il vostro immobile, probabilmente è assurdo, fatevene una ragione)

  2. Con il deteriorarsi delle condizioni economiche e con l'aumento della disoccupazione la platea di compratori che possono offrire garanzie per ottenere credito per il mutuo si restringe sempre di più.

  3. Attualmente il mercato è ingessato con venditori che vivono ancora nella pia illusione di potere vendere i propri immobili a prezzi ancora vicini ai livelli della bolla immobiliare italiana. Dall'altra parte ci sono compratori che semplicemente non hanno ne i soldi per comprare (ne li possono  ottenere) ne la propensione al rischio necessaria. E' chiaro a tutti che il mercato immobiliare italiano è solo all'inizio di un lungo declino in quanto a prezzi.

  4. Il mercato immobiliare ha un tipico andamento "a singhiozzo", prima di una fase di crac dei prezzi si assiste ad una rarefazione degli scambi (cioè quello che accade oggi). Poi improvvisamente la consapevolezza, spesso guidata dai media (preparatevi a titoloni come: "il crac della casa, etc etc," di essere in un mercato con prezzi calanti toglie il velo di illusione ai venditori e restituisce la consapevolezza di avere in mano un bene costoso da mantenere e difficile da liquidare anche a prezzi "bassi".  A quel punto si scatena la corsa al ribasso per non rimanere con il cerino in mano (cioè con la casa sul groppone).


2) lo stato: la sempre minore quantità di flussi tassabili da lavoro,impresa e consumi spingeranno lo stato a spostare sempre di più la tassazione sul patrimonio. E' noto che al di la di leggi inapplicabili l'unico patrimonio realmente tassabile è quello registrato. Dunque principalmente  attivi bancari (avete presente il s...



Inviato da iPhone

“Se lavori in bikini ti pago il triplo”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

"Se lavori in bikini ti pago il triplo"

Scene da Baywatch in Cina



Inviato da iPhone

Derubare i poveri: ieri il terzo mondo, oggi tocca a noi


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Derubare i poveri: ieri il terzo mondo, oggi tocca a noi

Attenti, siamo al capolinea: dietro al crac mondiale della finanza, quello che oggi ci opprime con tagli drammatici al nostro benessere, c'è la fine di un'epoca, quella del capitalismo che si è globalizzato per sopravvivere e ora si ritorce contro i lavoratori dell'Occidente, ormai impoveriti e ridotti a consumatori con le tasche vuote. «Per spiegare la crisi si parla sempre di banche e di debito pubblico, di finanza piratesca e di speculazioni, ma tutto questo non è che la deriva di un'economia: come le metastasi di un tumore, non sono che lo sviluppo "naturale" del cancro stesso», afferma la saggista Sonia Savioli. Alla base di qualsiasi economia ci sono due cose: risorse e lavoro umano. «In un'economia capitalista, e cioè in una società di dominio e competizione, le risorse materiali vengono sottratte all'ambiente e ai popoli che di esse vivevano senza alcuno scrupolo e senza alcun limite». Quanto al lavoro, «significa il maggior sfruttamento possibile, considerati i rapporti di forza». (continua…)




Inviato da iPhone

SIAMO SCHIAVI FEDELI DEL SISTEMA


Ti è stato inviato tramite Google Reader

SIAMO SCHIAVI FEDELI DEL SISTEMA



Lo so che pensate di essere liberi, ma non lo siete, lo so che pensate che la religione vi cambierà la vita, ma non è cosi e lo so che tutto quello che vi ho detto fino adesso vi pare una fiaba, ma vi sbagliate. Il tempo e rimasto poco e i cambiamenti della terra sono già iniziati, ma pochi hanno tempo per vedere e meditare al futuro. Da una parte avete ragione perche saranno pochi che potranno sopravvivere, ma dal altra parte è un peccato che sapendo non vi siete salvati.
Siamo vicini al 2012, e tantissimi si chiedono che cosa succederà, com'e anche vero che tanti hanno scritto centinaia di pagine con diverse spiegazioni. Anche se lasciamo perdere tutto, una cosa è certa e di sicuro la vedono tutti: qualcosa sta per accadere parche tutto è cambiato.
Pensiamo che il nostro modo di vita, le nostre leggi, i nostri desideri, le nostre aspirazioni, la nostra scienza, la nostra religione, il nostro ordine sociale, la nostra libertà, i nostri governi, la nostra informazione e la nostra coscienza sono tutte corrette e giuste. Ma che cosa è giusto e corretto in questo mondo? Perche ci lamentiamo che l'uomo è imperfetto e non facciamo niente a questo proposito? Non pensate a quello che ci insegna la chiesa perche siamo cosi proprio per questo fatto. L'uomo e imperfetto perche segue un sistema imperfetto, creato dagli alieni che ci governano dalle tenebre.
Noi non siamo governati dalla luce, ma dalle tenebre, e crediamo che la verità dovrebbe essere cosi. Inutile a pensare che qualche dio scrive il tuo futuro o la tua fine. No. Quello lo facciamo noi da soli. Un essere che non conosce se stesso non sa chi e, da dove viene e dove va, non vuole conoscere il principio ed e per questo che non saprà ne meno come sarà la fine.


Inviato da iPhone

LA VERITA' SU ROBIN HOOD E LE TASSE


Ti è stato inviato tramite Google Reader

LA VERITA' SU ROBIN HOOD E LE TASSE

La vulgata popolare parla di un Robin Hood che ruba ai ricchi per dare ai poveri.

Troppo spesso però le vulgate popolari hanno dimostrato di essere per lo più cazzate.



Robin Hood rubava allo Sceriffo di Nottingham, al Principe Giovanni, a Sir Guy...

Per essere ricchi lo erano eccome. Però essi rappresentavano lo Stato. Anzi, per essere "storicamente corretti", loro erano lo Stato. Uno Stato arricchitosi rapinando i cittadini. Come?



Con le tasse, ovviamente.



Quindi, in ultima analisi, Robin Hood riprendeva allo Stato ciò che lo Stato prendeva, rapinava, ai cittadini per restituirlo ai cittadini stessi.



(Clicca sull'immagine per condividerla su facebook)














Teodorico (454-526)

«Il solo paese piacevole è quello in cui nessuno teme gli esattori».



Etienne de la Boetiè (1530-1563)

"Ringraziando il ladro (lo Stato) che restituisce loro una piccola parte
del maltolto, i sudditi si abituano così a vedere nel tiranno una sorta
di benefattore".



Juan de Mariana de la Reina (1535-1624)

«Le tasse sono, di norma, una calamità per il popolo e un incubo per il
governo. Per il primo sono sempre eccessive; per il secondo non sono mai
abbastanza, mai troppe»



Pedro Fernandez Navarrete (?-1632)

«Le tasse alte hanno originato povertà. Temendo continuamente gli
esattori delle tasse, [gli agricoltori,] per evitarne le vessazioni,
preferiscono abbandonare la loro terra».



John Locke (1632-1704)

«Il potere supremo non può privare un uomo di una parte della sua proprietà senza il suo consenso».



Thomas Jefferson (1743-1826)

«Prevedo un futuro felice per gli americani se impediranno al governo di
sprecare i soldi frutto del loro lavoro, con la scusa di occuparsi di
loro".



Jean-Baptiste Say (1767-1832)

«Dio ci guardi dall'attività finanziaria pubblica poiché è spendacciona e
consuma tutte le sostanze dei privati. Le consuma improduttivamente e
non offre la possibilità a costoro di destinare il reddito alla
produzione di ricchezza autentica".



Frédéric Bastiat (1801-1850)

«Quello che non si è mai visto, quello che non si vedrà mai e che non si
può nemmeno concepire...


Inviato da iPhone

Cosa c'entra l'etica con l'economia? C'entra, c'entra...



cosa c’entra l’etica con l’economia? C’entra, c’entra…
di Paolo De Gregorio, 18 agosto 2012

Oggi l’Ilva di Taranto è diffidata dalla magistratura di continuare a produrre in modo incompatibile con la salute degli operai, dei cittadini di Taranto e di un vasto territorio dove si producevano ottime cozze e allevamenti di bestiame, attraverso un ordine di sequestro degli impianti a caldo che devono essere spenti per provvedere a installare sistemi di contenimento degli inquinanti.
Dopo i casi di cancro (30% in più della media nazionale), con centinaia di morti (anche bambini), dopo il ritrovamento della diossina nelle cozze e nei formaggi degli allevamenti vicini, dopo l’abbattimento di migliaia di capi di bestiame ammalati, quale è stata la risposta dell’azienda, dei partiti, della Regione?
Il SILENZIO. Comprato dai dirigenti dell’Ilva a tutti i livelli, dal finanziamento al PD (98.000 euro) e al PDL (150.000 euro), alle mazzette al consulente della Procura, alla pianificazione per una stampa compiacente  e omertosa con la minaccia di tagliare la lingua ai cronisti scomodi. Questo SILENZIO è durato ben 30 ANNI.
La Chiesa poi, nella sua migliore tradizione sta sia dalla parte degli inquinati che da quella degli inquinatori.
E dopo il SILENZIO, rotto dall’azione penale della magistratura, ecco ricompattarsi il fronte dell’omertà che dà addosso ai magistrati che vogliono fermare l’economia, togliere lavoro agli operai, far morire di fame migliaia di famiglie, fronte appoggiato dai sindacati CISL e UIL, tradizionali servi dei padroni.
La cosa più mostruosa che emerge da questa storia è l’assoluto disprezzo per la vita umana e per l’ambiente, sacrificabili tranquillamente in nome del profitto privato, da parte di persone che ben sapevano di sacrificare vita e altri comparti economici, visto l’impegno e i soldi che mettevano per non fare uscire i dati su inquinamento e mortalità.
In un paese con il 90% di cattolici e una Chiesa che difende la vita perfino dei feti surgelati, è incredibile constatare quale diffusa mancanza di etica vi è nella città di Taranto, nella Regione Puglia fino a Roma, dove non si difendono la vita e la natura, anche se così violentemente e visibilmente attaccate.
Ma vi è un’altra riflessione da fare: i furbi che si sono comprati il silenzio delle istituzioni e della informazione sono consapevole del fatto che l’attività di questa acciaieria ha prodotto più danni che profitti, e che i padroni dell’Ilva se fossero condannati a risarcire i danni alle persone e all’ambiente finirebbero alla mensa della Caritas?
Probabilmente Taranto resterà con l’Ilva chiusa e il territorio inquinato perché i soldi pubblici sono finiti e gli inquinatori la fanno sempre franca con collegi di avvocati, tempi infiniti, prescrizioni quasi sicure.
In Germania le acciaierie rispettano le regole ambientali, le istituzioni controllano, gli operai sono ben trattati e partecipano alle decisioni aziendali, e una diffusa etica protestante concorre al fatto che ciascuno faccia il proprio dovere, nella legalità e nel rispetto delle regole.
L’etica conta eccome, anche in economia, e rispettare l’ambiente e la vita dei lavoratori, a conti fatti, è un affare anche economico, ed è lo spartiacque tra un paese civile e la barbarie di una economia che uccide persone e ambiente sapendo di farlo.
Paolo De Gregorio

Obama cerca nell'Europa un capro espiatorio

A tre mesi dalle elezioni che decideranno il nuovo presidente degli Stati Uniti, Obama cerca di affrontare le Obamadifficoltà economiche interne facendo dell’Unione Europea un capro espiatorio.
Una parte del suo ragionamento politico ha un fondamento, in quanto è chiaro a tutti che le incertezze sui i tempi di attuazione del progetto di unificazione economica degli Stati europei e le politiche di puro contenimento della spesa, volute soprattutto dalla Germania, sono destinate ad allontanare la prospettiva dello sviluppo economico, compreso quello statunitense....

“L’Italia dovrà chiedere aiuto”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

"L'Italia dovrà chiedere aiuto"

Charles Wyplosz pronostica il futuro del nostro paese





Inviato da iPhone

Michele Nista facts

Al centro commerciale Michele Nista sta contando da più di un'ora: "ottomilaquattrocentoquaranta, ottomilaquattrocentroquarantuno..."
Alla fine un addetto gli chiede: "Scusi, ma si può sapere cosa sta contando?"
E l'uomo: "i gradini della scala mobile!"



Inviato da iPhone

Grecia: tutti temono la sua uscita dall' Euro e corrono ai ripari


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Grecia: tutti temono la sua uscita dall' Euro e corrono ai ripari

Area Euro a rischio, tutti temono una fuoriuscita della Grecia dalla moneta unica, corrono ai ripari, temono ripercussioni per gli altri membri, pensano a delle strategie su come limitare i danni. Atene comunque per il momento, mercoledì riesce a piazzare titoli di stato con scadenza a tre mesi per un ammontare di 4 miliardi di euro, soldi questi che basteranno appena a rimborsare il bond in scadenza il 20 agosto. Quindi per adesso il pericolo di un default nel mese estivo dovrebbe essere scampato. Ma la situazione del paese ellenico desta sempre preoccupazioni, secondo lo Sueddeutsche Zeitung, ''L'Ue si arma contro il crash dell'euro'' e ''I governi lavorano a una strategia per evitare il crollo della valuta comune. La preoccupazione: la situazione in Grecia peggiora al punto che Atene deve reintrodurre la dracma'', i piani, sempre secondo il giornale bavarese, dovrebbe essere pronti nelle prossime settimane.
Il caso di una uscita della Grecia dall'euro, scrive la Sueddeutsche Zeitung, comporterebbe la necessità per gli altri Stati europei di correre ai ripari con un pacchetto per rafforzare il resto dell'unione monetaria. "Si discute della possibilità di un aumento dei programmi di aiuto a Irlanda e Portogallo per accogliere lo shock dei mercati". Allo stesso tempo Spagna e Italia potrebbero fare una richiesta preventiva di credito all'Esm, il che sarebbe a sua volta un presupposto perchè la Bce possa sostenere i due Paesi con un acquisto massiccio dei titoli di Stato».fonte

 

Intanto il premier Antonis Samars ha difficoltà con i tagli per 11,5 miliardi chiesti dalla Troika per sbloccare gli aiuti finanziari dell' ammontare di 31 miliardi di euro, risorse necessarie per evitare il default. Il debito pubblico sfonda quota 300 miliardi, lo rende noto il Ministero delle Finanze ellenico, alla fine del mese di giugno del 2012 il debito pubblico greco si è attestato a 303 miliardi di euro, in forte rialzo rispetto ai 280 miliardi di euro di fine marzo del 2012. Siamo vicini al Grexit? Molto probabile........................


Inviato da iPhone

Cow-boys

Due cow-boys si trastullano in un prato e discutono delle loro posizioni preferite a letto. Uno dei due dice:"La mia posizione preferita si chiama "rodeo ". L'altro incuriosito dice:"Mai sentita, com'è?" E l'altro:"Chiedi alla tua donna di mettersi a quattro zampe e tu la prendi da dietro. Poi ti sporgi in avanti e ti attacchi ai sui seni con le mani e le sussurri all'orecchio:"Sembrano quelle di tua sorella...Dopo cerchi di tenerti per almeno 8 secondi!!!"

Inviato da iPhone

Il migliore dei mondi, è sul punto di concretizzarsi.


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il migliore dei mondi, è sul punto di concretizzarsi.



I partigiani di una "governanza mondiale" manipolano la classica rivalità tra poteri locali e nazionali per indebolire gli stati nazione. Pierre Hillard denuncia l'agenda nascosta di "città e governi locali uniti", un'associazione mondiale intercomunale presieduta dal sindaco (PS) di Parigi Bertrand Delanoë assistita del presidente (PS) della regione Île-de-France Jean-Paul Huchon.
Rete Voltaire | 11 settembre 2009
 

"Spazi metropolitani": una strategia verso una "governanza mondiale"

 

 

 
Le città e le comunità locali sono una sfida inevitabile per la strategia dei mondialisti. Essendo il loro obiettivo arrivare ad una gestione mondiale, progettano di scomporre a tutti i livelli gli stati nazione pretendendo di rafforzare i comuni (istituzioni locali). Così, costruire una vera maglia sul campo permette l'instaurazione di nuove strutture al livello più basso (il locale) che si inseriranno in organismi politici regionali, quindi continentali, infine per arrivare ad un "saltatore" unico, un governo mondiale (il globale). Quest'architettura si prefigge di raggirare l'autorità politica degli stati. È questa la sfida dell'istituto "città e governi locali collegati" - CGLU- (in inglese: United Cities and local Governments - UCLG)
 
continua a leggere l'articolocompleto qui:
Articolo originale di TUTTOUNO.
Non è consentito ripubblicare, anche solo in parte, questo articolo senza il consenso del suo autore.
I contenuti sono distribuiti sotto licenza


Inviato da iPhone

Renzo Bossi va al mare e non accetta consigli


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Renzo Bossi va al mare e non accetta consigli

da IL TROTA HA DETTO




Inviato da iPhone

Francesi criminali; dopo la devastazione della Libia vogliono distruggere la Siria


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Francesi criminali; dopo la devastazione della Libia vogliono distruggere la Siria


ASCA > Attualità


Francesi criminali in malafede  e senza ritegno invocano la distruzione dello Stato laico e multiconfessionale di Siria. Ah quant'è lontano De Gaule e la sua dignità e indipendenza!



Siria: Francia, regime deve essere distrutto rapidamente


Siria: Francia, regime deve essere distrutto rapidamente


17 Agosto 2012 – 14:50


(ASCA-AFP) – Turchia, 17 ago – Il "regime siriano deve essere distrutto e rapidamente". Lo ha dichiarato il capo della diplomazia francese Laurent Fabius, in visita in un campo profughi al confine con la Turchia, denunciando gli "abusi" di Damasco contro la popolazione civile.


"Solo dopo che ascolti le testimonianze dei rifugiati (siriani) che si trovano qui e i massacri compiuti dal regime puoi dire con forza che: Bashar al-Assad non merita di stare su questa terra", ha detto il ministro.




Inviato da iPhone

SCENARI/ La nuova guerra coinvolgerà solo Iran e Israele?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

SCENARI/ La nuova guerra coinvolgerà solo Iran e Israele?

Tra poco, ci spiega UGO VOLLI, potremmo svegliarci una mattina e leggere sui giornali che le basi dove l'Iran prepara la sua bomba atomica sono state bombardate. Ma da chi?

(Pubblicato il Sat, 18 Aug 2012 06:06:00 GMT)

SIRIA/ Massoud Akko: vi spiego perché il "piano Annan" è morto
IRAN/ Nirenstein (Pdl): distruggere Israele è la politica estera degli Ayatollah. E sui piani d'attacco dico...


Inviato da iPhone

L’evoluzione dell’uomo è il risultato di un errore genetico di 500 mln di anni


Ti è stato inviato tramite Google Reader

L'evoluzione dell'uomo è il risultato di un errore genetico di 500 mln di anni

BimboUna creatura senza spina dorsale ha avuto due raddoppi nel DNA, innescando l'evoluzione degli esseri umani e altri animali secondo una nuova ricerca. L'evento, che ha portato al raddoppio di geni, ha anche portato a proteine responsabili di molte malattie di oggi. Studiare queste proteine potrebbe aiutare i ricercatori a saperne di più sull'evoluzione umana e sul funzionamento interno delle malattie.


Oltre 500 milioni di anni fa una creatura senza spina dorsale sul fondo dell'oceano ha avuto due raddoppi successivi del suo DNA, un "errore" che alla fine ha innescato l'evoluzione degli esseri umani e molti altri animali, dice un nuovo studio.


La buona notizia è che questi antichi raddoppi di DNA hanno potenziato i sistemi di comunicazione cellulare, in modo che le cellule del nostro corpo ora sono in grado di integrare le informazioni anche meglio degli smartphone più evoluti.


leggi tutto



Inviato da iPhone

Duemila miliardi hanno lasciato l’Europa, in tre mesi 363 mld si sono rifugiati in Germania, e 519 mld son fuggiti dall’Italia.


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Duemila miliardi hanno lasciato l'Europa, in tre mesi 363 mld si sono rifugiati in Germania, e 519 mld son fuggiti dall'Italia.

Giuseppe Sandro Mela.


 


Vincent van Gogh Vecchio che soffre Duemila miliardi hanno lasciato lEuropa, in tre mesi 363 mld si sono rifugiati in Germania, e 519 mld son fuggiti dallItalia.

Vincent van Gogh - Vecchio che soffre - Allegoria del Contribuente


 


                Chiedo venia ai Signori Lettori se questo post sarà scritto come si mangia. Non certo per togliermi qualche sassolino dalle scarpe, ma esclusivamente per essere sicuro di risultare perfettamente comprensibile.


                Coloro che sostengono la opportunità o la necessità dell'intervento dello stato in economia hanno, tra le tante, alcune vistose caratteristiche. Consentitemi di enunciarle sogghignando nella mente.


    1. Non sottopongono al vaglio della ragione le tesi che sostengono, non curandosi quindi di contraddirsi. Ma l'unico modo per dimostrare che una tesi economica é valida consiste in un'accurata valutazione quantitativa dei costi e dei benefici. In parole povere: ci si guadagna oppure ci si perde? A giudicare dal debito sovrano accumulato dall'Italia,...



Inviato da iPhone