05/11/12

Lo Stato esulta: incassate più tasse rispetto all’anno scorso

Il massacro continua....
zio

Ti è stato inviato tramite Google Reader

Lo Stato esulta: incassate più tasse rispetto all'anno scorso

di MARIETTO CERNEAZ


Nonostante le lamentele e le richieste di meno tasse, nel periodo gennaio-settembre 2012 le entrate tributarie erariali si sono attestate a 292.526 milioni di euro, evidenziando una crescita del 3,8% (+10.627 milioni di euro) rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.


Lo comunica il dipartimento delle Finanze del ministero dell'Economia. Ai fini di un confronto omogeneo, al netto dell'imposta sostitutiva una tantum sul leasing immobiliare registrata nel mese di aprile 2011, le entrate tributarie erariali nei primi 9 mesi del 2012 – riferisce il ministero  - presentano una crescita tendenziale pari al 4,2%. (+11.886 milioni di euro).


Le imposte dirette aumentano del 4,3% (+6.359 milioni di euro). Il gettito Ire evidenzia una lieve flessione dello 0,4% (-446 milioni di euro) che riflette l'andamento delle ritenute dei lavoratori autonomi (-4,0%), dei versamenti in autotassazione (-4,9%) e la riduzione dal 10% al 4% della ritenuta d'acconto applicata ai pagamenti relativi ai bonifici disposti dai contribuenti per beneficiare di oneri deducibili o di spese per le quali spetta la detrazione d'imposta. Risulta sostanzialmente stabile il gettito Ires che si attesta a 19.158 milioni di euro (-0,3%, pari a -66 milioni di euro). Le imposte indirette fanno rilevare un incremento complessivo del 3,2% (+4.268 milioni di euro). In flessione il gettito Iva (-1,4% pari a -1.098 milioni di euro) che risente della stagnazione della domanda interna. In crescita significativa l'imposta di bollo che registra un incremento del 136,9% (+3.080 milioni di euro) dovuto alle modifiche normative apportate con i provvedimenti della seconda meta' del 2011.


Sul risultato incide positivamente, inoltre, il versamento del 16 luglio del 'bollo speciale per le attivita' finanziarie scudate'. Tra le entrate relative ai giochi, che si riducono complessivamente dell'8,3% (-858 milioni di euro), si evidenzia l'andamento positivo delle lotterie istantanee (+0,4% pari a +4 milioni di euro) mentre risultano in calo le entrate derivanti dagli apparecchi e congegni di gioco (-1,0% pari a -28 milioni di euro) e le entrate relative ai proventi del lotto (-10,1% pari a -517 milioni di euro). Le entrate tributarie derivanti dall'attivita' di accertamento e controllo risultano pari a 5.197 milioni di euro (+6,5% pari a +318 milioni di euro).


C'era qualcuno che diceva che le pecore stanno bene tosate… così è stato, anche quest'anno!


 


 



Inviato da iPhone

MA CHI CE LO FARE DI LAVORARE ANCORA?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

MA CHI CE LO FARE DI LAVORARE ANCORA?

"Sono un libero professionista. La rabbia cresce di anno in anno. Per lavorare devo:
- Pagare un IMU più che raddoppiata nell'ultimo anno. Per un ufficio normalissimo devo pagare 1600 euro all'anno. Servizi dati in cambio = 0
- Uso l'auto al 95% per lavoro, perchè diversamente me ne vado in bicicletta. Posso scaricare al massimo al 40% le spese. Dall'anno prossimo al 27,5%. Negli ultimi 9 anni il diesel è aumentato da 0,78 a 1,78 euro al litro (soprattutto per le tasse)
- I contributi sulla pensione stanno crescendo di anno in anno da 4 anni. Ora prendono il 6,5 per cento di fatturato in più. Cioè sono aumentati di ben il 54,2% in soli 4 anni. In anni in cui il fatturato si sta contraendo sempre di più. La pensione l'hanno portata sempre più in là e con prospettive sempre più magre
- Dopo gli studi di settore, ecco qui il redditometro. Attento: noi vediamo tutto quello che fai. Intercettiamo. Sappiamo tutto di te. Siamo quasi arrivati alla STASI della Berlino del dopoguerra
Ma non lo capisce nessuno che gli evasori sono quelli che prendono e si portano i miliardi di euro all'estero? Per evadere ci vogliono i miliardi. Detto questo: ma chi ce lo fa fare di lavorare ancora?" Stefano

fonte link


Inviato da iPhone

Patrimoniale mascherata


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Patrimoniale mascherata

Pigresan, guarda che Monti non sta abbattendo l'evasione fiscale, monti sta abbattendo il paese. L'evasione fiscale, intanto, sta aumentando, stanno certo. E sta aumentando anche il numero di coloro c ...


Inviato da iPhone

The Lagarde List


Ti è stato inviato tramite Google Reader

The Lagarde List






 





 

 

 

 

 


Inviato da iPhone

IL VERO PADRE DI OBAMA UN MARXISTA COMUNISTA?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

IL VERO PADRE DI OBAMA UN MARXISTA COMUNISTA?



 

 RIVELAZIONE: IL VERO PADRE DI OBAMA ERA UN MARXISTA COMUNISTA

 Il documentario esplosivo DREAMS FROM MY REAL FATHER non solo rivela che Frank Marshall Davis, un propagandista  del partito comunista americano, è il vero padre, ma anche come indottrino' il giovane Obama  nel Marxismo ed il piano finale  per distruggere la classe borghese americana.










Inviato da iPhone

I poveri sono sempre più poveri, gli Usa dovranno ripartire da qui


Ti è stato inviato tramite Google Reader

I poveri sono sempre più poveri, gli Usa dovranno ripartire da qui






Negli Usa la crescita dei prezzi dei servizi si è «mangiata» il guadagno legato alla caduta dei prezzi dei beni industriali. Così dagli '70 il tenore di vita della middle class alla fine non è cambiato gran che. E così la crisi economica morde le famiglie meno abbienti più che in passato.





leggi tutto



Inviato da iPhone

Fwd: [ML NEWS] Nuovo commento su La supercasta dei Notai.



Inviato da iPhone

Inizio messaggio inoltrato:

Da: alboino <noreply-comment@blogger.com>
Data: 05 novembre 2012 19:46:46 CET
A: ziobarber@yahoo.it
Oggetto: [ML NEWS] Nuovo commento su La supercasta dei Notai.

alboino ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "La supercasta dei Notai":

Il Sig. Bersani quando ha fatto le famose liberalizzazioni, con la scusa che da qualcuno bisognava incominciare, ha pensato bene di evitare di partire da quella dei notai.
Il numero chiuso è in contrasto con il liberismo predicato in Italia, e non è solo un fatto di magistratura.
Forse è perchè le coop rosse non hanno interessi a costituire società in questo campo?

Pubblica
Elimina
Contrassegna come spam

Modera i commenti per questo blog.

Postato da alboino in ML NEWS alle 19:46:00

Fwd: [ML NEWS] Nuovo commento su Chi è davvero Milena Gabanelli? Al di sopra di ogn....



Inviato da iPhone

Inizio messaggio inoltrato:

Da: alboino <noreply-comment@blogger.com>
Data: 05 novembre 2012 19:42:30 CET
A: ziobarber@yahoo.it
Oggetto: [ML NEWS] Nuovo commento su Chi è davvero Milena Gabanelli? Al di sopra di ogn....

alboino ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "Chi è davvero Milena Gabanelli? Al di sopra di ogn...":

Un post al limite dell'ingenuità.
Com'è possibile ignorare che rai3 è sempre stata in area della sinistra, e quindi a favore di chi vuole la disinformazione dei cittadini?
A proposito, ma le graduatorie dei concorsi non sono adattabili in base alle capacità di chi deve vincere?
Ed ancora, Di Pietro l'incaricato di mani pulite uno, è il vero oppositore del governo Monti?
Ah,ah,ah, al massimo si può solo astenere!


Pubblica
Elimina
Contrassegna come spam

Modera i commenti per questo blog.

Postato da alboino in ML NEWS alle 19:42:00

Dopodomani...

Dopodomani...:


Uga: "Ma tu hai finito il libro?"
Io: "Sì"
Uga: "E come l'hai chiamato?"
Io: "Il tramonto dell'euro"
Uga: "Fantastico! Ma... perché?"
Io: "Perché penso che staremmo meglio se l'euro non ci fosse più. Non so se mi sono spiegato..."
Uga: "Sì, babbo"


Gianluigi, senti, ma la prossima volta, nei banchi della destra, perché non inviti mia figlia? Ha due occhi splendidi...


(scusate, ho ospiti a cena e svariate beghe da sistemare, inclusa la famosa domanda di concorso - e diamogliela 'sta soddisfazione a Solone - per cui non potrò assistere al dibbattito. Io ne ho dieci copie sul tavolo, di più non so... Spero che chi lo desidera lo abbia e che chi non lo desidera non rompa i coglioni, ma se lo fa avrà pane per i suoi denti as usual...).




L’Italia dei nuovi poveri

L’Italia dei nuovi poveri: Il grande ritorno della social card in un paese in cui si mangia alla mensa dei poveri

La teoria dei cicli di Nikolai Kondratiev

La teoria dei cicli di Nikolai Kondratiev:
di: Alexander Aivazov e Andrej Kobyakov
La crisi finanziaria che è scoppiata negli Stati Uniti e che dopo ha coinvolto tutto il mondo, richiede adeguate misure da parte della comunità globale. Ma quali azioni dovrebbero essere considerate adeguate in questo caso?
 Per rispondere a questa domanda dobbiamo prima identificare le vere ragioni sottostanti che hanno creato la crisi, e stimare la sua lunghezza e profondità. Gli economisti liberali dogmatici continuano a convincerci che in diversi mesi, o almeno in uno o due anni, tutto si “calmerà”, il mondo tornerà ad un progressivo sviluppo, mentre la ................

Spagna, forte aumento crediti dubbi

Spagna, forte aumento crediti dubbi: Aumentati fino a 194 miliardi di euro, il 34,5% in più rispetto a giugno 2011

Un uomo di parola


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Un uomo di parola

renzino.jpg

"C'è solo una cosa che credo che dovrebbe farci riflettere. A me piacerebbe che quando qualcuno si candida fosse in grado di non lasciare a mezzo il lavoro. Credo che quando uno è stato eletto 8 mesi fa in Parlamento, avrebbe fatto meglio a finire il lavoro in Parlamento, o viceversa a non candidarsi in Parlamento e a candidarsi direttamente per il Comune di Firenze perchè: finiamo un mandato e poi preoccupiamoci del resto." Matteo Renzi, 2009. 3 anni dopo si candida, da sindaco di Firenze, alle primarie del pdmenoelle per il candidato Premier. Un uomo di parola.



Guarda il video!





Inviato da iPhone

Crisi: 3,7 mln italiani in mense poveri


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Crisi: 3,7 mln italiani in mense poveri

Il massimo nell'ultimo triennio


Inviato da iPhone

LA BCE COME IL GOSPLAN: STERILIZZAZIONE E NEUTRALIZZAZIONE

LA BCE COME IL GOSPLAN: STERILIZZAZIONE E NEUTRALIZZAZIONE:

DI MAURO MENEGHINI

Il 24 ottobre Mario Draghi si è presentato al Parlamento tedesco. Il presidente della BCE ha minimizzato le preoccupazioni tedesche di possibile inflazione, qualsiasi liquidità verrà ridotta in qualsiasi forma essa si presenterà nel sistema sotto forma di un acquisto diretto di titoli (Outright Monetary Transactions – OMT). Questo sistema di riduzione ci è già noto nel sistema di intervento sulle valute e in un passato più recente riguardo al programma della BCE Securities Market Programme (SMP) da poco sospeso. Tecnicamente l’operazioni di riassorbimento è di facile spiegazione: la BCE offre alle banche, in base ad un programma di rifinanziamento, degli interessi per i depositi corrispondenti alla quantità degli titoli di credito dalle stesse acquistati. L’opportunità le banche possono accettarla come rifiutarla. Del nervosismo ci fu nel...........................

Richard Fisher : non sosterro’ più le politiche monetarie accomodanti della Federal Reserve

Richard Fisher : non sosterro’ più le politiche monetarie accomodanti della Federal Reserve:

Richard Fisher, presidente della Federal Reserve di Dallas, ha di recente fatto un’ammissione molto significativa : nessuna banca centrale – nemmeno la Federal Reserve statunitense – sa come fare per riportare la situazione in equilibrio e far ripartire l’economia.

fisher Richard Fisher : non sosterro’ più le politiche monetarie accomodanti della Federal Reserve
“Sarà una sorpresa per chi mi conosce – ha commentato Fisher – sapere che non ho sostenuto un’ulteriore politica monetaria accomodante durante i nostri incontri della settimana scorsa.
Ho più volte chiarito durante il Federal Open Market Committee e in discorsi pubblici, di ritenere che ogni ulteriore programma per avventurarsi in questa direzione ci porta verso acque profonde e inesplorate.

Alla Fed siamo fortunati in quanto abbiamo modelli econometrici sofisticati e bravi analisti. Possiamo facilmente arrivare a.....................

Ecco le Banche più pericolose del mondo

Ecco le Banche più pericolose del mondo:  
 
Il Financial Stability Board ha aggiornato la classifica dei gruppi finanziari troppo grossi per poter fallire. Al mondo ci sono ventotto banche il cui fallimento potrebbe provocare un rischio sistemico che minaccia la stabilità dell’economia globale. Nella lista compilata dal Financial Stability Board del G20 è arrivato per la prima volta anche un istituto italiano... Unicredit. RISCHIO SISTEMICO - Dal novembre del 2011 il Financial Stability Board, l’organismo di vigilanza del G20 che monitora sulla stabilità del sistema finanziario globale pubblica una lista delle banche “pericolose” dal punto di vista sistemico. Sono gli...............

La supercasta dei Notai

La supercasta dei Notai: Libri, articoli, dibattiti, proposte di riforma. Ma ancora niente scalfisce la lobby più blindata che c'è. Fra concorsi da delirio e aspiranti molto pazienti, il Consiglio non ci risponde.


Chi è davvero Milena Gabanelli? Al di sopra di ogni sospetto sempre e comunque?

Chi è davvero Milena Gabanelli? Al di sopra di ogni sospetto sempre e comunque?:


joe black 150x150 Chi è davvero Milena Gabanelli? Al di sopra di ogni sospetto sempre e comunque?



Chi è davvero Milena Gabanelli?
Al di sopra di ogni sospetto sempre e comunque?
Mi chiedo sempre più spesso se certi giornalisti (Vespa Bruno per fare un nome) siano davvero SOLO giornalisti.
gabanelli 327x300 Chi è davvero Milena Gabanelli? Al di sopra di ogni sospetto sempre e comunque?
Le loro frequentazioni, l’approccio ai problemi, le finalità REALI della loro azione a volte mi sfuggono…. O forse no…
La loro capacità di orientare opinioni, nel mondo della comunicazione, mi portano a considerare altri aspetti di queste figure dalla altissima visibilità. In un possibile scontro di poteri non paiono solo pedine, ma veri e propri attori che si muovono in modo pasionario dietro ad un imperativo, ad un risultato da cogliere, un obiettivo da raggiungere a volte non cosi palese.
Prendiamo il caso Gabanelli.
report gabanelli 111031181004 big1 450x300 Chi è davvero Milena Gabanelli? Al di sopra di ogni sospetto sempre e comunque?
Esempio 1 – le energie rinnovabili ed il Fotovoltaico
In pieno boom fotovoltaico, nel momento stesso in cui i BIG si sono fatti i loro impianti (e che impianti, roba da 70MW, altro che il 3/5/20 KW) va in onda una trasmissione della nostra che fa vedere quanta speculazione ci sia e lancia l’allarme “consumo del suolo all’agricoltura”. (la cementificazione ne consuma 1000 volte tanto, ma non conta)
Subito dopo l’authority dell’energia sostiene che il peso delle rinnovabili sta assumendo cifre insostenibili (+3,9%) di cui solo 1,7% in realtà era dovuto alle rinnovabili ed il resto alle assimilate (inceneritori e riconversione sottoprodotti petroliferi). Nello stesso periodo il petrolio era salito del 22% e il gas del 40%, ma passava come secondario
Il ministro Romani entra a gamba tesa e, in presenza di migliaia di pratiche in......................

I partiti sono finiti ?

I partiti sono finiti ?:
I partiti sono finiti, esistono solo nei talk-show
di Massimo Fini - 04/11/2012
Fonte: Massimo Fini

  Un giorno di fine settembre di quest'anno ero a colazione da Beppe Grillo nella sua bella casa di Sant'Ilario, sopra Genova, da cui, nelle giornate limpide, si domina tutto il Golfo, da Spezia fino alla costa francese. Beppe mi faceva vedere, sotto, il braccio di mare in cui si allena, nuotando, anda e rianda, per circa un chilometro. Ma la traversata dello Stretto di Messina era ancora di là da venire. Si parlava, oltre che di cose che con la politica non c'entrano niente, delle elezioni amministrative del maggio precedente. “Tu hai salvato il sistema dei partiti e la finzione democratica” gli dicevo. “Perché?”.

"Perchè se il movimento 5 Stelle non si fosse presentato, quelli che...................

Credit default swaps

cds 250x250CDS sovrani e corporate rilevati al 2/11/12..........

Messina: soldi cinesi per il Ponte...O è una barzelletta oppure la Mafia Cinese ha deciso di entrare in competizione con le nostre Mafie...

Messina: soldi cinesi per il Ponte...O è una barzelletta oppure la Mafia Cinese ha deciso di entrare in competizione con le nostre Mafie...:


Attraverso le mie antenne sempre attive ho captato questa bella storiella:


Messina, soldi cinesi per il ponte....
Zamberletti: «Diverse società interessate».  vedi articolo al fondo del post

(N.d.R. Zamberletti = Capoccia "dell'emerita ed indispensabile" Società Parassitaria dello Stretto di Messina...una
delle tante società statali italiote che ci erogano "indispensabili"
servizi in cambio di una "trascurabile" pressione fiscale reale al 70%...)
O è una barzelletta, della stessa serie che il Buon Samaritano Cinese avrebbe dovuto salvare l'Eurozona (abbiamo poi visto la...



[ clicca sul titolo per continuare a leggere ]

Inflazione: cause, implicazioni e conseguenze

Inflazione: cause, implicazioni e conseguenze:



Di Italo Romano



Quando si parla di Sovranità Monetaria e signoraggio bancario si è soggetti il più delle volte ad attacchi bipartisan. Spesso e volentieri l’arma più utilizzata dai detrattori, più o meno consapevoli, è quella dell’inflazione.

Sappiamo realmente cosa sia l’inflazione, e quali siano le dinamiche da cui essa scaturisce?

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.

L’inflazione può avere origini differenti e si può dividere, in base alle condizione che innescano la situazione inflattiva, in tre categorie:

1)inflazione reattiva;

2)inflazione guidata;

3)inflazione creditizia.

La prima categoria di inflazione nasce a causa di condizioni elementari e il suo meccanismo è di facile comprensione: quando aumentano i costi di produzione (del processo produttivo, dei salari o delle materie prime) aumenta il prezzo del prodotto finale. Quindi se lievita il prezzo della farina, farà altrettanto il prezzo del pane venduto al dettaglio.

Può anche accadere che una azienda riuscendo a imporsi sulle altre, creando condizione di monopolio od oligopolio, può decidere di aumentare i prezzi senza giustificazione alcuna, per massimizzare il profitto. Ma, come è già capitato, anche in un.......................

Grecia: esperimento fallito?

Grecia: esperimento fallito?: Sono sempre più convinto che l’evoluzione della crisi greca avvenuta in questi ultimi anni sia stato una specie di esperimento. Lo scopo è stabilire quale sia il limite delle politiche di austerity da imporre ad uno stato sovrano, prima che … Continua a leggere →

Clientelismo, Boom e Bust

Clientelismo, Boom e Bust:



La pubblicazione di oggi è il prodotto della fusione di due articoli. Il primo è "Is it Cronyism to Ride the Boom?" di Doug French, mentre il secondo è "Charting The Undoing Of Credit-Fueled Globalization" tratto da ZeroHedge. Attraverso questi due pezzi voglio far notare come l'ambiente in cui ci troviamo ad operare i nostri scambi sia sicuramente manipolato, ma conserva ancora uno sprazzo di libero scambio. Come direbbe Mises, è un sistema misto ma nonostante ciò inevitabilmente corre verso il suo disfacimento. Lo apprendiamo giorno dopo giorno. Le attività produttive, quelle che conducono i propri affari in accordo con la volontà dei consumatori ed astenendosi dal richiedere aiuti, vengono costantemente private dei fondi necessari per continuare la loro crescita a favore di ..............

ABBANDONARE L'€URO

Di  Vicenç Navarro

Vista l'enorme crisi finanziaria ed economica vigente in Spagna, ci sono tre alternative. Una è quella di continuare le politiche di austerità del governo del Partito popolare, seguendo le istruzioni del Consiglio europeo (dominato da conservatori e liberali), della Commissione Europea (di chiaro orientamento conservatore neoliberista) e della Banca Centrale Europea (sotto l'enorme influenza della Bundesbank, la banca centrale tedesca, che è stata definita ironicamente e con ragionevole certezza, come il Vaticano del neoliberismo), massima esponente del sistema bancario tedesco. Queste politiche conducono inevitabilmente ad una situazione di recessione, rasentando la depressione per molti anni. Il suo fulcro è un attacco frontale al mondo del lavoro, allo stato sociale e alla democrazia. 

L'evidenza di ciò è forte e sconvolgente. La sua massima espressione è ciò che sta accadendo in Grecia. Dietro questa strategia c'è il capitale finanziariario (che oggi domina il comportamento, non solo finanziario, ma anche economico, nell'area dell'euro) e il capitale delle grandi aziende. Questa opzione è, senza dubbio la peggiore. Aspettarsi che le politiche di quella che viene chiamata "austerità espansiva" siano efficaci nello stimolare l'economia e uscire dalla recessione, appartiene all’ambito del dogma neoliberista, accettato per molto tempo dalle sinistre al governo che stanno portando la Spagna, l'Europa e il mondo al disastro.
Leggi tutto...

PER UNA SOVRANITA’ NON QUALUNQUE

Con l’aggravarsi della crisi della zona euro, il tema della sovranità e l’ipotesi di una uscita dell’Italia solo dalla moneta unica per alcuni, necessariamente anche dai Trattati europei ad avviso non solo nostro, si stanno facendo strada pure in Italia, pur con percorsi e contenuti molto diversificati. Purtuttavia, allo stato, ancora si veicolano affermazioni catastrofiste, tanto perentorie quanto irrazionali, per seminare paure, con l’Italia della lira –ancor più se sovrana a tutto campo– data per travolta da uragani di svalutazione e quindi d’inflazione (ma nel ’92, a seguito della svalutazione, secondo i dati ufficiali l’inflazione calò), tempeste speculative, sconquassi sociali propagandati come inimmaginabili, il tutto funzionale ad incassare un consenso emotivo, il più largo possibile, sull’irreversibilità dell’euro e sulle relative politiche d’accompagno. 

La paura indotta tra la popolazione sta servendo anche per indurla ad accettare alterazioni profonde in senso ancor più autoritario ed oligarchico dei preesistenti assetti economici, sociali, politici, e a far passare politiche non esclusivamente economiche, che di fatto stanno acuendo la subalternità dell’Italia ad una gerarchia di decisori con in cima quelli d’ultima istanza, i centri strategici situati negli States, regolatori del polo capitalistico “occidentale”. Il tempo della convergenza di interessi tra Stati Uniti e Germania, con quest’ultima che vide nell’euro l’opportunità di indebolire gli Stati europei e consolidare un ruolo politico da semipotenza globale, è in via di esaurimento e a Berlino si dovrà sciogliere il nodo se accontentarsi di un ruolo regionale ben delimitato oppure no, con relativi passi.
Leggi tutto...

LA BCE COME IL GOSPLAN: STERILIZZAZIONE E NEUTRALIZZAZIONE

LA BCE COME IL GOSPLAN: STERILIZZAZIONE E NEUTRALIZZAZIONE

DI MAURO MENEGHINI Il 24 ottobre Mario Draghi si è presentato al Parlamento tedesco. Il presidente della BCE ha minimizzato le preoccupazioni tedesche di possibile inflazione, qualsiasi liquidità verrà ridotta in qualsiasi forma essa si presenterà nel sistema sotto forma di un acquisto diretto di titoli (Outright Monetary Transactions – OMT). Questo sistema di riduzione ci è già noto nel… Read more →

"Anche la Fed non ci capisce più nulla" (e lo ammette)

"Anche la Fed non ci capisce più nulla" (e lo ammette)

"Anche la Fed non ci capisce più nulla" (e lo ammette)
ANALISI | Indicativa l'ammissione di Richard Fisher, presidente della Federal Reserve di Dallas: nessuna banca centrale sa bene come riportare la situazione in equilibrio. Opinione di John Mauldin (foto) 

G20/ Ue svicola da banco imputati,riflettori su fiscal cliff Usa

G20/ Ue svicola da banco imputati,riflettori su fiscal cliff Usa

Roma, 5 nov. (TMNews) - L'Europa sta cercando di defilarsi dal banco degli imputati, nel palcoscenico globale del G20 delle Finanze che da ieri notte si è aperto in Messico, mentre nell'imminenza delle elezioni presidenziali sono gli Stati Uniti a creare crescenti preoccupazioni. Un G20 decisamente sottotono visto che mancano diversi esponenti di spicco, a cominciare proprio da colui che normalmente rappresenta gli Usa in queste riunioni, il segretario di Stato al Tesoro Timothy Geithner. Ma assenti sono anche i ministri delle Finanze di Francia, Pierre Moscovici, e Brasile, Guido Mantega, e il presidente della banca centrale europea Mario Draghi. Questo mentre al di là dell'appuntamento chiave sul voto per la Casa Bianca, se entro la fine dell'anno repubblicani e democratici non troveranno una intesa sulle manovre per correggere la traiettoria dei conti pubblici, in base alla tregua precedentemente concordata scatteranno una serie di tagli alla spesa e aumenti delle entrate automatici battezzati con l'inquietante nome di "fiscal cliff", letteralmente "baratro di bilancio". Secondo una fonte del G20 citata da Dow Jones "il tempo passa e il baratro si avvicina, ma tutti quanti - ha aggiunto - sono fiduciosi che si troverà una soluzione". Affermazioni che potrebbero trovare riscontri nel comunicato finale che verrà diffuso al termine delle riunioni. (segue)

TARGET2 è il capro espiatorio degli errori tedeschi

Su Voxeu un altro lucido articolo di De Grauwe: il problema non è l'oscuro sistema Target2, ma l'eccessiva assunzione di rischio delle banche tedesche che finanziavano la vendita del surplus alla periferia.
di Paul De Grauwe e Yuemei Ji, 2 nov 2012

Una rottura sistemica dell'Eurozona sarebbe la madre di tutte le crisi finanziarie. Questo articolo - una controreplica al recente articolo di Hans-Werner Sinn - è d'accordo che la Germania subirebbe grosse perdite da una rottura, ma sostiene che la causa prima sono i 600 miliardi di € di avanzi delle partite correnti riportati nei confronti degli altri paesi dell'EZ nel corso degli anni buoni, non il sistema TARGET2. Le banche tedesche hanno prestato ingenti somme ai paesi periferici senza fare una corretta analisi del credito. Nessun altro se non la la stessa Germania è responsabile per essersi assunta tali rischi...Continua a leggere

Borsa: Listino Accentua Flessione (ftse Mib -1,08%)

Borsa: Listino Accentua Flessione (ftse Mib -1,08%)

Aggiornamenti sulla Spagna. Disoccupazione +2.73% m/m, 247 miliardi di capitali in fuga da gennaio a luglio 2012.

Aggiornamenti sulla Spagna. Disoccupazione +2.73% m/m, 247 miliardi di capitali in fuga da gennaio a luglio 2012.

Di , 10:51 AM | Giuseppe Sandro Mela.      

 La situazione spagnola è nota nella sua gravità, e gli ultimi dati resi disponibili non concorrono a rassicurare.   Il numero dei…

Berlusconi chiede venia "non ce l'ho fatta contro la crisi" | Teleborsa.it

Berlusconi chiede venia "non ce l'ho fatta contro la crisi" | Teleborsa.it

Formigoni contro Report: "Pagherai i danni" - foto

POLITICA & SOCIETÀ
Dopo la puntata di ieri sera, il Celeste si scatena su Twitter
Dopo la puntata di ieri sera, il Celeste si scatena su Twitter

Fabbisogno del settore Statale: ad Ottobre 2012 a 13,1mld (+11,2mld sul 2011) – Come Volevasi Dimostrare, nessun Risanamento...


Fabbisogno del settore Statale: ad Ottobre 2012 a 13,1mld (+11,2mld sul 2011) – Come Volevasi Dimostrare, nessun Risanamento...




Andando al di là della versione "ufficiale"
che vi stanno spacciando Monti ed i mass-media compatti a mo' d'Istituto Luce...
e che la maggioranza degli italiani si sta bevendo a garganella....
continuiamo la nostra Operazione VERITA' che pochissime fonti stanno intentando...(vedi anche il mio post: Certo che hanno proprio delle FACCE DI TOLLA da Guinness dei Primati..) 

Fabbisogno del settore Statale: ad Ottobre 2012 a 13,1 miliardi (+11,2 miliardi sul 2011) – Come Volevasi Dimostrare, nessun Risanamento (come ripetiamo da mesi)
 

Ecco a voi i comunicato del MEF
Fabbisogno dei primi dieci mesi 2012 in calo rispetto al 2011.
Nei primi dieci mesi del 2012 si è realizzato complessivamente un fabbisogno di 58,5miliardi a fronte di un fabbisogno del 2011 di 60,9 miliardi.
L’andamento del fabbisogno a tutto ottobre è coerente con il trend ipotizzato per il raggiungimento dell’obiettivo annuo.
Nel mese di ottobre 2012 si è realizzato un fabbisogno del settore statale pari, in via provvisoria, a circa 13,1 miliardi, in aumento rispetto allo stesso mese del 2011 in cui si registrò un disavanzo di 1,9 miliardi.
Commento
Il risultato del mese di ottobre, rispetto allo stesso mese del 2011, registra il buon andamento delle entrate tributarie, in linea con quanto realizzato negli ultimi mesi. Dal lato della spesa, si evidenziano minori pagamenti di interessi sul debito pubblico, maggiori rimborsi fiscali per una diversa calendarizzazione dei pagamenti ed una maggiore spesa complessiva da parte delle amministrazioni centrali e degli enti territoriali.
Il fabbisogno del mese di ottobre, rispetto ad ottobre 2011, ha registrato l’erogazione di 5,7 miliardi a favore dell’European Stability Mechanism (ESM) per la stabilità finanziaria della zona euro ed il venir meno dell’introito di circa 2,8 miliardi, derivante dall’assegnazione di diritti d’uso di frequenze radioelettriche destinate alla banda larga.
Al netto di tali partite peggiorative, il disavanzo del mese sarebbe stato di circa 4,6 miliardi.
Quelli del MEF sono come sempre trionfalistici, anche se le notizie sono pessime.
Come sapete da mesi e mesi ripetiamo che:
a) Il miglioramento del Fabbisogno che c’era nei mesi scorsi era fasullo
b) Che il governo diceva delle “balle” sul Deficit, stimandolo prima al 1,5%, poi all’1,7% e poi al 2,6%. Anche questa cifra e’ una menzogna...................

Lavoro/ Istat:Disoccupazione 2012 al 10,6%,nel 2013 vola a 11,4%

Lavoro/ Istat:Disoccupazione 2012 al 10,6%,nel 2013 vola a 11,4%


Roma, 5 nov. (TMNews) - Disoccupazione ai massimi livelli nel 2012 e nel 2013. Lo ha comunicato l'Istat che ha diffuso le "Prospettive per l'economia italiana nel 2012-2013". La maggiore partecipazione al mercato del lavoro osservata a partire dalla fine del 2011 è alla base del rilevante incremento del tasso di disoccupazione previsto per quest'anno (10,6%). Nel 2013 il tasso di disoccupazione continuerebbe a salire (11,4%) "a causa del contrarsi dell'occupazione, fenomeno cui si dovrebbe accompagnare un aumento dell'incidenza della disoccupazione di lunga durata". La fase di debolezza ciclica dell'economia italiana "condurrebbe a un deterioramento complessivo delle condizioni del mercato del lavoro", ha rilevato l'istituto di statistica. Nei primi due trimestri dell'anno in corso "si è osservata una sostanziale tenuta dei livelli occupazionali, unitamente a una diminuzione delle ore lavorate (anche attraverso il ricorso alla Cassa Integrazione Guadagni), anche se segnali più negativi sono emersi a settembre". Di conseguenza, per il 2012 la diminuzione prevista in termini di input di lavoro sarebbe pari all'1,2%. A seguito del miglioramento delle condizioni economiche generali atteso nella seconda parte del 2013, il deterioramento delle condizioni complessive del mercato del lavoro potrebbe attenuarsi, anche se l'input di lavoro risulterebbe ancora in calo dello 0,5% in media d'anno. Le retribuzioni per dipendente mostrerebbero una dinamica moderata (0,9%, nel 2012 e 1% nel 2013). La produttività del lavoro diminuirebbe nel 2012 per poi stabilizzarsi nel 2013. Il costo del lavoro per unità di prodotto tenderebbe a crescere in entrambi gli anni.

Crisi: Istat, Spesa Per Consumi In Forte Calo (-3,2% Nel 2012)

Crisi: Istat, Spesa Per Consumi In Forte Calo (-3,2% Nel 2012)


(ASCA) - Roma, 5 nov - La caduta del reddito disponibile, il clima di incertezza percepito dai consumatori e l'attuazione di misure di politica economica volte al consolidamento dei conti pubblici penalizzano la spesa per consumi. Nel rapporto sulle prospettive dell'economia italiana nel 2012-2013, l'Istat indica che la crescente situazione di disagio finanziario dichiarata dalle famiglie porterebbe, in un primo tempo, ad un proseguimento nell'utilizzo del risparmio, cui potrebbe seguire una evoluzione in negativo dei modelli di consumo. La spesa privata per consumi registrerebbe nell'anno in corso una contrazione del 3,2% e anche nel 2013 la spesa dei consumatori risulterebbe in calo (-0,7%), a seguito delle persistenti difficolta' sul mercato del lavoro e della debolezza del reddito disponibile.

Obama e il “lavorare meno, lavorare tutti”

Wen-Jiabao-ObamaDopo il calo a sorpresa del tasso di disoccupazione USA, gli americani si interrogano su quanto accaduto.

Alcuni pensano che l’ondata dei 582000 lavoratori part-time sia stato un fenomeno stagionale, basato sul ciclo degli insegnanti che tornano al lavoro.

Tuttavia il dato è destagionalizzato, quindi il punto non è questo.

C’è chi ipotizza che il dato sarà rivisto al ribasso abbastanza presto (pare che sia una consuetudine frequente in USA pubblicare un dato e poi rivederlo). Ma una possibile spiegazione potrebbe venire dall’ObamaCare, la riforma sanitaria voluta dal Presidente in carica....

Elezioni Usa: l’incubo del pareggio in stile George W. Bush e Al Gore

Elezioni Usa: l’incubo del pareggio in stile George W. Bush e Al Gore

di REDAZIONE
A un giorno e mezzo dal voto per le presidenziali, l’America appare piu’ che mai spaccata in due. I sondaggi che si susseguono freneticamente in queste ore confermano che tra Barack Obama e Mitt Romney sara’ un testa a testa fino all’ultimo voto. Per questo i due candidati, …
LEGGI1 Comment