09/11/12

Esistono tumori legati più di altri al tipo di alimentazione?

La risposta è affermativa: ci sono tumori più sensibili di altri agli effetti del cibo
La risposta è affermativa: ci sono tumori più sensibili di altri agli effetti del cibo

Non ci sono i soldi e i tagliandi del rinnovo della patente non arrivano (questa e' proprio bella!!)

Problemi e disagi per gli automobilisti italiani soprattutto nelle zone di confine
Problemi e disagi per gli automobilisti italiani soprattutto nelle zone di confine

DIETRO IL SIPARIO: Quel tunnel è una canna del gas

DIETRO IL SIPARIO: Quel tunnel è una canna del gas: Mentre c'è chi esulta per la rielezione di Obama alla presiden za degli Stati Uniti, vendendo ancora l'inganno del presidente buono in l...

L'Euro privato: un'esperienza finita


L’Europa falsa e falsata

L'Euro privato: un'esperienza finita

Olanda, Finlandia, Germania, Svezia e Gran Bretagna (quella delle sterline) si oppongono alla proposta di bilancio rettificativo per il 2012 presentata dalla Commissione europea e riguardante l’esborsi da 670 milioni di euro per il terremoto in Emilia Romagna da parte del fondo d’emergenza sulle catastrofi naturali. Questo nonostante quei Paesi abbiano riconosciuto che l’Italia ha diritto ai finanziamenti del Fondo di solidarietà.

Pas-FermiamoLeBanche: In Spagna, ormai, incendiano le banche

Pas-FermiamoLeBanche: In Spagna, ormai, incendiano le banche: Non riesce a pagare il mutuo, incendia la banca „ Non riesce a pagare il mutuo, incendia la banca Protagonista dell'attentato, un 62enne...

Greci preoccupati e pessimisti: il paese peggiorerà

Greci preoccupati e pessimisti: il paese peggiorerà

di REDAZIONE
In piena crisi economica e con il Paese al quinto anno consecutivo di recessione, il pessimismo continua a diffondersi a macchia d’olio fra i greci. E’ quanto si evince da un nuovo sondaggio d’opinione condotto dalla societa’ Public Issue per conto della TV privata Skai e del quotidiano …
LEGGI1 Comment

Domani a Roma “Euroribellione”, raduno dell’estrema destra

L’appuntamento è in piazza Risorgimento, storico luogo della destra romana. Organizza il Movimento sociale europeo, guidato a Roma da Giuliano Castellino che è stato anche vicino al sindaco Alemanno. Molte le proteste contro la manifestazione, tra cui quella del presidente della Provincia Zingaretti.
ANALISI


Leggi il resto: http://www.linkiesta.it/node#ixzz2BlKYpEu0

Altra Realtà: TERRA REAL TIME: Le scoperte di Nicola Tesla volut...

Altra Realtà: TERRA REAL TIME: Le scoperte di Nicola Tesla volut...: TERRA REAL TIME: Le scoperte di Nicola Tesla volutamente occultate ... : Già 116 anni fa c’era la visione di un mondo con l’energia pulita e...

STA PER INIZIARE LA CORSA ALL’ORO?

          www.nexusedizioni.it
Articolo di Charles Goyette
Nell’apprendere che l’oro della Francia era custodito dalla Federal Reserve americana, il presidente francese Charles De Gaulle pare che abbia detto “non riuscivo a dormire sonni tranquilli con un accordo del genere”. Così nel 1965 ha ordinato che una nave della marina francese attraversasse l’Atlantico per recuperare 150 milioni di dollari in oro custoditi nei caveaux dellaFed di New York e trasferirli nella Banque de France a Parigi.
È stata una mossa prudente quella di De Gaulle. In accordo con l’avvertimento che già vi avevo fatto: non lasciate il vostro oro alle cure di qualcun altro. Prendete possesso fisico del vostro oro.
De Gaulle comprese che gli Stati Uniti stavano realizzando una truffa internazionale. Avevano promesso che i possessori dei dollari americani avrebbero potuto in ogni momento riscattare il loro oro al tasso di 35$ l’oncia. Ma come qualcuno che firma cambiali false, era chiaro che gli Usa stessero stampando più dollari di quanti ne fossero riscattabili a qualsiasi tasso. Leggi il resto di questo articolo »

Usa/Obama:No aumento tasse classe media,ma ricchi paghino di più

Usa/Obama:No aumento tasse classe media,ma ricchi paghino di più

Usa/ Petraeus si dimette dalla Cia, relazione extraconiguale (vabbuo'.... Tata)

Usa/ Petraeus si dimette dalla Cia, relazione extraconiguale

Salvo il lavoro di Bernanke, ma non il dollaro

Obama ha ordinato l'insabbiamento del ruolo anglo-saudita nei due attacchi dell'11 settembre

Obama ha ordinato l'insabbiamento del ruolo anglo-saudita nei due attacchi dell'11 settembre

8 novembre 2012 (MoviSol) - Durante la sua prima campagna per la presidenza nel 2008, Obama promise che avrebbe reso pubblico il capitolo di 28 pagine del rapporto della commissione congressuale d'inchiesta sull'11 settembre, la cui pubblicazione era stata bloccata dal Presidente George W. Bush. Obama non solo non ha mantenuto la promessa, ma ha chiesto all'Avvocatura dello Stato di intervenire in una causa federale a favore dell'immunità dell'Arabia Saudita da qualsiasi denuncia riguardante il suo ruolo nell'attacco alle torri gemelle. A tutt'oggi, il Presidente Obama prosegue l'insabbiamento dell'amministrazione Bush sul ruolo dei governi britannico e saudita nell'11 settembre.
Le stesse reti dietro gli attacchi del primo 11 settembre sono responsabili anche dell'attacco dell'11 settembre 2012 contro il consolato americano a Bengasi, in Libia.
Nonostante gli insabbiamenti di Bush ed Obama, è trapelato parecchio sul contenuto del capitolo stralciato dal rapporto della commissione d'inchiesta al Congresso. Grazie alla campagna persistente dell'ex senatore democratico Bob Graham, che ha presieduto la commissione, è noto che l'ambasciatore saudita a Washington, principe Bandar bin-Sultan, ha finanziato almeno due dei tre dirottatori dell'11 settembre nei loro nove mesi negli Stati Uniti, tramite due funzionari dell'intelligence saudita.
Allo stesso tempo, dal gennaio al settembre 2001, il principe Bandar ha accumulato quasi 2 miliardi di dollari di tangenti per l'accordo "Al Yamamah", con cui il gigante britannico della difesa, BAE Systems, ha fornito armi e sostegno militare all'Aviazione saudita, in cambio di massicce quantità di petrolio greggio vendute sul mercato a pronti internazionale. Un'altra grossa somma di denaro è stata accumulata con le vendite di petrolio che sono finite in un fondo speculativo offshore, gestito insieme dall'intelligence britannica e saudita, fondo che ha finanziato il terrorismo globale, a partire dai Mujaheddin afgani che cacciarono l'Armata Rossa dell'Afghanistan alla fine degli anni Ottanta.
Questa alleanza tra reali britannici e sauditi sta dietro a tutti i principali attacchi terroristici degli ultimi decenni. La minaccia è ancor maggiore oggi, in quanto lo scorso luglio il principe Bandar bin-Sultan è stato nominato nuovo capo dei servizi segreti sauditi. Il suo primo incarico è stato quello di dare soldi ed armi agli jihadisti radicali in Siria e Libano, per fomentare lo "scontro tra le civiltà" e le guerre di religione che sono il nocciolo della politica della Corona inglese.

Obama stringe i tempi sul "fiscal cliff" | Teleborsa.it

Obama stringe i tempi sul "fiscal cliff" | Teleborsa.it

Obama reloaded: governo nuovo, problemi vecchi


E così Barack Obama ha compiuto la sua grande impresa. "Four more years", altri quattro anni. Se qualcuno pensava che nel 2008 si fosse compiuto un miracolo irripetibile, le ultime presidenziali l'hanno smentito: il Presidente "coloured" si riconferma. E lo fa nel bel mezzo di una crisi economica globale, per certi versi senza precedenti.

Ma basterà la favola del "self-made-man-figlio-del meltin'-pot-americano" a portare gli Stati Uniti fuori dal guado (insieme a tutto l'Occidente)? 
Il primo mandato non sembra aver risolto nessun problema sistemico, tanto da aver costretto il team di Obama a mettere in soffitta il celebre "Yes we can"; anche perchè il seguito di quello slogan si può riassumere in un meno sognante, e molto più triste, "Yes we could".........leggi tutto

Germania kaputt: l’euro-rigore uccide i suoi stessi clienti


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Germania kaputt: l'euro-rigore uccide i suoi stessi clienti

Incredibile ma vero: anche la Germania è ufficialmente in recessione. «Il costrutto dell'Eurozona è insostenibile, distruggerà tutta l'Unione Monetaria, non solo Italia o la Grecia. Infatti. Ora il veleno sta lambendo proprio lei, la signora teutonica degli sprezzanti strali contro noi "Maiali"», afferma Paolo Barnard, sostenitore della Modern Money Theory messa a punto dall'americano Warren Mosler: privare gli Stati della sovranità monetaria condanna a morte la loro economia. «Il mostro si rivolta contro chi l'ha creato, il virus sta uccidendo lo scienziato che l'ha fatto vivere». E ora «la Germania è attonita, non si capacita: ma come? Come è possibile?». Barnard lo chiama «l'economicidio delle democrazie del sud Europa», attuato «per mezzo della creazione di una moneta unica». (continua…)




Inviato da iPhone

Vogliono


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Vogliono


Traduzione letterale: "Vogliamo che i nostri bambini vivano in un mondo senza il potere distruttivo di un pianeta in via di surriscaldamento".


Traduzione per i non-adepti: "Vogliamo che i nostri bambini vivano in un mondo con il potere distruttivo di migliaia di testate nucleari, di centinaia di droni e basi militari sparse in ogni angolo del pianeta… perché siamo pacifici, talmente pacifici che io ho persino vinto  il premio Nobel per la pace…".





Inviato da iPhone

Legge elettorale, Schifani: “Se non ce la facciamo, Grillo dal 30 va all’80%”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Legge elettorale, Schifani: "Se non ce la facciamo, Grillo dal 30 va all'80%"

"Ce la sto mettendo tutta e ce la facciamo, altrimenti Grillo dal 30 va all'80%". Lo dice il presidente del Senato, Renato Schifani, intervistato da Fiorello a margine di una visita all'associazione Andrea Tudisco che ospita bambini oncologici e le loro famiglie. "Spero che il mio ottimismo – aggiunge Schifani – a breve si traduca in certezza. Ci sono notevoli margini per pensare che a breve si arrivi ad un'ampia intesa tra le forze parlamentari. Tra i partiti – prosegue il presidente del Senato – c'è una fase estremamente delicata e costruttiva. I partiti con grande responsabilità stanno facendo in modo che il provvedimento arrivi in Aula per una riforma condivisa. Oramai i tempi sono brucianti – conclude – le lancette si devono fermare".



Inviato da iPhone

La Grecia insorge contro la finanza per l’avvenire dell’Europa


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La Grecia insorge contro la finanza per l'avvenire dell'Europa

Non se ne può davvero più di questi "mercati", sibillina e fraudolenta espressione per indicare un'infima minoranza di più o meno loschi individui che, chiusi in stanze asettiche e insonorizzate, decidono il futuro dei Paesi e dell'intero pianeta manovrando senza alcun controllo masse ingenti di denaro, creato a prescindere da ogni rapporto con la ricchezza reale, quella, per intenderci, destinata a soddisfare i bisogni della gente in carne ad ossa come noi, troll neoliberisti compresi (a meno che non si tratti di creature puramente virtuali, come a volte si ha l'espressione leggendo i loro insulsi commenti).

Da ultimo, i "mercati" hanno addirittura bofonchiato malcontenti per la rielezione di Obama, non certo un bolscevico, ma neanche il burattino della finanza che rispondeva al nome di Mitt Romney. Chiaro il segnale inviato ad Obama e Bernanke da uno dei portavoce più noti ed accreditati di questa oligarchia di finanzieri, l'agenzia Fitch. La quale detta la linea al popolo americano e al suo presidente: "La "principale priorità per il Presidente e il Congresso è raggiungere un accordo su un piano di riduzione del deficit supportato da obiettivi chiari e misure specifiche su tasse e spesa che possano ricondurre le finanze pubbliche Usa su un percorso sostenibile nel medio e lungo termine". La voce della finanza ha parlato. Con quale legittimità? Nessuna ovviamente. Solo con la prepotenza che deriva dalla massa d'urto dei capitali vaganti, pari per nocività al famoso iceberg che affondò il Titanic, con la differenza che stavolta a rischio è la civiltà occidentale e la democrazia.

La democrazia deve potersi difendere. Neutralizzando definitivamente la finanza che si è impadronita delle leve del potere reale. In Europa, ancora più che negli Stati Uniti, dove almeno esiste un potere sovrano che, in parte, si muove secondo logiche non direttamente riconducibili agli interessi dei padroni del denaro. 

Oggi la democrazia è a rischio in Europa perché è a rischio lo stato sociale che dell'Europa stessa ha costituito la creazione più autorevole e importante. Perché a rischio sono i concetti stessi di servizio pubblico e di bene comune. Come un'orda di locuste, gli esponenti del potere finanziario, capitanati dalla Goldman Sachs e organizzazioni di questo genere, si stanno gettando sulle proprietà pubbliche.

Lo hanno ...



Inviato da iPhone

Genesi delle Brigate Rosse

284685 634674350501067996 Aldo Moro br 299x347E’ interessante il libro-intervista di Giovanni Fasanella ed Alberto Franceschini dal titolo “Che cosa sono le BR”, pubblicato dalla collana BUR.
L’argomento affrontato non è nuovo, ma offre spunti interessanti, la dove descrive vicende, persone e fatti legati al contesto politico e sociale reggiano.
A ricordare le radici delle Brigate Rosse è lo stesso Franceschini quando afferma che “E’ all’interno dell’idea comunista che continua a sopravvivere il mito della rivoluzione, ma una differenza rispetto al passato va comunque sottolineata: noi avevamo un involucro politico in cui vivere, il Pci e la sinistra. I nuovi brigatisti non hanno più una casa”....

La Federal Reserve System è Bankenstein


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La Federal Reserve System è Bankenstein

FED, STORIA DI UNA TRUFFA (I) – Un po' di storia

 LA Federal Reserve System è la banca delle banche. Eppure il suo operato non solo è incostituzionale, ma è anche una minaccia per la stabilità economica. Uno sguardo al passato per conoscere il presente in cui viviamo.


Inviato da iPhone

Nuovo Ordine Mondiale: il video della conferenza


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Nuovo Ordine Mondiale: il video della conferenza

Dopo il primo evento organizzato il 12 Agosto 2012

(di cui potete leggere la notizia qui: http://goo.gl/gmEYw

e vedere la registrazione qui: http://www.losai.eu/la-grande-truffa-del-debito-pubblico-video ),

il gruppo "Inform-azione Val Vibrata" è tornato per un nuovo appuntamento con ospiti d'eccezione, per affrontare tematiche taciute sui media tradizionali. Ringraziamo l'Associazione Culturale "Nuove Sintesi" per la collaborazione in fase organizzativa.

L'evento si è tenuto nella Sala Conferenze del Comune di Alba Adriatica, in provincia di Teramo.

Lo scopo è informare i cittadini sulle logiche e le meccaniche del "Nuovo Ordine Mondiale" e tutto ciò che ne consegue, affinchè essi possano innanzitutto capire e poi informare a loro volta altre persone.


Il programma della serata si è così svolto:


• Inizio conferenza ore 21:00:

Presentazione della serata ed introduzione alle logiche del "Nuovo Ordine Mondiale".

• ore 21:15:

Il dott. Luciano Garofoli ha fatto un breve riassunto su sistemi bancari e crisi economica mondiale introducendo di seguito gli effetti sulla vita sociale, culturale ed imprenditoriale.

• ore 21:50:

Il sig. Matteo Simonetti ha condiviso la sua conoscenza sulla "Psicologia e Filosofia del controllo sociale di massa" attraverso la musica, i media e la cinematografia.

• ore 22:25:

Il sig. Rosario Marcianò, esperto in geoingegneria clandestina (scie chimiche), ha fatto un'analisi puntuale sul controllo climatico ed i suoi effetti sulla salute umana.

• ore 23:00:

Il dott. PM Paolo Ferraro ha portato testimonianza sulle implicazioni della massoneria nella magistratura, sulla destabilizzazione dei governi nazionali e mondiali a favore delle lobby centralizzate e sul controllo e programmazione mentale dei singoli individui.

• ore 23:35:

conclusioni

————————————-

PER INFORMAZIONI E COLLABORAZIONI, CONTATTARE LA PAGINA www.facebook.com/nwo.italia OPPURE www.facebook.com/nuovoordinemondiale.





Inviato da iPhone

Una banca per tutti?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Una banca per tutti?

Il Financial Times Deutschland rivela il conflitto sulla vigilanza del sistema creditizio continentale che minaccia una nuova paralisi





Inviato da iPhone

La Guerra Valutaria si Infiamma


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La Guerra Valutaria si Infiamma





di Doug French


Durante l'ultimo dibattito, Mitt Romney ha enfaticamente dichiarato che il primo giorno della sua nomina farebbe saltare in aria la Cina per aver manipolato la propria valuta. Quando si parla di priorità. Di tutte le questioni urgenti della nazione, un minuto dopo il giuramento, sfiderebbe la Cina per aver manipolato lo yuan.

Un'osservazione del genere dovrebbe causare esasperazione. Come scrive Mary Anastasia O'Grady sul Wall Street Journal, "Per coerenza, Mr. Romney dovrebbe sfidare la Federal Reserve il secondo giorno per aver manipolato la propria moneta attraverso il quantitative easing, cosa che indebolisce il valore di del dollaro rispetto alle valute dell'America Latina."

Circa un mese fa, il ministro delle finanze Brasiliano Guido Mantega ha accusato Ben Bernanke di manipolazione, accusando il QE3 della FED (o QE Infinito) di aver scatenato guerre valutarie.

Anche quest'anno abbiamo visto la FED, la BCE e la Banca del Giappone annunciare una politica espansionistica pochi giorni l'una dall'altra. E gli effetti sono inflazione in Cina, rivolte per il cibo in Egitto, bolle azionarie ed inflazione nei prezzi al consumo in Brasile, e un aumento della disoccupazione nei paesi in via di sviluppo.

Christine Lagarde, Direttore Generale del Fondo Monetario Internazionale, ha rimproverato le banche centrali in un discorso pronunciato alla riunione di Ottobre del FMI, avvertendo che il denaro facile da parte delle banche centrali dei paesi sviluppati crea bolle nei prezzi degli asset nei paesi in via di sviluppo.

L'intimidazione di Romney nei confronti della Cina non è così innocua. Combinate la retorica di Romney con la politica dichiarata della Federal Reserve di mantenere i tassi di interesse praticamente a zero fino a... per sempre, ed otterrete i suoni della Terza Guerra Valutaria (CWIII) alle sue fasi iniziali.

Il quadro generale è che i governi riducono inevitabilmente il valore delle loro valute al valore del loro contenuto fisico. Ma nel frattempo, i politici sono alla ricerca di voti, ed i governi sono alla ricerca di un vantaggio sui governi concorrenti. Non sono razzi e bombe che vengono sparati; infuria una g...


Inviato da iPhone

Un’occasione d’oro


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Un'occasione d'oro


La crisi del debito in Europa ha presentato alla Germania un'occasione unica per traghettare il mondo lontano dalla distruzione monetaria e dalle sue conseguenze di caos economico, disordine sociale e indicibile sofferenza umana. La causa della crisi del debito è un'errata interpretazione della moneta unica, che permette a tutti i membri del all'Unione Monetaria Europea (UME), attualmente 17 nazioni sovrane, di stampare euro "forzandoli" su tutti gli altri membri. Il Dr. Philipp Bagus, della Università Re Juan Carlos di Madrid, ha diagnosticato questa situazione come  "tragedia dei beni comuni" nel suo libro, giustamente intitolato "La Tragedia dell'Euro". La Germania è sul punto di vedere saccheggiata la sua base di capitale dalle dinamiche inevitabili di questa vicenda: dovrebbe lasciare l'UME, ripristinare il marco tedesco (DM) e ancorarlo all'oro.


La Struttura dell'Unione Monetaria Europea


Il Sistema Europeo delle Banche Centrali (SEBC) è composto da una banca centrale, la Banca Centrale Europea (BCE) e dalle banche centrali nazionali dell'UME, tutte ancora esistenti all'interno delle proprie nazione sovrane. Sebbene alla BCE sia vietato dal trattato la monetizzazione del debito sovrano dei suoi membri, attraverso gli acquisti a titolo definitivo del loro debito, essa stessa ha interpretato questa limitazione non includendo gli euro prestati alle banche centrali nazionali, prendendo il debito sovrano stesso come garanzia. Naturalmente questo rappresenta, semplicemente, un metodo per aggirare la limitazione, richiesta soprattutto dai membri più responsabili dell'UME, come la Germania.


La Corruzione della Banca Centrale Europea come Motore dell'Inflazione


Quando la BCE venne formata, i mercati obbligazionari pensavano avrebbe operato secondo le linee della banca centrale Tedesca, la Bundesbank, che probabilmente gestì il sistema monetario meno inflazionistico nel mondo sviluppato. Tuttavia, ritennero che l'UME non avrebbe permesso il default  sovrano di uno dei suoi membri. Di conseguenza, il tasso di interesse, per molti membri, scese ai livelli di quello Tedesco. Purtroppo, molte nazioni non utilizzarono il tasso di interesse più basso come un'opportunità per ridurre i loro bilanci; anzi, molti presero a prestito ancora di più. Così nacque la crisi del debito Europea, quando fu chiaro al mercato obbligazionario che il rimborso del debito non era più così sicuro; i tassi di interesse, per queste nazioni, salirono.


Nel co...



Inviato da iPhone

Fiat. La Nuova Parmalat? Se Fiat è piena di Liquidità perchè Cappero emmetterebbe un Nuovo Bond?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Fiat. La Nuova Parmalat? Se Fiat è piena di Liquidità perchè Cappero emmetterebbe un Nuovo Bond?

5850d1312024594 fiat131abarth03a Fiat. La Nuova Parmalat? Se Fiat è piena di Liquidità perchè Cappero emmetterebbe un Nuovo Bond?


(i bei tempi di Sandro Munari… poi sono arrivate la Arna e la Duna)


 Se ne è accorto prima di noi (ovvove ovvove e sacrilegio) Bimbo Alieno, e dunque uso le sue parole e copioincollo parte del suo ultimo post



In tutto questo la Fabbrica Italiana Automobili Torino (meglio nota come Fiat) annuncia l'intenzione di procedere ad una nuova emissione obbligazionaria, questa volta denominata in franchi svizzeri. Ai prezzi di oggi Fiat spA capitalizza circa 4,5 mld€ e ascrive a bilancio oltre 20 mld€ di liquidità disponibile. La società dispone quindi di liquidità per oltre 4 volte la propria capitalizzazione e non pare avere alcun piano investimenti su nuovi modelli da lanciare; nonostante questo chiede al mercato altri soldi, nonostante il rating in peggioramento provochi un aumento dei costi di queste emissioni (l'ultima emissione di Fiat, pochi mesi fa, è stato un bond a tasso fisso superiore al 7%).


Oneri finanziari in crescita per accumulare una liquidità che -a bilancio- è già abbondante, compensati da riduzione dei costi sulla manodopera…


Qualcuno inizia a chiedersi se quella liquidità sia vera o se la sede di Fiat si stia davvero spostando da Torino… magari per andare a Parma…



Per la verità Fiat non ha 20 mld di euro di liquidità ma solo 9,7, 12,2 è roba di Chrysler intrasferibile in Fiat, gli americani su queste cose non sono sportivi (ti mettono dentro e buttano via la chiave).


Comunque la domanda resta: a che cappero servirebbero altri prestiti obbligazionari peraltro molto onerosi . Non vi ricorda una certa industria del latte che emetteva bond al 6-7% con le casse piene per "ottimizzare la gestione finanziaria" (Fausto Tonna d'annata).


Ma le casse di Fiat sono piene…. e di che?


e se…. il mercato facesse maramao?


____________________________________


Articoli precedenti sulla questione:


Ed eccoci al termine della prim...



Inviato da iPhone

INDUSTRIA/ Crolla la produzione di auto: -13% mensile e -19,7% nei primi nove mesi del 2012


Ti è stato inviato tramite Google Reader

INDUSTRIA/ Crolla la produzione di auto: -13% mensile e -19,7% nei primi nove mesi del 2012

La produzione dell'industria nel settembre 2012 è scesa dell'1,5% rispetto al settembre 2011. Si tratta del 13esimo mese consecutivo un cui si registra un calo, che è stato pari al 4,8%

(Pubblicato il Fri, 09 Nov 2012 11:20:00 GMT)


Inviato da iPhone

Epidemia di suicidi in Spagna. targati BCE


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Epidemia di suicidi in Spagna. targati BCE



IL REPORTAGE

Quell'esercito di spagnoli sfrattati

Già 350 mila persone rimaste senza casa per colpa della crisi. I compro oro sono sempre di più, nel centro di Madrid ne è nato uno di tre piani.  Cresce la speculazione intorno alla vendita degli immobili sequestrati, rivenduti a prezzi stracciatidi ADRIANO SOFRI. La Repubblica


Quell'esercito di spagnoli sfrattati


    Inviato da iPhone

    Il risparmio in Italia: questo sconosciuto


    Ti è stato inviato tramite Google Reader

    Il risparmio in Italia: questo sconosciuto

    L'Italia è conosciuta come una delle patire del risparmio. Infatti è ben noto il fatto che buona parte del nostro debito sia proprio in mano ai singoli risparmiatori. Ed è anche per questo che da diversi anni i notri politici … Continua a leggere


    Inviato da iPhone

    L'INCUBO: t'impegni al 100%, fatichi e ti dimeni...ma una palla al piede ti trascina inesorabilmente sul fondo del mare...e ti senti affogare...


    Ti è stato inviato tramite Google Reader

    L'INCUBO: t'impegni al 100%, fatichi e ti dimeni...ma una palla al piede ti trascina inesorabilmente sul fondo del mare...e ti senti affogare...





    Vi ricordate i soliti bla bla bla che girano del tipo...

    - Gli italiani hanno un sacco di risparmi privati e sono poco indebitati

    - In Italia solo il debito pubblico è tragico ma, se sommi il debito pubblico+quello privato, siamo mooolto più virtuosi di UK, USA e tanti altri

    - Italiani = popolo di formiche e risparmiatori, invece delle cicale che s'indebitano in altre Nazioni

    - Le banche italiane sono più solide di altre perchè hanno giocato meno con subprime&affini

    Tutti i miti hanno un fondo di verità ed anche in questo caso non si fa eccezione,

    anzi...il fondo c'è sicuramente ed anche "ben fondato"...

    o meglio C'ERA...

    perchè man mano sta evaporando come rugiada al sole....

    ed il processo di evaporazione è diventato molto rapido e fulminante...




     L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE NON GODE
    DEL PRIVILEGIO DEI SUSSIDI STATALI.

    CARI LETTORI, PRIMA DI CONTINUARE A LEGGERE IL POST, FATE LA VOSTRA PARTE: CLICCATE SUI DUE VIDEO PUBBLICITARI
     


























    ....


    Inviato da iPhone

    TROPPE TASSE, TROPPI PARASSITI. E LA SOLIDARIETA’ VIENE MENO



    TROPPE TASSE, TROPPI PARASSITI. E LA SOLIDARIETA' VIENE MENO
    MOVIMENTO LIBERTARIO | 08 NOVEMBRE 2012
    http://pulse.me/s/fclHV


    DI CLAUDIO MARTINOTTI DORIA - Stante la condizione che non esito a definire "disumana" in cui la politica ... Read more

    --
    Sent via Pulse/


    Inviato da iPhone

    Abbiamo dato la caccia al demone sbagliato!



    Abbiamo dato la caccia al demone sbagliato!
    EFFETTO CASSANDRA | 08 NOVEMBRE 2012
    http://pulse.me/s/fcwD9


    Guest post di Graeme Maxton. Questo testo è apparso su diversi quotidiani il primo novembre 2012. Viene qui riprodotto col ... Read more

    --
    Sent via Pulse/


    Inviato da iPhone

    RIVOLUZIONE NON AUTORIZZATA: LA DITTATURA ECONOMICA CHE TIENE IN OSTAGGIO L'UMANITA'


    Ti è stato inviato tramite Google Reader

    RIVOLUZIONE NON AUTORIZZATA: LA DITTATURA ECONOMICA CHE TIENE IN OSTAGGIO L'UMANITA'


    Quando la gente non riesce più ad arrivare alla fine del mese, comincia a porsi delle domande e a ridestarsi dai potenti strumenti di distrazione di massa di cui è vittima (la macchina mediatica dello spettacolo, dell'intrattenimento e della disinformazione). Per tale ragione, economisti, politici, capi di stato e persino il Vaticano stanno premendo l'acceleratore sulla presunta "necessità" di realizzare un Nuovo Ordine Mondiale.
    Il loro sostegno al progetto di globalizzazione lo dichiarano ormai apertamente nelle interviste, nei talk-show e nei discorsi pubblici, invocandolo come l'unica soluzione possibile per uscire dalla crisi. L 'élite finanziaria vuole agire in fretta e senza ostacoli. Per evitare che la crisi le sfugga di mano usa i mass-media, la borsa, le agenzie di rating e i partiti.
    La popolazione viene terrorizzata quotidianamente con notizie negative sullo spread e sul rischio di bancarotta dello Stato e costretta ad accettare qualsiasi condizione venga imposta da "governi tecnici". 
    Nel frattempo, nessuno spiega la verità sull'origine della crisi: i popoli non hanno mai governato realmente, la loro volontà è stata sempre aggirata, la democrazia rappresentativa è un inganno e il debito pubblico è una colossale...


    Inviato da iPhone

    La fine della nostra sovranità


    Ti è stato inviato tramite Google Reader

    La fine della nostra sovranità


    L'Italia del governo tecnico di Mr Monti e fine della nostra sovranità nazionale

    European Phoenix
    monti_draghiFederico Dal Cortivo intervista il Prof Attilio Folliero, politologo residente a Caracas.
    Prima di rispondere alle domande, mi permetto una premessa. Io vivo lontano dall'Italia da dieci anni; ovviamente, ho sempre seguito e continuo a seguire le vicende italiane attraverso i grandi media: i telegiornali "aggiustati", i programmi come "Porta a Porta", i grandi quotidiani... tutti interessati a mostrare sempre e solo una parte "della storia". Recentemente, per esempio c'è stata a Teheran l'Assemblea dei Paesi non allineati, che praticamente in Italia è passata sotto silenzio, con poca informazione e quella poca passata era tutto meno che imparziale ed obiettiva...
    "I «non allineati» a Teheran fiera d'odio per l'Occidente", per dirla con il titolo di un noto giornale nazionale italiano; non c'è nessun odio verso l'occidente da parte dei Paesi non allineati, ma questa è l'informazione che è costretto a leggere l'italiano medio.
    Nell'antica Roma, quando stava per cadere l'impero, c'erano persone che vivevano come se niente stesse passando, continuando a fare banchetti ed orge come al tempo del massimo splendore dell'impero... vennero travolti senza rendersi conto di quello che gli stava succedendo! La situazione italiana (e dell'occidente, dell'Europa e degli Stati Uniti) di oggi è praticamente la stessa che si viveva alla caduta dell'impero romano: molti continuano a vivere senza rendersi conto di quello che gli sta per accadere. I politici nostrani (tutti) litigano fra di loro sul sesso degli angeli, però la quasi t...


    Inviato da iPhone

    Le vere primarie di Cetto La Qualunque: la realtà è peggio della satira


    Ti è stato inviato tramite Google Reader

    Le vere primarie di Cetto La Qualunque: la realtà è peggio della satira

    Le fa il Pd, le fa il Pdl, le fa la Lega. Ma le primarie, quelle vere, ora le fanno anche Cetto, Frengo e Olfo:  i candidati alle 'Vere Primarie' di Antonio Albanese. La caricatura dei politici è il tema del nuovo film del comico "Tutto tutto niente niente" in uscita a Natale. La campagna elettorale per le Vere Primarie attraverserà tutta l'Italia e per votare il proprio candidato è sufficiente andare sul sito levereprimarie.it/#/primarie: "Potranno votare tutti: italiani residenti, italiani non residenti, stranieri regolari e irregolari. È il primo voto politico elettronico in Italia. Alle vere primarie si vota online. Le votazioni chiuderanno alla mezzanotte del 21 novembre e il 22 l'Italia avrà il suo candidato Premier"

    La comicità ha sempre un retrogusto amaro, lo dimostrano alcune macchiette storiche come Chaplin o il ritratto di un comico nel libro di Houellebeq "La possibilità di un'isola".  Circa la comicità, scrive l'autore: "Il mio protagonista, l'attore comico Daniel, è un personaggio che potrebbe essere uscito dalla penna di Balzac. E' un uomo cinico che diventa ricco e famoso. Critica e si prende gioco di tutto, arricchendosi alle spalle di tutti. La sua è un'evoluzione balzacchiana". Come spesso accade, la cultura sotto forma d'arte è spesso profetica. In questo caso guardando i trailer e i messaggi elettorali partoriti dalla comicità di Albanese, ci si chiede quanto la stessa satira e fantasia non siano superate dalla triste realtà che stiamo vivendo. Ed eccoli i veri protagonisti della nostra attualità politica, con le loro maniche di camicia piegate per scimmiottare Obama, con la loro carica di proclami iper semplificati per comunicare il nulla in vari format spettacolari, atti a prenderci in giro. Ecco lo spettacolo signori, peccato che non fa ridere.

    Scrive ancora Houellebeq: "I comici non servono più a nulla. La loro critica della società non fa male a nessuno. In realtà sono solo dei cinici collaborazionisti del sistema che guadagnano un mucchio di soldi ironizzando sulle contraddizioni della società. Naturalmente non sono i soli. Anche le rockstar incarnano la ribellione al sistema, ma poi sono ricche sfondate." E quando i politici sono più comici dei comici? quando citare uno studioso, una poesia, usare un linguaggio in italiano "troppo" corretto o consigliare un libro diventa spunto per la presa in giro, c'è ancora da ridere? La cultura è sempre stata disprezzata dalla Lega che per prima ha sdoganato il linguaggio triviale e populista in politica. Strano che proprio chi aveva in sommo disprezzo la cultura abbia imbrogliato in ogni modo per poter avere una laurea, sino ad arrivare a c...



    Inviato da iPhone