14/11/12


I “BOCCONIANI”.


 

Tutti le persone che hanno avuto occasione di collaborare e lavorare con i laureati della Università Bocconi di Milano riscontrano una grande preparazione tecnica e nozionistica della MACROECONOMIA tra le più rilevanti, soprattutto a livello FINANZIARIO. Infatti anche la nascita e la storia dell’Università, caldeggiata e voluta dal Sistema Finanziario prevalentemente bancario, ne consegue la specificità di essa nei confronti di altre Università Italiane che hanno maggiori indirizzi e specificità aziendali o studi commercialistici. Col tempo gli indirizzi ed anche le richieste del mercato hanno fatto sì che alcune specializzazioni si avvicinassero come indirizzi e studi tra le diverse Università compresa la BOCCONI. I Docenti ed il corpo insegnante lo si può annoverare tra i migliori oltre che in Italia anche all’Estero ed abbiamo esempi decisamente notevoli ed apprezzati in tutto il mondo. Inoltre, essendo una Università privata, può permettersi anche dei budget sicuramente più cospicui che possono permettere di remunerare meglio il corpo docente ma anche sviluppare MASTER di alta qualità a prezzi decisamente non accessibile a tutti. Diciamo un po’ di “AMERICA” in un paese come il nostro che decisamente non è molto portato sia alla meritocrazia che all’insegnamento PRIVATISTICO del sapere. Tutto fa’ pensare che i laureati di questa UNIVERSITA’ prestigiosa portino all’ECONOMIA REALE un grandissimo bagaglio di competenza che non farà altro che del bene all’innovazione ed al benessere del Paese.

La realtà è ben diversa. Come dice un saggio proverbio: TRA IL DIRE ED IL FARE C’E’ DI MEZZO IL MARE. Per i Bocconiani l’OCEANO. Il peggior difetto che si può riscontrare in loro è l’autoconsiderazione di se stessi che trasmettono agli altri, forti dei loro studi nozionistici non comparabili con altri che hanno vissuto sul campo, sul loro operato da rasentare la SUPPONENZA. Essi quando entrano in questo circolo vizioso diventano deleteri al punto di causare danni irreparabili alle aziende ed anche al Paese, come sta accadendo ultimamente.

La loro mancanza di analisi nel calarsi nella realtà in cui devono operare, li porta a far si che è la REALTA’ che si deve adeguare ai loro dettami a prescindere dalle conseguenze spesso drammatiche della socialità. E’ evidente, che essendo nessuno DEPOSITARIO DEL VERBO, quando questi dettami vengono imposti od applicati con “RIGORE TECNICO” con enormi sacrifici senza curarsi delle conseguenze sociali, lo scontro sociale diverrà INEVITABILE.  Oggi è stato esemplificativo. Le manifestazioni, una volta contenute nel segno civile di diffondere la propria opinione, stanno sempre più diventando “elettriche”. E’ sufficiente una piccola scintilla che scatta la reazione violenta. Il pensare di governarle con la repressione sarà ulteriormente soffiare sul fuoco. Non capire o pensare che questi tumulti sono dettati da piccole squadre di esagitati fuori dalla maggioranza della popolazione, è un ERRORE di sottovalutazione che ribadisco rasenta la SUPPONENZA tanto criticata e giustamente a BERLUSCONI. Non comprendere che la cosiddetta “MAGGIORANZA SILENZIOSA”  è MOLTO PIU’ VICINA a chi manifesta piuttosto di chi governa e pari a MARIA ANTONIETTA quando disse di dare le BRIOCHES alla popolazione visto che non c’era PANE. Tutti noi sappiamo come andò a finire.

Certamente non sarebbe comprensibile pensare che il Governo MONTI trascuri questi fatti e li sottovaluti, ma pensare che mantenere le stesse strategie a prescindere dalle conseguenze  è decisamente una POLITICA SUICIDA. Essere preparati non significa sempre ESSERE ESPERTI. L’ESPERIENZA SI FA SUL CAMPO sperimentando, sperimentando ed ancora sperimentando come diceva giustamente GALILEO GALILEI. Una teoria quando s’introduce può rivelarsi DELETERIA oppure non APPLICABILE al momento. Questo non significa che non si possa rivelare valida, sicuramente sospendibile in attesa di periodi migliori. Oggi sostenere il pagamento dei DEBITI a tutti i costi senza poter cercare un'alternativa può rivelarsi una soluzione ERRATA, poiché non sussistono DISPONIBILITA’ a sostenerla. Ostinarsi a perseverare  è sicuramente DIABOLICO se non quasi CRIMINALE. Tutti sanno come si è arrivati al punto di non ritorno ed il meccanismo perverso che l’ha creato. Pretendere ora che gente invogliata ed incoraggiata ad approfittare  di un periodo di forte lassismo sul CREDITO FACILE sapendo che le risorse non ci sono causa prosciugamento della LINFA VITALE, la liquidità, è STROZZINAGGIO LEGALIZZATO.

Orbene considerando le testimonianze di chi ha operato a fianco dei BOCCONIANI e della loro poca incline predisposizione a scendere nelle REALTA’ ECONOMICHE ITALIANE (la media dei dipendenti di una Società è di 3,5 dipendenti inappetibili per lor signori) e auspicabile un passo di UMILTA’ e SOLIDARIETA’ nei confronti della cittadinanza. Tanto il vero EVASORE FISCALE non si trova nella massa dei cittadini, bensì nella CASTA o nella CLASSE DIRIGENTE e se la massa “evade” o meglio dire cerca di DIFENDERSI lo fa’ per non avere FAME.

Punire sempre il LADRO DI MELE che lo fa per necessità lasciando libero il Signorotto che lo affama è una storia che ne è pieno il mondo, ma ha sempre portato tristi conseguenze.

 

VITTORIO

Stefanel: Perdita Netta 9 Mesi A 23 Mln

Stefanel: Perdita Netta 9 Mesi A 23 Mln

Colpo di Stato


Colpo di Stato


Forum:  Economia, Futures, Cambi, Commodities, Bonds > 
Next is Italy, La Prossima è l'Italia

Diceva qualcuno che a pensar male si fa peccato, ma non si sbaglia.

  • Nel pomeriggio mi sono incontrato con un mio conoscente, ex dipendente di una delle tante aziende che ha ritenuto opportuno chiudere baracca e burattini in Italia per trasferire la produzione all'estero; in Turchia, per essere precisi.
    Essendo cessato anche il sussidio di disoccupazione, senza che nel frattempo abbia trovato alcun tipo di impiego, si ritrova senza alcun reddito, se non i miseri proventi che possono derivare dall'arte di arrangiarsi, arte, tra l'altro, che viene oramai esercitata in un contesto di acerrima concorrenza, dato il numero sempre più elevato di senza lavoro.

    Ebbene, questo signore, quasi piangendo, mi raccontava che aveva ricevuto dal patronato al quale si rivolgeva, il modulo per il saldo dell'IMU. Praticamente il comune aveva, come la gran parte dei comuni italiani, applicato l'aliquota massima. Benchè la somma non fosse proibitiva in termini assoluti, lo era per uno privo di reddito.

    "come fa lo stato" mi diceva, "a chiedere dei soldi a chi non ha alcun reddito? Ma questi cosa vogliono? vogliono la mia casa?"

    Effettivamente il comportamento di tutte le pubbliche amministrazioni sembra quello di un tossicodipendente in crisi di astinenza, disposto anche ad uccidere pur di procurarsi la "dose". In questi giorni il comune nel quale vivo sta richiedendo a tutti i cittadini le ricevute del pagamento della TARSU dal 2005 al 2011. Poichè pare legittimo presumere che l'amministrazione comunale disponga di tutti gli elementi per sapere chi ha pagato e chi no, limitando le proprie richieste solo ai cittadini morosi, penso che questa manovra sia stata pensata giocando sul fatto che molti non riusciranno a trovare tutte le ricevute e che quindi saranno costrette a pagare nuovamente, producendo entrate straordinarie ad una amministrazione alla bancarotta. So per certo, tra l'altro, che i Vigili Urbani sono stati confidenzialmente invitati a recuperare 300 mila euro antro la fine dell'anno. Possiamo immaginare in quale modo.

    E' chiaro a chiunque che stiamo andando verso la catastrofe, e che tanta gente è davvero esasperata. Ecco, proprio questa era la domanda che mi facevo nel pomeriggio, ascoltando le parole del conoscente che minacciava di fare il "pazzo": ma il governo si rende conto che di questo passo entro pochi mesi ci saranno rivolte violente, tumulti e saccheggi?

    E' a questo punto che ho avuto una illuminazione: e se lo scopo di questa politica fosse proprio quello di esasperare a tal punto la gente da spingerla verso la violenza?

    E non sono forse la violenza ed il disordine dilagante tra i migliori pretesti per sospendere la democrazia ed instaurare una dittatura? Non è forse vero che in un clima di violenza diffusa, di insicurezza, di miseria, la gente cade facilmente nelle braccia di chiunque prometta ordine, sicurezza e miglioramenti economici?

    Mah! Forse corro troppo con la fantasia, vittima della mia convinzione che esista una regia occulta a tutto quanto di importante accade nel mondo. Sono un complottista? SI SONO UN COMPLOTTISTA, Kazzo!

    Non riuscirei a spiegarmi diversamente la politica di questo governo che, in modo evidente anche ai più ottimista, sta distruggendo il Paese senza che appaia, anche in modo sfocato, la pur minima via di uscita. Basta guardare i numeri, incontestabili.

    Se poi qualcuno è capace di spiegarmi come crede che si possa uscire da questa situazione, che mi renda edotto: gliene sarò grato. Io, semplice falegname, non riesco a vedere alcuna luce in fondo al tunnel.

M.O./ Hamas minaccia attentati suicidi nelle città israeliane

M.O./ Hamas minaccia attentati suicidi nelle città israeliane

Roma, 14 nov. (TMNews) - Hamas minaccia di compiere attentati suicidi in Israele in risposta all'uccisione oggi del comandante della sua ala militare, Ahmed al-Jabari, in un raid aereo israeliano nella Striscia di Gaza. Come riporta Ynet, edizione online dello Yedioth Ahronoth, l'esponente di Hamas, Ismail al-Ashqar, ha detto che le "possibilità della resistenza" sono aperte, e che queste includono attentati suicidi e attacchi di alto profilo nelle città israeliane. L'ala militare della Jihad islamica ha detto a sua volta che "non ci sono più linee rosse". Il governo di Hamas a Gaza ha diffuso un breve comunicato in cui al-Jabari viene ricordato come "un grande comandante, uno dei simboli della resistenza". Un portavoce militare israeliano ha invece detto che il comandante di Hamas aveva "molto sangue sulle sue mani".

Israele uccide capo Hamas, che annuncia: "guerra aperta"

Israele uccide capo Hamas, che annuncia: "guerra aperta"

Israele uccide capo Hamas, che annuncia: "guerra aperta"
ALLARME | Ucciso in un raid il capo dell'ala militare di Hamas. Brigate Ezzedine al-Qassam: "Israele ha aperto le porte dell'inferno". Palestinesi minacciano di mettere a ferro e fuoco gli insediamenti israeliani. 1 Commento

Qualche sussulto di dignità

Qualche sussulto di dignità:




Marco Cedolin











Dopo un anno di dittatura bancaria, vissuta all'insegna dell'apatia e del disimpegno, durante il quale Monti ha iniziato a smantellare il paese pezzo a pezzo, svendendo gli ultimi tranci di sovranità un tanto al chilo, con la complicità di Napolitano e di una...................

L’Unione Europea? Una strana sintesi di neoliberismo e socialismo reale

L’Unione Europea? Una strana sintesi di neoliberismo e socialismo reale:





Di Nicola Ventura

Navigando su internet, e soprattutto sui cosiddetti social network, ci si può facilmente imbattere in fotomontaggi nei quali i simboli, gli uomini e financo la bandiera dell’attuale Unione vengono declinati sulla base delle sanguinose ideologie che caratterizzarono il XX secolo. Sono cioè numerosi i riferimenti al comunismo ed addirittura al nazismo così come le citazioni di George Orwell, identificato quale autore principe al quale far riferimento per interpretare i tempi attuali. Che cosa hanno in comune tutte queste rappresentazioni, in qualche caso volgari e discutibili? Di sicuro la percezione di una .........................

ATTENZIONE! La FED ha evitato che le banche siano uccise da Bale ...

ATTENZIONE! La FED ha evitato che le banche siano uccise da Bale ...:






ALERTE: LA FED EVITE AUX BANQUES D'ETRES TUEES PAR BALE

Revue de Presse di Pierre Jovanovic  http://www.jovanovic.com/blog.htm

Traduzione di Giuditta per TUTTOUNO




Eh si, i disoccupati possono crepare, ma non le banche.

Il 9 novembre (come al solito, un venerdì sera) la Fed ha deciso di consentire alle banche degli Stati Uniti di non rispettare le regole di Basilea 3, il che significa che i loro (falsi) bilanci saranno ancora, se possibile, più falsi nel 2013.

Continua a leggere...»


Articolo originale di TUTTOUNO.
Non è consentito ripubblicare, anche solo in parte, questo articolo senza il consenso del suo autore.
I contenuti sono distribuiti sotto licenza Creative Commons.

ALFONSO LUIGI MARRA VUOLE CORRERE PER LE PRIMARIE DEL PDL .... E SPIEGA IL PERCHÉ ....


Marra si candida alle primarie del PDL


ALFONSO LUIGI MARRA: MIA CANDIDATURA ALLE PRIMARIE DEL PDL;
MOTIVI PER I QUALI POTREI FORSE VINCERLE;
RICHIESTA DI AIUTO NELLA RACCOLTA DELLE FIRME ENTRO IL 25.11.2012

scarica il modulo per la raccolta firme

Gentile amico/a, in relazione alla mia candidatura alle primarie del PDL, nel chiedere il tuo aiuto, premetto i motivi per i quali credo di avere forse possibilità di vincerle. Dato infatti per scontato che, a partire da  Alfano, tutti i candidati sono legatissimi a Berlusconi, tuttavia, per i motivi che ti dirò di seguito, credo saranno costretti, già da subito, e comunque ove vincessero, a non schierarsi con lui, e a causare così la sua rovina e la perdita dell'enorme potenziale di cambiamento che il PDL ha accumulato dal 1992 e può oggi esprimere. Un aiutarmi chiamando direttamente me al n. 3348798920per concordare come concorrere a raccogliere urgentemente, sui moduli allegati, entro le 12 del prossimo 24.11.12, 10.000 firme (massimo 2.000 per regione), e indicarmi, per autenticarle, ove non rivesta tu stesso una delle cariche che seguono, un amico parlamentare, consigliere, assessore comunale, provinciale o regionale, segretario comunale o provinciale, notaio, giudice di pace, cancelliere o sindaco. Il mio ragionamento è che siamo poveri perché le banche prendono almeno il 90% del denaro lasciandone non più del 10% alla collettività, per cui è inutile avere progetti se prima non si riesce a rovesciare quel rapporto, o almeno ad aumentare fortemente i soldi  destinati alla società. Sennonché le banche sono difese dalla magistratura, dalle  polizie, dall'apparato burocratico, da buona parte del pubblico impiego, dalla sinistra e da quasi tutti i media, compreso internet, dove, da google a wikipedia a facebook, tutto ciò che conta è delle banche o a loro legato. Banche e loro 'gendarmi' contro i quali – da anni – non ho timore né difficoltà a scontrarmi, come non ne avrei a sconfiggerli, se mi si desse la visibilità per affrontarli, mentre nessun altro candidato può fare altro che assecondarli (o mimare un po' di dissenso) per non essere schiacciato. Banche e loro 'gendarmi' che, peraltro, mi hanno sì sempre contrastato per difendere i loro interessi, ma, innanzitutto, mi hanno sempre condiviso (perché le ho affrontate in base alle mie tesi giuridiche risultate fondate negli anni), e inoltre, ora che la crisi sta attanagliando anche loro, mi aspetto inizino a sostenermi. Ma, ciò detto, veniamo alla questione nodale della posizione che occorre avere verso Berlusconi, che, nel 1996, io stesso ho contrastato per motivi però oggi superati (la democratizzazione del partito), ma che ritengo vada ora difeso strenuamente per evitare si ripeta quel che accadde nel 1992, e cioè che il regime (banche e 'gendarmi') riesca a evitare il cambiamento distogliendo da sé l'opinione pubblica con il diversivo del sacrificio di qualche capro espiatorio, a partire da Berlusconi. Una difesa di Berlusconi impossibile per coloro che non abbiano la forza di affrontare il regime che, per simulare il cambiamento, ha bisogno di sacrificare Berlusconi indebolendolo fin quando un PM si inventerà qualche reato atto a ottenere il suo arresto e la confisca del suo patrimonio. Avverrà cioè che uomini che gli devono tutto e lo amano, non avendo però la forza di difenderlo, saranno costretti, per cercare (vanamente) di salvarsi loro, ad allearsi con i suoi nemici.Una difesa che, se venissi chiamato io ad assumerla, condurrei, tra l'altro, costringendo ogni imprenditore che vantasse la sua onestà a dimostrare sul serio quanto è stato capace di non evadere le tasse o di non fare falsi in bilancio.  Perché la verità è che qui le leggi le violano tutti, dalle aziende, che sono costrette a farlo per necessità, o non avrebbero margini, alla magistratura e alle polizie che, salvo le eccezioni, speculano in massa sui ruoli perché vogliono anche loro addentare la vita. Problemi risolvibili solo ridistribuendo i soldi che vanno tolti alle banche e riducendo le tasse alla 'generale': una tassa secca (senza bilancio tra il dare e avere) variabile diciamo dall'1% al 20% secondo i tipi di beni, servizi o prestazioni. Perché il resto delle tasse sono illegittime e servono solo (incredibilmente) a rastrellare i soldi inverati per comprare dalle banche centrali i soldi da inverare (vedi il doc. sul signoraggio da marra.it), che gli Stati devono invece produrre da sé a costo zero. Tasse che servono anche a realizzare, per fini di predominio, la criminalizzazione dei cittadini quali 'evasori', 'riciclatori' ecc. e che sono invece esse un crimine al quale la sinistra e la collettività soggiacciono, non certo perché vi hanno interesse, ma perché non sanno quel che fanno. Denaro frutto dell'abolizione del signoraggio con il quale: -si istituirebbero i sussidi a tempo indeterminato, pari alle retribuzioni, per i disoccupati, perché si sapeva che le macchine avrebbero liberato l'uomo dalla schiavitù del lavoro, e ora quella liberazione non può divenire disoccupazione; -si cesserebbe questa ignobile opera di restrizione delle pensioni; -si finanzierebbero con larghezza le imprese ai fini di un'enorme riconversione industriale, perché la vera ragione della crisi è che gli attuali beni di consumo non li si riesce più a vendere e, quando ci si riesce, non si riesce più a guadagnare; sicché occorre iniziare delle opere di ristrutturazione e bonifica della terra, delle acque e del cielo, a partire dalle città, nonché di riconversione energetica, dei trasporti, della sanità e insomma di tutto, che richiederebbero il lavoro dell'intera collettività per 40 anni. Oltre a moltissime altre riforme che non ho qui lo spazio di elencare, ma delle quali parlo da anni, quali l'etichettatura dei prodotti agricoli e ittici nella vendita al dettaglio, la sostituzione del polistirolo con un polistirolo fatto di cereali, la meccanizzazione della giustizia, l'abrogazione delle abominevoli norme promulgate da Monti, a partire da quelle in favore delle banche e quelle contro la giustizia, i pensionati, i deboli eccetera. Quanto alla mia posizione ideologica essa è aperta a tutto. Penso infatti che la sinistra erri nel sacrificare l'individuo, la destra nel privilegiarlo e il centro nel porsi a mezza strada tra due errori, e credo invece che l'individuo debba potersi sviluppare liberamente, come piace alla destra, purché, così come non può che piacere anche alla sinistra, il suo sviluppo sia funzionale allo sviluppo della società.
                  Alfonso Luigi Marra

(Diffuso da: Comitato sostenitori On Alfonso Luigi Marra)

Primarie Pdl/ Si candida anche Alfonso Marra. "Potrei vincere"

Primarie Pdl/ Si candida anche Alfonso Marra. "Potrei vincere"

Roma, 14 nov. (TMNews) - Anche Alfonso Donato Marra intende candidarsi alle primarie del Pdl. Autore di libri, è noto anche per aver usato come testimonial televisivi personaggi come Manuela Arcuri, Ruby e Vittorio Sgarbi, oltre che per i suoi 'altalenanti' rapporti con Sara Tommasi. Marra ha infatti lanciato dal sito una campagna di sottoscrizioni per la sua candidatura in modo da arrivare a raccogliere entro il 25 novembre le 10mila firme necessarie. Non solo. Perchè l'annuncio è corredato di un lungo testo in cui sostiene anche di poter vincere. "A partire da Alfano, tutti i candidati - ha scritto - sono legatissimi a Berlusconi e tuttavia credo che saranno costretti, già da subito, e comunque ove vincessero, a non schierarsi con lui e a causare così la sua rovina e la perdita dell'enorme potenziale di cambiamento che il Pdl ha accumulato dal 1994 e può oggi esprimere". (segue)

Speciale Grecia: …Peggio delle Attese (di Bruxelles), -7,2% il PIL nel Terzo Trimestre 2012

Speciale Grecia: …Peggio delle Attese (di Bruxelles), -7,2% il PIL nel Terzo Trimestre 2012:

E ancora una volta la realtà si è dimostrata molto (ma molto) peggio delle attese. Il PIL Greco nel terzo trimestre 2012 si è letteralmente........................

Culo e sfiga


Che culo! Silvio non mi ha dato retta e io non mi devo più inginocchiare davanti a lui.
Che sfiga! Siccome non mi ha dato retta, me lo ritroverò tra i cabasisi e sai che allegria!
Che culo! Ha fatto un pa.....

Borghezio: Monti governa l’Italia per conto del Bildeberg?

Borghezio: Monti governa l’Italia per conto del Bildeberg?:

di TONTOLO

Sulla scorta delle ultime notizie provenienti dalla capitale, l’eurodeputato della Lega Nord Mario Borghezio ha emesso questo polemico comunicato stampa:

“Se alla cena e al summit segreto del Bilderberg a Roma interviene il Premier Monti e/o qualcuno dei suoi ministri, abbiamo il diritto di sapere!

Se vi partecipano direttori di giornali, importanti anchorman, manager pubblici che influenzano la politica, l’economia e la finanza, abbiamo diritto di sapere!

Se i temi in oggetto della riunione segreta a Roma riguardano, direttamente o indirettamente, il nostro Paese, abbiamo diritto di sapere!

Se, ancora una volta, tutto avverrà nell’ombra, con esclusione totale di ogni orecchio e sguardo indiscreto, in un’atmosfera orwelliana di assoluta e blindata segretezza, siamo di fronte alla più evidente fattispecie di partecipazione ai lavori di una società segreta che tutto lascia pensare essere pienamente individuata dalle norme di cui alla legge, tuttora vigente nel nostro Paese, contro le società segrete.

C’è un giudice non ‘dormiente’ alla Procura della Repubblica di Roma?

Presidente Monti, Lei è Presidente del Governo italiano in nome e per conto del Bilderberg?”.

Monti, caro Borghezio, mi sa che è l’uomo capace di incarnare tutti i poteri forti possibili e immaginabili.

Eurostrike: Il Ritorno della Violenza

Eurostrike: Il Ritorno della Violenza:

Questa sera i media sussidiati minimizzeranno, daranno la notizia ma faranno in modo di addolcire quanto sta avvenendo in tutta europa, perfino nella vecchia, decrepita e stanca italia.

Non sta accadendo in Grecia, sta accadendo qui e ora ci sono migliaia di giovani che stanno tornando alla violenza. Eurostrike si compone di mille rivendicazioni e istanze che scaturiscono fondamentalmente da un ingiustizia. Troppo pochi stanno pagando il debito fatto da altri. I ragazzi in piazza sono schiacciati dal peso del debito fatto dai padri e costretti da una classe dirigente vecchia e autorefernziale al ruolo di schiavi, bestie da soma senza futuro per mantenere l’insostenibile tenore di vita di parassiti pubblici, banchieri e portatori sani di “diritti acquisiti”.

Starei molto attento a derubricare le violenze come il prodotto della follia di “pochi facinorosi”. Perchè quei “pochi facinorosi” sono gli stessi a cui  sempre più verrà chiesto di lavorare per tenere insieme il sistema.

A proposito, a Torino “i pochi facinorosi” hanno preso a uova marce anche una sede dell’Agenzia delle Entrate.

da AGI


…. LANCI DI UOVA CONTRO AGENZIA ENTRATE TORINO Lanci di uova contro la sede dell’..........................

CON CHI LA FACCIAMO LA RIVOLUZIONE?

CON CHI LA FACCIAMO LA RIVOLUZIONE?:







Sulla questione del fronte e delle alleanze per salvare questo paese





In risposta a Quadrelli e Bausano





di Moreno Pasquinelli





Noi pensiamo —parlano la storia e l’esperienza empirica— che i rivoluzionari debbano congedarsi una volta per sempre dall’idea per cui più alto sarebbe stato lo sviluppo capitalistico più compiutamente esso avrebbe dato forma alla soggettività di classe rivoluzionaria.

L’astratto pensiero non sempre si sposa col concreto, tantomeno esso produce i suoi concetti come puro rispecchiamento del secondo, di qui la sua vana pretesa d’intrinseca e ...........................

L’incredibile caso Petraeus, dall’inizio

L’incredibile caso Petraeus, dall’inizio:

Venerdì scorso il direttore della CIA, David Petraeus, si è dimesso citando come causa principale una sua relazione extraconiugale. Nei giorni successivi, la storia si è allargata fino a comprendere agenti dell’FBI, generali a quattro stelle delle forze armate e personaggi dalle dubbie competenze ma amici dei vertici politici ed economici degli Stati Uniti, diventando a tratti torbida e grottesca. La stampa americana ci si è gettata con un misto di curiosità e, spesso, di malcelata ironia (l’Atlantic ha scritto che i tempi sono maturi perché si cominci a lavorare al film e che Daniel Craig sarebbe un ottimo protagonista): l’impressione è che racconti in primo luogo un pezzo di umanità, prima ancora che uno scandalo che coinvolge l’esercito e i servizi segreti.

Il generale David Petraeus

David Petraeus ha 60 anni (compiuti da poco: il 7 novembre) ed era fino a venerdì scorso il direttore della CIA, i servizi segreti esterni degli Stati Uniti. Politicamente è un..........................

Torna l'incubo greco, in rosso banche e mercati

Torna l'incubo greco, in rosso banche e mercati: Un portavoce del governo tedesco ha precisato che sul tavolo delle trattative per la crisi greca non c'é l'ipotesi di concedere più tempo per fare le [...]










Eurozona: cosa capiterà da qui a fine anno?

Eurozona: cosa capiterà da qui a fine anno?: Molti lettori mi hanno chiesto un vademecum o se preferite un calendario macroeconomico con gli eventi più importanti dei prossimi giorni in Eurozona, tutto quello che insomma potrebbe diventare un vero ”market mover”. Un report di Barclays illustra in modo egregio il … Continua a leggere →

UN PO' DI RIVOLTE IN ITALIA ...

Crisi: Panasonic Annuncia Taglio 9 Mila Posti Di Lavoro Entro Marzo

Crisi: Panasonic Annuncia Taglio 9 Mila Posti Di Lavoro Entro Marzo


(ASCA-AFP) - Tokyo, 14 nov - La Panasonic ha annunciato che tagliera' 8.800 posti di lavoro e implementera' diversi pensionamenti programmati entro il marzo del 2013. La decisione, adottata nel quadro di una ristrutturazione volta a risanare il bilancio dell'azienda, e' stata comunicata all'Afp da un portavoce della compagnia nipponica.

Le donne prendono quota anche senza quote

Le donne prendono quota anche senza quote:
Oggi è stato approvato il disegno di legge sulle quote rosa negli enti locali e consigli regionali, mentre a livello europeo è stata formalmente adottata la proposta di direttiva sulle quote rosa nei consigli di amministrazione delle società quotate, dove dovrebbero esserci almeno il 40% di donne entro il 2020.
Senza più entrare nel merito sulla dubbia efficacia e potenziali distorsioni di questi strumenti, già discussi in più occasioni, è però possibile fare qualche riflessione sui trend relativi alle posizioni occupazionali femminili.
Secondo una recente indagine Eurispes, la classe dirigente è attualmente costituita in prevalenza (85%) da uomini. Tuttavia, si osserva che negli ultimi venti anni il numero di donne ai vertici è raddoppiato, passando dal 7,8% nel 1992 al 15% di oggi. Uno studio di Manageritalia rivela, poi, che il numero di capi donna è ulteriormente aumentato dopo la crisi.
Le differenze di genere tendono inoltre a ridursi con l’età: se la discrepanza uomo donna nella fascia over 65 è del 15,8%, nella fascia 51-65 anni lo scarto si riduce al 3,1%. Addirittura, tra i 36-50enni le donne sono il 13,7% in più degli uomini e, tra gli under 36, il 7,5% sono donne, a fronte di un modesto 2,3% di uomini.
Questi risultati sembrano suggerire che il differenziale di genere tende spontaneamente a ridursi nel tempo, e la maggior presenza di donne nelle fasce più giovani lascia supporre che in futuro una maggior partecipazione femminile al mondo del lavoro sarà accompagnata da un più elevato numero di donne anche ai vertici delle aziende.
Una simile ipotesi trova conferma nei dati OECD: nel tempo, infatti, il rapporto tra il numero di donne e di uomini impiegati tende ad aumentare, rivelando quindi una maggior presenza femminile sul totale. All’aumentare del numero di donne nelle fasce d’età più giovani, cresce anche quella nella fascia 55-64.

Fonte: elaborazioni su dati OECD
È soprattutto tra i 25-54enni che si osserva una più marcata riduzione delle differenze di genere.


Fonte: OECD
Poiché tale cambiamento è avvenuto anche in assenza di ....................

Tabacci, il badante della sinistra

Tabacci, il badante della sinistra:
tabaccin_.jpg
Bruno Tabacci è il badante politico di Pisapippa. Caso più unico che raro in cui il badante è più anziano del badato, ma quando ci vuole ci vuole, e per Pisapippa ci vuole. Tabacci è un badante di esperienza, di lungo corso. Ha fatto pratica ovunque, in DC, CCD, UDC, Movimento Federativo Civico Popolare e Alleanza per l'Italia. Un uomo così smaccatamente di destra, centro destra. destra centro, in Parlamento per quattro legislature, non poteva che diventare una risorsa per la sinistra. E, infatti, prima è stato nominato a furor di banche assessore al Bilancio, al Patrimonio e ai Tributi nella giunta comunale milanese e poi aspirante premier dell'ex partito di Togliatti e Berlinguer. Tabacci in politica dai tempi in cui Andreotti filava ha dichiarato che "Grillo e Berlusconi sono due facce della stessa medaglia" e che "In Italia ci sono troppi furbi”, forse lui ne ha frequentato qualcuno? Non sia timido, faccia i nomi.

SPAGNA: NEANCHE I BAMBINI VENGONO RISPARMIATI

SPAGNA: NEANCHE I BAMBINI VENGONO RISPARMIATI:
OGGI IN SPAGNA -
NEANCHE I BAMBINI VENGONO RISPARMIATI E RICEVONO MANGANELLATE -
MADRID, POLIZIA SPARA PROIETTILI DI GOMMA
La polizia ha sparato proiettili di gomma e usato manganelli per disperdere centinaia di manifestanti a piazza Cibeles, nel centro di Madrid.
Fino ad ora sono stati 70 gli arresti registrati in tutta la Spagna nelle proteste organizzate in occasione dello sciopero europeo contro l'austerity.

Ha speso 100mila euro al videopoker, ma Maruccio faceva le leggi contro le slot

Ha speso 100mila euro al videopoker, ma Maruccio faceva le leggi contro le slot:
L’ex capogruppo Idv è stato arrestato con l’accusa di peculato. Avrebbe sottratto alle casse del partito un milione di euro, spendendone 100mila al videopoker. Curiosamente solo sei mesi fa aveva presentato una proposta di legge per limitare gioco d’azzardo e slot machine. Roma? «Un luogo di tentazione continua».
leggi tutto

Paola Musu: chi ha la moneta ha il potere!

Paola Musu: chi ha la moneta ha il potere!:
- di Maurizio Elia Spezia - 
Ultimamente al programma televisivo condotto da Gianluigi Paragone si trattano argomenti piuttosto interessanti ma pur sempre trattati in maniera molto “televisiva” e quindi moltissime informazioni passano in secondo piano o vengono manipolate per non centrare il vero problema ma Paola Musu è riuscita a pronunciare la fatidica frase: “Chi ha la moneta ha il potere!
FINALMENTE! Un avvocato dice le..............................

Dalla Crisi del Debito agli Stati Uniti d’Europa

Dalla Crisi del Debito agli Stati Uniti d’Europa:
Vogliono gli stati uniti d’Europa, ma hanno bisogno di una massiccia crisi finanziaria per ottenerli.
di Michael (End of the American Dream)
Traduzione di Anticorpi.info
Stiamo assistendo allo sforzo più importante verso gli Stati Uniti d’Europa? Mentre la crisi del debito sovrano in Europa prosegue nella sua spirale fuori controllo, improvvisamente questa espressione è spuntata sulle pagine del New York Times e dei principali quotidiani d’Europa.E’ solo un caso? Sicuramente no. La verità è che secondo le elite politiche e finanziarie europee sia questa la strada per risolvere i problemi della zona euro.
Tuttavia per conseguire l’obiettivo hanno bisogno di una massiccia crisi finanziaria. In questo momento i cittadini dei paesi che compongono la zona euro sono in grande maggioranza contrari una più profonda integrazione europea. Senza sperimentare una massiccia quantità di dolore finanziario, è improbabile che possano d’un tratto cambiare idea.
Allora, chi vincerà alla fine? Purtroppo il tempo stringe perché la Grecia è sull’orlo della insolvenza, e molti altri paesi la seguono a breve distanza. Se l’Europa non sceglierà una strategia da adottare a breve, l’euro e le relative istituzioni comunitarie crolleranno.
Fino ad oggi i leader europei hanno cercato di gestire questa crisi intervenendo caso per caso. Tutto ciò è andato avanti per un paio d’anni, ma questi salvataggi non andranno avanti all’infinito. Invece di modificare lo stato delle cose, essi non fanno che prolungare l’agonia e peggiorare le cose. L’UE come è attualmente strutturata semplicemente non funziona. La volontà politica di effettuare ulteriori salvataggi sta rapidamente prosciugandosi ed i politici in Europa non possono continuare a fare finta di niente.
Qualcosa deve essere fatto. Ma invece di ammettere che l’euro sia stato un enorme errore, e ritornare alle monete nazionali, la maggior parte dei politici di primo piano in Europa ritengono che la soluzione sia avere ‘più Europa’.
Mario Draghi, nuovo boss della Banca centrale europea, è ....................

Prezzo benzina: la Giordania è in rivolta

Prezzo benzina: la Giordania è in rivolta:
giordaniariot.jpg
Potenza del bisogno di carburante. Guardate le folle che si sono radunate in Giordania, in 13 città, per protestare contro l'aumento dei prezzi. Aumento notevole: ben il 50% sulle bombole da cucina, e il 30% su benzina e gasolio da autotrazione.
Continua a leggere Prezzo benzina: la Giordania è in rivolta...
Leggi i commenti (2) »




O il Ministro delle Finanze Grilli "ci fa" oppure è da far internare...

O il Ministro delle Finanze Grilli "ci fa" oppure è da far internare...:
O il Ministro delle Finanze Grilli "ci fa" oppure è da far internare...
Non perdo nemmeno tempo in lunghi discorsi ed invettive...
Evidenzio solo con i colori alcuni passaggi particolarmente surreali ed allucinanti di questa sua surreale ed allucinante dichiarazione ...
più qualche breve chiosa

13-11-2012
.....A rassicurare il mercato italiano e raffreddare lo spread 
(in questo caso il contributo allucinogeno&surreale è merito dell'articolista di MF...)
ci ha pensato anche il ministro delle Finanze, Vittorio Grilli, secondo cui il governo di Mario Monti ha garantito che i conti pubblici del Paese venissero messi "in ordine in maniera permanente da qui al 2014".  
(Messi in ordine? Ma Grilli li legge i dati? Vedi tabella nel mio post 12 Mesi di Governo Monti&soci ovvero come "salvare la Patria" dandole il colpo di grazia.../ ...in maniera permanente.....................

Nuovo record per i sussidi disoccupazione. E il fiscal cliff diventa la chiave per il 2013

Nuovo record per i sussidi disoccupazione. E il fiscal cliff diventa la chiave per il 2013: Avevo trascurato questo dato e per motivi di tempo ancora non lo avevo pubblicato, ma credetemi, ne vale la pena. Gioite gioite. La politica del “cibo per tutti” ha registrato nuovi record. Sto parlando ovviamente dei “food stamp” che saranno … Continua a leggere →

Correre per stare fermi: il nuovo mondo

lavoratoreIn “Alice nel Paese delle meraviglie” la regina dice: “per restare fermo dovrai correre, se invece vorrai andare avanti dovrai correre ad una velocità almeno doppia”........................

DISORDINI IN ARGENTINA – GENTILMENTE OFFERTI DA GOLDMAN SACHS

La “Primavera Araba” ingegnata dagli USA (1) ci ha regalato in Egitto il “Movimento Giovanile 6 aprile” (2) , condotto da da Mohammed ElBaradei (3), manovrato da Wall Street, coordinato con la Fratellanza Musulmana della “Rivoluzione del 17 Febbraio” in Libia , cioè i terroristi di Al Qaeda del Gruppo Islamico Combattente Libico (4). E ora anche l’Argentina ha il suo movimento “8N”, ovvero “8 Novembre” che lavora in piena sincronia con il gruppo editoriale argentino di proprietà straniera “CLARIN”. CLARIN ha appoggiato con grande entusiasmo i manifestanti (5), preparando il terreno retorico necessario per giustificare una tale presenza di piazza.

Il Guardian riporta il loro articolo: “L’Argentina protesta: più di mezzo milione di persone manifestano contro Fernández de Kirchner!”(6): La notizia della manifestazione si è diffusa attraverso i social network. Molti organizzatori restano anonimi, ma Mariana Torres, amministratore della pagina Facebook El Anti-K, una delle più attive nell’organizzazione della manifestazione, ha detto di essere molto felice: “E’ stata una vera festa della democrazia.” C’era più di un motivo per protestare: molti delle fasce medie sono infuriati per l’alto tasso d’inflazione attuale, che ha raggiunto il suo picco massimo dell’ultimo decennio, stimata intorno al 25% da economisti privati; le restrizioni di valuta hanno creato un mercato nero del dollaro americano; il tasso di crescita è tra i più bassi dell’intera America Latina.

Leggi tutto...

Spagna: a settembre crollano i Nuovi Ordini Industriali -5,7% a/a

Spagna: a settembre crollano i Nuovi Ordini Industriali -5,7% a/a: In Spagna l'INE (Istituto Nazionale di Statistica) ha comunicato che gli ordini industriali hanno registrato, nel mese di settembre, un netto calo pari al 5,7% dopo l'incremento dell'1,7% rilevato in agosto (dato rivisto dal +1,0%).

Non hanno specchi ma ottimi tappi di sicuro .

Non hanno specchi ma ottimi tappi di sicuro .:
Ormai è una costante alla quale sembrano aver fatto il callo Monti 300x200 Non hanno specchi ma ottimi tappi di sicuro . l’essere contestati , che in un passato recente comportava il rassegnare le proprie dimissioni , scivola loro addosso senza togliergli il sorrisol43 passera monti fornero 120911173328 medium Non hanno specchi ma ottimi tappi di sicuro .
e la volontà di continuare ad infierire .300x01350212225485Fornero contestata Non hanno specchi ma ottimi tappi di sicuro .
Hanno superato addirittura il proprio ego 04 Non hanno specchi ma ottimi tappi di sicuro . riuscendo a fare molto peggio di tutti i dissestati governi che ........................

Imu. Le prime case non sono forse “non profit”?

Imu. Le prime case non sono forse “non profit”?:
Si discute (si continua a discutere) di esenzioni Imu, e il governo Monti va in una direzione opposta a quella del massimo organo della magistratura amministrativa.
L’esecutivo ha appena scodellato il regolamento sull’Imu, nella parte che riguarda la tassazione ai fini dell’Imu degli immobili di proprietà degli enti “non profit”, con in testa la Chiesa cattolica, e il Consiglio di Stato ribadisce formalmente quello che aveva già anticipato: le agevolazioni sono giuridicamente poco convincenti.
Per Abbonati

Quando cura letale fa rima con patrimoniale

Quando cura letale fa rima con patrimoniale:
Puntata di ieri di Otto e mezzo su La7, condotta da Lilli Gruber con la partecipazione del vicesegretario del Pd, Enrico Letta. Piccolo commento a margine, per fatto personale: tra i commenti alla puntata, visti sui social network, il vostro titolare viene definito “Krugman di destra,”, “antieuropeista”, e persino “hayekiano”, il che decisamente non è niente male, per uno che è stato definito anche “sodale di Emiliano Brancaccio”. Siete dei meravigliosi tassonomi, Linneo sarebbe stato orgoglioso di voi. Anche Marx, credo. Inteso come Groucho.


© Phastidio.net, 2003 - 2012. | Permalink
Tags: , , | Categorie: Discussioni, Economia & Mercato, Italia, Rassegna Stampa, Video


Dal 31 ottobre, su cartaceo ed ebook, arriva "La cura letale"

Leggete anche:



Come preparare il dentifricio in casa e perchè farlo!

Come preparare il dentifricio in casa e perchè farlo!:
Il dentifricio è un qualcosa che viene utilizzato tutti i giorni per questo è importante che sia sano e non contenga ingredienti pericolosi per la salute!
I principali dentifrici in commercio però contengono tutti chi più chi meno ingredienti pericolosi, ecco perchè può diventare utile preparare il dentifricio in casa!
Ecco la lista degli ingredienti contenuti in molti dentifrici da evitare:
  • Triclosan (5-chloro-2-(2,4-dichlorophenoxy)phenol) L’EPA (Agenzia per la Protezione Ambientale americana) classifica il Triclosan come un pesticida e lo considera una sostanza tossica per l’uomo e inquinante per l’ambiente.
  •  Sodium Lauryl Sulfate (SLS)
  • Amonium Lauryl Sulfate
  • TEA-lauryl sulfate
  • Magnesium Laureth sulfate
  • MEA Laureth Sulfate
  • Tutti quelli che portano il suffisso PEG: è una sigla che comprende i polimeri sintetici, che fungono da umettanti per il dentifricio. Sono di origine petrolchimica e contengono una sostanza con possibile effetto cancerogeno, che è il diossano.
  • Fluoro, al contrario di quanto professato fino ad...........................

RUTELLI: “La galera per i giornalisti? Norma ineccepibile. In tutta Europa funziona così”

Perfetto!!!!!  Ma a quando la galera per i politici????
zio

Ti è stato inviato tramite Google Reader

RUTELLI: "La galera per i giornalisti? Norma ineccepibile. In tutta Europa funziona così"

"Abbiamo votato un emendamento ineccepibile perché oggi si stabilisce che solo per diffamazioni particolarmente gravi ci sia il carcere ma in alternativa alla pena pecuniaria. Credo sia una delle leggi più favorevoli alla stampa che esistano in Europa", dice il senatore Francesco Rutelli alla Stampa.



Inviato da iPhone

Il coraggio di una rivoluzione


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il coraggio di una rivoluzione

"


reloveutiondi Dafni Ruscetta - 5 Stelle Cagliari.


La narrazione della società italiana attuale non è più la nostra narrazione, quella dei numerosi talenti 'bruciati' e dissipati dall'immobilismo autoreferenziale del sistema sociale e politico, dalla sua classe dirigente – di destra e di sinistra. È giunto il momento di cominciare a scrivere delle pagine nuove della storia di questo Paese; è l'ora del cambiamento non soltanto a livello politico ed economico, ma soprattutto sociale, culturale, a partire dai micro-settori della vita quotidiana e occorre, per questo, un grande sforzo.


Molti di noi sono consapevoli di essere ancora 'vivi', anche se ci hanno voluto far credere 'morti' nella passività del qualunquismo generalizzato, della cultura dell'apparire, del piacere e del piacersi/auto-compiacersi, del farsi riconoscere, dello sviluppo illimitato e dell'ingenuo fanatismo consumistico, sorretto – ancora una volta – da una costante e pericolosa falsificazione mediatica per impadronirsi dell'immaginario collettivo, per modificarne la dimensione culturale e antropologica.


Leggi tutto



Inviato da iPhone

Spagna, Italia, Grecia, Irlanda e Portogallo: l’Europa in piazza contro l’austerity


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Spagna, Italia, Grecia, Irlanda e Portogallo: l'Europa in piazza contro l'austerity

Spagna, Italia, Grecia, Irlanda e Portogallo. Ma non solo. E' il giorno di mobilitazione internazionale dei sindacati e dagli attivisti dei Paesi cosiddetti Piigs contro le politiche di austerity del governi e le scelte dei grandi d'Europa. In Italia, sono oltre 100 i cortei in tutte le città, dove si registrano già disagi al traffico. Le proteste sono state convocate da una quarantina di gruppi in 23 Paesi diversi, ma sono trainate soprattutto dalle organizzazioni sindacali dei Paesi iberici. I lavoratori di Spagna e Portogallo sono impegnati nel primo sciopero coordinato della penisola, che ha interrotto i trasporti, messo a terra centinaia di voli, chiuso le scuole. Anche in Grecia e in Italia i sindacati hanno previsto interruzioni del lavoro e dimostrazioni per la 'Giornata Europea di azione e solidarietà'; proteste e manifestazioni sono previste anche in Belgio, Germania, Francia, Gran Bretagna e alcuni Paesi dell'Est.

SPAGNA - Per la Spagna -la quarta economia più grande dell'Europa in profonda recessione, dove un lavoratore su quattro è disoccupato – è il secondo sciopero generale in otto mesi, il nono da quando il Paese è tornato alla democrazia: un segnale forte di protesta contro le misure draconiane varate dal governo di Mariano Rajoy. I principali sindacati iberici, CCOO, UGT e Uso, hanno invitato la gente a scendere in piazza all'insegna dello slogan 'Si stanno portando via il nostro futuro'; picchetti durante la notte hanno fermato aeroporti, autobus e stazioni ferroviarie. Il governo si è mostrato rispettoso dell'esercizio del diritto allo sciopero, però ha avvertito del danno che può arrecare all'immagine del Paese all'estero e alle conseguenza che avrà sull'economia in recessione. Lo sciopero è iniziato alle 22 ora locali in alcune industrie e nei servizi con i primi turni di lavoro ed è stato assecondato dalla stragrande maggioranza dei lavoratori, secondo i sindacati.

Alle prime pre del giorno si registrava un enorme seguito nei grandi settori industriali e nei servizi, cosi' come nei mercati generali, nelle grandi opere infrastrutturali e nelle industrie energetiche. Nelle prime ore della giornata, lo sciopero aveva causato la cancellazione di 131 voli; il 20% dei voli con destinazioni europee e il 40% dei voli internazionali sono garantiti dai servizi minimi.Il governo e i sindacati hanno concordato alcuni servizi minimi per la giornata. Gli attivisti hanno convocato una manifestazione serale dinanzi al Parlamento di Madrid. Sciopero generale anche nel vicino Portogallo, dove lunedì i manifestanti avevano fischiato il cancelliere Angela Merkel, giunta a Lisbona per appoggiare le misure di austerity del governo. Alcuni incidenti...



Inviato da iPhone

CHI FERMERÀ I SADO-MONETARISTI QUANDO IN GRECIA LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE RAGGIUNGE IL 58% ?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

CHI FERMERÀ I SADO-MONETARISTI QUANDO IN GRECIA LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE RAGGIUNGE IL 58% ?

 "


DI AMBROSE EVANS-PRITCHARD
The Telegraph

Nel mese di agosto il tasso di disoccupazione greco è salito al 25.4%.

La disoccupazione giovanile è salita al 58%. Secondo le previsioni ufficiali, l'economia si contrarrà di un ulteriore 4.5% l'anno prossimo, sicché è logico presumere che molte più persone stiano per perdere il lavoro. E le cose non miglioreranno certo in modo significativo negli anni a venire.

Questo è ciò che accade quando sei inchiodato nella valuta sbagliata e blocchi ogni possibilità di uscita o quando sei in 'un edificio in fiamme senza uscite', per usare le parole di William Hague (Un Parlamentare Tory NdT)."


Leggi tutto



Inviato da iPhone