16/11/12

Tabella CDS


cds 250x250Tabella dei credit default swaps rilevati il 14/11/2012..

Le promesse di Draghi e i loro reali effetti


draghiDi Edward Hugh su Economonitor: ampi stralci una lunga e interessante analisi su ciò che i mercati pensano delle promesse di Draghi, e sui loro reali effetti. La politica monetaria espansiva disinnesca la bomba o disattiva il sistema di allarme?
Prendere un Uomo in Parola
Il grande Ray Dalio, il leggendario capo di hedge fund, è di umore esuberante. In seguito a una serie di mosse di...

Politici: ecco la vita del Presidente più "sobrio" del mondo


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Politici: ecco la vita del Presidente più "sobrio" del mondo

"


mujica1.jpg


Forse qualcuno ricorderà un post di qualche mese fa, in cui si paragonavano le 'riforme da sogno' di Hollande con un vero 'Presidente da sogno', cioè José Mujica dell'Uruguay.


Vive con 800 euro al mese (il resto dell'appannaggio lo devolve alle famiglie povere), guida una vecchia utilitaria, abita in una fattoria in periferia. Non ha conto in banca, ed è stato un guerrigliero Tupamaro, ferito sei volte, arrestato quattro. Ha trascorso 15 anni in carcere per le sue idee.


Leggi tutto



Inviato da iPhone

14 novembre, l’Argentina chiama i PIIGS


Ti è stato inviato tramite Google Reader

14 novembre, l'Argentina chiama i PIIGS

Una marcia di solidarietà per la giornata del 14 novembre e con la lotta dei lavoratori europei, in particolare con quelli di Spagna, Portogallo, Grecia, Irlanda e Italia.


Circa trecento persone hanno manifestato ieri a Buenos Aires di fronte all'ambasciata spagnola  organizzate dalla confederazione sindacale Central de Trabajadores Argentinos (Cta), solidarizzando con le proteste contro i tagli salariali e le politiche inaugurate per far fronte alla crisi globale scoppiata nel 2008.


«Negli anni '90, quando hanno applicato su di noi queste ricette brutali, questi Paesi sono stati i più solidali con noi, e non deve essere dimenticato», ha detto un leader della protesta.


«Queste ricette in America Latina negli anni '90 hanno significato fame, disoccupazione, declino sociale e distruzione del sistema pensionistico, tagli di bilancio che hanno messo in ginocchio il sistema sanitario pubblico. Oggi, in Europa, i lavoratori stanno subendo le stesse politiche: la Banca centrale europea, il Fondo monetario internazionale e la politica al servizio del capitale finanziario hanno una ricetta unica, intercambiabile per tutti i Paesi».


da Pubblico Giornale



Inviato da iPhone

Commercio estero/ Istat: A settembre giù export, su anno -4,2%

Commercio estero/ Istat: A settembre giù export, su anno -4,2%

Roma, 16 nov. (TMNews) - Brusca frenata per il commercio estero: a settembre le esportazioni sono calate del 2% rispetto ad agosto e del 4,2% su base annua, la peggiore flessione da dicembre 2009. Lo ha comunicato l'Istat. Battuta d'arresto anche per le importazioni che scendono del 4,2% a livello congiunturale e del 10,6% su base annua.

Commercio Estero: Retromarcia A Settembre Per Import Ed Export

Commercio Estero: Retromarcia A Settembre Per Import Ed Export

(ASCA) - Roma, 16 nov - A settembre il commercio estero registra un avanzo commerciale di 408 milioni, sintesi di un disavanzo con i paesi dell'area extra Ue (-594 milioni) e di un surplus negli scambi con i paesi Ue (+1,0 miliardo). Ripetto al mese precedente si registra una flessione per entrambi i flussi commerciali, piu' intensa per l'import (-4,2%) che per l'export (-2,0%). La diminuzione dell'export e' di intensita' analoga per entrambe le aree di sbocco: -2,1% per i mercati Ue e -2,0% per quelli extra Ue. In flessione sono soprattutto le vendite di beni strumentali (-4,5%) e di prodotti energetici (-2,3%), mentre i beni di consumo durevoli registrano un aumento dell'1,0% . La flessione delle importazioni e' rilevante sia dai paesi Ue (-4,4%) sia da quelli extra Ue (-3,9%). Particolarmente accentuata e' la contrazione degli acquisti di beni strumentali (-9,7%). Nei primi nove mesi del 2012, l'avanzo commerciale e' pari a 4,075 miliardi. Lo comunica l'Istat.

DELLA SERIE IL MONDO E' FOLLE: IN USA POSSIBILI 6 ANNI DI GALERA SE LAVI LA MACCHINA SUL PASSO CARRAIO...


Ti è stato inviato tramite Google Reader

DELLA SERIE IL MONDO E' FOLLE: IN USA POSSIBILI 6 ANNI DI GALERA SE LAVI LA MACCHINA SUL PASSO CARRAIO...



tutto il mondo e' pazzo...

Gli abitanti di San Diego potrebebro rischiare 6 anni di galera e multe di 100.000 dollari al giorno se lavano la loro auto su un passo carraio o non tirano su la cacca del cane.. questo secondo le nuove direttive ambientaliste della  EPA in merito alla qualità dell'acqua.

Sebbene i residenti della città siano costretti a bere scarti tossici nella loro acqua potabile, nelal forma di
fluoruro di sodio, queste misure imposte  come conseguenza del Environmental Protection Agency's Clean Water Act , potrebebro trasformare la piu' prosaica delle attività quotidiane in una offesa criminale.'

Tutto l'articolo qui:
http://theintelhub.com/2012/11/13/san-diego-residents-face-6-years-in-prison-for-washing-their-car/


Inviato da iPhone

Produzione USA: è davvero la "nuova Arabia Saudita"?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Produzione USA: è davvero la "nuova Arabia Saudita"?

Un'altra "narrazione di conforto" per il pianeta: gli USA produrranno fiumi di petrolio. Ma è proprio così? Per quanto durerà, e a quali costi?


nofrackingusadi Debora Billi - Petrolio.


Mi hanno scritto decine di persone, per comunicarmi la ferale notizia diffusa dai media di mezzo mondo: la produzione petrolifera USA è aumentata al punto da superare quella saudita entro il 2020, e rendere gli States indipendenti entro i dieci anni successivi.  Che lo dico a fare? E' un altro wishful thinking, un altro di quei "racconti di conforto" che periodicamente fanno il giro del pianeta in epoca di risorse in esaurimento. Un po' come quel famigerato giacimento delle meraviglie al largo del Brasile che doveva risolvere tutti i problemi mondiali nel 2007, e sul quale 5 anni dopo hanno gettato la spugna.


 


 



Inviato da iPhone

La fatwa di Grillo contro la tv è sacrosanta


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La fatwa di Grillo contro la tv è sacrosanta

Grillo è implacabile nel redarguire sul suo blog chi sgarra ad una delle regole di comportamento più ferree del buon rappresentante a 5 Stelle: non si va nei talk show. Nei modi, da fatwa, esagera. La durezza del post su Federica Salsi, la consigliere comunale di Bologna che ha partecipato al salottino di Ballarò, serve ad uno scopo preciso: colpirne una per educare tutti. Eletti attuali e futuri eletti nel parlamento che verrà. Potrebbe, come farebbe chiunque altro politico, sistemare i non allineati dietro le quinte. Invece no: sceglie di metterli sotto accusa pubblicamente. Via web, perché è attraverso la Rete che il movimento di Grillo esiste e si organizza, non avendo un apparato gerarchico con strutture e capobastone locali. 


di Alessio Mannino Per Abbonati



Inviato da iPhone

Export crolla - 4,2%, peggiore dato dal 2009


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Export crolla - 4,2%, peggiore dato dal 2009

Istat: anche importazioni in forte flessione, -10,6% sul 2011


Inviato da iPhone

Invece di perdere tempo dietro alle varie MMT per polli, andiamo alla vera radice della Grande Crisi


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Invece di perdere tempo dietro alle varie MMT per polli, andiamo alla vera radice della Grande Crisi





Vi sottopongo un interessantissimo post di COBRAF

che riporta un'analisi illuminante in cui vengono identificate le vere cause primarie e remote dell'attuale Grande Crisi.



Dai!
Che forse 'sta benedetta MMT per polli, la sua immaginaria bacchetta
magica "stampa che ti passa", la mitologia che puoi fare tutto il deficit che vuoi
e l'illusionismo che il debito non esiste...verranno finalmente
cestinati per passare a teorie ed interpretazioni più serie e
realistiche.



Infatti puoi inventarti tutti i tamponi e le magie che vuoi,

ma se i presupposti di base sono errati e non funzionano

la Grande Crisi tornerà sempre fuori...

e precipiteremo sempre di più nell'abisso.

Leggete con calma ed attenzione.


L'effetto della Guerra Confrontato con l'effetto della Moneta (Hugo Salinas-Price)

03:18 13/11/12 - COBRAF


Questo pezzo di Hugo Salinas Price è cento volte più profondo della MMT e dei meccanismi monetari discussi qui sull'euro e il debito pubblico, che sono fatti tecnici per salvare una nostra situazione.

Qui hai una prospettiva totalmente diversa perchè spiega il senso storico di tutto quello che sta avvenendo intorno a noi.

Il fatto che la moneta internazionale dal 1971 sia di carta, dollari di carta senza legame con un valore intrinseco, che sia oro, argento o materie prime, ha creato il boom della Globalizzazione e l'esplosione del Debito che la consente e sta distruggendo i paesi occidentali...............





Inviato da iPhone

CANCELLARE IL DEBITO? SI PUO’, SECONDO DUE ECONOMISTI DEL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE




CANCELLARE IL DEBITO? SI PUO’, SECONDO DUE ECONOMISTI DEL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE


di Maria Grazia Bruzzone
Eliminare il debito pubblico degli Usa con un colpo, e fare lo stesso con Gran Bretagna, Italia, Germania, Giappone, Grecia e
ccetera. E nello stesso tempo alimentare la crescita, stabilizzare i prezzi e spodestare i banchieri. In modo pulito e indolore, e più rapidamente di quel che s
i può immaginare. Con una bacchetta magica? No. Con una legge semplice, ma capace di sostituire l’attuale sistema attraverso il quale a creare denaro dal nulla sono le banche private.
Un provvedimento che obblighi le banche a una riserva del 100%.Non lo propone Beppe Grillo, che pure dal suo blog offre analisi e proposte peraltro mica molto diverse, linkando un sito dove i militanti del M5S trovano bell’e pronto un “Kit” tutto da imparare e divulgare con disegni, tabelle e semplici ma articolate spiegazioni su “Come abbassare il debito” (anche se poi nel Programma del M5S di questi temi non si trova traccia, per ora ).Con tutto il rispetto per Grillo& soci, parliamo di cose a ben altro livello. Dello studio di due economisti del Fondo Monetario Internazionale, Jaromir Benes and Michael Kumhof intitolato The Chicago Plan Revisited. Una proposta rivoluzionaria e “scandalosa” che sta diventando un cult in giro per il mondo, assicura il Telegraph che lo sintetizza, e suscita un dibattito acceso. Il che è già un sintomo della sua attualità.
.........

Tratto da: CANCELLARE IL DEBITO? SI PUO’, SECONDO DUE ECONOMISTI DEL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE | Informare per Resistere http://www.informarexresistere.fr/2012/11/15/cancellare-il-debito-si-puo-secondo-due-economisti-del-fondo-monetario-internazionale/#ixzz2CNE3JFuK
- Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario! 

Mps, il rosso sale a 1,664 miliardi: “Chiuderemo 100 filiali entro l’anno”

Mps, il rosso sale a 1,664 miliardi: “Chiuderemo 100 filiali entro l’anno”

di Redazione FQ -  Il Monte dei Paschi di Siena chiude il terzo trimestre 2012 con una perdita di 47,4 milioni di euro, portando a...
 


Tratto da: Informare Per Resistere: Informazione, Antimafia, Ambiente, Cultura, Diritti, Economia, Estero, Giustizia, Lavoro, Lotte-Resistenze, Politica, Salute, Satira. http://www.informarexresistere.fr/#ixzz2CNDENkml
- Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario! 

Un messaggio di speranza da Passera ma la crisi morde le PMI | Teleborsa.it

Un messaggio di speranza da Passera ma la crisi morde le PMI | Teleborsa.it

Bce: Weidmann, Unione Bancaria Non E' Strada Per Risolvere Crisi

Bce: Weidmann, Unione Bancaria Non E' Strada Per Risolvere Crisi


(ASCA) - Roma, 16 nov - ''Se disegnata propriamente l'unione bancaria rafforzera' nel futuro la stabilita' dell'unione monetaria ma e' lo strumento sbagliato per risolvere la crisi'', cosi' Jens Weidmann, presidente della Bundesbank e membro del consiglio dei governatori della Bce, in un articolo scritto per il quotidiano economico tedesco Handelsblatt. Il numero uno della Bundesbank spiega che ci sono molte questioni aperte sul processo di unione bancaria a partire da quali banche dovrebbero essere vigilate dalla Bce nonche' quello dei paesi dell'Unione europea non sono membri dell'unione monetaria, l'eventuale conflitto di interessi della Bce tra la politica monetaria e l'attivita' di vigilanza. Per questo, spiega Wiedmann, ''l'unione bancaria deve essere fatta senza fretta, non ha nessun senso correre per costruire qualcosa sulla sabbia''.

Moody’s minaccia la Gran Bretagna


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Moody's minaccia la Gran Bretagna

Il paese entra ed esce dalla recessione senza riuscire a decollare, rischiando anzi lo schianto





Inviato da iPhone

L'aereo a corto di carburante, il pilota paga con la sua carta

"Abbiamo avuto grossi problemi burocratici. Alla fine ho pagato io il carburante con la mia carta di credito personale"
"Abbiamo avuto grossi problemi burocratici. Alla fine ho pagato io il carburante con la mia carta di credito personale"

I 200 miliardi che fanno paura alle banche tedesche


Ti è stato inviato tramite Google Reader

I 200 miliardi che fanno paura alle banche tedesche






Nessuno è come Germania, in quanto a sofferenze bancarie. Sono arrivate a quasi 200 miliardi di euro e sono date in crescita. Le autorità tedesche di vigilanza finanziaria minimizzano. Ma intanto società di consulenza e Fondo monetario internazionale mettono in guardia Berlino. Cresce l'incognita sulle Landesbank.





leggi tutto



Inviato da iPhone

Argentina nuovamente allo sfascio. Da non sottovalutare.


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Argentina nuovamente allo sfascio. Da non sottovalutare.

Per alcuni risparmiatori tornare a parlare di default Argentina sarà come tirare fuori dall'armadio dei vecchi scheletri, dei vecchi brutti ricordi che vengono da una triste esperienza passata. Uno dei peggiori default che si sono dovuti subire i risparmiatori italiani, … Continua a leggere


Inviato da iPhone

Crisi/ Parigi: Non siamo il malato d'Europa

Crisi/ Parigi: Non siamo il malato d'Europa

Roma, 16 nov. (TMNews) - Forte degli inattesi dati sulla crescita del Pil diffusi ieri, il ministro delle Finanze francese, Pierre Moscovici, respinge l'ipotesi che la Francia possa trovarsi a breve al centro della crisi economica dell'eurozona. "La Francia non è il malato d'Europa - ha dichiarato al Financial Times - la Francia rimane la quinta maggiore economia del mondo che ha tutte le risorse, ma necessita di rilanciare la sua competitività". Ieri, l'Economist ha scritto che adesso il vero problema dell'Europa sarebbe proprio la Francia, definita una "bomba a orologeria" che potrebbe "esplodere in qualunque momento già dall'anno prossimo", rischiando di "diventare il maggior pericolo per la moneta unica". Nell'intervista al quotidiano economico della City, Moscovici sottolinea inoltre come la Francia non stia adottando le stesse riforme dell'Italia e della Spagna, "perchè noi non siamo l'Italia o la Spagna. Non abbiamo le stesse debolezze. Per questo adotteremo riforme alla francese. Saranno più ambiziose di quelle lanciate da qualsiasi altro governo francese prima di noi".

Gaza, pioggia si bombardamenti di Israele nella notte | Teleborsa.it

Gaza, pioggia si bombardamenti di Israele nella notte | Teleborsa.it

MPS non rimborserà anticipatamente il bond subordinato con scadenza 2017 | Teleborsa.it

MPS non rimborserà anticipatamente il bond subordinato con scadenza 2017 | Teleborsa.it

Ci prendono per il culo: non tagliano le spese e aumentano le tasse

Ci prendono per il culo: non tagliano le spese e aumentano le tasse

di GIANMARCO LUCCHI
I conti si risanano non con maggiori imposte ma con la riduzione della spesa. E’ questa, secondo Mario Draghi, la strada maestra da percorrere per imboccare la via della crescita. ”Il consolidamento fiscale ideale”, afferma il presidente della Bce all’inaugurazione dell’anno accademico della Bocconi, ”deve essere centrato su riduzioni di spesa corrente e …
LEGGI1 Comment

Moody's minaccia la Gran Bretagna

M.O./ Operazione a Gaza, Israele mobilita 16.000 riservisti

M.O./ Operazione a Gaza, Israele mobilita 16.000 riservisti

Gerusalemme, 16 nov. (TMNews) - L'esercito israeliano ha cominciato a mobilitare 16.000 riservisti nel quadro dell'operazione "Pilastro di difesa" contro i gruppi armati nella Striscia di Gaza. Lo ha detto un portavoce militare. "Il processo è in corso, l'esercito sta distribuendo le cartoline precetto per 16.000 soldati riservisti", ha precisato il portavoce. (fonte Afp)

La Lezione Irlandese

La Lezione Irlandese

Di , 8:32 AM | (si consiglia la lettura del post dopo avere attivato il  video) Hanno sofferto ma hanno vinto. Gli Irlandesi hanno vinto. Non hanno fatto nulla di quanto richiesto da…

L'UE detta il golpe parlamentare in Grecia

L'UE detta il golpe parlamentare in Grecia

16 novembre 2012 (MoviSol) - Obbedendo agli ordini dell'UE, il governo greco ha dovuto fare ricorso ad un golpe parlamentare per far approvare l'ultimo e più brutale "memorandum" della Troika, che richiede 13,5 miliardi di tagli aggiuntivi.
I due partiti di opposizione, i Greci Indipendenti e Syriza, hanno presentato due mozioni: una sulla incostituzionalità delle misure stesse e una sull'incostituzionalità del dibattito e del voto tenuti secondo procedure "d'urgenza". I parlamentari d'opposizione hanno sottolineato che nessuno ha potuto leggere le 600 pagine della legge nel tempo concesso, due giorni. Come abbiamo riferito la scorsa settimana, la Corte dei Conti aveva già dichiarato incostituzionali alcune sezioni importanti del memorandum.
In un prima votazione, le mozioni sono passate perché un gran numero di parlamentari della maggioranza erano assenti. Ma il presidente del Parlamento ha dichiarato il contrario, e cioè che le mozioni erano state respinte. Quando gli Indipendenti hanno dichiarato di avere le prove fotografiche dell'approvazione, e Syriza ha chiesto un voto per appello, il presidente ha sospeso la seduta. Normalmente, i parlamentari tornano dopo dieci minuti, ma stavolta la pausa è durata oltre un'ora, in modo da permettere al governo di rastrellare gli assenti, compreso il Primo ministro Antonis Samaras. Mentre le due mozioni venivano respinte nel voto successivo, i membri di Syriza lasciavano l'aula e tutta l'opposizione dichiarava incostituzionale il voto.
Nel frattempo, il paese veniva paralizzato da uno sciopero generale, che ha portato centinaia di migliaia di lavoratori e altri cittadini nelle strade e che è culminato in una grande manifestazione davanti al Parlamento mentre il dibattito era in corso all'interno.
Il memorandum è stato approvato con una maggioranza risicata di 3 voti, con l'astensione di uno dei partner di coalizione, la Sinistra democratica. Inoltre, sei membri del Pasok e uno di Nuova Democrazia si sono astenuti o hanno votato no, per poi essere espulsi dal partito. Il giorno successivo, un altro parlamentare del Pasok si è dimesso, portando il gruppo da 33 a 26 membri e segnalando lo sgretolamento del partito.
Il Premier Samaras ha rivendicato una grande vittoria, sostenendo che la Grecia ora riceverà la prossima tranche di 31,5 miliardi del pacchetto di salvataggio. Ma poche ore dopo il voto, il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble ha dichiarato che la decisione di sganciare i fondi non sarà presa al prossimo vertice dell'Eurogruppo. In realtà l'Eurogruppo sta di fatto effettuando una moratoria nei confronti della Grecia, in quanto i soldi avrebbero dovuto essere elargiti 5 mesi fa.
Nel frattempo, l'istituto nazionale di statistica ha certificato che in agosto la disoccupazione aveva raggiunto il 25,4%, e quella giovanile il 58%. Il debito pubblico viaggia verso il 190% del PIL (era il 115% prima degli accordi con la Troika.

Ospedali e Asl al collasso: superticket e code più lunghe

Ospedali e Asl al collasso: superticket e code più lunghe

Ospedali e Asl al collasso: superticket e code più lunghe
SANITA' | Per un'operazione alla tiroide in coda fino a otto mesi. E come andranno le cose quando sarà esecutivo quanto stabilito dalla legge di stabilità, ovvero un altro taglio di 7389 letti? 

Crisi/ Cancellieri: Punirò poliziotti violenti contro inermi ( staremo a vedere ... Tata)

Crisi/ Cancellieri: Punirò poliziotti violenti contro inermi

Roma, 16 nov. (TMNews) - "La violenza su un inerme nè intollerabile e ingiustificabile. Questo poliziotto sarà identificato subito. Sono io ora a volere sapere chi è. Faremo le dovute valutazioni e trarremo le conseguenze disciplinari". Così il ministro dell'Interno Annamaria Cancellieri commenta, durante un colloquio con 'Repubblica', le immagini della manifestazione di ieri l'altro che mostrano un agente che si scaglia contro uno studente inerme. "Lo stesso varrà qualora altre immagini dovessero documentare comportamenti simili. Su questo punto - aggiunge - non ci sono nè se nè ma. Il monopolio della forza è democratico se la forza è esercitata nel rispetto della legalità. Altrimenti diventa un'altra cosa". Poi c'è anche un altro aspetto: è accaduto che "una minoranza ha sequestrato un'intera piazza con le sue legittime e condivisibili richieste schiacciandola in una testuggine armata di bastoni, bombe carta, sassi... I poliziotti responsabili di abusi verranno puniti. E questo per rendere onore e merito agli altri loro colleghi che sono la maggiororanza e nei cui confronti è necessario che tutto il paese nutra il rispetto democratico che meritano". Detto questo, conclude il ministro, "io non credo che ci sia alcuna equivalenza tra le immagini" del pestaggio del manifestante inerme e "quelle della testuggine di Ponte Sisto". (Segue)

Auto: Rallenta Calo Vendite In Europa, A Ottobre -4,8%

Auto: Rallenta Calo Vendite In Europa, A Ottobre -4,8%

(ASCA) - Roma, 16 nov - Rallenta la caduta del mercato dell'auto in Europa. A ottobre infatti le immatricolazioni registrano un calo el 4,8% con 959 mila auto mentre nei primi 10 mesi il mercato europeo accusa una contrazione del 7,3%. Tra i principali mercati ancora una buona performance della Gran Bretagna che vede aumentare le vendite a ottobre del 12,1%, stabile il mercato tdesco con un +0,5%, mentre la Francia registra un calo del 7,8%, Italia -12,4% e Spagna -21,7%.

Paul Krugman su austerity: bomba ad orologeria

Paul Krugman su austerity: bomba ad orologeria

Barnard: Mario Monti ci regala povertà, paura e odio

Barnard: Mario Monti ci regala povertà, paura e odio


16/11 • IDEE •
Mario Monti e i suoi “padroni” sono molto più pericolosi della mafia: possono attentare alla Costituzione della Repubblica “fondata sul lavoro”, creare milioni di disoccupati, distruggere l’economia, causare il crollo dei redditi di milioni di lavoratori e di anziani, fino a sospingere gli italiani «verso derive autoritarie fascistoidi, in accordo coi maggiori politici europei». Rischio-Weimar: dopo la Prima Guerra Mondiale toccò alla Germania, vessata dalla Francia, assaggiare le super-austerity dei risarcimenti di guerra, giudicate crudeli e pericolose dal grande economista John Maynard Keynes. Risultato: l’avvento di Hitler come “giustiziere” del popolo tedesco affamato e umiliato. Corsi e ricorsi tenebrosi: in Grecia i neonazisti dominano la scena. «Oggi – sostiene Paolo Barnard – l’economia dei politici serve nel 99% dei casi all’interesse dell’1%, cioè dei potenti e della finanza. Perché glielo permettiamo? Perché ci tengono nell’ignoranza di economia».

TEMPESTA PERFETTA: LA PROCURA DI TRANI, IL DEBITO PUBBLICO E LA NAZIO...

TEMPESTA PERFETTA: LA PROCURA DI TRANI, IL DEBITO PUBBLICO E LA NAZIO...: Parto subito fornendo il mio totale appoggio ad un’iniziativa promossa dal sito NoCensura : inviare un’e-mail all’indirizzo tribunale.tr...

Il video di Elsa Fornero che non sa se va dai Bilderberg o da Telecom Italia

fornero bilderberg

Il video di Elsa Fornero che non sa se va dai Bilderberg o da Telecom Italia

16 novembre 2012 - Avvistata ieri al Campidoglio da Servizio Pubblico insieme a Mario Monti, il sindaco Alemanno, gli Ad di Ferrovie e Telecom CONTINUA

Il fisco uccide tutto: morte 90 mila imprese artigiane in 4 anni

Il fisco uccide tutto: morte 90 mila imprese artigiane in 4 anni

di GIORGIO CALABRESI
La pressione fiscale in Italia ”e’ una delle piu’ alte del mondo. Secondo le ultime analisi della Banca mondiale, sommando tasse e contributi, la pressione sulle imprese lambisce il 70%, a quota 68,5%. A puntare il dito contro la zavorra fiscale e’ il presidente della Cna Ivan Malavasi nel suo intervento all’assemblea …
LEGGI1 Comment