23/12/12

ECCO LA VERA "AGENDA MONTI"!


Ti è stato inviato tramite Google Reader

ECCO LA VERA "AGENDA MONTI"!


IL NOSTRO PIU' FORTE DISPREZZO PER 
NAPOLITANO
MARIO MONTI
CORRADO PASSERA
FORNERO E CANCELLIERI
PIERLUIGI BERSANI
SILVIO BERLUSCONI
MONTEZEMOLO E CASINI
VENDOLA E RENZI
MUSSARI E I BANCHIERI
LA TROIKA EUROPEA
IL PAPA (in quanto non ha detto nulla su questa forma di schiavitu' dell'uomo verso il sistema bancario 
E PER TUTTI COLORO CHE INVECE CREDONO ANCORA A LORO!




Inviato da iPad

USA: giovani, laureati... e homeless


Ti è stato inviato tramite Google Reader

USA: giovani, laureati... e homeless

ragazzahomeless.jpg

Mentre i giovani italiani sono costretti a restare -o a tornare- a casa con i genitori anche a 30 o 40 anni, tra i lazzi il disprezzo e le prese in giro dei più autorevoli esponenti del governo, negli Stati Uniti la situazione è ancora peggiore: moltissimi giovani sotto i 24 anni, anche con laurea in tasca, finiscono a far la vita dei senzatetto in mezzo alla strada.

Continua a leggere USA: giovani, laureati... e homeless...

Leggi i commenti (1) »






Inviato da iPad

Monti si vanta in TV di aver “salvato” l’Italia. Ma dimentica una marea di dati che dicono il contrario


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Monti si vanta in TV di aver "salvato" l'Italia. Ma dimentica una marea di dati che dicono il contrario

 Monti si vanta in TV di aver Quando Berlusconi propose Mario Monti come leader del centrodestra, ammetto che fui quasi convinto che fosse la mossa giusta affinché il centrodestra si riprendesse. Poi però ho registrato la sua indecisione sospetta, i dati del suo governo e l'ho veduto in TV, mentre disprezzava e attaccava il precedente governo. Allora ho pensato: grazie a Dio il Cavaliere ha cambiato idea, perché se gli italiani hanno un po' di sale in zucca, sanno certamente che Monti ha detto una marea di assurdità.


Il professore si è vantato di aver salvato l'Italia e ha ingratamente 1 attaccato il centrodestra (dobbiamo ricordare che Monti è stato portato in Europa proprio dal PDL?), il quale in questo anno – un po' per opportunismo e confusione, e un po' perché costretto dalle circostanze – lo ha sostenuto nella demolizione "salvifica" del nostro paese, in nome dell'Europa e di chissà quale altro strano dio burocratico.


Ciononostante, l'aspetto che maggiormente viene da contestare della conferenza montiana è stato il vantarsi del professore di aver restituito all'Italia credibilità internazionale. Diciamocela tutta: più che credibilità, credo si possa parlare di aver riportato l'Italia nell'ovile degli "Stati-pecora", e cioè di quegli Stati che obbediscono zitti e muti ai diktat delle varie trojke internazionali finanziarie e oligarchiche. Quelle stesse alle quali il PD è pronto a obbedire, se mai dovesse salire a Palazzo Chigi.


Ciò detto, tra una vanteria e l'altra – in verità dal forte sapore propagandistico e dunque con una connotazione fortemente elettoralistica – il professore ha omesso tutta una serie di dati che dimostrano come il suo governo abbia aggravato la crisi, abbia piegato l'Italia e gli italiani agli interessi non loro, soddisfando semplicemente le esigenze di chi ha speculato sull'economia del nostro paese e di chi è fortemente interessato a un'Italia debole e supina, obbediente agli ordini di Bruxelles e Berlino.




Inviato da iPad

Lo scogliimento dell’Antartide ha messo il turbo


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Lo scogliimento dell'Antartide ha messo il turbo

Lo studio dell'Universita' dell'Ohio


Inviato da iPad

Dall’Imu all’etilometro, via accise


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Dall'Imu all'etilometro, via accise

"Abrogheremo l'Imu sulla prima casa nel primo consiglio dei ministri". Lo ha detto Silvio Berlusconi in un'intervista alla tv Class Cnbc.

La copertura che, ha spiegato l'ex premier, ammonta a 3,8 miliardi "sarà trovata agendo su piccolo aumento delle imposte su lotto e sui nuovi giochi, sulla produzione di birra e alcol etilico, sugli aiuti che si danno in ordine sparso alle imprese e su un piccolo aumento della tassa di imbarco".

"Ai Comuni – ha assicurato – sarà dato tutto ciò che a loro non verrà" dall'incasso dell'Imu.


(...)
Continua a leggere Dall'Imu all'etilometro, via accise (130 parole)




© Phastidio.net, 2003 - 2012. |
Permalink


Tags: , | Categorie: Adotta Un Neurone, Economia & Mercato, Famous Last Quotes, Italia




Leggete anche:



    Art...


Inviato da iPhone

PERCHE’ COSI’ INDOLENTI ?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

PERCHE' COSI' INDOLENTI ?



DI WAYNE MADSEN

strategic-culture.org



A cavallo del secolo scorso, lavoratori e studenti di tutto il mondo erano pronti a scendere in piazza, iiniziare rivoluzioni e, se necessario, a morire per combattere i privilegi, con lo scopo di sostenere i diritti umani fondamentali di giustizia e uguaglianza per tutti, salari minimi equi e condizioni di vita accettabili.



Negli Stati Uniti, i monopoli dei Rockefeller, Carnegie, e Vanderbilt furono colpiti e in Europa le monarchie indolenti e apatiche furono deposte dalle rivolte popolari dei lavoratori.

Oggi ritroviamo gli stessi elementi che spinsero a un cambiamento nei primi del Novecento. Il popolo della Grecia, la culla della democrazia, ha visto la sua intera nazione spolpata da euro-banchieri avvoltoi, per la gioia del Casato dei Rothschild, attraverso una serie di programmi di austerità imposti dall'estero.


Inviato da iPhone

MONTI: E’ FINITA LA FESTA, NON SON FINITE LE TASSE


Ti è stato inviato tramite Google Reader

MONTI: E' FINITA LA FESTA, NON SON FINITE LE TASSE

di PONGO


Grande personalità, passano gli anni, i decenni e con  loro passano i governi ma l'Italia dimostra sempre un carattere unico, una personalità che non permette imitazioni.  Dopo le dimissioni del nostro premier e la fine della legislatura, anche in questa occasione, come sempre, c'è aria di svaccamento generale, un'aria da "volemose bbene" ovviamente con gli amici ma anche con quelle carogne dei nemici. Che Paese straordinario, non ce n'è uno, dico uno, come noi! Tutte quelle cose che andavano fatte, i progetti che su cui si è lavorato e di cui si è parlato in lungo e in  largo sono andati in vacca.


Le ultime grandezze del nostro parlamento riguardano il decreto sulla trasparenza. Bastava poco, doveva solo essere approvato ma vi sembra possibile che un Paese come l'Italia possa ottenere una legge anticorruzione? Mi sembrerebbe normale che ogni cittadino possa verificare la trasparenza di atti pubblici e  conseguentemente  l'incandidabilità per i condannati di essere assunti in incarichi di vertice nell'amministrazione e nelle imprese pubbliche. Questo sarebbe tutto troppo normale ma non in un Paese "straordinario" come il nostro. E tale legge di anticorruzione pubblica addirittura si ispirava alla Freedom of  Information Act, roba messa in atto dagli statunitensi. Noi vorremmo fare ma non ne siam capaci, esattamente come l'Albertone, Alberto Sordi che voleva fare l'Americano ma alla fine ci rinunciava, con la differenza che lui aveva assolutamente ragione di preferire " i maccaroni" invece delle porcate americane da mangiare mentre  qui da noi i corrotti resteranno sempre nelle nostre pubbliche amministrazioni.


E le province? Le cinque province toscane che diventano una? Tutte le discussioni su Monza che sarebbe dovuta tornare sotto Milano? Niente, non si farà nulla, abbiamo scherzato, anzi mi sembrerebbe tipicamente italiano se le province, a questo punto, aumentassero invece di diminuire. Perché no, oltre a Monza che ne direste di istituire la provincia di Carate Brianza o di Triuggio?


Per caso qualcuno si era convinto che si riducessero i parlamentari? Ma che italiani saremmo? L'accordo c'era già, sembrava veramente incredibile ma così facendo avremmo snaturalizzato il nostro modo di essere. E tale accordo prevedeva 508 deputati invece di 630 e 254 senatori invece di 305. Niente, tutto rimane come prima. Tutto quello che poteva dare una svolta a questa povera Italia si è fermato, comprese le liberalizzazioni di cui si parlò molto nel primo Monti, vedi taxi, farmacie, ecc. di cui si è fatto poco o niente.  E le camere si son sciolte, i parl...



Inviato da iPhone

MONTI LASCERÀ CHE SI SCANNINO GLI ALTRI


Ti è stato inviato tramite Google Reader

MONTI LASCERÀ CHE SI SCANNINO GLI ALTRI

Fuori dalle elezioni ma dalla parte di chi sosterrà la sua linea e pronto a rientrare dopo il voto


Alla fine ha prevalso la prudenza. Che, com'è noto, concerne la tattica e non la strategia. Riguarda i metodi, non gli obiettivi.


Dopo aver attentamente riflettuto, o mostrato di farlo per ribadire il suo carattere oculato e persino "saggio", Mario Monti ha comunicato le proprie decisioni: non parteciperà direttamente alla contesa elettorale, essendo però pronto «a dare apprezzamento [e] a essere guida» per chiunque si impegnerà a proseguire sulla strada del governo uscente. Dopo di che, una volta avviata la nuova legislatura, sarà disponibile ad assumere «le responsabilità che mi venissero affidate dal Parlamento».



 



Inviato da iPhone

L'Italia del fare

fare Sarà la crisi che, come la necessità, aguzza l’ingegno, ma io tante idee come di questi tempi era un pezzo che non ne sentivo. Tante, molte anche buone, ma
Ma il problema è sempre lo stesso: come fare a realizzarle. Perché il gioco è questo : avere idee non basta, la parte più importante è come realizzarle. E in questo settore noi, vulcanici inventori, siamo messi male. Sì, perché quando si deve passare alla fase del come ci vogliono i culi di pietra, quelli un po’ panzer, ma costanti e conseguenti. Quelli che fanno un piano, lo verificano e poi passin passetto, arrivano fino in fondo. Noi

Italia a sovranità limitata


badante Nel parolaio della campagna elettorale emergono slogan contro i tedeschi, l’Europa e l’euro. Il tutto in nome della libertà di scelta dei cittadini. Ottimo e abbondante, ma manca un’idea su come ridurre debito e tasse, l’unico modo per far ripartire lo sviluppo e creare occupazione, in compenso abbonda la dignità nazionale, la perfida Albione è diventata la perfida Merkel. Un momento, non eravamo tutti sdegnati quando il Cavaliere la definì una “culona in…”? Va beh, nella nuova era della sobrietà è solo una culona. Non c’è da stupirsi tanto, siamo sempre stati un Paese a sovranità limitata: per non parlare del passato, ci limiteremo a ricordare che nel dopoguerra c’erano gli americani, ora il nord Europa. Se non ci fossero stati i primi, avremmo avuto i russi e ora

Gangam Style preannuncia la fine del mondo? Solo della nostra civiltà

gangam_style Come se il singolo "Gangam Style" del rapper sudcoreano Psy non fosse già abbastanza virale, ha iniziato a fiorire su internet una serie di interpretazioni secondo cui nel video, in forma simbolica, sarebbero rappresentati segni predittivi della fine del mondo.
Basta cliccare su Google per trovare migliaia di pagine dedicate all'esegesi del video "profetico". Posto che se la fine del mondo e i cavalieri dell'apocalisse vengono annunciati in "gangam style", allora significa che o Dio è un burlone, o che il mondo è davvero un luogo demenziale, quello che viene in mente è però altro.
Gangam Style non rappresenta la fin

Monti non si candida. Ma il suo fantasma aleggia da subito


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Monti non si candida. Ma il suo fantasma aleggia da subito

di GIANMARCO LUCCHI


"Non saro' candidato a un particolare collegio in quanto sono senatore a vita. Se una o piu' forze politiche, con credibile adesione alla mia agenda o a una migliore che anch'io trovo convincente, manifestassero il proposito di candidarmi a presidente del

Consiglio valuterei la cosa. A nessuno si puo' impedire di fare questo e, se permette, a nessuno diverso da me si puo' dare la decisione se eventualmente io sarei disponibile o no. A priori direi si' che e' cosa diversa dal dare il nome ad altri per liberi utilizzi". In questa frase, pronuinciata stamane in conferenza stampa, sta racchiuso il senso della scelta fatta dal premier uscenteMario Monti circa la sua discensa in campo: nessuna partecipazione diretta alle elezioni, ma disponibilità a tornare a Palazzo Chigi dopo il voto se la maggioranza del Parlamento gli chiederà di ritornare a guidare un governo. A una condizione precisa, però: che venga accettata l'agenda Monti (presto pubblicata su un sito apposito e destinata "erga omnes", cioè a tutti coloro che vorranno accettarla), o un programma addirittura migliore (in base al giudizio dello stesso professore).


Monti poi non si sottrae a rifilare più di una stoccata a Silvio Berlusconi: innanzitutto dice che non riesce più a seguire quello che dice, in quanto un giorno afferma una cosa (anche nei suoi confronti) e il giorno dopo il contrario: e va detto che sul tema non ha tutti i torti. E nega in maniera assoluta quel che il Cavaliere va sostenendo e cioè che ai vertici europei tutti aspettavano la sua ultima parola da premier italiano. Secondo Monti questa è solo una balla colossale. Circa le promesse dell'ex premier di eliminare l'Imu, Monti mette in guardia: si, sarebbe bellissimo, anche abbassare le tasse, ma senza pesanti interventi in altri settori (taglio della spesa pubblica), dopo solo un anno qualsiasi governo si troverebbe a reitrodurre la tassa in misura doppia.


Sul ruolo del suo governo, Monti è stato didascalico: "missione compiuta" ha detto riportando le parole riferite al presidente della Repubblica rassegnando le dimissioni, cioè il Paese è stato salvato dal disastro finanziario, ma per far ciò non si è potuto intervenire ...



Inviato da iPhone

Economia aiutata dal cambio minimo


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Economia aiutata dal cambio minimo

Svizzera verso una recessione senza la soglia fissata dalla Banca nazionale


Inviato da iPhone

Il significato del Lavoro


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il significato del Lavoro

Per gli schiavi il lavoro non manca mai: il vero problema infatti non è "il trovare un lavoro" , ma ricevere in cambio un adeguato stipendio che ti garantisca una vita decente. In passato avevamo bisogno di fare lavori di fatica per produrre i beni primari; ora non è più cosi, adesso il lavoro sporco lo fanno le macchine.


Inviato da iPhone

Ecco come non pagare l’Imu votando Silvio Berlusconi


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Ecco come non pagare l'Imu votando Silvio Berlusconi

da FACEBOOK




Inviato da iPhone

L’Italia in ginocchio a banchieri e mercanti


Ti è stato inviato tramite Google Reader

L'Italia in ginocchio a banchieri e mercanti


Il servo dell'Alta finanza internazionale, Giorgio Napolitano, dopo aver sentito i Presidenti dei due rami del Palazzo dell'Inganno, ai sensi dell'art.88 del Compromesso cattocomunista, ha firmato il decreto di scioglimento della Camera dei Nominati e del Senato della Repubblica della vergogna: «Ho firmato il decreto di scioglimento delle Camere, conclusione prevista e già segnata dai fatti». Lo ha detto, tra un forte odore di peto, il modesto funzionario dell'ordine dei miracolati al termine delle consultazioni, aggiungendo «Ho preso nota di quelle preoccupazioni e le trasmetterò al presidente del Consiglio». Tra precarietà, disoccupazione, licenziamenti, suicidi per motivi economici, esodati, smantellamento del sistema previdenziale condito dalle lacrime del ministro della miseria sociale Elsa Fornero, tasse e balzelli occulti di ogni sorta, una voragine di debito pubblico lasciata in eredità alle prossime quattro generazioni e il secondo intervento pubblico dopo quello del 2009 con i Tremonti bond, a sostegno di una banca, la Monte Paschi di Siena, che prevede la sottoscrizione da parte dello Stato italiano di strumenti ibridi di capitale per 3,9 miliardi di euro (i cosiddetti Monti bond), in pratica una ricapitalizzazione per salvarla dall'indebitamento per 17 miliardi di euro (il 15 dicembre abbiamo pagato l'IMU e il governo dei boiardi il 17 li ha girati a MPS), in ultimo anche il regalino al colosso Finmeccanica previsto in un provvedimento nella legge di Stabilità, in cui viene erogato un finanziamento di 8,4 miliardi di euro (per 16 anni) alle aziende italiane che operano nel settore aerospaziale. E il titolo Finmeccanica, ovviamente, si conferma tra i migliori del Ftse Mib. Alla faccia del terrorismo finanziario seminato dai servili media italioti e dai professionisti dello spread. La crisi pilotata è appena iniziata e svolgerà le sue tappe conclusive il 24 e 25 febbraio 2013 con una ritualità sacrale: chiacchiere da salotti tv profumati di pane e vaniglia dove verranno passati in rassegna sempre i soliti parrucconi incatramati, promesse di marketing elettorale, bugie di ogni sorta e la solita giostra dei politici reciclati. Le dimissioni del curatore fallimentare Mario Monti non arrivano certo intempestive, altro che mancanza di fiducia della "strana maggioranza" farcita di fratellanze, di sorellanze, di cuginanze e di altre tali parentele bastarde che lo ha...



Inviato da iPhone

Piemonte, la Regione in crisi vende anche gli ospedali. Con conflitto d’interesse


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Piemonte, la Regione in crisi vende anche gli ospedali. Con conflitto d'interesse

Non bastava un esperto qualunque per risollevare le sorti di una Regione in default finanziario. Ed è per questo che, nonostante un debito di 1,6 miliardi di euro (ma che potrebbe anche essere di più) la Regione Piemonte ha affidato l'incarico di consulenza a Ferruccio Luppi, brillante amico del governatore Roberto Cota e dell'assessore alla Sanità, Paolo Monferino, tutti vicini al gruppo Fiat-Agnelli. Una consulenza "altamente professionale" per cui l'Ente avrà sborsato (al 31 dicembre 2012, termine di scadenza del contratto) 100 mila euro. L'operazione di finanza creativa, di tremontiana memoria, in effetti è complessa. Perché riguarda la vendita del patrimonio immobiliare della Regione, comprese le proprietà di Aziende ospedaliere e Asl. Con grandi operazioni di ingegneria finanziaria gli ospedali presto non solo dovranno cedere il loro patrimonio immobiliare ma pagheranno anche l'affitto al fondo che sarà istituito dalla Regione e il patrimonio sarà gestito da un'altra società esterna. I contorni di questa vicenda sono emblematici e lasciano qualche perplessità, sia per quanto riguarda la nomina di Luppi, sia per le modalità in cui verrà gestita la vendita del patrimonio.

A Luppi, il governatore ha affidato l'incarico di collaborazione per essere supportato, come si evince dalla delibera del 16 gennaio 2012, "nelle funzioni di coordinamento dell'esecutivo regionale, in ordine alle scelte strategiche di sostegno allo sviluppo economico, riferite sia alla ristrutturazione del debito, sia alla cessione di partecipazioni, nonché alla valorizzazione immobiliare ed alla gestione del patrimonio". La carriera del consulente "esperto", così come si legge sul giornale locale "Lo Spiffero", ha inizio nella Ifil degli Agnelli. Nel 1997 è passato alla Worms, holding di partecipazioni quotata alla Borsa a Parigi (controllata dalla stessa Ifil). Ha gestito le finanze alla Fiat e poi qualche collaborazione anche in Ferrari e Cnh. Nel 2009 è entrato nel direttorio di Générale de Santé, il gruppo ospedaliero francese leader nel settore della sanità privata. Oggi è membro del cda del più grande ente di gestione fondi immobiliari (Idea-Fimit). Se non è un conflitto d'interessi suona quantomeno strano.

Cota, con il lancio di due fondi immobiliari pensa di portare in tempi rapidi nelle casse regionali circa 600 milioni di euro. La ratio dell'iniziativa è semplice: la Regione raccoglie immobili sui quali può esprimere anche una valutazione, si costituisce un fondo, si ...



Inviato da iPhone

GRILLI UN GENIO DELL'ECONOMIA


Ti è stato inviato tramite Google Reader

GRILLI UN GENIO DELL'ECONOMIA

Ecco le prove: casa Grilli pagata a metà

La banca valutò l'appartamento del ministro il doppio della somma sborsata per comprarlo

l prezzo giusto per la casa del ministro dell'Economia,Vittorio Grilli, nella zona più esclusiva del quartiere romano dei Parioli, c'è. Ed è pure scritto nero su bianco: due milioni e 30 mila euro. Solo che la cifra è inserita nel contratto che il 27 aprile 2004 l'attuale ministro ha stipulato con la banca Monte dei Paschi di Siena per ottenere un mutuo trentennale da 1,5 milioni di euro. Ed è cifra ben diversa da quella che 24 ore dopo sarebbe stata inserita in un altro contratto: quello fra Grilli e il venditore di quella casa, Massimo Tosato, vicepresidente esecutivo di Schroder (che all'epoca era direttore centrale). Grilli pagò all'epoca la sua attuale abitazione praticamente la metà di quanto la banca che finanziava l'acquisto aveva valutato: un milione e 65 mila euro. Nasce proprio da queste due cifre troppo divergenti il giallo di casa Grilli sollevato dall'agenzia internazionale Bloomberg. E il mistero traspare anche dagli atti integrali di vendita e di stipulazione del mutuo depositati presso il notaio Ignazio De Franchis di Roma fonte

ha pagato meta' in nero per non pagare le tasse un vero genio dell'economia
potrebbe fare il ministro di un governo tecnico

ma uno cosi' che ha fatto il ministro che dichiara severita' e rigore fiscale
e si comporta in questo modo,ma quanti anni dovrebbe fare di galera?

Son tutti bravi con il culo degli altri



Inviato da iPhone

Giulio Sapelli: ”Andiamo incontro all’icerberg – L’Euro è una pazzia”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Giulio Sapelli: "Andiamo incontro all'icerberg – L'Euro è una pazzia"


L'economista Giulio Sapelli

di Roberto Santilli Abruzzoweb


L'AQUILA – "Le dimissioni di Monti sono uno strappo costituzionale. Avrebbe dovuto attendere un voto di sfiducia, così invece alimenta una tendenza sovversiva tipica delle classi dominanti italiche, mancando di rispetto allo stesso dettato della Carta".


Ci mancava pure questa. Con il recente abbandono del premier, Mario Monti, e il ritorno in politica dell'ex 'disarcionato' Silvio Berlusconi, si apre l'ennesima bagarre all'italiana a qualche mese dalle elezioni del 2013.


Eppure, l'economista Giulio Sapelli non smette di guardare in alto, precisamente in quel luogo chiamato Banca centrale europea governata dall'italiano Mario Draghi ("messo lì da Timothy Geithner, ministro del Tesoro degli Usa," aveva chiarito in una trasmissione televisiva il professore, in riferimento alla paura degli americani che l'Europa vada a scatafascio, "come andrebbe se la cancelliera tedesca Angela Merkel avesse il potere assoluto"). 


Perché, di sicuro, la moneta e il sistema Euro non sono più visti come simboli di prosperità economica. "A cascata", i danni saranno pressoché irreparabili, annunciano gli esperti come Sapelli.


E L'Aquila, l'Abruzzo e l'Emilia-Romagna terremotati, per restare a due dei tanti drammi di casa, sono già dentro fino al collo. Dai primi scricchiolii alla condanna sdoganata negli ultimi tempi anche da chi non apparteneva alla schiera degli euroscettici il passo non è stato breve ma molto sofferto, poiché in tutti gli angoli dedicati all'economia, tra politica e media, l'Unione europea aveva generalmente goduto di una certa fiducia, "pompata" lungo il decennio segnato dalla "moneta senza patria e senza politica" che ha tolto di mezzo la vecchia lira.


Per cogliere segnali di dissidenza, in pratica, o si era bravi in economia, oppure si restava a bocca (e a tasca) asciutta.


Tra le voci fuori dal coro, appunto, quella del professor Sapelli. Uno dei grandi dell'economia a n...



Inviato da iPhone

LA COSCIENZA PREDATORIA DEI NOSTRI GOVERNANTI


Ti è stato inviato tramite Google Reader

LA COSCIENZA PREDATORIA DEI NOSTRI GOVERNANTI

"Eternamente affamati, sempre vuoti, non smettono mai di cercare quella cosa che ci fa umani e che ai predatori-psicopatici mancherà sempre: l'Anima" - Thomas Sheridan
Pur di realizzare il loro piano del nuovo ordine mondiale, i nostri governanti psicopatici ci stanno portando alla fame, svendendo il nostro paese e sminuendo la nostra dignità senza nessuno scrupolo...secondo loro bisognerebbe solo realizzare un concetto astratto estraneo alla realtà, costi quel che costi!!! Dove c'è solo la mentalità del profitto o il business per il business troviamo predatori psicopatici o la coscienza predatoria.


Il predatore o psicopatico non ha coscienza e quindi non prova nessun rimorso per i danni provocati agli altri. Essere senza coscienza al predatore non importa, anzi lo considera un grande vantaggio e non ha nessuna intenzione di "guarire". Conosce benissimo la differenza tra il bene ed il male e sceglie il male come scorciatoia per ottenere quello che vuole poichè fondamentalmente pigro.

Senza coscienza e senza emozioni il predatore ha, lnfatti, tutto il tempo per analizzare le sue prede per studiarle bene in maniera da manipolarle il meglio possibile. Per il predatore, gli Esseri Umani sono dei targets o degli ostacoli, nient'altro!!! Con gli altri predatori hanno come un radar e si riconoscono tra loro, si mantengono la giusta distanza evitando di invadere il territorio dell'altro. Si scrutano per scoprire tecniche di manipolazioni più effettive ed appropriarsene.

I predatori-psicopatici vengono ricercati da piccoli con molta attenzione specialmente in certe famiglie considerate "bene", e che quando individuati vengono cresciuti, sostenuti ed addestrati per prendere i posti di potere in tutte le aree della società. E' cosi che in occidente ci ritroviamo una classe dominante colma di predatori-psicopatici-senza coscienza. In realtà, siamo arrivati al punto che quando si va a votare, si hanno solo 2 alternative: psicopatico A o psicopatico B.

In occidente la coscienza parassita si manifesta grazie ad una "griglia di controllo psicopatico" che interagisce continuamente sulla società, condizionando strategicamente la popolazione in modo tale che i comportamenti e gli atteggiamenti psicopatici siano promossi per essere accettati come "normali" e possibilmente abbracciati.

I media non fanno altro che umanizzare i mostri e disumanizzare l'Essere Umano. Non per niente molti predatori sono attratti dalle professioni del mondo dei media e dell'intrattenimento. Li troviamo dove ci sono grandi soldi in ballo, possibilità di potere e di sesso, meglio se tutto insieme come in politica, nel governo e nel mondo della finanza.

L'homo psychopathicus ha pianificato di sostituirsi all'empatico homo sapiens su questo pianeta perchè secondo gli eugenisti (vedi ...


Inviato da iPhone

Il razzo coreano può raggiungere gli USA


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il razzo coreano può raggiungere gli USA

Il missile lanciato il 12 dicembre avrebbe una gittata di 10 mila chilometri


Inviato da iPhone

Governo Monti, un disastro completo


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Governo Monti, un disastro completo


Berlusconi per la sesta volta in tv: "Governo Monti, un disastro completo"

Silvio Berlusconi (LaPresse)
MILANO – Silvio Berlusconi si presenta per la sesta volta in tv una settimana e attacca il premier dimissionario Mario Monti. Berlusconi è ospite a Studio Aperto, il tg di Italia Uno ed attacca il bilancio del governo tecnico, giudicato  "un disastro completo".

Monti,che a detta di Berlusconi pochi giorni fa poteva diventare il leader di tutti i moderati "


Inviato da iPhone

Siria, contrordine: Obama scarica i mercenari anti-Assad


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Siria, contrordine: Obama scarica i mercenari anti-Assad

Il conto alla rovescia è iniziato. Non appena la nuova amministrazione Obama sarà confermata dal Senato, presenterà un piano di pace per la Siria al Consiglio di sicurezza. Giuridicamente, sebbene il presidente Obama succeda a se stesso, la sua amministrazione uscente ha soltanto il potere di curare gli affari correnti e non può prendere alcuna iniziativa importante. Politicamente, Obama non aveva reagito quando, in piena campagna elettorale, alcuni suoi collaboratori avevano fatto fallire l'accordo di Ginevra. Ma ha proceduto a fare un repulisti dopo l'annuncio della sua rielezione. Come previsto, il generale David Petraeus architetto della guerra in Siria è caduto nella trappola che gli è stata tesa ed è stato costretto a dimettersi. Come previsto, i caporioni della Nato e dello Scudo antimissile, refrattari a un accordo con la Russia, sono stati messi sotto inchiesta per corruzione e costretti al silenzio. Come previsto la segretaria di Stato Hillary Clinton è stata messa fuori gioco. Solo il metodo scelto per eliminarla ha destato sorpresa: un grave malanno che l'ha fatta cadere in coma. (continua…)




Inviato da iPhone

Il debito pubblico italiano: mai costato così poco!!!


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il debito pubblico italiano: mai costato così poco!!!

I titoli, si dice, devono attrarre il lettore! Ma questa volta c'è qualcosa di più di un semplice specchietto per le allodole, c'è un lato di verità!


Dopo mesi di mio silenzio, ritorno "a bomba" sul post che ho scritto a fine agosto, riguardante il costo del debito pubblico italiano (vi invito a rileggerlo per poter riprendere il filo logico del discorso, in quanto darò molti concetti per appresi).


Eccovi quindi l'aggiornamento al mese di settembre (III trimestre 2012)


 Il debito pubblico italiano: mai costato così poco!!!


Come potete ben vedere, il costo nominale del debito emesso quest'anno si è ridotto al 3,20% (3,24% a luglio scorso). Fa uno strano effetto ahn, specialmente quando lo si mette in confronto allo spread, che attualmente viaggia sui 300 punti base (3%) a cui la grande stampa generalista associa 10 Miliardi di maggiori debiti. Lo dimostrassero almeno: come fanno a dire un'assurdità del genere! Qui si mi devo schierare dalla parte di Berlusconi e Brunetta: il fattore spread è un indicatore utile per capire la situazione del debito pubblico italiano, ma dire che con Monti abbiamo risparmiato più di miliardi di € di interessi è una balla bella e buona, come d'altra parte affermare che con il precedente governo Berlusconi si sarebbero pagati 10 miliardi in più il debito!


Tralasciando questi aspetti, e invitandovi a diffidare da tutti i giornalisti che da un giorno all'altro sparano cifre quando fino a dieci giorni prima neanche sapevano cosa fosse Cct-Eu, passiamo ad una analisi ancora più approfondita degli ultimi avvenimenti.




  • Come detto, i rendimenti (all'emissione, è quello che conta), sono mediamente calati. Per il 2012, come si può immaginare, si è riusciti a  mantenere il costo del debito basso grazie all'intervento della BCE sulla curva a breve, a cui infatti il tesoro ha indirizzato la gran parte delle emissioni, anche durante lo scorso terzo trimestre (196 Mln di debito emesso a breve nel 2012, pari al 54% del totale emesso). Questo ha inevitabilmente diminuito la duration media del debito pubblico, rinviando quindi il rinnovo delle emissioni (scusate il gioco di parole) al prossimo anno;


Inviato da iPhone

PT Club: il sito online che insegna agli individui come fottere gli Stati ladri!


Ti è stato inviato tramite Google Reader

PT Club: il sito online che insegna agli individui come fottere gli Stati ladri!

di ANONIMO COSMOPOLITA


Stanchi di vivere in un Paese burocratico ed orwelliano di redditometri e zelanti delatori? Volete lasciare l'Italia e trasferirvi in altro luogo fiscalmente più libero e con più opportunità e prospettive di guadagno ma non sapete come fare e quali mosse compiere? Sappiate che dal 1997 esiste il PT Club, una libera associazione online di liberi individui che offrono privacy a chi realisticamente vuole essere libero di vivere la propria quotidianità senza leggi inutili e tasse.


PT è l'abbreviazione di Perpetual Traveler (Viaggiatore Perpetuo) e si basa sul concetto di sovranità dell'individuo, il sito fornisce ai visitatori consigli e suggerimenti al fine di risiedere in un Paese estero off-shore senza essere vincolato da aspetti di tipo burocratico (quali tasse, obblighi militari, azioni legali) figurando come "turista".


Tale concetto è stato reso popolare da Harry Schultz, il consulente finanziario più pagato al mondo nel 1964, secondo il Guinness Book of World Records, autore di numerosi libri sugli investimenti che sono divenuti dei bestseller negli anni '70, e di un libro intitolato How to Keep Your Money and Your Freedom. Fino al 2010 ha curato The International Harry Schultz Letter, una seguitissima newsletter economica e finanziaria dove avvisava dei rischi iperinflazionistici dell'attuale sistema monetario internazionale e i possibili scenari bellici all'orizzonte.


Schultz ha coniato il concetto di multiple-flag life style: ovvero la possibilità di avere vari livelli di vita a seconda delle proprie possibilità ed interessi: vivere in un Paese, lavorare in un altro ed essere cittadino di un terzo. Tra coloro i quali in tempi recenti hanno seguito i consigli di Schultz, vi è il cofondatore di Facebook,  



Inviato da iPhone

Lo "spread" di Benedetto XVI


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Lo "spread" di Benedetto XVI

L'intervento di Papa Benedetto XVI sul Financial Times del 20 dicembre merita di essere letto nei giorni di Natale. Lo riproponiamo con il commento di GIANNI CREDIT

(Pubblicato il Sun, 23 Dec 2012 05:16:00 GMT)

Una storia d'amore, di M. Konrad
Il Natale, più forte della profezia Maya, di A. Banfi


Inviato da iPhone

Parlamentarie del Pd, l’apparato presenta il conto a Bersani


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Parlamentarie del Pd, l'apparato presenta il conto a Bersani

di GIUSEPPE SGUBBI SOLAROLO


Come è noto nelle giornate del 28 e 29 dicembre,  il popolo della sinistra  è chiamato  ha designare  i candidati  per le prossime elezioni politiche. Le intenzioni degli organizzatori sono ottime, una volta tanto, i candidati non saranno  designati dalla segreteria politica, ma dagli elettori. Purtroppo, come è capitato altre volte,  le buone intenzioni non sempre vanno a buon fine, infatti, come in questo caso, vi sono buone ragioni per pensare  che andranno a "farsi benedire".


Se diamo uno sguardo  alle "regole", ai "paletti", alle "eccezioni", agli "intoccabili",  alle "deroghe", ci rendiamo conto  che il popolo è chiamato  a scegliere  i candidati, in una "rosa" scelta da altri.   Troppi gli ostacoli artificialmente creati,  senza alcun dubbio ancora una volta c'è stato lo "zampino" dell'apparato. L'intervento  dei componenti dell'apparato era ampiamente previsto,  questi hanno  aiutato Bersani a sconfiggere  Renzi, conseguentemente hanno presentato  a Bersani il conto, un conto molto "salato". Notoriamente l'apparato non fa niente per niente. Bersani, seppur a malincuore  ha dovuto arrendersi"senza condizioni": una decina di "intoccabili" hanno chiesto per presunti meriti acquisiti, la  deroga di non essere obbligati a rispettare le regole, perciò, diversamente dagli altri "mortali", possono concorrere  per una altra legislatura.


Bersani ha ceduto anche al riguardo di un importante "filtro", saranno le segreterie provinciali ha decidere  quali saranno i nominativi  che possono chiedere il responso elettorale.     Per i "Renziani" sono previsti tempi duri.  Bersani è riuscito a spuntarla in un solo punto, è riuscito  a tenere per sé  alcune "sedie" che potrà usarle come riterrà opportuno. Sedie che possono servire per fare entrare in parlamento  persone di un certo livello, come  possono pure  servire come un grimaldello per eliminare qualcuno che non gli è "simpatico",  come pure  per fare opera di "ripescaggio".


Le parlamentarie di Grillo  sono state accolte con  sorrisini ironici,  ma nonostante ciò  anche delle  casalinghe  hanno potuto diventare candidate ad un seggio parlamentare. Domanda. una casalinga  tesserata Pd,  quante probabilità avrà per arrivare a tanto?   Considerate   le forche caudine a cui sarà chiamata a superare,  senza un "provvidenziale"  aiuto dall'alto, le probabilità saranno  praticamente nulle.


Qualcosa mi dice che  questa volta, nonostante tutto,  non mancheranno le sorprese, intanto  queste, confrontate ...



Inviato da iPhone

MI SONO ROTTO DI LAVORARE E PAGARE PER LA CONFRATERNITA DI PAESE


Ti è stato inviato tramite Google Reader

MI SONO ROTTO DI LAVORARE E PAGARE PER LA CONFRATERNITA DI PAESE

DI ANTONINO TRUNFIO


Non c'è confraternita dei suddetti Cuori Gaudiosi & Misericordiosi, che dalla diocesi del Brennero all'ultimo lembo di spiaggia della diocesi di Pantelleria, non dia testimonianza verace dell'evangelico comandamento. La castità e la povertà, voti previsti da tutti gli altri ordini religiosi ormai in via di dissoluzione, al momento non allignano nella confraternita.


La prima, la castità come si sa, non può allignare poiché l'importante è moltiplicare future vocazioni. E la castità, come si sa non va proprio d'accordo con la moltiplicazione e tanto meno con la procreazione.


La seconda, la "sora povertà", tanto amata dal Fraticello Vero di Assisi, ce l'ha in odio e disprezzo la pia confraternita, avendo essa per missione la redistribuzione della ricchezza altrui. Assegna in sorte infatti liberandosene essa stessa, la "sora povertà" a chiunque le rimanga infedele o nemico, a titolo di castigo eterno.


Queste confraternite locali amano riunirsi in preghiera per deliberare giorno e notte senza sosta, adempiendo alla missione salvifica loro affidata dal gregge belante del luogo. Ora per le nuove altalene nel parco, ora per le strisce pedonali, ora per l'orario dei fiorai, ora per le luminarie natalizie e la festa del santo patrono, ora per la difesa dell'artigianato locale, ora per un gemellaggio con un villaggio dell'Andalusia o della Bretagna. La missione della confraternita non conosce riposo, insomma.


Queste confraternite amano persino comunicare il proprio operato benefico e caritatevole, attraverso i canali digitali che il progresso ha messo a disposizione, usano il web, usano la stampa per edurre le masse dei fedeli a riguardo delle eroiche gesta che la loro Congregazione, appunto, compie in silenziosa umiltà e dedizione disinteressata al prossimo e ai bisognosi.


Nella città dove vivo, la congregazione locale dei Gaudiosi & Misericordiosi è solita dare alle stampe e distribuire periodicamente un casto libello dal titolo "Fuori dal Comune". Non so dirvi chi sia stato lo schizofrenico che ha avuto una così brillante trovata. So per certo che sarà stato un silenzioso fraticello di questa o delle precedenti confraternite, al cui mantenimento sono stato costretto anch'io.


Io che sono un infedele alla loro religione e a loro dio stato, io che vomito solo all'udire la parola "costituzione" le loro tavole del sinai per intenderci, io nemico giurato di questa e di tutte le congregazioni e delle loro curie di montecitorio e dello zoo per dinosauri detto "er quirinalo", ogni volta che ricevo questo libello, trattengo l'istinto terroristico che mi assale, evitan...



Inviato da iPhone

Belgio: eutanasia anche per minorenni. Se non produci devi morire


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Belgio: eutanasia anche per minorenni. Se non produci devi morire

Belgio, arriva l'eutanasia per Alzheimer


- di Tommaso Scandroglio -


L'esempio si adatta bene alla stagione: se fate rotolare una palla di neve a valle questa diventerà una valanga. E' quello che sta accadendo in Belgio. Nel 2002 il Parlamento belga confeziona una bella palla di neve sull'eutanasia rendendola legittima, ma solo a "beneficio" dei maggiorenni. Poi negli anni la palla di neve è arrivata sino a valle trasformandosi in slavina: a breve l'eutanasia potrà essere offerta come "servizio" anche ai minori e chi è affetto da Alzheimer. Questa è la proposta di legge presentata di recente dal Partito socialista e che con buona probabilità passerà in Parlamento perché già ora ha ricevuto l'appoggio da diversi partiti di destra e dai verdi. "Si tratta di aggiornare la legge per tener conto in modo migliore di alcune situazioni drammatiche, di storie estremamente dolorose (…) di fronte alle quali non possiamo restare senza risposta", ha spiegato il presidente del Partito socialista Thierry Giet. L'inferno è lastricato da buone intenzioni, tra le quali spiccano quelle pietose.


Il Belgio è l'ennesimo esempio di un teorema ormai verificato innumerevoli volte sul piano pratico: legittimate una pratica iniqua recintandola con infiniti paletti e vedrete che tempo qualche anno questi paletti uno alla volta salteranno tutti.


Ciò che è successo in Belgio, dove già una persona su cento muore per una pratica eutanasica, è un fenomeno sociale e culturale che nasce e si sviluppa intorno ad alcuni principi cardine del pensiero mortifero di carattere squisitamente eugenetico.


Primo: tu vali se sei sano. Se non lo sei ti scartiamo con l'aborto o con la diagnosi pre-impianto se concepito in vitro. Se invece sei già venuto al mondo siamo sempre in tempo a ricorrere all'eutanasia.


Secondo: tu vali non solo se dai prova di essere sano, ma anche se ci confermi che almeno sai fare qualcosa, che produci. Si chiama funzionalismo: la dignità di un essere umano è valutata a seconda delle sue abilità. Va da sé che il feto e il vecchio affetto da demenza senile poco valgono. Anzi: tolgono alla società delle risorse umane, di tempo ed economiche preziose.


Il tema era stato già trattato da Riccardo Cascioli in un suo articolo dell'agosto 2011 apparso sulla Bussola dal titolo "La morte ti fa generoso". Scriveva Cascioli in merito ad un pezzo pubblicato sul New York Times a firma di David Brooks: "il nostro autore spiega che una parte importante del deficit [USA] è dovuto proprio a questo tentativo di allungare la vita da malati. Secondo Brooks, il male de...



Inviato da iPhone