30/12/12

E Casini fa(ceva) il furbetto con lo skipass della figlia


Ti è stato inviato tramite Google Reader

E Casini fa(ceva) il furbetto con lo skipass della figlia

Il nuovo che avanza con Monti ha pagato 30 euro di multa


Inviato da iPad

PIU’ A DESTRA DELL'AGENDA MONTI. ECCO L'INTERVISTA CHE PROVA CHE BERSANI CI HA VENDUTO ALLA GERMANIA


Ti è stato inviato tramite Google Reader

PIU' A DESTRA DELL'AGENDA MONTI. ECCO L'INTERVISTA CHE PROVA CHE BERSANI CI HA VENDUTO ALLA GERMANIA




DI RED

senzasoste.it




La vera campagna elettorale, quella per accreditarsi dove si prendono decisioni, la si fa sul Financial Times. Che ha dedicato molto spazio alle elezioni italiane. Segnaliamo questa intervista del Financial Times a Pierluigi Bersani in versione maresciallo Pètain. Quello dei giorni che precedettero la formazione della repubblica collaborazionista di Vichy.



Cosa dice di grave Bersani ?


Inviato da iPad

Nucleare: Tokio "irradiata" quasi quanto Fukushima?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Nucleare: Tokio "irradiata" quasi quanto Fukushima?

tokioradiazioni.jpg

Il Washington Blog è stato una delle fonti americane più informate sui fatti di Fukushima, riportando in tempo reale (fin di tempi del disastro) le notizie del giapponese EneNews.

Alla fine di questo 2012, il blog fa il punto sulla situazione a Tokio proprio in base ai moltissimi dati di EneNews, giungendo ad una serie di inquietanti conclusioni:

Continua a leggere Nucleare: Tokio "irradiata" quasi quanto Fukushima?...

Commenta »





Inviato da iPad

Cina: macché guerra con gli USA, nel 2013 sarà contro il Giappone


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Cina: macché guerra con gli USA, nel 2013 sarà contro il Giappone

senkakuisole.jpg

Quando si leggono in giro ipotesi di guerre future, ogni giorno si scopre una notizia e un profeta di una qualche sventura. Proprio ieri riportavo le news di Wired su voglie di guerra tra Cina e USA, oggi invece Business Insider riferisce l'opinione di un autorevole docente universitario ed ex ufficiale della Difesa australiano, che vede invece molto reale il pericolo di una guerra tra Cina e Giappone. Ecco cosa dice, riferendosi al recente sorvolo dello spazio aereo giapponese da parte di velivoli cinesi:

Continua a leggere Cina: macché guerra con gli USA, nel 2013 sarà contro il Giappone...

Leggi i commenti (2) »



Inviato da iPad

L'Italia alla fame


Ti è stato inviato tramite Google Reader

L'Italia alla fame

L' Italia alla fame
(17:00)
italia_fame.jpg
pp_youtube.png


Il blog si è recato alla mensa della Caritas a Milano, a due passi dalla grande statua di San Francesco posta all'inizio di corso Indipendenza. Ogni giorno la coda fuori dalla mensa di chi non può permettersi un pasto aumenta e se, fino a un anno fa, la maggioranza era composta da stranieri, comunitari e extracomunitari, oggi gli italiani sono in maggioranza. Abbiamo raccolto alcune testimonianze, tutte dignitose, dei nuovi poveri, degli esclusi, di un esodato, di un egiziano, di un ex imprenditore, di un brasiliano tra i 4.000 che sfilano fuori dai cancelli ignorati dai passanti.



Testimonianza di un italiano rimasto senza lavoro a un anno dal pensionamento
- Sono un cosiddetto esodato, di quelli che hanno lavorato, costruito, contribuito a formare una sorta di democrazia che rendeva il nostro Paese vivibile malgrado l'inquinamento delle cosiddette istituzioni, l'inquinamento mafioso e criminoso che brulica attorno alle istituzioni, al Parlamento e in tutte le sue ramificazioni a piramide. Sono un esodato perché sono onesto e nell'azienda in cui ho lavorato per 30 anni essere onesto con tutto quello che ne consegue, non è mai piaciuto. Se sei onesto non sei ricattabile, no...



Inviato da iPhone

la Chiesa non fa politica (risate di sottofondo)


-         la Chiesa non fa politica (risate di sottofondo)   -
di Paolo De Gregorio, 30 dicembre 2012

A giudicare dal rammarico che B. esprime per aver perso l’appoggio del Vaticano (“con tutto quello che ho fatto per loro!”), il peso politico della Chiesa conta, eccome! Oggi si sposta dall’immorale Cavaliere al pio Monti, che va a Messa tutte le domeniche, e non si dimentica di aumentare i fondi statali per le scuole cattoliche e non applicare l’odiata IMU agli edifici di proprietà vaticana.
Ricordiamo che la Chiesa cattolica in Italia è l’organizzazione più presente su tutto il territorio, non solo con le parrocchie con annessi oratori, campi di calcio, cinema, teatri, ma con università, collegi, scuole private, ospedali, televisioni, radio, giornali, capace di orientare il pensiero di milioni di italiani e anche il loro voto, che storicamente dal 1948 ad oggi è andato sempre al centro-destra.
Il maggiore “vulnus” alla laicità dello Stato e alla democrazia è rappresentato dall’esistenza di una organizzazione così potente, che, pur non essendo un partito politico, “consiglia” ai suoi fedeli chi votare, con risultati notevoli, visto che il centro- destra vince in Italia da 60 anni con solo piccoli incidenti di percorso.
Se vogliamo far finire l’ingerenza vaticana nella politica italiana vi è un solo metodo: bisogna annullare i Patti Lateranensi, l’8 per mille, e qualunque provvidenza economica che può essere decisa dalla politica a favore del Vaticano, separando così realmente lo Stato Laico dalla Chiesa Romana, che deve affidarsi di più alla provvidenza divina e agli oboli dei suoi seguaci, senza far pesare sulle tasse dei cittadini la manutenzione delle sue chiese e delle sue scuole.
Aspettiamo con ansia che un partito politico metta nel proprio programma l’abolizione di qualunque rapporto ECONOMICO  tra Stato e Chiesa, visto che la più bella Costituzione del mondo, cantata dal milionario Benigni, non ci ha messo al riparo dalla ingerenza dei preti, per di più pagata dalle nostre tasse.
Paolo De Gregorio

Fai tre mesi di fila per un esame sanitario? Ecco perché


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Fai tre mesi di fila per un esame sanitario? Ecco perché

Il ministro Balduzzi annuncia un giro di vite sulle prestazioni inutili, con i nuovi Livelli Essenziali di Assistenza


Inviato da iPhone

L'albergo a tre stelle


Ti è stato inviato tramite Google Reader

L'albergo a tre stelle

A volte i miliardari si compiacciono di fare vedere ai loro sottoposti che mangiano pane e formaggio come loro. . Ieri Monti ci ha fatto vedere da tutte le televisioni italiane la stanza dell'albergo a tre stelle che ha affittato a Venezia per il suo fine settimana. Vedete? Guardate come sono modesto! Mi accontento di poco....... Questa uscita di cattivo gusto è anche prova di malafede. Se non fosse abituato da una vita ad alberghi a sette stelle avremmo potuto credergli. In ogni caso è sempre stato in trasferta per conto o della Unione Europea o di grandi banche miliardarie e certo non si è risparmiato nessun lusso anche perchè nel suo ceto e nel suo giro si incontrano tutti negli stessi posti di super lusso. E' sempre stato nel conto spese delle Banche o della UE Uno che ostenta una stanza di albergo da tre stelle non si rende conto di quanta gente è stata ridotta dalla sua politica di nazismo sociale ad uccidersi o a dormire sotto i ponti. Non lo capisce. Spero che gli italiani lo mandino a gambe per aria. Già il suo franchising si è svelato quando la gente ha capito che votare Monti significa votare Cesa, Casini o Fini!!


Inviato da iPhone

L'AUSTERITÀ' EUROPEA E LA PROSPERITÀ' SVEDESE


Ti è stato inviato tramite Google Reader

L'AUSTERITÀ' EUROPEA E LA PROSPERITÀ' SVEDESE



Mentre in Europa la ricetta economica più seguita è quella dell'austerità, ossia tagli della spesa pubblica (riducendo i beni e servizi offerti ai cittadini), riduzione dei salari, aumento delle imposte fiscali, in Svezia fanno il contrario: aumentano la spesa pubblica!
Il piano di spesa del primo ministro Fredrik Reinfeldt prevede infatti rispetto al 2012 un aumento di 24 miliardi di corone (2,83 miliardi di euro), "di cui 23,4 sono già stati impiegati". Una cifra compresa tra lo 0,5 e l'1 per cento del pil.
Tra i principali beneficiari dell'aumento ci sono le imprese (che beneficiano di una riduzione delle imposte dal 26,2 al 22 per cento), l'occupazione giovanile, la ricerca, le infrastrutture, la polizia e il sistema giudiziario, tutti settori che in paesi come Italia, Spagna, Grecia, Portogallo, hanno subito drastici tagli.
In Svezia gli standard di vita sono molto alti, paragonabili a quelli di Canada, Australia, Giappone e degli altri Paesi nordici europei. Il suo punto di forza è basato su un sistema socialista, fortemente statalista, in cui la presenza dello Stato nelle faccende socio-economiche è molto marcata.


Nel secondo semestre 2012 la Svezia ha messo a segno una crescita del Pil dell'1,4%, mentre molti altri Paesi europei registravano tassi di sviluppo negativi (ad esempio l'Italia registrava un PIL in calo su base annua a -2,6% e a -0,8% rispetto al I trimestre - fonte ISTAT).
Quanto alla disoccupazione invece?
In Svezia l'Ufficio di Statistica (Statistics Sweden) ha mostrato nel report Labour Force Survey che il tasso di disoccupazione nel secondo semetre 2012 si e' attestato al 7,8%.
Secondo i dati ufficiali dell'Istat, i disoccupati in It...


Inviato da iPhone

Uccidere la democrazia: piano perfetto, nato 40 anni fa


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Uccidere la democrazia: piano perfetto, nato 40 anni fa

C'è una domanda centrale, assillante, che tutti ci facciamo: perché le cose non cambiano? Perché, nonostante decenni di manifestazioni, gruppi organizzati e proteste, le cose in realtà tendono a non cambiare mai? E' una domanda che ci sta alla gola. Vorremmo tutti saper rispondere, vorremmo tutti vedere che c'è una risposta immediata o almeno decente, a questa movimentazione di società civile (che peraltro è in aumento) contro il cosiddetto potere, contro le malefatte del potere. E la risposta è semplicissima: le cose non cambiano perché noi non sappiamo chi è il potere. E quindi stiamo combattendo contro un obiettivo sbagliato. Se non sai chi è veramente chi governa la tua vita, combatti conto quelli che, in realtà, non governano la tua vita. Il potere, il vero potere, è stato di un'astuzia incredibile. E' riuscito, negli ultimi 35 anni, a rimanere completamente nascosto; a proporre alle opinioni pubbliche un volto del potere che è falso, cioè a proporre le cosiddette marionette del potere. (continua…)




Inviato da iPhone

Giochi online: fare shopping, truccarsi e ‘flirtare’. Così crescono le bambine


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Giochi online: fare shopping, truccarsi e 'flirtare'. Così crescono le bambine

Che i videogiochi nel lungo periodo abbiano degli effetti – positivi o negativi – sui ragazzi che ci giocano, è risaputo. Una recente ricerca dell'Università di Grenoble su un gruppo di studenti ha dimostrato come questi, più tempo passano con i videogiochi violenti, più diventano ostili. Al contrario, videogiochi come Re-Mission e Packy&Marlon aiutano i bambini diabetici o malati di cancro, stimolandone umore, metabolismo e circuiti neuronali. Smiley, promosso in alcune scuole catanesi, insegna ai ragazzi a cavarsela di fronte a un bullo e ad affrontare razzismo e discriminazioni.

Ma alla lunga che effetti hanno sulle bambine i videogiochi che si rivolgono espressamente a loro? Bisognerebbe iniziare a chiederselo, visto che la metà delle bambine tra gli 8 e i 12 anni cerca giochi on line, stando a un sondaggio condotto negli Stati Uniti tra il 2011 e marzo 2012 da GirlsGoGames.com, la piattaforma internazionale di giochi online per ragazze, che ha interpellato per l'occasione 7 milioni e 600mila visitatrici. Girlsgogames, di proprietà dell'olandese Spil Games, che vanta 85 milioni di giocatrici femmine ogni mese, ha anche una versione italiana, Girlsgogames.it, il primo sito che compare digitando su Google "giochi per ragazze gratis".

Il gioco di punta, nella sezione chiamata "Creatività", si chiama "Pazza per lo shopping" ed esiste in più versioni: New York, Parigi, Hawaii e Natale. La missione della protagonista è comprare abiti, avendo a disposizione un budget iniziale, che è possibile rimpinguare lavorando (mentre si lavora, però, si sospende il gioco). Un impiego in tribunale, in cambio di 115 dollari, obbliga a 2 ore di lavoro. In soli 10 minuti, invece, lavorando in un edificio con su scritto "Top models", si guadagnano ben 70 euro. In ogni caso, il budget si rinnova automaticamente ogni giorno, quindi: perché lavorare?

Il gioco "Un nuovo look per la secchiona" presenta invece una bambina occhialuta con un libro davanti. Sulla maglietta ha disegnato un atomo. Ha le codine, le doppie punte e le borse sotto gli occhi. Il gioco consiste nel truccarla e acconciarla. Alla fine, il videogame accosta la versione secchi...



Inviato da iPhone

AGENDA MONTI ? PIU’ INTERESSANTE LA SUA RUBRICA


Ti è stato inviato tramite Google Reader

AGENDA MONTI ? PIU' INTERESSANTE LA SUA RUBRICA



DI GIUSEPPE GERMINARIO

conflittiestrategie.it





Alcuni amici mi hanno sconsigliato di indugiare sul promemoria di Monti http://www.ilpost.it/2012/12/24/agenda-monti/agenda-monti-01/ Una perdita di tempo per un documento dal sapore preelettorale. Quanto all'ecumenismo, ha poco da invidiare alla letteratura che ha infestato le precedenti e infesterà l'attuale campagna. Già a poche ore di distanza dalla pubblicazione, la cruda realtà degli eventi comincia a beffarsi, però, delle intenzioni pie e ipocrite impresse a futura memoria. A pagina 12, il documento recita "Per aiutare la crescita sostenibile del settore agroalimentare italiano occorre fermare la cementificazione e limitare il consumo di superficie agricola come proposto nel disegno di legge per la valorizzazione delle aree agricole e il contenimento del consumo del suolo"; a poche ore di distanza lo stesso Monti, sostenuto dai buoni uffici di Corrado Passera, autorizza, oltre all'aumento del 70% della tariffa riscossa per ogni passeggero, il raddoppio delle piste dell'aeroporto di Fiumicino con il conseguente esproprio, a prezzi di mercato e relativo sovrapprezzo legato all'esercizio di attività, della quasi totalità dell'area agricola Maccarese, uno dei terreni agricoli più fertili esistenti in Italia e la probabile urbanizzazione della parte restante. Un'opera in gran parte superflua solo con un semplice processo di ottimizzazione delle attuali strutture aeroportuali.


Inviato da iPhone

USA Cina: la guerra si avvicina?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

USA Cina: la guerra si avvicina?

cinaj20.jpg

Ricordo un report del Pentagono di parecchi anni fa, che all'epoca fece scalpore, in cui si pronosticava che la Cina avrebbe raggiunto la parità militare con gli Stati Uniti nel 2015. E' passato molto tempo e ne ho perso i riferimenti (se qualcuno ha links precisi li metta nei commenti, grazie).

Continua a leggere USA Cina: la guerra si avvicina?...

Leggi i commenti (2) »







Inviato da iPhone

Bersani ammicca con la Germania. La sua idea? Scaricare Vendola e governare con Monti


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Bersani ammicca con la Germania. La sua idea? Scaricare Vendola e governare con Monti

 Bersani ammicca con la Germania. La sua idea? Scaricare Vendola e governare con MontiLo scenario politico si arricchisce sempre di più. Ora è venuto il turno di Bersani. Fino a qualche settimana fa, sembrava il sicuro (stra)vincitore delle prossime politiche, ma da un parte Berlusconi e dall'altra Monti, hanno reso meno probabile lo straripamento di voti a favore dell'ex partito comunista. Oggi, Pier non si sente più certo come un tempo e si guarda nervosamente a destra. Vede Monti crescere e quell'asse trasversale che si sta formando a suo favore erode consensi soprattutto nella sua area politica.


Proprio per questo motivo, Bersy non perde mai occasione per ribadire che con lui al Governo, l'Agenda Monti sarebbe comunque attuata. Di più, egli promette persino di non rinegoziare il Fiscal Compact e si dichiara disposto a collaborare con la Germania. Dice al Financial Times:



Sono pronto a ragionare [sulla creazione di un nuovo organismo con poteri d'intervento e di vigilanza sul rispetto delle regole di bilancio, nda]… l'idea non mi spaventa finché l'intenzione è quella di costruire la fiducia e ciò permetta, in modo controllato e selettivo, politiche più espansive…



Sul Fiscal Compact, Bersani ostenta uno "spiccato" senso di "protezione" dei nostri interessi nazionali, che mi lascia non mi meraviglia:



Non voglio rinegoziare il fiscal compact né nessuno degli accordi raggiunti nell'ultimo anno, ma è necessario guardare avanti…



E poi sulla Germania. Una dichiarazione di fedele collaborazione che mi rende davvero "orgoglioso" del fatto che sarà lui a rappresentarmi a Berlino:



Non ho intenzione di litigare con la Germania… Voglio che l'Italia abbia un rapporto serio, franco ed amichevole con la Germania sulla base di argomenti razionali e realistici… Sono d'accordo con molte delle critiche che la Germania fa a paesi come l'Italia, perché sono le stesse critiche che muovo a Berlusconi…





Inviato da iPhone

OGGI, DOMENICA..BOICOTTATE LA MESSA E LA CHIESA1 CHI NON LO FA VOTA PER LA DITTATURA DI MARIO MONTI! IL PAPA I CARDINALI E BAGNASCO SONO DEI GIUDA CHE HANNO VENDUTO IL POPOLO ITALIANO PER 30 DENARI



Inviato da iPhone

AGENDA GRILLO


Ti è stato inviato tramite Google Reader

AGENDA GRILLO

Un non eletto, che non partecipa alle elezioni con l'obiettivo di farsi rieleggere, lascia, da assoluto impunito, la sua Agenda in eredità al prossimo governo, nel caso non sia ancora lui presidente del Consiglio. Non scende in campo, ma sale in politica, ascende al Cielo. Non è stato sfiduciato dal Parlamento, ma si è sfiduciato da solo. E' un fenomeno della autoreferenzialità estrema, un energumeno anticostituzionale, un presuntuoso che non ammette lo sfascio economico di cui è diretto responsabile. Non si è mai visto in una democrazia che ci si candidi alla guida di una Nazione con la pretesa di non partecipare alle elezioni e che si imponga il programma ai successori al pari delle Tavole della Legge di Mosè. Il programma di Rigor Montis, nel caso il M5S riesca a partecipare alle elezioni e le vinca (perché porsi limiti?) diventerà carta straccia con buona pace dei suoi sostenitori Casini e Fini. Del doman non v'è certezza, ma con altri cinque anni di montismo e della sua agenda c'è l'assoluta sicurezza del fallimento economico senza ritorno dell'Italia. L'Agenda Grillo (un estratto dal Programma del M5S e delle proposte discusse nel forum e nel blog) dà molta più fiducia:

1 - Legge anticorruzione
2 - Reddito di cittadinanza
3 - Abolizione dei contributi pubblici ai partiti (retroattivi da queste elezioni)
4 - Abolizione immediata dei finanziamenti diretti e indiretti ai giornali
5 - Introduzione del referendum propositivo e senza quorum
6 - Referendum sulla permanenza nell'euro
7 - Obbligatorietà della discussione di ogni legge di iniziativa popolare in Parlamento con voto palese
8 - Una sola rete televisiva pubblica, senza pubblicità, indipendente dai partiti
9 - Elezione diretta dei candidati alla Camera o al Senato
10 - Istituzione di un politometro per la verifica di arricchimenti illeciti da parte della classe politica negli ultimi vent'anni
11 - Massimo di due mandati elettivi
12 - Legge sul conflitto di interesse
13 - Misure immediate per il rilancio della piccola e media impresa sul modello francese
14 - Ripristino dei fondi tagliati alla Sanità e alla Scuola pubblica con tagli alle Grandi Opere Inutili come la Tav
15 - Informatizzazione e semplificazione dello Stato
16 - Accesso gratuito alla Rete per cittadinanza

Blog di Beppe Grillo


Inviato da iPhone

Disfare lo stato sociale


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Disfare lo stato sociale

Nella prima di due interviste con i direttori di EUROPP, Stuart A Brown e Chris Gilson, Noam Chomsky discute del governo tecnocratico in Europa, del perché le politiche d'austerità dell'eurozona non riescono a risolvere la crisi e dell'ascesa dell'estrema destra in paesi come la Grecia e la Francia. Cosa pensi che l'utilizzo dei governi tecnocratici [...]


Inviato da iPhone

Video: Moneta Debito – Perchè togliere tutti i SOLDI dalle Banche


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Video: Moneta Debito – Perchè togliere tutti i SOLDI dalle Banche

    Signoraggio Bancario e Moneta Debito – Perchè togliere tutti i SOLDI dalle Banche


Inviato da iPhone

Il debito è pubblico, l’affare è per le banche


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il debito è pubblico, l'affare è per le banche

- Salvatore Cannavò - In un anno gli istituti di credito hanno aumentato le obbligazioni di Stato del 63%. Ma hanno ridotto i prestiti a famiglie e imprese. Troppo rischioso E' un documento da conservare con cura il rapporto "Moneta e banche" redatto dalla Banca d'Italia. Perché se si vuole vuole sapere per che cosa [...]


Inviato da iPhone

COLPO DI STATO IN ITALIA


Ti è stato inviato tramite Google Reader

COLPO DI STATO IN ITALIA

- Gianni Lannes - La gente è stanca di vivere sempre peggio. Eppure  nel Belpaese si vedono sempre più servi e sudditi felici. E la finzione democratica continua.  Allora, diamo i numeri (dati Bankitalia). Nell'Italia "amministrata" dal Governo Monti il debito pubblico è aumentato di ben 117 miliardi di euro, salendo a 2.014 miliardi di [...]


Inviato da iPhone

Hoppe: la secessione come alternativa al regime di politici megalomani


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Hoppe: la secessione come alternativa al regime di politici megalomani

di REDAZIONE


Proponiamo in ANTEPRIMA per L'Indipendenza la traduzione integrale in italiano dell'articolo Obsessed by Megalomania, un'intervista apparsa sul settimanale tedesco Junge Freiheit il 2 novembre 2012, ad opera del giornalista Moritz Schwarz a Hans-Hermann Hoppe (nella foto a sinistra). Professore di economia alla University of Nevada con sede a Las Vegas, filosofo politico anarco-capitalista tedesco, membro del Ludwig von Mises Institute e fondatore e presidente della Property and Freedom Society, già autore di  Democracy: The God That Failed (Democrazia: il dio che ha fallito n.d.t.), Abbasso la Democrazia e The Myth of National Defense(Traduzione di Luca Fusari)


Le tasse non sono altro che un pizzo? Lo Stato è una sorta di mafia? La democrazia è una frode? Il filosofo Hans-Hermann Hoppe non solo è considerato uno dei più importanti pionieri intellettuali del movimento libertario, ma forse anche il più acuto critico del sistema politico occidentale.


M.S.: Professor Hoppe, nella sua raccolta di saggi Der Wettbewerb der Gauner: Über...



Inviato da iPhone

Il problema è grosso

l problema è grosso

piero-grasso-208x300Il problema è grosso, anzi Grasso.
Tutti questi magistrati che si costruiscono una notorietà con le loro indagini, sovente finite nel nulla, poi all’improvviso scendono. o salgono, scegliete voi, in politica, sono un problema o un’anomalia.
Perché sono troppi, poi perché la giustizia, se non riesce ad essere imparziale, dovrebbe almeno sembrarlo, perché aggiungono spesso privilegio al privilegio.