20/01/13

FANTASTICO FINALE NEL VIDEO!!!

I veggenti del Terzo Millennio: Su una piazza di Bruxelles un noto personaggio belga, Dave Guillame, ha condotto un curioso esperimento di chiaroveggenza.


Una guerra può nasconderne un'altra

Una guerra può nasconderne un'altra:
«Sotto i nostri occhi», cronaca di politica internazionale n°23.
sottnsocchi23di Thierry Meyssan.
«L’appetito vien mangiando», dice il proverbio. Dopo aver ricolonizzato la Costa d’Avorio e la Libia, e dopo aver tentato di accaparrarsi la Siria, la Francia mira di nuovo al Mali per attaccare di spalle l’Algeria.
Durante l’attacco alla Libia, i francesi e i britannici hanno fatto ampio uso degli islamisti per .....................

CHI HA CONVINTO FASSINA E VENDOLA A BACIARE LA PANTOFOLA DI MONTI?

CHI HA CONVINTO FASSINA E VENDOLA A BACIARE LA PANTOFOLA DI MONTI?:
Tempo fa Monti aveva indicato in Fassina e Vendola i principali ostacoli per una futura alleanza “riformista”. Le sue parole hanno sortito l’effetto sperato. Da un lato Fassina è corso ai ripari giurando fedeltà al bocconiano direttamente dalle-----------------

Il programma del governo che verrà

Il programma del governo che verrà:

Il programma del governo che verrà

Un’analisi critica dell'Agenda Monti

Lo scorso 23 dicembre Mario Monti ha presentato con gran clamore la sua Agenda, ovvero il manifesto con cui intende raccogliere consenso alle prossime elezioni e il programma su cui si stanno misurando le classi dominanti italiane. L’Agenda è stata accolta con entusiasmo dai media, che hanno festeggiato la “salita in politica” di Monti (come se finora non fosse stato al governo!), e ha riscosso un consenso quasi unanime fra intellettuali, addetti ai lavori e politici.
Pochi hanno provato a chiarire cosa l’Agenda diceva per davvero, finché questa non è proprio scomparsa dal dibattito, espulsa dal sistema mediatico che ha già cominciato a ingurgitare la sbobba elettorale, le sparate di Berlusconi, le prediche di Bersani, le polemiche su Grillo, gli inviti alla responsabilità di Napolitano...
Ci sembra invece il caso, per non soffocare nelle cazzate che ci.................

Spesa pubblica: nessun taglio da Monti. Anzi è cresciuta di 32,6 miliardi

Spesa pubblica: nessun taglio da Monti. Anzi è cresciuta di 32,6 miliardi:
di REDAZIONE
”Nessun taglio tangibile al bilancio statale. La spesa dello Stato nei primi 11 mesi del 2012, e’ aumentata di ben 32,6 miliardi di euro ...............

La finanza prepara una nuova “illusione” mondiale

La finanza prepara una nuova “illusione” mondiale: - di Giulio Sapelli - I dati che vengono dalle borse, soprattutto quelle europee, sono per certi versi sconvolgenti, soprattutto per gli economisti di oggi, che non hanno mai letto un libro di storia. Come possono capire quello che sta accadendo? In realtà, è tutto molto semplice. Siamo pur certi di una cosa: i primi [...]

Comunque Vada il Prossimo sarà il Governo che “Ci Chiede l’Europa”

Comunque Vada il Prossimo sarà il Governo che “Ci Chiede l’Europa”:
Devo ammettere di avere fatto un grossolano errore di valutazione, meno di 3 settimane fa davo per certa e con ampio margine la vittoria della coalizione di Centro Sinistra alle prossime elezioni. Non so se qualcuno si ricorda ancora il capolavoro mediatico e di organizzazione che furono le Primarie fra Renzi e Bersani (seguite poi da quel vomitevole pateracchio delle primarie per i candidati del PD).
Stile americano, qualche argomento e scampoli di programmi alternativi fra i due contendenti e il dominio della scena mediatica.
Sembra passato un secolo, qualcuno ha notato le foto con cui Pierluigi Bersani, premier in pectore campeggia per le strade d’Italia?
Bersani italia giusta 32821 Comunque Vada il Prossimo sarà il Governo che Ci Chiede lEuropa
Sfondo grigio topo, faccia pallida, sembra la foto di un morto sulla tomba. Non sono esperto in comunicazione ma il tizio che ha inventato un tale orrore andrebbe crocifisso in pubblica piazza.
Non bastasse negli ultimi 10 giorni nell’ordine:
a) Si è capito che votare per Monti o per Bersani è la stessa identica cosa con.............

Lafontaine: SPD e Verdi corresponsabili per i suicidi nel sud Europa

Lafontaine: SPD e Verdi corresponsabili per i suicidi nel sud Europa:
Le cronache parlamentari ci raccontano che fra i partiti della sinistra tedesca si alza il livello dello scontro sugli Eurosalvataggi. Sullo sfondo la campagna elettorale per la Bassa Sassonia. Da Der Tagesspiegel 
La Linke accusa la SPD e i Verdi di ........

"SE SEI SMART, NEL 21° SECOLO VAI IN ASIA"

"SE SEI SMART, NEL 21° SECOLO VAI IN ASIA": Come abbiamo più volte ripetuto in questo blog la ricchezza e il potere stanno muovendosi dall'Occidente verso altre terre. Non mi riferisco solo alla ricchezza intesa come capitale finanziario, ma anche, e forse soprattutto, al capitale umano.

Un ambiente che sanziona il talento, la creazione, il successo allontana il talento e l'innovazione. Un sistema che fa pagare ai giovani il conto del banchetto consumato da un'altra generazione allontana i giovani. I giovani di talento sono dunque la categoria che più di tutte sta percorrendo la via della fuga: l'Europa sta perdendo i suoi giovani migliori.



Lo spostamento della ricchezza finanziaria e umana comporta uno spostamento dei centri di potere, che è un fenomeno ricorrente nella storia. Gli ultimi secoli sono stati .......................

MAI FERMARSI A PARLARE CON UN CRETINO

MAI FERMARSI A PARLARE CON UN CRETINO:
di PONGO
Non so se è un detto popolare o una battuta e se fosse una battuta non conosco l’autore ma in ogni caso dice più o meno così: “Non fermarti a parlare con un cretino, la gente   potrebbe non  ....................

STEFANO FASSINA, IL FINANCIAL TIMES E LA SPECULAZIONE MASSONICA GLOBALIZZATA

STEFANO FASSINA, IL FINANCIAL TIMES E LA SPECULAZIONE MASSONICA GLOBALIZZATA:
di Francesco Maria Toscano
Pochi giorni fa Stefano Fassina, responsabile economico del Pd e leader della corrente di “sinistra” del partito (figuratevi quella di destra…), si è recato a Londra per baciare l’anello ai grandi burattinai,  artefici maligni di questa crisi utile per ridisegnare la società occidentale in senso oligarchico. Il damerino Fassina, che solo una informazione popolata da debosciati collusi e a panza piena poteva rappresentare alla stregua di un novello Simòn Bolivar,  ha sostanzialmente giurato obbedienza e promesso continuità nella subalternità a tutela degli ingentissimi interessi speculativi della grande finanza massonica globalizzata (clicca per leggere). Il Financial Times, edito dalla società Pearson (clicca per leggere), è considerato non a caso la .....................

MALI, FRANCIA E POLLI

MALI, FRANCIA E POLLI: Ovvero: tutti i polli finiscono allo spiedo
“Sembra che i francesi avessero in corso una delle loro guerre, da quelle parti.”
– Charlie Marlow, da Cuore di tenebra di Joseph Conrad

La visione che il personaggio di Conrad, Marlow, descrive è quella di una fregata francese che spara bordata su una vasta giungla africana, sostanzialmente bombardando un continente. Tale immagine mi si è presentata alla mente questa settimana, quando Mirage ed elicotteri da combattimento francesi sono entrati in azioni contro un esercito eterogeneo d’insorti islamici in Mali. Che ci sia un picco d’instabilità in quel paese senza sbocchi e largamente deserto non dovrebbe certo essere una sorpresa per i .............

Mai Stati Uniti (2013) di Carlo Vanzina

Mai Stati Uniti (2013) di Carlo Vanzina

mai-stati-unitiI Vanzina decidono di non fare più cinepanettoni, cinecolombe e cinecocomeri, ma con questo film mediocre entrano di diritto nella schiera dei registi impegnati a produrre television-movie, genere inutile ma di grande successo commerciale.
Mai Stati Uniti è la storia di cinque fratelli per parte di padre che si conoscono soltanto al momento della consegna di una singolare eredità.
Il notaio riunisce gli eredi a Porto Venere per dare la notizia di un lascito cospicuo, che sarà consegnato soltanto se andranno negli Stati Uniti a spargere le ceneri paterne in un lago dell’Arizona....

Video. Il pozzo nero di IREN

pozzo

L'Oro salverà il mondo dal collasso finanziario


Ti è stato inviato tramite Google Reader

L'Oro salverà il mondo dal collasso finanziario


Prefazione. L'articolo (i) che segue avevo preso a tradurlo qualche giorno fa. Poi ho visto che l'anno riproposto anche su Cobraf, ora, e l'articolo di Ambrose Evans-Pritchard è stato anche tradotto su ComeDonChisciotte. Che bello mi son detto! la parte finale che dovevo ancora tradurre è già fatta. No. mi sa che chi l'ha tradotta non ha le idee chiarissime sulla storia monetaria dell'ultimo secolo. E così ho finito di tradorlo per i fatti miei. Mi pare che abbia un senso più chiaro la mia traduzione. Se vi va controntatele :D






.. certo che questo Jim Sinclair.. deve essere figlio di un pastore protestante! ha certi toni che direi biblici (oltre a risultarmi di difficile traduzione in certi passaggi). Molto interessante, soprattuto per noi metallari (principalmente) argentati come considera lui l'argento:








JS Mineset - Gold Will Save The Financially Collapsing World Of Debt


by Jim Sinclair - January 17, 2013, at 4:11 pm




Inviato da iPad

Biglietti di redenzione del signoraggio già rubato


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Biglietti di redenzione del signoraggio già rubato


Appunti su una nuova moneta nazionale controgarantita dalle banche

di Marco Saba
Gli stati che nella UE adottano ancora moneta nazionale invece che la moneta privata dei banchierisatanistipedofilicriminali chiamata euro, come Danimarca e UK, NON hanno titolo alla distribuzione degli utili DICHIARATI dal SEBC, ovvero gli utili da interessi percepiti sull'investimento del denaro emesso, ma si fottono necessariamente il capitale che viene nascosto nella voce passiva del bilancio.

*Lorsignori del Signoraggio* intendono cioè che quando si passa da monete metalliche a cartamonete o bit, il signoraggio magicamente cambia definizione per diventare solo *gli interessi percepiti dalla banca sui titoli acquistati con moneta emessa dal nulla*...

Come se un falsario non godesse di tutto ciò che ottiene spacciando la sua moneta, ma solo degli interessi su eventuali prestiti... Si tratta di una ipotesi controfattuale, evidentemente. Ma non controintuitiva... (per i magistrati e gli economisti alla Bagnai: ve lo spiegherò a parte)
Mi spiego meglio: la moneta nazionale è meglio dell'euro tant'è che la Banca d'Inghilterra ne ha emessa da sola più della BCE, come controvalore. E non è che l'Inghilterra sia tanto diversa dall'Italia (a parte un profondo know-how del funzionamento attuale del sistema bancario tale da ricattare gli altri membri dell'élite del cartello) E la sterlina ha tenuto nonostante l'inondazione sul mercato. Già da questo notate come siano assurde le affermazioni di chi sostiene che l'uscita dall'euro sarebbe disastrosa, potrebbe invece rinascere l'Italia....

Visto che il signoraggio rubato in Italia dal sistema bancario assomma ad una cifra uguale o superiore a 50 volte il debito pubblico, ovvero 100.000 miliardi di euro, diventa evidente l'interesse del paese a recuperarlo. Occorrerebbe procedere IMMEDIATAMENTE al sequestro cautelativo di tutti i patrimoni delle banche in Italia, e anche dei loro soci, in primis le fondazioni, al fine di sperare di recuperare qualcosa. Quindi, nelle more del recup...


Inviato da iPhone

Biglietti di redenzione del signoraggio già rubato


Appunti su una nuova moneta nazionale controgarantita dalle banche

di Marco Saba
Gli stati che nella UE adottano ancora moneta nazionale invece che la moneta privata dei banchierisatanistipedofilicriminali chiamata euro, come Danimarca e UK, NON hanno titolo alla distribuzione degli utili DICHIARATI dal SEBC, ovvero gli utili da interessi percepiti sull'investimento del denaro emesso, ma si fottono necessariamente il capitale che viene nascosto nella voce passiva del bilancio.
*Lorsignori del Signoraggio* intendono cioè che quando si passa da monete metalliche a cartamonete o bit, il signoraggio magicamente cambia definizione per diventare solo *gli interessi percepiti dalla banca sui titoli acquistati con moneta emessa dal nulla*...

Come se un falsario non godesse di tutto ciò che ottiene spacciando la sua moneta, ma solo degli interessi su eventuali prestiti... Si tratta di una ipotesi controfattuale, evidentemente. Ma non controintuitiva... (per i magistrati e gli economisti alla Bagnai: ve lo spiegherò a parte)
Mi spiego meglio: la moneta nazionale è meglio dell'euro tant'è che la Banca d'Inghilterra ne ha emessa da sola più della BCE, come controvalore. E non è che l'Inghilterra sia tanto diversa dall'Italia (a parte un profondo know-how del funzionamento attuale del sistema bancario tale da ricattare gli altri membri dell'élite del cartello) E la sterlina ha tenuto nonostante l'inondazione sul mercato. Già da questo notate come siano assurde le affermazioni di chi sostiene che l'uscita dall'euro sarebbe disastrosa, potrebbe invece rinascere l'Italia....
Visto che il signoraggio rubato in Italia dal sistema bancario assomma ad una cifra uguale o superiore a 50 volte il debito pubblico, ovvero 100.000 miliardi di euro, diventa evidente l'interesse del paese a recuperarlo. Occorrerebbe procedere IMMEDIATAMENTE al sequestro cautelativo di tutti i patrimoni delle banche in Italia, e anche dei loro soci, in primis le fondazioni, al fine di sperare di recuperare qualcosa. Quindi, nelle more del recupero degli assetti reali rubati dai banchieri, si può emettere una serie di "Certificati di redenzione del signoraggio sovrano" (o anche semplicemente "Biglietti di Stato a corso legale" emessi l'ultima volta da Aldo Moro...) ad uso nazionale interno, fino a coprire il CREDITO VANTATO nei confronti dei banchieri e soci: una cifra equivalente a 100.000 miliardi di euro. Poiché con questa moneta si sostituisce quella rubata daii banchieri, non c'è inflazione né duplicazione della rendita monetaria effettiva.
I banchieri illuminati sanno che abbiamo ragione e stanno tutti portando le loro famiglie in fuga a Singapore, col risultato che le scuole per stranieri di Singapore non hanno più posti liberi. A buon intenditor, poche parole.

Grecia, nuova Postbank, -30% stipendi


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Grecia, nuova Postbank, -30% stipendi

Via a pensionamenti volontari, tutela per chi a basso reddito


Inviato da iPhone

La guerra di Holland al Mali è contro l'Italia!


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La guerra di Holland al Mali è contro l'Italia!

Interessi italiani immensi in  Algeria garantiti solo dalla Pace!

La guerra dalla Francia al Mali (e domani all'Algeria) è guerra all'Italia come lo è stata la guerra a Gheddafi ed alla Libia. Con l'Algeria siamo fisicamente legati dal metanodotto che da trenta anni ci rifornisce di gas a buon mercato. Abbiamo un import di trentadue miliardi di mc di metano l'anno pari ad oltre un terzo del nostro consumo. Nell'insieme abbiamo interessi immensi in tantissimi campi come del resto avveniva con la Libia.
Sono in ballo molti miliardi di dollari l'anno ed il lavoro di centinaia di migliaia di persone.
 Quando la Francia e gli altri ci avranno scippato l'Algeria con la collaborazione degli indegni governanti italiani che non amano la Patria ma solo la loro carriera garantita dalla mafia euroatlantica l'Italia precipiterà in fondo all'abisso dalla quale era risalita sessanta anni orsono.

http://www.anie.it/browse.asp?goto=1746&livello=3&IdDocumento=39821&IdRevisione=89071

http://www.ilgiornale.it/news/esteri/guerra-nel-mali-pu-chiuderci-gas-876797.html


Inviato da iPhone

Semplicità Radicale



Semplicità Radicale
EFFETTO CASSANDRA | 17 GENNAIO 2013
http://pulse.me/s/hzdLP


Da "Permaculture News" (h/t The Oil Crash). Traduzione di Massimiliano RupaltiUna delle tante "Bidonville" durate la grande ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPad

UNIAMOCI NELLA PASSIONE DEL BENE COMUNE



UNIAMOCI NELLA PASSIONE DEL BENE COMUNE
STAMPA LIBERA | 19 GENNAIO 2013
http://pulse.me/s/hykRr


"La cosa che mi sconcerta (per la sua facilità di applicazione) di questa marmaglia di politici, è la serenità con la quale ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPad

Quanti sono gli uomini della scorta di Monti?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Quanti sono gli uomini della scorta di Monti?

Quanti sono gli uomini della scorta di Monti



 Milano. 19 gennaio 2012. Alle 17.55 scendo dal Freccia Rossa proveniente da Roma. Mi avvio verso la fine dei binari, camminando parallelamente al convoglio fermo. Con una mano mi tiro dietro il trolley con le valigie. Sento qualcuno che mi tocca. Mi giro, è un poliziotto. Non sembra interessato a me. Sta guardando qualcos'altro, poco più indietro. Lì per lì non capisco e me ne disinteresso, continuando a camminare. Dopo pochi secondi mi volto sulla mia sinistra, c'è un uomo che mi cammina affianco. Lo guardo bene. E' a mezzo metro da me. Io alla sua destra e il treno è alla sua sinistra. Ha una valigetta in mano. Guarda avanti, dritto davanti a sé. Nei lunghi, interminabili istanti in cui procediamo affiancati, inizia ad affiorare alla mia coscienza la consapevolezza che lo sconosciuto che mi cammina accanto, quasi che fosse un vecchio amico, o un semplice viaggiatore appena sceso dal treno, possa essere lui, il presidente del Consiglio. Lo guardo bene. E non c'è più alcun dubbio: è Mario Monti.





 Se lui è Mario Monti io però sono io. E in rete son uno dei suoi peggiori nemici. Ho raccontato fin dal primo giorno della Trilaterale, del Bilderberg. Ho radiografato le sue frasi, ogni sua dichiarazione. Quelle rilasciate a Roma come quelle rilasciate a Bruxelles. Quelle rilasciate a Washington come quelle provenienti dalla Cina. Ho smontato pezzo per pezzo i trattati europei che ha contribuito a scrivere e poi a ratificare, dal Mes al Fiscal Compact. Ho denunciato il suo progetto di costruzione degli Stati Uniti d'Europa, usando la crisi come arma di ricatto. Ho raccontato uno ad uno i suoi legami con le banche e le leggi con le quali l'ha favorite. E' stato l'oggetto delle mie attenzioni continue per oltre un anno. E adesso è lì, a meno di mezzo metro. Potrei toccarlo semplicemente alzando un braccio. Forse anche muovendo una mano. Cammina al mio fianco, e si fa strada in me la sensazione che sia una specie di occasione. Non so bene quale. 



 Pochi istanti per razionalizzare. Pensieri veloci. Valutazioni e controvalutazioni da portare a termine nel brevissimo tempo che ci si mette a percorrere la lunghezza di un locomotore. Potrei approfittare della situazione. Dovrei forse dirgli qualcosa, qualsiasi cosa, con la speranza quasi perversa che, alzando lo sguardo per capire chi lo sta apostrofando, incrociando i miei occhi lui possa in qualche modo avere un guizzo, un lampo, riconoscermi, e dare così un senso a tutto questo mio urlare alla luna. "Golia sa dell'esistenza di Davide".



 ...


Inviato da iPad

Quando la Rivoluzione è un dovere


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Quando la Rivoluzione è un dovere

di Giuseppe Casarrubea - Antonio Ingroia Più ci avviciniamo alla data delle elezioni e più mi rendo conto che gli italiani sono un popolo che presenta le caratteristiche di un esercito disarmato, alle prese con marce forzate sempre più difficili e con troppi generali al comando. Un popolo che ha cessato di essere popolo e [...]


Inviato da iPad

“La crisi alza il rischio rapimenti”. Parola di compagnie di assicurazione


Ti è stato inviato tramite Google Reader

"La crisi alza il rischio rapimenti". Parola di compagnie di assicurazione

C'è un settore che non risente assolutamente della crisi, anzi. E' quello delle assicurazioni sui rapimenti che dal 2006 ha visto un aumento dei premi del 20 per cento proprio in quei Paesi del sud Europa dove la crisi ha colpito più forte: Grecia, Spagna e Italia. Il ragionamento delle grandi compagnie di assicurazioni è semplice: con la crisi aumentano disoccupati e povertà, il mix perfetto per un aumento dei casi di rapimento di rampolli vip e di determinate categorie di lavoratori. I colossi del settore assicurativo come Lloyd's e Willis Group WSH.N non hanno dubbi: il settore è in espansione.

Diciamo che si tratta soprattutto di una previsione per il futuro. "E' ipotizzabile che i più benestanti possano diventare soggetti a rischio rapimento in un simile clima di recessione economica. Ed è proprio su questi individui che stiamo cercando di modellare i nostri prodotti assicurativi", afferma con cinismo Michael Sharp dei Lloyd's di Londra. Ed ecco che lo sguardo si volge ai Paesi del sud Europa. "Si può dire che in questi Paesi stiamo assistendo ad un aumento della domanda di assicurazioni" visto che "proprio in queste zone si stanno verificando tutti gli ingredienti che ne fanno Paesi ad alto rischio", spiega Will Miller di un'unità speciale sul rischio della Willis Group WSH.N.

Insomma, se i rapimenti e i riscatti milionari erano quasi diventati negli ultimi anni la "specialità" della Somalia e dei suoi pirati, Grecia, Spagna e Italia sembrano oggi le nuove mete dei grandi assicuratori internazionali. A far più paura è neanche a dirlo la Grecia, dove la disoccupazione al 27 per cento costituisce, secondo Jamie Scudder, consulente rischio della Maplecroft, il fattore principale che potrebbe scatenare un'ondata di rapimenti. Non aiuta la vicinanza con il confine turco e con i Paesi più poveri della penisola balcanica, soprattutto vista la permeabilità dei controlli lungo i confini. Non è un caso se in Grecia il riscatto più elevato di tutti i tempi (quasi 30 milioni di euro) sia stato pagato per la liberazione del magnate dei trasporti Pericles Panagopoulos proprio nel 2009, quando la crisi ha colpito per la prima volta.

Ma anche l'Italia merita l'attenzione degli assicuratori internazionali. "Altri Paesi mediterranei come l'Italia potrebbero pagare in questo modo gli effetti della loro difficoltà a combattere gli effetti della crisi e l'infiltrazione della criminalità organizzata in più o meno tutti i settori dell'economia nazionale", ha aggiunto la Scudder. Sul tavolo i dati: 351 rapimenti nel 2010 e 356 nel 2011, e



Inviato da iPhone

Una bomba in un centro commerciale vicino ad Atene ha causato due feriti lievi



Inviato da iPhone

LTRO conviene e me lo tengo


Ti è stato inviato tramite Google Reader

LTRO conviene e me lo tengo

lotr 290x190  LTRO conviene e me lo tengo
Un anno fa la BCE elargiva al sofferente sistema bancario una cascata di liquidità in due tranche: il 22 dicembre 2011, quando 523 banche hanno partecipato all'asta LTRO richiedendo 489,191 miliardi di euro e successivamente il 29 febbraio 2012, quando 800 banche hanno partecipato all'asta LTRO, richiedendo 529,53 miliardi di euro. Le banche italiane assetate di liquidità [...]


Inviato da iPhone

“Monti e Vendola oggi sposi”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

"Monti e Vendola oggi sposi"

La simpatica prima pagina di Libero oggi ospita questa simpaticissima vignetta di Benny: Quo usque tandem?


Inviato da iPhone

O la cassa o la crisi


Ti è stato inviato tramite Google Reader

O la cassa o la crisi

Vola la cassa integrazione anche nel 2012 e rispetto ai valori pre-crisi, in tutto il periodo 2008-2012, i livelli di utilizzo risultano superiori di circa sette volte: i dati della Cisl in questa infografica di Centimetri:


Inviato da iPhone

Il sogno americano ..... Una visione generale ......SP500


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il sogno americano ..... Una visione generale ......SP500


    Questi spingono spingono e spingono .... senza pensare che prima o poi .....escono !!!!! :D
    Osservando il movimento dal marzo del 2009 e seguendo i vari andamenti delle trendline, si vede come l'indice stia perdendo ormai forza. Il canale infatti si sta stringendo e quindi sia i movimenti sia i nuovi massimi risultano sempre piu' tirati.



    Questo genere di movimento mi fa riprendere in mano l'ipotesi del massimo arrotondato che, cercando il best-fitting dei massimi, ci mostra come questa figura sia perfettamente attuale e non e' da escludere a priori ....



    Anche l'applicazione del rettangolo aureo ci mostra come l'indice stia stringendo lungo le fan....





    Se poi aggiungiamo anche il timeframe annuale, vediamo come l'indice fa ormai rialzi di 5 anni con nuovi massimi e questo e' il quinto anno .... ed e' un setyp....




    Migliori Siti

    Dettagli cicliegann.finanza.com/


Inviato da iPhone

Ripresa economica? Impossibile, imboccata la via del non ritorno


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Ripresa economica? Impossibile, imboccata la via del non ritorno

di FABRIZIO DAL COL

Mentre i politici sono affaccendati nel farsi ricandidare per le prossime elezioni politiche, i cittadini non sanno più cosa inventarsi per mettere in salvo le proprie famiglie. Cercare di difendersi  dalla selva di nuove leggi, imposizioni fiscali, tasse locali, redditometri, vessazioni e gabelle incostituzionali partoriti da un governo tecnico che nessuno ha eletto, per le famiglie è diventata una impresa titanica e difficile da sopportare. Il Paese Italia si è ormai avvitato su se stesso e adesso, si sta avviando verso una deflazione che sempre più disgrega i nuclei famigliari del ceto medio. Tale disgregazione, ogni giorno di più, assume le sembianze  di  una emergenza nazionale, e se non sopraggiungeranno aiuti veri alla popolazione, sarà inevitabile  lo scatenarsi  di reazioni imprevedibili e l'inosservanza delle regole. A Nord come a Sud della penisola, tutti gli abitanti hanno già capito che nessuno è più in grado di resistere, e con i dati economici che peggiorano di mese in mese, il rischio di ritrovarsi dopo le elezioni come nuovi sudditi di un sistema di potere che continua ad autodifendersi potrebbe essere una cruda realtà.


La campagna elettorale che gli italiani stanno subendo da pochi giorni si sta evidenziando solo per quella che veramente è, ovvero uno sporco gioco politico finalizzato a garantirsi il potere per i prossimi cinque anni,  e chi  fino a ieri predicava e prometteva di modernizzare lo Stato, oggi è invece impegnato a mantenere e rafforzare lo statalismo, il dirigismo e la burocrazia, perché questi, fin dal dopoguerra, sono stati gli strumenti che più hanno garantito il mantenimento dei partiti. La politica in Italia non esiste più da decenni, mentre i politici hanno invece preferito la garanzia di uno scranno eterno al fine di poter poi trasformarsi in manager di sé stessi, utilizzando di volta in volta lo Stato come proprio datore di lavoro, senza correre il rischio di essere licenziati. Nonostante la situazione economica italiana rischi di franare da un momento all'altro, lor signori attendono senza nessuna preoccupazione che la burrasca economica passi, per poter poi ripristinare quelle logiche di potere che tante soddisfazioni gli hanno procurato.


Il premier uscente Mario Monti, che fino a ieri si sentiva orgoglioso di essere un tecnico prestato alla politica, è riuscito  a capire in fretta come funzionano i meccanismi politici in Italia:  bastano le balle, le promesse e non importa se prima si dice una cosa e la si smentisce due minuti dopo, tanto gli italiani non hanno memoria ed è sufficiente garantire loro ciò ...



Inviato da iPhone

Berlusconi recita a sinistra, mentre Bersani ci farà a pezzi


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Berlusconi recita a sinistra, mentre Bersani ci farà a pezzi

Caro Ingroia, non fate patti di desistenza con Bersani e colleghi: «Non dategli una mano, perché saranno quelli che faranno la peggiore macelleria sociale della storia del dopoguerra». Giulietto Chiesa non ha dubbi: «Si preannuncia una campagna elettorale molto inquinata, dove il centrosinistra – dopo aver solennemente dichiarato di voler sostenere l'agenda-Monti – dovrà recuperare affannosamente in senso esattamente opposto». E' lo stesso Monti a fare retromarcia, sostenendo di esser stato "costretto" a varare misure impopolari per via degli "irresponsabili" che gli stanno attorno. Per non parlare del presidente dell'Eurogruppo, Juncker, che è arrivato a citare Marx e la classe operaia per ribadire che, di sola austerity, si muore. Cosa accadrà? «Sta già accadendo: l'agenda-Monti farà perdere voti a Bersani, addirittura più che a Monti – e questa è solo la prima comica». (continua…)




Inviato da iPhone