12/02/13

I ‘salvatori’ hanno affondato la Grecia


Ti è stato inviato tramite Google Reader

I 'salvatori' hanno affondato la Grecia

Di Monia Benini

Una nave affonda nel Peloponneso

"Le società europee solitamente ritengono che le crisi umanitarie possono avere luogo solo in seguito a disastri, epidemie, guerre o conflitti civili. Sembra invece fuori discussione il fatto che una simile crisi possa avvenire in una paese europeo, in particolare se questo è membro dell'Unione Europea".

Comincia così l'articolo pubblicato dal Guardian che parla della situazione greca. Nel testo si fa chiaro riferimento a una situazione insostenibile: Nikitas Kanakis, a capo della maggiore ONG operante in Grecia Médecins du Monde, riferisce di una lettera formale con richiesta di intervento all'ONU per il disastro umanitario. Gli stessi greci ormai da diversi mesi denunciano condizioni di vita peggiori addirittura al regime dei colonnelli o all'occupazione straniera.

In un paese che spreme sino al midollo i propri cittadini su indicazione dei 'salvatori' europei e internazionali, si decidono misure fuori da ogni logica. Come testimonia Nikos Kleitsikas, scrittore ateniese, il quale racconta che l'11 febbraio si è deciso che "gli studenti di liceo e i giovani disoccupati che vivono con le loro famiglie, devono comunque fare la dichiarazione dei redditi e se non dimostrano di avere ricevute per almeno 3000 euro di spese, saranno tassati come evasori. "
Assalti ai supermercati, persone affamate in cerca di cibo, studenti che svengono nelle aule perchè denutriti, famiglie che arrivano ad abbandonare i figli in istituti pur di garantire loro un posto al riparo e un pasto. Decine di migliaia di persone senza casa, perché divorata dalle banche; un numero enorme (centinaia e centinaia di migliaia) di licenziati; tagli a salari stipendi e pensioni, con redditi insufficienti a garantire la sopravvivenza e con una disoccupazione elevatissima (quella giovanile è oltre il 57%). Milioni di persone in coda durante l'anno per accedere alle cure sanitarie delle ONG (secondo stime ufficiali, il 60% della popolazione nel 2012). Oltre l'11% della popolazione (più di 1 milione e 200 mila su 11 milioni circa di abitanti) vive nella miseria più assoluta.
E' la Grecia priva di democrazia, la Grecia dove possiamo vedere il montiano 'successo' dell'euro. E ce la descrive molto bene l'ex ambasciatore greco in Canada, Leonidas Chrysanthopoulos, in un'



Inviato da iPhone

Se vogliamo andare avanti occorre tornare indietro


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Se vogliamo andare avanti occorre tornare indietro

Al di la di tutte le fregnacce degli economisti o degli esperti plurilaureati, talmente immersi nelle dottrine economiche da non riuscire a vedere cose semplici, lampanti, elementari, occorre chieders ...


Inviato da iPhone

Salari reali piu' bassi dell'1.8 % rispetto al 2000


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Salari reali piu' bassi dell'1.8 % rispetto al 2000


Un'altra analisi ci conferma le dimensioni della moderazione salariale tedesca negli ultimi 12 anni e la presenza anche in Germania di due mercati del lavoro distinti: i garantiti dai contratti di categoria e i settori non coperti da contratto collettivo. 
Negli ultimi anni i salari sono cresciuti piu' rapidamente rispetto al passato. In termini reali restano tuttavia ancora sotto il livello di fine millennio, e chiaramente indietro rispetto ai profitti e ai redditi da capitale. E' quanto mostrano i nuovi calcoli dell'archivio Wirtschafts- und Sozialwissenschaftlichen Instituts (WSI) presso la Hans-Böckler-Stiftung.

In termini reali, vale a dire al netto dell'aumento dei prezzi, fra il 2000 e il 2012  i salari lordi medi per dipendente sono scesi dell'1.8 %. Gli ultimi 3 anni, con una crescita dei salari reali  dell'1.2 %, dell'1 % e dello 0.6 %, non hanno cancellato le perdite in termini reali cumulate negli anni precedenti. Le difficili condizioni economiche e la deregolamentazione nel mercato del lavoro negli anni 2000 hanno contribuito ad una dinamica salariale molto debole. Anche le riforme Hartz IV hanno aumentato la pressione sui salari, mentre il settore a basso salario (Niedriglohnsektor) si è espanso. Il ritardo dei salari rispetto all'inflazione si è tuttavia ridotto: nel 2009 i salari reali erano addirittura piu' bassi del 4.6 % rispetto al 2000.

I salari definiti dai contratti collettivi sono invece cresciuti con piu' forza. Nel 2012 in termini reali erano piu' alti del 6.9 % rispetto a...


Inviato da iPhone

BANKITALIA CACCIATA DAL VATICANO...LO SCONTRO CONTINUA SENZA UN PAPA CHE ROMPE LE PALLE


Ti è stato inviato tramite Google Reader

BANKITALIA CACCIATA DAL VATICANO...LO SCONTRO CONTINUA SENZA UN PAPA CHE ROMPE LE PALLE

VATICANO: ACCORDO POS, ORA NON PIU' VIGILANZA BANKITALIA 
(ANSA) - La decisione del Vaticano di realizzare un accordo con la società Aduno per riattivare il servizio Pos determina che l'attività non sarà sottoposta alla vigilanza della Banca d'Italia. Con Aduno, società svizzera e quindi fuori dall'Ue, non c'é infatti alcun collegamento con il sistema finanziario italiano a differenza della precedente situazione che vedeva come operatore Deutsche Bank Italia, soggetto vigilato da Via Nazionale.
Il Gruppo Aduno è strutturato in forma di holding e appartiene al 100% a banche retail e cantonali svizzere.


Inviato da iPhone

Il diabolico tasso soglia di usura della mafia bianca.


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il diabolico tasso soglia di usura della mafia bianca.

Il diabolico tasso soglia di usura della mafia bianca.

Antonio Miclavez

www.federcontribuentiFVG.it


Dopo aver denunciato la truffa della proprietà monetaria con Marco della Luna in "Euroschiavi" nel 2006, dopo aver descritto la truffa della rarefazione monetaria pilotata in "Euflazione" nel 2009, nel 2011 ho iniziato a dedicarmi in qualità di presidente della FedercontribuentiFVG a valutare per i nostri associati i tassi d'interesse applicati dagli Istituti di credito.

Incredibile ma vero, quasi tutti i conti correnti ed i mutui erano, e tuttora lo sono, usurari, e quando il conto è usurario è accompagnato sempre dal reato di riciclaggio e spesso del reato di estorsione.

Quando un istituto di credito fa' usura, la legge parla di Usura aggravata e raddoppia la pena fino ai 10 ani di galera, mentre il popolo la chiama usura bianca, per differenziarla dalla usura nera che si faceva per strada con la lupara, tanti anni fa. Mafia nera e mafia bianca.

Ora la lupara si chiama Tasso d'interesse, si chiama Equitalia, si chiama Monti.

Ora la mafia si chiama Monte dei Paschi di Siena, Banca d'Italia, BCE, Draghi, Barroso, Merkel, Fondo salvastati, Fondo monetario Internazionale.




Quando rilevavamo l'usura, depositavamo denuncia-querela alla Procura (è obbligatorio,...



Inviato da iPhone

Finmeccanica. Monti come Ponzio Pilato


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Finmeccanica. Monti come Ponzio Pilato


           di A. Di Pietro 
ponzio pilato Finmeccanica. Monti come Ponzio PilatoULTIM'ORA: Denuncio formalmente sul piano politico e istituzionale, e lo farò anche sul piano giudiziario, il presidente del consiglio Monti e il suo governo. Il reato ipotizzato è quello di omissione di atti d'ufficio.
Monti, avvertito formalmente sia dall'Italia dei Valori che da me personalmente sia per la vicenda Monte dei Paschi di Siena sia per la vicenda della Finmeccanica con ben 42 interventi in Parlamento, tra interrogazioni, mozioni, istanze e interventi in Aula, non solo non ha preso atto delle denunce che noi avevamo fatto e neanche di copie delle denunce alla Procura della Corte dei Conti che noi gli avevamo mandato, ma ha fatto finta di non vedere. Chi è pubblico ufficiale ha obbligo di intervenire per rimuovere atti illeciti. Non averlo fatto vuol dire omissione di atti d'ufficio.

Oggi il presidente Monti ha detto che interverrà per modificare la governance, noi gli diciamo che doveva farlo l'anno scorso quando lo abbiamo avvertito. Per un anno s'è girato dall'altra parte come ha fatto Ponzio Pilato e adesso pretende che noi piangiamo il morto.

Prima Mps e ora Finmeccanica. In entrambi i casi, Monti si è comportato...


Inviato da iPhone

SANITÀ, FORMIGONI ACCUSATO DI CORRUZIONE E ASSOCIAZIONE A DELINQUERE -FOTO

SANITÀ, FORMIGONI ACCUSATO DI CORRUZIONE E ASSOCIAZIONE A DELINQUERE -FOTO: MILANO - Sono state chiuse le indagini da parte della Procura di Milano sulla fondazione Maugeri nei confronti di 17 persone fra cui il governatore uscente della Lombardia, Roberto Formigoni, che è accusato anche di associazione per delinquere. La procura di Milano, come si legge in una nota, ha notificato l'avviso di conclusione delle indagini in vista

Bernanke da’ un sonoro schiaffo agli strateghi Europei

Bernanke da’ un sonoro schiaffo agli strateghi Europei: Stando a quanto sostengono Esther George, presidentessa della Federal Reserve Bank di Kansas City, Jeffrey Lacker, presidente di quella di Richmond e Peter Morici professore di Economia alla Università del Maryland (è stato anche capo economista alla Commissione Internazionale per gli Scambi Commerciali), non ci sono dubbi, andando avanti di questo passo Ben Bernanke, presidente della Federal Reserve americana porterà il mercato finanziario al collasso in tempi nemmeno tanto lontani. Le ragioni di tanto pessimismo sono evidenti (a questi critici): da circa cinque anni la Fed presta soldi alle banche a tasso zero, creando un esagerato e troppo prolungato stimolo artificiale nei...
Roberto Marchesi (Dallas - Texas)

L’incubo delle banche: parlamento bloccato e Grillo vittorioso

L’incubo delle banche: parlamento bloccato e Grillo vittorioso:
Dal Credit Suisse a Nomura, passando per Goldman Sachs e Morgan Stanley, la certezza è che sarà il centrosinistra a vincere. Ma non avrà la maggioranza per governare. La direzioni in cui si sta andando, dicono, è quella di un parlamento bloccato. Mentre cresce la paura della vittoria di Grillo. 
read more

Dopo la vendita di Snam alla CDP, partono le grandi manovre su Saipem

Dopo la vendita di Snam alla CDP, partono le grandi manovre su Saipem: Dopo la cessione del 29,99% della Snam alla Cassa Depositi e Prestiti, primo passo per creare un gestore indipendente nella distribuzione del gas, l’Eni si preparerebbe ad avviare la vendita della Saipem, la controllata società di ingegneria del gruppo. Giorni fa, l’amministratore delegato dell’Eni, Paolo Scaroni, unitamente a tra alti dirigenti, aveva ricevuto un avviso di garanzia, per presunte tangenti pagate per ottenere appalti in Algeria da parte della Sonatrach, l`azienda di Stato che controlla l`estrazione di idrocarburi. Un avviso di garanzia che, presumibilmente, per come vanno le cose in Italia, comporterà le non tanto dimissioni forzate di Scaroni quanto il...
Filippo Ghira

I "tanti" Euro che stanno sotto all'Euro Unico: Euro-Crucco ad 1,53 sul $, Euro-Italiota ad 1,19 etc


Ti è stato inviato tramite Google Reader

I "tanti" Euro che stanno sotto all'Euro Unico: Euro-Crucco ad 1,53 sul $, Euro-Italiota ad 1,19 etc

Certo che ne raccontano di barzellette...

da scompisciarsi...tipo l'ultima di Draghi:


Euro: Draghi, Non e' Scoppiata Nessuna 'Guerra Dei Cambi'
Ah! Ah! Ah! Veramente divertente...



Invece il Governatore della Bundesbank non scherza mai e ribadisce il concetto che aveva proclamato un paio di giorni fa il portavoce della Merkel

....alla faccia di Hollande, di Moscovici e della Francia che protestano per un euro troppo forte che sarebbe dannoso per l'economia francese.


Bce, Weidmann: No a...



[clicca sul titolo per leggere tutto il post]


Inviato da iPhone

Grillo a Monti: la Grecia l'hanno creata quelli come lui


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Grillo a Monti: la Grecia l'hanno creata quelli come lui

 "'Lo vedete Monti che accarezza il cane e che 'sale in politica' con Fini e Casini? Ma cosa dice? - ha aggiunto Grillo - E' in preda al panico. E tutti hanno paura, ecco perche' si stanno unendo come il trenino dell'amore'"


da Rainews



Inviato da iPhone

La Faccia come il (….) Monti, Grillo e la Grecia.


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La Faccia come il (….) Monti, Grillo e la Grecia.

Vi propongo un paio di video dell'algido Monti:



Sempre sulla Grecia qualche mese fa, cioè il grande successo dell'euro:



Ora, ditemi voi al campionato del mondo di faccia come il (), come si piazzerebbe questo qui.


p.s. vi ricordo che ove la coalizione Monti non superasse il 10%, assisteremo alla scomparsa di UDC e FLI, quindi nel caso conosceste qualcuno intenzionata a votare la Coalizione Monti, fate uno sforzo convincetelo a votare qualsiasi altra cosa #montiunderten

Capisco bene che l'obbiettivo è minimo, però dai, tutto sommato, a pensarci bene…






Inviato da iPhone

ELEZIONI 2013/ Monti e le promesse che non manterrà: la prova in un documento del 1994


Ti è stato inviato tramite Google Reader

ELEZIONI 2013/ Monti e le promesse che non manterrà: la prova in un documento del 1994

Era l'agosto 1994 e Berlusconi era da poco salito al potere. Il quotidiano "La Stampa" nel sabato 13 prima del ferragosto pubblica un articolo con i consigli che Monti offriva al Cavaliere: seguire la strategia politica del leader argentino Menem, vale a dire promettere senza mantenere. Le conseguenze per Buenos Aires? Inflazione e fallimento. E proprio Monti ora promette tagli a quelle stesse tasse che lui ha applicato, oltre a voler riconsidera l'Imu, la patrimoniale, il redditometro e persino la riforma del lavoro. Sappiamo già come andrà a finire…



Leggi tutto...



Inviato da iPhone

Autopsia della fu produzione industriale italiana. -30% (meno trenta per cento). La Miseria é dietro l’angolo.


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Autopsia della fu produzione industriale italiana. -30% (meno trenta per cento). La Miseria é dietro l'angolo.

Giuseppe Sandro Mela.


 


Vincent van Gogh Disperazione 650x833 Autopsia della fu produzione industriale italiana.  30% (meno trenta per cento). La Miseria é dietro langolo.

Vincent van Gogh – Disperazione


 


  L'Istat ha rilasciato il suo ultimo Report sulla Produzione Industriale.


  Preambolo.


  In termini medi, la produzione industriale italiana è calata del -6.7%. Le diminuzioni più marcate riguardano i beni intermedi (-9.4%) e i beni di consumo (-7.7%).


  Si noti che un sistema che perda il -7% si dimezza in cinque anni, con conseguente dimezzamento del prelievo fiscale e dell'occupazione. Senza tener conto della perdita di know-how.


  Si noti anche che ogni impresa che chiude determina un effetto domino di riduzione del fatturato di quelli che erano i fornitori, che a loro volta entrano in sofferenza.


 


 



Inviato da iPhone

Grecia, la situazione degenera: torturati 4 giovani dalla polizia VIDEO


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Grecia, la situazione degenera: torturati 4 giovani dalla polizia VIDEO

Emergono particolari scioccanti sul caso dei quattro giovani arrestati sabato e torturati dalla polizia ellenica. Lo scandalo supera i confini nazionali e Amnesty International punta il dito contro Atene.

Anche Amnesty International, in una nota diffusa ieri, ha chiesto l'apertura di una inchiesta sulle torture inflitte dalla polizia ellenica a quattro giovani arrestati lo scorso 1° febbraio 2013, perché sospettati di aver partecipato alla rapina di una banca di Kozani, nel nord della Grecia. Due dei quattro detenuti sono accusati di far parte del gruppo armato di ispirazione anarchica "Cospirazione delle cellule di fuoco".

"Le autorità greche non possono pensare di risolvere i loro problemi con Photoshop. Questa cultura dell'impunità dev'essere fermata. Su questa vicenda occorre indagare in modo efficace, imparziale e approfondito, in modo che i responsabili siano identificati e portati rapidamente di fronte alla giustizia" ha dichiarato Amnesty International. Le foto dei quattro giovani con i volti tumefatti per le botte e le torture ricevute hanno fatto nei giorni scorsi il giro del mondo, dopo la pubblicazione delle immagini su alcuni siti istituzionali da parte delle autorità elleniche che hanno in questo modo voluto rivendicare gli arresti. Non prima di aver tentato di ritoccare e ripulire le istantanee a colpi di Photoshop, per cercare di cancellare parte delle prove dei pestaggi che comunque sono apparsi evidenti. Il "lavoro" di ripulitura delle foto infatti è stato fatto così male e di fretta che l'operazione è diventata un vero e proprio boomerang per il governo Samaras e in particolare per il ministero degli interni di Atene. Nel tentativo maldestro di cancellare le ferite più gravi gli improvvisati tecnici della polizia hanno completamente stravolto il viso di uno dei quattro giovani, mentre ad un altro hanno schiarito i capelli biondi così tanto da farli diventare quasi bianchi. E non è quindi bastato impedire ai quattro arrestati di contattare famigliari e avvocati per 24 ore, aspettando che le ferite provocate si rimarginassero almeno un po'.

Nel tentativo di salvare il salvabile la polizia ha affermato poi che i quattro sarebbero stati feriti nel corso dell'arresto e il ricorso alla forza si sarebbe limitato al necessario. Una versione poco credibile e smentita immediatamente. Medici e i familiari, infatti, hanno da subito denunciato che il brutale pestaggio è avvenuto proprio durante e subito dopo la detenzione, quando gli agenti hanno voluto punire gli arrestati per la matrice politica antisistema dei loro p...



Inviato da iPhone

LUTTWAK ATTACCA MONTI


Ti è stato inviato tramite Google Reader

LUTTWAK ATTACCA MONTI



Inviato da iPhone

Draghi: “Nessun Paese dell’Eurozona ha finito il lavoro, ora tagli alla spesa”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Draghi: "Nessun Paese dell'Eurozona ha finito il lavoro, ora tagli alla spesa"

"Nessun Paese dell'Eurozona ha finito il lavoro, specialmente nella competitività con le liberalizzazioni e le riforme del lavoro". Mario Draghi invita alla prudenza e dice ai governi europei di aspettarsi "un piano di bilancio di medio termine con dettagli sui tagli di spesa, essenziali ovunque". Il presidente della Banca centrale europea, intervenuto a Madrid in conferenza stampa, ha assicurato che "i Paesi immersi in riforme dolorose" non dovranno "sentirsi abbandonati alla loro sorte". L'obiettivo delle riforme, ha assicurato Draghi, è "un futuro più prospero in Europa".

Il presidente ha rassicurato la platea, ricordando che "le esportazioni spagnole sono aumentate del 20% circa in volume fra il 2009 e il 2012″, e che  "un aumento simile si è avuto in Portogallo, in misura minore, e in Irlanda", con un peso dell'export sul Pil salito a oltre il 10% nei tre Paesi, grazie anche agli effetti delle politiche di contenimento salariale e aumento della produttività chieste dalla Bce. Anche se "i cittadini ancora non ne notano gli effetti", ha aggiunto, "ci sono miglioramenti dell'economia della Spagna". Draghi ha evidenziato "il profondo livello di interconnessione" tra i Paesi della zona euro, sostenendo che decisioni prese in campo nazionale possono avere "effetti significativi" anche su altri Stati. "I Parlamenti nazionali – ha detto – sono diventate istituzioni europee ed è quindi importante che si riconoscano gli interessi comuni".

Riguardo alla presunta "guerra di cambi" che starebbe colpendo l'Europa, Draghi prova a scacciare le nubi. Secondo il numero uno della Bce, i commenti di alcune persone in tema di tassi di cambio sono "inopportuni" o comunque "infruttuosi". Draghi si riferisce in particolare ai giudizi "tesi a indirizzare la Bce a muoversi sui cambi, in violazione dell'indipendenza sancita dal mandato". L'euro, ricorda, si è "apprezzato molto" contro tutte le principali valute, e questo ha comporato "un ritorno di fiducia in Europa". Ora, assicura, "vogliamo verificare se l'apprezzamento può avere un impatto sulla stabilità dei prezzi" nell'Eurozona. In ogni caso secondo Draghi non è il caso di parlare di una guerra delle valute: "E' una definizione molto, molto esagerata. Non stiamo vedendo niente di simile".



Inviato da iPhone

DIMISSIONI RATZINGER/ L’ipotesi del complotto, il documento sulla sua “morte” e la crisi del papato


Ti è stato inviato tramite Google Reader

DIMISSIONI RATZINGER/ L'ipotesi del complotto, il documento sulla sua "morte" e la crisi del papato

Papa Ratzinger annuncia in latino le sue dimissioni. Ma aleggia il mistero intorno a questa scelta che sembra meditata da mesi. Un anno fa il documento segreto in tedesco svelava i retroscena della Curia: annunciata la morte 'certa' di Benedetto XVI. La sua 'uccisione' avrebbe favorito il già prescelto successore, l'arcivescovo Angelo Scola con cui, stando al testo segreto, Benedetto XVI avrebbe creato un direttorio segreto per decidere sulle sorti del Vaticano. Rivelati i suoi rapporti conflittuali con il braccio destro e troppo 'politicizzato' Tarcisio Bertone ed infine la crisi del papato: per molti Ratzinger è stato troppo

Leggi tutto...



Inviato da iPhone

Rally mercati: ma questa volta è davvero differente?

Rally mercati: ma questa volta è davvero differente?: Borse sui massimi. Rischio correzione oppure il rally continua ancora? Beh, perchè no! Questa volta….THIS TIME IS DIFFERENT … o forse no…. Sapeste quante volte me lo sono sentito dire in queste settimane… No, guarda che stavolta è diverso. Non … Continua a leggere →

I greci svaligiano i supermercati

I greci svaligiano i supermercati:


La Grecia è crollata, definitivamente. Stanno assaltando i supermercati!












La Grecia è crollata, definitivamente, sotto il peso dei debiti contratti con la BCE.Ma in Italia nessuno ne parla perche' siamo in campagna elettorale,l'attenzione dei media e' stata spostata sulle .................


Banca Popolare di Spoleto Spa in amministrazione straordinaria

Banca Popolare di Spoleto Spa in amministrazione straordinaria: Il Ministro dell'Economia e delle Finanze, con decreto dell'8 febbraio 2013, ha disposto, su proposta della Banca d'Italia, lo scioglimento degli organi con funzioni di amministrazione e controllo della Banca Popolare di Spoleto, con sede in Spoleto (PG), ai sensi dell'art.

IL PROBLEMA FINANZIARIO DELL'ITALIA E' IL MENO DIFFICILE DA RISOLVERE

IL PROBLEMA FINANZIARIO DELL'ITALIA E' IL MENO DIFFICILE DA RISOLVERE: Come ora dice spesso Grillo nei comizi: " Abbiamo 2 mila Miliardi di Debito Sui Cui Paghiamo 100 Mld di Interessi !!!... E' Pazzesco !". Ha ragione e dovrebbrero urlarlo tutti, non ha senso ...

Video. Chi ha alzato le tasse - Enrico Zanetti parte 1


ca09845bb16a408b6af7fd9ad0a33397Prima parte dell'intervento di Enrico Zanetti, candidato alla Camera dei Deputati nella circoscrizione Veneto 2 con il movimento Scelta Civica del Presidente Monti.

Germania: il Paese che trucca i conti (e come risparmiare l'80% di interessi)

Germania: il Paese che trucca i conti (e come risparmiare l'80% di interessi):

pigbattersea.jpg

Sono sicura che molti lettori saranno contentissimi di ritrovare l'altro fondatore di questo blog, ovvero Pietro Cambi. Che mi ha inviato un interessante papello dei suoi, in cui si abbandona ai famosi conti della lavandaia e scopre degli altarini niente male su Germania, debito italiano e PIIGS. Pubblico qui la sua intro, e in calce il PDF del papello: come sapete, Pietro Cambi è spesso troppo "dettagliato" per entrare in un umile post. Naturalmente, siccome io non capisco nulla di tutto ciò, qualunque sfondone, imprecisione, o errore è imputabile esclusivamente all'ing.Cambi. In poche parole: a lui gli oneri, a lui gli onori. Buona lettura.

Continua a leggere Germania: il Paese che trucca i conti (e come risparmiare l'80% di interessi)...

Commenta »

















Roma senza re, le successioni per Vaticano e Quirinale

Roma senza re, le successioni per Vaticano e Quirinale:




Stefano Cingolani






I due inquilini di Vaticano e Quirinale attendono di uscire di scena. La transizione è incerta. Oggi tutti quelli che hanno gridato Roma ladrona sono lì con le mani nella marmellata. E anche l’arresto di Giuseppe Orsi, a capo di uno snodo del rapporto tra industria e politica, s’abbatte come un segno di sconfitta



read more

Libertà e Sicurezza

Libertà e Sicurezza:


Benché il 2012 si sia concluso con il secondo, temporaneo, salvataggio di fila dell’Unione europea, il mio consiglio rimane quello di non abbassare la guardia ma di approfittarne per continuare ad informarsi e ad agire. Lo ripeto perché non è così scontato come sembra: di solito, infatti, accade sempre l’opposto: la gente in modo caotico e poco costruttivo corre disperatamente a cercare informazioni quando si trova nei momenti più critici, compiendo spesso e volentieri anche scelte finanziarie tremendamente sbagliate (vendere titoli di Stato e azionari ai minimi, portare via i risparmi dal paese per comprare valuta straniera sui massimi), per poi tornare a rilassarsi quando la tempesta sui mercati sembra passata compiendo, al contrario, altre scelte finanziariamente sbagliate (rientrare sulle borse o continuare a comprare titoli di Stato sui massimi, lasciare i propri risparmi dove sono pensando allo scampato pericolo).


Invece i momenti migliori per informarsi e prendere le decisioni con lucidità sono quelli di relativa calma come quello che stiamo vivendo. Onde sintetizzare al meglio dove realmente siamo arrivati, e trarne le dovute azioni e conclusioni, riporto qua di seguito un articolo di Alasdair Macleod. E’ molto chiaro ed in quelle poche righe ripercorre i temi più importanti che mi sono sforzato di approfondire e divulgare con i diversi libri fin qua pubblicati (ho linkato frasi e parole dell’articolo al nostro libro che meglio di altri spiega il concetto esposto). Leggetevelo bene e pur cercando di mantenere vivo l’ottimismo non fatevi le stesse illusioni che continuano a farsi i nostri politici che ci governano. A differenza loro, che così facendo stanno solo rovinando gli inermi cittadini, prenderete in giro solo voi stessi. Sperate quindi sì per il meglio, ma non fatevi trovare impreparati qualora arrivasse il peggio: non finirà sempre così bene come è riuscito a Bernanke nel 2008 o a Draghi in questi ultimi due anni.


Infine, per citare H.L. Mencken: “L’uomo medio non vuole libertà, vuole sicurezza”. Verissimo, lo sanno soprattutto quelli che ci governano. Però riporto anche una frase tratta da Cosa è il Denaro: “Lo Stato protettore e salvifico si trasforma, presto o tardi, nello Stato inflazionista. Promette più protezione di quanta ne possa of­frire. Tassa. Poi inflaziona. Quindi fallisce”. Questo fallimento, benché non lo si voglia ammettere, di fatto è una realtà ed a prescindere dai termini in cui troverà forma esso costituirà un enorme problema per l’uomo medio: insieme a libertà già ampiamente compromesse egli finirà col perdere infatti anche protezione e sicurezza. Abbiamo quindi una delle ultime occasioni per capire una cosa importantissima: in futuro sicurezza e protezione potranno essere garantite solo di pari passo con le nostre libertà, economiche prima di tutto. Questo è il messaggio contenuto nell’articolo che segue.


Francesco Carbone


Addio Libertà



Gli esseri umani, nella loro avanzata forma economica, stanno commettendo eutanasia. I governi degli Stati Uniti, Regno Unito, paesi dell’Unione europea e Giappone stanno tutti ..............

Il Giappone-Banzai continua ad essere l'anticipatore di come si evolverà la più grande BOLLA Globale della Storia

Il Giappone-Banzai continua ad essere l'anticipatore di come si evolverà la più grande BOLLA Globale della Storia: In questo Blog è da un po' che diciamo come il nuovo Banzai-Giappone di Shinzo Abe

sia un'interessante "macchina del tempo" di come evolverà

la più grande BOLLA Globale della Storia

(che stanno rigonfiando un po' ovunque nel post-Sboom Lehman).



Infatti il Giappone è alla frutta

inchiodato da 20 anni di deflazione, crescita moscia,

Debito/PIL che man mano va alle stelle (omai verso il 250%!)

e maneggi mistici/autarchici della Bank of Japan che continuano a tener su la baracca (in...



[clicca sul titolo per leggere tutto il post]

Il voto cattolico

l voto cattolico

c9993e1c0eolo-II.jpg-300x198E’ da prima della fine della Dc che non esiste un partito di raccolta del voto cattolico, inoltre la secolarizzazione ha ridotto drasticamente il numero dei cattolici praticanti.
Queste questioni sono sempre state ben chiare al Cardinal Ruini, un sacerdote politicamente dottissimo, che aveva capito che il problema dei cattolici in politica era non diventare irrilevanti, così la Margherita dapprima condizionò la sinistra, poi diede vita al Pd, mentre l’Udc condizionava il nascente fronte Berlusconiano, peraltro molto ricco di politici di matrice cattolica.

Francia, le banche dichiarano guerra alla riforma della finanza


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Francia, le banche dichiarano guerra alla riforma della finanza

L'associazione che tutela gli interessi degli istituti di credito ha lanciato la "solita" minaccia: se saranno introdotte le novità chieste dal governo di Parigi, saranno automaticamente tagliati i finanziamenti all'economia reale.


Inviato da iPhone

Euro: quando la Santa Inquisizione serve a combattere la logica



Euro: quando la Santa Inquisizione serve a combattere la logica
CRISIS | 11 FEBBRAIO 2013
http://pulse.me/s/innVS


L'euro è convenuto alla Germania e non è convenuto a noi, non c'è dubbio. Ma perché discuterne è tabu, secondo la Santa ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Corea del Nord, terzo test nucleare. Obama: “E’ una provocazione”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Corea del Nord, terzo test nucleare. Obama: "E' una provocazione"

La Corea del Nord effettua il terzo test nucleare e sfida la comunità internazionale registrando, oltre alle dure condanne del presidente Usa, Barack Obama, del segretario generale Onu, Ban Ki-moon, e la netta contrarietà di Russia, Italia, Gran Bretagna e dei vicini della Corea del Sud e del Giappone, l'imminente convocazione del Consiglio di Sicurezza Onu. L'esplosione, avvenuta intorno alle 11.58 locali, ha causato un sisma artificiale di magnitudo 4,9 sulla scala Richter, più forte della magnitudo 4,52 segnata nell'ultimo esperimento di Pyongyang del 2009. L'ordigno è stato stimato in 6-7 chilotoni di potenza, al ribasso sugli iniziali 10 o più, secondo il ministero della Difesa di Seul, con un chilotone pari all'energia di un'esplosione di mille tonnellate di tritolo.

A distanza di poche ore, la Corea del Nord, che ieri avrebbe anticipato le sue intenzioni a Paesi come Usa, Cina e Russia, ha ammesso il test fornendo alcuni dettagli, come l'utilizzo di un dispositivo miniaturizzato con forza maggiore se raffrontata alle prove del 2006 e del 2009. "E' stato confermato – fa sapere l'agenzia ufficiale Kcna – che il test nucleare è stato effettuato a livello elevato in un modo sicuro e perfetto con carica miniaturizzata e di maggiore forza esplosiva rispetto al passato senza causare un impatto negativo sul circostante ambiente ecologico".

Un atto "altamente provocatorio" che mina "la stabilità regionale" e viola gli obblighi di Pyongyang nei confronti di molte risoluzioni dell'Onu, ha commentato il presidente Obama, chiedendo un'azione internazionale "rapida" e "credibile". Il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon, ha condannato Pyongyang per "una chiara e grave violazione delle risoluzioni adottate dal Consiglio di sicurezza". Il test nucleare di Pyongyang "va condannato con la più assoluta fermezza", ha affermato il ministro degli Esteri, Giulio Terzi. E' "l'ennesima flagrante violazione degli obblighi" Onu e della comunità internazionale: "una minaccia alla stabilità regionale, alla sicurezza globale" e alla tenuta dei regimi internazionali di non proliferazione". Intanto, il Consiglio di Sicurezza dell'Onu è stato convocato d'urgenza in una riunione che secondo le ultime indicazioni dovrebbe tenersi martedì a New York.



Inviato da iPhone

UOMO RIDOTTO IN SCHIAVITU'...COME?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

UOMO RIDOTTO IN SCHIAVITU'...COME?



Inviato da iPhone

CARO MINISTRO RICCARDI ... MA CHI CAVOLO TI CREDI DI ESSERE? SE VUOI PARLARE SOLO TU ... FACCI UN PIACERE ... CHIUDITI IN CASA ... CARO MESSORA, NO, LA TATA NON L'HA DIMENTICATO QUESTO PESSIMO COMPORTAMENTO .... BRAVO TU A SOTTOLINEARLO!


Ma non dovevo parlare da solo?

 Andrea Riccardi

 La maggioranza dei telespettatori davanti a Piazza Pulita l'avrà dimenticato pochi secondi dopo averlo sentito. Non noi. Noi, proprio no.

LEGGI TUTTO...

Freni agli entusiasmi. Si torna a temere per la stabilità economica dell’Eurozona


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Freni agli entusiasmi. Si torna a temere per la stabilità economica dell'Eurozona

Preoccupa il debito e la guerra valutaria: possibile un tetto al fondo salva Stati ESM ed interventi a favore di un Euro debole


Ops…ma tu guarda… Ora iniziano a temere anche loro il peggio. Prima lasciavano i rubinetti della speranza al mercato ed oggi invece chiudono i recinti. O meglio, vorrebbero farlo.
I mercati stanno migliorando, è evidente, il sentiment è tuttora positivo, ma qualcosa si sta guastando. E' vero che l'euforia si auto alimenta e produce effetti positivi. Però facendo due conti (come ho detto ieri) il debito non è diminuito. Anzi è aumentato. In alcune realtà è diminuito quello privato. Per poi lievitare però quello pubblico.


E poi la disoccupazione. Vi sembra calata? In Europa NO di certo. Già, qui non possiamo drogare l'economia e stampare denaro come negli USA, dove la disoccupazione è certo calata, ma…a quale prezzo? Aumentando il debito. Complimenti, però ora bisognerebbe attuare la famosa "exit strategy". Ma l'exit strategy non si può attuare perché altrimenti crolla il castello di carta. E allora meglio continuare ad alimentare il fuoco con altra benzina. E drogare ulteriormente la finanza, l'economia ed il mercato del lavoro.


Negli USA fanno questo ed altro: in Eurozona invece no. La BCE ha le mani legati, la Bundesbank ha sempre negato qualsiasi possibilità espansiva stile FED (anche perché non è permessa dallo statuto). Qui da noi il debito è aumentato, ma la crescita è sempre arenata a livelli risibili.
E se non c'è crescita, non c'è nemmeno capacità ad essere solvibili. Ecco perché si sta seriamente pensando di mettere un TETTO al fondo Salva Stati (ESM), che fa parte del meccanismo conosciuto anche come "scudo anti spread" creato da Draghi.


(…) La possibilità di un 'tetto' alla capacità di ricapitalizzazione diretta delle banche da parte dell'Esm (fondo salva-Stati) è indubbiamente in agenda. Sono le parole del presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, al termine della riunione. I ministri della zona euro hanno affrontato la questione della ricapitalizzazione diretta dell'Esm, ma senza giungere a conclusioni, previste invece per giugno. ...



Inviato da iPhone

Piazza Affari apre in rosso. Crolla Finmeccanica non fa prezzo (calo teorico del 14%). Spread oltre 300



LA GIORNATA DEI MERCATI

Piazza Affari apre in rosso. Crolla Finmeccanica non fa prezzo (calo teorico del 14%). Spread oltre 300

RIFORMA LAVORO/ Ecco perché condanna i giovani, arricchisce l’Inps (di 10 miliardi) e ingrassa i politici


Ti è stato inviato tramite Google Reader

RIFORMA LAVORO/ Ecco perché condanna i giovani, arricchisce l'Inps (di 10 miliardi) e ingrassa i politici

Tra due settimane si andrà al voto. Tutti, da Berlusconi a Bersani fino allo stesso Monti, sebbene rinneghino la riforma Fornero, sono, in realtà, complici e protagonisti di un testo che, ad oggi, risulta essere attuato soltanto in parte: secondo Il Sole 24 Ore, infatti, è stato approvato solo il 32% dei decreti attuativi. A mancare sono proprio quei decreti che avrebbero comportato (piccoli) benefici ai lavoratori: dal nuovo ammortizzatore sociale, alle politiche d'impiego per giovani e donne. E a beneficiare dell'impianto della riforma sono ancora loro, i politici. Leggere per credere.



Leggi tutto...



Inviato da iPhone

Finmeccanica, l'affaire India dietro l'arresto di Orsi


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Finmeccanica, l'affaire India dietro l'arresto di Orsi

La vicenda risale al febbraio 2010, quando il numero uno della società elicotteristica del gruppo Finmeccanica era l'attuale ceo e presidente Orsi, [...]




Inviato da iPhone

Guerra Valutaria: Ora il Ministro dell’Economia Vuole il Nikkey a 13.000 entro Marzo (cioè lo Yen a 104,5)


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Guerra Valutaria: Ora il Ministro dell'Economia Vuole il Nikkey a 13.000 entro Marzo (cioè lo Yen a 104,5)

Viva la sincerità, e basta con il mercato libero. I mercati vanno dove vuole lo Stato e quindi il Ministro dell'Economia Giapponese Akira Amari ha detto che "vuole" l'indice di borsa Nikkey a 13.000 entro Marzo (ovvero entro la chiusura dell'anno fiscale giapponese). Un bel +17% in un mese e 3 settimane.


Questa la notizia, le implicazioni sono piuttosto complesse, la prima e più evidente è che le uniche maniera per lo Stato Giapponese per tirare su la borsa sono:



  • Comprare asset direttamente (farlo fare alla banca del giappone)

  • Svalutare lo Yen di circa il 9% (ancora) sul dollaro portandolo in area 104,5


20130211 JPY1 0 Guerra Valutaria: Ora il Ministro dellEconomia Vuole il Nikkey a 13.000 entro Marzo (cioè lo Yen a 104,5)


Uno Stato, messa sotto controllo la banca centrale, ha il potere di farlo. Ciò che però sfugge del tutto al controllo sono le reazioni dei paesi concorrenti. 


La verità è che il Giappone ha reso esplicita una sanguinosa guerra valutaria, la storia ci insegna che i passi successivi dopo una serie di svalutazioni sono:



  • Dazi e fine dei trattati internazionali di "libero scambio"

  • guerra per accaparrarsi le risorse.


Nei prossimi mesi sarà bene stare con un occhio attento al ritorno delle barriere doganali.


 Japan's Economic Minister Wants Nikkei to Surge 17% to 13,000 by March


Economic and fiscal policy minister Akira Amari said Saturday the government will step up economic recovery efforts so that the benchmark Nikkei index jumps an additional 17 percent to 13,000 points by the end of March.


"It will be important to show our mettle and see the Nikkei reach the 13,000 mark by the end of the fiscal year (March 31)," Amari said in a speech. 


"We want to continue taking (new) steps to help stock prices rise" further, Amari stressed, referring to the core policies of the Liberal Democratic Party administration — the promotion of bold monetary easing, fiscal spending and greater private sector investment.


The key index started rallying from around 8,600 points in mid-November when then-Prime Minister Yoshihiko Noda decided to hold a general election Dec. 16 that saw his ruling Democratic Party of Japan trounced by the LDP. Share prices have risen largely in response to the yen's depreciation against other major currenci...



Inviato da iPhone

Barclays in rosso di 1,04 miliardi di sterline taglia 3.700 posti


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Barclays in rosso di 1,04 miliardi di sterline taglia 3.700 posti

Perdite superiori alle attese nel 2012 a causa delle multe per la manipolazione del Libor e degli accantonamenti per risarcire i clienti. L'utile [...]




Inviato da iPhone

Le borse aspettano l'Ecofin e Draghi, la bufera su Finmeccanica fredda Piazza Affari in avvio


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Le borse aspettano l'Ecofin e Draghi, la bufera su Finmeccanica fredda Piazza Affari in avvio

Oggi a Madrid il presidente della Bce incontra i legislatori spagnoli e potrebbe soffermarsi sul problema valutario. Spread sul filo dei 300 punti: [...]




Inviato da iPhone

Il fascino dell’ambasciatore Usa per Grillo: “Interlocutore affidabile”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il fascino dell'ambasciatore Usa per Grillo: "Interlocutore affidabile"

"Pranzo con l'attivista italiano Beppe Grillo: 'Nessuna speranza per l'Italia'. L'ossessione della corruzione". E' questo il titolo del telegramma che il 4 aprile 2008 partì dall'ambasciatore Usa in Italia Ronald Spogli diretto al segretario di Stato Condoleeza Rice per descrivere le impressioni dell'emissario del governo di Washington dopo l'incontro col leader 5 Stelle. Un documento che La Stampa ha ottenuto dagli archivi di Washington grazie al "Freedom of Information Act" e che in cinque pagine presenta il leader del Movimento 5 Stelle come "interlocutore credibile" per la sua capacità di comprensione del sistema politico italiano e la sua denuncia alla corruzione. Spogli lo ritiene "bene informato, competente sulla tecnologia, provocatorio e grande intrattenitore, una voce solitaria nel panorama politico italiano", dotata di "un grande potere di attrazione" e "la sua unica miscela di humour aggressivo sostenuto da statistiche e ricerche giuste quanto basta, ne fa un interlocutore credibile sul sistema politico italiano".

Viene definito come "un ex comico politicamente schietto che ha ottenuto una celebrità mondiale scorticando ogni giorno i politici italiani sul suo blog e organizzando con successo una manifestazione contro la corruzione nel governo alla quale lo scorso autunno hanno partecipato oltre 150 mila persone". E' certamente "brusco, perfino profano, ma le sue accuse dirette e spesso taglienti risaltano al contrasto con le analisi timide e indirette sulla corruzione che vengono dal mondo politico italiano". Queste sue capacità gli consentono di "galvanizzare una parte dell'opinione pubblica in genere silenziosa, convogliando la rabbia degli italiani verso la corruzione governativa più radicata e l'incapacità dell'élites di migliorare le condizioni del Paese" con la conseguenza di "aver creato un foro alternativo di discussione su questioni che non vengono affrontate dai maggiori media". Per questo si oppone a "energia nucleare, rigassificatori e inceneritori perché sarebbero tutti progetti destinati a enormi perdite di fondi pubblici a vantaggio di corruzione, mafia o entrambe". 

Quanto alla situazione del Paese, il leader 5 Stelle si spinge anche in alcune previsioni in un sottocapitolo intitolato "La situazione peggiora", dove sottolinea che "la corruzione dei politici di oggi è divenuta più sofisticata rispetto alle indagini dell'inizio degli anni Novanta, svolte da parte di Mani Pulite" fino al punto che "le tangenti rappresentano oggi un'ampia fetta degli appalti pubblici". Inoltre "Grillo lamenta l'inefficacia delle agenzie governative, dei gruppi di cittadini e delle ong anti-corruzione, attribuendola al fatto che sono troppo piccole, limitate, loca...



Inviato da iPhone

Finmeccanica, arrestato il presidente Orsi


Il Presidente di Finmeccanica Giuseppe Orsi è stato arrestato. L'ordinanza è stata firmata dal Gip di Busto Arsizio ed eseguita dai Carabinieri. Ai domiciliari invece l'amministratore di Agusta Westland Bruno Spagnolini.

Finmeccanica, arrestato Orsi: "Corruzione internazionale"

LO SCANDALO

Finmeccanica, arrestato Orsi:
"Corruzione internazionale"

Per il presidente scattano le manette per una tangente di 51 milioni di euro. L'inchiesta riguarda la vendita di 12 elicotteri Augusta Westland all'India

Giuseppe Orsi

FINMECCANICA...L'AMMINISTRATORE DELEGATO ORSI ARRESTATO!!!

FINMECCANICA...L'AMMINISTRATORE DELEGATO ORSI ARRESTATO!!!


L'ipotesi di accusa è corruzione internazionale

L'amministratore delegato di Finmeccanica Giuseppe Orsi e' stato arrestato per ordine del giudice di Busto Arsizio. È accusato di corruzione internazionale per le tangenti che sarebbero state pagate per chiudere la vendita di 12 elicotteri al governo indiano. Arresti domiciliari per Bruno Spagnolini, l'amministratore delegato di Agusta Westland. Altri due ordini di cattura sono stati firmati per i mediatori che si sarebbero occupati di veicolare le «mazzette» e avrebbero consentito all'azienda di creare «fondi neri» proprio per poter pagare chi aveva agevolato l'operazione. Mentre gli indagati venivano prelevati nelle loro abitazioni, sono scattate decine di perquisizioni nelle case e negli uffici di alcuni manager del colosso di difesa. L'inchiesta avviata dalla procura di Napoli era stata trasferita a Busto Arsizio per ordine della Corte di Cassazione cui si era rivolto proprio Orsi sollevando una questione di competenza
CON QUESTA DECISIONE, UNITA ALL'INCHIESTA CONTRO SCARONI PER LE TANGENTI AFRICANE DI SAIPEM PIU' ALTRE PROSSIMAMENTE IN ARRIVO PER ENI...L'ITALIA ESCE DEFINITIVAMENTE DAL GIRO DELLE COMMESSE INDUSTRIALI / APPALTI PUBBLICI INTERNAZIONALI.
C'E' UN CHIARO DISEGNO POLITICO DI IMPOVERIRE QUESTE AZIENDE STATALI PER POI VENDERLE , PARDON SVENDERLE A SOGGETTI STRANIERI. IL TUTTO ARRIVA DAL BRACCIO ARMATO DELLA FINANZA INTERNAZIONALE APPOGGIATA IN ITALIA DAI SOLITI FURBETTI - POTERI FORTI CHE IN QUESTO MOMENTO SI APPOGGIANO ALL'ASSE MONTI BERSANI .
DIETRO A LORO I POTERI FORTE DELLA CHIESA (che hanno fatto allontanare il papa) DELLA MAFIA, DEI BANCHIERI  E DELLE GRANDI LOBBIES MONOPOLISTE ITALIANE CHE APPOGGERANNO SOGGETTI ESTERI NELLA FACILE SCALATA DEI NOSTRI GIOIELLI.
QUESTI ARRESTI PER MANAGER CHE CERCANO DI FAR LAVORARE LE FABBRICHE ITALIANE ALL'ESTERO PER PORTARE A CASA PUNTI DI PIL PREZIOSO E MANTENERE UN PO' DI OCCUPAZIONE SONO LA FINE DEI LAVORI ALL'ESTERO .
LE GRANDI MULTINAZIONALI ESTERE SONO FELICISSIME PERCHE' SI PORTANO A CASA FETTE DI MERCATO GRATIS. ALL'ESTERO CERTE OPERAZIONI CHE FACILITANO LE COMMESSE NON SONO VISTE COME MAZZETTE MA INTRODUZIONE AL BUSINESS E SONO REGOLARMENTE ACCETTATE SENZA PROBLEMI.
ANCORA UNA VOLTA CI TIRIAMO LA CLASSICA ZAPPA SUI PIEDI
L'ITALIA STA FALLENDO E I GIUDICI E LA GUARDIA DI FINANZA, IMBECCATI DA CHISSA' CHI (rimarrà un mistero cosi' come l'allontanamento del papa, costretto da chissà chi ad andarsene) STANNO FACILITANDO IL PROCESSO

MERCATO LIBERO VI CONSIGLIA DI NON PENSARE A CHI VOTARE O A CHE FINE FARA' L'ITALIA....ALTRIMENTI FATE LA FINE DEGLI EBREI CHE PERDEVANO TEMPO A PENSARE E DISCUTERE SU CHI SAREBBE DIVENTATO CAPO DEL CAMPO DI CONCENTRAMENTO CHE LORO FREQUENTAVANO...
PENSATE AD ANDARVENE DALL'ITALIA RAPIDAMENTE E DI ABBANDONARE QUELLO CHE E' DI FATTO IL CAMPO DI STERMINIO PER I VOSTRI RISPARMI!
SE VOLETE SPOSTARE I VOSTRI RISPARMI IN UN LUOGO TRANQUILLO E PROTETTO FUORI DALL'EUROPA (E IN MANIERA LEGALE) O SE VOLETE SPOSTARE LA FAMIGLIA O UNA IMPRESA CONTATTATEMI. DA ANNI HO CREATO UN NETWORK CHE AIUTA IN QUESTO PROCESSO E OFFRE LE CONDIZIONI ECONOMICHE MIGLIORI
MERCATILIBERI@GMAIL.COM O 335.6651045 




Share/Bookmark