28/02/13

Perché il Fiscal Compact sprofonderà l’Europa nel baratro


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Perché il Fiscal Compact sprofonderà l'Europa nel baratro



Perché il Fiscal Compact sprofonderà l'Europa nel baratro





La ratifica del Trattato di stabilità fiscale condurrà a una forma di austerità perpetua e a un restringimento mortale della democrazia in Europa. Proponiamo un capitolo da "Cosa salverà l'Europa. Critiche e proposte per un'economia diversa" a cura di B. Coriat, T. Coutrot, D. Lang e H. Sterdyniak, in questi giorni in libreria per Minimum Fax




Un patto per l'austerità perpetua

«Più va a rotoli, più ci sono possibilità che funzioni» [1]




La crisi attuale, iniziata nel 2007, ha messo in evidenza i pericoli della costruzione europea attuale dominata dal neoliberismo. Nei primi mesi del 2012, le classi dirigenti così come la tecnocrazia europea sono state incapaci di superare la crisi. Ancora peggio, oggi utilizzano la crisi per raggiungere il loro principale e costante obiettivo: ridurre la spesa pubblica, indebolire il modello sociale europeo, il diritto al lavoro, e impedire ai cittadini di avere una qualsiasi voce in capitolo.



La situazione diventa così catastrofica. Per ammissione stessa della Commissione, la zona euro prevede un calo del Pil nel 2012 (-0,3%). Nel marzo 2012, il tasso di disoccupazione della zona euro ha raggiunto il 10,9%. La crisi si è tradotta nella perdita di circa il 9% del Pil. Tuttavia, la Commissione continua a imporre politiche di austerity, che spingono l'Europa verso una recessione senza fine. Sebbene siano la cecità e l'avidità dei mercati finanziari ad aver causato la crisi, sono la spesa pubblica e la protezione sociale a essere colpite.



La Commissione, la Bce e gli stati membri consentono ai mercati finanziari di speculare contro i debiti pubblici. Hanno permesso ai creditori di imporre tassi d'interesse esorbitanti all'Italia e alla Spagna.


Inviato da iPhone

Santoro: “C’è un solo vincitore, Beppe Grillo”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Santoro: "C'è un solo vincitore, Beppe Grillo"

Non gli si può nascondere niente


Inviato da iPhone

Intervista a Luca Boffa (gestore ANIMA): focus sui Paesi emergenti


Boffa jpgIntervista a Luca Boffa (gestore azionario di ANIMA specializzato sui Paesi emergenti. Intervista andata in onda il 31 gennaio 2013 durante la Videochat di ANIMA Sgr.

Giovani Pd: ciclo finito, al congresso si cambia. No al governissimo

Giovani Pd: ciclo finito, al congresso si cambia. No al governissimo:
Il loro ciclo è finito, nel Pd serve un gruppo dirigente totalmente rinnovato”. Loro sono i vari Bindi, D’Alema, Veltroni e Fioroni – ma la lista potrebbe continuare. A parlare invece è il segretario nazionale dei Giovani democratici Fausto Raciti, 29 anni tra una settimana, neo deputato nel Parlamento più ingovernabile della storia repubblicana. Raciti non usa mezzi termini nel parlare della bocciatura arrivata dalle urne per il Pd e nonostante sia stato un “bersaniano” di ferro durante le primarie di novembre, oggi usa toni da rottamatore. “Questo voto chiude un ....................

Video: Il collasso globale dell’economia


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Video: Il collasso globale dell'economia

  Sappiamo com'è lo zio Sam. Ha un sacco di debiti a cui far fronte. Quasi 3.000 miliardi di dollari ogni anno, mentre le entrate sono di 2.200 miliardi l'anno. Allora fa la cosa che fanno la maggior parte degli Americani: prende in prestito denaro. Quando lo zio Sam contrae un prestito lo chiama Bond. [...]


Inviato da iPhone

“I grillini scardineranno i segreti del Parlamento”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

"I grillini scardineranno i segreti del Parlamento"




Secondo il professor Clementi dell'Università di Perugia grazie al web la democrazia sarà immediata





read more



Inviato da iPhone

SEQUESTER! NON MI FIDEREI DEGLI USA!


Ti è stato inviato tramite Google Reader

SEQUESTER! NON MI FIDEREI DEGLI USA!

Chart forDow Jones Industrial Average (^DJI)
Borsa Giapponese scoppiettante, borsa americana sui massimi e cosa non da poco..RISULTATO OTTENUTO ...CON UN DOLLARO FORTE... Come possiamo vedere dal grafico, il mercato americano è sui massimi, mentre l'euro si è indebolito in maniera significativa.

Chart forDow Jones Industrial Average (^DJI)
LA CORRELAZIONE BORSA AMERICANA FORTE - EURO DEBOLE E' UNA COSTANTE DELLE ULTIME SETTIMANE ED E' COINCISA CON LE ELEZIONI IN ITALIA.

Anche il dax viaggia sui massimi relativi e a un passo dalla vetta degli 8000 punti...una vetta che rappresenta i massimi di sempre per l'economia tedesca.
QUESTO A ULTERIORE DIMOSTRAZIONE CHE CERTI BLOGGER BANCARI ITALIANI CONTINUANO AD ATTACCARE LA GERMANIA..MENTRE LA GERMANIA RIDE DEI BLOGGER FANCAZZISTI ITALIANI E MACINA RISULTATI SEMPRE PIU' IMPORTANTI.
Chart forDow Jones Industrial Average (^DJI)
ecco perchè Mercato Libero è presente su Berlino con una operazione immobiliare a KREUTBERG con prezzi al metro quadro che vanno dai 1300 ai 1500 euro al metro quadro. e non siamo presenti a Trento o Rovereto dove il peggio deve ancora arrivare.


Inviato da iPhone

“Da tedesca vi dico: l’austerity distruggerà anche la Germania”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

"Da tedesca vi dico: l'austerity distruggerà anche la Germania"

Leggi il resto su Linkiesta

Le elezioni italiane viste dalla Germania-Intervista a Ulrike Herrmann

Pubblicato su Youtube da Redazione Linkiesta in data 04 febbraio 2013

Urlike Herrmann, nata nel 1964 ad Amburgo, è una giornalista e scrittrice tedesca. Dal 2000 è caporedattrice economica al Die Tageszeitung (taz). Interviene spesso in programmi di approfondimento televisivo e ha pubblicato diversi saggi, tra cui "Urrà, dobbiamo pagare. L'auto-inganno della classe media" (West Publishing).



Inviato da iPhone

Fmi teme effetti fiscal cliff su crescita globale


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Fmi teme effetti fiscal cliff su crescita globale

I tagli automatici alla spesa negli Stati Uniti si faranno sentire sui partner commerciali degli Stati Uniti, inclusa l'Europa. Il Fmi rivedrà quindi [...]




Inviato da iPhone

Il vero obiettivo è privatizzare il pubblico


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il vero obiettivo è privatizzare il pubblico


di Agenor


A che serve la crisi europea? Una risposta è che rende inevitabile la privatizzazione delle attività pubbliche, con grandi profitti per i privati. Come mostrano i casi di Spagna, Grecia e Portogallo


L'Europa è avvolta in una spirale senza uscita fatta di ricette controproducenti, mentre la crisi fa il suo lento, inesorabile lavoro. Le famiglie, se possono, risparmiano e contraggono i consumi. Le imprese non investono. Le banche cercano di limitare i danni e riducono il credito. Una crisi di debito estero (prevalentemente privato) è stata spacciata per una crisi di debito pubblico. La spesa pubblica viene bloccata con perfetto tempismo da un trattato internazionale che impone un rozzo vincolo di pareggio di bilancio, senza troppo distinguere se si tratti di spesa per investimenti o di spesa corrente.


Era ben noto che una politica di repressione della spesa pubblica, in presenza di un eccesso d'indebitamento del settore privato e di tassi di interesse già bassi e ai minimi storici, non poteva che avere effetti deleteri. Il crollo della domanda interna ha raggiunto le economie più solide della zona euro, che si avvicinano anch'esse a scenari recessivi. Assumendo l'impossibilità di una follia collettiva di tutte le classi dirigenti europee, resta da chiedersi cui prodest? A chi giova tutto questo?




Non è un caso che le ricette per uscire dalla crisi più in voga si concentrino su un punto: la dismissione del patrimonio pubblico per ridurre il debito. Ovviamente, la sensazione di trovarsi in un vicolo cieco per le finanze pubbliche, con la scelta obbligata di privatizzare enti, beni e servizi pubblici, è la scena classica di un film già visto in tante parti del mondo.

Non ci si arriva per caso, anzi, spesso è uno degli obiettivi neanche troppo nascosti della lunga strategia di logoramento del settore pubblico, la cosiddetta "starve the beast". La bestia è lo stato, nemico ideologico da affamare, sottraendo continuamente risorse necessarie al suo funzionamento. La qualità dei servizi che esso eroga al cittadino diminuisce. Il cittadino lo nota e incomincia a chiedersi se davvero valga la pena mantenere in piedi con le proprie imposte un servizio pubblico sempre più scadente.

Poi arrivano i salvatori della patria, che comprano l'azienda o servizio pubblico a un prezzo conveniente e ne estraggono profitti. Quando va bene, il nuovo proprietario del servizio ex-pubblico lo eroga in modo più selettivo e a costi maggiori per il cittadino. Quando va male, scorpora la parte migliore da quella cattiva, scarica i costi sulla collettività (bad companies), sfrutta gli attivi ancora va...



Inviato da iPhone

Svendite crisi: ora il Qatar va a fare la spesa anche in Grecia


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Svendite crisi: ora il Qatar va a fare la spesa anche in Grecia

astirpalace.png

Mi piacerebbe poter dire che su questo blog stiamo seguendo la campagna acquisti qatariota in tutti i Paesi in crisi, ma non è vero. In realtà, sono le notizie dal Qatar che saltano agli occhi una settimana sì e una no, non c'è insomma alcun bisogno di seguirle.

Continua a leggere Svendite crisi: ora il Qatar va a fare la spesa anche in Grecia...

Commenta »






Inviato da iPhone

Non ci sfidate: ecco perché gli Italiani hanno votato Grillo. Dal Wall Street Journal


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Non ci sfidate: ecco perché gli Italiani hanno votato Grillo. Dal Wall Street Journal

Gli Italiani hanno votato Grillo perché era l'unico modo di provare a cambiare le cose. Scrive il Wall Street Journal, il Movimento 5 Stelle era l'alternativa, quella che Bruxelles e l'Europa non vogliono vedere.

L'Europa ha tracciato un percorso per uscire dalla crisi, ma chi ha stabilito che sia quello giusto? Continuando a ripetere che "seguire il programma" è l'unica alternativa, l'Europa sta sfidando la Democrazia e gli elettori Europei, ma le risposte non tardano ad arrivare.

Dal Wall (...)


-
News
/
,
,
,
,


Inviato da iPhone

Slovenia in crisi e vicina al default. Ecco tutte le Nazioni vittime dell'austerity


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Slovenia in crisi e vicina al default. Ecco tutte le Nazioni vittime dell'austerity

Un altro Paese europeo rischia il default. In mezzo alle vicissitudini politico-economiche che in questo momento stanno affliggendo l'Italia e l'intero continente, la notizia rischia di far meno rumore, ma gli effetti potrebbero comunque essere pesanti.

La Slovenia è in crisi: il Parlamento di Lubiana ieri sera ha votato una mozione di sfiducia nei confronti del Premier Janez Jansa, anche lui sotto accusa per corruzione (secondo l'authority avrebbe nascosto al Fisco 210.000 euro). Al suo posto (...)


-
Economia internazionale
/
,
,
,
,
,
,
,
,
,


Inviato da iPhone

Video: In Grecia e in Italia sono stati piazzati dei governi fantoccio


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Video: In Grecia e in Italia sono stati piazzati dei governi fantoccio

  Fantastico Nigel Farage al parlmento europeo: viviamo in un'Europa dominata dalla Germania. 16/11/11 Licenza CreativeCommons: Scarica e ri-carica questo video su tuo canale! Fonte: http://t.co/rJ3pRgyF Facebook: http://t.co/vPGNjPFS Daily: http://t.co/Pe345x83 YouTube: http://t.co/ThuheEnP


Inviato da iPhone

L’Italia è ai rigori finali?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

L'Italia è ai rigori finali?

Il punto di Die Zeit sulla situazione politica del nostro paese


Inviato da iPhone

E lasciamoli divertire (per ora...). Economist: Che entrino i Clowns...


Ti è stato inviato tramite Google Reader

E lasciamoli divertire (per ora...). Economist: Che entrino i Clowns...

Dopo la battuta dell'avversario della Merkel Steinbrück: "in Italia hanno vinto due Clown"
non poteva mancare la classica copertina dell'Economist....
"Che entrino i clowns"
Leggete anche i profili di Grillo e Berlusconi: sono molto divertenti...

E vabbè...
so' ragazzi...
e non hanno ancora capito la portata del Virus M5S, che potrebbe presto contagiare anche loro...
Beppe Grillo travolge l'Europa: l'analisi degli osservatori
Lasciamoli divertire...
per ora....;-)

E nel frattempo...
ci divertiamo pure noi...insieme a Grillo....: immagino come se la stia spassando :-)
Ah! Ah! Ah!
Grillo: se proprio Pd e Pdl vogliono governabilità possono sempre votare fiducia a primo governo M5S
.


Inviato da iPhone

Mps: Codacons, impugneremo sottoscrizione Monti bond a Tar


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Mps: Codacons, impugneremo sottoscrizione Monti bond a Tar



(Pubblicato il Thu, 28 Feb 2013 15:03:00 GMT)


Inviato da iPhone

Mps: completata emissione Monti Bond


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Mps: completata emissione Monti Bond



(Pubblicato il Thu, 28 Feb 2013 14:34:00 GMT)


Inviato da iPhone

Del Vecchio: "Grillo premier? Perché no"


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Del Vecchio: "Grillo premier? Perché no"

Il patron di Luxottica non è affatto spaventato dall'affermazione del Movimento 5 Stelle alle elezioni e, in modo provocatorio, apre alla possibilità [...]




Inviato da iPhone

Ecco che arrivano i rimborsi ai partiti e Grillo parte con la proposta a Bersani

Ecco che arrivano i rimborsi ai partiti e Grillo parte con la proposta a Bersani:

A Beppe Grillo 42 mln di euro

Vediamo cosa risponderà Bersani, accetterà la proposta di rinunciare a 45,8 mln di euro da subito? Sa di ricatto, ma sa anche di rispetto degli impegni presi con gli italiani, se Bersani fa come prima cosa questa avrà Grillo dalla sua parte, bhè dopo tutto non dimentichiamoci che noi abbiamo votato un referendum per non dare soldi ai partiti, sarebbe un gesto solidale con gli italiani!
Grillo (2)
Ammontano a circa 42,7 milioni i rimborsi elettorali che il Movimento Cinque Stelle dovrebbe ricevere grazie ai suoi risultati alle urne. Il Movimento di Beppe Grillo ha però annunciato (prima del voto) che intende rinunciare a questo tipo di finanziamento. Fondi che però perderebbe comunque se non approverà uno statuto interno. E in molti si chiedono se i soldi verranno devoluti in beneficienza o se verranno lasciati allo Stato. Il partito con maggiori rimborsi è il Pd, con 45,8 milioni. Al Pdl andranno 38 milioni e a Monti 15. "Se Bersani vorrà proporre l'abolizione dei contributi pubblici ai partiti sin dalle ultime elezioni lo voteremo di slancio", ha scritto Beppe Grillo su twitter. Il povero bersani che ora si sta abituando ad indossarlo il giaguaro, più che a smacchiarlo deve sopportare anche questo:"Bersani e' uno stalker politico, un morto che parla, non voteremo mai la fiducia al suo governo".Beppe Grillo torna ai toni da campagna elettorale e .................

Italia: successo asta sui titoli del debito. Ma ecco il risvolto della medaglia

Italia: successo asta sui titoli del debito. Ma ecco il risvolto della medaglia:
Gli operatori di mercato si sono preparati per il peggio prima dell'ultima asta sui titoli del debito italiano. Si può dar loro torto? I rendimenti obbligazionari sono schizzati proprio il giorno prima, il che suggerisce che il governo può avere difficoltà a trovare acquirenti per il suo debito a medio e lungo termine. Successo inaspettato
Ma con sorpresa di tutti, l'asta si è rivelato un successo! L'Italia ha venduto il numero massimo di 6,5 miliardi di euro di obbligazioni. Tuttavia, si (...)
- Economia internazionale / , , , , , ,

Stipendi statali congelati: nessun aumento fino al 2014

Stipendi statali congelati: nessun aumento fino al 2014:
Arriva il congelamento degli stipendi statali fino al 2014: non è un fulmine a ciel sereno, ma quanto predetto ai tempi della spending review e della Legge di Stabilità. Il decreto, proposto da Patroni Griffi e dal Ministro dell'Economia Vittorio Grilli, sarà firmato a breve da Mario Monti. Con ogni probabilità, nulla potrà fare l'esecutivo di Centrosinistra per cambiare le cose. I dipendenti statali, oltre al congelamento degli stipendi fino al 2014, si vedranno anche bloccare l'indennità di (...)
- Lavoro e Diritti / , ,

Il boom di Grillo grazie agli elettori del Pd

Il boom di Grillo grazie agli elettori del Pd:
grillo urla Il boom di Grillo grazie agli elettori del Pd
Non avendo a disposizione strumenti per un’analisi dei flussi elettorali, mi sono affidato al buon senso, e all’analisi politica fondata sui dati elettorali e sul turnout di centrodestra e centrosinistra nelle precedenti elezioni (2006 e 2008). Il risultato è questo articolo, la cui tesi (gli «elettori di Grillo sono per 2/3 di sinistra») ieri pomeriggio, mentre scrivevo, veniva confermata dall’analisi dei flussi dell’Istituto Cattaneo, che oggi è nascosta a pagina 23 del Corriere, dopo che prima e dopo il voto sondaggisti, stampa e politici di sinistra hanno sostenuto che il M5S pescava voti in egual misura a sinistra e a destra.
Non è così, come ho cercato di spiegare: il Pd ha perso voti quasi solo verso Grillo, mentre il Pdl ha perso elettori soprattutto verso l’astensione e verso Monti. E probabilmente bisogna sommare gli astenuti di oggi rispetto al 2008 a quelli del 2008 rispetto al 2006, perché gli astenuti del 2008 erano della sinistra radicale che oggi sono tornati alle urne per votare Grillo. Gli elettori di................

La Germania ordina: «Fate presto un Monti-bis»

La Germania ordina: «Fate presto un Monti-bis»:


Per bocca del suo ministro delle Finanze, Wolfgang Schaeuble, mercoledì il governo tedesco è tornato ad impicciarsi della politica interna italiana, commentando il risultato delle elezioni.
Il diktat: le forze politiche si affrettino a formare un governo stabile. L’ordine è un Monti-bis o un governo Pd-Pdl guidato da un eurofanatico.
«Il risultato elettorale italiano ha disseminato i mercati di dubbi sulla formazione di un governo stabile. Quando nascono questi dubbi c’è pericolo di contagio – ha spiegato all’agenzia Reuters – Lo abbiamo visto un anno fa, quando le elezioni in Grecia hanno determinato insicurezza politica. Altri paesi sono stati infettati».

fonti:http://voxnews.info/
Per rimanere aggiornato sui nostri articoli, seguici su: &nbsp&nbsp Seguir a @https://twitter.com/LoSaiEu&nbsp&nbsp

Bersani e Berlusconi, adesso chi è il populista?

Bersani e Berlusconi, adesso chi è il populista?:
Il Cavaliere diventa improvvisamente “responsabile”. Il leader Pd scopre il fascino di Beppe Grillo
read more

Alla romana!!!!

Alla romana!!!!:
fattura

Tecnicamente è la prima fattura pubblicata online dai parlamentari grillini. Si tratta del conto al Bar del Fico, locale romano, dove il lunedì della vittoria duecento tra neo-eletti, attivisti, simpatizzanti, addetti stampa del Movimento 5 Stelle e giornalisti hanno cenato per festeggiare l'enorme successo elettorale. 1841 euro in pizze, focacce, bucatini all'amatriciana, fritti e fiumi di vino (..) La prima cena romana ufficiale del Movimento 5 Stelle ha però un risvolto quasi comico: come scrive Padalino sul blog, molti dei giornalisti che hanno.............

Tutte le case e le auto che i politici hanno comprato e venduto

Tutte le case e le auto che i politici hanno comprato e venduto: Tra dimore a Mambrui e nuovi immobili a Roma c'è chi risparmia e rottama la sua Punto oppure opta per meno cilindrata nella sua BMW

DOW JONES: chiude a massimi di sempre. Ora è test doppio massimo.

DOW JONES: chiude a massimi di sempre. Ora è test doppio massimo.:
La chiusura di ieri sera del Dow Jones è stata sicuramente sorprendente. Mai nella storia l’indice dei principali titoli industriali di Wall Street aveva raggiunto e chiuso sopra 14075.
Per essere pignoli, sopra a questo livello il DJ c’era già stato, ma non in close e solo nell’intraday, quando toccò quota 14195.
Il grafico weekly segnala, come ben sappiamo, uno scenario di ipercomprato. Ed in passato, quando si sono raggiunti questi livelli, la correzione non si è mai fatta aspettare più di tanto.
Ovviamente queste quotazioni sono figlie di una politica monetaria espansiva che ha provveduto a generare ricchezza artificiale, una bolla dei tempi moderni che il mercato ancora non sta subodorando.

Grafico Dow Jones Weekly

Intanto però interessante vedere cosa è successo ieri sera a Wall Street. L’ETF più ...............i!)

USA: cos'è il Sequester? Crisi economica o politica?

USA: cos'è il Sequester? Crisi economica o politica?:
Alle numerose battaglie fiscali di Washington sono stati dati i nomi più disparati, l'ultimo dei quali il "fiscal cliff". Oggi si torna a parlare di questioni fiscali dagli Stati Uniti, perché mancano poche ore prima che abbia il via il "sequester" un giro di tagli alla spesa pubblica americana pari a 85 miliardi di dollari soltanto per il 2013; un problema di natura economica, ma dai toni inevitabilmente politici.
Cos'è il sequester?
Come ampiamente anticipato, gli Stati Uniti dovranno (...)
- News / ,

PD STYLE/ In Campania spunta il futuro senatore parente del clan camorristico Zaza

PD STYLE/ In Campania spunta il futuro senatore parente del clan camorristico Zaza:

Di candidature (perlomeno) inopportune a firma Bersani abbiamo parlato diffusamente, soprattutto nel territorio campano. Molti di questi sono stati eletti. È il caso, ad esempio, dell’ex commissario Massimo Paolucci (di cui parla la stessa Rosaria Capacchione – anche lei eletta – in una sua inchiesta). Tra gli eletti in Campania, però, spicca anche un altro nome perlomeno poco opportuno. Si tratta di Vincenzo Cuomo, prossimo senatore della Repubbica. Nonostante la sua parentela con la potente famiglia camorristica Zaza. E nonostante nel 2003 la città di Portici (allora Cuomo era vicesindaco) sia stata sciolta per Leggi tutto...

Prepariamoci alle contromisure dell'Europa delle Banche

Prepariamoci alle contromisure dell'Europa delle Banche:
La portata di quanto accaduto alle elezioni italiane, con l'ingresso in Parlamento, e per la prima volta in numeri importanti, di una forza politica che si dichiara in forte contrasto con quelle esistenti, va ben oltre l'Italia. I timori a livello europeo, almeno quelli che trapelano dalle ultime irrequietezze non solo dei mercati, ma anche degli esponenti della Commissione, non sono del tutto campate in aria. 
Perché una cosa è certa: l'impasse politico italiano, e la testimonianza che in ogni caso è possibile l'affermarsi di una forza politica altra all'interno degli schieramenti ufficiali inginocchiati verso l'Europa, è cosa che ha riaperto ferite mai chiuse in Unione Europea.
di Valerio Lo Monaco Per Abbonati

L’unionismo, l’euro e la germania euronazista di Eugenio Orso

L’unionismo, l’euro e la germania euronazista di Eugenio Orso:
Le dichiarazioni sprezzanti di politici e ministri tedeschi di diversi partiti, dirette contro il popolo italiano prima ancora che contro politici nazionali vecchi e nuovi, ci riportano indietro di decenni, ai tempi della seconda guerra mondiale e dell’armistizio, tempi in cui i crucchi indossavano le divise nere delle SS e consideravano gli italiani un popolo di vili e di traditori, non risparmiandogli violenze indiscriminate e stragi di massa. Oggi, invece, gli è sufficiente aspettare che moriamo di....................

Warren incalza Bernanke sul sostegno alle big banks

Warren incalza Bernanke sul sostegno alle big banks:
Warren aLa neo-Senatrice USA Elizabeth Warren prosegue nella sua campagna contro i salvataggi al sistema delle banche speculative, mettendo alle strette il capo della Fed Ben Bernanke durante un’audizione pochi giorni fa, il 26 febbraio.
Nel video (pazientate che nei primi secondi è muto) – da mostrare ai nostri politici per incoraggiarli a fare altrettanto – Warren si riferisce ad uno studio che indica come le grosse banche di fatto ricevono un sussidio di 83 miliardi di dollari all’anno; sono pertanto legittimati gli azzardi speculativi dei grandi istituti bancari nella presunzione che lo...................

L'Italia può fare come la Grecia? La Germania lancia l'allarme

L'Italia può fare come la Grecia? La Germania lancia l'allarme:
Da Berlino, il ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble, lancia l'allarme, dicendo che l'Italia potrebbe fare la fine della Grecia, scatenare un'altra tempesta sui mercati e contagiare gli altri paesi europei. Ha perciò esortato i politici italiani a formare subito un governo stabile e continuare con la strade delle riforme intrapresa da Monti.
Le frasi utilizzate da Schaeuble ricordano molto quelle usate ai tempi del primo voto sulla Grecia. Ma cosa successe realmente nel paese (...)
- Economia internazionale / , , ,

M5S: inciuciare con chi ha distrutto il Paese e obbedisce allo spread?

M5S: inciuciare con chi ha distrutto il Paese e obbedisce allo spread?:
grillovfor.jpg
Oh no, ricomincia la farsa. Neanche due giorni di riposo, e ripartono insulti e offese verso il 5 Stelle, ora che Grillo gli ha rotto il giocattolo. C'è da chiedersi come mai venga tanto auspicata un'alleanza con gente che si disprezza tanto profondamente e si odia da mesi, viene il sospetto che la sete di poltrone e la paura di perdere voti costringano tanti a turarsi il naso a tal punto. Altro che "sogni di sinistra".
Continua a leggere M5S: inciuciare con chi ha distrutto il Paese e obbedisce allo spread?...
Leggi i commenti (10) »




La casta politica: i senza-seggio e i trombati consolati dai maxi vitalizi

La casta politica: i senza-seggio e i trombati consolati dai maxi vitalizi:

FONTE ORIGINALE: www.corriere.it  di Sergio Rizzo

ROMA – Teodoro Buontempo avrà di che consolarsi. Trombato alle elezioni della Camera, il presidente della Destra porta a casa doppio vitalizio. Deputato per cinque legislature, si è ritrovato assessore della Regione Lazio nel momento in cui si cancellavano per legge i vitalizi (naturalmente dal giro successivo), ma estendendo contemporaneamente quel beneficio ai componenti della giunta. Avendo avuto Buontempo due vite politiche, ecco che gli spettano due vitalizi. Un’assurdità in piena regola, però mai corretta. Con il risultato che non soltanto ci sono in .............

Se il problema fosse solo la governabilità


italiaEd ora, in particolare a sinistra, si grida allo scandalo: come si fa a votare Grillo che vuole solo sfasciare? Come si fa a credere alle balle di Berlusconi dopo vent’anni? Insomma, ora sembra che gli italiani che non votano nel senso della governabilità siano matti. In realtà ognuno è libero di votare come gli pare e comunque, secondo questo ragionamento, si dovrebbe solo rinforzare il partito già in vantaggio sempre e comunque; poi un conto sarebbe stato votare Monti nel senso di un’alleanza, un altro votare PD+Sel, che se anche avesse garantito “numeri da governabilità” non garantivano certo governabilità nel senso delle riforme gradite ai mercati, da cui in fondo dipende il rifinanziamento del debito e via discorrendo.

50 anni di "semplice" inflazione

50 anni di "semplice" inflazione:


Che grafico edificante! Sono i prezzi delle commodity in dollari dal 1960 (si era ancora in un Gold Standard sino a ferragosto del 1971) ad oggi. Che sono le commodities? Tutto ciò che serve: petrolio, cacao, gas, riso, zucchero, metalli di base, metalli preziosi.... se seguite la linea dell'oro e dell'argento vedete che in una 50ina d'anni hanno segnato un 16-18x. Insomma l'oro ha visto crescere il suo prezzo di più di un 1800%. Ecco cosa significa una semplice inflazione in pochi decenni.







se volete potete leggere il breve articolo da cui ho preso la chart: 







Submitted by Tyler Durden on 02/27/2013 

RIMBORSI ELETTORALI/ Quanto prenderanno i partiti? Ma Fini, Ingroia e Giannino a bocca asciutta.

RIMBORSI ELETTORALI/ Quanto prenderanno i partiti? Ma Fini, Ingroia e Giannino a bocca asciutta.:


Il momento clou è arrivato. Sui partiti entrati in Parlamento – Movimento 5 Stelle compreso - sta per piovere una marea di denaro. 159 milioni di euro per la precisione. Quanti rinunceranno? Ma ecco le cifre, sigla per sigla.


Leggi tutto...

Elezioni Italiane: chi ha perso veramente è Angela Merkel...

Elezioni Italiane: chi ha perso veramente è Angela Merkel...: Come spesso accade,

ottima analisi di W. Münchau,

editorialista del Financial Times e "crucco" pensante....

Se come dice il " tenero" Steinbrück  (leader SPD):

"in Italia hanno vinto due Clown" (e non ha tutti torti...anche perchè Grillo è comico di mestiere...mentre Berlusconi è comico di suo...)

beh...forse la responsabilità è anche della Merkel, della Germania e della "loro" Eurozona.

E vedrete cari amici tedeschi che Grillo potrebbe farvi ridere molto meno di quanto...



[clicca sul titolo per leggere tutto il post]

Tempesta perfetta

Tempesta perfetta:

 "

tempestadi Dante Barontini - Contropiano.

Viviamo in tempi rivoluzionari, ma non vogliamo prenderne atto. Usiamo questa espressione in senso ‘tecnico’, non politico-ideologico. Non ci sono masse intorno al Palazzo d'Inverno, ma la fine di un mondo. Il difficile è prenderne atto.
Si sta rompendo tutto, intorno a noi e dentro di noi, ma quando ci dobbiamo chiedere – fatalmente - ‘che fare?’ ci rifugiamo tutti nel principio-speranza, confidando che le cose, prime o poi, tornino a girare come prima. Per continuare a fare le cose che sappiamo fare, senza scossoni.

Non possono tornare come prima.

Leggi tutto

Carlo Ponzi, alias lo Zio Sam

Carlo Ponzi, alias lo Zio Sam:


Carlo “Charles” Ponzi era un truffatore Ponziche potremmo definire il Bernie Madoff della sua epoca. Per due anni, dal 1918 al 1920, vendette un sogno impossibile: un investimento che rende ai sottoscrittori il 50% in 45 giorni. Pagava i vecchi investitori con il denaro dei nuovi investitori. Questo schema è stato imitato sin da allora.


Tutti gli schemi di Ponzi si caratterizzano per cinque elementi:


  1. La promessa di rendimenti di entità statisticamente impossibile;

  2. Una descrizione dell’investimento che non ha alcun senso economico;

  3. Investitori avidi che pretendono qualcosa in cambio di niente;

  4. Una volontaria sospensione dell’incredulità da parte degli investitori;

  5. La furente opposizione degli investitori alla esposizione pubblica a seguito delle indagini.



Stranamente, molti schemi di Ponzi contengono anche un sesto elemento: la riluttanza del truffatore a smettere e scappare finché è ancora in tempo. Bernie Madoff è l’esempio supremo, ma fu Ponzi stesso ad inaugurare la tradizione.


Lo schema, una volta avviato, procede verso la sua fine matematicamente inevitabile. Sin dal ..................

Jacques Sapir: Le elezioni italiane e l'insostenibile austerità dal volto umano

Il commento di Jacques Sapir sulle nostre elezioni :  la ribellione legittima degli italiani e le scelte della "sinistra"
Appena usciti i risultati delle elezioni italiane, i commenti erano all'ordine del giorno. Anche il governo francese si è affrettato a fare una dichiarazione per minimizzare l'importanza di questi risultati. Sarebbe stato meglio se si fosse confrontato direttamente con la realtà, almeno per trarne delle lezioni. Ma si preferisce mantenere un atteggiamento di rifiuto, questa volta con il sostegno di una parte della stampa francese, che non ha fatto altro che cantare le lodi del leader del Pd, Luigi Bersani o del tecnocrate Mario Monti divenuto uomo politico....Continua a leggere

Fiducia? What's fiducia?

Fiducia? What's fiducia?:


Pierluigi Bersani Movimento Cinque Stelle Beppe Grillo



 Quindi improvvisamene gli attivisti del Movimento Cinque Stelle si sarebbero bevuti il cervello. Tutti insieme. Dopo avere combattuto per anni il Pdl e il Pd-L, dopo avere mandato "affa" tutto e tutti, improvvisamente, giunti nelle segrete stanze del potere, colpiti dall'ebrezza di qualche carica alla Camera o al Senato, sarebbero tutti per votare la fiducia a Bersani & Co. Ovviamente parliamo dello stesso Pd che ci ha regalato la tassa da 4 miliardi servita a pagare i conti di Monte dei Paschi di Siena, grazie al controllo capillare delle fondazioni bancarie e in cambio di agevolazioni di vario tipo e della stecca sugli stipendi degli uomini piazzati nelle posizioni chiave (vedi donazioni da quasi un milione di euro da parte di Mussari). E parliamo dello stesso PD che non ha mai fatto la legge sul conflitto di interessi ma che ha inciuciato con Forza Italia prima e con il Pdl poi. Ed è sempre lo stesso PD accanito europeista che va a chiudere la campagna elettorale a Berlino dopo avere votato e difeso ratifiche di trattati di sterminio di massa, come il Fiscal Compact e il Mes, e che è il più accanito sostenitore degli Stati Uniti d'Europa. Lo stesso PD che copia le parlamentarie di Grillo ma riserva i posti chiave per le solite Bindi & Co. Lo stesso Pd di Violante, di D'Alema, del Copasir, quello che mandava i cinesi a votare alle primarie in Campania, quello di "abbiamo una banca", quello di Prodi che ci ha portato nell'Euro, quello della Goldman Sachs che lo sostiene apertamente, quello del golpe morbido di Giorgio Napolitano, quello che...................

Ecco l’elenco completo di tutti gli impresentabili eletti nel nuovo Parlamento: uno Stato imbarazzante

Ecco l’elenco completo di tutti gli impresentabili eletti nel nuovo Parlamento: uno Stato imbarazzante:


Il conteggio è imbarazzante. Tra indagati, condannati e pregiudicati il nuovo Parlamento non sarà poi tanto diverso da quello di ieri. Un esercito bipartisan (la stragrande maggioranza Pdl, ma tante ombre anche su Pd e Terzo Polo) formato da storici onorevoli in cerca di immunità, ma anche da new entry – per così dire di tutto rispetto. E non si può nemmeno dire che li abbiano scelti gli elettori, visto che le nomine sono state in gran parte decise a tavolino dai leader dei partiti. Tanti, come vedremo, i personaggi legati alla criminalità. Ma non solo. Buona
Leggi tutto...


Governo #BungaBersani in Arrivo (il teatrino intorno al Movimento 5 Stelle)

Governo #BungaBersani in Arrivo (il teatrino intorno al Movimento 5 Stelle):

 Governo #BungaBersani in Arrivo (il teatrino intorno al Movimento 5 Stelle)

Il teatrino dei media sussidiati continua. Smitizziamolo.

A leggere i giornali e vedere i telegiornali appare che “la base” del M5S vuole il governo Pd-M5s.

Di grazia… quale sarebbe la base del M5S? Ci sono incluso anche io, bieco speculatore e ex-elettore leghista? C’è una base più base delle altri basi?

No evidentemente no, quasi tutti gli iscritti e gli elettori del M5S sono ex-qualcosa: ex-iscritti a partiti, ex elettori di destra-centro-sinistra, ex-miltanti/simpatizzanti, perfino ex-politici eletti.

E’ naturale che su milioni di neo elettori del M5S ci sia una cospicua parte di cittadini che inorridisce all’idea del prossimo governo Bunga-Bersani e dunque spinge per un...............