01/03/13

Mps, con i Monti bond il fabbisogno del settore statale schizza a 12,5 miliardi


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Mps, con i Monti bond il fabbisogno del settore statale schizza a 12,5 miliardi

Gli aiuti a Monte dei Paschi di Siena pesano sui conti del Tesoro. Il fabbisogno del settore statale è salito nel mese di febbraio a 12,5 miliardi di euro, dai 7,8 miliardi dello stesso periodo del 2012. L'aumento, come spiega una nota del Tesoro, è legato al "venir meno dell'incasso di oltre 4 miliardi realizzato nel 2012 per il riversamento degli enti sottoposti al regime della tesoreria unica" e all'effetto da circa 2 miliardi relativo alla sottoscrizione dei Monti bond per la banca senese.

Monte dei Paschi ha fatto sapere nei giorni scorsi di avere completato l'emissione dei Monti bond per un importo complessivo di 4,07 miliardi, specificando che "1,9 miliardi sono destinati all'integrale sostituzione dei cosiddetti Tremonti Bond già emessi dall'istituto senese nel 2009″. E che altri 171 milioni sono invece a titolo di pagamento anticipato degli interessi maturati al 31 dicembre 2012 sui Tremonti Bond, in considerazione del fatto che il risultato d'esercizio 2012 è in perdita.

Il Tesoro, nella nota sul fabbisogno del settore statale, ha spiegato che in termini omogenei, ovvero al netto delle suddette "partite straordinarie", il fabbisogno del mese, rispetto a quello dello scorso anno, risulta essere migliorato di circa 1,5 miliardi.



Inviato da iPhone

Goldman Sachs promuove Grillo e il M5S. Ecco le ragioni


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Goldman Sachs promuove Grillo e il M5S. Ecco le ragioni

Ingovernabilità, caos, sfiducia, incertezza. Questo è il vocabolario politico dell'Italia negli ultimi giorni. La novità dello tsunami Grillo ha spiazzato un pò tutti, soprattutto tutti quelli che l'avevano sottovalutato e che mai avrebbero immaginato il suo ingresso nel Parlamento. L'UE e i mercati hanno paura del clima di antiausterity e antieuropeismo che Grillo potrebbe portare con sé, lo hanno confermato più volte. Tuttavia, c'è una voce che emerge fuori dal coro e promuove Grillo e il suo M5S, (...)


-
Piazza Affari
/
,
,
,
,


Inviato da iPhone

USA, cominciano i tagli al budget


Ti è stato inviato tramite Google Reader

USA, cominciano i tagli al budget

Democratici e repubblicani non hanno trovato un accordo per ridurre il deficit


Inviato da iPhone

GRILLO AMATO DALLE BANCHE D'AFFARI


Ti è stato inviato tramite Google Reader

GRILLO AMATO DALLE BANCHE D'AFFARI

DOPO MEDIOBANCA E' LA VOLTA DI GOLDMAN SACHS CHE SALE SUL CARRO DEL VINCITORE.....PROPRIO COME AVEVA CERCATO DI FARE DAVIDE SERRA CON RENZI!
L'INTERO ESTABLISHMENT AMERICANO STA APPOGGIANDO GRILLO
SAREBBE IL CASO CHE GRILLO PRENDA LE DISTANZE DA CERTE CATTIVE AMICIZIE...O QUALCUNO POTREBBE COMINCIARE A DOMANDARSI SE DIETRO IL PERCORSO DI GRILLO NON CI SIA LO ZAMPINO DEI SERVIZI SEGRETI E DEI BANCHIERI STRANIERI....VISTO CHE MONTI HA FALLITO....OCCORRE UN ALTRO CAVALLO DI TROIA...E POI SI SA...IN ITALIA E' IMPOSSIBILE GOVERNARE SENZA L'OK AMERICANO!


Inviato da iPhone

La vendetta di Monti: elezioni deludenti? Bloccati gli stipendi ai dipendenti pubblici.


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La vendetta di Monti: elezioni deludenti? Bloccati gli stipendi ai dipendenti pubblici.

Il debito pubblico che viaggia intorno ai due mila miliardi di euro è la giustificazione ufficiale. Fatto sta che Mario Monti e il suo governo tecnico hanno messo in atto la loro ultima impopolarità, pensando bene di sfornare un decreto in cui si bloccano gli stipendi per i 3 milioni di dipendenti pubblici. A destare forti sospetti è la tempistica di un provvedimento che arriva il giorno dopo le deludenti elezioni cui l'ormai ex Premier ha partecipato con la sua Scelta Civica. Vendetta, tremenda vendetta, contro quanti non lo hanno votato? 



Leggi tutto...



Inviato da iPhone

Serve Draghi

Siamo a posto!!!!
zio



Serve Draghi: Mario Draghi è l’uomo giusto. Un governo da lui presieduto potrebbe far cose ad altri precluse. Se ne dà per...

IMPORRE UN GOVERNO PRO BILDERBERG DESTABILIZZANDO LE BANCHE ITALIANE

IMPORRE UN GOVERNO PRO BILDERBERG DESTABILIZZANDO LE BANCHE ITALIANE: IMPORRE UN GOVERNO PRO BILDERBERG DESTABILIZZANDO LE BANCHE ITALIANE   Per imporre in Italia un governo compiacente alla linea che molti oggi chiamerebbero “Linea Bilderberg”, o “Linea Monti-Merkel-Goldman Sachs”, nonostante l’esito elettorale dell’ultimo voto politico, potrebbe essere a breve orchestrata una crisi bancaria italiana che terrorizzi la popolazione e crei il consenso per un governo [...]

L’ultimo regalo di Fini e dei deputati: 30 nuovi assunti alla Camera

L’ultimo regalo di Fini e dei deputati: 30 nuovi assunti alla Camera:
Quando pure l’aria condizionata di Montecitorio si faceva irrespirabile, per quel vento implacabile contro la casta, il solerte ufficio di presidenza emanava comunicati a raffica: risparmiamo di qua, tagliuzziamo di là. E sciorinava piani triennali: la Camera ha cassato 150 milioni di euro. D’un colpo. Ora che mezza casta è rimasta a casa, prima di consegnare il testimone, il medesimo ufficio di presidenza da Gianfranco Fini (non eletto) e con i rappresentanti di Lega, Pdl, Udc, Idv, Pd e deputati di agglomerati sciolti – prepara una succosa delibera per l’ultima riunione del 5 marzo: 30 assunti a tempo indeterminato. D’un colpo, ancora. I contratti non cadono per sbaglio: vanno a proteggere i collaboratori, fidati assistenti e segretari, che hanno lavorato per i 18 componenti dell’ufficio di presidenza. Ci sono a disposizione 30 posti, ancora da spartire, ma che .............

Il destino beffardo di Bersani

Il destino beffardo di Bersani:  Il destino beffardo ed atroce si prende gioco di Pier Luigi Bersani

 L'insuccesso di Monti e la caduta verticale di Vendola hanno fregato Bersani. Gli sono mancati i numeri per fare un governo con Monti. Sono certo che non avrebbe avuto alcuna difficoltà a fare un governo con Monti da parte di Vendola che si è convertito da un pezzo alla real politik.  E' mancato a Bersani un briciolino per sfondare alla grande la porta del successo. Quanti rosi dalla invidia erano e sono gelosissimi del successo che aveva avuto  alle primarie  non hanno esitato a metterlo sotto processo. I telefoni dei congiurati del palazzo pdieno sono diventati bollenti in questi giorni.
 Ora si trova assediato dagli squali e dai lupi mannari che infestano la sede di Via  Nazzareno. La grande destra confindustrialista affila le sciabole in punta alle quali si propone di portare Renzi al governo. Renzi diventa il candidato non solo del PD ma di tutta la destra "riformista" italiana (e probabilmente europei). L'avere scelto Ichino come suo consulente per i problemi del lavoro ha rassicurato i "mercati" che gioiscono solo dove scorre il sangue operaio e dove i sindacati (veri) vengono messi fuori gioco.
  Intanto l'elettorato del pd è traumatizzato. Stamani il direttore di una agenzia UNipol mi mostrava tutta la sua costernazione per l'insuccesso. Se si dovesse andare alle urne il PD rischia una randellata spaventosa.
  Ma come per andare a votare bisogna sciogliere le Camere che ancora non si sono formalmente costituite. Napolitano non può sciogliere le Camere.  Si presenta un groviglio istituzionale incredibile. Che cosa succederà?

Crolla reddito personale Usa (-3,6%)

Crolla reddito personale Usa (-3,6%): Calo maggiore dal 1993

Caso Grecia: prove tecniche di ripudio del debito?

Caso Grecia: prove tecniche di ripudio del debito?:
La Grecia dovrebbe fare come l'Ecuador. E forse lo farà. Visto che, e non è un caso, parrebbe operativo anche in terra ellenica il medesimo economista belga, Eric Toussaint, che anni addietro aiutò proprio il governo di Correa fornendo le teorie e gli strumenti per rinegoziare il debito del Paese.
Per Abbonati

Epilogo già scritto

Epilogo già scritto:
Grillo ha dato picche al garante della troika Bersani. Nonostante la spudorata offerta di voto di scambio del Gargamella. 
Al di la delle leccate viscide di facciata e alla luce delle rassicurazioni espresse in merito alla possibilità che le autorità saranno comunque in grado di partorire un governo che continui a ratificare tutte le porcate che usura comanda, dobbiamo pensare che abbiano in mente un'altra carta da giocarsi. Kerrymostra fiducia nella nostra democrazia, è conscio che quasi tutti gli italiani vogliono le riforme. Sì, ma non quelle che intende la lobby affaristico-massonicache  egli rappresenta. Il segretario di stato Usa, in linea con la sua nazione mostra anche uno strano senso dell'amicizia, vedi Siria. Anche lui ripete "fate presto", la parola magica che evocata come un mantra in maniera ossessiva dai tirapiedi nostrani dette vita al regime Monti a suon di spread. Perché tanta fretta? In Italia si muore suicidati dalle politiche rigoriste, in assenza delle quali vi sarebbe ben più speranza di campare serenamente. Non è certo la...............

La Polonia frena: l’euro non è più l’eldorado

La Polonia frena: l’euro non è più l’eldorado:
Varsavia ritarda al 2015 la scelta della moneta unica: «Dobbiamo valutare costi e benefici»
read more

L’austerity piace a Berlino, ma solo quella degli altri

L’austerity piace a Berlino, ma solo quella degli altri:
Quando toccò a loro fare i tagli, con l’altra mano abbassavano tasse e davano sussidi
read more

Se Chiesa e Massoneria puntano le fiches sul Governissimo Pd Pdl: M5S accerchiato.

Se Chiesa e Massoneria puntano le fiches sul Governissimo Pd Pdl: M5S accerchiato.:

Nonostante lo tsunami provocato dal voto di massa al Movimento Cinque Stelle i poteri forti sperano ancora che si formi un governo dalle larghe intese che possa garantire governabilità e poltrone solide alle quali aggrapparsi. Chiesa e Leggi tutto...

Casaleggio: “Il Movimento 5 Stelle non appoggerà nessuno governo”

Casaleggio: “Il Movimento 5 Stelle non appoggerà nessuno governo”:
I leader del Movimento 5 Stelle, si sa, non amano parlare con la stampa italiana. E così Gianroberto Casaleggio sceglie ancora una volta il Guardian per la sua prima intervista post voto. La mente del M5S aveva già rilasciato un’intervista al quotidiano britannico qualche settimana fa, nella quale aveva paragonato Beppe Grillo a Gesù e aveva sottolineato l’importanza del web nella diffusione del messaggio politico del Movimento.
Ora, giocoforza, Casaleggio deve confrontarsi con l’agenda politica, che imporrebbe la formazione di un governo. Il boom elettorale ha consegnato una responsabilità forte al Movimento. Casaleggio però conferma la posizione espressa da Grillo nelle ultime ore: nessun accordo a tavolino, nessun appoggio a Bersani e al Pd. “Se si formerà un governo – dichiara Casaleggio – il Movimento 5 Stelle voterà per.............

In Grecia chi lotta contro l’evasione non paga le tasse

In Grecia chi lotta contro l’evasione non paga le tasse: Fmi e Commissione europea attaccano l'inefficienza del sistema ellenico

UN NUOVO GOVERNO? NO: UN NUOVO PARLAMENTO. QUESTO SERVE...

UN NUOVO GOVERNO? NO: UN NUOVO PARLAMENTO. QUESTO SERVE...:  

«Non capisco come una mano pura possa toccare un giornale senza una convulsione di disgusto», scriveva Baudelaire. Difficile dargli torto. Le prime pagine dei quotidiani italiani – con «La Repubblica» in testa – hanno dato ieri prova del ruolo servile della stampa nei confronti del Regime. Secondo quanto riportano i nostri giornali, infatti, la «base» del MoVimento 5 Stelle sarebbe «insorta» contro la chiusura di Grillo nei confronti di Bersani.

Come fanno a non capire? Non capiscono che un movimento forte, di opposizione radicale all’immoralità ed alla disonestà di questo Regime, di questa “casta”, non scenderà mai a compromessi con essa? Non capiscono che deputati e senatori del MoVimento non passeranno mai dall’altra parte? Il MoVimento lo ha ripetuto fin dall’inizio, fin dal suo atto di nascita: è 
una forza di opposizione al Regime, è contro i vecchi partiti e la vecchia logica politica. Questa è l’essenza del MoVimento, non compromettibile.


Ora si sta cercando di farla “saltare”, di dividere il MoVimento all’interno in nome della «governabilità», parola d’ordine di questi giorni. Da Bersani a Napolitano, da Berlusconi a Monti, tutte le vecchie forze politiche invocano .......................

AMERICA ...COSI' NON VA...I REDDITI DEGLI AMERICANI NON CI SONO PIU'!!!

AMERICA ...COSI' NON VA...I REDDITI DEGLI AMERICANI NON CI SONO PIU'!!!:
OLTRE AL SEQUESTER...CI MANCAVANO ANCHE DEI PESSIMI DATI AMERICANI...

- Mentre i prestiti agli studenti rischiano di non essere pagati con perdite consistenti per il sistema bancario americano...il dato sul personal spending Usa è risultato pari a +0,2% mentre il dato sul personal income è stato molto peggio delle attese, pari a -3,6%. Il che indica che gli americani hanno intaccato i risparmi per sostenere le spese.
Il dato sul personal income è il peggiore da 20 anni! segno che gli americani, anche se trovano lavoro...NON PORTANO A CASA NULLA ...SE NON IL NECESSARIO PER NON MORIRE DI FAME...ovvero schiavi del debito e dei mega profitti delle multinazionali ...(con il Dow Jones ai massimi storici)

QUESTO E' IL REGNO DI OBAMA..IL PIU' GRANDE DITTATORE CHE SI CONOSCA...E CHE PER IL POPOLO E' UN SALVATORE (proprio come il popolo vedeva Mussolini o Hitler)


Fuori dai denti

Fuori dai denti

gg60037622Peer Steinbrueck ha detto che in Italia sono stati eletti due clown, di cui uno con una dose eccessiva di testosterone. E l’orgoglio nazionale è insorto.
Con in testa Napolitano, che essendo in Germania, ha cancellato l’incontro con il medesimo e con il plauso di tutti.
Salvata la forma, ora tocca guardare la sostanza.
Clown Grillo. Steinbrueck non ha fatto nient’altro che ripetere quanto Grillo ha affermato sino a ieri. Lui ha sempre detto di essere un comico, per significare che quello era il suo vero mestiere e, anche che se non politico, come tanti altri cittadini, vedeva le soluzioni che i politici non vedevan

CHE SIANO TUTTI INDAGATI ... TUTTI I SEGRETARI PD CHE DICE GRILLO ....MPS: asse Mussari-sindaco Siena, ora il PD trema sul serio


MPS: asse Mussari-sindaco Siena, ora il PD trema sul serio

MPS: asse Mussari-sindaco Siena, ora il PD trema sul serio
SCANDALO | Il telefono dell'ex Ceo Mussari, "espressione dell'anima Diessina del Partito Democratico", e' stato intercettato per ben quattro mesi. Decisioni bancarie e mosse politiche concordate con Franco Ceccuzzi. Vendita al peggior offerente, purche' facesse parte del "gruppo della birreria".

Equity risk premium: l'eccezione e la regola


23388597 la-sindrome-giapponese-0Cosa insegna la teoria finanziaria in merito al rapporto rischio/rendimento? In cosa consiste l'equity risk premium? I rendimenti azionari saranno superiori a quelli obbligazionari anche nel futuro?A cosa è attribuibile l'equity premium negativo dell'ultimo decennio?
Risponde Armando Carcaterra, Direttore Investimenti ANIMA. In collaborazione con Mario Noera, docente di Economia degli intermediari finanziari presso l'Università Bocconi

DRITTI DRITTI OLTRE I 400 PUNTI COME RACCONTAMMO A BARDOLINO PRIMA DI NATALE!!!

DRITTI DRITTI OLTRE I 400 PUNTI COME RACCONTAMMO A BARDOLINO PRIMA DI NATALE!!!:










Stanno ipotizzando un nuovo governo tecnico per l'Italia, non eletto dai cittadini

Non ci sono dubbi che piuttosto di mollare l'osso faranno l'inciucissimo!!!

Un' altro governo non voluto dagli italiani per continuare a depredarci col finto scopo dichiarato di salvare le banche.....  e l'esproprio continua....  d'altronde se avete votato per il vecchio sistema dei partiti questi prima di morire si uniranno per un altro giro di tango.....



zio



Stanno ipotizzando un nuovo governo tecnico per l'Italia, non eletto dai cittadini:

Ignazio ViscoIn 67 anni di Repubblica un post-elezioni così enigmatico e così incerto non c’era mai stato e in queste ore il compito di provare ad aprire un primo varco se l’è preso il leader del partito di maggioranza relativa, Pier Luigi Bersani.

Il segretario del Pd ha fatto la prima mossa, l’apertura a Grillo e su questa linea intende giocarsi le sue carte, ma in attesa che i partiti (compreso il Pdl) completino il loro lavoro istruttorio, sono iniziati a tutti i livelli i primi sondaggi per una soluzione diversa. Di tipo tecnico. Una soluzione di emergenza che si imporrebbe nel caso in cui i partiti non trovassero la «quadra» e lo spread tornasse ad impennarsi.

A quel punto la palla tornerebbe nelle mani del Capo dello Stato, al quale non resterebbe che esplorare la strada per un nuovo «Governo del Presidente». Nelle ultime ore un primo, informalissimo sondaggio è stato compiuto per verificare la (eventuale) disponibilità di Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia, l’istituzione italiana più prestigiosa all’estero.

leggi tutto

I TEDESCHI TACCIANO, NON SIAMO MALATI

I TEDESCHI TACCIANO, NON SIAMO MALATI:

Grande Giorgio, sei tutti noi!




Ma cosa vogliono questi tedeschi? Eleggiamo chi vogliamo, noi. 

Bene ha fatto Napolitano ad annullare l’incontro! Devono smetterla di rompere, questi tedeschi. 




I clown sono loro, con quei cognomi impronunciabili! 




Bravo Giorgio, ieri di nuovo ti sei fatto valere con quello Scioibel. L’Italia non è allo sbando. Il contagio prevede una malattia, e l’Italia non ha nessuna malattia. Diglielo!

Fine del teatrino italiota. Ora le cose serie:

Il debito pubblico è al 130% del Pil;

Ci sono comuni, province e regioni in dissesto finanziario;

Lo Stato ha un debito nascosto nei confronti delle aziende per 140 miliardi di euro;

L’INPS ha un deficit di oltre 10 miliardi di euro;

Le aziende italiane in quattro anni hanno bruciato 500 miliardi di fatturato;

Tre aziende su cinque sono costrette a chiedere prestiti per pagare le tasse;

Negli ultimi cinque anni abbiamo perso 7 punti di Pil e oltre mezzo milione di posti di lavoro;

La disoccupazione è oltre l’11%, quella giovanile oltre il 38%, i precari sono quasi 3 milioni;

Le ore di cassa integrazione autorizzate continuano ad aumentare, a gennaio sono state 88,9 milioni;

Per la prima volta il numero di emigrati ha superato quello degli immigrati;

I valori immobiliari crollano, il mercato è bloccato, i negozi non vendono più;

Le aziende delocalizzano, i capitali fuggono;

Monte dei Paschi di Siena, l’istituto bancario più antico del mondo, è in bancarotta;

Il governo Monti ha messo solo tasse e non ha cambiato una virgola del sistema;

Ora con il Paese è ingovernabile la borsa va giù e lo spread su;

553114 10200829328523788 1263392013 n I TEDESCHI TACCIANO, NON SIAMO MALATI

Devo continuare..?

Qui non c’è una malattia. Qui c’è un accanimento terapeutico su un corpo ormai inerme.

Morirà, non c’è niente da fare. Il punto di non ritorno è stato superato. Urlare non cambia la realtà.

Perdete la speranza, il sistema non si autoriforma per natura. Una soluzione politica non esiste.

Un paio di ....................

Allarme pensioni: preoccupa il debito Inps

Allarme pensioni: preoccupa il debito Inps:

L'Inps ha un buco, messo bene in mostra dal bilancio di previsione per il 2013, approvato dal Consiglio di indirizzo e vigilanza, ma bocciato dalla Uil: 10,721 miliardi di euro di disavanzo finanziario di competenza, ovvero 2,762 miliardi in più rispetto al disavanzo relativo alle previsioni 2012. Un buco creato sostanzialmente dal debito dell'ex Inpdap, ora accorpato con l'Istituto nazionale di previdenza sociale. Più nel dettaglio, rispetto alle previsioni 2012, si registra un ulteriore (...)

-
Lavoro e Diritti
/

Un Parlamento senza Governo

Un Parlamento senza Governo:


Claudio Messora Byoblu La Cosa Beppe Grillo Governo FIducia



L'intervento di Claudio Messora, ieri su "La Cosa", la tv di Beppe Grillo [click]




di Paolo Becchi



 «Non capisco come una mano pura possa toccare un giornale senza una convulsione di disgusto», scriveva Baudelaire. Difficile dargli torto. Le prime pagine dei quotidiani italiani – con «La Repubblica» in testa – hanno dato ieri prova del ruolo servile della stampa nei confronti del Regime. Secondo quanto...............

La caduta del PUDE (partito unico dell’euro)

La caduta del PUDE (partito unico dell’euro):

Molto bello. Grazie all'autore o agli autori.



Watch this video on YouTube
Embedded with WP YouTube Lyte.



Elezioni, Grillo: “Nel Pd hanno la faccia come il culo, fanno il mercato delle vacche”

Elezioni, Grillo: “Nel Pd hanno la faccia come il culo, fanno il mercato delle vacche”:

Bersani propone ancora un programma di un governo a termine per alcune leggi che possano contare su un voto trasversale. Beppe Grillo gli risponde che nel Pd hanno “la faccia come il culo e che fanno compravendita di parlamentari. “In questi giorni è in atto il mercato delle vacche – scrive sul blog il portavoce dei Cinque Stelle – Al Movimento arrivano continue offerte di presidenze della Camera, di commissioni, persino di ministri. Il Pdmenoelle ha già identificato a tavolino le persone del M5S per le varie cariche dando loro la giusta evidenza mediatica sui suoi giornali e sulle sue televisioni. E’ il solito modo puttanescodi fare politica”. Insomma, se il Partito Democratico “vuole trasformare Camera e Senato in un Vietnam, il Movimento Cinque Stelle non starà certo a ...............

La crisi nelle strade di Atene

La crisi nelle strade di Atene:

"La crisi in Grecia non risparmia nessuno. Secondo il Registro Imprese Nel 2012 hanno chiuso 23.000 attività commerciali: circa 63 al giorno. Chiusi anche decine di alberghi e 6 quotidiani nazionali. Fonti non govenative parlano di 15.000 senzatetto ad Atene mentre la Chiesa ortodossa serve ogni giorno 250.000 pasti gratuiti."

da Rainews

Pressione fiscale al top, sale a 44% Pil, scende sotto livello 2001, crollano consumi

Pressione fiscale al top, sale a 44% Pil, scende sotto livello 2001, crollano consumi:

 "Record debito 2012, sale al 127%"

da Ansa

CORSA AGLI SPORTELLI: MONTEPASCHI ALLARME ROSSO PER CORRENTISTI E OBBLIGAZIONISTI

CORSA AGLI SPORTELLI: MONTEPASCHI ALLARME ROSSO PER CORRENTISTI E OBBLIGAZIONISTI:












MONTEPASCHI : GRILLO COMINCIA L'ATTACCO A BERSANI RIPARTENDO DA SIENA.


NON VORREI ESSERE NEI PANNI  DI AZIONISTI E OBBLIGAZIONISTI DETENTORI DI PRESTITI SUBORDINATI. SCOMMETTO CAFFE' CON TUTTI CHE PERDERANNO TUTTO!


COSA DIVERSA PER I DETENTORI DI OBBLIGAZIONI SENIOR (MI ASPETTO UNA FORTE PENALIZZAZIONE - RISTRUTTURAZIONE)




PER I CORRENTISTI...STAREI ATTENTO ....E' PROBABILE CHE IL FONDO A GARANZIA DEI CONTI CORRENTI INTERVENGA CON I FAMOSI 100.000 EURO O CHE LA BANCA FINISCA SOTTO LA PROTEZIONE NAZIONALE ..MA SE CIO' NON AVVENISSE?


VALE VERAMENTE LA PENA RISCHIARE?


OCCHIO AL BANK RUN...POTREBBE PARTIRE CON L'ARRIVO DI CATTIVE NOTIZIE SUL FRONTE DELLO SPREAD SOPRA I 400 PUNTI BASE...





A Milano a parlare di moneta

A Milano a parlare di moneta:

In Bocconi, su invito di Luca Fantacci

GB, banche: la crisi ha dimezzato i dividendi

GB, banche: la crisi ha dimezzato i dividendi: I dividendi corrisposti dalle banche britanniche risultano pressoché dimezzati a partire dalla crisi finanziaria globale. A dare la notizia è il Guardian...

Bersani, Grillo e il dilemma che non c’è

Bersani, Grillo e il dilemma che non c’è:


Dunque, ricapitolando. Non ha alcun senso parlare di “elezioni clamorose”: sono state elezioni prevedibilissime, che hanno stupito unicamente chi non ha – da decenni – il polso minimo della situazione (quindi quasi tutto il centrosinistra, house organ compresi). Nel Pd sono ancora dentro Ecce bombo: aspettano l’alba da una parte, e quella sorge puntualmente dall’altra.



Beppe Grillo si sta togliendo montagne di sassolini dalle scarpe, ricordando ai troppi fenomeni del Pd che questa è la Terra e non Plutone. Ci sta: la stampa riformista-cerchiobottista-piddina ha sparso su Grillo e grillini una quintalata tale di sterco che reagire con sentimenti di rivalsa dialettica è il minimo sindacale. Figuriamoci poi per Grillo, uno che fa meno fatica a sfancularti che a................

Debito pubblico salito al 127%, è il record assoluto dal 1990

Debito pubblico salito al 127%, è il record assoluto dal 1990:

di REDAZIONE

Il rapporto debito-pil italiano nel 2012 ha raggiunto il 127% al lordo dei sostegni ai Paesi dell’area euro. Lo comunica l’Istat precisando che si tratta del livello piu’ alto dal 1990, anno di inizio delle serie storiche confrontabili. Nel 2011 il debito era al 120,8% del pil. Il peso del fisco sul Pil è salito al 44%.

Il pil italiano nel 2012 e’ diminuito in volume del 2,4% (dato grezzo). Lo comunica l’Istat. L’ultima previsione del governo contenuta nella nota di aggiornamento del Def stimava un..................

Povero Grillo...

Povero Grillo...:

L’odioso epilogo del welfare greco. La sfrontata spudoratezza dell’egoismo eletto a sistema.

L’odioso epilogo del welfare greco. La sfrontata spudoratezza dell’egoismo eletto a sistema.:


Giuseppe Sandro Mela.


 Mela con il Coltello tra i Denti.9 Lodioso epilogo del welfare greco. La sfrontata spudoratezza dellegoismo eletto a sistema.





  E così il welfare greco sta avviandosi al suo odioso epilogo sulla falsariga di quanto avvenne nel periodo prodromico dell’implosione dell’Unione Sovietica.


  La notizia é scarna. Il servizio sanitario greco non ha più i mezzi per pagare medicinali anche di prima necessità e non riesce più a procurarsi il sangue necessario per le trasfusioni.


  Prima di provare compassione però per questa triste condizione, sarebbe necessario pensarci un pochino sopra, a mente fredda, e si vedrà che i Greci stanno solo raccogliendo ciò che hanno seminato.


  1. Per decenni il Governo greco è stato quanto mai munifico nel concedere assunzioni, stipendi, pensioni, prebende e servizi di ogni genere e tipo. Il rapporto tra dipendenti della pubblica amministrazione ed addetti alla filiera produttiva é stato per lustri il maggiore di Europa. Non che l’economia del paese fosse poi molto florida: il tutto era finanziato semplicemente contraendo dei debiti, fino all’attuale situazione di illiquidità ed insolvenza.


  2. I Governi che legiferarono questa simpatica politica economica furono sempre eletti a suffragio universale tramite libere elezioni: furono eletti dai Greci stessi, che quindi ne hanno la piena e totale responsabilità.


  3. Il frutto di questo retaggio culturale keynesiano, per non dire francamente socialista, é l’attuale situazione fallimentare dell’intero paese, che si connota per la...................

Per il PD sono sempre gli altri che sbagliano. Un’autocritica mai?

Per il PD sono sempre gli altri che sbagliano. Un’autocritica mai?:



E’ sempre e solo una questione d’atteggiamento. Supponente, snobista, per nulla aderente alla realtà. Il Partito Democratico è così. Poi, quando è già tardi, si sveglia e chiede scusa. “Occorre una profonda riflessione”, ti dicono. Dura poco, pochissimo. Perché dal giorno dopo torna tutto come prima.

Ne sa qualcosa Beppe Grillo, il grande trionfatore di queste elezioni politiche. “Metta in piedi un’organizzazione, si presenti alle elezioni e vediamo quanti voti prende, perché non lo fa?”, sentenziò Piero Fassino tre anni fa a Repubblica Tv. Certo, era l’epoca delle provocazioni: il comico genovese pretendeva infatti l’iscrizione di diritto tra i partecipanti alle Primarie del 2009, nonostante il ..................

Grillo: “Il governo al Movimento 5 Stelle. Se no ci pensi Monti”

Grillo: “Il governo al Movimento 5 Stelle. Se no ci pensi Monti”:

di REDAZIONE

L’ultima ‘provocazione’ si chiama governo Grillo. Volete la governabilita’? E allora, Pd e Pdl votino la fiducia ad un governo targato Movimento 5 Stelle.

Beppe Grillo lancia la sua proposta su Twitter e il web immediatamente risponde con commenti stavolta piu’ pacati e riflessivi rispetto a ieri, quando la base si era spaccata sull’ipotesi di votare la fiducia ad un governo Pd. A dar man forte a Grillo, c’e’ il blogger Claudio Messora che prima sul blog ‘sconfessa’ la mozione pro-Pd e poi in streaming su ‘Lacosa’, la web tv del Movimento 5 Stelle, lancia un’altra proposta ancora: “Il governo Monti resta in carica con una prorogatio – ipotizza – il peso delle riforme passa al parlamento, che cosi’ finalmente tornerebbe a legiferare e si potrebbero fare alcune cose urgenti”.

E tra queste ci sarebbe anche la legge elettorale. “Una sorta di governo parlamentare” lo battezza. Idea che nasce comunque come seconda ipotesi, perche’ la soluzione – sottolinea il blogger in perfetta sintonia con Grillo – sarebbe “votare la fiducia al Movimento 5 stelle che e’ il primo partito alla Camera. Date l’incarico a Grillo – prosegue – e cosi’ fate la legge elettorale, abbassate gli stipendi, annullate o riducete i rimborsi elettorali. E poi vedrete che il paese ve ne sara’ grato”. Messora, in streaming su ‘Lacosa’, e’ tornato a scagliarsi contro l’ipotesi di un voto di fiducia a favore di un .............

Pierluigi ha capito tutto – SMS

Pierluigi ha capito tutto – SMS:




Bersani: «Per me questo sarà un governo di cambiamento». Infatti: un cambiamento in stile rottamazione.

L'antitesi della crescita economica: il denaro fiat

L'antitesi della crescita economica: il denaro fiat:











di Francesco Simoncelli





[Questo articolo è apparso anche sul magazine online The Fielder.]





«Say you don't need no diamond rings

And I'll be satisfied

Tell me that you want the kind of things

That money just can't buy

I don't care too much for money

Money can't buy me love» ~ The Beatles



Lo zio Mario continua a riempirci la testa di promesse vuote che prevedono un orizzonte lontano in sintonia con l'utopia di Galeano: un passo verso suddetto orizzonte equivale a due passi indietro da parte di quest'ultimo. Il problema con questo "progresso" è solo uno: non può durare all'infinito. Infatti, Bloomberg ci delizia con una notizia succulenta:




Lars Seier Christensen, capo esecutivo presso la banca danese saxo Bank A/S, ha dichiarato che il recente rally dell'euro è un'illusione e la moneta unica è destinata a crollare perché l'Europa non l'ha sostenuta con un'unione fiscale.


"Tutta l'Europa è condannata," ha affermato ieri in un'intervista presso la sede di Dubai. "In questo momento ci troviamo ad implementare soluzioni fasulle facendo credere alla gente che il problema sia risolto o contenuto, invece è vero il contrario. [...]


"Inizierei a vendere euro in massa qualora arrivasse a 1.4," secondo Christensen, il quale ha precisato che non vuole operare alcuna scommessa speculativa sulla valuta. [...]


"Uno dei grandi problemi concerne i paesi che sono stati rovinati dall'unione nella moenta unica, in particolare le economie dell'Europa meridionale," ha detto Christensen. "Le persone hanno tremendante sottovalutato i guai che questo causerà ai francesi. Infatti, una volta che la Francia entrerà in una crisi vera e propria sarà finita. Anche la Germania non può pagare per salvarla e probabilmente non lo farà." [...]



Record di Debito


L'indebitamento pubblico è a livelli da record, essendo più che raddoppiato rispetto al 40% del PIL nel 2008. La Commissione Europea, che dovrebbe aggiornare le sue previsioni questa settimana, prevede che arriverà al 97.1% del PIL l'anno prossimo.


"E' il mondo politico che è stato particolarmente favorevole all'euro, non per ragioni economiche ma per ragioni politiche," ha detto Christensen, un critico di lunga data della moneta unica che ora vive in Svizzera.



Ma dalle dichiarazioni ufficiali sembra che la situazione possa èresto migliorare, anzi che si possa tornare addirittura a prosperare a breve. Davvero è possibile? Davvero questi record di debito possono................

OSSERVATORIO PUD€ 4 - I DIPENDENTI PUBBLICI E I PENSIONATI CAUSA DELLA CRISI? I DATI A "FINI" DI CHIARIMENTO

OSSERVATORIO PUD€ 4 - I DIPENDENTI PUBBLICI E I PENSIONATI CAUSA DELLA CRISI? I DATI A "FINI" DI CHIARIMENTO:


 PREMESSA

Dati i "tempi correnti" e le esigenze che di "comprensione" e di recupero della democrazia "della verità" (quella che ci renderà "liberi") che si manifestano nell'oggi con grande forza, questo commento, se mai capitasse di leggerlo a qualche attivista e/o eletto del M5S, può tranquillamente servire come "breve corso" di formazione economico-giuridica in vista del contributo ai processi di decisione politica che si troveranno a dare.

Ed ha il vantaggio di essere del tutto gratuito, imparziale e disinteressato (oddio un interesse ce l'avrei: salvare la Costituzione democratica, del........................

Distrutti dalla matematica: la scelta è fra le vasctomie e i funerali

Distrutti dalla matematica: la scelta è fra le vasctomie e i funerali:



Di Albert Bates 

Da “The Great Change”. Traduzione di MR


“La scelta difficile è fra le vasectomie e i funerali. Prima ci rendiamo conto di questo, meglio è”





Ci lamentiamo dei progressi lenti dei colloqui sul clima, ma che ne dite dei progressi ancora più lenti nei tentativi di ridurre le emissioni di sperma?



Considerate questo punto: ogni giorno la popolazione umana sul pianeta si espande di più di 200.000 unità. Questo equivale a una città di medie dimensioni, completa delle infrastrutture per acqua, cibo, energia, trasporti, comunicazioni e sanità. Per provvedere all'alimentazione di questa città, ci vogliono - ammesso che le perdite di processo e stoccaggio siano ridotte al minimo, 1 milione di kilocalorie al giorno - qualcosa come 80.000 metri quadri di recinto per bestiame, un allevamento di polli della...................

Italia, terra di conquista: mani straniere su patrimonio da 210 miliardi

Italia, terra di conquista: mani straniere su patrimonio da 210 miliardi:





“L’agroalimentare italiano e’ sempre piu’ terra di conquista straniera. Negli ultimi anni sono passati oltre confine marchi storici del nostro Paese: dalla Parmalat alla Bertolli, dalla Buitoni alla Perugina, dalla Galbani alla Carapelli, dall’Invernizzi alla Locatelli, alla Cademartori. E cosi’ le multinazionali finiscono per mettere mano su un patrimonio di 210 miliardi di euro l’anno”. Lo denuncia la Cia-Confederazione italiana agricoltori a commentando la Relazione dei servizi segreti al Parlamento che evidenzia il rafforzamento, soprattutto a causa della difficile congiuntura che sta vivendo il nostro sistema economico-produttivo, dell’azione “aggressiva di gruppi esteri” che puntano a acquisire “patrimoni industriali, tecnologici e scientifici nazionali”, nonche’ “marchi storici del made in Italy, a detrimento della competitivita’ delle nostre imprese strategiche”. D’altra parte, “proprio la crisi economica- afferma la Cia- rende piu’ vulnerabili le nostre imprese agroalimentari che sono cosi’ prese di mira da gruppi stranieri che mettono in atto particolari manovre di acquisizione per scippare dei marchi e conquistare sempre piu’ spazio nel settore”. E i danni sono evidenti “soprattutto per i nostri agricoltori, che vedono ridurre le vendite in quanto l’approvvigionamento di queste societa’ e’ rivolto ad altri mercati”. In questo modo il made in Italy s’impoverisce, “visto che ormai le multinazionali controllano oltre il 70% dei prodotti che finiscono sulle nostre tavole”. Bisogna “porre un freno- rimarca la Cia- ci vogliono regole chiare”. Ecco perche’ “insistiamo sull’esigenza di un serio e concreto intervento che impedisca scalate attraverso le quali si rischia di mettere sotto controllo un comparto fondamentale per il nostro sistema economico”, conclude la Cia.



Fonte:http://www.lindipendenza.com/italia-terra-di-conquista-mani-straniere-su-patrimonio-da-210-miliardi/

A PROPOSITO DI CLOWNS...

A PROPOSITO DI CLOWNS...: Di Marco Cedolin




Normalmente dopo la chiusura dei seggi elettorali e lo spoglio delle schede, fa seguito un periodo di contatti informali fra i partiti, che sfociano poi nell'insediamento del nuovo parlamento e nei contatti formali finalizzati alla creazione del nuovo governo. Solamente una volta che il nuovo governo è stato creato, il premier inizia a vistare o ricevere i leader degli altri paesi ed a confrontarsi con loro, illustrando la strada politica che intende intraprendere.




Oggi in Italia, senza che i media abbiano dato grande risalto alla cosa, né tanto meno si siano preoccupati di questa anomalia, sta invece accadendo qualcosa di profondamente diverso....


Dopo appena un paio di giorni dal voto, quando ancora i nuovi eletti devono insediarsi in parlamento e non esiste nessuna seria ipotesi concernente la possibile composizione del nuovo governo, sembra essere esplosa una frenetica attività di "diplomazia".




Tre milioni i disoccupati e' record per i giovani

Tre milioni i disoccupati e' record per i giovani: Boom di precari: in 2,8 mln senza posto fisso

Elezioni 2013 e M5S. La rivoluzione non è uno scherzo

Elezioni 2013 e M5S. La rivoluzione non è uno scherzo:

Forse non lo abbiamo capito bene. Siamo nel mezzo di una rivoluzione, uguale a quelle che ci sono state e che hanno funestato la storia passata, questa volta però fortunatamente non ci sono né morti né feriti. Peccato che molti dei politici e commentatori non se ne siano accorti e continuino a parlare come se fossimo ancora dentro un quadro politico da prima repubblica. Girano nomi come Amato per provare a fare un governo che ottenga la fiducia. Si fa finta che sia tutto come prima. Anche i talk show continuano a ospitare i soliti noti. Si ripesca quel vecchio armamentario di parole che ha sempre accompagnato tutte le formazioni di governo passate.

Intanto D’Alema interviene come ai vecchi tempi pensando che l’offerta ai grillini della presidenza della Camera possa essere un’arma di scambio per ottenere una loro collaborazione. E’ come se ................

Altra tragedia della crisi: si vende il made in Italy a grandi gruppi stranieri

Altra tragedia della crisi: si vende il made in Italy a grandi gruppi stranieri:


Il made in Italy perde pezzi. La crisi apre ai nuovi conquistatori


Normale direi! siamo in crisi? governo assente? la gente è disperata? le aziende vendono! è una dura realtà ma è anche la giusta conclusione di una gestione statale in mano a degli incapaci, chi? I politici, i tecnici e i cialtroni che ci governano.

Non c'è lavoro, non c'è credito e non si assume, si pagano più tasse e l'ultima risorsa è salvare il salvabile... VENDERE DOVE CI SONO I SOLDI... E DOVE CHI COMPRA HA UNO STATO CHE FINANZIA E AGEVOLA LE IMPRESE CHE A LORO VOLTA DANNO LAVORO E MUOVONO L'ECONOMIA.




Made in Italy vendesi. Le aziende italiane, dai grandi gruppi alle Pmi, sono sotto il ..........

(Prima o poi) il Virus M5S deve "globalizzarsi" e rimettere al centro il tema "finanza", altrimenti PERDERA' insieme a tutti noi

(Prima o poi) il Virus M5S deve "globalizzarsi" e rimettere al centro il tema "finanza", altrimenti PERDERA' insieme a tutti noi: Mentre la Germania (insieme alle istituzioni europee, al FMI etc etc)

inizia velatamente "minacciarci"...

non tanto con le battute sui Clowns, ma con affermazioni più concrete...


German CDU lawmaker Klaus-Peter Willsch says Italy should consider return to Lira (ITL) if the majority of Italians cannot be convinced to stand by EMU rules

Source: Handelsblatt

Fri, 08:14 01-03-2013
Proseguiamo alcune fondamentali riflessioni che facevo nel mio post: Mi spiace caro Beppe ma anche tu...



[clicca sul titolo per leggere tutto il post]

TOBIN TAX: oggi si parte!

TOBIN TAX: oggi si parte!: Molti di voi non si saranno certo ricordati che oggi, giorno 01 marzo 2013, parte quella che è stata battezzata come la Tobin Tax italiana. Si chiama così proprio a causa del suo ideatore. il premio Nobel per l’economista James … Continua a leggere →

Il voto italiano accelera la fine dell’euro, ma il Pd dorme

Il voto italiano accelera la fine dell’euro, ma il Pd dorme:

Sta’ a vedere che agli italiani riuscirà il miracolo: uscire dall’euro, per ora messo «in coma farmacologico» dal “dottor” Draghi, vista l’impossibilità di una vera guarigione. «Lasciarlo dormire o farlo morire? Draghi insisteva per la prima soluzione. Ma ad un tratto – scrive l’economista democratico Emiliano Brancaccio all’indomani delle elezioni – il popolo italiano ha improvvisamente optato per la seconda: ormai l’euro è solo uno zombie, un morto che cammina. Volenti o nolenti, prendiamone atto». Gli strateghi della Bce l’hanno capito, e ora «si accingeranno a modificare la “regola di solvibilità” della politica monetaria: il famigerato ombrello europeo contro la speculazione verrà pian piano chiuso, per poi finire in cantina». Le più fosche previsioni di un appello di 300 economisti, pubblicato già nel giugno 2010 contro le politiche di austerity in Europa, si stanno avverando: l’euro non può reggere alla crisi economica. (continua…)

I trenta assunti alla Camera all'ultimo momento


camera deputati

I trenta assunti alla Camera all'ultimo momento

1 marzo 2013 - Un grande colpo dei Soliti Ignoti CONTINUA

Allarme Usa: senza accordo sequester Fmi taglierà stime anche su crescita globale


Allarme Usa: senza accordo sequester Fmi taglierà stime anche su crescita globale

Allarme Usa: senza accordo sequester Fmi taglierà stime anche su crescita globale
ECONOMIA | Dopo il fiscal cliff, altra pistola puntata alla tempia degli Stati Uniti. Nessun accordo finora tra Obama e i repubblicani: senza intesa tagli automatici alla spesa per $85 miliardi. Rischio revisione al ribasso.

Parlamento: la buonuscita degli esclusi


La classifica: 250mila euro a Gianfranco Fini
La classifica: 250mila euro a Gianfranco Fini

Elezioni politiche 2013: niente intesa? e a noi costerà 585 euro a famiglia


Elezioni politiche 2013: niente intesa? e a noi costerà 585 euro a famiglia

Niente da fare la maggioranza c'è ma non c'è, il Giaguarone di  non vuole il grande puffo e ora si sta applicando per smacchiare il suo programma e riproporre a  una possibile alleanza e il fascistone di  non vuole stare con nessuno e minaccia o me o torna , certo che il ...

L’euro è ormai un morto che cammina


L’euro è ormai un morto che cammina

Emiliano Brancaccio: «Occorre tentare una exit strategy “da sinistra”»
exit strategy 20130228
di Emiliano Brancaccio - Emiliano Brancaccio Blog
Il signor euro aveva più volte rischiato l’infarto. Il dottor Draghi decise allora di metterlo in coma farmacologico. Sulla cura però indugiava, e a intervalli periodici il dilemma amletico gli si ripresentava:lasciarlo dormire o farlo morire? Draghi insisteva per la prima soluzione. Ma ad un tratto il popolo italiano ha improvvisamente optato per la seconda: ormai l’euro è solo uno zombie, un morto che cammina. Volenti o nolenti, prendiamone atto.
Vedrete che nel Direttorio della Bce l’avranno già capito. A Francoforte si accingeranno a modificare la “regola di solvibilità” della politica monetaria: il famigerato ombrello europeo contro la speculazione verrà pian piano chiuso, per poi finire in cantina [1]. La dottrina del falco Jurgen Stark, uscita dalla porta, si appresta dunque a rientrare dalla finestra. Si può star certi che il dottor Draghi dovrà accoglierla con tutti gli onori. Le più fosche previsioni di un appello di 300 economisti, pubblicato nel giugno 2010, si stanno dunque avverando [2].

Bersani: limite al pagamento in contanti a 300 euro per salvare le banche - E NOI RISPONDIAMO: CONTANTE LIBERO UNA BATTAGLIA PER LA LIBERTA'



E’ già dura adesso con il limite al pagamento in contanti a 1.000 euro, figuriamoci se lo dovessero portare a 300. Non è nella mentalità degli italiani usare carte di credito e bancomat per piccole spese, non è pratico e non è naturale come ha evidenziato anche la Bundesbank in un recente studio sulla circolazione del denaro in Europa. Ma questo è il folle progetto del Partito Democratico sviluppato in piena sintonia con gli obiettivi del professor Monti, mandante del potere bancario: la tracciabilità dei pagamenti sopra i 300 euro. Per combattere l’evasione fiscale e per rendere più semplice la vita dei consumatori, s’intende! Pensionati, casalinghe, studenti dovranno in futuro dotarsi di una carta di credito, di un bancomat così da rendere più trasparenti le transazioni di denaro con notori costi annuali più o meno occulti. Già adesso le banche spingono per scoraggiare l’uso del denaro contante addebitando costosi prelievi allo sportello o presso gli Atm. Una vera e propria rivoluzione copernicana che renderà la vita di ogni cittadino super controllata dai sistemi elettronici al punto che qualcuno l’ha già definita una follia cibernetica architettata dalle banche fallite sotto il peso dell’enorme debito pubblico italiano. Le premesse già ci sono: dal prossimo anno tutti gli esercizi commerciali dovranno dotarsi di Pos per accettare pagamenti in forma elettronica sopra i 50 euro. Preparato il terreno, resta solo da convincere i consumatori a utilizzare la moneta elettronica, come negli Usa, magari abbassando per decreto l’utilizzo del contante a 300 euro e poi gradualmente fino a 50, come impreca a squarciagola Bersani.

Crisi Monte Paschi: 3,9 miliardi di euro regalati da Monti alla banca dei compagni. Ma ne serviranno ancora


pd_spa
Ma perché tanta foga, insieme a quella della patrimoniale costantemente strombazzata, non solo dal centro-sinistra, ma anche dalla Cgil? Il motivo è semplice: le banche sono senza soldi, oggi più di ieri, quindi di fatto in bancarotta. E’ noto che se tutti corressero in banca a prelevare i propri risparmi, non ce ne sarebbe abbastanza e le banche chiuderebbero gli sportelli. Ne sanno qualcosa al Monte dei Paschi di Siena, dove di sportelli ne dovranno chiudere 400 per la gioia dei sindacati che, a braccetto con la sinistra, invocano sempre a spada tratta la difesa del posto di lavoro, dimenticandosi però  di quei 4.500 dipendenti (e loro famiglie) che fra un po’ si ritroveranno senza stipendio, oltre che senza capitale azionario. Ma tant’è, si tratta di una “battaglia di civiltà” come aveva detto l’ex presidente dell’Abi parlando del contrasto al contante annunciato da Monti. E chi era il presidente dell’Abi? Giuseppe Mussari, già capo supremo del Monte dei Paschi di Siena, la banca dei compagni, che lui e i dirigenti di partito hanno mandato in rovina utilizzandola come bancomat, anzi come idrovora, per le loro tentacolari clientele, e che Monti, in nome dell’equità sociale, ha disperatamente salvato in vari modi (Allarme rosso al Monte dei Paschi di Siena). 

ITALIA, TERRA DI CONQUISTA: MANI STRANIERE SU PATRIMONIO DA 210 MILIARDI


ITALIA, TERRA DI CONQUISTA: MANI STRANIERE SU PATRIMONIO DA 210 MILIARDI

di REDAZIONE
“L’agroalimentare italiano e’ sempre piu’ terra di conquista straniera. Negli ultimi anni sono passati oltre confine marchi storici del nostro Paese: dalla Parmalat alla Bertolli, dalla Buitoni alla Perugina, dalla Galbani alla Carapelli, dall’Invernizzi alla Locatelli, alla Cademartori. E cosi’ le multinazionali finiscono per mettere mano su un …
LEGGI0 Comments
- See more at: http://www.lindipendenza.com/#sthash.tSvFteUE.dpuf