06/03/13

Critiche alla Merkel: “tarocca” i dati sulla povertà


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Critiche alla Merkel: "tarocca" i dati sulla povertà

di REDAZIONE


In Germania, nonostante il buon andamento dell'economia e dell'occupazione, cresce la forbice tra ricchi e poveri. E' quanto emerge dal contestato rapporto governativo sulla poverta', approvato oggi dall'esecutivo della cancelliera Angela Merkel. Nei mesi scorsi lo studio era stato oggetto di forti critiche, dopo che la stampa aveva rivelato l'intervento del ministero dell'Economia per 'edulcorarne' alcune parti. Nuovamente attaccato sul tema dalla opposizione, il ministro Philipp Roesler pero' ha liquidato le critiche sostenendo che la Germania, proprio nella crisi, si sia dimostrata il "paese piu' cool al mondo". Stando alla versione originaria del rapporto il 10% di tedeschi piu' ricchi dispone del 53% del patrimonio netto nazionale, mentre il 50% dei meno abbienti puo' contare su poco piu' dell'1%.


In Germania, inoltre, una percentuale di persone tra il 14% e il 16% e' a rischio poverta'. Tali dati non sono pero' piu' citati esplicitamente nella versione finale del rapporto – preparato dal ministero del Lavoro di Ursula von der Leyen – su richiesta del dicastero dell'Economia, guidato dal vice-cancelliere liberale Philipp Roesler. Anche la frase "i patrimoni privati in Germania sono distribuiti in maniera molto squilibrata", contenuta nella bozza, e' stata cassata. Critici e oppositori del governo avevano gia' in passato gridato allo scandalo, accusando il governo Merkel di imbellettare la realta'. Per conto suo il ministro Roesler ha risposto stamani derubricando le critiche a "campagna elettorale": "La Germania e' in salute come non mai, tutti lo possono vedere. Siamo il motore della crescita dell'intera Europa e il mondo ci guarda. La Germania e' il Paese piu' cool al mondo".



Inviato da iPhone

Münchau: l'Italia tra farsa e tragedia


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Münchau: l'Italia tra farsa e tragedia


Wolfgang Münchau su Der Spiegel torna a parlare delle elezioni italiane: è solo l'inizio di un ciclo, Grillo è il vero capo dell'opposizione ad Angela Merkel e porterà Roma fuori dall'Euro. Da Der Spiegel.
Il risultato delle elezioni italiane non è stato un incidente di percorso - appartiene alla seconda parte di una tragedia: negli anni '30 le politiche di austerità hanno distrutto il Gold standard, oggi distruggeranno l'Euro.

Karl Marx con le elezioni italiane si sarebbe molto divertito. Il suo saggio "Il diciotto Brumaio di Luigi Bonaparte" inizia con una frase: "Hegel da qualche parte scrive che tutti i personaggi e i fatti del mondo tornano sempre una seconda volta. Ha dimenticato di aggiungere: la prima volta come tragedia, la seconda come una misera farsa". Marx si riferiva al colpo di stato di Luigi Napoleone del 1851 e al paragone con il Putsch del suo ben piu' cattivo zio nel 1799.

Si puo' fare un parallelismo simile fra la Germania di inizio anni '30 e l'Italia di oggi. In entrambi i casi c'era un sistema di cambi fissi, allora il Gold standard, oggi l'Euro. Ci fu anche allora una politica prociclica guidata dalla follia dell'establishment: l'austerità durante la recessione. Fini' con una disoccupazione di massa e la trappola del debito. In Germania la grande depressione termino' con una tragedia. L'Italia ha eletto un comico. Grillo ora è il capo del partito piu' grande, e gli altri partiti non sanno come formare un governo.


Inviato da iPhone

Monte dei Paschi di Siena, a Mussari e Vigni chiesti 700 milioni di euro di danni


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Monte dei Paschi di Siena, a Mussari e Vigni chiesti 700 milioni di euro di danni

Ammonta a non meno di 700 milioni di euro la richiesta danni avanzata al Tribunale civile di Firenze da Banca Mps nei confronti, in solido, dell'ex presidente Giuseppe Mussari, dell'ex direttore generale Antonio Vigni e della banca Nomura con cui l'istituto senese aveva intrapreso l'operazione strutturata Alexandria. E' invece, non inferiore a 500 milioni di euro la richiesta risarcitoria avanzata verso Deutsche Bank, con cui aveva intrapreso l'operazione Santorini, in solido con Mussari e Vigni.

Lo ha riportato l'agenzia Reuters citando una fonte giudiziaria. Le richieste di danni si inquadrano nell'ambito dell'azione di responsabilità avviata dalla banca senese venerdì 1 marzo nei confronti degli ex amministratori e delle banche citate. Interpellati dall'agenzia, i diretti interessati non hanno voluto rilasciare commenti in merito. I criteri usati per quantificare l'ammontare del danno subito dalla banca sono: la differenza tra il flusso degli interessi pagati e quelli ricevuti nell'ambito delle operazioni di long term repo; gli obblighi di marginazione e collateralizzazione che, per la sola Alexandria, hanno gravato per 111 milioni di euro l'anno sulla banca.

Le commissioni implicite per la sola banca Nomura, poi, ammontano ad almeno 88 milioni di euro. Da considerare inoltre la necessità di ricorrere agli aiuti di Stato attraverso l'emissione dei Monti Bond a seguito delle conseguenze negative provocate dalle due operazioni di finanza strutturata che sono al centro di un'inchiesta della magistratura di Siena e che hanno causato perdite per 730 milioni di euro sul patrimonio della banca, mentre in sede di redazione del bilancio 2012 verrà deciso come computare al conto economico la correzione contabile di queste operazioni.



Inviato da iPhone

L’Europa introdurrà il diritto al conto corrente bancario


Ti è stato inviato tramite Google Reader

L'Europa introdurrà il diritto al conto corrente bancario

Süddeutsche Zeitung anticipa il nuovo progetto della Commissione per completare il Mercato interno


Inviato da iPhone

Il grillino ex Cgil: «Anche il sindacato è casta»


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il grillino ex Cgil: «Anche il sindacato è casta»




Francesco Campanella, 48 anni, eletto al Senato in Sicilia. È stato sindacalista Cgil





read more



Inviato da iPhone

L’economia Usa si salverà facendo trasferire verso Wall Street il capitale finanziario europeo | Imola Oggi

L'economia Usa si salverà facendo trasferire verso Wall Street il capitale finanziario europeo

Obama-Wall-Street

6 marzo – L'Europa ridotta a periferia commerciale degli Usa? Barack Obama ci riprova, dopo il tentativo americano del '92 di estendere anche a noi il "libero scambio" del Nafta, lo storico accordo nordamericano.

Obama: realizzare la piu' grande "Area di libero scambio con l'Europa"

Nel più totale silenzio dei media, Obama ora chiede un partenariato globale transatlantico per il commercio e gli investimenti, come confermano il presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, e quello della Commissione Europea, José Manuel Barroso. Obiettivo: impedire all'Europa una "fuga" geopolitica da Washington. Come? Attirando negli Usa i capitali europei, secondo la strategia anti-crisi elaborata dalla storica Christina Romer, secondo cui l'America può sopravvivere alla crisi solo facendo trasferire verso Wall Street il capitale finanziario europeo.

Per questo, sostiene Thierry Meyssan, Washington ha fatto chiudere la maggior parte dei paradisi fiscali non-anglosassoni, poi ha giocato con l'euro. Non ha funzionato? «La Nato economica renderà la cosa più facile».

Giustizia: Italia verso la rinuncia a processi contro i militari Nato

Gli Usa salveranno la loro economia attirando i nostri capitali, dunque a spese degli europei, sostiene Meyssan in un intervento ripreso da Van Rompuy, Obama e Barroso"Megachip". Il progetto di "zona di libero scambio transatlantico", racconta il giornalista francese, vide la luce già col Nafta all'inizio degli anni '90, ma si preferì dare più tempo al Wto per imbrigliare il trading europeo con vincoli ferrei.

«La creazione di un mercato transatlantico – scrive Meyssan – è solo una parte di un più ampio progetto, che comprende la creazione di un autentico governo sovra-istituzionale con un Consiglio economico transatlantico, un Consiglio politico transatlantico e un'Assemblea parlamentare transatlantica». Organi strategici «già creati in modo embrionale, senza che sia stata data loro alcuna pubblicità». La loro architettura, continua Meyssan, ricalca un vecchissimo progetto volto a creare un vasto blocco capitalista che unisca tutti gli Stati sotto l'influenza anglo-americana, come Christina Romer confermano le clausole segrete del Piano Marshall e il Trattato dell'Atlantico del Nord.

Unione transatlantica, Nato economica: «E' sintomatico notare che, dal lato statunitense, questo progetto non viene seguito dal Dipartimento del Commercio, ma dal Consiglio di sicurezza nazionale». Anteprima illuminante: il modo in cui sono stati risolti i conflitti sulla condivisione dei dati personali.

«Gli europei hanno norme di tutela della privacy molto esigenti, mentre gli statunitensi possono fare qualsiasi cosa in nome della lotta contro il terrorismo». Di fatto, grazie a quest'alibi, «gli americani hanno copiato i dati europei, mentre gli europei non hanno avuto accesso ai dati stati statunitensi». In materia economica, aggiunge Meyssan, si tratterà di abrogare le tariffe doganali e le barriere non tariffarie, vale a dire le norme locali che rendono impossibili certe importazioni: «Washington vuole vendere tranquillamente in Europa i suoi Ogm, i suoi polli trattati con il Thierry Meyssancloro e i suoi bovini agli ormoni, e vuole usare senza ostacoli i dati riservati di Facebook e Google».

A questa strategia a lungo termine, continua il giornalista indipendente francese, si aggiunge la tattica finanziaria di medio termine raccomandata sin dal 2010 dalla Romer, una specialista della Grande Depressione: trasferire negli Usa i capitali europei. «Al di là del carattere iniquo di questo progetto e della trappola che rappresenta nell'immediato – osserva Meyssan – la cosa più importante è che gli interessi degli Stati Uniti e dell'Unione europea sono in realtà divergenti».

Mentre Usa e Regno Unito «sono potenze marittime che hanno un interesse storico al commercio transatlantico», come ribadito nella Carta Atlantica già durante la seconda guerra mondiale, gli europei continentali hanno invece «interessi comuni con la Russia, specie in materia di energia». Sicché, «continuando a obbedire a Washington come durante la guerra fredda, Bruxelles offre in pasto gli europei».

Fonte LIBRE



Inviato da iPhone

DAVID ROSSI SI E' SUICIDATO (O COSI' DICONO...ANCHE CALVI DEL RESTO...) MERCATO LIBERO LO AVEVA CONOSCIUTO ANNI FA E LO AVEVA PRESO PER IL CULO PERCHE' ERA OBBLIGATO A RACCONTARE BALLE!


Ti è stato inviato tramite Google Reader

DAVID ROSSI SI E' SUICIDATO (O COSI' DICONO...ANCHE CALVI DEL RESTO...) MERCATO LIBERO LO AVEVA CONOSCIUTO ANNI FA E LO AVEVA PRESO PER IL CULO PERCHE' ERA OBBLIGATO A RACCONTARE BALLE!


Monte dei Paschi di Siena, muore suicida l'ex portavoce di Mussari



David Rossi, il 51enne capo dell'area comunicazione del Monte dei Paschi di Siena e fedelissimo dell'ex presidente della banca, Giuseppe Mussari, si è suicidato questa sera gettandosi dalla finestra del suo ufficio a 


Inviato da iPhone

Benedetto XVI, una persona mite e gentile

Benedetto XVI, una persona mite e gentile

benedettoXVIIl quotidiano comunista “Il Manifesto”, al momento della salita al soglio pontificio di Papa Benedetto XVI, lo definì “il pastore tedesco”; lo stesso quotidiano, al momento della rinuncia del Papa, ad inizio quaresima, durante il mercoledì delle Ceneri, ha titolato, sotto una foto che lo ritraeva di spalle, “L’inceneritore”.
In entrambi i casi il quotidiano comunista ha dimostrato non solo cattivo gusto, ma ha anche messo a nudo il profondo anticlericalismo che anima certi ambienti radical-chic italiani.

Welfare State, ecco come inizia e come finisce

Welfare State, ecco come inizia e come finisce:

da FACEBOOK

CROLLANO CONSUMI ALIMENTARI! E IL 2013 SARA’ NERO

CROLLANO CONSUMI ALIMENTARI! E IL 2013 SARA’ NERO:

alimentiDI REDAZIONE

A gennaio i consumi sono scesi del 2,4% rispetto al 2012 e dello 0,9% su dicembre. In termini di media mobile a tre mesi l’indicatore, corretto dai fattori stagionali, segnala un nuovo arretramento, dato che ha riportato i consumi sui livelli di fine 2004. E’ quanto rileva l’indicatore dei consumi di Confcommercio. Le prime informazioni congiunturali relative all’inizio del 2013 mostrano, con una certa chiarezza, che non si può escludere un ulteriore peggioramento, confermando l’impressione che anche il 2013 sarà un anno particolarmente difficile per l’economia italiana. A febbraio si è registrata, dopo un..................

Grillo: il Pd ha più punti in comune con il Pdl che con noi

Grillo: il Pd ha più punti in comune con il Pdl che con noi:

di REDAZIONE

“Pdl e pdmenoelle hanno piu’ punti programmatici in comune tra loro”. Segue l’elenco: “entrambi vogliono la Tav; entrambi sono per il Mes; entrambi per il Fiscal Compact; entrambi per il pareggio di bilancio; entrambi per le ‘missioni di pace’; entrambi per l’acquisto degli F-35; entrambi per lo smantellamento dell’art.18; entrambi per la perdita della sovranita’ monetaria; entrambi per il finanziamento della scuola privata; entrambi per i rimborsi elettorali”. I punti in comune sono individuati in un post pubblicato sul blog di Beppe Grillo. “Quanti punti programmatici comuni ho trovato cosi’ su due piedi? – chiede l’autore del post – Dieci. Ne hanno piu’ loro che quello che afferma Bersani con il M5S (lui dice 8). Non per niente hanno governato per un anno e piu’ insieme”.

L’intervento di Grillo non sembra lasciare speranze a Bersani che oggi, al vertice del partito, ha escluso qualsiasi accordo col Pdl e dunque è sembrato guardare solo verso il M5S. A questo punto il segretario del Pd sembra essersi infilato in un vicolo cieco e toccherà al presidente Napolitano estrarre qualche cilindro nel cassetto se vuole evitare nuove elezioni a breve.

M5S, stelle nascenti mentre l’Italia collassa

M5S, stelle nascenti mentre l’Italia collassa:

Il Movimento 5 Stelle sta svecchiando la politica. Il Movimento 5 Stelle cambierà il Paese. Il Movimento 5 Stelle ha messo a nudo le ipocrisie dei partiti. Le valutazioni generali –  e a volte un po’ superficiali – sul boom elettorale degli attivisti guidati da Beppe Grillo sono queste o quasi. I nuovi deputati e i nuovi senatori si sono presentati coram populo in diretta streaming. E’ nobile essere un sommelier e volersi occupare di agricoltura, è giusto avere come priorità il lavoro se si è sempre lavorato nel ................

ELEZIONI, L’EUROPA RISCHIA LA DISGREGAZIONE?

ELEZIONI, L’EUROPA RISCHIA LA DISGREGAZIONE?:


di Alberto Bagnai 







L’esito delle elezioni permette ai tedeschi di insistere sulla strada del discorso orientato che hanno fatto sinora, attribuendo la crisi all’inaffidabilità degli italiani. Risultato? La Germania potrebbe prendere in considerazione l’opzione “sganciamento” dall’Europa




“La sostenibilità del debito pubblico italiano è in pericolo. Non si può pretendere che i partner europei dell’Italia e la Bce stabilizzino l’economia italiana, quando gli italiani non sono pronti ad attuare le riforme”. Queste le dichiarazioni, dure, che il consigliere economico della cancelliera Merkel Lars Feld, ha rilasciato all’indomani dell’esito del voto in Italia, che ha consegnato l’immagine di un Paese spaccato, instabile, su cui grava il rischio ingovernabilità. Rischio evidentemente temuto dai partner dell’eurozona, e in particolare dalla Germania, anche per i riflessi, negativi, sui mercati finanziari.

Abbiamo chiesto ad Alberto Bagnai, Professore associato di politica economica presso l’Università di Pescara, di tracciare per noi il quadro della situazione.

Professore, la Germania sembra non aver gradito l’esito del voto in Italia. Che significato hanno, in questo senso, le dichiarazioni di Feld? 

Sono dichiarazioni che in realtà non giungono del tutto inattese perché aderenti alla linea che gli opinionisti tedeschi stanno tenendo dallo scoppio della crisi: una linea che, nell’ottica del “gioco politico” interno alla Germania, cerca di presentare questa crisi come dovuta esclusivamente al comportamento incauto o comunque poco consono alla....................

Niente governo? è possibile che arrivino i Vampiri

Niente governo? è possibile che arrivino i Vampiri: Niente governo! e il PD scarta la possibilità di fare alleanze con l'unico partito che ha teso la mano, QUINDI la soluzione che ritiene più giusta è quella con Monti( l'incubo degli italiani)niente Grillo allora Monti! insomma delegittimiamo ancora il voto espresso( monti ha preso neanche il voto dei parenti stretti!)

Beppe Grillo si sta togliendo montagne di sassolini dalle scarpe, ricordando ai troppi fenomeni del Pd che questa è la Terra e non la Luna nè Marte!

Con questa soluzione governeranno magari in compagnia di Monti e Amato( non so se vi ricordate cosa fece, io si).

Insomma di fronte alla situazione politica che si è venuta a creare torna l'esigenza di una iniziativa presidenziale legittimando il Presidente della Repubblica  a intervenire.

Altro vecchio della politica passata cioè D'Alema che con l'arma della carota e del..............

L'italia che muore

L'italia che muore:



Marco Cedolin


Mentre Bersani filosofeggia intorno a fantasiose redistribuzioni dell'IMU e rivisitazioni della macchina di morte di Equitalia, nel tentativo di mercanteggiare l'appoggio di Grillo. Mentre l'Europa pretende con tono perentorio altre lacrime ed altro sangue subito, senza discussioni. Mentre il golpista trombato Mario Monti si dice pronto a tutto purché non nasca un governo anti europeo. Mentre la politica gigioneggia nei salottini TV su argomenti pregnanti come la legge elettorale ed il diritto di cittadinanza, alternando la rava e la fava con la fava e la rava.


C'è un'Italia che muore e continua a suicidarsi, refrattaria alla giustizia dispensata da.................

Prepariamoci al voto anticipato!

Prepariamoci al voto anticipato!:


Il mio amico Virgilio Violo, presidente dell'associazione dei giornalisti free lance, è convinto che io sia realmente in grado di prevedere le cose sia con riferimento allo scenario economico che a quello politico, ma io sono giorni, dal 25 febbraio, che sono perseguitato dalla previsione di un voto politico anticipato legato alla difficoltà di formare un governo che abbia i numeri sia alla camera che al Senato.





Purtroppo, la riunione di oggi della direzione del partito democratico e le prime reazioni negative del movimento cinquestelle mi confermano in questa sensazione e non so proprio quale cilindro potrà tirare fuori dal cappello Giorgio Napolitano.





Ho scritto questa breve puntata solo per liberarmi da questa ossessione e spero proprio di sbagliarmi, anche perché è difficile immaginare l'esistenza di oltre 900 neodeputati e neosenatori votati al sacrificio e al più grosso scambio di certo per incerto che la storia ricordi.







La calma tra le tempeste

La calma tra le tempeste:

Mentre in Italia si discute più o meno appassionatamente di formule di più o meno Strana Coalizione, sulla base di congetture irrimediabilmente divorziate dalla realtà, alcuni governi europei si preparano a negoziare con la Commissione Ue un allungamento dei tempi di conseguimento del pareggio di bilancio a condizioni light. Diciamo subito che ci sono buone probabilità che alla fine la cosa vada in porto, anche se serviranno equilibrismi dialettici e molto gioco delle parti, per mantenere intatta la reputazione rigorista della Ue a trazione tedesca. Se le cose andranno effettivamente in questi termini, di questa tregua si avvantaggerà per qualche settimana anche il nostro paese, pur privo di un governo governante, e questo permetterà ai partiti di continuare per qualche tempo a promettere la luna ai fedeli sudditi, e pure ad avviarsi a nuove elezioni senza che accadano sfracelli sui mercati.

(...)
Continua a leggere La calma tra le tempeste (368 parole)



© Phastidio.net, 2003 - 2013. |
Permalink


Tags: , | Categorie: Adotta Un Neurone, Economia & Mercato, Famous Last Quotes, Unione Europea





Leggete anche:









SPREAD/ I Bund rendono meno delle polizze. Le compagnie devono comprare Btp

SPREAD/ I Bund rendono meno delle polizze. Le compagnie devono comprare Btp: E’ accaduto, come denuncia l'Eiopa, l'authority europea delle polizze, che la compagnie assicurative tedesche hanno iniziato a trovarsi in grave difficoltà a causa dei bassi rendimenti



(Pubblicato il Wed, 06 Mar 2013 16:12:00 GMT)

Portogallo: ormai si attende il dopo (dopo Euro, dopo Europa)

Portogallo: ormai si attende il dopo (dopo Euro, dopo Europa):

Dalle nostre parti Berlusconi chiama a raccolta, cioè "in piazza", sulla magistratura politicizzata. Nel resto d'Europa invece, mentre gli italiani sonnecchiano aspettando chissà quale coniglio dal cilindro di un governo che non può nascere, si scende in piazza per quella che sta diventando di fatto una protesta permanente, allargata a macchia di leopardo, contro le misure di austerità.

Il 2 marzo scorso è stata la volta del Portogallo.


Per Abbonati

Oro crollerà a 1.350$ nei prossimi anni 5 anni secondo Société Générale

Oro crollerà a 1.350$ nei prossimi anni 5 anni secondo Société Générale:

L'oro è da qualche tempo nel mirino delle vendite dei grandi investitori internazionali, come dimostrato dai recenti riscatti record negli Etf più importanti (in particolare l'Spdr Trust Gold) e dall'uscita dal mercato aurifero di alcuni dei più noti hedge fund su scala globale (Soros in primis). Meno di due settimane fa i prezzi dell'oro sono scesi a 1.555$ l'oncia, sui livelli più bassi dalla scorsa estate. Inoltre, febbraio si è chiuso con il quinto mese consecutivo di ribassi.

Secondo Credit (...)

-
Analisi dei Mercati
/
,
,
,

Video: [FILM COMPLETO] CENSURATO DA TUTTE LE TV ITALIANE! CONDIVIDERE è UN DOVERE!

Video: [FILM COMPLETO] CENSURATO DA TUTTE LE TV ITALIANE! CONDIVIDERE è UN DOVERE!:   Zeitgeist: Moving Forward di Peter Joseph – Versione Italiana (Doppiaggio 2012) In questa nuova edizione sono state sostituite con un nuovo doppiaggio le voci di Jacque Fresco, Robert Sapolsky, James Gilligan, Colin Campbell e Adrian Bowyer per un totale di 40 minuti di nuove registrazioni. Le parti restanti hanno mantenuto il vecchio doppiaggio del [...]

Poco prima della rivoluzione - Dario Fo

Poco prima della rivoluzione - Dario Fo:


Poco prima della rivoluzione

(09:25)

dario_fo_riv.jpg




pp_youtube.png


"Molti mi scrivono e mi telefonano, addirittura c’è chi mi ferma per strada, chiedendomi: “Ma non le pare che Grillo, a parte il suo talento, sia di fatto un populista?

Fermi tutti - rispondo – voi sapete che significato abbia l’espressione populista?

Il dizionario dice che populista è colui che intende migliorare la posizione del popolo permettendogli di sfuggire alle violenze della classe dominante, ai ricatti e allo sfruttamento. Quindi è un termine positivo completamente opposto all’altro termine: demagogo. Forse coloro che con.................

Come far pagare ai cittadini italiani i debiti dei Greci con le banche tedesche

Come far pagare ai cittadini italiani i debiti dei Greci con le banche tedesche: “It's the same old story”
La prima parte della fola si smonta da sola: la stessa Commissione Europea ha certificato che il debito pubblico italiano è sempre (e ribadisco sempre) stato sostenibile e d ...

Perchè solo un tecnocrate può governare l’Italia

Perchè solo un tecnocrate può governare l’Italia: Secondo TagesAnzeiger il favorito per un prossimo governo tecnico è il governatore di Bankitalia Ignazio Visco

La modella che sa farsi gli autoscatti su Twitter

La modella che sa farsi gli autoscatti su Twitter: Incredibile amisci! TheChive non se ne fa sfuggire una. Grazie alla ventunenne Joselyn Cano, che dà un nuovo e fresco senso al termine “maggiorata fisica”, scopriamo che per essere popolari su Twitter non servono battute al vetriolo, aforismi fulminanti, acutissime

Celentano: “Anche per questo Grillo ha vinto”

Celentano: “Anche per questo Grillo ha vinto”:
FONTE ORIGINALE: www.corriere.it  di Adriano Celentano
«Signor ministro Balduzzi del ministero della Salute, l’altra sera ho avuto modo di vedere il programma Le Iene e ho provato un senso di schifo e di vergogna nel sentire, sullo sfondo di una sua foto, il freddo comportamento da lei espresso attraverso il filo del telefono, dove era chiaro che lei facesse finta di non sentire colui che dall’altra parte del filo, il bravissimo Giulio Golia, tentava con ogni mezzo di stanarla dalla finzione. Ma lei niente da fare». Marco Occhipinti, autore e giornalista del programma Le Iene , aveva dato a Golia l’incarico di indagare sulla drammatica storia della piccola Sofia, una bambina di tre anni affetta da una malattia degenerativa che la ...............

GLI OTTO PUNTI DI BERSANI. LA TRAGEDIA DI UN UOMO RIDICOLO

GLI OTTO PUNTI DI BERSANI. LA TRAGEDIA DI UN UOMO RIDICOLO:
Bersani è squallido e patetico. Oggi in direzione ha presentato i suoi 8 punti di un ipotetico programma che dovrebbe reggersi sulla benevolenza una tantum dei grillini. Improvvisamente, dopo avere passato l’intera campagna elettorale a spiegare ai cittadini le meraviglie dell’austerità e la straordinaria convergenza programmatica tra il Pd e la Scelta Cinica di Mario Monti, Bersani ha cambiato disco. La responsabilità è solo un ricordo sbiadito. Ora, visto che gli italiani non hanno creduto alle bugie che lo smacchiatore fallito propinava in Italia e all’estero, Bersani timidamente prova il brivido della verità. E proprio un minuto prima di finire nel dimenticatoio più triste e vergognoso, necessitato crepuscolo che la storia riserva con sadico gusto ai pavidi, agli ipocriti e agli ignavi, il segretario del Pd scopre che il governo di Mario Monti ha esasperato la tensione sociale fino al..................

A Perugia un uomo ha sparato a due impiegati negli uffici della Regione Umbria e poi si è suicidato



Inviato da iPhone

Non ce la possono fare


l43-bersani-renzi-120831185051 mediumAvendo capito una mazza di quello che è successo nel voto della settimana scorsa, i vecchi partiti ripropongono i soliti schemi.
Ti do questo per quello, ti do la Presidenza della Camera, ti do la Rai e il Copasir e ti do pure i ministeri, e via così.
Chi è un poco confuso è Bersani, che sostiene di essere arrivato primo; certo, come nella corsa all’indietro dei gamberi ha perso meno voti del cavaliere e ha vinto la maggioranza alla Camera per un risicato 0,30%.

CBS: La bolla immobiliare cinese diventa mainstream negli USA


Ti è stato inviato tramite Google Reader

CBS: La bolla immobiliare cinese diventa mainstream negli USA


Città intere praticamente deserte.... 







Inviato da iPhone

Si aggrava la recessione in Eurozona, pil 2012 -0,6%


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Si aggrava la recessione in Eurozona, pil 2012 -0,6%

Calo dello 0,6% anche nell'ultimo trimestre dell'anno scorso. La frenata è dovuta soprattutto alla flessione delle spese di consumo delle famiglie, a [...]




Inviato da iPhone

Stati Uniti: quanto il sequester può danneggiare l'economia americana?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Stati Uniti: quanto il sequester può danneggiare l'economia americana?

Quando Barack Obama e i repubblicani al Congresso hanno concordato il primo Gennaio di consentire che scadesse un taglio delle tasse sui salari e che le aliquote fiscali aumentassero sui ricchi, hanno lanciato i dadi con l'economia. Essi infatti hanno scommesso che il recupero dell'America fosse abbastanza solido per resistere a maggiori imposte e tagli alla spesa, tra cui un "sequestro" che sarebbe entrato in vigore il il primo Marzo. All'1,9% del prodotto interno lordo, questa è una (...)


-
Economia internazionale
/
,
,
,
,


Inviato da iPhone

O FATE PRESTO O ARRIVA LA GHIGLIOTTINA


Ti è stato inviato tramite Google Reader

O FATE PRESTO O ARRIVA LA GHIGLIOTTINA


Alla fine siamo ancora qui, senza un governo, preda della speculazione finanziaria. I giacobini, vera rivoluzionaria rivelazione della tornata elettorale, presidiano il parlamento come bambini al primo giorno di scuola o gitanti della domenica. Seminando il verbo del capo, sono calati sui palazzi del potere come un barbarossa, lividi di rabbia per lo scempio fatto della virtú pubblica. Sul colle piú alto il risiko é ancora intricato.


l vincitore dimezzato continua a rifiutare accordi con l'antico avversario benché, a carte in tavola, é questa l'unica soluzione possibile per disinnescare la bomba ancora inesplosa, per non tornare alla ghigliottina in piazza… mediatica.


Un governo di programma per chiedere scusa a coloro che hanno tradito nella fiducia portando il buio su il paese, togliendo fiducia e speranza, mettendo tanti in ginocchio. Una ricetta semplice che solo cosí li può tirare fuori dall'angolo in cui si sono cacciati. Dimostrare al paese uno scatto d'orgoglio, forse l'ultimo, ma capace di rendere loro protagonisti positivi dell'atto finale di una rivoluzione. E invece no, invece continuano ad arroccarsi in attesa dell'inesorabile, non avendo ancora inteso che il Paese chiede poco…tre righe e due decreti.


La maggioranza c'é in aula e nel paese. Che facciano ciò che hanno sempre promesso e non hanno mai fatto per paura. E poi tutti al voto, con una nuova legge, ancora di nuovo al voto perché siamo in Italia, e la maggioranza tornerá presto ad essere sorda al pifferaio magico e alla sua strana idea di  monolibertá.


Altrimenti, altrimenti basterá poco e una nuova ghigliottina sará pronta a tagliare le teste che fin qui non sono ancora cadute.



Inviato da iPhone

Perché l'Italia?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Perché l'Italia?


Di Ugo Bardi
Da "Cassandra's Legacy". Traduzione di MR



Un ritratto del mio trisnonno Ferdinando Bardi (1822-?). Ha combattuto con Garibaldi nella guerra per l'unificazione italiana del 1860 ed è stato premiato con le medaglie che vedete in questo dipinto. Spero solo che il mio antenato non abbia ammazzato troppa gente per meritarsi quelle medaglie ma, a parte questo, mi sono chiesto cosa lo abbia spinto a combattere in quella guerra. E' stato forse perché era pagato? Perché era in cerca di avventura? O è stato, davvero, nel nome "dell'Italia"? E, in quel caso, cosa avrebbe pensato se avesse immaginato l'attuale situazione italiana?



In questo post, rivisito rapidamente la storia dell'unificazione italiana sulla base del concetto che tutto ciò che esiste ha una ragione di esistere e che, quindi, alcuni degli eventi politici recenti in Italia, dalla tenuta di Berlusconi all'ascesa del movimento "5 stelle" abbiano le proprie radici nella storia antica. Mi scuso per la brevità di questo testo su un tema che richiederebbe un'analisi molto più approfondita. Ma spero che possa essere preso almeno come punto di partenza per apprendere di più su questa materia.


1. Perché L'Italia?

A scuola, agli italiani viene raccontata la versione standard degli eventi che hanno portato l'Italia a diventare uno stato unificato nel 1861. Questa versione dice che gli italiani hanno combattuto duramente e con passione per l'ideale di un paese unito. Dopo alcuni tentativi falliti, alla fine, un migliaio di volontari coraggiosi hanno seguito il generale Garibaldi nella lotta contro l'arretrato e dittatoriale Regno di Napoli. Con l'...


Inviato da iPhone

L’onda anti Euro pervade l’intera Europa


Ti è stato inviato tramite Google Reader

L'onda anti Euro pervade l'intera Europa


Fonte: lospecchiodelpensiero.wordpress.com

 

Germania



Guidato dall'economista di Amburgo Bernd Lucke, il partito «Alternativa per la Germania», che ha tra i suoi membri fondatori anche l'ex presidente della Confindustria tedesca Hans Olof Henkel, correrà alle prossime elezioni di settembre con un programma contrario ai salvataggi europei e con un piano B che, in caso di peggioramento della crisi, non esclude la separazione dell'Eurozona in un euro del Nord e un euro del Sud.


Austria



In vista delle elezioni di settembre, il Partito della libertà di Heinz-Christian Strache (FPO, estrema destra) guadagna più del 20% nei sondaggi, dietro ai due grandi partiti della coalizione di governo, Socialdemocratici e Popolari. Criticati dagli euroscettici per l'accordo sul budget Ue giudicato sfavorevole per l'Austria: "Basta contributi alla Ue, non diamo via il denaro degli austriaci", è uno degli slogan del FPO.

 

Francia



Il Fronte nazionale di Marine Le Pen è arrivato terzo con il 17,9% al primo turno delle presidenziali della scorsa primavera. Il suo programma prevede la possibilità di un'uscita della Francia dall'euro. Sulla sponda opposta, Jean-Luc Mélenchon ha ottenuto l'11% con il suo no all'austerità imposta dalla Ue.

 

Olanda



Il partito della libertà guidato da Geert Wilders ha fatto cadere il Governo olandese nell'aprile scorso perché contrario a nuovi sacrifici in nome dell'euro. La sua piattaforma anti-moneta unica non ha però sfondato alle elezioni di settembre: il suo movimento ha ottenuto solo 16 seggi, contro i 24 del 2010.

 

Grecia




Inviato da iPhone

Gli otto punti di Bersani al Movimento Cinque Stelle


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Gli otto punti di Bersani al Movimento Cinque Stelle

 Bersani Pd Otto Punti Proposta di Governo



 Questi - nel video - gli otto punti proposti da Bersani per dare un Governo al Paese. Il Partito Democratico, ribadendo che nessuna alleanza è possibile con il PDL, si rivolge evidentemente a Grillo e al Movimento Cinque Stelle, riconoscendoli come una forza che ha saputo incanalare la richiesta di rinnovamento in una direzione parlamentare.






Inviato da iPhone

OSSERVATORIO PUDE 5. CRONACHE DI UN CETRIOLO ANNUNCIATO.


Ti è stato inviato tramite Google Reader

OSSERVATORIO PUDE 5. CRONACHE DI UN CETRIOLO ANNUNCIATO.


L'introduzione a questo quinto capitolo dell'Osservatorio PUD€ la lasciamo tutta a queste recenti parole di Krugman:
"Ciò che l'élite Europea non riesce a cogliere è che la percezione pubblica del loro diritto di governare dipende dalla loro capacità di raggiungere almeno alcuni risultati effettivi. Quel che hanno consegnato in realtà, tuttavia, sono anni di sofferenze incredibili accompagnate da ripetute promesse che la ripresa era proprio dietro l'angolo - e ora si stupiscono che molti elettori non si fidano più del loro giudizio, e si rivolgono a qualcuno, chiunque, che offra un'alternativa.

Vorrei poter credere che le elezioni italiane siano servite da campanello d'allarme - una ragione, ad esempio, per dare alla BCE il via libera per una maggiore espansione, una ragione per la Germania di fare un po' di politica espansiva e per la Francia di sospendere il suo non necessario stringere la cinghia. La mia ipotesi, tuttavia, è che avremo soltanto altre lezioni per gli italiani e per tutti gli altri su come non stanno dandoci abbastanza dentro."

Inutile dire che tutto questo diverrebbe attualissimo nel caso in cui si interpretasse il voto, da parte delle forze politiche tradizionali, solo come


Inviato da iPhone

Bersani cambia idea sull'austerità, da rivedere le politiche europee di stabilità


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Bersani cambia idea sull'austerità, da rivedere le politiche europee di stabilità

L'annuncio alla direzione del Pd. Qualora ci fosse un governo targato guidato da Bersani, una delle prime questioni sarebbe la promozione da parte [...]




Inviato da iPhone