11/03/13

Barroso: la crisi non è finita


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Barroso: la crisi non è finita

L'Europa non è ancora fuori dalla crisi e il livello della disoccupazione è "inaccettabile". Ma per José Barroso, si potranno vedere a breve i risultati degli sforzi di riforma che gli Stati membri hanno fatto. Prima di tutto quella del lavoro che è stato reso più precario e più flessibile, con la più ampia libertà di licenziamento, per spingere le aziende ad assumere sapendo di poterli mandare via in ogni momento.

Il presidente della Commissione europea, in una lettera inviata ai 27 Stati dell`Unione in vista del vertice del Consiglio europeo di giovedì prossimo, ha sottolineato che si stanno correggendo importanti squilibri presenti nell`economia dell`Europa
Andrea Angelini


Inviato da iPhone

L’Italia tra rischio povertà e povertà reale


Ti è stato inviato tramite Google Reader

L'Italia tra rischio povertà e povertà reale

Povera Italia se gli italiani sono sempre più poveri. Soltanto nel 2011, il numero di italiani sprofondati nel rischio povertà è stato infatti di 2,5 milioni. Un dato inquietante per un Paese come il nostro nel quale l'arte di arrangiarsi ha sempre costituito una risorsa e nel quale i legami familiari erano risultati fondamentali nel fare superare le difficoltà che di volta in volta si presentavano. Alla crisi economica, con una recessione che ormai dura da 5 anni ,si è aggiunto in Italia l'aumento delle tasse che ha ramazzato buona parte dei pochi risparmi del ceto medio. E per milioni di persone è stata notte fonda. Il numero di italiani a rischio povertà è così passato da...
Filippo Ghira


Inviato da iPhone

“L’Europa ha sacrificato una generazione per salvare le banche”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

"L'Europa ha sacrificato una generazione per salvare le banche"

Bruxelles, abbiamo un problema: lo dice Martin Schulz, presidente del PE


Inviato da iPhone

Uk, infermieri stressati: oltre 1000 pazienti morti per fame e per sete


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Uk, infermieri stressati: oltre 1000 pazienti morti per fame e per sete

 

- di Daniele Guido Gessa -

 

Sono 1165 i malati deceduti negli ultimi quattro anni. Sul banco degli accusati, medici e infermieri, troppo spesso oberati di lavoro e incapaci, per il ritmo troppo forsennato, di prestare le più basilari attenzioni ai pazienti. La sanità pubblica ha disposto ispezioni.

 

L'NHS, la sanità pubblica britannica, lancia oggi "nuove ispezioni non annunciate negli ospedali". Obiettivo, mettere a tacere lo scandalo degli ultimi giorni, dopo le rivelazioni fatte dalla stampa del Regno Unito che, semplicemente, ha riportato alcuni dati dell'ufficio nazionale di statistica. Secondo il quale, negli ultimi quattro anni, 1.165 persone sono morte in ospedale per malnutrizione e disidratazione. Sul banco degli accusati, medici e infermieri, troppo spesso oberati di lavoro e incapaci, per il ritmo troppo forsennato, di prestare le più basilari attenzioni ai pazienti. Sempre secondo l'ufficio nazionale di statistica, nel 2011 ben 43 persone sono morte per fame. Malati spesso allo stato terminale o incapaci di nutrirsi da soli, pazienti che non hanno trovato nessuno che li nutrisse proprio nel luogo dove ci si aspetta di essere accuditi con ogni riguardo: l'ospedale.

 

Ora, appunto, l'NHS corre ai ripari. Con un comunicato, il dipartimento della Salute ha fatto sapere: "Per noi è completamente inaccettabile che alcuni pazienti muoiano di fame o semplicemente soffrano la fame. Per fare in modo che ognuno riceva le giuste cure e per sradicare cattive pratiche ospedaliere, da oggi aumenteremo il numero delle ispezioni non annunciate e presto pubblicheremo le nostre ricerche sul rispetto della dignità umana negli ospedali e nelle case di cura. Ma stiamo investendo anche 100 milioni di sterline in nuove tecnologie che semplifichino il lavoro degli infermieri. I quali devono passare meno tempo sulle carte e fra la burocrazia e molto più tempo in corsia, fra pazienti e loro famigliari. I malati devono essere aiutati a bere e a mangiare. Ma, soprattutto, devono essere trattati con dignità".

 

Ora le associazioni per la difesa dei diritti dei malati sono sul piede di guerra. Diane Jeffrey, di Malnutrition taskforce, ha detto che "Troppe persone stanno pagando con la loro vita il malfunzionamento della sanità". Mentre altri gruppi di azione hanno sottolineato "lo stress al quale gli operatori sanitari sono soggetti". Così, proprio oggi, dall'NHS e da uno dei capi della formazione di infermieri e personale medico viene una proposta che ha lasciato molti commentatori...



Inviato da iPhone

Mediobanca: “Chiedere aiuti alla Bce per finanziare una bad bank italiana”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Mediobanca: "Chiedere aiuti alla Bce per finanziare una bad bank italiana"

La soluzione dei mali finanziari d'Italia? Secondo il centro studi londinese di Mediobanca sarebbe quella di creare una bad bank, ovvero un veicolo societario dove fare confluire le attività "tossiche" delle banche della Pensiola, con una dotazione di capitale da 18 miliardi di euro fornita dal fondo salva Stati Esm. L'obiettivo è depurare gli istituti finanziari dalle perdite derivanti da derivati e altri asset di cattiva qualità a spese del fondo europeo (e della cittadinanza che dovrebbe così sottoporsi a nuove misure imposte dall'Ue), aumentando la copertura dei crediti "dubbi" e allineandola agli standard del vecchio continente. Mediobanca Securities rileva però nello stesso report come "l'incertezza politica attuale" impedisce la realizzazione del progetto, perché "all'Italia manca l'autorità per negoziare con le istituzioni europee" su questo tema.

Piazzetta Cuccia aveva già fissato in una ricerca pubblicata a ottobre il bisogno di capitale per una bad bank finanziata dall'Europa, segnalando che la carenza di capitale del sistema bancario ammontava a 33 miliardi, contro i 18 miliardi annunciati adesso. L'Europa, secondo il rapporto di oggi, non potrebbe negare l'aiuto all'Italia, visto il precedente della Spagna e il nostro contributo di 125 miliardi al fondo Esm. In soldoni si tratta di 21 miliardi a disposizione di uno "sforzo di pulizia" da realizzare con pesanti accantonamenti nel quarto trimestre senza compromettere né il mantenimento di "un adeguato livello di capitale" né il rispetto delle "attese di dividendo per azione", che verrebbe allineato al minimo previsto dal mercato. L'iniziativa di Mediobanca segue di alcuni mesi una dichiarazione dell'ex ministro dell'Economia Giulio Tremonti che, tra gli altri, aveva avvertito che il prossimo governo dovrà fare entro l'estate una manovra da 14 miliardi.

Mediobanca Securities segnala in dettaglio che, seguendo le indicazioni del report, il tasso di copertura dei crediti "dubbi" del sistema salirebbe al 50 per cento (ovvero 50 euro accantonati ogni 100 euro di crediti dubbi) a fronte di un tasso medio di copertura del 53% in Europa, dove tra l'altro le regole sulle sofferenze sono meno stringenti. Il maggior contributo, secondo il centro studi londinese, sarebbe di Intesa Sanpaolo (7,9 miliardi) e Unicredit (7,6 miliardi), che vedrebbero il loro tasso di copertura crescere al 59 e al 53 per cento. "Riteniamo che il mercato apprezzerebbe la creazione di una bad bank finanziata dall'Esm", conclude Mediobanca, "in quanto stimolerebbe la disponibilità di credito per far ripartire l'economia dopo la disciplina fiscale di Monti".



Inviato da iPhone

Lo spericolato all-in del Pd


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Lo spericolato all-in del Pd

all in Lo spericolato all in del Pd

Anche su Notapolitica

Se siamo di fronte ad uno spericolato azzardo sulla pelle del paese, o ad un patetico bluff, lo scopriremo solo tra qualche settimana. Sta di fatto che al momento il Pd sembra marciare senza esitazioni, temerario, sul sentiero indicato dal suo segretario e dal gruppo dirigente, almeno per ora compatto dietro di lui. Dalle urne non è uscita una mano vincente, le sue carte non sono buone, ma il Pd sembra deciso a rilanciare, ad andare in "all-in", ad ottenere l'intera posta in gioco nonostante una posizione precaria, se non di debolezza: Quirinale prima e Palazzo Chigi poi, passando per nuove elezioni, anche a giugno. Confidando che nel frattempo Berlusconi sia stato fatto fuori per via giudiziaria e che gli elettori di sinistra capiranno, e sanzioneranno l'ostinazione di Grillo.

Eccoli i passaggi della spericolata manovra di Bersani: ottenere da Napolitano l'incarico esplorativo per portare a termine il tentativo con il M5S. Se andrà a buon fine (il che ad oggi appare quasi fantapolitica), tanto meglio. Altrimenti, avrà comunque guadagnato tempo: più giorni passano, infatti, più ci si avvicina alla prima seduta del Parlamento per l'elezione del prossimo presidente della Repubblica (15 aprile). Napolitano quindi avrebbe tempi al quanto ristretti per imbastire un percorso alternativo per la formazione di un governo, che verrebbe ulteriormente ostacolato dalla vera e propria tempesta giudiziaria che si sta abbattendo su Silvio Berlusconi. Fallito il tentativo con Grillo, infatti, proprio il Cav dovrebbe tornare ad essere un interlocutore del Pd, a partire dalla scelta del nuovo inquilino del Colle. Il calcolo di Bersani è che ormai vicino alla scadenza del suo mandato, e con il leader del centrodestra sempre più fuori gioco, Napolitano non possa far altro che gettare la spugna, rinunciare a far dialogare Pd e Pdl – anche se per interposta figura tecnica e super partes – e passare la pratica al suo successore, che concederebbe facilmente, e rapidamente, il ritorno alle urne.

Ma nuove elezioni a giugno sarebbero un azzardo totale. E' possibile, infatti, e in ciò confidano Bersani e i suoi, che molti elettori abbiano votato Grillo solo per protesta, e quindi di fronte alla possibilità concreta che abbia i n...



Inviato da iPhone

Crisi valutarie, Svalutazioni e Cambi di Regime dal collasso del Gold Standard


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Crisi valutarie, Svalutazioni e Cambi di Regime dal collasso del Gold Standard

Bella tabellina presenta Tyler oggi di un po' tutti i cataclismi monetari dall'uscita dal Gold Standard durante la Grande Depressione ad oggi. Spero che si legga, se no cliccatela per ingrandirla o andate su ZH. Un altra tabellina che varrebbe la pena stamparsi a mo' di promemoria e farci un quadretto:

Zero Hedge – Presenting The Currence Crises, Devaluations And Regime Changes Since The Collapse Of The Gold Standard

Submitted by Tyler Durden on 03/11/2013

2013.03.011+ZH+Currency+Wars+Summary Crisi valutarie, Svalutazioni e Cambi di Regime dal collasso del Gold Standard


Source: Bloomberg Brief
 Crisi valutarie, Svalutazioni e Cambi di Regime dal collasso del Gold Standard

da Argento Fisico

Incoming search terms:

  • maloney oro


Inviato da iPhone

Sofferenze bancarie, sognare è lecito


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Sofferenze bancarie, sognare è lecito

Oggi uno studio di Mediobanca Securities rilancia l'ipotesi di una bad bank, a cui conferire i crediti in sofferenza del nostro sistema creditizio. Servirebbero "solo" 21 miliardi di euro, sostiene lo studio, per riallineare la percentuale di copertura dei crediti in sofferenza italiani, pari attualmente al 39 per cento, alla media europea del 53 per cento, e ripulire i bilanci bancari per rimuovere l'ostruzione al canale creditizio. Fosse davvero così facile.


(...)
Continua a leggere Sofferenze bancarie, sognare è lecito (497 parole)




© Phastidio.net, 2003 - 2013. |
Permalink


Tags: , | Categorie: Economia & Mercato, Italia, Unione Europea




Leggete anche:



    Articoli correlati


Inviato da iPad

M5S, fatti non parole.

M5S, fatti non parole.:
rimborsi elettorali rifiutati m5s

Il vicolo cieco

Il vicolo cieco:
 Una nota che è meglio che i depressi non leggano

 Il vicolo cieco

L'Italia è chiusa in un vicolo cieco. Non c'è via di uscita. Il Parlamento eletto è diviso in tre grandi blocchi. Il blocco capeggiato da Berlusconi è paralizzato dall'ingorgo giudiziario  che lo estranea e gli rende difficile giocare un ruolo nella formazione di un nuovo equilibrio politico postelettorale; il blocco del PD è in preda alle convulsioni dovute alla esistenza di due diverse ambizioni e strategie: quella di Bersani e l'altra di Renzi. Entrambe le strategie adottate da questi signori sono deleterie e non portano che all'avvitamento della crisi o a nuove elezioni: il terzo blocco capeggiato da  Grillo  ritiene, non so se a ragione ma probabilmente sbagliando che si si fa a nuove elezioni PDL e PD evaporano a favore di una grande maggioranza grillina. Questo avviene nello scenario di un paese lugubre intristito dalla fame e dal freddo che soffrono milioni di famiglie e dallo stillicidio quotidiano della chiusura di fabbriche e negozi.
  In questo tetro quadro l'appello di Benigni Saviano ed altri appare .........................

#BersaniFirmaQui (Come volevasi dimostrare)

#BersaniFirmaQui (Come volevasi dimostrare):
Vi ricordate il facile vaticinio da:
S’I fossi Casaleggio (Arderei lo Mondo)
…S’i Fossi Casaleggio
Ecco quello che farei: ad un certo punto, intorno al 15-18 Marzo, quando tutti i media-sussidiati (nella speranza di mantenere il sussidio) daranno per certo il “governissimo” o “il governo tecnico 2.0″ detterei le condizioni per un SI ad un accordo di programma PD-M5S, ad esempio (traendo liberamente dal programma a 5 Stelle:
a) Rinuncia immediata e comune da parte di PD e M5S al rimborso elettorale in arrivo (Fanno 97 milioni tanto per incominciare).
Nel primo consiglio dei Ministri (tratto liberamente dal Programma a 5 Stelle):
…..
Detto fatto, vi invito a sbizzarrirvi con l’hashtag #BersaniFirmaQui:
Schermata 2013 03 11 alle 15.04.53 #BersaniFirmaQui (Come volevasi dimostrare)

Il PD vuole fare il governo l’M5S. Cominci con un firma.
p.s. è persino possibile che il PD rinunci al rimborso elettorale senza allearsi col M5S, non esiste un divieto in merito.




La tensione tra le due Coree diventa atomica

La tensione tra le due Coree diventa atomica: Seoul e Pyongyang sempre più lontane, lo spettro della guerra si avvicina

DAVID ROSSI, STATE STREET BANK E LE PENSIONI INTEGRATIVE

DAVID ROSSI, STATE STREET BANK E LE PENSIONI INTEGRATIVE: DAVID ROSSI, IL SUICIDA DELLA BANCA MORENTE E I TIMORI PER LE PENSIONI INTEGRATIVE

Fornero, fondi assunzioni licenziati pmi

Fornero, fondi assunzioni licenziati pmi: 190 euro al mese per un anno per contratti a tempo indeterminato

Video: Earth day – E’ l’ora di cambiare!

Video: Earth day – E’ l’ora di cambiare!:   Il 23 marzo torna l’Ora della Terra, il più grande evento globale WWF contro i cambiamenti climatici e per uno stile di vita più sostenibile. www.wwf.it/oradellaterra Per salvare il Pianeta, la sfida più bella, l’energia più potente, è la tua.  

Le banche italiane continuano a licenziare. Andranno a casa altri 20mila dipendenti

Le banche italiane continuano a licenziare. Andranno a casa altri 20mila dipendenti:
Bancario italianoFuori 20.000 occupati entro il 2017. La lista banche che licenziano. Gli istituti di credito hanno già ridotto il personale di 23 mila dipendenti tra il 2008 e il 2011. Ineluttabile: ci si va il meno possibile, tutto online.
Circa 23.000 dipendenti in meno rispetto al periodo precedente la crisi economica e almeno altri 20.000 lavoratori che dovranno uscire entro il 2017: sono questi i numeri della crisi per quanto riguarda il settore bancario che sta affrontando una riorganizzazione complicata con la riduzione di centinaia di sportelli e migliaia di lavoratori tra esodi e esternalizzazioni. A fine 2011 - secondo dati Abi -i dipendenti erano 320.000 a fronte dei 343.000 a fine 2008. Dal 2000 ad oggi sono confluiti nel Fondo di solidarietà in circa 40.000.
La contrazione occupazionale - secondo numeri raccolti dai sindacati - ha riguardato soprattutto i grandi gruppi con oltre 4.000 uscite per Intesa San Paolo, 2.400 per Unicredit e 1.660 per Mps.
leggi tutto

Il Pil Greco Sale Inaspettatamente (Verso il Ridicolo e Oltre)


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il Pil Greco Sale Inaspettatamente (Verso il Ridicolo e Oltre)

Mai fermarsi al titolo.

Tutto vero su ForexPros 

Schermata 2013 03 11 alle 14.40.11 Il Pil Greco Sale Inaspettatamente (Verso il Ridicolo e Oltre)

 

azzo che salita!






Inviato da iPhone

Hacker all’assalto della Banca centrale australiana

Hacker all’assalto della Banca centrale australiana:
di REDAZIONE
La banca centrale australiana è stata fatta segno di attacchi cibernetici con il potenziale di esporre informazioni interne sensibili, ma assicura che non sono andati persi dati né i sistemi sono stati compromessi.
Il quotidiano Australian Financial Review riferisce oggi che il sistema informatico della Reserve Bank è stato infiltrato ripetutamente e con successo e che sono state rubate informazioni. Gli attacchi risalgono alla fine del 2011, con una serie di mail dirette ad alti funzionari della banca che portavano un ‘malicious payload’. ”Come riferito oggi dai media, la banca e’ stata fatta segno in piu’ occasioni di attacchi cibernetici”, recita un comunicato della Reserve, che non commenta sull’ipotesi che gli attacchi con dei virus ‘malware’ fossero originati dalla Cina.
”La banca e’ dotata di sistemi di sicurezza comprensivi, che hanno isolato questi attacchi e hanno assicurato che i virus non si diffondessero attraverso la rete o i sistemi della banca. In nessun caso questi attacchi hanno causato perdita di dati o di informazioni o la corruzione dei sistemi”. Gli attacchi di hacking a governi e grandi corporation sono sempre piu’ frequenti e la Cina e’ sospettata di essere all’origine di molti di essi. Pechino tuttavia ha ripetutamente respinto le accuse, sostenendo invece che le sue istituzioni sono vittime di attacchi, specie dagli Stati uniti.

ONU: ubriachi a nostre spese

onuDa tempo manifestavo la mia antipatia per ONU, FAO e tutti quegli organismi che dovrebbero occuparsi di questioni internazionali e di rendere il mondo un posto migliore, ma che per ora hanno migliorato solo lo stile di vita dei propri delegati.
Lo sperpero di soldi infatti è immenso: la FAO, invece di occuparsi di rifocillare il mondo è più preoccupata di nutrire i propri dipendenti, dato che si “mangia” l’80% del budget in stipendi.

Anche Ratzinger indica la minaccia del “capitalismo finanziario sregolato”

Anche Ratzinger indica la minaccia del “capitalismo finanziario sregolato”:
Gli operatori di pace chiamati a costruire un nuovo modello di sviluppo più solidale
Mario Ledttieri* Paolo Raimondi**
In relazione alla sorprendente decisione di Papa Benedetto XVI di dimettersi dall’alta carica di capo della Chiesa cattolica, assume una particolare e significativa rilevanza il suo messaggio “Beati i Costruttori di Pace” scritto per la celebrazione della 46. sima Giornata Mondiale delle Pace tenutasi il primo gennaio 2013.
E’ un messaggio assai importante, sicuramente elaborato nella consapevolezza della gravità dei problemi mondiali e della difficile missione universale della Chiesa cattolica. Probabilmente le ...................

Obbligazione in dollari


Obbligazione in dollari

 

dollaroSulle punte di rafforzamento dell’euro, in particolare in zona 1,35 è interessante acquistare obbligazioni in dollari statunitensi, non tanto per il rendimento quanto per la possibilità di deprezzamento dell’Euro atteso ad un cambio di 1,20 per fine anno.
Forse trattasi di previsione ottimistica, ma la maggior forza dell’economia statunitense potrebbe mettere fine alle politiche espansive e portare ad un rialzo dei tassi, con conseguente rivalutazione della divisa statunitense...................

La sfida di Beppe Grillo a Bersani


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La sfida di Beppe Grillo a Bersani

#bersanifirmaqui: il leader del M5S chiede al segretario Pd di rinunciare ai rimborsi ai partiti


Inviato da iPhone

Financial Times: dalla recessione alla depressione? Perché l'Italia ha bisogno di un cambio generazionale


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Financial Times: dalla recessione alla depressione? Perché l'Italia ha bisogno di un cambio generazionale

Dopo il risultato inconcludente delle elezioni politiche del mese scorso, le voci influenti nei media italiani ora chiedono - non per la prima volta - un governo "tecnico". Il compito di tale governo sarebbe semplice: riformare l'intero sistema politico, introdurre nuove regole di voto, e nel tempo libero che rimane, attuare tutte le riforme economiche e ripagare tutti i debiti.

Se l'Italia percorrerà quella strada, la probabilità di un grave incidente sarà alta, perché il governo agirebbe (...)


-
Economia internazionale
/
,
,
,
,
,


Inviato da iPhone

Bersani si è accorto che Grillo gli ha detto di no?

Bersani si è accorto che Grillo gli ha detto di no?:
Le continue offerte al M5S preparano il ritorno al voto. Ma sono anche un alibi in caso di inciucio
read more

GUERRE VALUTARIE E CONSEGUENZE DEL KRUGMANISMO


Ti è stato inviato tramite Google Reader

GUERRE VALUTARIE E CONSEGUENZE DEL KRUGMANISMO

KrugmanDI MATTEO CORSINI


"Le guerre valutarie quasi sicuramente rappresentano un vantaggio per l'economia mondiale… Una politica di espansione monetaria è quello di cui il mondo ha bisogno, che motivo c'è di vederla come un male? L'Europa rischia di subire una perdita di competitività. Ma ha una risposta a disposizione: emulare gli altri Paesi avanzati e convincere la Bce a intraprendere misure di espansione… Su entrambe le sponde dell'Atlantico gli "austerofili" sembrano in preda al panico. E' una buona notizia: è il segnale che si rendono conto di stare perdendo il dibattito… Il problema è che questa gente ha fatto danni enormi ed è ancora nelle condizioni per continuare a farli". (P. Krugman)


Mentre alcuni keynesiani ammettono che una corsa alle svalutazioni competitive a livello globale finirebbe per non fornire alcun beneficio all'economia, generando solo più inflazione e, di conseguenza, alleggerendo il peso dei debiti in termini reali, Paul Krugman si dice quasi sicuro che le guerre valutarie porterebbero benefici.


Partendo dal presupposto, del quale peraltro non si preoccupa di spiegare la fondatezza, che "una politica di espansione monetaria è quello di cui il mondo ha bisogno", Krugman sostiene che sarebbe sufficiente convincere la Bce ad operare come la Fed. A tale proposito si dice ottimista, dato che gli "austerofili" "si rendono conto di stare perdendo il dibattito".


Come ho più volte sostenuto, ritengo che il problema principale finora sia stato perseguire il consolidamento dei conti pubblici prevalentemente aumentando le tasse invece che riducendo la spesa pubblica. Questo ha consentito a milioni di persone (non necessariamente povere) di sentire poco o nulla le conseguenze della crisi, ma ha anche intralciato il necessario aggiustamento dell'economia, oltre a disincentivare la ripresa per eccesso di pressione fiscale. Comunque sia, chi sostiene che il debito sia un problema di domani e che nell'immediato sia meglio fare deficit e finanziarlo stampando denaro offre un messaggio capace di riscuotere il consenso di larga parte dell'opinione pubblica, oltre che della classe politica. Offre, cioè, l'illusione che sia possibile risolvere i problemi senza sacrifici o, nella peggiore delle ipotesi, rimandando i sacrifici al futuro.


Il problema è che oggi ci troviamo proprio a fare i conti con le conseguenze di decenni krugmanismo più o meno consapevolmente applicato.


Sarà pur vero che avremmo potuto avere una classe di policymakers migliore, ma diversi Paesi del mondo occidentale si trovano imbottiti di debito e con economie che non crescono (se non in misura ridotta) nonostante politiche monetarie (e fiscali...



Inviato da iPhone

In America il gelato è tutto uguale… cambia solo il colore – Ecco la strategia per conquistare il mondo!


Ti è stato inviato tramite Google Reader

In America il gelato è tutto uguale… cambia solo il colore – Ecco la strategia per conquistare il mondo!

Paolo D'Arpini

Qualche mese fa mi trovavo in America, dove capito spesso in visita ai miei tanti fratelli d'oltre mare, perché anch'essi come noi tutti, sono figli di Adamo ed Eva, nostri progenitori.

Oltre ogni psicologia filosofica disseminata da gruppi di potere, francamente sono ammagliato da quella grande Nazione, Peace Maker dell'umanità, sempre in guerra per la difesa del Pianeta, capaci di richiamare le anime da tutto il mondo e farle sentire Americane. Non più Nordisti e Sudisti, Cristiani o Musulmani, Protestanti o Ebrei, Buddisti o Induisti, ma tante anime amalgamate in un mondo diverso ed unito, gli Yankee, intesi come una famiglia dove tutti per uno ed uno per tutti, uniti nel bene e nel male, liberi di professare il loro pensiero di Fede.

Un giorno, disponendo di qualche ora al mio appuntamento in quel Paese, premetto che di professione faccio l'Apolitico convinto, rifiutando di prendere parte diretta in qualsiasi formazione Politica Dei partiti, dove a mio avviso, finiscono tutti gli ignoranti mentalmente minorati assetati di Potere, con tante Lauree ma senza adeguata preparazione nelle funzioni primordiali per far fiorire la Pace e il Bilanciamento delle risorse Umane e Terrene, attraverso la "Sociologia Profonda e l'Umanesimo", essenziali per Governare.

Come dicevo, quel giorno, disponendo abbondantemente di tempo, faccio due passi e mi incammino in un Super mercato, che in America sono grandi quanto alcune delle nostre città. Il contatto con il pubblico arricchisce il sapere, un antichissimo detto, "la vecchia non vuol morire per imparare".

Guardando di qua e di la, sono attratto da un bancone frigorifero ben disposto lungo all'incirca cinquanta metri, con una infinità di formaggi esposti e ben imballati. Per curiosità, tanto per iniziare uno scambio di opinioni, chiedo ad una gentile signora, quale fosse il formaggio migliore da consigliarmi, la signora con grande garbo ma alquanto sorpresa mi dice: dipende dalla forma che Lei predilige, poiché nel contesto di tutti questi formaggi, hanno più o meno lo stesso gusto, può cambiare soltanto il livello di stagionatura e l'imballaggio. Oh, non si meravigli, quei formaggi artigianali di una volta fatti con tecnologie tramandate da padre in figlio, non esistono più. Sono convinta che nei formaggi attuali non ci sia neppure il latte tradizionale. Sono tutti prodotti con sostanze chimiche che certamente non uccidono e vengono arricchiti con vitamine, grassi e proteine, coloranti ed altri additivi nutrienti e innocui alla salute, per una lunga conservazione.

Continua la signora, la quale dal modo di esprimersi sembrava alquanto preparata, di fronte ad un ignorante convinto come me, ar...


Inviato da iPhone

Italia, nave senza nocchiero e in gran tempesta...



Italia, nave senza nocchiero e in gran tempesta...
RINASCITA - TUTTI | 09 MARZO 2013
http://pulse.me/s/jqknJ


Il risultato di queste elezioni non lascia dubbi né incertezze: l'imponente avanzata di Grillo ha risucchiato i voti di ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

“Vi spiego perché l’euro muore senza l’Italia “


Ti è stato inviato tramite Google Reader

"Vi spiego perché l'euro muore senza l'Italia "

Dopo che vari esponenti dell'establishment conservatore tedesco aveva aperto all'addio del nostro paese, arriva una secca risposta negativa


Inviato da iPhone

La Telecom Sparkle fa la festa... ai lavoratori


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La Telecom Sparkle fa la festa... ai lavoratori

La Telecom Sparkle fa la festa... ai lavoratori
Per il 10° anniversario di Telecom Italia Sparkle, l'azienda ha deciso di fare la festa a tutti i dipendenti pianificando lo scorporo di alcuni settori. La manovra coinvolge quasi 250 lavoratori. Gli altri 400 lavoratori rimarranno…
Continua a leggere l'articolo...


Inviato da iPhone

Spese pazze della Casta friulana: una pistola e un set di pentole con i soldi della Regione


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Spese pazze della Casta friulana: una pistola e un set di pentole con i soldi della Regione

Manca una settimana alla scadenza per la presentazione delle liste alle elezioni regionali in Friuli Venezia Giulia. Le inchieste della Corte dei Conti e della procura di Trieste vanno avanti, alla scoperta di chi ha effettuato spese pazze coi soldi della Regione. La follia? Una pistola scacciacani acquistata da un leghista e un set di pentole comperato da un esponente del Pd. Con i soldi dei contribuenti, questo ed altro...



Leggi tutto...



Inviato da iPhone

USA. Disoccupazione giù, e Obama si pavoneggia



Inviato da iPhone

“Chi fa tanto sesso è più intelligente”

Ecco perche'......  ;-)

Ti è stato inviato tramite Google Reader

"Chi fa tanto sesso è più intelligente"

I risultati di uno studio italiano fanno il giro del mondo


Inviato da iPhone

DAGOSPIA SEMPRE NUMERI 1!!! IL SULTANO DI HARDCORE AGLI ARRESTI DOMICILIARI E MUSSARI IN LIBERTA'


Ti è stato inviato tramite Google Reader

DAGOSPIA SEMPRE NUMERI 1!!! IL SULTANO DI HARDCORE AGLI ARRESTI DOMICILIARI E MUSSARI IN LIBERTA'


NELLA SUA SUITE CON VASCA IDROMASSAGGIO AL SAN RAFFAELE, IL MEZZOCECATO SULTANO DI HARDCORE CERCA DI NON FINIRE AGLI ARRESTI DOMICILIARI. COSÌ AVREMO FINALMENTE UN PAESE NORMALE, SENZA PDL TRA I PIEDI (FITTO: "SENZA SILVIO E' SOLO UN'ALLEGRA COMITIVA")

 CON I MUSSARI E I PENATI FELICI DI FESTEGGIARE BERSANI PREMIER -

 2. IL CAIMANO PEDINATO DA BOCCASSINI E DA WOODCOCK DEVE ARRIVARE INNANZITUTTO A VENERDÌ PROSSIMO, QUANDO POTRÀ PESCARE NUOVI LEGITTIMI IMPEDIMENTI DAL CALENDARIO DEL SENATO. DAL 19, POI, INIZIERANNO LE CONSULTAZIONI AL QUIRINALE PER IL NUOVO GOVERNO E LUI CI DEVE ANDARE SENZA CONDANNA RUBY SUL GROPPONE - 3. IL BANANA STA GIOCANDO LE SUE CARTE PROCESSUALI ALZANDO E ABBASSANDO IL LIVELLO DELLO SCONTRO (ANCHE IN PIAZZA), A SECONDA DEI CONSIGLI DI LETTA E GHEDINI -




Inviato da iPhone

Il Porcellum? L'unico modo per fermare il M5S. La riforma elettorale si allontana


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il Porcellum? L'unico modo per fermare il M5S. La riforma elettorale si allontana

L'esito delle ultime elezioni ha lasciato il Paese nel caos. Molti hanno cercato di "dare la colpa" a qualcuno o a qualcosa per spiegare un risultato che da una sola certezza: questo Governo durerà molto poco.

C'è chi se l'è presa con l'austerità, chi ha parlato di grave errore da parte del PD nella mancata scelta di Matteo Renzi come candidato Premier, chi si è scagliato contro il solito Berlusconi e chi ha inveito contro il populismo di Grillo che ha conquistato i cittadini "più con le sue abilità (...)


-
Politica Italiana
/
,
,
,
,
,
,


Inviato da iPhone

Se il Pd perde gli operai è colpa dell’austerity


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Se il Pd perde gli operai è colpa dell'austerity

La notizia non è solo che nel voto degli operai Grillo è al primo posto ma che il Pd arriva a terzo. L'analisi della composizione sociale del voto del 24 e 25 febbraio realizzata dall'istituto Demos fotografa con più precisione e nitidezza il sommovimento sociale espressosi poi nelle elezioni. Il movimento di Beppe Grillo, infatti, smuove nel profondo gli elettorati tradizionali di centrodestra e centrosinistra, lavoro dipendente da un lato, imprenditori e lavoratori autonomi, dall'altro, e segnala cambiamenti importanti avvenuti sull'onda della crisi economica e delle politiche realizzate dai governi degli ultimi anni. 

Grillo è il primo partito, superando il 40%, tra gli operai (40,1), il lavoro autonomo (40,2) e i disoccupati (42,7). Di fatto, è in testa nelle categorie che più di altre sono legare alla produzione materiale, che hanno vissuto in forma diretta, spesso senza mediazioni o "ammortizzatori", la crisi e che ne hanno misurato la durezza. Con questi numeri è del tutto logico che il M5S sia il primo partito nella cintura operaia torinese, in molte zone del Nordest o in Sardegna e Sicilia. Al contrario, il Pdl è il primo partito tra le casalinghe - quello più legato alla televisione – mentre il Pd lo è tra i pensionati (39,5) e gli impiegati, tecnici e funzionari (32,4). Come a dire, la basa storica e tradizionale del voto di centrosinistra e quel settore che, come dice Grillo, è il più inserito in questa sistema. Chi dal sistema attuale si sente minacciato, da destra, da sinistra, dal basso, fugge via e si rifugia in un voto che è un mix di protesta e rabbia (probabilmente la componente maggioritaria) e di ricerca di una possibile soluzione di uscita alla situazione attuale.

La gestione delle politiche di austerità, dunque, ha prodotto l'erosione costante e, con le ultime elezioni, violenta dei consensi dei maggiori schieramenti. Più che chiedersi cosa vuole Grillo e dove andrà il suo movimento è forse più utile interrogarsi sulla qualità di quelle politiche e sul loro impatto sociale. La fotografia, ripetiamo, è nitida: il mix tra globalizzazione da un lato, cioè trasferimento a livello sovranazionale della governance e dei meccanismi di redistribuzione del reddito, e austerità dall'altro, cioè lo spostamento delle risorse verso la fascia dei ricchi e dei super-ricchi (l'1% contro il 99), ha intaccato in profondità equilibri sociali radicati. Perdita del posto di lavoro per quanto rigua...



Inviato da iPhone

Movimento 5 Stelle: “A Bologna autobus gratis per tutti”

Movimento 5 Stelle: “A Bologna autobus gratis per tutti”:
La proposta, nella sua semplicità, suona più o meno così: autobus gratuiti per tutti a Bologna. Ed è stata subito stroncata dai “tecnici” della giunta a guida Pd al governo sotto le Due Torri. “Possiamo parlare della luna o anche inventarci imposte – ha dichiarato la vicesindaco con delega al bilancio, Silvia Giannini – bisognerebbe però prima occuparsi dei problemi reali dei cittadini”. Una bocciatura netta e senza appello dunque. Eppure l’idea proposta dal consigliere bolognese a 5 Stelle Marco Piazza sembra non essere così lunare. “Abbiamo provato a fare un po’ di conti – racconta Piazza – Con una cifra di soli 7 euro al mese i cittadini di Bologna potrebbero garantirsi l’utilizzo gratuito e .............

IL PD ROMPE I COGLIONI ANCHE IN SARDEGNA!!!

IL PD ROMPE I COGLIONI ANCHE IN SARDEGNA!!!:

Fondazione Banco di Sardegna, il Pd litiga sulla nomina del vertice.

MA SE INVECE DI LITIGARE...COMINCIASSERO A LAVORARE? BERSANI E' UN MORTO CHE PARLA...SPERO CHE RENZI SIA DIVERSO...MA UNO CHE PARLA CON MONTI....FINISCE CHE SI SPUTTANA..ANCHE RENZI SE VUOLE AVERE UN PESO NEL FUTURO ITALIANO DEVE STACCARSI DAL PASSATO E DAL POTERE DELLE BANCHE E DELLA POLITICA..MA SOPRATUTTO DEVE STACCARSI DALLA MERKEL E DALLA DITTATURA TEDESCA. DEVE FERMARE LE SVENDITE GIA' PREVISTE DA MONTI!

DIPENDENTI PUBBLICI FOTTUTI

DIPENDENTI PUBBLICI FOTTUTI:
Il governo Monti prosegue imperterrito coi suoi tagli lineari. Ovverosia indiscriminati. Ovverosia ottusi

Della questione abbiamo già parlato una decina di giorni fa (qui), ma dando notizia dell’aspetto diciamo così concettuale: la decisione, da parte del governo Monti, di cristallizzare i contratti della Pubblica Amministrazione, con effetti anche retroattivi che portavano l’ampiezza del blocco all’intero periodo dal 2011 al 2014 compreso.
Adesso, a completare il quadro, arrivano i calcoli su quale sarà l’impatto concreto sui lavoratori.
per Abbonati

L’allarme: “Antibiotici sempre meno efficaci”

L’allarme: “Antibiotici sempre meno efficaci”:
Il rischio è che si torni a una situazione sanitaria simile a quella di inizio Ottocento
read more

Dai che mancano solo 65 adesioni!!!! Clicca qui e condividi!!! Grazie.... zio

Grillo Beppe: "Caro Grillo, non dare la fiducia al governo "

Grillo Beppe: "Caro Grillo, non dare la fiducia al governo "

    1.  
    2. Lanciata da
      Italy

       Firmato

      con 35 sostenitori
      65 NECESSARI

ITALIA ALL’OSCURO. IL CASO DEL GIUDICE FERRARO

ITALIA ALL’OSCURO. IL CASO DEL GIUDICE FERRARO:




di Gianni Lannes

L'Italia non è come ce la raccontano da 151 anni, dai tempi dell'annessione violenta dello Stivale (non certo la retorica "Unità").

Come aveva ammonito il presidente Dwigt David Eisenhower, al momento di lasciare la Casa Bianca: "Attenzione al complesso militar-industriale". L'avvertimento pronunciato da un glorioso generale suona calzante.

Eppure, In Italia, grazie ad un'impunità che dura da troppo tempo, l'èlite militare gode di un potere di ricatto nei confronti della casta politica, in ragione della conoscenza di innumerevoli segreti "indicibili". Qualcosa che per un comune cittadino è semplice fantascienza. E di armadi della vergogna ce ne sono parecchi da spalancare al più presto.

Nei tempi bui correnti per distruggere qualcuno gli apparati deviati possono utilizzare diversi metodi di “intelligence”: intimidazioni, minacce, attentati, eliminazione fisica, denigrazione e .................



BERSANI: “Pronto a offrire la presidenza delle Camere”

Accattonaggio politico.....

zio



BERSANI: “Pronto a offrire la presidenza delle Camere”:

E’ quanto medita il Segretario del Pd, secondo le indiscrezioni raccolte da Repubblica oggi in edicola.

Austerità: ne esistono due diversi tipi. Perché l'Italia ha scelto quella sbagliata?

Austerità: ne esistono due diversi tipi. Perché l'Italia ha scelto quella sbagliata?:

Gli italiani hanno capito la gravità della loro situazione economica nel mese di Novembre 2011, quando è stato nominato Mario Monti, ed erano pronti a fare sacrifici per contribuire a far uscire il paese dalla recessione. La leadership politica ha perso l'occasione, scegliendo la strada più facile dell'aumento delle tasse, e ha pagato il prezzo alle urne, con una sconfitta parziale. I due tipi austerità

Il risultato delle elezioni in Italia non è, come sostengono i critici, il rintocco funebre (...)

-
Economia internazionale
/
,
,
,
,

Firmare questa petizione con 29 sostenitori 71 NECESSARI


Grillo Beppe: "Caro Grillo, non dare la fiducia al governo "

    1.  
    2. Lanciata da
      Italy
  1.  
  2.  
Non sprecare i voti che ti abbiamo dato andandoti ad invischiare con i "professionisti" della politica che hanno portato il paese allo sfacelo. Se ti fai coinvolgere farai la fine della lega, dobbiamo rottamarli tutti e ricostruire da capo l'Italia, resisti alle sirene tentatrici che vogliono solo dimostrare che siete uguali a loro!!
A:
Grillo Beppe 
"Caro Grillo, non dare la fiducia al governo "
Cordiali saluti,
[Il tuo nome]

Ultime firme

Sostenitori

Motivi per firmare

  • Umberto Zo VENICE, ITALY
    • circa 12 ore fa
    •  
    •  
    Per rispettare il voto degli oltre 8 milioni di italiani che ti hanno dato fiducia e che mai vorranno un accordo con il PD meno L
    • circa 14 ore fa
    •  
    •  
    Per non dover pensare che ho sbagliato a votarli...
  • Roberta C. ITALY
    • circa 14 ore fa
    •  
    •  
    anche se non sono una tua elettrice, credo la tua battaglia per mandarli tutti a casa è sacrosanta
  • Francesco Razzauti LIVORNO, ITALY
    • circa 19 ore fa
    •  
    •  
    Avevo firmato la petizione della Tesi, ma poi ho realizzato di aver sbagliato, anche vedendo l'accanimento della stampa contro il M5S di questi ultimi giorni.
    I partiti stanno cercando di costringere il M5S ad "arrendersi" facendolo apparire come irresponsabile ed in mano a due soli,soggetti imbroglioni ed affaristi per il loro tornaconto.
    È allora... Non cedere e fai quello che serve per ripulire questa politica e questa stampa schifosa.
    • circa 20 ore fa
    •  
    •  
    spero sia solo l'inizio

Notizie