19/04/13

Marchionne: masochismo produrre auto elettriche

Marchionne: masochismo produrre auto elettriche: Detroit (USA) 'Masochismo industriale': cosi' Sergio Marchionne, amministratore delegato dei gruppi FIAT e Chrysler, ha definito la produzione di auto elettriche su larga scala parlando all'incontro annuale della Society of Automotive Engineers, tenutosi a Detroit (USA).Al momento vengono vendute alla controllata Usa in California Fiat 500 elettriche che comportano una perdita di 10 mila dollari a veicolo e quindi una...........

Ultima spallata alla Costituzione con uscita di scena di Napolitano

Ultima spallata alla Costituzione con uscita di scena di Napolitano: - Tonino D’Orazio - La commissione dei saggi voluta da Napolitano ci ripropone due vecchie storie. La prima una grande coalizione. La seconda una legge elettorale “nuova”, con il presidenzialismo, o, per meglio intorbidire le acque, il semi-presidenzialismo, alla francese. Un presidente “semi”, la solita mediazione italiana affinché non sia mai qualcosa di chiaro. Siamo [...]

Milano: manganellati i lavoratori della Sea Handling

Milano: manganellati i lavoratori della Sea Handling:


Milano: manganellati i lavoratori della Sea Handling


Cariche e manganellate contro i lavoratori dei servizi di handling che manifestavano e scioperavano contro la vendita dell'azienda.

Continua a leggere l'articolo...

Presidente della Repubblica, Grillo a Bersani: “Perché non votare Rodotà?

Presidente della Repubblica, Grillo a Bersani: “Perché non votare Rodotà?:

Beppe Grillo rivolge una sola domanda al segretario Pd: “Perché il no inflessibile a Rodotà da parte di Bersani?”. Il leader dei 5 Stelle in un post sul suo blog si rivolge al segretario democratico e lo invita a convergere sul nome del terzo candidato delle Quirinarie. Dopo il ritiro di Milena Gabanelli e Gino Strada, il giurista è infatti il nome ufficiale scelto dal Movimento mentre il centrosinistra, dopo la “bocciatura” di Franco Marini, ha deciso di proporre per il Quirinale Romano Prodi. In caso di elezione di Rodotà, inoltre, Grillo ha promesso un “patto di governo”.

Si tratta di un “quesito a cui non c’è risposta – prosegue Grillo – , della serie chi siamo? dove andiamo? esiste l’intelligenza sugli altri pianeti e nel pdmenoelle?”. E ricorda la ............

CHE SORPRESA! STA ARRIVANDO IL 25 LUGLIO. l'IMMUTABILE DIREZIONE EURISTA DEI GOVERNI ITALIANI E L'ESTABLISHMENT USA

CHE SORPRESA! STA ARRIVANDO IL 25 LUGLIO. l'IMMUTABILE DIREZIONE EURISTA DEI GOVERNI ITALIANI E L'ESTABLISHMENT USA:


L'ipotesi frattalica consiste in una previsione, o predizione, non in una tesi su cosa si auspica che accada, Cioè nel prevedere non si prende posizione ideologica ma si registrano fattori causali concomitanti che indirizzano gli accadimenti.


Si suppone che certe "forme" nella natura fattuale della Storia umana si riproducano seguendo delle regolarità. Queste non sono esprimibili in misure matematiche: sarebbe troppo difficile per la impossibilità di stimare la misteriosa "intensità" del tempo nel prodursi non lineare degli eventi umani. Non di meno, tali regolarità seguono (in ipotesi, appunto) delle ciclicità, diseguali nell'apparenza ma informate  al disegno interno di una struttura costante. Ciò risponde, quantomeno, al ................

Rodotà può farcela! Bersani spieghi alla base Pd perché non lo vota

Rodotà può farcela! Bersani spieghi alla base Pd perché non lo vota: di Paolo Flores d’ArcaisRodotà ha ottenuto 89 voti in più di quanti fossero i parlamentari del M5S in aula. Una ulteriore prova di come sia la personalità che può unire tutti i parlamentari che vogliono un Custode della Costituzione e dei suoi principi di giustizia e libertà, anziché un Presidente di gradimento del Caimano. Rodotà [...]

La Repubblica di Goldman Sachs

La Repubblica di Goldman Sachs:

Solo qualche piccola nota di promemoria.

Sopravvissuto alla Democrazia Cristiana, alla Prima Repubblica, alla seconda e, oggi la conferma, anche alla terza.

Al comando dell'Ue, sotto di lui Bolkenstein, da commissario per il mercato interno, rilasciò la famosa direttiva che prevede la liberalizzazione dei servizi, ad esempio consentendo che un lavoratore straniero possa essere pagato all'estero con il contratto del suo Paese, stracciando di fatto i .....



I ROTHSCHILD VOGLIONO LE BANCHE DELL'IRAN?

I ROTHSCHILD VOGLIONO LE BANCHE DELL'IRAN?:


www.deesillustration.com


By Pete Papaherakles





Che il controllo della Banca Centrale della Repubblica Islamica dell'IRAN (CBI) sia una delle maggiori ragioni per cui l'Iran è sotto tiro da parte dei poteri dell'Occidente e dell'Iran? Mentre salgono le tensioni per una impensabile guerra con l'Iran, val la pena di esplorare il sistema bancario iraniano, paragonandolo alle controparti americane, britanniche e israeliane.





 Alcuni ricercatori sottolineano che l'Iran è uno dei soli 3 Paesi rimasti al mondo, in cui la Banca Centrale NON è sotto il controllo dei Rothschild. Prima dell'11 settembre ne venivano citati 7: Afghanistan, Iraq, Sudan, Libia, Cuba, Corea del Nord e Iran. 





Nel 2003, tuttavia, Afghanistan e Iraq sono stati inghiottiti dal polipo Rothschild, e nel ................


Crisi, una famiglia su tre non porta i figli dal dentista

Crisi, una famiglia su tre non porta i figli dal dentista:

In Italia il 90-95% dell'assistenza odontoiatrica e' privata, ora i genitori portano i bambini dal dentista per la prima visita, ma poi sempre di più rinunciano alle cure per le alte spese

Leggi tutto

Sprofonda l'industria italiana

Sprofonda l'industria italiana:


Sprofonda l'industria italiana


Non c'è settore che si salvi. Il crollo verticale della domanda interna è tale da non poter essere compensato da quella estera. Che peraltro si è praticamente arrestata.

Continua a leggere l'articolo...

Oro: La speculazione ha causato il crollo delle quotazioni

Oro: La speculazione ha causato il crollo delle quotazioni: Lo afferma il World Gold Council in una nota.

Giulietto Chiesa: non azzardatevi a toccare il nostro oro

Giulietto Chiesa: non azzardatevi a toccare il nostro oro:

Dovrei parlare delle bombe di Boston, anche perché ho ricevuto numerose richieste di esprimermi in merito, ma non lo farò. Per due motivi: il primo è che non mi fido delle notizie finora giunte e di quello che dicono gli inquirenti di Boston, perché stanno emergendo – solo in Rete – particolari e interrogativi inquietanti circa preparativi o eventi che hanno preceduto di poco quelle esplosioni. Secondo la testimonianza di un noto maratoneta, un veterano, Alistair Stevenson, era in corso un’esercitazione con cani addestrati alla ricerca di bombe PRIMA che gli eventi diventassero drammatici, cioè prima delle esplosioni, e l’esercitazione fu addirittura annunciata con gli altoparlanti dalla polizia. La stessa notizia la fornisce il “Boston Globe”, anch’esso in Rete. La polizia smentisce; noi ne prendiamo atto, in attesa di notizie più precise, e fermiamoci qui. Il secondo motivo per cui parlerò d’altro è che sono in corso esplosioni molto più drammatiche. (continua…)

La Grecia vende i suoi gioielli

La Grecia vende i suoi gioielli:



Fonte: www.formiche.net 





L’ente incaricato ha cambiato tre presidenti in un anno


 di Francesco De Palo  

Si apre un mese cruciale per le maxi-privatizzazioni in Grecia, conseguenti al memorandum lacrime e sangue imposto dalla troika che, oltre ad aver coperto la montagna di debiti con altri debiti, ha imposto una privatizzazione di massa per fare cassa. E non senza difficoltà, dal momento che l’azienda di stato (la Taiped) incaricata di vendere «i gioielli di famiglia» ellenici ha già cambiato tre presidenti in un anno.



Oltre ai colossi tedeschi e francesi, in fila ci sono cinesi, russi e gli italiani con Terna. Vediamo dunque chi è pronto a prendersi interi pezzi di Ellade, con la prospettiva di fare buoni affari.

I gruppi in vendita. All’interno del pacchetto di offerte che dovranno essere presentate entro il prossimo 17 maggio al Fondo di privatizzazione, vi sono le aziende di stato che controllano il totocalcio, il gas, venti aeroporti regionali e anche il monopolio sulle scommesse ippiche. Se non si riuscirà a raggiungere l’obiettivo di 2,6 miliardi di entrate nel 2013, il governo dovrebbe introdurre automaticamente nuove misure e altri tagli. In gara non solo il gotha dell’imprenditoria ellenica (Latsis, Melissanidis, Kokkalis, Bobola), ma anche...........

La farsa delle presidenziali.

La farsa delle presidenziali.:


Nello scorso post ho definito farsa l'elezione del presidente della repubblica italiana per una ragione molto semplice, che non e' legata al fatto di essere eletto dopo una sceneggiata a dir poco comica, di cui comunque parlero', ma riguarda il fatto che tra il compito del presidente ed il metodo con cui viene eletto passa una gigantesca disforia di tipo principalmente etico.




Andiamo alla sceneggiata.





Per prima cosa, non  si e' saputo piu' nulla del famoso attacco hacker di Grillo, non si sa se sia stata fatta una denuncia, e l'unico documento di DNV parla ancora di "inconsistenza". Le altre voci pubblicate sui giornali sono solo voci, ma a tutt'oggi non si sa di denunce o di inchieste.   Peraltro, essendoci circa 48





Parto quindi dall'assunto che i nomi scelti dalle quirinarie , anziche' essere usciti dal voto , siano stati decisi da Grillo&Casaleggio. Non c'e' alcuna evidenza pubblica di ...........





Uriel


http://www.keinpfusch.net/

Accaparramento del terreno agricolo, Ue ed Italia sono tornate ai tempi del latifondo

Accaparramento del terreno agricolo, Ue ed Italia sono tornate ai tempi del latifondo: - Maria Ferdinanda Piva - Non si può neanche più suggerire ai disoccupati di andare a zappare la terra. In Europa e in Italia si diffonde l’accaparramento di enormi estensioni di terreno agricolo da parte di pochi ricchi. Il land grabbing non è più un fenomeno da Terzo Mondo, o forse anche noistiamo entrando nel [...]

Ogni mese chiudono 10mila imprese

Ogni mese chiudono 10mila imprese:
Nel primo trimestre dell'anno -31.000 imprese in Italia, il saldo peggiore dal 2004: sono i dati diffusi da Unioncamere sulla base di Movimprese, la rilevazione trimestrale sulla natalità e mortalità delle imprese condotta da InfoCamere, società di informatica delle Camere di Commercio italiane
Leggi tutto

Romano Prodi “quello là”? Esatto

Romano Prodi “quello là”? Esatto:
Franco Marini no, Romano Prodi sì. Bersani prende atto che il primo era indigesto, sia a buona parte del Pd che a Sel, e cambia al volo la sua scelta. Ottenendo addirittura una standing ovation (sic) per il nuovo candidato.
Invece del vetusto Marini, classe 1933, il navigatissimo Prodi, classe 1939. Invece dell’accordo con il PdL, ossia con Berlusconi, una candidatura unilaterale che, però, potrebbe raccogliere consensi anche nell’area montiana e, tutto sommato, persino in quella del MoVimento 5 Stelle. Perché è vero che il fondatore dell’Ulivo si è ..................

A Prodi mancano 9 voti! O lo vota Grillo o niente Quirinale

A Prodi mancano 9 voti! O lo vota Grillo o niente Quirinale:

Sono 495 i voti che dovrebbero convergere sul nome di Romano Prodi. La somma delle delegazioni di Pd e Sel non è però sufficiente per spedire l’ex premier al Quirinale. Mancano ancora 9 voti per arrivare a 504 (il numero necessario dalla quarta votazione). I voti potrebbero arrivare facilmente dal Movimento 5 Stelle, ma i grillini sembrano intenzionati a continuare a votare per Rodotà. PdL, Scelta Civica e Lega voteranno per la Cancellieri.

Grecia: sentimento anti-euro cresce del 16% in un solo mese. A cosa porterà?

Grecia: sentimento anti-euro cresce del 16% in un solo mese. A cosa porterà?:
Come abbiamo notato in passato, un fattore che potrà determinare se la zona euro può continuare ad esistere è la misura in cui il pubblico nel Sud inizia a vedere l'euro e l'austerità dell'UE come sinonimi.
Ad esempio, nonostante tutto quello che è avvenuto in Grecia, non è stato questo il caso, con una grande maggioranza della popolazione greca costantemente a favore di una permanenza nell'euro. La scelta viene invece percepita come tra austerità o una qualche forma di alternativa. Questo è il (...)
- Economia internazionale / , , , ,

LA VERGOGNA FINALE: PRODI AL QUIRINALE


Ti è stato inviato tramite Google Reader

LA VERGOGNA FINALE: PRODI AL QUIRINALE


E' la vergogna finale, l'ultimo atto, il più penoso. Il liderucchio del Pd, il poveraccio Pier Luigi Bersani, sconfessa se stesso e ritira la mano tesa. Ma quale candidato condiviso! Ma quale accordo! Sia mai: con Berlusconi non si tratta, né ora né mai. E pazienza se loro, quelli del Partito Democratico sono stati i migliori perdenti delle elezioni. Pazienza se hanno racimolato uno zero virgola tre in più del fronte contrapposto. L'importante era occupare tutte le poltrone, dalla prima all'ultima. Fondamentale era annientare l'avversario, che nella loro logica cattiva è nient'altro che il nemico. Dandogli del pedofilo, tirandogli le monetine, augurandogli la galera. In barba ai milioni di voti che a quella coalizione sono andati. Chi se ne frega.


E così, ecco spuntare per la più alta carica dello Stato, per la più alta magistratura della Repubblica, l'uomo più divisivo che ci sia. Romano Prodi. Vendicativo, acido, cattivo quanto basta. Fazioso, antipatico, noioso. Non è tanto il fatto di sorbirsi i suoi discorsi dell'ultimo dell'anno né di vedere la sua faccia simile a un insaccato appesa negli uffici pubblici. No. Il discorso è ben più grave: è un'occupazione militare. Squallida, indegna, volgare.


Hanno cercato di chiudersi nel loro fortino pieno di crepe, di innalzare barriere, di stringersi attorno a quel risibile zero virgola tre in più. E si affidano, come "Presidente di tutti gli italiani" al peggio del peggio che ci possa essere. Presiederà il Csm, nominerà giudici della Consulta, scioglierà le camere e formerà governi. Avrebbe dovuto essere il presidente garante anche dell'altra parte, l'arbitro imparziale. Invece sarà il primo dei giocatori, la stella, il numero dieci di una delle due squadre. Pensavamo di aver toccato il fondo con Scalfaro, ma ci sbagliavamo.


D'altronde, in questo Paese moribondo e putrefatto, il baratro è senza fine.



Inviato da iPad

Le bombe di Boston, sono opera della ‘Blackwater di Obama’?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Le bombe di Boston, sono opera della 'Blackwater di Obama'?

Boston: Prima delle bombe

Aangirfan 18 aprile 2013


triplecanopyLa Triple Canopy, fondata a Chicago nel 2003 da veterani delle US Army Special Forces. Prima di Boston, Mumbai. Mercenari addestrati dagli statunitensi possono essere stati impiegati in entrambi gli attentati. Alcuni degli uomini armati di Mumbai sembravano essere dei caucasici bevitori di birra, secondo una notizia della BBC. Secondo la BBC del 27 novembre 2008:

(BBC NEWS; I terroristi di Mumbai creano una 'zona di tiro libero'): "Uomini dalla 'pelle chiara', come li ricorda il signor Mishra, semplicemente sparavano per uccidere…" La Triple Canopy ha operato recentemente in India, Nigeria e Somalia. (Le attività della Triple Canopy) Negli attentati di Mumbai del 2008, testimoni oculari hanno detto che tra gli aggressori "vi erano mercenari nigeriani o somali." (Bagno di sangue a Mumbai – Dnaindia.com)


FI4ogxTh"Sembra che l'amministrazione Obama abbia deciso, scegliendo dei mercenari, la Triple Canopy, una società di Chicago… La Triple Canopy è nota per arruolare mercenari provenienti da Paesi con pessime statistiche sui diritti umani..." (Triple Canopy, la 'Blackwater di Obama'/ISN, Triple Canopy Takes Over)

Wayne Madsen riferisce che un'"azienda di merc...



Inviato da iPad

LA FINE DI APRILE: TEMPO DI SACRIFICI UMANI


Ti è stato inviato tramite Google Reader

LA FINE DI APRILE: TEMPO DI SACRIFICI UMANI

Perché spesso, durante la seconda metà del mese di aprile, assistiamo a tragedie e morti senza senso? L'elenco degli eventi violenti che si sono verificati durante tale periodo di tempo è semplicemente sconcertante. Eccone un elenco:


19 aprile 1993 – Massacro di Waco: Un assedio dell'FBI portò al rogo del quartier generale di una setta chiamata Davidiani, Oklain cui morirono 76 persone tra uomini, donne e bambini.
19 aprile 1995 – Venne bombardato un edificio federale di Oklahoma City – Persero la vita 168 persone.
20 aprile 1999 – Il massacro della Columbine – Morirono 13 persone, 21 i feriti.
16 Aprile 2007 – Massacro della Virginia Polytechnic Institute - 32 uccisi, 17 feriti.
16 aprile 2013 – Esplosioni alla maratona di Boston – 3 uccisi, 107 feriti.
18 aprile 2013 – Esplosione dell'industria di fertilizzanti in Texas . 15 persone uccise (Si noti che questo evento si è verificato a circa 20 anni dal massacro di Waco. Inoltre, il 16 aprile del 1947, una nave carica di nitrato di ammonio attraccata al porto di Texas City saltò in aria, provocando la morte di circa 576 persone).

Ci sono stati molti altri eventi violenti avvenuti durante questo periodo di tempo. In realtà, la CNN ha pubblicato un articolo nel 2011 intitolato What is it about mid-April and violence in America? nella quale si discutono gli eventi che accadono a metà Aprile. Purtroppo, l'articolo prende in giro i "teorici della cospirazione" e dice in sostanza: "Se cercate ulteriori risposte rispetto a quelle che vi vengono fornite dai mass media, siete pazzi o potenzialmente pericolosi". Tuttavia, a distanza di due anni, lo stesso trend di violenza continua a verificarsi.

E' tutta una coincidenza? Per coloro che sanno, non esistono le coincidenze. Nel 2011, scrissi un articolo sulla morte di Bin Laden, la quale venne annunciata tra il 30 aprile e 1 maggio (Why the Death of the Man Who Was Not Behind 9/11 Was Announced on May 1st [a breve la traduzione]). In questo articolo, descrissi brevemente il significato del rituale del 1 ° maggio (Festa del Lavoro) e la sua relazione con un dio che è ancora importante per l'elite occulta: Baal.

IL CULTO DI BAAL NON E' MAI SCOMPARSO

Nel corso di molti secoli e attraverso molte civiltà, la seconda metà del mese di aprile è sempre stata un momento in cui venivano effettuati sacrifici di sangue. Il culto di Baal ha avuto molti nomi (Enlil, Moloch, ...


Inviato da iPad

Petrolio: scoperta maxi-giacimento, Iran diventa terzo posseditore di petrolio al mondo


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Petrolio: scoperta maxi-giacimento, Iran diventa terzo posseditore di petrolio al mondo

TEHERAN (IRIB) – L'Iran ha annunciato la scoperta di nuovi giacimenti di petrolio che fanno salire a oltre 159 miliardi di barili le riserve di greggio di Teheran che sale al terzo posto nella classifica mondiale dei posseditori di oro nero.

Secondo l'Ad della compagnia di esplorazione di greggio nazionale dell'Iran, con le scoperte dell'ultimo periodo, l'Iran diviene così il maggiore posseditore di giacimenti sfruttabili dopo Venezuela ed Arabia Saudita. Hormoz Qalavand non ha specificato quale o quali siano i giacimento scoperti nuovamente ma ha ricordato che il governo iraniano investira' maggiori fondi nel prossimo anno per individuare queste riserve di greggio.

Fonte: http://italian.irib.ir/notizie/economia/item/124388-petrolio-scoperta-maxi-giacimento,-iran-diventa-terzo-posseditore-di-petrolio-al-mondo



Inviato da iPad

Indagati 52 consiglieri regionali in Piemonte


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Indagati 52 consiglieri regionali in Piemonte

I soldi della Regione per pranzi e cene in ristoranti pregiati. O per comprare borse e foulard da regalare. Ma anche cravatte dolciumi e altri oggetti pregiati. La guardia di finanza di Torino sta consegnando avvisi di garanzia a 52 consiglieri regionali piemontesi. Sono indagati dalla procura per peculato. Avrebbero usato in modo irregolare – spesso per scopi personali – i finanziamenti annuali erogati dalla Regione per i rimborsi spese dell'attività politica dei gruppi consiliari. L'inchiesta ribattezzata Sprecopoli era iniziata lo scorso autunno dopo l'arresto di Fiorito in Lazio.


A dicembre erano finiti nel registro degli indagati i primi quattro consiglieri. Con il blitz di oggi sono solo quattro i rappresentanti del "parlamentino" piemontese che si salvano. L'indagine si riferisce agli anni 2010, 2011 e 2012, quelli della giunta del leghista Roberto Cota. "I consiglieri sono variamente distribuiti tra i gruppi rappresentati in Regione – dichiara il procuratore capo Gian Carlo Caselli – Ci sono differenze anche rilevanti tra le varie posizioni individuali, sia per la causale dei rimborsi, sia per l'ammontare complessivo. Pertanto solo lo sviluppo e la conclusione dell'inchiesta potranno consentire una precisa e completa definizione di tali posizione". Tra i gruppi politici è coinvolto anche Movimento 5 Stelle.


(continua a leggere sul sito del Corriere della Sera)




Inviato da iPad

Italia, Credit crunch: meno prestiti dalle banche, usura in aumento del 155%


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Italia, Credit crunch: meno prestiti dalle banche, usura in aumento del 155%

A lanciare "l'emergenza liquidità per l'Italia" è stata qualche giorno fa Marcella Panucci, direttore generale di Confindustria. Il direttore ha soprattutto sottolineato la situazione disperata in cui versano le tante imprese italiane strangolate dai debiti, dai tassi di interesse troppo alti e spesso costrette a chiudere i battenti. Panucci evidenzia come al momento in Italia una impresa su tre non abbia abbastanza liquidità per lavorare in maniera profittevole, a tal punto che dal 2007 al 2012 (...)


-
Economia internazionale
/


Inviato da iPad

Grecia: fame, suicidi e omicidi. L’austerità uccide


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Grecia: fame, suicidi e omicidi. L'austerità uccide

Grecia: fame, suicidi e omicidi. L'austerità uccide
La malnutrizione, soprattutto infantile, si diffonde come se il paese fosse appena uscito da una terribile guerra. Aumentano suicidi e omicidi, e il sistema sanitario è allo sbando. 
Continua a leggere l'articolo...


Inviato da iPad

Elezioni Presidente della Repubblica. Bersani ha tirato fuori un rigore a porta vuota


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Elezioni Presidente della Repubblica. Bersani ha tirato fuori un rigore a porta vuota

Se avesse in tasca il biglietto vincente della lotteria, lo straccerebbe. Se tirasse un rigore a porta vuota, spedirebbe la palla in tribuna. D'altronde, cosa ci si aspettava da uno che si è divorato 20 punti di vantaggio in poche settimane grazie a una campagna elettorale noiosa, vuota, crepuscolare, priva di un messaggio, di un sogno?

Ormai è ufficiale: Pierluigi Bersani gioca a perdere. Fa sembrare Walter Veltroni uno stratega illuminato. In una gara di perdenti con in palio un premio, Bersani è così perdente che arriverebbe secondo e rimarrebbe a mani vuote.

Con la delirante scelta di inseguire l'inciucio con Berlusconi su Franco Marini, nonostante l'inaspettato e immeritato colpo di fortuna rappresentato dalla convergenza del M5s sull'ex presidente del Pds Stefano Rodotà, Bersani è riuscito in un solo colpo a spaccare drammaticamente il corpo dei grandi elettori del Pd e a scavare un solco profondissimo tra la classe dirigente del partito e il suo elettorato infuriato. Un trionfo al contrario. Sulle cui ragioni si stanno sprecando le interpretazioni di analisti ben più preparati del sottoscritto.

Ma ora in questo momento drammatico per le sorti della sinistra italiana, consola poco vedere le facce stravolte e nervose di certa nomenclatura piddina ben riassunta nei nomi del nipote di Gianni Letta, della baciatrice di Renato Schifani e del marito di Nunzia De Girolamo.

Anche perché i responsabili di questo sfacelo, state tranquilli, troveranno un modo per farsi rieleggere a qualcosa. Mai più con i nostri voti, però.



Inviato da iPad

Bloomberg: tutti i Costi dell'avere dell'Oro Fisico


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Bloomberg: tutti i Costi dell'avere dell'Oro Fisico


Anche su Bllomberg ci tengono a provare a convincere tutti che avere oro nelle proprie mani è un cattivo affare e da qualche giorno presentano un bello slideshow di tutti gli inconvenienti dell'avere il metallo fisico in proprio REALE possesso









... vuoi mettere la comodità di un bel prodotto finanziario al posto dell'oro e dell'argento?








Inviato da iPad

Speciale Grecia: La Soluzione Finale (Campi di Concentramento per i Debitori dello Stato)


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Speciale Grecia: La Soluzione Finale (Campi di Concentramento per i Debitori dello Stato)

Schermata 2013 04 19 alle 10.01.28 650x418 Speciale Grecia: La Soluzione Finale (Campi di Concentramento per i Debitori dello Stato)(Auschwitz)

 

Quando leggerete questo post penserete ad un pesce di aprile in ritardo o ad uno scherzo di dubbio gusto. E invece no è tutto vero, la Grecia sta preparando campi militari (o meglio campi di concentramento) per confinare i "debitori dello stato". come noto centinaia di migliaia di Greci hanno esportato capitali o li hanno trasformati in contanti (e metalli preziosi) in questi 4 anni, in pratica si sono spossessati del loro patrimonio in Grecia in modo da affrontare la bancarotta. Risultato: ci sono centinaia di migliaia di Greci che devono soldi allo Stato ma che risultano insolventi e non hanno patrimonio aggredibile dallo Stato Greco.

La Soluzione Finale Greca: Il campo di concentramento per i debitori!

Il Governo Greco sta adattando un campo di addestramento militare vicino alla prefettura di Attica per "ospitare" i Greci insolventi! L'idea è quella di creare delle quasi-prigioni ovvero luoghi non così duri come la prigione (su questo è legittimo qualche dubbio) ma che comunque limitano la libertà dei cittadini.

Doveye sapere che a Febbraio scorso in Grecia è entrata in vigore una legge che impone il carcere per i debitori dello stato:

Debts and Prison Penalties

Un debitore (dello Stato) che ha come debito;
5,000 euro può andare in prigione fino a 12 mesi

10,000+ euro – almeno 6 mesi

50,000+ euro – almeno un anno

150,000+ euro – almeno 3 anni

Oppure può decidere di rateizzare in 48 mesi, ma se salta una rata arriva la camionetta delle SS ooops volevo dire della polizia per portarti al campo di concentramento.

Formalmente il campo di concentramento vicino ad Attica viene costruito per offrire una "prigione più umana" ai debitori dello Stato, separandoli da assassini, spacciatori, stupratori, pedofili…. io però avrei qualche dubbio che ci sarà differenza anzi.

Non fatevi illusioni, Presto in Italia. Delocalizzate anche voi stessi se potete.

Da



Inviato da iPad

(titolo sconosciuto)


Ti è stato inviato tramite Google Reader

(titolo sconosciuto)

C'è un timore diffuso che una eventuale uscita dall'euro dell'Italia, con il ritorno ad una valuta nazionale, sarebbe una catastrofe, perché la "nuova lira" si svaluterebbe rispetto all'euro in modo consistente, questo farebbe aumentare i prezzi dei beni importati, in particolare petrolio ed energia, e l'inflazione aumenterebbe in modo vertiginoso, costringendoci a far la spesa con carriole di banconote.

Se si tornasse ad un sistema in cui il prezzo della valuta nazionale viene deciso da domanda e offerta di valuta nazionale contro valuta estera, qual'è davvero la posizione dell'Italia?

La domanda netta di una valuta dipende dalla differenza tra gli incassi del Paese e i pagamenti fatti all'estero, che a loro volta hanno origine da (1) scambi commerciali; (2) trasferimenti, come il pagamento di interessi; (3) operazioni finanziarie come l'acquisto di titoli.

ch_01

Il saldo commerciale dell'Italia – per le merci – è riportato nel primo grafico, che utilizza dati mensili Istat, cumulati su dodici mesi. Da Agosto 2012 il saldo è tornato positivo, per il crollo delle importazioni dovuto alla crisi, ma anche per la crescita delle esportazioni.


ch_02


Il secondo grafico mostra l'andamento delle vendite di merci italiane agli altri Paesi dell'Unione europea, e al resto del mondo. Si nota come l'andamento delle vendite verso l'Unione europea, in gran parte ferma per le politiche di austerità, abbia ristagnato, mentre sono aumentate le vendite verso Paesi terzi, con una perdita del peso relativo del mercato europeo come collocazione delle nostre esportazioni.


ch_03


Il terzo grafico riporta il saldo tra incassi e pagamenti in conto corrente, insieme al saldo commerciale per le merci. I pagamenti totali sono ancora superiori agli incassi, e quindi da qui emerge una domanda netta di valuta estera (che spingerebbe alla svalutazione di una valuta nazionale). Ma qual'è a differenza tra saldo commerciale e bilancia delle partite correnti? Oltre al saldo del commercio di servizi, in sostanziale pareggio, le altre voci riguardano i redditi da lavoro (rimesse degli immigrati) ma soprattutto i redditi da capitale, e c...



Inviato da iPad

I candidati al Quirinale? Fanno vomito!


Ti è stato inviato tramite Google Reader

I candidati al Quirinale? Fanno vomito!

Le elezioni politiche tenutesi in Italia lo scorso 24 e 25 febbraio, come tutte le elezioni politiche del mondo, hanno portato con sé feroci polemiche ed infinite discussioni su chi abbia davvero vinto e chi invece doveva ritenersi sconfitto.


Naturalmente ogni politico, nell'analizzare il voto, cerca di incensare il risultato del proprio schieramento in maniera più o meno lecita, tutto ciò rientra nel gioco delle parti e non può sorprendere.


C'è stato però un fatto sul quale tutti gli analisti hanno convenuto unanimemente e cioè che coloro che si sono recati alle urne (ed anche quelli che non hanno votato), hanno inviato una forte richiesta di cambiamento.


Le urne hanno chiaramente detto che gli italiani vogliono voltare pagina, non sopportano più la vecchia politica e soprattutto una classe dirigente che, ormai, ha fatto il suo tempo.


Insomma ciò che indubbiamente è uscita dalla tornata elettorale è stata una voglia di cambiamento soprattutto delle facce che da troppo tempo stanno calcando la scena con risultati che sono sotto gli occhi di tutti.


Ci si poteva attendere, vista l'unanimità dei consensi su tale interpretazione del voto, che la vecchia classe politica italiana avesse capito la lezione e fatto un passo indietro per lasciare spazio a facce nuove, meno "compromesse" con un passato che sarebbe bene dimenticare in fretta.


Ed invece?


Ed invece no!


Non l'hanno capita!


E con il più grande spregio nei confronti della volontà popolare il nostro Presidente della Repubblica ha dato l'incarico di formare un nuovo Governo ad un fallito, una persona completamente priva di lungimiranza politica che, naturalmente, fallisce (tanto per essere coerente) e siamo ancora qui in alto mare nel cercare un esecutivo.


Ok si dirà, ora, visto quanto è accaduto, non si commetterà lo stesso errore per la scelta del nuovo Presidente della Repubblica si cambierà registro e vedremo proporre candidati "nuovi".


Illusi!


Vi eravate illusi?


Macché cambiamento, i candidati alla maggior carica dello Stato sono ciò che di più arcaico si possa immaginare, delle mummie! Ed oltretutto, probabilmente, fra i maggiori artefici del disastro economico in cui si dibatte oggi il nostro Paese.


Come è possibile proporre Massimo Dalema, da sempre implicato in ogni scandalo (e sono molti) che ha riguardato il suo partito, dalla salentina, truffaldina e fallimentare Banca 121, all'acquisto da parte di Penati della Serravalle a prezzi esorbitanti, un'operazione servita a mascherare una mega tangente finita in chissà quali meandri del partito, per non dire dei miliardi di debito del Monte dei Paschi, una voragine di proporzioni colossali.


E come si fa a candidare Romano Prodi, l'artefice della fregatura dell'euro, colui che svendette (forse è meglio dire regalò), se non con dolo per stupidità, agli amichetti parte dell'apparato industriale pubblico depauperando così, in maniera cons...



Inviato da iPad

Caso Reinhardt-Rogoff: è la premessa accademica per ridiscutere l'austerità? No di certo

Open Europe offre alcuni commenti interessanti a proposito delle possibili ricadute sulla politica europea (nulle!) derivanti dalla confutazione delle tesi di Reinhardt e Rogoff
Una mini-tempesta ha scosso la comunità economica dopo la pubblicazione di un paper che mette in luce alcuni difetti nel diffusissimo studio di Reinhart e Rogoff ‘Growth in a time of debt’. - ove essenzialmente si sostiene che elevati livelli di debito sono associati a una bassa crescita economica. Si tratta di uno studio ampiamente citato dai media e dai politici in difesa dell' 'austerità' - sia negli Stati Uniti che in Europa (in particolare Olli Rehn in relazione alla crisi della zona euro)....Continua a leggere

G20 Leaks: cosa ci diranno i grandi della terra? Anticipazioni da Bloomberg


Ti è stato inviato tramite Google Reader

G20 Leaks: cosa ci diranno i grandi della terra? Anticipazioni da Bloomberg

As essere reporter per Bloomberg ci sono diversi vantaggi, uno di questi è quello di poter leggere in anticipo le bozze per il discorso ufficiale del G20 che sarà letto alla fine del meeting.

Al centro della scena, riporta il giornale americano, troveremo: la guerra di valute, il ruolo del Giappone (accolta positivamente l'iniziativa della BoJ), la ripresa economica USA e l'impegno per l'Eurozona di continuare sul cammino della maggiore unione.

Guerra di valute?

Il Gruppo dei 20 ministri (...)


-
News
/
,
,
,


Inviato da iPad

Momenti storici


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Momenti storici

Momenti storici
Continua a leggere l'articolo...


Inviato da iPad

Mauro Corona: “La salvezza è nella terra, riprendiamo la zappa


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Mauro Corona: "La salvezza è nella terra, riprendiamo la zappa

Mauro Corona: "La salvezza è nella terra, riprendiamo la zappa. Stop al superfluo"

L'alpinista, scultore e scrittore inganna la crisi economica coltivando frutta e verdure, perché "a ogni cosa si può rinunciare tranne che a soddisfare la fame". E consiglia di riscoprire il necessario per eliminare le paure del tempo

Nell'incrocio tra un barbaro, un alpinista e un poeta si sviluppa il corpo e si modella il pensiero diMauro Corona. Ha spaccato pietre e usato le parole per raccontarle. Il martello nell'inchiostro. Dunque scrittore a sua insaputa. Guarda dall'alto in basso gli umani, che forse un po' gli fanno schifo, e il mondo, che forse un po' lo rattrista. Si gode lo spettacolo dalla parete di una montagna, una roccia chiamata Erto, paese di 400 abitanti collegato a Longarone con il bus e all'Italia dalla...


Inviato da iPad

Al manicomio del PD


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Al manicomio del PD

  Al manicomio del PD!

Il PD è un malato grave. La sua base militante il suo elettorato sono certamente antiberlusconiani. Non sono di destra e sentono una forte opposizione di carattere etico prima ancora che politico verso il Cavaliere, cavaliere che ha ridotto l'Italia nelle tristi condizioni che vediamo ma che ancora continua ad avere un fortissimo seguito nel paese, una base fidelizzata disposta a seguirlo in tutte le sue avventure e follie. La base del PD in gran parte potrebbe essere quella di un grande partito socialdemocratico  se non fosse sospinta verso destra continuamente da una dirigenza che non è nè socialdemocratica nè democratica ma soltanto "moderata" nel senso che questo aggettivo ha in Italia dove moderato significa di destra ed a volte di una destra estremista contro i diritti dei lavoratori. Una dirigenza non solo moderata ma che fa carriera soltanto con il moderatismo che è il modus vivente della politica italiana dei palazzi. 
 Ebbene questa base antiberlusconiana ieri si è ribellata all'ennesimo minuetto di un segretario sconcertante che nelle ultime ore ne ha combinato di tutti i colori. Dopo avere affermato in TV colorendolo di un pesante accento emiliano "lo immaginate voi io che collaboro con Brunetta e Gasparri?" non solo si è messo d'accordo con Berlusconi sul nome del Presidente della repubblica ma si è fatto fotografare sorridente assieme ad Alfano dopo averlo preso platealmente sottobraccio nell'emiciclo di Montecitorio. Insomma ha proposto al Paese qualcosa che è suonato come un vero e proprio golpe un accordo con il Cavaliere non solo per il Presidente della Repubblica ma anche per il governo che non è detto che non possa essere anche un governo di legislatura. Il tutto in perfetta contraddizione con una linea che aveva opposto il PD al PDL dopo i 14 mesi di collaborazione con il governo Monti fatta in parallelo.
  La rivolta è dilagata in tutta Italia ma a fermare Bersani nel suo mortale abbraccio con il Cavaliere non sono stati i militanti di base ma la ribellione di Renzi e del suo gruppo che, pur essendo da sempre per una linea di collaborazione con il PDL, si sono opposti a Marini. Anche qui vallo a capire!  Ieri hanno votato per Chiamparino ex sindaco di Torino ed ora sembrano orientarsi verso Prodi.
  Il quale Prodi ha un solo merito,. Quello di essere inviso al Cavaliere e quindi il più lontano possibile dalle larghe intese volute tanto intensamente da Napolitano. Ma con questi personaggi niente è sicuro!
  Insomma mentre la base del PD ha un ethos che potrebbe ancora essere socialista e di sinistra il suo gruppo dirigente è ben altra cosa ed aspira alla collaborazione con il PDL e con Monti.  Questa contraddizione non è mai esplosa finora tanto apertamente  e questo è stato un male perchè il tempo e la politica del PD aiutano una modificazione genetica del DNA del PD rendendolo simile al PDL. Forse quella di oggi è l'esplosizio...


Inviato da iPad

Cipro tenta la carta della vendita delle riserve d’oro: sul mercato 400 milioni

Cipro tenta la carta della vendita delle riserve d’oro: sul mercato 400 milioni:
La Banca Centrale di Cipro smentisce, ma la notizia diffusa dalla Reuters sta pian piano trovando conferme nei corridoi dei ministero di Nicosia e tra gli addetti ai lavori lontano dall’isola. L’Isola starebbe progettando di vendere le proprie riserve d’oro, stimate nel valore di oltre 400 milioni di euro, per finanziare una parte dei prestiti e salvare l’economia, all’interno del progetto di valutazione delle esigenze di finanziamento istituito dalla Commissione Europea. Il memorandum della troika prevede che, se da un lato Bruxelles si impegna a pompare nell’isola liquidità per 10 miliardi di euro, dall’altro chiede a Nicosia di reperirne per 13. Di qui la decisione dell’haircut sui conti correnti superiori a centomila euro che ha provocato il terremoto continentale, seguito dalla...................

Atroce agonia Pd: rispetto a Bersani, il Trota è Churchill

Atroce agonia Pd: rispetto a Bersani, il Trota è Churchill:
«E’ del tutto evidente che il Pd sta per tirare un rigore senza portiere. Sbagliarlo sarebbe impossibile, quindi possono sbagliare». Parola del “profeta” Andrea Scanzi, su Twitter e Facebook il 17 e 18 aprile, nelle retrovie del voto per il Quirinale. «Un ritratto spietato di una macchina politica al capolinea, il Pd, pronta a immolarsi a Berlusconi in un momento politico drammatico», osserva “Megachip”. «Un gruppo dirigente disastroso, incapace di prendere in considerazione Rodotà». Tutto merito dello “smacchiatore”: «Chi come me l’ha votato alle primarie del centrosinistra, pur non lesinandogli pubbliche critiche, ha il dovere di chiedersi quale logica perversa abbia guidato Pierluigi Bersani a sbattere clamorosamente, prima perdendo milioni di voti e poi perdendo anche la faccia», protesta Gad Lerner. «La modalità con cui Bersani ha privilegiato il rapporto con Berlusconi fanno parte di questa mentalità vetusta: l’idea che prima di tutto venga la salvaguardia del proprio gruppo d’appartenenza. Pessimo, ci ha defraudato, è venuto meno alle sue prerogative. Insieme a Franco Marini mi auguro che per coerenza ora lasci al più presto anche Bersani». (continua…)

Se l’austerity europea si basa su un errore di Excel

Se l’austerity europea si basa su un errore di Excel:
Dibattito intorno al paper secondo cui la crescita si ferma se il debito supera il 90% del Pil 
read more

Povera Germania!

Povera Germania!:
E se la Germania fosse il paese con le diseguaglianze piu' grandi di tutta l'Europa occidentale? Dopo la pubblicazione dei dati BCE sui patrimoni privati europei, continua il dibattito sulla ricchezza e la povertà in Germania. Dal blog jjahnke.net con dati BCE, OCSE, Destatis.de, Ministero Federale del Lavoro
Patrimoni medi privati nell'Eurozona in migliaia di Euro (Fonte BCE)
I dati pubblicati dalla BCE sui redditi e i patrimoni nell'Eurozona documentano chiaramente il fallimento della politica sociale tedesca e una diseguaglianza sociale molto piu' pronunciata rispetto a tutti gli altri paesi dell'Eurozona.

Il quintile piu' povero in Germania ha un patrimonio netto negativo medio (cioe' debiti) di 4.600 € e si trova nella parte piu' bassa della classifica. 

Patrimonio medio del quintile piu' basso in migliaia di Euro (Fonte BCE)

Il rapporto fra il patrimonio medio del 10% delle famiglie con il reddito piu' alto e il patrimonio del quintile piu' basso in nessun'altro paese è cosi' sbilanciato come in Germania, il doppio della.................

Se la truffa si nasconde in un SMS

Se la truffa si nasconde in un SMS: Numero britannico indica falsa vincita alla lotteria: è da eliminare

Before the Economic Collapse, A Call to Action

Before the Economic Collapse, A Call to Action: The economic news in the last two weeks points to bad news for the economy and a reason for people to mobilize and demand change. We want to emphasize that as bad as the situation looks, there are solutions and…

Bersani vuole che il quarto scrutinio si faccia sabato: “Dobbiamo fare le primarie”

Bersani vuole che il quarto scrutinio si faccia sabato: “Dobbiamo fare le primarie”:
E’ questa la “proposta” che il Segretario del Pd si preparerebbe ad avanzare ai gruppi del Pd domani mattina.

Gino Strada da Santoro: “Questo paese ha un anno”

Gino Strada da Santoro: “Questo paese ha un anno”: E’ durissimo Gino Strada, ospite di Santoro, nel definire i problemi che l’Italia ha attualmente. Parlando della situazione del’occupazione e della sanità, traccia un ritratto impietoso del paese, che così conclude: “Non pensavamo di aprire dei centri anche in Italia”

Passione e Morte del PD, Vittima del Suo Stesso Odio. (Al prossimo giro tocca a Silvio state Sereni)

Passione e Morte del PD, Vittima del Suo Stesso Odio. (Al prossimo giro tocca a Silvio state Sereni):
Per venti anni il PD ha seminato odio, odio puro, verso Berlusconi, verso il PDL fino a dire che gli elettori stessi di centro destra sono “antropologicamente diversi” dai migliori sinistri.
Gli elettori e molti dirigenti del PD si sono nutriti di quell’odio, lo hanno fatto proprio, hanno creduto che l’avversario fosse nemico da abbattere. Ma era teatro, una recita per demarcare il recinto dei propri elettori. Creare il nemico, il male assoluto contro cui non .............

Quando i soldi sono degli altri, vincono sprechi e consorterie

Quando i soldi sono degli altri, vincono sprechi e consorterie:
di DANILO BRESCHI*
Ai primi di febbraio di quest’anno la procura generale della Corte dei Conti ha pubblicato un dossier in cui è stata scandagliata l’attività condotta nel 2012 da tutte le procure regionali e ha messo insieme “le fattispecie di particolare interesse, anche sociale, rilevanti per il singolo contenuto e per il pregiudizio economico spesso ingente”. I magistrati contabili hanno riscontrato numerose...............

Le Forze speciali dietro le bombe di Boston

Le Forze speciali dietro le bombe di Boston:
Aangirfan, 18 aprile 2013
4chan ThinkTank – Imgur.
5uhkquYqq0ZDMQuesti due uomini, visti al traguardo della maratona di Boston poco prima delle esplosioni, indossano stivali militari per il deserto (foto in alto).
Uno indossa un berretto con un logo utilizzato dalle forze speciali degli Stati Uniti o da ex membri delle forze speciali (foto in basso).
È questo il bombarolo?
kylecapIl berretto è della “Craft International”, una società per l’addestramento di mercenari fondata dall’ex Navy SEAL Chris Kyle. “Almeno uno di ...........

Ondata di divorzi tra i deputati russi

Ondata di divorzi tra i deputati russi: Fisco troppo attento ai beni all'estero intestati alle mogli. E allora...

Maurizio Ricci: Dottrina del rigore addio

Maurizio Ricci: Dottrina del rigore addio:

Dottrina del rigore addio*

di Maurizio Ricci

Uno studio dell’Università del Massachusetts-Amherst smentisce la celebre teoria di Carmen Reinhart e Kenneth Rogoff sul rapporto fra livello del debito pubblico e crescita. La polemica è destinata a durare a lungo nei circoli accademici, ma ha già avuto l'effetto di ridimensionare la credibilità scientifica degli appelli all'austerità.

Rischia di essere lo scandalo accademico del secolo. Ma, soprattutto, è un colpo durissimo alle fondamenta della dottrina dell'austerità: ovvero meno spese, più tasse, stringere, anche brutalmente, la cinghia, per ridurre deficit e debito, come premessa indispensabile per il rilancio dello sviluppo. Al centro della polemica, due fra i più prestigiosi economisti al mondo, Carmen Reinhart e Kenneth Rogoff, di Harvard, e lo studio con cui, nel 2010, indicavano, sulla base di un'ampia comparazione storica, l'esistenza di uno stretto rapporto fra livello del debito pubblico e crescita. Più esattamente, quando il rapporto fra debito e Pil supera il 90 per cento (in Italia viaggiamo verso il 130 per cento) si apre la recessione: in media, storicamente, una contrazione dell'economia dello 0,1 per cento. Non è l'unico risultato a cui arrivano Reinhart e Rogoff, ma è quella semplice formula che ha fatto il giro del mondo, influenzando il dibattito politico sull'economia, negli Stati Uniti come in Europa. Solo che non è vero.

Un gruppo di economisti dell'Università del Massachusetts-Amherst ha rifatto i conti e, sulla base della stessa serie storica di Reinhart e Rogoff, arriva ad una conclusione opposta: in media, storicamente, i Paesi con un debito superiore al 90 per cento non vanno in recessione.

Siamo nella merda, che sistema di merda

Siamo nella merda, che sistema di merda:
Lo ripetiamo talmente tante volte che ormai la frase si è svuotata del suo fattore emotivo. Ricarichiamo la frase, pensando stavolta a una condizione dove veramente siamo immersi nella merda fino al collo, possiamo ancora respirare, ma solo quello. Immaginiamo un tizio sprofondato veramente nella merda. Trovandosi in quelle merdose condizioni, qual è la prima [...]
L'articolo Siamo nella merda, che sistema di merda sembra essere il primo su Italian Insane Information.

Wall Street: un ritracciamento inevitabile

Wall Street: un ritracciamento inevitabile:
Indici Usa in fase calante
In rialzo Verizon, Amex e Intel, in calo Unitedhealth, BofA e Wal-Mart. Pesanti ribassi per Morgan Stanley, eBay e Apple.
Terzo ribasso nelle ultime quattro sedute per Wall Street che anche oggi deve cedere alle vendite, ma dopo che i principali indici borsistici a stelle e strisce avevano ritoccato i massimi storici era forse inevitabile dover assistere ad un fisiologico ritracciamento.
Anche i dati macro non hanno aiutato a sconfiggere questa “arrendevolezza” del mercato, le prime richieste di sussidi alla disoccupazione sono risultate leggermente superiori al .............

“Quirinalie” e Italia in crisi. Mentre Roma discute, Sagunto viene espugnata…

“Quirinalie” e Italia in crisi. Mentre Roma discute, Sagunto viene espugnata…:
 “Quirinalie” e Italia in crisi. Mentre Roma discute, Sagunto viene espugnata…I giochetti di palazzo di queste settimane sono la più grande vergogna del nostro paese. Mentre l’Italia affonda, la politica può allegramente permettersi i teatrini, i tatticismi e le vendette trasversali nei delicati passaggi che dovrebbero portare alla nascita di un governo per il nostro paese e alla nomina di un presidente della repubblica, finalmente – dico finalmente – condiviso da tutti.
E invece? Invece eccoli lì, in Parlamento a morire di tattica, a porre veti incrociati e persino a votare improbabili Capi di Stato, come il Conte Mascetti (dal film “Amici miei”), e solo perché la sinistra vuole arrivare alla quarta votazione e scegliersi il capo di Stato con la ...........

Il ritorno dell’inflazione in Germania, tra boom immobiliari e beni rifugio

Il ritorno dell’inflazione in Germania, tra boom immobiliari e beni rifugio:
images3 Il ritorno dell’inflazione in Germania, tra boom immobiliari e beni rifugiodi REDAZIONE 
Proponiamo in ANTEPRIMA per L’Indipendenza la traduzione integrale in italiano dell’articolo The Inflation Monster: The Return of Inflation di Ferdinand Dyck, Martin Hesse e Alexander Jung, seconda parte (qua ove reperire la primadell’inchiesta sull’inflazione monetaria e le sue conseguenze  apparsa su Der Spiegel nel numero 41 pubblicato l’8 Ottobre 2012. (Traduzione di Luca Fusari)
Tutto iniziò nel IV° secolo a.C con Dionigi tiranno di Siracusa. Quando fallì raccolse tutte le monete e le riconiò trasformando una dracma in due; poi ridiede metà delle nuove monete al popolo e usò l’altra metà per ripagare i suoi debiti. Più tardi, dopo l’introduzione della carta moneta, il valore monetario venne manipolato ancora più facilmente. Ora bastava una stampante cartacea per gonfiare l’offerta di moneta e svalutarla. Questo è accaduto al Reich tedesco travolto dai debiti di guerra e dalle richieste di risarcimento dopo il 1918, il quale ha evitato il fallimento nazionale sia pure a costo di un’inflazione galoppante. Il trauma del 1923 è ancora oggi percepito.
Per l’economista americano Milton Friedman, quella storica esperienza borderline è stata la migliore prova di una relazione tra l’offerta di moneta e l’inflazione. Il messaggio centrale dei cosiddetti monetaristi è che se il volume del denaro si espande mentre la fornitura di beni rimane invariata, l’inflazione sarà l’inevitabile risultato. Per Friedman l’inflazione «è sempre e ovunque un fenomeno monetario».
Ma l’inflazione può dipendere anche da un aumento dei costi, quando ad esempio i lavoratori pongono richieste di salari più elevati, o se le spese per le materie prime importate aumentano. Questo è accaduto nel 1973, quando l’aumento del prezzo del petrolio ha aumentato il livello generale dei prezzi. La psicologia gioca un ruolo, quando le persone perdono la loro fiducia nel denaro e mettono in discussione il suo valore stabile, si sviluppa in seguito una dinamica pericolosa.
Gli esiti che hanno portato all’inflazione in passato sono evidenti anche oggi. Le banche centrali stanno stampando moneta, i prezzi elevati delle materie prime stanno spingendo al rialzo i costi, e sia le imprese che le famiglie sono sfiduciate sulla stabilità delle banche e in qualche misura anche del sistema politico. Ma nessuno sa veramente quando e in che misura tutto questo porterà all’inflazione.
Le banche centrali stanno inondando i mercati col denaro e stanno ancora compensando la riluttanza delle banche commerciali a prestarlo. Ad un certo punto però l’emissione dovrà terminare, Bofinger e altri sono ottimisti sull’esito. Ma le banche centrali saranno veramente in grado di porsi un freno?.
 Il ritorno dell’inflazione in Germania, tra boom immobiliari e beni rifugioL’economista Mayer è particolarmente scettico quando si parla di Stati Uniti. «Quando la Fed ha alzato i tassi di interesse nel 2006 per compensare l’inflazione, la bolla immobiliare statunitense, che la Fed e il governo avevano contribuito a ............

ZH: Quando l’Oro e gli Stocks si decorrelazionano

ZH: Quando l’Oro e gli Stocks si decorrelazionano:
ho letto diversi articoli in giro che sembrano notare analogie fra oggi e poco prima del macello del 2008…. uno a caso da Tyler(s):
Zero Hedge – When Gold And Stocks De-Correlate
Submitted by Tyler Durden on 04/18/2013

Il collasso strutturale nei prezzi dell’oro di carta ha visto un fiorire di compratori di metallo fisico in praticamente ogni angolo del pianeta. Però quando le relazioni fra gli asset si rompono così significativamente come hanno fatto l’oro e gli stocks negli ultimi 90 giorni forse è il caso di fare un passo indietro e domandarsi “cos’è cambiato?”.

Come mostra la chart seguente l’ultima volta che la..............

"Eurozona fallimento assoluto"

"Eurozona fallimento assoluto": Intervento di Nigel Farage al Parlamento europeo - 17 Aprile 2013.

Tanto per non dimenticare quello che ci aspetta, dopo che sarà finito il teatrino della politica di questi giorni.



FINANZA/ 2. Campiglio: il Giappone svela gli "altarini" di Merkel e co.

FINANZA/ 2. Campiglio: il Giappone svela gli "altarini" di Merkel e co.: Per LUIGI CAMPIGLIO, l’economia del Sol Levante e il caso della Grecia dimostrano che il rapporto debito/Pil è solo uno di molti indicatori della stabilità finanziaria di una nazione

(Pubblicato il Fri, 19 Apr 2013 06:06:00 GMT)

J’ACCUSE/ Sapelli: ecco il piano dei poteri forti per uccidere l’Italia
FINANZA/ Il "trucco" delle banche dietro al crollo dell'oro, di M. Bottarelli

Fumata nera. Ora il PD le tenta tutte

Fumata nera. Ora il PD le tenta tutte: <EM>Presidente italiano</EM><BR> <P>Due, ieri in Italia, le fumate nere per l'elezione del capo dello Stato. Franco Marini, voluto da Bersani d'intesa con il Pdl, si è fermato a 521 voti, ben lontano dalla maggioranza dei due terzi dei votanti necessaria per passare. Oggi si rivota: dal quarto scrutinio sarà sufficiente la maggioranza semplice. Le ipotesi sono ora tre, anche se la situazione è piuttosto fluida. La prima è che Pd e Pdl convergano ancora su Marini. La seconda è che il Pd cerchi l'intesa coi grillini scegliendo Prodi. La terza è che Pd e Pdl cerchino un accordo su un nuovo nome, che potrebbe essere quelli di D'Alema.</P>

LO STATO DELLA GIUSTIZIA ITALIANA: VA PASSATO UN COLPO DI SPUGNA

LO STATO DELLA GIUSTIZIA ITALIANA: VA PASSATO UN COLPO DI SPUGNA:
di GIAN LUIGI LOMBARDI CERRI
La situazione italiana, relativamente alla giustizia, ha assunto un livello tale di sfacelo che è pertanto oltremodo importante che il cittadino si chiarisca ben bene le idee e si ponga alcuni problemi. Tutti parlano, spesso a vanvera di “ciò che è giusto” e di “ciò che non è giusto”. Come primo punto è indispensabile rispondere alla domanda : che cosa si intende per diritto?
Kelsen risponde: “Il seguace della dottrina pura accetterà come diritto qualsiasi ordinamento, anche il più abbietto, purché presenti certe caratteristiche formali”. Quindi qualsiasi sistema di leggi, basta che sia formalmente corretto, si può considerare diritto (come ad esempio il sistema fascista ed il sistema dell’URSS). Una logica ed una univoca connessione tra le varie leggi è più che sufficiente. Ne scaturisce una sottodomanda: il sistema italiano attuale presenta le................

Soares: il debito non si paga, Lisbona si ribelli alla Merkel

Soares: il debito non si paga, Lisbona si ribelli alla Merkel:
Mario Soares, che ha guidato il paese verso la democrazia dopo la dittatura di Salazar, ha detto che tutte le forze politiche dovrebbero unirsi per «far cadere il governo» e respingere le politiche di austerità della troika dell’Ue-Fmi. «Il Portogallo non sarà mai in grado di pagare i propri debiti, per quanto possa continuare ad impoverirsi. Se non è possibile pagare, l’unica soluzione è non pagare. Quando l’Argentina era in crisi non pagò. E che cosa è successo? Non è successo niente», ha dichiarato ad “Antena 1”. L’ex premier socialista ed ex presidente del paese ha detto che il governo portoghese è diventato un servo del cancelliere tedesco Angela Merkel, e che esegue disciplinatamente qualunque ordine ricevuto. «Nel loro desiderio di fare contenta la Senhora Merkel, hanno venduto tutto e rovinato questo paese. In due anni questo governo ha distrutto il Portogallo». (continua…)

FINANZA/ 1. La balla tedesca per far pagare il conto all’Italia

FINANZA/ 1. La balla tedesca per far pagare il conto all’Italia: Non è affatto vero che i tedeschi siano più poveri degli italiani: semplicemente in Germania c’è una forte diseguaglianza tra cittadini. L’analisi di MAURO BOTTARELLI

(Pubblicato il Fri, 19 Apr 2013 06:05:00 GMT)

IL CASO/ Borghi: italiani più ricchi dei tedeschi? Un trucco per "speculare" meglio
FINANZA/ Oro e Cipro, i due "gialli" che interessano anche l’Italia, di M. Bottarelli

Befera ed il pignoramento di stipendi e pensioni

Befera ed il pignoramento di stipendi e pensioni:
Fonte: Befera ed il pignoramento di stipendi e pensioni.
18 Aprile 2013   15:32
Befera ed il pignoramento di stipendi e pensioni
Il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, ha riconosciuto “un problema che sta diventando serio” sul pignoramento degli stipendi. “Bisogna intervenire con nuove regole”, ha detto in audizione alla Commissione speciale della Camera, spiegando che l’amministrazione non può pignorare più di un quinto dello stipendio o della ...........

IL GAS E' IL NUOVO PETROLIO AMERICANO. OBIETTIVO 6 DOLLARI E' POSSIBILE.

IL GAS E' IL NUOVO PETROLIO AMERICANO. OBIETTIVO 6 DOLLARI E' POSSIBILE.:

Natural Gas May 13 (NGK13.NYM)

 -NY Mercantile
4,39 Su 0,17(4,13%) 
SI PREGA DI NON COMPRARE IL NAT. GAS CON GLI ETF, MA CON I
FUTURES

Il più grande successo dell’Euro? La Grecia!

Il più grande successo dell’Euro? La Grecia!:
- di Laura Caselli -
“La disinformazione sulla Grecia che viene fatta da giornalisti (o pseudo-tali) in Italia è mostruosa. Oggi siamo stati al centro sanitario dei Médecins du Monde e all’ospedale più prestigioso di Atene. I dati sono impressionanti! Sfido il primo, chiunque sia, a venirmi a dire che questa non è una guerra!
E poi aspetto gli altri…che si facciano avanti quelli che dicono che le istituzioni europee hanno salvato la Grecia!”
[Monia Benini]
La foto che segue è stata scattata oggi 18 Aprile 2013 ad Atene.

La foto è stata scattata da Marco Carlucci, che scrive: “Quando pensiamo ai poveri ci vengono in mente i barboni …. in Grecia il ceto medio è stato già spazzato via… dottori, ingegneri, docenti con stipendi da fame… la loro vita è cambiata in pochi mesi…. stipendi tagliati del 50-60% …tasse anticipate di 1 anno… noi continuiamo a pensare che in Italia è diverso….che non siamo la Grecia… che non possono toccarci diritti inviolabili…lo pensavano anche loro… presto la realtà “vera” europea nel nostro nuovo progetto!!!!”
…e questo sarebbe “il più grande successo dell’Euro” signor Monti?

Washington approva l’attacco preventivo all’Iran

Washington approva l’attacco preventivo all’Iran:
L’America garantisce il supporto a Israele in caso di conflitto armato con l’Iran, come dichiarano diversi mass-media, non ha importanza se Tel-Aviv lo faccia per respingere un’aggressione o per infliggere un colpo.
Questa severa retorica, secondo gli esperti, potrebbe da un lato rappresentare un tentativo di far pressione sull’Iran e, dall’altro, risultare una conseguenza della lotta politica interna agli Stati Uniti. Il Senato USA ha deciso che Washington presterà assistenza totale ad Israele nel caso di un......

Fonte: http://italian.irib.ir/notizie/mondo/item/124369

ORO, ARGENTO ED ANCHE PETROLIO

ORO, ARGENTO ED ANCHE PETROLIO:
monete_oroDI RICHARD DAUGHTY (alias The Mogambo Guru)
Ok, ammetto di aver superato un po’ “i limiti” l’altra mattina, ma mia moglie mi ha interrotto proprio all’apice della mia pazzia furiosa, quasi fuori controllo; voglio dire, stavo davvero strillando: “Chiunque NON acquista oro, argento e petrolio, Proprio Ora (PO) (soprattutto a questi prezzi bassi e con la Federal Reserve sta creando Così Tanto Dannato (CTD) denaro e credito che..............