29/04/13

QUI CAMEROUN: DOPO UN'INTENSA SETTIMANA E DOPO AVER PASSATO L'INTERA GIORNATA A RELAZIONARVI ... LE ALTERNATIVE ERANO: INFORMARMI SUI DISASTRI MADE IN ITALY O USCIRE A CENA. COSA ABBIAMO SCELTO? GIUDICATE VOI

BUON APPETITO DA IN RIVA AL MARE ....






























DIRETTA CAMEROUN: SECONDA SETTIMANA MOLTO INTENSA

Eccoci qua, a rendere conto della seconda settimana di avan scoperta in Cameroun.
Oggi è sabato, dunque giornata di "riposo", dopo una settimana di incontri.
La sveglia era puntata tutte le mattine alle h. 6.00 a.m. e la giornata terminava alla mezzanotte, motivo per cui mi è mancato il tempo materiale di relazionare giornalmente.
La sintesi della settimana:



LUNEDI': sveglia, colazione e partenza per Doula. Destinazione l'ufficio del Transitario di cui vi avevo accennato, per conoscere e discutere con il Direttore Generale di questa società. Per chi non lo sapesse, i Transitari sono società alle quali affidi tutte le formalità portuali sia in importazione che in esportazione. 
Con questo signore abbiamo poi avuto modo di visitare il porto di Douala, per farci dunque un'idea della logistica del medesimo.
Successivamente ci siamo recati a vedere la zona adiacente al porto adibita alle concessionarie di auto e mezzi.
Questo per capire, sempre nel settore agricolo, che mezzi esistono già in commercio nel Paese.
In esposizione non avevano molto, ma entrando in un concessionario, ne siamo usciti con dei cataloghi e relativi prezzi. (la marca dei mezzi dei quali possediamo i cataloghi non è quella della foto).





















Inoltre, ci hanno fatto visitare anche la loro officina di riparazione; quando il danno eventuale si può riparare sul posto, si invia una squadra, in caso contrario, gli interventi di riparazione vengono eseguiti qui. 


Alla nostra domanda: "ma i pezzi di ricambio li avete in casa? o dovete ordinarli?", la risposta è stata che sono obbligati per legge ad avere, per ogni mezzo, una scorta di pezzi di ricambio, soprattutto quelli che si usurano più facilmente.











MARTEDI': sveglia, colazione e partenza per Limbe, nella zona anglofona del Cameroun, per incontrare una società camerunense nell'agricoltura. 
Incontro questo che si è protratto praticamente per tutta la giornata, per un loro palese interesse ad approfondire i discorsi. 
Si sono analizzate molte collaborazioni e/o investimenti. Manco a dirlo sono molto interessati agli investimenti e disposti a trattare.
Questo, mi ripeto, soprattutto nel settore agricolo, ma con eventuali sviluppi in altri settori.
Con questo staff dirigenziale abbiamo un altro incontro la prossima settimana, prima di rientrare.
E successivamente saremo a vostra disposizione, se foste interessati all'argomento.
Al termine dell'incontro fiume, riunione in skype con collaboratori.
MERCOLEDI': sveglia, colazione e partenza per il nord ovest del Paese. Tappa a Douala per conoscere la mamma del nostro contatto locale, Sua Maestà Serge, un capo tribù, che qui ha il suo  valore. Vi racconto solo una chicca. Una mattina veniamo fermati da un posto di blocco. Approfittando di questa sosta, scendo dall'auto per fumare una sigaretta. I poliziotti chiedono a Serge i documenti, suoi e dell'autista, anticipando che vogliono anche i nostri. Intanto io sono fuori a fumare... Ad un certo punto vedo il poliziotto che, leggendo quelli di Serge fa due passi indietro, un leggero inchino e gli dice: "che onore". Calcolate che non eravamo nella "sua terra". A quel punto salgo in auto con l'intenzione di aprire la borsa e dare loro i documenti, ma non ne ho avuto il tempo perché il poliziotto ci stava congedando.
Tornando alla giornata ... dopo la sosta a Douala, ripartiamo per Dschang, nostra destinazione.
La visita in questa città è dovuta all'intenzione di andare a visitare il Campus Universitario, ove si trova la facoltà di agricoltura.
Siamo rimasti piacevolmente sorpresi dalle strutture che abbiamo visto; purtroppo i locali erano semi deserti a causa di alcuni giochi universitari che si stanno svolgendo non so bene dove, ma abbiamo potuto attingere informazioni. Per esempio abbiamo saputo che sono stati svolti degli studi specifici nelle varie zone del Cameroun per le varie colture. Chiaramente stiamo lavorando per avere una copia di questi documenti.

Edificio Campus Universitario

Panorama dal Campus Universitario

Edificio Campus Universitario
Edificio Campus Universitario
Terminata la visita ci siamo diretti nell'ufficio di Serge. Egli infatti ha una società di software e all'interno degli uffici ha anche adibito uno spazio internet gratuito per gli studenti (questo spazio che conta circa 15 postazioni era quasi tutto occupato dai ragazzi...bellissimo!)




Panorama dall'ufficio di Serge
Dopo un ottimo caffè camerunense, qualità arabica, offertoci dalla segretaria di Serge, riprendiamo la strada per andare a visitare il villaggio di Serge che fa parte di questa città.

Panorama dall'ufficio di Serge
































Sulla dx due pozzi che Serge ha fatto nel suo villaggio grazie 
ad una Associazione Italiana
Casa della mamma di Serge
Panorama da un'altura del villaggio di Serge


Panoramica da un'altura del villaggio di Serge
GIOVEDI': sveglia, colazione e riunione in skype con collaboratori.
Partenza per Yaoundé per incontro fissato con l'Ambasciatore.
Come sempre ci ha accolto benissimo e abbiamo potuto relazionarlo sui nostri progetti e su come poter essere d'aiuto alla nostra Italia. Vi farò un post "dedicato", con le mie personali sensazioni e deduzioni.
VENERDI': sveglia, colazione, riunione in skype con collaboratori. 
Successivamente partenza alla volta di un ristorante "vicino" per appuntamento a pranzo con l'amico italiano che vive in Cameroun da diversi anni.
Confronto prolungato ed interessante che è poi proseguito a casa sua davanti ad una buona tazza di caffè, questa volta italiano.
Con lui abbiamo anche sviluppato altre occasioni di business molto interessanti; ci ha confermato quello che abbiamo potuto constatare durante la nostra permanenza: la loro crescita è appena cominciata. Certo è che non ci si può improvvisare, si deve stare MOLTO attenti, perché non è tutto oro quello che luccica. Ci ha avvisato dei pro e dei contro ... e ci ha detto chiaramente che ci stiamo muovendo nella maniera giusta.
Il nostro staff ha buttato le basi per vagliare alcuni progetti e quando torneremo li valuteremo con il gruppo dei blogger.
Ciao
La Tata

CAMEROUN: PEDAGGIO STRADALE E.... AUTOGRILL!!!! . TE LO DO IO BENETTON!!!!

TUTTO ALL'ECONOMIA REALE..



QUI CAMEROUN: CARRELLATA FOTO E VIDEO UTILI AI VARI INTERESSATI ... ;-)

LE STRADE DI COLLEGAMENTO


I TRIANGOLI VANNO COME IL PANE ... PERCHE'? MOLTO TRAFFICO, MOLTI INCIDENTI, MOLTI TRIANGOLI IN VENDITA.

L'ARTE DI ARRANGIARSI, SENZA PERDERE L'ELEGANZA
NOTARE I PANNELLI SOLARI

NOTARE IL "BUON APPETITO" SCRITTO IN ITALIANO ... L'ETICHETTA DICE CONFEZIONATO IN FRANCIA ... A VOI I COMMENTI! E POI SI RINCORRE LO SCONTRINO DEL PANETTIERE! QUANTI SOLDI CI FOTTONO SUI NOSTRI PRODOTTI?

UN SORRISO NON MANCA MAI ... IN LORO LA SPERANZA E' ANCORA VIVA

FIUME. IN QUESTO PERIODO CI SONO LE PICCOLE PIOGGE, OSSIA UN TEMPORALE AL GIORNO DI MEDIA.

FIUME. NON SIAMO ANCORA NELLA STAGIONE DELLE GRANDI PIOGGE. 

MAIS BOLLITO ACQUISTATO SULLA STRADA ... QUINDI DELL'ORTO DOMESTICO PRIVO DI ALCUNA PARTICOLARE TECNICA AGRICOLA

LA CARTA DEI VINI DI UN LOCALE NORMALE ... NON DI LUSSO. FATE VOI IL CAMBIO. CTV EURO-FCFA 


I GRANDI ALLEVAMENTI SONO AL NORD ... MA IN GIRO SI VEDE QUESTO



Il governo dei nemici


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il governo dei nemici

GOVERNO: LETTA E MINISTRI HANNO GIURATO IN MANI NAPOLITANOdi Ida Magli


Come sappiamo già da molto tempo, il concetto di "rappresentanza" non esiste più; si è esaurito, insieme alla sacralità del Potere, con gli avvenimenti politici di questi ultimi giorni dell'aprile 2013. Adesso, però, con la formazione del governo Letta, lo possiamo confermare con assoluta certezza; ma soprattutto – è questa la cosa più importante – abbiamo finalmente la grande gioia di poterlo gridare a gran voce: "non ci rappresentano!" Sono i nuovi governanti del popolo italiano, i suoi despoti, i suoi sfruttatori, i suoi traditori, i suoi nemici, i delegati di quel Potere che si nasconde dietro il Bilderberg, la Trilaterale, l'Aspen Institut, e che indichiamo col nome di "Laboratorio per la distruzione" visto che ne sappiamo una sola cosa: che la sua meta è appunto la nostra distruzione, l'annientamento della civiltà europea e degli Stati europei. Non ci rappresentano, però! Dobbiamo essere felici quindi, di poterli guardare in faccia, uno per uno, con la certezza di non condividerne nulla. Stanno dall'altra parte, sono altro da noi, non sono "italiani", ma nemici degli Italiani, i peggiori dei nemici, quelli che spargono il sale sul terreno prima ancora di aver vinto.


L'itinerario che ha portato alla fine della rappresentanza è cominciato con il rinnovo del mandato presidenziale a Giorgio Napolitano, e non poteva in fondo non essere così dato che era stato lui a "saltare" le regole della democrazia quando aveva consegnato l'Italia al potere del Laboratorio mondialista chiamando al governo Mario Monti. Nel momento in cui ha accettato il secondo mandato, Napolitano ha inferto l'ultimo colpo alla sacralità del "settennato" e di conseguenza alla "rappresentanza", che è appunto sostanziata dalla fenomenologia del Sacro. Il "sette" è un numero sacro, un numero magico e potente, sotto la cui protezione si sono rifugiati fin dalla più remota antichità quasi tutti i popoli che fanno parte della nostra storia, dagli Egizi agli Ebrei, ai Greci, ai Romani… i sette anni assegnati dalla Costituzione alla Presidenza della Repubblica non sono quindi un caso o una decisione razionale, ma sottintendono la potenza trascendente di questa carica, più forte di quella dei parlamentari, e ne indicano la perfetta completezza nel cerchio chiuso in se stesso del numero sette. Come è stato notato da molti politici di fronte alla richiesta di rinnovare il mandato a Napolitano, non era mai stato detto che non si poteva "ripetere"; ma non era mai stato detto proprio perché era ovvio, era sottinteso… La replica del settennato di Napolitano ci ha liberato del tutto perciò della sacralità ...



Inviato da iPhone

Attentato e false flag: ECCO COSA NON CI TORNA. Siamo in piena fiction baby!!!


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Attentato e false flag: ECCO COSA NON CI TORNA. Siamo in piena fiction baby!!!

Vorrei sottolineare ulteriori dettagli che non sono stati analizzati o che sono stati considerati di scarsa importanza.

il "disperato" mostrava una cura dei dettagli (barba, capelli, vestiario) non propriamente compatibili con le condizioni presumibili di un vero disperato.
se ha acquistato la pistola 20 giorni prima del gesto, ha fatto "bollire" la sua rabbia in modo incredibilmente lento, molto più di un ragù "alla napoletana"

Ora vi chiederete: A cosa serve allora questa messinscena?
Siamo in piena fiction baby!!!

le sue condizioni psicofisiche fanno pensare più ad un incursore che ad un "povero piastrellista" ormai alla canna del gas
la mattanza, come se fosse una specie di "rito pagano" fa "scorrere il sangue innocente" (cioè di chi non è il vero colpevole di una eventuale rivendicazione) come negli antichi sacrifici effettuati sull' "altare", gli olocausti "bruciati" alla presenza del "dio" per propiziarsi la buona riuscita dell'evento di interesse
i medici non hanno affermato che il colpevole fosse un folle ma solo un "disperato" perchè aveva tentato di siucidarsi: a nessuno è venuto in mente il metodo MK-ULTRA o Monarch, ( temi già trattati in questo blog, qui i link


Inviato da iPhone

Fine dell'austerity: la classe politica avrà abbastanza fegato? L'analisi del WSJ


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Fine dell'austerity: la classe politica avrà abbastanza fegato? L'analisi del WSJ

I leader Europei, scrive il Wall Street Journal, dovrebbero approfittare di questo periodo di relativa calma finanziaria per rendere le difficili scelte politiche, socialmente apprezzabili. Secondo Simon Nixon, giornalista britannico del WSJ, uno dei problemi d'Europa è che il dibattito sul consolidamento fiscale è stato confuso a quello sulla necessità di riforme strutturali. Dire semplicemente no all'austerity non basta. I sistemi di fondo, pesanti ed obsoleti devono cambiare, ma la classe (...)


-
Politica Internazionale
/
,
,


Inviato da iPhone

Fuori i secondi e calpestiamo gli ultimi

Fuori i secondi e calpestiamo gli ultimi:

Fuori i secondi perché i primi sono all’angolo in attesa di tempi migliori. Così è nato il governo Alfano-Letta che non Al-Letta gli elettori ma solo i diretti interessati,  i quali prendono tempo per ricostruire i loro partiti tentando di fermare l’emorragia di consensi elettorali e la disaffezione verso il Palazzo di cui sono esponenti da un pezzo.
Sarà un governo balneare proporzionale alla lucidità politica che resta ai due........

Facebook farà la (brutta) fine di MySpace?

Facebook farà la (brutta) fine di MySpace?: I numeri parlano chiaro: milioni di utenti sarebbero in fuga verso altre piattaforme

Crisi: gli Stati Uniti verso la recessione? L'analisi di Tradingfloor

Crisi: gli Stati Uniti verso la recessione? L'analisi di Tradingfloor:
Guardando questo grafico, è interessante notare che in termini nominali gli Stati Uniti abbiano bisogno di una crescita del 4% per evitare la recessione. Ogni volta che l'economia degli Stati Uniti è stata "qui" è entrata in recessione, come dimostrano le sezioni che ho evidenziato nel grafico.
Inoltre, ogni volta che abbiamo visto un calo simile a quello che abbiamo visto nei dati sul Pil pubblicati venerdì sul reddito disponibile, il mercato degli Stati Uniti ha raggiunto valori massimi. Il (...)
- Economia internazionale / , , , , ,

La sorpresa di nessuno.

La sorpresa di nessuno.:
Mi sono arrivate ovviamente richieste di commentare il tizio che ha sparato ai carabinieri , a Roma, e devo dire che onestamente le reazioni della politica - e dei giornali peripatetici che stanno dietro alla politica - sono davvero nauseanti. Per esempio, quando ho sentito della cosa ho pensato "peccato che non abbiano ammazzato un ministro". Tuttavia, non vivendo in Italia, non posso essere tra i milioni cui Bertola attribuisce questo pensiero, evidentemente Bertola pensa internazionale. Ma qui andiamo ai dettagli.



Punto primo, le cause.

Quando una nazione viene portata alla fame , e con un catastrofico periodo di pseudotecnici si porta la disoccupazione a toccare livelli mai visti, e ci sono quattro milioni e mezzo di armi da fuoco in italia, direi che le cause siano chiare. Per una semplice questione statistica, qualcuno finira' con lo sparare.

Non dipende esattamente dalle parole usate da questo o quel leader, nella misura in cui le parole di Grillo sono le parole di un comico, quindi di per se' fanno parte di uno ................
Uriel

http://www.keinpfusch.net/

Regno Unito, lo shale gas non abbasserà i prezzi dell'energia

Regno Unito, lo shale gas non abbasserà i prezzi dell'energia: Chi dall’altra parte della Manica vorrebbe seguire l’esempio degli Stati Uniti, e puntare sullo shale gas in funzione del fatto che possa comportare un calo dei prezzi dell’energia, potrebbe essere nettamente smentito...

Le scritte shock che inneggiano a Luigi Preiti e all’attentato

 Questo paese ha problemi enormi e nessuno vuole risolverli pacificamente....
zio

Le scritte shock che inneggiano a Luigi Preiti e all’attentato: Sui muri del liceo Mamiani di Roma

LA CRISI ECONOMICA

LA CRISI ECONOMICA:
Oggi, permettetemi di occuparmi di economia. Uscire dal liberalismo come mi auguravo nel post precedente, significa anche liberarsi della dittatura dell’economia. Siamo così immersi nell’ideologia liberale, da credere che davvero da sempre l’economia sia la cosa più importante nella nostra vita. Io credo invece che si tratti di una forma di follia, che sia necessario mettere l’economia al suo posto, cioè ancillare rispetto alla politica, che deve rivendicare per sé il posto di comando. Tuttavia, nessuno può davvero credere di........

La DC è tornata e delude. Non una sola idea nuova.

La DC è tornata e delude. Non una sola idea nuova.:
 La DC è tornata ma delude. Non una sola idea nuova.

Ho sentito il discorso del giovane (si fa per dire: ha 46 anni) Enrico Letta. Se questa è la novità e la modernità debbono dire che sono assai deludenti. Ha parlato a lungo della Europa in termini da libro Cuore. Retorica, retorica, retorica....Non ha detto niente dei terribili problemi che sono nati dentro l'Europa negli ultimi tre anni e che hanno quasi strangolato una parte di essa compresa l'Italia.  Poi ha parlato delle riforme costituzionali. Cambieranno denominazione al Senato e le Camere resteranno due sia pure con compiti diversi. Faranno un Senato delle regioni che è stato un inutile orpello di potere di un regionalismo che ha fatto finora danni profondissimi alla salute dello Stato. Non una sola idea nuova. Tutto confermato della plumbea legiferazione dei governi precedenti.
 Non ha mancato di parlare dei due marò. Che cosa c'entrassero nel suo discorso di investitura non si sa. Ma probabilmente è un segnale criptico alle massonerie militari.
 Non una parola sullo stato reale dell'Italia. Il Palazzo mostra di non sapere niente di quanto succede nelle case e nelle città degli italiani.
  Sono certo che Bersani superi questo giovane ed ambizioso squalo di parecchio. Bersani sarebbe stato un Presidente migliore, di gran lunga migliore....

La madre che mette incinta sua figlia

La madre che mette incinta sua figlia: Aveva già tre figli, ma non le bastavano

Il fondo di redenzione europeo (Erf). Quello che ci attende

Il fondo di redenzione europeo (Erf). Quello che ci attende:
di Luna Sambito
Il fondo di redenzione europeo (ERF) prevede un impegno vincolante di tutti i Paesi partecipanti a portare il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto interno lordo (Pil), al di sotto del valore di riferimento del 60% entro i prossimi 20-25 anni.
Per garantire che tale obbiettivo venga raggiunto si dovrà passare attraverso avanzi di saldi primari. I Paesi partecipanti, così facendo, dovranno trasferire il loro eccessivo indebitamento, ad una certa data, ad un fondo di riscatto i cui Paesi stessi sono responsabili in solido.
Nel loro ultimo tentativo di risolvere la crisi europea del (falso) debito, i ........

Nicole Minetti vuole tornare a fare…

Nicole Minetti vuole tornare a fare…: Non ci crederete mai!

LA SVOLTA AUTORITARIA

LA SVOLTA AUTORITARIA:
La tensione sociale è destinata a crescere. Il governo Letta proseguirà sul solco tracciato da Monti al fine di completare un processo storico che intende restaurare una equilibrio sociale prebellico. Il Sistema non fa nulla a caso e utilizza con sapienza alcuni eventi, siano essi genuini o artefatti, per accelerare quel processo di destabilizzazione che ha pianificato da tempo. Gli architetti che sovraintendono la realizzazione di questo diabolico progetto, secondo soltanto al...........

Europa, Cina e gas di scisto: Euforia o rifiuto?

Europa, Cina e gas di scisto: Euforia o rifiuto?: È ormai opinione comune che, grazie alle scoperte di e gas di scisto (“shale gas”) degli ultimi due decenni, gli...

Imu: stop ai pagamenti da giugno

Imu: stop ai pagamenti da giugno: Lo dice Enrico Letta nel suo discorso per la fiducia alla Camera

6.202.700 disoccupati spagnoli stanno perdendo la pazienza

6.202.700 disoccupati spagnoli stanno perdendo la pazienza:   a cura di Stefano Fait per IxR     http://www.theatlantic.com/business/archive/2013/04/spain-is-beyond-doomed-the-2-scariest-unemployment-charts-ever/275324/ Hanno dato altri due anni alla Spagna per rimettersi in sesto: bontà loro. Ma gli spagnoli non hanno due anni a disposizione. Bruxelles, l’FMI e il GOVERNO SPAGNOLO non possono non sapere che cosa succederà in Spagna, tra non molto, con questi terrificanti dati [...]

Enrico Letta e la dittatura monetarista di matrice neoliberista

Enrico Letta e la dittatura monetarista di matrice neoliberista:

di Italo Romano
Per prima cosa, gustatevi, si fa per dire, queste dichiarazioni di Enrico Letta sul “Divorzio” del 1981 tra Banca D’Italia e Ministero del Tesoro:
https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=uSefocmsw10
Le critiche piovute sul nuovo esecutivo sono state innumerevoli, quasi tutte a........

Li manderemo a casa con la democrazia

Li manderemo a casa con la democrazia:
gasparri_dito.jpg
"E ci stanno provando a dare la colpa al M5S. Gli sciacalli sono in opera anche se un po' di vergogna ce l'hanno, la Lega sono anni che dice "imbracceremo i fucili" e stronzate varie seminando l'odio tra il Nord e il Sud Italia. Gasparri: quel dito medio ce lo siamo dimenticati? L'arroganza che hanno dopo averci portato a questa catastrofe e ora vorrebbero dare la colpa al M5S? Stanno sbagliando ancora: noi siamo un movimento pacifico e li manderemo a casa con la democrazia. Ieri sera su La7 Telese ha avuto l'idea di far vedere il comizio di Beppe dove dava le coordinate del parlamento, si vede che non capisce il senso delle cose. Solidarietà a tutte le forze dell'ordine." sergio r.

Germania, Hans-Werner Sinn: necessaria uscita temporanea dei paesi deboli dall'euro. Fuori subito Cipro e Grecia

Germania, Hans-Werner Sinn: necessaria uscita temporanea dei paesi deboli dall'euro. Fuori subito Cipro e Grecia:
Riportiamo alcuni passaggi di un'intervista al noto economista tedesco, Hans-Werner Sinn, direttore di uno dei più prestigiosi centri di ricerca economica della Germania, l'Istituto Ifo di Monaco di Baviera; il professore tedesco si è fatto conoscere negli ultimi anni soprattutto per l'avversità nei confronti di Angela Merkel e delle sue politiche di salvataggio dell'euro attraverso la Bce.
L'economista ora lancia la sua proposta: un'unione monetaria in cui siano presenti solo i paesi più forti. (...)
- Economia internazionale / , , , , , , ,

Delrio, il sindaco ministro


quadrifoglio-290x217Che Delrio sia bravo e fortunato, è fuori discussione:la sua carriera è stata un susseguirsi di successi politici.
Medico impegnato nel volontariato della parrocchia, viene candidato alle comunali dal Partito Popolare, dopo poco viene eletto consigliere regionale, candidato dal Presidente della Provincia Roberto Ruini, contro Marco Barbieri appoggiato da Castagnetti e mentre i suoi supporter vanno in disgrazia, lui diventa il pupillo di Castagnetti, mentre Barbieri diventa il suo avversario.
Si apre poi la strada a sindaco di Reggio e a vice-presidente Anci.
Decaduto Chiamparino, coi voti dei berlusconiani e della Lega, diventa presidente, lasciando al palo il sindaco Pd di Bari, Emiliano e di Torino, Fassino.......................

Tabella CDS del 23/04/2013


cds 250x250
Credit default swaps sovrani e corporate rilevati il 23/04/2013.

Un segnale d’allarme per i politici del Palazzo

Un segnale d’allarme per i politici del Palazzo: - Luciano Lago - Dopo la cura del “governo tecnico” di Monti e della Fornero, “cura” che ha prodotto circa un milione di nuovi disoccupati in Italia, un numero stimato di circa 390.000 “esodati”, senza più né lavoro né pensione, qualche cosa come 50.000 aziende chiuse nel solo 2012, con la conseguenza di circa un [...]

Crisi. In quattro anni boom di suicidi per motivi economici

Crisi. In quattro anni boom di suicidi per motivi economici:
Crisi. In quattro anni boom di suicidi per motivi economici
Negli ultimi quattro anni i suicidi dovuti a motivazioni economiche sono aumentati in Italiadel 20-30%, al contrario restano piccoli i numeri totali dei suicidi in paesi come il nostro. Lo afferma il direttore dell'Osservatorio nazionale sulla…
Continua a leggere l'articolo...

Una “guerra tra poveri” è il costo della crisi in Italia

Una “guerra tra poveri” è il costo della crisi in Italia:

di Roberta Barone
Un Governo, quello per cui è stato incaricato di formare Enrico Letta, che si inaugura con una nuova ed ennesima ondata di sangue. E’ quanto successo ieri durante la cerimonia di Giuramento a Palazzo Chigi: un uomo,  Luigi Preiti, 49enne originario di Rosarno, ha sparato ferendo due militari dell’Arma dei Carabinieri ed una passante incinta con una pistola calibro 7.65.  I carabinieri feriti sono il brigadiere Giuseppe Giangrande, di 50 anni, e il carabiniere scelto Francesco Negri, di 30. Un’azione folle o un gesto impulsivo dettato dalla disperazione per aver perso il lavoro?
Eppure dal 2007 il numero degli italiani disoccupati è..............

ABOLIZIONE IMU/ Le tre strade di Letta per cancellare la tassa sulla prima casa

ABOLIZIONE IMU/ Le tre strade di Letta per cancellare la tassa sulla prima casa: Secondo GIANLUIGI BIZIOLI, per scongiurare l’ennesimo aumento della tassazione, al governo Letta non resta che tagliare la spesa improduttiva o emettere nuovo debito

(Pubblicato il Mon, 29 Apr 2013 12:39:00 GMT)

GOVERNO LETTA/ Arrigo: altro che Imu, vanno tagliati Irap e cuneo fiscale
IMU/ Forte: da Bankitalia (e Monti) un primo "sgambetto" a Letta

PIAZZA AFFARI: torna il sole sulla Borsa Italiana?

PIAZZA AFFARI: torna il sole sulla Borsa Italiana?: Guest post: Trading Room #88, analisi tecnica dell’indice FTSE MIB e analisi azioni italiane. “Appare un timido raggio di sole sul nostro Ftsmib40 che in chiusura d’ottava riesce a riportarsi sopra alla media mobile a 200 periodi chiudendo a 15760 e … Continua a leggere →

MITI DA SFATARE: “finalmente un governo di giovani”. Ma quello di Berlusconi aveva un’età media più bassa

MITI DA SFATARE: “finalmente un governo di giovani”. Ma quello di Berlusconi aveva un’età media più bassa:

Il governo Berlusconi 2008
Tra ieri e oggi la stampa, ma non solo, continua a ripetere il ritornello del governo giovane, anzi giovanissimo. L’esecutivo Letta, ci ripetono, ha un’età media molto bassa: 53 anni. Vero, è bassa per le abitudini italiane. Ed è molto bassa se paragonata al governo Monti, che aveva un’età media ben superiore (64 anni). Ma c’è dell’altro: il governo dei giovani di Letta non è poi così giovane. L’esecutivo Berlusconi del 2008 (l’ultimo governo del Cavaliere) poteva vantare un’età media ancora più bassa. Certo, di poco: 52, 4. Ma sufficiente per vantare il primato rispetto al tanto elogiato governo Letta.

Il governo Letta 2013

Goldman Sachs: taglio tassi BCE possibile, ma l'Euro rimarrà forte

Goldman Sachs: taglio tassi BCE possibile, ma l'Euro rimarrà forte:
Secondo Goldman Sachs è molto probabile che il prossimo giovedì assisteremo ad un taglio ai tassi di interesse della Banca Centrale Europea; un abbattimento di 25 punti base sui tassi di rifinanziamento in parte giustificato dalla serie di dati economici deludenti delle ultime due settimane, soprattutto dai paesi "core".
Scrive in una nota Thomas Stolper, chief currency strategist, Goldman Sachs Group: "L'indice IFO -si legge nella nota- ha definitivamente spostato l'ago della bilancia dalla (...)
- Analisi dei Mercati / , ,

O Yeahhhhh....

O Yeahhhhh....: Come vi spiego da mo'.... la schizofrenia italiana continua e si approfondisce... Vi avevo anche anticipato il "rally" del FTSE MIB e dei nostri titoli di Stato (chi vuole "divertirsi" a speculare ad alto beta fa benissimo a farlo..se ne è capace e soprattutto se ne è consapevole...), anche se questo Rally è dettato (almeno per ora) da ragioni diametralmente opposte dalla sana&solida CORRELAZIONE Economia che cresce&migliora = Borsa che sale/costo del Debito Pubblico che...

[clicca sul titolo per leggere tutto il post]

Ai banchieri svizzeri piace il governo Letta

Ai banchieri svizzeri piace il governo Letta:
di REDAZIONE
Il Governo Letta “e’ ben equilibrato e appare forte, anche se la debolezza del sistema politico italiano potrebbe ancora farlo cadere”. In uno studio dedicato all’Italia, gli analisti del Credit Suisse promuovono il nuovo esecutivo, che nella loro analisi “si avvia ad avere un potere piu’ duraturo di quello che i piu’ gli accordano” e quindi “il rischio di nuove elezioni nei prossimi 12 mesi e’ molto basso”. Atteso ora alla prova dei fatti, soprattutto sul fronte della crescita e della riforma politica, il Governo Letta “dal punto di vista del mercato e’ migliore della maggior parte delle alternative che sono state prese in considerazione non solo negli ultimi giorni, ma anche prima delle elezioni di febbraio”. A rassicurare e’ il suo “chiaro profilo pro-europeo”, ma anche il fatto che la maggior parte dei ministri e’ particolarmente competente nel proprio campo, giovane e/o accettabile per la maggior parte degli elettori. Il Cs si aspetta un ampio sostegno parlamentare per il nuovo esecutivo di ‘grande coalizione’. I problemi potrebbero venire da un’opposizione a sinistra, soprattutto se Sel con alcuni parlamentari Pd dissidenti e con il MS formasse una nuova alleanza politica nei prossimi mesi. A destra i rischi non vengono dalla Lega, ma piuttosto dall’interno del Pdl: poiche’ e’ il partito in vantaggio nei sondaggi, Berlusconi potrebbe essere tentato ad andare a nuove elezioni.

L'unica soluzione per uscire dalla crisi? Gli Stati Uniti d'Europa! Parola di Enrico Letta...

L'unica soluzione per uscire dalla crisi? Gli Stati Uniti d'Europa! Parola di Enrico Letta...:

Enrico Letta, membro di spicco di tutti i più potenti "gruppi di potere", dal Gruppo Bilderberg alla Commissione Trilaterale passando per l'Aspen Institute, del quale è stato vice-presidente: stessa carica che ricopre nel PD.

Enrico Letta ha scritto un libro che si intitola "Morire per Maastricht" ed è uno dei più fermi sostenitori di Mario Monti (con il quale ha in comune l'appartenenza ai gruppi sopracitati) e della sua "agenda"...


Secondo Letta gli "Stati Uniti d'Europa" sono "l'unica soluzione per uscire dalla crisi"; è quello che vogliono/vorranno farci credere, in modo da trasferire ancora più poteri all'Europa e andare verso la nazione unitaria (unioni che stanno portando avanti in tutto il globo, a livello continentale: una tappa fondamentale verso il.................