02/05/13

CAMEROUN: SONO TORNATA ... STANCHISSIMA MA CARICA A MILLE! E CON QUESTO VIDEO SPERO DI TRASMETTERVI UN PO' DI ENERGIA! NOTA BENE ... DA VEDERE CON LE CASSE ACCESE!


CAMEROUN: PENSIERI IN ORDINE SPARSO E RIFLESSIONI PER MOLTI, MA NON PER TUTTI.


Gli ultimi giorni di permanenza in Cameroun, sono serviti per tirare le fila di alcune trattative e per ulteriori nuovi incontri.
Lunedì mattina abbiamo infatti avuto un appuntamento con il Console italiano in Douala; questa persona si è dimostrata molto interessata e coinvolta da quello che gli abbiamo esposto.
Anche lui, nel suo piccolo, ha cercato di fare qualcosa, ma ci ha confessato che, purtroppo, troppe volte si è imbattuto nella caratteristica principale propria di noi italiani, che è poi quella che ci FOTTE (scusate il mio solito francesismo, ma così si evitano equivoci): 

L'INDIVIDUALISMO

Tutti noi blogger, che da anni e anni cerchiamo di avvisare e di conseguenza di agire, continuiamo a parlare di GRUPPO E GRUPPI proprio perché siamo consapevoli che da soli non si và più da nessuna parte e il GRUPPO, oltre a renderti più forte, ha la funzione indispensabile, soprattutto in certi paesi come il Cameroun, di PROTEGGERTI.
La nostra MISSION ora è: 
1' salvare i risparmi (vedi progetti Mercato Libero e Il Grande Bluff) e 
2' aiutare gli imprenditori, ma, SOPRATTUTTO questi ultimi, devono cacciarsi nella testa che si devono UNIRE! In caso contrario ARRANGIATEVI, non fate per noi e non fateci perdere tempo!
Scusate se sono e in futuro sarò ancora più dura, ma per fare parte dei progetti che verranno analizzati dal Team, abbiamo bisogno di persone decise e unite, quindi fuori i perdiballe o quelli che ancora oggi ragionano con il detto "morte sua vita mia". Sarebbe solo tempo buttato via cercare di far capire loro che oggi solamente più i cretini ragionano così.
SIGNORI, siamo in guerra e non ci sono le mezze misure: o si vince o si perde, e l'Italia ora sta perdendo.
Nel nostro prossimo viaggio, investite due soldi e venite a vedere cosa si muove in questo continente; venite a constatare le nazionalità presenti e cosa stanno facendo per accaparrarsi un pò di spazio; venite a parlare con il nostro Ambasciatore, uomo questo che mi ha fatto una "tenerezza" incredibile (e dico "tenerezza" perché non sarebbe bello utilizzare un altro termine che vi farebbe capire meglio in che "situazione" politico-economica siamo). Ho infatti visto un UOMO SOLO che dovrebbe essere sostenuto dal suo Paese e invece si guarda dietro e non ha NESSUNO! Un UOMO che sconsolato ti ammette che gli "ALTRI" arrivano e, ORGANIZZATI, fanno affari e quindi money. Per noi invece arrivano politici che stringono mani, pacche sulle spalle, e dopo non si concretizza nulla perché non si è coordinati e strutturati per seguire il business.
Ed è a questo punto che dovremmo intervenire NOI, in GRUPPO, con la forza e la determinazione di un CATERPILLAR.
Questo continente e nello specifico il Cameroun è una terra di occasioni, ora perdute, per le nostre imprese, MA che noi vogliamo andare a raccogliere.
E' terra di sfide, di pericoli, di insidie ... che da soli non si riuscirebbe a vincere, ma in GRUPPO SI'! Se tra di voi c'è qualcuno che in questo momento sta pensando: "bene, ora ci vado .. da SOLO", prego ... si accomodi ... ma DOPO non venga a cercarci. Questo lo dico perché purtroppo, come dicevo sopra, sicuramente c'è chi pensa di essere più furbo degli altri ... e volendo essere chiara fin dall'inizio, noi questi soggetti non li vogliamo!
Personalmente, potrei fregarmene altamente degli altri, di voi che leggete; potrei seguire i miei affari, fare il mio business e vivere tranquilla, ma NON POSSO PENSARE SOLAMENTE A ME STESSA! NON CI RIESCO e dunque chi verrà con noi, chi vorrà far parte di questi progetti, dovrà per forza di cose avere nel cuore lo stesso spirito di GRUPPO che anima il nostro agire e FARE a favore di tutti.
In questo viaggio abbiamo "battuto" molteplici strade, che ora possono essere percorse ed "asfaltate" da altri che vorranno unirsi.

PER TUTTI COLORO CHE SI RIFLETTESSERO NEL NOSTRO SPIRITO E VOLESSERO SAPERNE DI PIU' SCRIVETE A:




UNO SU MILLE CE LA FA E NOI SAREMO QUELL'UNO SU MILLE, PUNTO E BASTA!




Per chi si fosse perso le altre puntate del nostro viaggio in Cameroun:

TASSI IMPAZZITI E BORSE CHE RIMANGONO ANCORATE AL FILO DELLA LIQUIDITA'


Ti è stato inviato tramite Google Reader

TASSI IMPAZZITI E BORSE CHE RIMANGONO ANCORATE AL FILO DELLA LIQUIDITA'

Chart forCBOEInterestRate10-YearT-Note (^TNX)
TASSI SEMPRE PIU' BASSI, IN GERMANIA IL DECENNALE SCENDE AL 1,17%, IN AMERICA ALL'1,63%...I TASSI BASSI PORTANO GLI INVESTITORI A PARCHEGGIARE SOLDI SULLE AZIONI...MA IL CAVALLO NON BEVE.....IL REAL ESTATE USA BATTE IN TESTA E L'ECONOMIA REALE ARRANCA...LA FED , IL GIAPPONE E LA BCE GIOCANO CON IL FUOCO..

CBOEInterestRate10-YearT-Note (^TNX)

1.63 Down 0.01(0.49%) 
German Government Bonds 10 Yr  GDBR10:IND
1.170.04 3.56%


IL TASSO DEL DECENNALE ITALIANO E' DATO DA QUELLO TEDESCO, 1,17% + LO SPREAD 2,63% OVVERO 3,80%<...


Inviato da iPad

La Bce torna a tagliare i tassi, ma "il cavallo non beve"


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La Bce torna a tagliare i tassi, ma "il cavallo non beve"

La Bce torna a tagliare i tassi, ma
Mossa obbligat, quella della Bce. Oggi ha ridotto il tasso di interesse base di un quarto di punto, portando alla soglia minima di sempre da quando esiste l'euro: 0,5%. Di fatto regala denaro.
Continua a leggere l'articolo...


Inviato da iPad

Prove di guerra: manovre militari di Usa e oltre 30 alleati nel Golfo Persico, per russi e’ provocazione contro Iran


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Prove di guerra: manovre militari di Usa e oltre 30 alleati nel Golfo Persico, per russi e' provocazione contro Iran

MOSCA (IRIB) – Gli Stati Uniti ed oltre 30 dei loro alleati tra cui la Gran Bretagna e le monarchie arabe, terranno esercitazioni militari congiunte nel Golfo Persico dal 6 al 30 Maggio.

Secondo PressTV, Washington sostiene che l'obbiettivo sia ottenere la capacità di neutralizzare le mine marine e proteggere le imbarcazioni commerciali, ma gli esperti politici russi spiegano che l'iniziativa e' una provocazione contro l'Iran alla vigilia delle elezioni presidenziali del 14 Giugno. I partecipanti alla cosiddetta esercitazione coniata "contromisure contro le mine" si riuniranno nella base navale americana del Bahrain. Per Geydar Jemal, capo del Comitato Islamico della Russia, "le autorità Usa sono certe che l'Iran non attaccherà mai nessuno ma vogliono aizzare contro l'Iran i paesi arabi ed isolarlo su scala regionale". Stanisalav Ivanov, del Centro russo per la Sicurezza Internazionale, spiega che "l'esercitazione e' una provocazione su scala globale. Non e' solo per mettere sotto pressione l'Iran ma anche un messaggio alla Siria". Invanov ritiene inoltre che "le esercitazioni militari mirino ad incrementare la corsa alle armi nella regione, rendere costante la presenza in Medioriente delle forze straniere e alimentare nuovi conflitti nella regione".  La Repubblica Islamica dell'Iran ha già annunciato in passato che ogni singolo sviluppo nel Golfo Persico viene controllato e monitorato e che Teheran non permetterà intrusioni nelle proprio territorio.

Fonte: http://italian.irib.ir/notizie/iran-news/item/125076-prove-di-guerra-manovre-militari-di-usa-e-oltre-30-alleati-nel-golfo-persico,-per-russi-e-provocazione-contro-iran



Inviato da iPhone

Hai parlato di proprietà popolare della moneta? Non lo farai più!


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Hai parlato di proprietà popolare della moneta? Non lo farai più!

Da poco abbiamo pubblicato l'articolo: Delegato Fiom mette in difficoltà Radio Capital parlando di usura e proprietà della moneta.

Una volta pubblicato sul mio profilo facebbok uno dei due conduttori del programma mi scrive questo commento: 


Come potete leggere la volontà del mainstream è quella di far tacere coloro che parlano DEL problema. Non mi perderò d'animo perchè: finirà prima la vostra acqua del nostro fuoco!



Inviato da iPhone

governo dell'inciucio: vi dico come finirà


-          governo dell’inciucio: vi dico come finirà   -
    di Paolo De Gregorio, 2 maggio 2013

Visto che ci ho azzeccato nel prevedere come sarebbe andato a finire l’arrembaggio al governo, nei miei articoli di un mese fa, tento di fare il bis, ma restando sempre con i piedi per terra e valutando solo i fatti.
La cosa più eclatante che è successa in questo periodo post elettorale è il disvelarsi della propensione  alla TRUFFA del PD, o meglio del suoi dirigenti che hanno fatto finta di cercare una intesa con il 5stelle, dando a bere all’opinione pubblica di una mano tesa verso i nuovi arrivati, congelati e irresponsabili, recita che serviva solo a dimostrare che era ineluttabile l’incontro con il PDL, naturalmente per senso di responsabilità verso l’amata nazione.
Implacabilmente la TRUFFA veniva smascherata dalle proposte ufficiali del Movimento5stelle che proponeva al PD di imitare il proprio gesto di rinunciare ai rimborsi elettorali (per poter cominciare a discutere), e dalla richiesta di votare per Rodotà  Presidente della Repubblica, cosa che avrebbe aperto una strada diversa anche per il futuro governo.
La chiusura al nuovo che si era affacciato in Parlamento non poteva essere più totale, e la fulminea convergenza di PD e PDL sul nome di Napolitano, noto propugnatore del governo delle larghe intese, conferma che l’accordo tra le due maggiori forze politiche era precedente, e la sceneggiata durata più di un mese era solo un teatrino ad uso di elettori gonzi e sudditi.
Ma la truffa più pesante, che non sarà perdonata facilmente, è quella perpetrata verso gli elettori del PD stesso, che avevano espresso il loro voto per voltare pagina e disarcionare per sempre il Cavaliere, insorti contro l’inciucio con occupazione delle sezioni e dei circoli, protesta di cui non è stato tenuto alcun conto, da una nomenklatura piddina ormai arroccata nel Palazzo e probabilmente in agonia.

Lo scenario che immagino è fosco: vi è un governo debole, eterodiretto da Berlusconi e da due o tre capicorrente del PD, senza altro programma se non quello di acquisire meriti per le elezioni prossime venture, a cui si arriverà non appena Berlusconi vedrà il PD spaccarsi nel suo prossimo congresso, un partito ormai finito, la cui parola non vale più nulla.
Se il M5S sarà in grado di evidenziare la corresponsabilità di PDL e PD e del regista Napolitano, quando questa avventura fallirà nessuno si salverà, tantomeno Napolitano, e se gli italiani sapranno farsi due conti, consegneranno la maggioranza assoluta a chi ha avuto la lungimiranza di vedere il fallimento di tutta la vecchia politica, indicando tutte le mosse e le regole da introdurre per passare ad una politica diretta,, controllata dai cittadini, partecipata, come i primi 20 punti scritti dal M5S garantiscono con limpida chiarezza.
I truffatori professionali vanno allontanati dalla politica, ma ciò accadrà solo se i truffati cambiano voto, oggi, per la prima volta, l’alternativa c’è.
Paolo De Gregorio

Il più grande produttore di carbone del Regno Unito in liquidazione volontaria: è l'inizio della fine?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il più grande produttore di carbone del Regno Unito in liquidazione volontaria: è l'inizio della fine?

Uk Coal, la più grande azienda inglese di produzione di carbone, è in lotta per la sua sopravvivenza: dopo il pauroso incendio del marzo scorso nella miniera Daw Mill il gigante ha avviato la procedura di liquidazione volontaria.

Potrebbe essere l'inizio della fine dell'era dei combustibili fossili, o semplicemente un esempio della caducità del business incontrollato attorno al carbone, la clamorosa notizia che vuole Uk Coal, il gigante britannico di produzione di carbone (dal 2011 ha estratto 7.3milioni di tonnellate di carbone, il 5% del fabbisogno elettrico totale dell'intero Regno Unito), in liquidazione volontaria.

Ecoblog ne ha parlato in tempi non sospetti, e le notizie che giungono dalla Gran Bretagna confermano quanto scritto il 12 marzo scorso.

Nonostante l'azienda si rifiuti di parlare di stato patrimoniale disastroso, negando su tutta la linea gli effetti economici del devastante incendio del marzo scorso nella miniera di Daw Mill, lo stato di liquidazione volontaria si lega a doppio filo proprio con quell'incendio, che ha mandato in fumo 100 milioni di sterline di attrezzature, altri 160 milioni di sterline di carbone e ben 32 milioni in costi di gestione: una scure da quasi 300 milioni di sterline (360 milioni di euro) sull'intero business, che ha letteralmente piegato il gigante del carbone britannico.

Per consentire a Uk Coal di continuare l'attività, al fine di evitare dunque una liquidazione forzata e il fallimento, l'azienda ha così deciso di cercare

una vasta gamma di parti interessate

nell'acquisto della compagnia. Ciò che Uk Coal può ancora mettere sul piatto sono le restanti due più grandi miniere del Regno Unito, Kellingsley nel North Yorkshire e Thoresby in Nottinghamshire, più altre sei miniere a cielo aperto tra nord e centro dell'Inghilterra.

Un "tesoretto" che, secondo indiscrezioni, Uk Coal ad oggi non sarebbe più in grado di sfruttare, anche per colpa dell'incendio di Daw Mill, che ha riportato il mercato del carbone alla dura realtà fatta di imprevisti, contrattem...



Inviato da iPhone

Delegato Fiom mette in difficoltà Radio Capital parlando di usura e proprietà della moneta.


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Delegato Fiom mette in difficoltà Radio Capital parlando di usura e proprietà della moneta.


Solo ieri abbiamo pubblicato questo articolo: Vittorio Zucconi: è giusto aumentare il debito.
Non soddisfatto della risposta del direttore Zucconi oggi ho riprovato ad intervenire in diretta e ci sono riuscito nel programma "Il Geco di Radio Capital".  Potete ascoltare il mio intervento che parte dal minuto 13:30 cliccando qui . 
Come avete potuto sentire sono riuscito, nonostante qualche difficoltà a lanciare un messaggio preciso, ovvero: i sindacati DEVONO cominciare a parlare di usura e proprietà popolare della moneta altrimenti non si salveranno ne lavoratori ne imprenditori. Tutti gli ascoltatori delle radio DEVONO farsi sentire e inviare messaggi dato che il main stream cerca SEMPRE di occultare questi argomenti.


Restiamo Umani



Inviato da iPhone

Il lato oscuro della Red Bull


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il lato oscuro della Red Bull

Die Bild racconta il documentario sull'energy drink


Inviato da iPhone

Il mistero delle sfere gialle nel tempio azteco

Le sfere del drago...... :-)

zio


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il mistero delle sfere gialle nel tempio azteco

Ne sono state trovate a centinaia nel tempo del Serpente Piumato. Il loro significato è oscuro


Inviato da iPhone

PERCHÉ I DISOCCUPATI GRECI NON VANNO A RACCOGLIERE LE FRAGOLE?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

PERCHÉ I DISOCCUPATI GRECI NON VANNO A RACCOGLIERE LE FRAGOLE?

FONTE: KEEPTALKINGGREECE.COM



Nel mio ambiente si sono accese molte discussioni sul motivo per cui i disoccupati greci non vanno a raccogliere le fragole. Certo, non si tratta solo delle fragole che crescono a Manolada, nel Peloponneso. Ma anche le pesche a Naousa, in Macedonia o le mele a Zagora, a Pilio, per citare solo alcuni dei prodotti agricoli che crescono rigogliosi in Grecia.

Ma soffermiamoci sulle fragole, in quanto la sparatoria ai raccoglitori migranti della scorsa settimana ha sollevato questa particolare questione.



Tralasciando il puro aspetto razzista, molti altri sono sorti in superficie: le condizioni disumane di vita e di igiene dei raccoglitori nei campi, il compenso giornaliero. Non che nessuno ne fosse a conoscenza, poiché si è cominciato a parlarne grazie ai media greci dal 2008. Ma l'ultimo incidente ha mostrato come un settore agricolo vive grazie allo sfruttamento dei lavoratori migranti.


Inviato da iPhone

Lotta al contante libero in Grecia


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Lotta al contante libero in Grecia

Di Monia Benini

Sono passati pochi mesi dal convegno organizzato dalla Deutsche Bundesbank in difesa dell'impiego del contante libero, ma fuori dai confini tedeschi emerge sempre più una netta opposizione in altri paesi membri dell'Unione Europea verso questo mezzo di pagamento.
Succede così che in Italia l'impiego del contante sia demonizzato e diventi quasi sinonimo di 'evasione', mentre in Grecia si procede fissando tetti sempre più stringenti verso il denaro 'cash'.

Il nuovo disegno di legge del Ministero delle Finanze greco è ormai in dirittura di arrivo e sarà sottoposto al giudizio della troika (BCE, Commissione Europea, Fondo Monetario Internazionale) nel prossimo mese di giugno per ottenere il nulla osta all'entrata in vigore (questa è la prassi per i paesi sotto memorandum che hanno ceduto la propria sovranità per ottenere gli 'aiuti' internazionali, ovvero prestiti con interessi da dover ripagare).

Ufficialmente, il Ministero dichiara di voler limitare l'impiego del contante, con pagamenti autorizzati solo sino a un massimo di 300 euro e con l'imposizione dell'utilizzo della carta di credito, giustificando le nuove misure con la lotta all'evasione e con la necessità di registrare il profilo finanziario di tutti i contribuenti.

Il piano del Ministero prevede inoltre l'inasprimento delle sanzioni che saranno associate con la gravità e la frequenza dei reati fiscali e che potranno essere accertate in qualunque momento attraverso la consultazione di una banca dati informatizzata. L'eventuale evasore, individuato ad esempio attraverso un banale controllo della patente e libretto, potrebbe così essere arrestato e processato immediatamente.

Riferimenti:

greki-gr.blogspot.gr
news247.gr
www.sibilla-gr-sibilla.blogspot.gr

Fonte:



Inviato da iPhone

PAOLO BECCHI “Non lamentiamoci se la gente prende i fucili”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

PAOLO BECCHI "Non lamentiamoci se la gente prende i fucili"


«Se qualcuno tra qualche mese prende i fucili non lamentiamoci, abbiamo messo un altro banchiere all'economia». Così Paolo Becchi, professore all'Università di Genova vicino al M5S, alla Zanzara su Radio 24. «Non so quanto il movimento possa frenare la violenza della gente, che è nella natura delle cose», aggiunge.  

«La situazione se non migliora peggiora - dice Becchi - e non so quanto la gente possa resistere, non so quanto il Movimento possa frenare la violenza della gente, che è nella natura delle cose». «Letta che va dalla Merkel - prosegue Becchi - è un segnale chiaro. Unica cosa fondamentale è l'Europa e la Bce. Siamo governati ancora dalla Merkel con le banche e i banchieri come l'attuale ministro dell'Economia. Se qualcuno tra qualche mese prende i fucili non lamentiamoci, abbiamo messo un altro banchiere all'economia».  

sull'attentato  davanti a palazzo Chigi,
Becchi afferma - aggiunge - che la sparatoria abbia fatto comodo al "sovversivo" Letta perché avrebbe ricompattato il Pd e dato così al nuovo esecutivo una maggioranza solida.



Inviato da iPhone

DRAGHI ALIAS FACCIA DA.CU..O!!!


Ti è stato inviato tramite Google Reader

DRAGHI ALIAS FACCIA DA.CU..O!!!

I bambini dell'eurozona "stanno crescendo in un continente di pace e appartengono alla 'generazione euro', perché hanno conosciuto una sola moneta". Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi, presentando la nuova banconota da 5 euro
MERCATO LIBERO PENSA A TUTTI I BAMBINI TRISTI PERCHE', PER COLPA DELL'EURO I GENITORI SI SONO IMPOVERITI E HANNO PERSO IL LAVORO. PENSA A TUTTI COLORO CHE PER COLPA DELL'EURO E DI GENTE COME DRAGHI, MONTI E COMPANY SI SONO SUICIDATI...HANNO PERSO TUTTO...E PENSA CHE GENTE COME MARIO DRAGHI NON DOVREBBE AVERE IL CORAGGIO DI DIRE CERTE CAZZATE AL MONDO INTERO...CHISSA' MAGARI QUEST'ANNO IL PREMIO NOBEL PER LA PACE, DOPO AVERLO DATO AL'EUROPA LO DARANNO ALLA BCE....


Inviato da iPhone

Il nuovo governo salva subito gli F35


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il nuovo governo salva subito gli F35



Intervistato dall'Unità il nuovo ministro della Difesa, Mario Mauro, ex Forza Italia poi Pdl passato a Monti, tra le altre cose ha affrontato il tema dei contestatissimi super caccia, il cui progetto è stato fortemente contestato per i suoi elevatissimi costi, soprattutto in tempo di crisi.



Per la verità anche il Pd, pur con qualche tentennamento iniziale, in campagna elettorale aveva puntato l'indice contro gli F35. Ma adesso che il vento è cambiato il nuovo ministro della Difesa, pur mostrando un'apparente apertura, attraverso un arzigogolato ragionamento ha fatto capire che gli F35, magari con qualche limatura sull'investimento, dovremo tenerceli.

Ha detto Mauro: «Il tema degli investimenti in tecnologia e armamenti va inquadrato nella visione delle forze armate. In Italia essi sono da un lato fortemente inseriti in precise alleanze, Nato e Ue, e dall'altro esito di un percorso di investimenti e ricerche che dura da anni ed è sottoposto sistematicamente al vaglio del Parlamento».
E alla domanda se il Parlamento potrebbe rivedere l'investimento il ministro ha risposto: «Sì. Anche se investire da vent'anni in un progetto e poi lasciarlo perdere tutto ad un colpo non ha senso. Bisogna entrare ne merito, lo faremo tutti insieme. L'efficienza delle forze armate e delle forze aeree in particolare è essenziale per un paese del G8 con grande responsabilità per la stabilità dello scenario internazionale».
Parole che non hanno bisogno di grandi commenti perché i paletti messi da Mauro a difesa del progetto sembrano abbastanza chiari. A questo punto va ricordata la frase detta da Pier Luigi Bersani in campagna elettorale: «Bisogna assolutamente limitare le spese militari sugli F35, la nostra priorità non sono i caccia ma il lavoro».
Dopo essere venuti meno alla promessa sul "mai con Berlusconi", i dirigenti democratici si rimangeranno anche quella sugli F35? Lo capiremo guardando quello che farà il Parlamento, per quanto in stretto politichese sono abbastanza eloquenti.

Fonte:http://www.globalist.it/Detail_News_Display?ID=43561&typeb=0&Il-ministro-Mauro-salva-subito-gli-F35



Inviato da iPhone

La donna che si trova la polizia a casa per un sms su Preiti


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La donna che si trova la polizia a casa per un sms su Preiti

Quando c'è l'allarme terrorismo bisogna stare attenti a quel che si dice


Inviato da iPhone

Perché la Corea del Nord si è calmata


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Perché la Corea del Nord si è calmata

Dopo settimane di durissima retorica e minacce militari contro la Corea del Sud e gli Stati Uniti, la Corea del Nord ha comunicato le sue condizioni per iniziare un dialogo. Secondo quanto ha fatto sapere il governo di Pyongyang, le condizioni sarebbero: il ritiro delle sanzioni delle Nazioni Unite, l'eliminazione delle esercitazioni militari congiunte della Corea del Sud e degli Stati Uniti, il ritiro dalla regione dei missili nucleari americani e le scuse della Corea del Sud per le offese rivolte alla leadership del Nord.


Secondo diversi analisti, tra cui Michael Green, Victor Cha e Christopher Johnson del "Center for International Strategic Studies", le ragioni del cambio di atteggiamento del governo di Pyongyang sarebbero diverse: tra queste le più importanti sarebbero la nuova strategia dell'amministrazione Obama verso la Corea del Nord, resa evidente dalle dichiarazioni del segretario di stato americano John Kerry durante la sua visita in Cina di metà aprile, e il progressivo allontanamento della Cina dalla sua alleanza tradizionale con la Corea del Nord.


John Kerry in Cina

Il 13 aprile scorso il Segretario di Stato americano, John Kerry, è arrivato in Cina sperando di convincere la nuova leadership cinese a collaborare di più con gli Stati Uniti sul tema della Corea del Nord, di cui la Cina è tradizionale alleato. Il punto più importante della proposta di Kerry alla Cina è stato quello relativo al sistema di difesa missilistico americano nella regione: Kerry ha detto che potrebbe essere ridotto nel caso in cui il governo di Pyongyang decidesse di abbandonare il suo programma nucleare.


Il tema è molto importante per la Cina, che da alcuni anni vede il crescente impegno militare americano nella regione come una minaccia alla propria sicurezza: in sostanza, la Cina soffre di quella che in politica estera viene definita "sindrome di accerchiamento". Questa paura è di nuovo aumentata all'inizio di aprile, quando l'amministrazione americana aveva inviato due navi attrezzate con il sistema di difesa missilistico Aegis nella regione, oltre ad avere annunciato un rafforzamento delle difese missilistiche terrestri nell'isola di Guam, per proteggere gli alleati nel caso di un attacco della Corea del Nord. Insomma, se la Cina vuole che gli Stati Uniti allentino la pressione nell'area, dovrà far sì che la Corea del Nord sia meno rumorosa e minacciosa.


La strategia adottata dall'am...



Inviato da iPhone

GB, I regolatori avvertono: la minaccia-subprime non è archiviata


Ti è stato inviato tramite Google Reader

GB, I regolatori avvertono: la minaccia-subprime non è archiviata

La minaccia dei mutui subprime, che hanno scatenato la crisi finanziaria globale ormai cinque anni fa, è ben lontana dal dirsi archiviata. A lanciare l'avvertimento – riporta il quotidiano Guardian – sono i regolatori britannici...


Inviato da iPhone

E BLA BLA BLA ... BLA BLA ... BLA BLA. ECCO, MI SONO SPIEGATO? - video



Inviato da iPhone

“L’eurocrisi? E’ un grande complotto”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

"L'eurocrisi? E' un grande complotto"

Dirk Müller sta conquistando la Germania con le sue tesi cospirazioniste sulle difficoltà economiche dell'unione monetaria


Inviato da iPhone

Europa: Bce, taglio dei tassi record, mentre recessione non si ferma


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Europa: Bce, taglio dei tassi record, mentre recessione non si ferma

La Banca centrale europea ha tagliato i tassi di interesse di riferimento al minimo storico mentre le 17 nazioni della regione lottano per uscire dalla recessione.

I responsabili politici riuniti a Bratislava oggi hanno abbassato il tasso di rifinanziamento principale al 0,5% dal 0,75%, una mossa prevista da 45 dei 70 economisti in un sondaggio di Bloomberg News. La BCE ha mantenuto il tasso di deposito a zero e ha ridotto il tasso di rifinanziamento marginale all'1% dal 1,5%.

Il taglio di (...)


-
Economia internazionale
/
,
,
,
,
,
,


Inviato da iPhone

Il monito della Bce pesa sulle banche, Unicredit testa i minimi


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il monito della Bce pesa sulle banche, Unicredit testa i minimi

Draghi ha sottolineato che nell'area euro alcune banche dovranno rafforzare le loro basi patrimoniali prima di poter tornare a rogare credito [...]




Inviato da iPhone

SCHIAVI MODERNI


Ti è stato inviato tramite Google Reader

SCHIAVI MODERNI

di Gunnar Myrdal *

Bisogna dubitare sempre: il dubbio è la fonte della ricerca e quindi della verità.

Una volta c'erano gli schiavi con le catene, ma uno schiavo con le catene sa di essere tale, e quindi è possibile che gli si accenda la scintilla della ribellione.

Oggi invece, ci sono milioni di persone che sono manipolate dai mezzi di comunicazione di massa, programmate come dei robot e quindi schiave senza sapere di esserlo.


* economista

Pubblicato da Gianni Lannes

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it


Inviato da iPhone

Il vero padrone è il Cavaliere


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il vero padrone è il Cavaliere

La democrazia è compromessa, l'etica della responsabilità abusata, quando dall'agenda politica scompare ogni accenno al conflitto di interessi e al dominio berlusconiano sulle tv. Gli italiani (compresi gli 11,5 milioni che si sono astenuti, per rassegnazione o rabbia) hanno condannato vent'anni e più di politica offesa da tornaconti partitocratici. Sono [...]


Inviato da iPhone

Loretta Napoleoni: intervento all’Ultima Parola (Rai 2) su Europa e Fiscal compact. Il video


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Loretta Napoleoni: intervento all'Ultima Parola (Rai 2) su Europa e Fiscal compact. Il video

 Loretta Napoleoni: intervento all'Ultima Parola (Rai 2) su Europa e Fiscal compact. Il video
Loretta Napoleoni (Foto: Wikipedia)

Loretta Napoleoni è un'economista e saggista che si occupa di finanza. Di sinistra (strano, visto quello che afferma), oggi è molto vicina alle posizioni del Movimento 5 Stelle.

Quello che qui ho da proporvi, tuttavia, è di interesse di tutti e riguarda l'Europa, il Fiscal Compact e da chi prende o comunque prenderebbe ordini l'Italia nella pianificazione delle politiche economiche e finanziarie. La dichiarazione della Napoleoni, piuttosto cristallina, è stata fatta nella recente puntata de L'Ultima Parola, condotto da Gianluigi Paragone.

In sintesi. La Napoleoni afferma che l'Italia come la Grecia prende ordini dalla Trojka (dal Consiglio e dalla Commissione Europea) influenzata dai grandi paesi dell'Europa e in particolar modo dalla Germania. Questo è accaduto con il Fiscal Compact, approvato dal Parlamento italiano, senza che esso sapesse realmente quale fosse la portata di quella decisione.

Oltre il video che potete vedere direttamente su Youtube, è interessante la sua intervista rilasciata al blog de Il Giornale, Wall & Street, sul perché l'Italia dovrebbe abbandonare l'euro.

Continua a leggere

da Il Jester



Inviato da iPhone

La BCE taglia i tassi, ma la distanza dalla dinamicità della FED è sempre abissale


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La BCE taglia i tassi, ma la distanza dalla dinamicità della FED è sempre abissale

Tutto come previsto (anche se avevo letto di diverse case d'affari che avevano cambiato parere).. La BCE taglia i tassi portandoli al minimo storico. Il tasso BCE (REPO) scende infatti di 25bp passando quindi da 0.75 a 0.50%. Una piccola … Continua a leggere


Inviato da iPhone

Inciucio programmato


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Inciucio programmato

sereni_inciucio.jpg

"L'idea non era di fare un governo con il MoVimento 5 Stelle, l'idea era di chiedere al M5S di consentire che nascesse un governo di centrosinistra" Marina Sereni, pdmenoelle, vicepresidente della Camera

"Dichiarazioni che, a questo punto, spazzano via ogni dubbio. Il pd (menoelle, ndr) chiese al Movimento 5 Stelle soltanto i voti necessari alla fiducia. Nessuna proposta per un Governo insieme, nessuna proposta per un programma condiviso. Incredulo, in studio, persino il conduttore Bruno Vespa che non riesce a capacitarsi delle parole di Marina Sereni." Segnalazione da Capoinpiedi





Inviato da iPad

L’arma finale di Mario Draghi


Ti è stato inviato tramite Google Reader

L'arma finale di Mario Draghi

Il taglio dei tassi d'interesse da parte della Bce è la mossa della disperazione per uscire dalla crisi. Il pericolo è che non basti nemmeno questo


Inviato da iPad

L'INPS comunica lo stop alle visite fiscali: perché?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

L'INPS comunica lo stop alle visite fiscali: perché?

La notizia dell'INPS al collasso è ormai nota. La news degli ultimi giorni è: l'INPS comunica lo stop alle visite fiscali: perché? Al fine di raggiungere l'obiettivo di 500 milioni di risparmi sul bilancio 2013, previsto dalla Legge di Stabilità.

Le conseguenze? Il sindacato dei medici di famiglia, Fimmg INPS, ha lanciato l'allarme di un possibile licenziamento di mille medici, a fronte del fatto che le visite fiscali d'ufficio rappresentano il 75% delle visite totali. Non solo. Senza controlli non (...)


-
Lavoro e Diritti
/
,
,


Inviato da iPad

Bce: Draghi, liquidita' illimitata fino a meta' 2014


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Bce: Draghi, liquidita' illimitata fino a meta' 2014



(Pubblicato il Thu, 02 May 2013 14:45:00 GMT)


Inviato da iPad

Se la finanza non serve all’economia reale


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Se la finanza non serve all'economia reale

La finanza aiuta davvero la crescita dell'economia reale? A metterlo in dubbio è uno studio del centro di ricerca francese Cepii.


Inviato da iPad

LA BCE ABBASSA ALLO 0,50% IL TASSO DI SCONTO COME PREVISTO. BENE, ORA CI DICA COSA È CAMBIATO RISPETTO ALLA SCORSA VOLTA .


Ti è stato inviato tramite Google Reader

LA BCE ABBASSA ALLO 0,50% IL TASSO DI SCONTO COME PREVISTO. BENE, ORA CI DICA COSA È CAMBIATO RISPETTO ALLA SCORSA VOLTA .

Attendiamo spiegazioni. Semmai vista la crisi Slovena, la situazione è peggiorata, visto che Moody's ha abbassato il rating di due tacche e adesso l'Austria è esposta per circa 12 miliardi e l'Italia per quasi otto miliardi di euro.

( Banca Intesa tramite una partecipata al 97% e Unicredit).

Più tempo passa e più mi viene da credere che le decisioni le prende il chiromante di fiducia.





Inviato da iPad

L' ALLARME DELLA CIA

L' ALLARME DELLA CIA: DI IGNACIO RAMONET
ilmanifesto.it

Rapporto dell'Intelligence Usa: per la prima volta dal XV secolo, grazie alla crisi del 2008, l'Occidente perde il predominio di fronte a Cina e «Brics». E mentre L'Ue non terrà la sua coesione, crescono il popolo post-politico di «Facebookland» e «Twitterland» insieme allo strapotere dei magnati dell'informazione. Esaurite le risorse, nascono i «conflitti idrici»

Ogni quattro anni, con l'inizio del nuovo mandato presidenziale negli Stati Uniti, il National Intelligence Council (Nic), Ufficio di analisi e di anticipazione geopolitica ed economica della Central Intelligence Agency (Cia), pubblica un rapporto che diventa automaticamente un riferimento per tutti i ministeri degli esteri del mondo. Anche se, ovviamente, si tratta di una visione molto particolare (quella di Washington), preparata da un'agenzia, la Cia, la cui missione principale è quella di difendere gli interessi degli Stati Uniti, il rapporto strategico del Nic presenta una indiscutibile utilità perché è il risultato di una messa in comune - rivista da tutte le agenzie di intelligence degli Stati Uniti - di studi elaborati da esperti indipendenti di molti altri paesi (Europa, Cina, India, Africa, America Latina, mondo arabo-musulmano, ecc.).

Un altro passo verso il precipizio

Un altro passo verso il precipizio: - Jacques Sapir - L’area Euro, sotto l’effetto combinato delle politiche di austerità, sta sprofondando nella crisi. Eppure il dibattito sulla politica economica non è mai stato così intenso. Rimane il fatto che si scontra con la capacità di immaginazione dei leader politici, sia in Germania che in Francia o in altri paesi, che rimane [...]

CAMEROUN: DURANTE LA NOSTRA PERMANENZA HO AVUTO MODO DI LEGGERE SU DI UN GIORNALE IL DISCORSO DEL PRESIDENTE BIYA IN TURKIA DAVANTI AD INVESTITORI ... E L'HO CERCATO IN RETE PER FARLO LEGGERE ANCHE A VOI ...


Discours de clôture de S.E. Paul Biya, à Istanbul, le 27 mars 2013

Par Paul Biya - 28/03/2013

Par Paul Biya Président de la République du Cameroun


Mesdames, Messieurs, Permettez-moi tout d’abord de remercier les orateurs qui m’ont précédé pour les paroles chaleureuses, amicales qu’ils ont eues pour mon pays.
Je suis aujourd’hui en Turquie, en compagnie d’une importante délégation, à l’invitation du Président de la République de ce grand pays. Nous avons avec la Turquie des relations d’amitié et de coopération qui se sont intensifiées au cours de ces dernières années et mon séjour en Turquie se passe très bien.
J’ai eu des entretiens approfondis, à tous les niveaux, avec Monsieur le Président de la République et Monsieur le Premier Ministre. Et l’une des décisions qui ont été prises à cette occasion a été de rencontrer les milieux d’affaires de Turquie. Monsieur le Président de la Confédération des Hommes d'Affaires et Industriels de la République de Turquie, Messieurs les Présidents des Chambres Consulaires de la République de Turquie, Messieurs les Chefs d'Entreprises, Distingués Invités, Mesdames et Messieurs, C'est pour moi un réel plaisir de prendre la parole ce jour, dans ce magnifique cadre, au terme du Forum Economique Cameroun-Turquie, auquel vous avez bien voulu prendre part. Permettez-moi à cet égard de vous remercier de votre intérêt pour le Cameroun, manifesté tout au long de vos échanges avec les membres du Gouvernement et les opérateurs économiques qui m’accompagnent. Mesdames et Messieurs, Comme vous avez pu le constater lors de vos échanges, l'économie camerounaise a enregistré ces dernières années des performances appréciables, aux antipodes de la morosité qui a suivi la crise financière internationale qui sévit depuis 2008. Le taux de croissance estimé cette année à 6% est en constante progression. Par rapport aux 5,1% de croissance en 2012, c’est presque 1 point de mieux. Notre objectif est d’ailleurs que cette tendance à l’accélération de la croissance se poursuive dans les prochaines années.

© Prc
Paul Biya lors de son discours à Istanbul en Turquie
L’exploration et l’exploitation de nos réserves de pétrole et de gaz naturel, l’essor naissant de nos exploitations minières (fer, bauxite, cobalt et nickel), et l’augmentation de la demande intérieure liée au démarrage de nos grands projets d'infrastructures (routes, ponts, barrages, centrales, ports, aéroports, voies ferrées). Eh bien, tout cela va y contribuer. Il y a de réelles opportunités à saisir pour soutenir l'offre des biens et services dans les divers sous-secteurs : agriculture, industries agroalimentaires, bâtiment et travaux publics, télécommunications, énergie, hydraulique, transports, et j’en passe. La gestion des finances publiques connaît elle aussi une amélioration, du fait conjugué de l'accroissement des recettes internes et de la maîtrise des dépenses publiques de fonctionnement, induisant un arbitrage budgétaire favorable à l’accroissement des dépenses en capital.Je voudrais aussi souligner l’accent qui est mis sur la gouvernance, en particulier dans la sphère économique. Elle exige de notre part l'assainissement du climat des affaires, à travers la lutte contre la corruption ainsi que la suppression des goulots d’étranglement et des contraintes qui freinent la bonne marche des affaires au Cameroun. Depuis 2009 en effet, le «Cameroon Business Forum» offre une plate-forme gouvernementale pour le dialogue entre le secteur public et le secteur privé. C’est un cadre propice pour l'identification et le suivi de la mise en œuvre des réformes destinées à améliorer sans cesse le climat des affaires. Les réformes prises dans ce cadre ont facilité la création des entreprises, le règlement des factures, la levée des taxes, l'exécution des contrats d'affaires, la promotion et la protection des investissements, et le développement du commerce transfrontalier. Il y a de la place pour les investisseurs turcs dans les différents secteurs de l'activité économique camerounaise.

Notre potentiel agropastoral et halieutique est très riche et diversifié, en raison de la variété des climats et des sols. La surface cultivable, d'environ 85% de la superficie totale du pays, n'est que très marginalement exploitée, à peine 20% actuellement. La diversité de nos productions agricoles comprend des cultures vivrières et des cultures de rente, telles que la banane, le coton, le cacao, le café, le thé, la canne à sucre, le caoutchouc naturel, les céréales, les fruits et légumes, les tubercules, et j’en passe. Il y a là assurément des niches de croissance à développer, au même titre que l’avantage comparatif que la partie septentrionale et le Nord-Ouest du pays offrent pour l’élevage bovin en particulier. Par sa position charnière entre le vaste marché du Nigéria et celui de la Communauté Economique et Monétaire de l'Afrique Centrale (CEMAC), le Cameroun côtoie en effet un marché potentiel de 300 millions de consommateurs, si l’on intègre la République Démocratique du Congo et le Soudan. Le savoir-faire reconnu des investisseurs turcs est aussi le bienvenu pour tirer le meilleur parti des 360 km de notre façade maritime, et des 17 millions d’hectares de forêts exploitables qui font du Cameroun le deuxième massif forestier d'Afrique, lequel abrite près de 300 essences exploitables, dont une soixantaine seulement est exploitée.

Mesdames et Messieurs, Pour développer ce potentiel, le Cameroun a besoin d’exploitations modernes et d’agro-industries. Nous mettons tout en œuvre pour que tous ceux qui veulent nous accompagner trouvent des incitations à l'investissement et à l'exportation. De même, le Cameroun qui est l'«Afrique en miniature », a compris qu’il doit valoriser ses énormes potentialités touristiques. Les opérateurs intéressés trouveront dans notre Programme de Compétitivité des Filières de Croissance, les incitations qu’ils souhaitent pour investir dans le développement du tourisme balnéaire, des safaris photos, du tourisme culturel, des randonnées en montagne, de l'écotourisme et du tourisme d'affaires. Comme j’ai déjà eu à l’affirmer en d’autres occasions, notamment lors du banquet offert en notre honneur par mon homologue et ami, le Président de la République turque, notre Programme de «Grandes Réalisations», qui s’articule autour d’un ensemble de grands projets dans les domaines de l'énergie, des infrastructures, des mines, de l'agriculture, vise à faire du Cameroun un pays émergent à l'horizon 2035. Nos atouts et nos priorités économiques que je viens d’évoquer devant vous sont sous-tendus par la paix sociale, la stabilité politique et la solidité des institutions que le Cameroun et son peuple s’efforcent de préserver. Le Cameroun sait donc pouvoir compter sur ses partenaires extérieurs, en bonne place desquels la Turquie qui, à bien des égards, a la capacité et la compétence pour répondre à nos besoins.
J’ai été heureux, en échangeant avec le Premier Ministre de votre grand pays, de voir que, lui comme moi, pensons que nos échanges doivent atteindre un minimum de 500 millions de dollars. Je pense que nous y arriverons. Je voudrais par conséquent conclure mon propos en vous assurant, Mesdames et Messieurs, que vous êtes les bienvenus au Cameroun, où vous trouverez toute la disponibilité, l'assistance et la sécurité nécessaires pour voir prospérer vos affaires.
Je vous remercie de votre aimable attention.

L’offensive de charme de Paul Biya en Turquie


L’offensive de charme de Paul Biya en Turquie





Paul Biya et Abdullah Gul en Turquie
Paul Biya et Abdullah Gül en Turquie
Le chef de l’Etat a rencontré mercredi à Istanbul, les investisseurs turcs, qu’il a invités à contribuer au développement du Cameroun.
Après Ankara, capitale de la Turquie, où il a séjourner lundi et mardi derniers et où s’est déroulé le volet politique de sa visite officielle avec notamment, des entretiens en tête-à-tête avec le président Abdullah Gül, le Premier ministre Recep Tayyip Erdogan et le président de la Grande Assemblée nationale,, Cemil Cigek, le président de la République qu’accompagne la première dame, Chantal Biya, et une importante suite, s’est rendu hier à Istanbul.
Dans la principale métropole turque, où il résidera jusqu’à la fin de son séjour, le chef de l’Etat a rencontré hier les milieux d’affaires. Plus de 500 investisseurs ont en effet pris part au Forum économique Cameroun-Turquie, organisé par le Confédération turque des hommes d’affaire et industriels (TUSKON) à l’hôtel Cevahir, et dont le président Paul Biya a présidé la cérémonie de clôture, en présence du ministre turc de l’Economie.
S’adressant à un auditoire particulièrement attentif, le chef de l’Etat a présenté les principales caractéristiques de l’économie camerounaise, qui a enregistré des performances appréciables ces dernières années, avec an taux de croissance estimé à 6% en 2013, contre 5,1% en 2012, malgré une conjoncture internationale difficile. L’objectif aujourd’hui est que la tendance à l’accélération de la croissance se poursuive. Pour cela, a poursuivi Paul Biya, de nouvelles opportunités doivent être saisies en vue de soutenir l’offre des services dans les secteurs de l’agriculture, de l’industrie, du bâtiment et des travaux publics, de l’énergie, des transports…
Parmi les autres potentialités de l’économie camerounaise présentées à ses hôtes par le président Paul Biya, figurent la grande forêt dense et la vaste façade maritime qui n’attendent que des industriels pour être développées. Parlant du climat des affaires qui intéresse au plus haut point les investisseurs, le chef de l’Etat a relevé pour s’en féliciter, qu’il connait d’importantes améliorations, ces dernières années, notamment en raison de la lutte contre la corruption, et des actions menées par leCameroon Business Forum, cadre de concertation entre le gouvernement et le secteur privé.
Les investisseurs turcs disposant des atouts dont à besoin le Cameroun pour mettre en œuvre son programme des Grandes Réalisations, le chef de l’Etat les a invités à y contribuer, en les assurant qu’ils trouveront toujours au Cameroun la disponibilité et la sécurité pour faire prospérer leurs affaires.
Intervenant avant le président de la République, le ministre turc de l’Economie a invité ses compatriotes à s’impliquer dans le renforcement des échanges d’affaires entre les deux pays, afin qu’ils atteignent rapidement la barre de 500 millions de dollars. Le ministre camerounais de l’Economie, Emmanuel Nganou Djoumessi, le président du TUKSON et Rigobert Song Bahanag, invité spécial du chef de l’Etat qui a longtemps séjourné en Turquie ont fait des plaidoyers allant dans le même sens. Après l’opération de charme du chef de l’Etat, industriels turcs et camerounais ont poursuivi leurs échanges en vue de conclure des partenariats mutuellement bénéfiques.
Le programme du séjour du couple présidentiel à Istanbul prévoit notamment aujourd’hui la visite de quelques sites historiques.

Obbligazioni brasiliane


4 ballerine brasiliane 1Il real è la moneta di un grande paese, ma ha anche la tendenza ad oscillare per ragioni politiche.
Per chi desidera diversificare le valute e percepire un rendimento, è una delle migliori.
Esistono emissioni che pagano la cedola e rimborsano in dollari americani o in euro, come nel caso di questa obbligazione della Cassa Depositi della Germania, con rating AAA..................