08/06/13

Gli Stati Uniti mettono in campo nuove armi


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Gli Stati Uniti mettono in campo nuove armi

- Andrej Akulov -  Strategic Culture Foundation - La spesa militare degli Stati Uniti è in flessione, mentre in Russia e Cina aumenta. Tale concetto viene ripetuto sempre più frequentemente da alcuni media ed esperti. "Le emergenti superpotenze militari Cina e Russia hanno aumentato drasticamente le spese militari nel 2012, mentre la spesa degli Stati [...]


Inviato da iPhone

IL COSTO DELLA VITA


Ti è stato inviato tramite Google Reader

IL COSTO DELLA VITA






DI ANGELO FERRACUTI

nazioneindiana.com



George Orwell nel suo saggio sui minatori inglesi La strada di Wigan Pier, una cittadina mineraria dell'Inghilterra del sud, a un certo punto scrive sgomento: ≪La media degli infortuni fra i minatori è cosi elevata, a confronto con altre attività, che le morti sono accettate come cosa normale, quasi come si farebbe in una guerra minore≫. Come succede in Italia, dove attualmente ci sono 8oo.ooo invalidi e 130.000 tra vedove e orfani che percepiscono una pensione. E' una cosa che viene da lontano se si pensa che nel ventennio 1946-66 si sono verificati 2.2860.964 casi di infortunio e di malattia professionale, con 82.557 morti e 966.880 invalidi: quasi un milione di menomati, il doppio di quelli causati dalle due guerre mondiali, che furono mezzo milione.


Inviato da iPhone

UN POPOLO DI SUDDITI CHE SI RIBELLA SOLO AL BAR


Ti è stato inviato tramite Google Reader

UN POPOLO DI SUDDITI CHE SI RIBELLA SOLO AL BAR



DI MASSIMO FINI

ilfattoquotidiano.it




A Istanbul, città particolarmente priva di spazi verdi, il premier Erdogan vuole togliere di mezzo il Parco Gezi, abbattendo 600 alberi, per sostituirlo con un grande centro commerciale, con tutti gli annessi e i connessi, simbolo, secondo lui, di una Turchia che corre felice verso lo sviluppo e la modernizzazione.



La gente della città si è ribellata, ha occupato il parco, lo ha circondato, si è scontrata duramente con una delle polizie più feroci del Medio Oriente (qualcuno ricorderà, forse, Fuga di mezzanotte).


Inviato da iPhone

Video Analisi EURUSD, GBPUSD e EURGBP

euro forteAnalisi grafiche su indici azionari, mercato obbligazionario, materie prime e soprattutto Forex.
Per informazioni e disclaimer visita il sitohttp://agirefx.blogspot.it/.
Puoi anche seguirmi su twitter: www.twitter.com/rennydee

La storia della FED: un esempio per comprendere le manipolazioni del potere


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La storia della FED: un esempio per comprendere le manipolazioni del potere


ApertaMente con PBC
Hangout pubblico in diretta streaming - Guarda la registrazione qui sotto
Invia i tuoi commenti su Twitter: #apertamentepbc




La storia della FED: un esempio per comprendere le manipolazioni del potere

Dopo il primo incontro online su www.perilbenecomune.net continua la serie di appuntamenti organizzati da PBC per l'approfondimento di tematiche che, purtroppo, sono appositamente trascurate quando non addirittura irrise dai sistemi di comunicazione di massa. Noi vogliamo riportare l'attenzione dei cittadini e dei politici sui temi veri, di primaria importanza, che affliggono la nostra società: crisi economica, lavoro, tasse, disuguaglianza sociale, giustizia, ecc.

Il programma prevede la partecipazione in d...


Inviato da iPhone

Strage a Santa Monica, "tot" morti: Nuova strage Usa e Getta!!! Tra delirio e realtà ... 1984 si avvererà?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Strage a Santa Monica, "tot" morti: Nuova strage Usa e Getta!!! Tra delirio e realtà ... 1984 si avvererà?

Il titolo è giusto! Intendetelo come si deve, aprite i vostri occhi.
 Solo la verità vi rende liberi.
Queste sono tutte stragi finte, ripeto, finte. Magari non nel senso che i morti non ci sono, forse ci saranno davvero anche, ma cosa volete che sia uccidere cinque o sette persone per chi ne ha ammazzato tremila in un solo giorno a scopo di lucro!??  
E poi via, soldati in guerra, in guerra per l'oppio ancora nel duemila e tredici ... quando a Roma c'è proprio Colle Oppio, un rimedio naturale utilizzato da millenni!  Ma questo è un'altro discorso
Sono dodici anni che son partiti, per non contare tutte le altre "missioni di pace" ... Orwell lo profetizzava nel 1948 ( ... ma tanto chi l'ha letto 1984 se non una cerchia ristretta di persone?). La guerra è pace ... buttano soldi per la guerra e poi vi dicono che c'è crisi: La crisi esiste solo per chi tiene in piedi questo sistema.
 Siamo di fronte a una cosa irreale, lo so ... sembra impossibile ma se andate a fondo la prospettiva cambia di brutto.

... qui i link, 12


Inviato da iPhone

Barbari e Barberini

tribes-of-northern-Gaul-300x220Dal vecchio detto: quello che non fecero i barbari lo fecero i Barberini, in riferimento alla spoliazione degli antichi monumenti romani per utilizzare il materiale  marmo, colonne, capitelli e anche pietre, nelle nuove costruzioni barocche, volute appunto da quella potente famiglia.
Si parla quindi di interessi privati prevaricatori del bene pubblico.

Usa : scandalo controlli, spiati pure Yahoo, Google e Facebook, NYT attacca Obama, “ha perso credibilità”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Usa : scandalo controlli, spiati pure Yahoo, Google e Facebook, NYT attacca Obama, "ha perso credibilità"

WASHINGTON (IRIB) – Lo scandalo Verizon si sta trasformando in una valanga incontrollabile che rischia di travolgere l'amministrazione Obama.

L'agenzia per la sicurezza nazionale (National Security Agency) e l'Fbi possono controllare direttamente i server di 9 società internet Usa, estraendo video, audio e foto che consentano di seguire i movimenti delle persone e i loro contatti. Lo rivela il Washington Post parlando del programma Prism, nato nel 2007, che sarebbe tra le fonti primarie della Nsa. Le società sono Microsoft, Yahoo!, Google, Facebook, PalTalk, Aol, Skype, Youtube e Apple. Il polverone sollevato dall'articolo del Guardian, che ha rivelato milioni di telefonate "spiate" dalla National Security Agency, si allarga quindi alle società web. Il Washington Post scopre l'esistenza del programma segreto, dal nome in codice Prism, che somiglia molto "a quello controverso voluto dal presidente George W. Bush dopo gli attacchi dell'11 settembre". Un programma che ha avuto come primo partner Microsoft, già a maggio 2007, l'anno della sua creazione. Per aprire i loro server alle autorità e acquisire l'immunità da azioni legali le aziende devono ottenere un atto dal procuratore generale e dal direttore nazionale dell'intelligence.
Il New York Times dedica un editoriale al vetriolo alla vicenda delle telefonate spiate dalla National Security Agency, che definisce un "abuso di potere che richiede vere spiegazioni". "L'amministrazione Obama ha perso ogni credibilità", scrive il comitato editoriale del quotidiano. Il giornale, che tradizionalmente appoggia le politiche dell'amministrazione Obama, questa volta fa un affondo pesante al governo degli Stati Uniti che avrebbe risposto "con le stesse banalità che ha usato ogni volta che il presidente Obama è stato sorpreso a eccedere nell'uso dei suoi poteri".

Fonte: Irib



Inviato da iPhone

FINALMENTE si ammette la realtà. Questa crisi è peggiore del 1929


Ti è stato inviato tramite Google Reader

FINALMENTE si ammette la realtà. Questa crisi è peggiore del 1929

wall street crash 1929Per mesi si era negata addirittura la crisi. Poi l'evidenza portò anche i politici ad ammettere una fase di difficoltà: ma era transitorio! Dopo un po' tutto sarebbe dovuto passare. E poi… è arrivata la recessione, l'austerity e ora il rallentamento globale.
Noi abbiamo sempre difeso la nostra linea, forse un po' pessimistica ma alla fine indubbiamente corretta. E quanto ieri ha detto Saccomanni, il ministro dell'economia del Governo Letta.


(AGI) - Firenze, 7 giu -  La crisi di oggi e' "piu' difficile e complessa da gestire" rispetto a quella del '29. "Purtroppo in realta' questa crisi e' molto diversa rispetto agli anni '30. Ha caratteristiche strutturali che hanno cambiato molti dei paradigmi correnti nei paesi industrializzati e si sta rivelando piu' difficile e complessa da gestire" (…) Lo ha sottolineato il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, nel corso del suo intervento a Firenze a 'La Repubblica delle idee'. "Nonostante ci siano state iniezioni di liquidita' da parte delle banche centrali, questa crisi non vuole andare via. In realta' finira'. (…)



Certo, non può dire diversamente altrimenti tutti si suiciderebbero. Una fonte istituzionale deve sempre lasciare aperta la porta e fare entrare un raggio di luce e di speranza. Ma anche Saccomanni è perfettamente cosciente della gravità del momento.
Intanto però, se volete buttare un occhio alla nostra chiave di lettura della crisi e se soprattutto la vorrete condividere coi vostri contatti, ecco gli ultimi importanti post sull'argomento. Da leggere e da condividere tramite email, facebook, twitter e quant'altro. Perché la gente deve sapere come stanno le cose…
E poi se riterrete utili queste informazioni, un vostro sostegno è sempre ben gradito, malgrado la crisi, che ha azzerato praticamente questa forma di entrata che contribuiva a rientrare di parte delle spese sostenute per la tenuta del blog.


Buona visione a tuttI!


Sostieni I&M. il tuo contributo è fondamentale per la continuazione di questo progetto!




Inviato da iPhone

Quelli che si svegliano adesso


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Quelli che si svegliano adesso



Inviato da iPhone

Fisco, l’avvertimento del ministro Lupi “Possibile aumento dell’Iva a dicembre”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Fisco, l'avvertimento del ministro Lupi "Possibile aumento dell'Iva a dicembre"

Possibile aumento dell'Iva a fine anno. Parola del ministro per le Infrastrutture, Maurizio Lupi, che ha definito "plausibile" l'ipotesi di uno slittamento del rincaro dell'imposta sul valore aggiunto a dicembre.

"Abbiamo dato due obiettivi", ha spiegato il ministro, a Bologna per l'inaugurazione della nuova stazione alta velocità. "Il primo era quello di eliminare l'Imu sulla prima casa e ci siamo dati tempo al 30 agosto, il secondo era quello di evitare l'aumento dell'Iva. La priorità di questo governo è ridare slancio alla crescita e quindi speriamo che questo rincaro non sia fatto e possa essere dato un segnale urgentemente forte".

Perché "questo è un governo che si misura sui fatti e speriamo di dare un segnale immediatamente positivo". Questa fase storica che stiamo attraversando, ha aggiunto, "ci può far guardare anche a un modo di affrontare la politica diverso".

Parlando dal palco, il ministro ha infine ringraziato Romano Prodi e Pier Luigi Bersani per quanto fatto negli anni per quel progetto e, parlando ai presenti, ha detto che si deve smettere che ogni governo butti "a mare" quello che ha fatto il precedente. "Dobbiamo smetterla – ha ribadito a margine – e superare la guerra continua. Ogni governo fa il possibile per dare il proprio contributo perché l'Italia possa stare meglio".



Inviato da iPhone

Francia: l’estrema destra incita al golpe militare


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Francia: l'estrema destra incita al golpe militare

Francia: l'estrema destra incita al golpe militare
Dopo l'assassinio da parte di alcuni fascisti di uno studente universitario di sinistra a Parigi, è allarme in Francia per l'invito rivolto da una rivista dell'estrema destra all'esercito affinché rovesci il governo di Hollande.
Continua a leggere l'articolo...


Inviato da iPhone

FED: che cos'ha in mente Bernanke?


Ti è stato inviato tramite Google Reader

FED: che cos'ha in mente Bernanke?

Molti investitori stanno compiendo enormi sforzi nel tentativo di entrare nella testa di Ben Bernanke, il presidente della Federal Reserve, facendo scommesse e azzardi su quelle che potrebbero essere le prossime mosse di politica monetaria


-
Notizie Economiche
/
,
,
,
,
,


Inviato da iPhone

Saccomanni: Crisi peggio del 1929

Dopo anni ci sono arrivati..... Complimenti!!!!

zio

Ti è stato inviato tramite Google Reader

Saccomanni: Crisi peggio del 1929


Fabrizio Saccomanni: "Crisi attuale peggio di quella del 1929″

Pubblicato il 7 giugno 2013 19.14 | Ultimo aggiornamento: 7 giugno 2013 19.15


Inviato da iPhone

DRAGHI PREPARA LA NUOVA LETTERINA? MARIUCCIO NON HA ALTRE FRECCE DA SPARARE, E I CONTI ITALIANI NON TORNANO


Ti è stato inviato tramite Google Reader

DRAGHI PREPARA LA NUOVA LETTERINA? MARIUCCIO NON HA ALTRE FRECCE DA SPARARE, E I CONTI ITALIANI NON TORNANO

Ed ora Mario Draghi prepara la bozza per la nuova lettera all'Italia.

Ieri quando Mario Draghi ha concesso la prima domanda della conferenza stampa al giornalista del Sole 24 Ore i più bravi dei traders a Londra hanno capito che era il momento di vendere i Btp. Era chiaro che Mariuccio non aveva in tasca niente ed avrebbe tentato il bluff di far intendere che comunque "c'è un colpo di pistola in canna".




Nonostante la domanda soft del quotidiano economico nazionale il gioco non è riuscito, dopo aver alimentato per mesi la bolla con il programma di acquisto di titoli di stato (OMT), con i miliardi regalati alle banche e con la discesa dei tassi d'interesse al minimo storico, le frecce nell'arco del nostro alchimista nazionale erano rimaste due: portare i tassi sui depositi in BCE in territorio negativo ed iniziare un programma di acquisto dei crediti problematici delle banche.




Entrambe le pericolose trovate pro-bolla sono state bocciate senza appello dalla Bundesbank e dal Governo tedesco che hanno puntato l'indice contro i limiti delle politiche espansive americane e giapponesi e non volevano importare l'esperienza di una massa monetaria fuori controllo. Quando il mercato ha percepito che Draghi bleffava le borse si sono accartocciate su se stesse e lo spread e ritornato a correre verso tetti più alti.




Sia il presidente della BCE, sia Saccomanni, sanno che questo è solo l'inizio, quando usciranno i dati sul PIL Italiano più bassi delle stime del governo e la Corte di Costituzionale tedesca dirà che la BCE non può comprare illimitatamente titoli di Stato dei paesi in crisi senza una previa approvazione del Bundestag, rientreremo di nuovo nell'emergenza.




Ma non è forse questo che Enrico Letta, il temporeggiatore, sta aspettando per servirci una manovra da 20 miliardi? Il fabbisogno (entrate meno uscite) dello Stato nei primi 5 mesi del 2013 è di 26 miliardi di euro, pari cioè all'intero ammontare del 2013, il gettito dell'IVA è in calo di quasi 8 punti percentuali ed in consumi sono a minimi storici: è impossibile che i conti quadrino con le previsioni!

Letta (nipote) parla d'altro, Saccomanni si sta chiaramente perdendo nella terra di nessuno fra bilancio di competenza e bilancio per cassa e Mario (Draghi) per sopravvivere nel suo ruolo di alchimista della finanza dovrà presto scaricare la colpa sulle "mancate riforme strutturali" per l'esplosione della bolla da lui stesso creata.

  LETTA,...


Inviato da iPhone

Compravendite immobiliari: come perdere metà del mercato in soli 6 anni


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Compravendite immobiliari: come perdere metà del mercato in soli 6 anni

Confermata la contrazione delle compravendite anche per il primo trimestre 2013 con un volume degli scambi più che dimezzato rispetto al 2007. Le province di Roma e Milano registrano il maggior calo su base nazionale


Nel I trimestre 2013 non si interrompe la sequenza del trend negativo nel mercato immobiliare. L'ultima Nota Trimestrale dell'Osservatorio OMI di giugno riporta un totale di 212.215 unità immobiliari compravendute (NTN) nel I trimestre 2013 che rappresenta una diminuzione degli scambi del 13,8% rispetto allo stesso trimestre del 2012.  Il settore delle abitazioni con 94.503 compravendite registra un calo è del 14,2%, contro le 110.116 dello stesso trimestre 2012. Continua la contrazione degli scambi anche nei settori non residenziali con il segmento del terziario che registra la peggiore flessione del comparto (-9,2%), seguito dal commerciale (-8,7%) e infine dal settore produttivo (-5,9%).



Le città - Le otto maggiori città italiane per popolazione registrano complessivamente, nel I trimestre 2013, un tasso tendenziale negativo pari al -7,2% meno grave rispetto al dato nazionale. Tra le città, rispetto all'omologo trimestre del 2012, il maggior calo nel I trimestre del 2013 si registra a Bologna -12,4%, seguita da Roma e Genova, che scendono del -11% circa ciascuna. Torino e Palermo mostrano una variazione negativa intorno al -10%, mentre Milano e Firenze contengono la discesa con tassi tra il -4% e il -5%Napoli costituisce un'eccezione;  il dato sui volumi di compravendita delle abitazioni in questa città mostra nuovamente un tasso tendenziale positivo ma che, come già osservato nei trimestri scorsi, va senz'altro messo in relazione con la consistente dismissione del patrimonio immobiliare pubblico del Comune.


Le provincie - La frenata del mercato è più marcata nei comuni della provincia delle principali città dove il mercato delle abitazioni presenta complessivamente nel I trimestre del 2013 una discesa del -18,2%. Spiccano il tasso negativo dei comuni della provincia di Roma, ...



Inviato da iPhone

Università, crollano le iscrizioni. Test d’ingresso rinviati a Settembre


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Università, crollano le iscrizioni. Test d'ingresso rinviati a Settembre

Mercoledì un decreto ministeriale sostituirà il provvedimento, che anticipava a luglio le prove e che ha fatto infuriare studenti e non, dell'ex ministro dell'Istruzione Francesco Profumo.




Leggi tutto...



Inviato da iPhone

GUERRA AL CONTANTE!


Ti è stato inviato tramite Google Reader

GUERRA AL CONTANTE!


In Italia allignano sentimenti antitedeschi, fomentati dai politici e dai giornalisti. È comprensibile che ai politici italiani quelli tedeschi non piacciano, dal momento che nel Parlamento tedesco non c'è un solo inquisito, un solo indagato, un solo condannato: è certamente gente antipatica. E anche ai giornalisti italiani si capisce che non possano piacere quelli tedeschi: se guardiamo Der Spiegel, c'è un mare di giornalisti, tutti pronti a cercare le notizie, a informare i lettori, anziché dedicarsi a fare i favori a questo o a quell'amico, insomma a fare marchette. È naturale che il giornalismo tedesco, quello di alto livello soprattutto, sia inviso a quello italiano. Quindi si capisce perché vengano fomentati sentimenti antitedeschi. 
 
Però, pensando invece ai cittadini, e non ai potenti, ci sono delle cose che, soprattutto nel campo di cui mi occupo – risparmio, previdenza e anche fisco –molti Italiani meriterebbero di sapere, mentre non vengono dette chiaramente.
Incominciamo con una. In Italia, le lire non valgono più niente, innanzitutto perché era previsto che dopo dieci anni sarebbero andate in prescrizione, e in secondo luogo perché con una grande manovra politica degna di un Roosevelt, Monti anticipò la prescrizione, di punto in bianco nel novembre 2011 con la manovra "Salva Italia", anziché lasciarle scadere, dopo circa due mesi, alla fine di febbraio 2012. Grande mossa geniale, grande politico, grande economista, bocconiano, certo. Il problema era registrare a bilancio, togliere quella posta passiva nel 2011 e non 2012, perché tanto dopo due mesi-tre mesi, le banconote sarebbero scadute comunque. Ora, questo è capitato in Italia.
In Germania è molto diverso. In Germania la Bundesbank, la banca centrale, ha sempre cambiato le banconote da essa emesse, e ancora quelle emesse nel '48 dalla Bank Deutscher Länder, che l'ha preceduta; le banconote in marchi non scadranno mai, saran sempre convertibili in euro. E lo stesso vale – leggiamo nel sito della 


Inviato da iPhone

Eurocrisi, la Spagna fa cassa anche salassando i turisti Ue. In ospedale


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Eurocrisi, la Spagna fa cassa anche salassando i turisti Ue. In ospedale

C'è la storia di un turista britannico operato d'urgenza all'ospedale di Ibiza al prezzo di 24.600 euro. Ma anche quella, sempre di un paziente inglese, costretto a pagare 202 euro per un trattamento contro il mal di schiena al pronto soccorso dell'ospedale di Malaga. Lo ha scritto la Bbc che ha riportato i casi dei due cittadini del Regno Unito sottoposti a cure d'urgenza. Dopo essere arrivati nell'uno e nell'altro ospedale iberico in gravi condizioni di salute, ai due turisti è stato chiesto di pagare il trattamento con la loro assicurazione di viaggio. O in contanti.

Secondo la Commissione europea, a lamentarsi in realtà sarebbero stati a centinaia. Insomma per andare al pronto soccorso in Spagna, non basta più la tessera sanitaria europea. Meglio l'assicurazione di viaggio o la propria carta di credito: per un turista inglese, tedesco o italiano una visita medica potrebbe non solo non essere più gratuita, ma costare parecchio.

Bruxelles ha avviato un procedura di infrazione contro il Paese iberico dopo una lunga serie di denunce fatte da turisti stranieri e da compagnie di assicurazione. Secondo i reclami in alcune zone del Paese, le più frequentate dai villeggianti, gli ospedali iberici non hanno accettato la tessera sanitaria, facendo pagare agli stessi viaggiatori prestazioni mediche che, in base alle regole Ue, dovrebbero invece essere gratuite per tutti i cittadini dei 27 Paesi membri dell'Unione. Insomma senza costi e senza disparità di trattamento.

La Commissione europea si è detta "preoccupata" e ha chiesto conto e ragione al ministero della Sanità di Madrid, dando al Paese due mesi di tempo per rispondere alle accuse mosse dai cittadini europei, prima di sottoporre la questione al tribunale di Giustizia europea di Lussemburgo. La Spagna "potrebbe violare i suoi obblighi ai sensi del diritto dell'Unione europea", si legge nel comunicato. "L'assistenza sanitaria pubblica è gratuita in Spagna e la tessera sanitaria europea da diritto alle stesse condizioni che i cittadini spagnoli. Ma, in alcuni casi, si è detto erroneamente ai turisti che la tessera sanitaria europea non è valida senza un'assicurazione di viaggio. Altri pazienti hanno creduto di essere assistiti con la Tse, e solo dopo hanno scoperto che era stata emessa fattura per il trattamento ricevuto alla loro assicurazione", spiega Bruxelles.

Il portavoce Ue Jonathan Todd ha perfino sostenuto che in alcuni casi i pazienti che avevano a disposizione solo la tessera sanitaria sono stati parcheggiati nei "corridoi degli ospedali" con "gravi dolori" , senza dar loro alcuna assistenza medica. In realtà la querelle tra Bruxelles e Madrid risale al 2010, quando erano arrivate le prime denunce. Tutte sempre dalle zone più turistiche, come le isole Baleari, ...



Inviato da iPhone

Bilderberg Banksters


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Bilderberg Banksters



Inviato da iPhone

Schiavi dello Stato – seconda parte


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Schiavi dello Stato – seconda parte

SchiaviStato2In secondo luogo, il sistema si regge su un'ulteriore declinazione del concetto di illusione.


Un concetto che venne elaborato, più di un secolo fa (nel 1903, per la precisione), da un grande economista italiano: quell'Amilcare Puviani, il quale per primo parlò della "illusione finanziaria", quale fenomeno di <<rappresentazione erronea delle ricchezze pagate o da pagarsi a titolo d'imposta o di certe modalità del loro impiego>>. Una rappresentazione che determina una serie di distorsioni percettive e di asimmetrie informative, a loro modo determinanti per la tenuta del sistema: perché concorrono parallelamente sia a favorire la stabilizzazione e la crescita incontrollata degli impulsi al tax spending, sia ad alimentare il circuito vizioso del ricorso ad infinitum all'interventismo pubblico.


Da una parte, infatti, il tax payer, in qualità di pagatore ignorante ed inconsapevole, non è assolutamente in grado, se non per via di percezioni superficiali e sottostimate, di stabilire "chi paga che cosa". Ovvero, a fronte della complessità e della nebulosità dei mezzi, degli strumenti e dei meccanismi impiegati, gli è pressoché impossibile muoversi nel dedalo infernale di un impianto normativo e regolamentare, volutamente reso e mantenuto inestricabile ed incomprensibile, per determinare oggettivamente: l'entità del prelievo cui si è andati incontro ("a quanto ammontano le tasse"); le modalità di esazione e i criteri di imputazione con cui si è integrato il prelievo ("quali sono e come vengono riscosse le tasse"); la destinazione e la finalità dello stesso ("a chi vanno e a cosa servono le  tasse"); la correlazione sussistente tra l'entità del prelievo e l'entità di quanto ricevuto in contropartita ("cosa ho effettivamente ottenuto in cambio delle tasse corrisposte").


D'altro canto, lo stesso produttore sarà indotto ad attivare delle dissociazioni comportamentali schizofreniche e ad operare in base a percezioni autoreferenziali e distorte, in funzione della sua propensione a ricercare, di volta in volta, ed in base alla posizione che egli immagina di occupare in relazione ad una determinata politica, quelle utilità e quei vantaggi attesi, che si reputa possano essere estratti dalle pieghe di un provvedimento e/o di una manovra. Sbagliando clamorosamente, proprio perché trattasi di un processo per nulla evidente e del tutto ingestibile, egli punta al conseguimento della miglior combinazione possibile di misure ipotizzabili, suggestionandosi di poter gu...



Inviato da iPhone

Basta prendersela con la Merkel. E’ lo Stato italiano che è FALLITO


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Basta prendersela con la Merkel. E' lo Stato italiano che è FALLITO

di CHRIS WILTON


Partiamo da due dati di fatto inoppugnabili. E' vero che la Germania ha fatto ritardare di due anni la ristrutturazione del debito greco affinché le sue banche scaricassero i bond prima dell'haircut, combinando un disastro. Ed è altrettanto vero che sempre la Germania ha ritardato di almeno otto mesi la questione di Cipro, perché le sue banche avevano i soldi vincolati a un anno nei depositi ciprioti dove prendevano il 6% di interesse, creando un altro disastro. Tutto vero, ora però non è che si può scaricare sulla Germania anche colpe non sue, come vedo accade in questi giorni nel vostro Paese, con punte di parossismo ridicolo come quelle raggiunte dal quotidiano Libero. Mi chiedo: è colpa della Merkel se la vostra Pubblica amministrazione non paga le imprese? In Germania pagano a 60 giorni, puntuali. E' colpa della Merkel se le banche italiane non danno credito, pur avendo preso palate di soldi dalla Bce? In Germania le Pmi hanno accesso al credito e stanno comprando concorrenti a più non posso. Direte voi: sì ma hanno salvato Commerzbank con soldi di Stato. Vero. E Monte dei Paschi, che vi è costata un'intera Imu ed è conciata comunque? E' colpa della Merkel se avete fatto swap su swap sui tassi per entrare nell'euro a un livello di cambio folle o dei vostri governanti dell'epoca? Già il governo Monti ha dovuto staccare un bell'assegno a Morgan Stanley lo scorso anno e a Londra si parla sempre di più del super-derivato pro-euro contratto in gran silenzio e che a breve potrebbe imporre un esborso record alle vostre casse statali.


Una cosa poi mi fa impazzire: ovvero, i vostri politici che si riempiono la bocca con la necessità che la Bce stampi moneta come la Fed. Ma la Bce sta già stampando moneta, solo che lo fa con i soliti sotterfugi. Se anche Francoforte non opera apertamente come la Fed, la Bank of Japan o la Bank of England, l'Europa ha il suo quantitative easing in atto e non da oggi. Non potendo per statuto prestare denaro direttamente ai Paesi membri, la Bce si è semplicemente fatta furba e ha bypassato la questione attraverso un tacito accordo di silenzio-assenso. Le banche spagnole, ad esempio, hanno ottenuto 150 miliardi di euro dalla Bce, attraverso un processo che vede lo Stato garantire il debito degli istituti e le loro cartolarizzazioni, le quali vengono presentate alla Bce come collaterale per ...



Inviato da iPhone

Speciale Giappone: La Vera Ragione per Cui una Ripresa Economica è Semplicemente Impossibile


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Speciale Giappone: La Vera Ragione per Cui una Ripresa Economica è Semplicemente Impossibile

bannerInvestire_640x80

Al di la di considerazioni sulle misure di stimolo monetario e dell'intervento pubblico in economia, esiste una ragione che rende semplicemente impossibile una vera ripresa duratura del PIL giapponese, la curva demografica e la popolazione.

Il Giappone è vecchio, tremendamente vecchio. Le donne giapponesi da anni hanno un tasso di fertilità troppo basso e insostenibile. Nel 2012 per il sesto anno consecutivo la popolazione del Giappone è diminuita.

Probabilmente il primo ministro giapponese tra le misure per la crescita dovrà includere sia un forte incentivo per fare aumentare la natalità sia una politica che favorisca l'immigrazione qualificata.

20130607 fert 0 Speciale Giappone: La Vera Ragione per Cui una Ripresa Economica è Semplicemente Impossibile

 

(grafico tratto da Zh)

Nel 2012 in Giappone sono nati 1.037.101 bambini e sono morti 1.256.254 uomini e donne. L'aumento dell'età media fa si che ancora di più siano i giapponesi che nel 2012 sono diventati inattivi dal punto di vista lavorativo.

images Speciale Giappone: La Vera Ragione per Cui una Ripresa Economica è Semplicemente Impossibile

 

Il picco della popolazione sembra raggiunto (immigrati compresi) e soprattutto:



Inviato da iPhone

Segnalazioni di inizio giugno (prossima era glaciale, strage del piccone, vaccini, grande fratello)


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Segnalazioni di inizio giugno (prossima era glaciale, strage del piccone, vaccini, grande fratello)

Clima, esperti di USA e Messico confermano: "nuova Era Glaciale imminente, inizierà nel 2014″
http://pianetablunews.wordpress.com/2013/06/06/clima-esperti-di-usa-e-messico-confermano-nuova-era-glaciale-imminente-iniziera-nel-2014%E2%80%B3/


La Strage del Piccone a Milano era un rituale esoterico ? Strage Kabobo: follia Amok o sacrificio umano?
http://fractionsofreality.blogspot.it/2013/06/la-strage-del-piccone-milano-era-un.html

Il grande fratello è al lavoro
http://www.liberopensare.com/articoli/item/480-il-grande-fratello-e-qui

Allarme vaccini di Stefano Montanari ATTENZIONE
http://www.movimentorevolution.it/?p=681

Signora Boldrini, in quale nazione vive?
http://sulnwo.blogspot.it/2013/06/signora-boldrini-in-quale-nazione-vive.html


Inviato da iPhone

Lo Stato non domanda un bel niente ai cittadini: impone e basta!


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Lo Stato non domanda un bel niente ai cittadini: impone e basta!

di MATTEO CORSINI


Nei consueti panni di insegnante per giovani allievi, Fabrizio Galimberti spiega come funziona il rapporto tra Stato e cittadini in merito alla tassazione. Leggiamo: "E' come se lo Stato dicesse ai cittadini: 'Volete che io paghi i tribunali, i soldati, le strade, la scuola, gli ospedali…? Allora ho bisogno che voi mi diate i soldi per far tutto questo'. Non è un vero e proprio contratto… è un contratto implicito supportato da una legge che stabilisce quanto e quando bisogna pagare per le tasse".


A prescindere da ciò che pensa dello Stato in generale, credo che un ragazzo con un minimo di perspicacia dovrebbe realizzare che qualcosa non va nella spiegazione di Galimberti. Esiste veramente un contratto implicito tra Stato e cittadini? Questo è quello che vogliono dare ad intendere coloro che sentono la necessità di giustificare il monopolio dell'uso della forza da parte dello Stato ed evidentemente ritengono che la "rule of law" e quella che potremmo definire la "rule of lawmakers" siano la stessa cosa. Nulla di meno vero.


In primo luogo, lo Stato in realtà non domanda un bel niente ai cittadini. Impone. Ne consegue che il cosiddetto contribuente è obbligato a pagare le tasse a prescindere dal fatto che voglia che sia lo Stato a istituire i tribunali, a costruire le strade e a fornire servizi vari. In alcuni casi, poi, se vuole può, pagando nuovamente, rivolgersi a un altro fornitore; in altri casi lo Stato stabilisce di essere monopolista, per cui il cittadino non ha alternative.


Tutto questo in virtù del fatto che il provvedimento legislativo "che stabilisce quanto e quando bisogna pagare per le tasse" viene emanato da una delle parti di questo pseudo contratto implicito: lo Stato stesso. Per quanto "implicito", non è proprio il massimo dei contratti: una parte stabilisce le obbligazioni dell'altra, la quale non è neppure libera di non sottoscrivere quel contratto. Solitamente i sostenitori del mantra "lo Stato siamo noi" ritengono chiusa la questione affermando che siamo in democrazia e con il voto si può cambiare la controparte del contratto "implicito". Ma anche il meno perspicace dei giovani lettori di Galimberti penso possa rendersi conto che cambiare la controparte non significa sanare il vizio insito nel rapporto tra Stato e cittadino, che rimane sempre e comunque in una posizione di sudditanza, tranne nel caso in cui riesca a salire sul carro di coloro che vivono sulle spalle degli altri. Una condizione (peraltro ingiusta) che, però, può riguardare solo una parte di persone e che sarebbe illusor...



Inviato da iPhone

Turchia, studente italiano racconta ciò che i media censurano!!!


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Turchia, studente italiano racconta ciò che i media censurano!!!


 

FATE GIRARE QUESTO VIDEO!!! - Fabio Perrone è uno studente Italiano attualmente presente ad Izmir, terza città della Turchia, nell'ambito del "progetto Erasmus".
Ha assistito in prima persona alle violenze e alla pesante repressione del governo Erdogan, e ha deciso di realizzare questo video per rompere il muro di censura... DIVULGHIAMOLO!!!

L'articolo con link alla fotogallery e altri video: http://www.nocensura.com/2013/06/bagno-di-sangue-in-turchia-la-polizia.html


IL VIDEO CARICATO SU FACEBOOK DA CONDIVIDERE LO TROVI QUI ROMPIAMO IL MURO DELLA CENSURA! 


Fonte: 


Inviato da iPhone

Nel 2030 il 47% della popolazione mondiale soffrirà per la scarsità di acqua


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Nel 2030 il 47% della popolazione mondiale soffrirà per la scarsità di acqua

 

7 MAG – Sei tra i massimi esperti di acqua al mondo discuteranno su come risparmiare e accrescere l'accesso a questo bene primario la cui scarsita', nel 2030, interesserà il 47% della popolazione mondiale: e' infatti dedicata proprio all'acqua la quarta edizione del premio internazionale 'Il Monito del Giardino' (2-5 giugno), promossa dalla Fondazione Bardini Peyron col contributo dall'Ente Cassa di Risparmio di Firenze, e presentata oggi. Il primo premio andra' all'israeliano Aaron Wolf, mediatore in vertenze internazionali legate all'acqua.

http://www.ansa.it/web/notizie/canali/energiaeambiente/acqua/ultimenews/2013/05/07/Acqua-Firenze-convegno-massimi-esperti_8665817.html

LA SCARSITA' DI ACQUA?????

 Entro fine mese forti precipitazioni temporalesche potrebbero colorare di verde l'entroterra desertico dell'Arabia Saudita?

 Maltempo in USA, tra 



Inviato da iPhone

Pechino è stanca di Pyongyang: chiusi i conti correnti nordcoreani


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Pechino è stanca di Pyongyang: chiusi i conti correnti nordcoreani

 

Che Pechino non caldeggiasse ulteriormente gli stravaganti intenti del regime di Kim Jong-un, lo si era intravisto dalle reazioni, tutt'altro che accondiscendenti, nei confronti del programma nucleare posto in atto da Pyongyang il mese scorso, allorché la Cina si era limitata a mandare qualche timido messaggio di pace. Ma ora, a conferma di ciò, il governo cinese ha scelto, manifestamente, il pugno di ferro contro la Corea del Nord. La Bank of China, infatti, colosso del settore bancario cinese direttamente sottoposto al controllo di Pechino, ha deciso con scelta unilaterale di chiudere il conto della banca nordcoreana Foreign Trade Bank, bloccando il flusso di denaro in valuta estera da e per la Corea del Nord. Questo noto istituto di credito non potrà più svolgere operazioni sul suolo cinese, né tantomeno avere rapporti con altre banche.

Ritenuto uno dei più vigorosi finanziatori del programma nucleare nordcoreano, l'istituto di credito, stando alle considerazioni del dipartimento del tesoro statunitense, avrebbe finanziato con ingenti quantità di milioni di dollari la Korean Mining Development Corp, una delle principali aziende di armi della Corea del Nord, oltre a perorare un'attività (su ordine di Kim e della sua famiglia) di riciclaggio di denaro di dubbia provenienza (altro elemento che potrebbe essere stato determinante nella decisione della Bank of China). La Cina non ha fornito nessuna spiegazione ufficiale della decisione adottata l'8 maggio scorso, ma la tempistica lascia spazio a pochi dubbi, e ha il sapore di conferma della nuova linea adottata da Pechino, che sembra essersi definitivamente convinta a lasciare la Corea del Nord in balia di se stessa, quasi del tutto isolata dal resto del mondo.

Per la Cina, si tratta della prima azione concreta adottata contro il regime di Pyongyang, una decisione dal forte valore simbolico, considerando che la Corea del Nord da sempre ignora le prese di ...



Inviato da iPhone

Bagno di sangue in Turchia, la polizia, violentissima, uccide i manifestanti


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Bagno di sangue in Turchia, la polizia, violentissima, uccide i manifestanti

mercoledì 5 giugno 2013




Fonte: http://informatitalia.blogspot.it/2013/06/bagno-di-sangue-in-turchia-la-polizia.html




10196_483770838366516_1991878249_n

Riceviamo E pubblichiamo da Angelo Iervolino:


Bagno di sangue in Turchia la polizia uccide i manifestanti

Scontri e uccisioni in tutta la Turchia, le foto e i video che provengono dalla Turchia sono impressionanti. Dalle informazioni che mi sono arrivate ci sono stati minimo 2 morti e 4 persone hanno perso la vista dopo essere stati centrati dai candelotti lacrimogeni o proiettili di gomma sparati dagli agenti, mentre altri 5 sono in pericolo di vita per fratture al cranio, oltre 1700 arresti e più di 1000 feriti. La polizia è intervenuta con i gas lacrimogeni, lanciati anche dagli elicotteri, ha usato idranti e ha anche fatto ricorso a bastoni elettrificati, che colpiscono con scariche anche di 40.000 volt le persone, stordendole.  In 67 città Turche contestazione anti-governo,  secondo il ministro Guler negli ultimi 4 giorni ci sono state 235 manifestazioni di protesta in tutta la Turchia. Oltre a Istanbul e Smirne, nella Capitale Ankara migliaia di persone hanno marciato per il centro tentando di raggiungere il Parlamento. Nel centrale quartiere di Kizilay centinaia di persone hanno lanciato pietre contro la polizia. Blocchi parziali per Twitter e Facebook, il principale provider turco TTNET impedisce l'accesso a Twitter e Facebook. Il presidente turco Abdullah Gul ha lanciato un appello al "buon senso" e alla "calma", ritenendo che le proteste abbiano raggiunto "un livello preoccupante" e Il premier  Recep Tayyp Erdogan ha detto: "Azioni estreme dalla polizia", ma nel frattempo non ha fermato la polizia e gli scontri sono continuati col massacro dei manifestanti. Molti manifestanti sventolano la bandiera nazionale,  e chiedono le dimissioni del primo ministro Recep Tayyp Erdogan.  In alcune zone della città di Istanbul i Turchi del TKP riescono a far arretrare la polizia ecco il video:


Ormai in Turchia è in atto la dittatura e la repressione violenta della popolazione.


Ecco i video degli scontri:

Le immagini contenute in queste note sono esplicite e raf...


Inviato da iPhone

Non è solo usura, è truffa


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Non è solo usura, è truffa



Inviato da iPhone

FINANZA/ Il "vaso di Pandora" che può distruggere l’euro


Ti è stato inviato tramite Google Reader

FINANZA/ Il "vaso di Pandora" che può distruggere l'euro

Un rapporto del Fmi riconosce gravi errori della "troika" nella crisi greca e lancia gravi critiche alla Commissione europea, che risponde stizzita. Il commento di AUGUSTO LODOLINI

(Pubblicato il Sat, 08 Jun 2013 06:19:00 GMT)

FINANZA/ I "trucchi" contabili della Germania che fanno impallidire la Grecia, di J.C. Livermore
GRECIA/ Voutsinos (Caritas): vi racconto il dramma di un paese che non fa più figli


Inviato da iPhone