16/06/13

L’impignorabilità della prima casa riguarda solo Equitalia e non gli altri creditori, ivi comprese le banche



L'impignorabilità della prima casa riguarda solo Equitalia e non gli altri creditori, ivi comprese le banche
RISCHIO CALCOLATO | DOM 16 GIU
http://pulse.me/s/l7dqpRuSc


Il Decreto del Fare varato dal Governo inserisce tutta una serie di novità che sinceramente parlando vorrei sorvolare, fosse ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

Gli Stati Uniti mettono in campo nuove armi | Aurora

Gli Stati Uniti mettono in campo nuove armi

Andrej Akulov Strategic Culture Foundation 14.05.2013
WaveriderLa spesa militare degli Stati Uniti è in flessione, mentre in Russia e Cina aumenta. Tale concetto viene ripetuto sempre più frequentemente da alcuni media ed esperti. "Le emergenti superpotenze militari Cina e Russia hanno aumentato drasticamente le spese militari nel 2012, mentre la spesa degli Stati Uniti e della maggior parte dei Paesi della NATO si contrae", secondo l"Arms Expenditure Report' pubblicato dal think tank dell'Istituto internazionale di Stoccolma per le ricerche sulla pace (SIPRI). Si dice che la quota di spesa militare mondiale degli USA nel 2012 sia scesa sotto la soglia del 40 per cento per la prima volta dal crollo dell'Unione Sovietica nel 1991. Al contrario, la Cina ha aumentato la spesa del 7,8 per cento, ovvero 7,8 miliardi dollari, a 166 miliardi dollari nel 2012. La Russia ha incrementato le proprie spese del 16 per cento, o 12,3 miliardi dollari, fino a 90,7 miliardi dollari. (1) Secondo American Live Wire, "La potenza militare della Cina e della Russia cresce, e nel frattempo gli USA continuano a tagliare la spesa della difesa. I liberali statunitensi ritengono che preoccuparsi della crescita di Russia e Cina, mentre gli USA tagliano il budget per la difesa, sia semplice terrorismo" (2).
Lo scorso febbraio i vertici militari statunitensi hanno incontrato il Comitato Forze Armate del Senato per discutere sui tagli lineari del 1 marzo, lanciando l'allarme sul loro pericoloso impatto sull'operatività in combattimento delle truppe statunitensi. Secondo il presidente dei Capi di stato maggiore riuniti, Generale Martin E. Dempsey, il sequestro "farà correre alla nazione grandi rischi di coercizioni". L'ex segretario alla Difesa Leon Panetta ha detto che ciò "inviterebbe gli aggressori"! Il segretario della Difesa Chuck Hagel ha detto che le riduzioni "devasterebbero" i militari. Il Generale James Amos, comandante del Corpo dei Marines, va oltre avvertendo che la mancata correzione delle risorse militari metterà a rischio il "mantenimento della prosperità e degli interessi della sicurezza" degli Stati Uniti.
L'armamento della Russia (e della Cina) è giustificato nel contesto dei tagli degli Stati Uniti? Presentare fatti è il miglior modo per giungere a un giudizio imparziale. Un rapido sguardo a ciò che prende una forma tangibile, in questo momento e proprio quest'anno, avrebbe senso.

Il Waverider supera le prove
Il 1 maggio 2013 un aereo senza pilota sperimentale sviluppato per l'US Air Force, ha volato a più di cinque volte la velocità del suono in un test al largo della California. Il test ha segnato il quarto e ultimo volo dell'X-51A dell'US Air Force. Si tratta di un passo avanti nella tecnologia del scramjet, che presumibilmente potrà essere usata per compiere attacchi in tutto il mondo in pochi minuti. Mentre il test veniva effettuato, il motore scramjet è stato acceso separandosi dal booster e spingendo l'aereo a Mach 5,1 (4828 kmh) a 18.288 metri di quota. Qualsiasi velocità oltre Mach 5 è generalmente indicata come 'ipersonica'. Il velivolo ha coperto 230 miglia in poco più di sei minuti. Il volo si è concluso con il previsto tuffo nell'oceano. Questo era il quarto e ultimo di una serie di test. Il velivolo X-51A è noto come Waverider (surfista) poiché veleggia in parte grazie all'ascensione generata dalle onde d'urto del proprio volo. Il progetto comprende un motore  'scramjet' che utilizza il movimento in avanti del velivolo per comprimere l'aria volta alla combustione del carburante. L'X-51A è unico, principalmente per l'uso di idrocarburi per uno autoreattore a combustione supersonica, o Scramjet, usato come mezzo di propulsione. Senza parti in movimento, il carburante da idrocarburi viene iniettato nella camera di combustione del scramjet dove si mescola con l'aria che scorre veloce attraverso la camera avviando un processo simile all'accensione di un fiammifero nell'uragano. Dopo essere sganciato da un bombardiere B-52, un booster a propellente solido viene utilizzato nella fase iniziale del volo dell'aereo per accelerare fino alla velocità che consente al motore di accendersi risucchiando l'aria sfruttando lo slancio in volo del velivolo. Poiché non vi sono compressori meccanici nello scramjet, il velivolo deve volare a velocità quasi ipersonica. La teoria e il concetto sono relativamente semplici, ma il raggiungimento di un volo in scramjet è tecnicamente molto impegnativo a causa delle alte velocità e temperature generate.
Il Wave Rider è stato progettato per raggiungere la velocità di Mach 6 e oltre, sei volte la velocità del suono e abbastanza veloce da attraversare l'Oceano Atlantico e colpire un bersaglio in Europa in meno di un'ora. Molti dettagli del programma sono classificati… L'obiettivo è dimostrare la fattibilità dell'aspirazione dell'aria per la propulsione dello scramjet ad alta velocità. Come dimostratore tecnologico, l'X-51A non ha alcun immediato successore. Tuttavia, l'US Air Force continua le ricerche ipersoniche e i successi dell'X-51A daranno un contributo al programma del sistema d'arma d'attacco ad alta velocità, attualmente in fase di progettazione.

Il primo laser imbarcato va nel Golfo Persico
Nell'aprile 2013 l'US Navy ha annunciato lo schieramento di un prototipo di arma laser nel Golfo Persico. Per la prima volta le navi saranno equipaggiate con un laser d'attacco in grado di danneggiare motovedette e accecare o distruggere droni da ricognizione, come i test hanno dimostrato. La marina chiama le sue nuove armi LAWS (LAser Weapon System). Il prototipo del laser imbarcato sarà schierato su una nave d'assalto anfibio convertita, schierata nel Golfo Persico per contrastare le motovedette d'attacco iraniane e, possibilmente, velivoli teleguidati. L'USS Ponce sarà la base galleggiante per le operazioni militari e l'assistenza umanitaria nelle acque del Medio Oriente e del sud-ovest asiatico. La nave è stata scelta per una missione volta a garantire una presenza duratura nel Golfo, per contrastare le minacce marittime iraniane nella regione. Il laser sarà operativo il prossimo anno. Molti dei dettagli sul funzionamento del laser rimangono segreti, come ad esempio quale sia la portata del suo raggio, quanto sia potente o quanta potenza viene utilizzata per generarlo. Ma gli ufficiali della Marina hanno fornito alcuni dettagli non classificati.  Ad esempio, il laser è stato progettato per essere un sistema "plug and play" che integra le esistenti  tecnologie di puntamento e la potenza elettrica di una nave. Questi fattori rendono l'arma sorprendentemente a buon mercato.
Il dispiegamento del prototipo è inteso quale avvertimento all'Iran a non intensificare le proprie attività nel Golfo nei prossimi mesi. "Dotare le navi di superficie della Marina con il laser potrebbe portare a cambiamenti nelle tattiche navali, nella progettazione navale e nei piani di approvvigionamento delle armi navali, determinando un cambiamento tecnologico per la Marina, un 'cambio del gioco' paragonabile all'avvento dei missili imbarcati negli anni 50", ha detto una valutazione del Congressional Research Service, un ramo della Biblioteca del Congresso. (3) Lo studio trova che il nuovo laser ad alta energia "potrebbe dotare le navi di superficie della Marina di un efficiente mezzo per contrastare mezzi di superficie, aerei e missili balistici". Finora i laser non sono efficaci con il maltempo perché il fascio può essere disturbato o disperso dal vapore acqueo, nonché da fumo, sabbia e polvere. L'arma non può attaccare obiettivi oltre l'orizzonte ed è oggetto di contromisure come natanti e droni con superfici riflettenti. Il primo prototipo non è abbastanza potente per poter abbattere caccia a reazione o missili che si avvicinano. I vantaggi sono un basso costo (meno di 1 dollaro per impulso prolungato) e una fornitura illimitata di munizioni (impulsi ad alta energia), a condizione che la nave possa generare elettricità. Il fascio può raggiungere il suo bersaglio alla velocità della luce e può inseguire obiettivi in rapido movimento.
Uno degli ultimi esempi di sviluppo dei sistemi laser, è il laser della statunitense Raytheon Corp., il CIWS (Close-In Weapon System). Già presentato pubblicamente al Farnborough Airshow nel luglio 2010, la società ne dimostrava la capacità di danneggiare una serie di oggetti, tra cui aerei, droni, missili e navi di superficie, utilizzando un raggio laser a stato solido da 50 kW. In confronto con il CIWS radar-controllato Phalanx della Marina degli Stati Uniti, che utilizza un cannoncino multi-canna da 20 millimetri per colpire oggetti che si avvicinano, il laser CIWS ha il vantaggio di una portata maggiore e, teoricamente, di munizioni illimitate. La Northrop Grumman Corp. sta sviluppando anche il Gamma, un laser ad alta energia a stato solido (HEL) per distruggere missili cruise antinave e, collaborando con il Comando Mobilità dell'USAF e con la Guardia Nazionale Aereo, ha installato su un KC-135 un pod Large Aircraft Infrared Countermeasures che utilizza raggi laser per disabilitare missili terra-aria in arrivo. L'US Navy ha anche in fase di sviluppo sistemi che hanno lo scopo di abbattere droni nemici che puntano contro navi di superficie. Allo stesso modo, l'esercito statunitense ha annunciato nel 2011 di condurre ricerche sul Laser-Induced Plasma Channel (LIPC), un laser che può sparare un "fulmine" da 50 miliardi di watt contro un bersaglio.

Il Rail Gun, l'arma del futuro
La Marina degli Stati Uniti va avanti nel tentativo di migliorare la capacità delle navi da guerra "nell'abbattere missili così come proiettili sparati da molte miglia di distanza". Annunciato lo scorso anno, il nuovo programma si chiama Hyper Velocity Projectile che affretta la fine del dominio del missile. Si tratta di un'arma in grado di sparare proiettili a Mach 10 senza esplosivi. I Rail Gun sono costituiti da due guide metalliche parallele, tra le quali viene caricato un proiettile tenuto in un'armatura, chiudendo il circuito tra di essi. Una massiccia corrente elettrica dell'ordine di un milione di ampere viene applicata, creando un campo elettromagnetico che a sua volta produce una forza che accelera il proiettile lungo le guide. Un Rail Gun offre una serie di potenziali vantaggi rispetto alle tradizionali armi a proiettili esplosivi. La forza di accelerazione viene applicata per tutto il periodo in cui il proiettile è posto tra le rotaie del dispositivo di lancio, al contrario delle forze esplosive che hanno una durata limitata. Ciò significa che velocità molto più elevate possono essere raggiunte. Potenzialmente Mach 10 a livello del mare, o più di tre volte la velocità di un proiettile di fucile. Ciò comporterebbe una gittata di 220 miglia, circa dieci volte quella di qualsiasi altra arma. Non essendo esplosivi, proiettili del Rail Gun si affidano alla loro enorme velocità per distruggere il bersaglio, riducendo così il rischio di un incendio a bordo della nave. Relativamente piccoli e leggeri, possono essere facilmente trasportati e conservati. L'energia cinetica sviluppata potrebbe fare più danni di un missile da crociera consentendogli di trapassare una nave. Alte velocità significano proiettili assai meno influenzati, rispetto alle armi convenzionali, da fattori quali il vento, permettendogli di mantenere la massima precisione lungo una grande distanza, piuttosto che di necessitare di sistemi di bordo per continue correzioni della traiettoria, rendendoli assai più economici. L'USS Arleigh Burke (DDG-51) è la piattaforma dei test più probabile per le prove in mare. La fase successiva è un sistema di alimentazione a impulsi per il lancio di proiettili in rapida successione. Rivolto a una frequenza di lancio di sei-dieci colpi da 50 millimetri al minuto, il sistema d'arma navale dovrebbe essere operativo entro il 2025.

Fornire un vantaggio tecnologico
I Rail Gun elettromagnetici, laser e siluri anti-siluro possono essere le tecnologie chiave necessarie per garantire la sopravvivenza dei gruppi d'attacco delle portaerei della Marina degli Stati Uniti, durante lo svolgimento di un'operazione di diniego e contro-accesso di un'area (A2/AD), come ex alti ufficiali hanno detto ad USNI News. "La vera svolta in tutto questo, a mio avviso, è il cannone elettromagnetico", ha detto Bob Work, direttore esecutivo del Centro per una nuova sicurezza americana. Secondo il rapporto dell'US Naval Institute (USNI) (4) utilizzando un Rail Gun per la difesa, si potrebbe ridurre drasticamente il costo-per-colpo della Marina, quando si opera in difesa da salve in massa di missili balistici o da crociera, rispetto al missile intercettore come lo Standard Missile-3. Forse, ancora più importante, una nave da guerra può trasportare molte più munizioni per Rail Gun di quanto potrebbe mai sperare di avere tubi lanciamissili. L'USNI cita l'ex ammiraglio Gary Roughead, ex capo delle operazioni navali, dire che i Rail Gun sono un'arma di svolta per via delle dimensioni dei proiettili. Secondo l'articolo di Work e Roughead per l'US Naval Institute, Talk Fleet Protection del 7 maggio 2013, "La terza tecnologia cruciale per la Marina è un siluro anti-siluro. Mentre il gruppo di portaerei stende la rete A2/AD sulle coste, la minaccia dei sottomarini aumenta in modo esponenziale". I siluri anti-siluro sono più piccoli dei siluri standard imbarcati o eliportati da 324mm, avendo circa 229mm di diametro. Work ha detto che la minaccia ai gruppi di portaerei indubbiamente è in aumento. Ciò è stato anticipato dalla metà degli anni '90, ma se l'US Navy avrà armi elettromagnetiche, laser e siluri anti-siluro operativi entro il prossimo decennio, i gruppi di portaerei potranno operare maggiormente all'interno delle aree contrastate.
È vero, la Russia ha in programma ulteriori aumenti della sua spesa militare, con progetti di bilancio che mostrano un aumento del 53% in termini reali fino al 2014. Un anno fa, il Presidente Vladimir Putin ha apertamente dichiarato l'intenzione di espandere radicalmente e di aggiornare l'esercito russo. Oggi la Russia ha intrapreso la via per la valorizzazione militare. Programmi per il riequipaggiamento e la fondamentale riforma delle forze armate vengono adottati e attuati. Questa politica è coerente con le realtà internazionali emergenti? Viene sollevato molto clamore sui tagli lineari dell'esercito statunitense. Ma la difesa consuma quasi il 20 per cento del bilancio degli Stati Uniti. Il Paese spende più su ciò che su qualsiasi altra cosa. Gli Stati Uniti con il loro massiccio budget sono il determinante principale dell'attuale tendenza mondiale, e la loro spesa militare rappresenta ormai poco meno della metà del totale mondiale, il 41%. Come si può vedere, dispongono di nuove armi rivoluzionarie, oggi. Quindi non vi è motivo di ritenere che gli altri Stati non abbiano il diritto di preoccuparsi e di adottare una politica militare per affrontare la realtà.

Riferimenti:
1. Defense News
2. American Live Wire
3. NYTimes
4. USNI

La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

 

La missione segreta dell'aerospazioplano militare USA, arriva al quinto mese
Leonard David, SPACE.com 28 maggio 2013

9769c621-7e55-436a-afde-203b173558a9.FullL'aerospazioplano robot X-37B dell'US Air Force ha tranquillamente superato la soglia dei cinque mesi nella sua ultima missione segreta nell'orbita terrestre. Il velivolo spaziale senza pilota X-37B, lanciato con un razzo Atlas-5 dalla stazione dell'USAF di Cape Canaveral, in Florida, l'11 dicembre 2012, avviando una missione i cui obiettivi e carichi utili sono classificati. Il velivolo alato è conosciuto come Orbital Test Vehicle-3 (OTV-3), poiché conduce la terza missione del programma X-37B dell'USAF.

Guardare e aspettare
Ciò che l'OTV-3 compie nella sua crociera riservata, rimane ignoto. Tuttavia, una rete di osservatori del cielo segue la missione. "E' certamente importante non dimenticare questi programmi", ha detto Ted Molczan di Toronto, un leader nella comunità mondiale dei cacciatori di satelliti. "Un'attenta osservazione, a lungo può fornire indizi per risolvere definitivamente il mistero." Molczan ha detto che, anche allora, sospetta che ogni passo avanti nella conoscenza  riguardo le missioni orbitali di X-37B, probabilmente si avrà da qualche confidenza di un addetto ai giornalisti. "Le osservazioni per hobby possono fornire conferme e alcuni interessanti particolari, anche utili, ma raramente sufficienti a definire il quadro… soprattutto con i nuovi programmi", ha detto a SPACE.com. "Con l'X-37B, possiamo solo guardare e aspettare".

Speculazioni sulla missione
Gli osservatori satellitari hanno fatto notare che, ai primi di marzo, l'OTV-3 era passato da un'orbita a 46 km di altezza, a un'orbita a 399 km. L'inclinazione del velivolo è rimasta a 43,5 gradi. "Come per le precedenti missioni, una quota quasi costante viene mantenuta per mezzo dell'accensione periodica dei motori", ha detto Molczan. "A differenza di quelle missioni, la precisione e la frequenza indicano una periodicità non poi così fortemente indicativa di una missione da ricognizione. Trovo le informazioni inconcludenti, ma un esperto di telerilevamento potrebbe ben vedervi qualche dato che non io non vedo". Alla richiesta di commentare il volo in corso, i funzionari dell'X-37B hanno detto che non avrebbero discusso della missione fin quando fosse in corso.

Il pilota automatico
Qualunque osservazione dell'OTV-3 venga fatta, l'aerospazioplano X-37B ha già messo a segno un traguardo programmato, la riutilizzabilità. Questo stesso velivolo ha compiuto il volo inaugurale del programma X-37B nel 2010. La missione orbitale dell'OTV-1 durò quasi 225 giorni, scivolando verso la Terra sopra l'Oceano Pacifico e atterrando con il pilota automatico alla Vandenberg Air Force Base in California. La missione dell'OTV-2, che utilizzò un diverso velivolo X-37B, venne lanciata dalla stazione dell'USAF di Cape Canaveral nel marzo 2011. Il velivolo condusse esperimenti in orbita per 469 giorni, più che raddoppiando la permanenza nello spazio della sua nave gemella, per poi atterrare sempre a Vandenberg. Si dice che l'OTV-3 non può atterrare a Vandenberg. L'US Air Force pensa di fare atterrare il velivolo sulla pista di atterraggio dello Space Shuttle della NASA Kennedy Space Center, vicino a Cape Canaveral. Usare le ex infrastrutture della navetta spaziale è una possibile misura per la riduzione dei costi del programma, hanno detto i funzionari.

Operazioni a basso costo
Appena prima del volo inaugurale del programma X-37B nel 2010, Gary Payton, allora sottosegretario per i programmi spaziali dell'Aviazione, ha sottolineato alcuni obiettivi. In un briefing con i giornalisti, Payton sottolineò la speranza che la gestione e manutenzione (O&M) dei velivoli sia a basso costo. "Una volta che atterra, vediamo ciò che serve veramente per prepararlo e farlo volare di nuovo, come cambiare il carico di bordo sul posto, sapere quanto costa veramente riutilizzare queste nuove tecnologie dello stesso X-37", ha detto Payton.

Massima priorità
Payton ha detto che la priorità è la dimostrazione del velivolo e dei suoi sistemi di controllo del volo autonomo, delle piastrelle di silice di nuova generazione e delle tante altre nuove tecnologie di una generazione più avanzate rispetto al defunto programma Space Shuttle della NASA. "A differenza della navetta, non dispone di un sistema di alimentazione a celle di combustibile. Ha pannelli solari con più batterie agli ioni di litio, mentre la navetta aveva celle a combustibile idrogeno/ossigeno. Quindi ci sono alcune differenze", ha detto Payton. Presumibilmente, solo due aerospazioplani X-37B sono stati costruiti per l'US Air Force dalla Boeing Space Systems Government. Ma Payton ha detto a SPACE.com che è possibile che la flotta possa crescere, a seconda del successo dei primi due velivoli, del costo delle operazioni e della manutenzione e facilità di conversione tra le missioni. "Certo, questi mezzi non trasportano i nostri satelliti più grandi… ma ancora una volta, possono fare un ottimo lavoro con i nostri satelliti più piccoli", ha detto Payton. "E se vi è un O&M a basso costo, dal questo punto di vista potrebbero avere un grande ruolo in futuro."

Controllo di missione
L'X-37B sembra uno space shuttle in miniatura. Il veicolo è lungo 8,8 metri e largo 4,5 m. I voli della navetta sono condotti sotto l'egida del Rapid Capabilities Office dell'US Air Force, un'organizzazione che si occupa della riduzione del rischio, della sperimentazione e dello sviluppo dei concetti operativi delle tecnologie dei veilvoli spaziali riutilizzabili. Il Controllo Missione per i voli degli OTV è gestito dal 3° Squadrone Sperimentazione Spaziale della Schriever Air Force Base in Colorado. Questa unità viene indicata come primaria organizzazione del Comando Spaziale dell'USAF per le missioni, le esperienze e i test spaziali. La ristrutturazione organizzativa nell'aprile di quest'anno, ha mantenuto il Terzo Squadrone Sperimentazione Spaziale sotto il Comando Spaziale dell'USAF, ma è stato trasferito al 50° Gruppo Operazioni di Schriever. Una scansione dei documenti storici dell'USAF può dare indizi su come le missioni OTV possano contribuire a sostenere alcune delle operazioni dello squadrone. Il 3° Squadrone Sperimentazione Spaziale viene identificato come uno dei due squadroni del sistema di tracciamento spaziale presenti in tutto il mondo. Questi gruppi hanno il compito di inseguire con i sensori ottici gli oggetti in orbita sulla Terra, dato che le agenzie utilizzano queste informazioni per ogni aspetto, dalle collisioni alla raccolta d'intelligence.

La rivoluzione robotica
L'X-37B rientra nella tendenza tra gli scienziati e i governi a fare sempre più affidamento sui robot per esplorare e osservare il nostro pianeta, dicono gli esperti. "La rivoluzione robotica non si limita solo all'atmosfera. Abbiamo sistemi senza pilota che assumono sempre più ruoli, dallo spazio alle profondità del mare", ha detto Peter Singer, direttore del Centro per la Sicurezza e l'Intelligence del 21° secolo del Brookings Institution di Washington, DC. "In effetti, vi è una lunga storia di sistemi senza pilota nel campo spaziale, che sempre più cresce la domanda sulla necessità del ruolo umano in ciò… in fondo ci chiediamo: 'Perché ho bisogno di un pilota umano per questo?' Riguardo la navetta, ma non è ancora il momento di fare la stessa domanda per gli aerei", ha detto Singer. Singer ha detto a SPACE.com che l'X-37B è anche importante strategicamente, "in quanto fornisce all'esercito statunitense maggiore flessibilità nelle nostre attività spaziali, sia in termini di lancio che di sorveglianza. Riempie un interessante divario tra ciò che i tradizionali aerei spia e i satelliti spia possono fare."

 

Leonard David si occupa dell'industria spaziale da più di cinquant'anni. Ex direttore della ricerca per la Commissione Nazionale sullo spazio, e co-autore del nuovo libro "Mission to Mars – My Vision for Space Exploration" di Buzz Aldrin, pubblicato da National Geographic.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora



Inviato da iPhone

Swiss National Bank: se l’Italia uscisse dall’euro? I rischi sarebbero molto limitati, ecco 11 motivi


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Swiss National Bank: se l'Italia uscisse dall'euro? I rischi sarebbero molto limitati, ecco 11 motivi

Uno studio della Swiss National Bank sostiene in dei punti ben argomentati che l'Italia,a differenza di paesi come l'Argentina nel 2001 e la Spagna oggi, potrebbe attualmente benissimo uscire dall'euro senza avere troppi danni collaterali.

Danni limitati

I motivi principali di questo rischio limitato sono segnalati sul Telegraph e nella teoria dei giochi di David Woo di BoA Merrill Lynch.
Li riportiamo qui di seguito.
  • La Banca centrale d'Italia ha sufficienti riserve d'oro da poter evitare l'iperinflazione, se dovesse decidere di lasciare l'euro.


Inviato da iPhone

Putin: “Armare l’opposizione siriana è una violazione del diritto internazionale”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Putin: "Armare l'opposizione siriana è una violazione del diritto internazionale"

di Redazione


Il Presidente russo Putin, ha dichiarato che armare l'opposizione siriana costituisce una violazione delle norme di diritto internazionale.



Inviato da iPhone

RISCHIO CONCRETO DI CONFISCA DELL'ORO


Ti è stato inviato tramite Google Reader

RISCHIO CONCRETO DI CONFISCA DELL'ORO





Non e' da escludere. Possibile che Ue e governo Usa abbiano gia' deciso la confisca. Allo studio un piano da
implementare in coincidenza con un prezzo specifico.



download.jpg



 



NEW YORK (WSI) – E' a tutti gli effetti possibile che il governo Usa e ipoteticamente l'Unione Europea abbiano gia'
deciso una confisca dell'oro. Stando alle previsioni di un gruppo di analisti Usa, il governo americano e le autorita' europee avrebbero gia' studiato un piano da
implementare in coincidenza con un prezzo specifico.



La maggiore minaccia per gli investimenti in oro e argento non e' rappresentata dalle speculazioni
aggressive
 dei maggiori fondi mondiali, come si sarebbe portati a pensare, bensi' dai governi di Usa ed Europa, che potrebbero ritirarlo dalle tasche dei cittadini piu' benestanti.
Almeno questa e' l'opinione degli analisti finanziari del settore minerario ed energetico di Casey Research.



Finora i dibattiti su una simile eventualita' "estrema" non sono mancati, ma si sono fermati all'assunzione che il
pericolo e' comunque lontano nel tempo, come qualcosa che va preso in considerazione, indubbiamente, ma in futuro.



I migliori consulenti finanziari al mondo adducono due motivazioni alla loro tesi, secondo cui l'oro non sara'
confiscato presto. In primis, perche' significherebbe che il governo riconosce il grande valore che ha il metallo prezioso, rivedendo la sua posizione ufficiale. In
secondo luogo, il fatto che le autorita' incontrerebbero una resistenza molto piu' feroce rispetto a quella che incontrarono nel 1933.



Il riferimento e' all'anno in cui Franklin Roosevelt, appena insediatosi alla Casa Bianca, creo'
il famigerato Emergency Banking Act, misura d'emergenza per far uscire l'America dalla...



Inviato da iPhone

IL DITTATORE :-))


Ti è stato inviato tramite Google Reader

IL DITTATORE :-))



Inviato da iPhone

Forex: settimana piena di market mover. Ecco i 6 eventi da tenere sott'occhio


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Forex: settimana piena di market mover. Ecco i 6 eventi da tenere sott'occhio

Non una, non due, bensì sei le dichiarazioni di politica monetaria da parte di sei diverse banche centrali la settimana prossima. Quali le maggiori preoccupazioni?

Analizziamole in dettaglio. Reserve bank of Australia (Martedì, 01:30 GMT)

Pochi giorni fa, la Reserve Bank of Australia (RBA) ha deciso di mantenere i suoi tassi di interesse stabili al 2,75%, in quanto i suoi tagli precedenti stanno ancora avendo il loro effetto sui mercati. La decisione non ha tuttavia dato una spinta al (...)


-
Economia internazionale
/
,
,
,
,
,
,
,
,
,


Inviato da iPhone

La TV greca ERT (quella pubblica che hanno appena chiuso) faceva utili


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La TV greca ERT (quella pubblica che hanno appena chiuso) faceva utili

 - Fabien Perrier – (http://www.humanite.fr) - Una lettera della direzione della ERT, dichiara un utile di 40 milioni nel primo trimestre 2013. La scusa economica inventata dal governo greco per giustificare la brutale chiusura della rete, è stata subito smentita L' Humanité.fr. ha pubblicato una lettera del 27 maggio inviata dalla direzione della ERT,che dimostra [...]


Inviato da iPhone

Capire la Crisi dell’Europa in 9 slides (per Super-Dummies)


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Capire la Crisi dell'Europa in 9 slides (per Super-Dummies)

bannerInvestire_640x80

In questo articolo grafico vorrei spiegare l'attuale crisi che conosciamo in Italia da 4 anni. La Teoria e' il Ciclo di Frenkel, teoria che finora ha funzionato alla perfezione, immancabilmente e sistematicamente per le casistiche di Unioni Valutarie o nei casi di adozione di una Valuta estera da parte di una nazione piu' debole. Ovviamente l'ho rielaborata ed adattata graficamente, con l'obiettivo di renderla fruibile a chiunque.

gpg1 95 Copy Copy Capire la Crisi dell'Europa in 9 slides (per Super Dummies)

 

gpg1 96 Copy Copy Copy Capire la Crisi dell'Europa in 9 slides (per Super Dummies)

 

gpg1 97 Copy Copy Copy Capire la Crisi dell'Europa in 9 slides (per Super Dummies)

 

gpg1 98 Copy Copy Copy Capire la Crisi dell'Europa in 9 slides (per Super Dummies)

I 4 anni della crisi dell'Eurozona, dalle varie crisi della Grecia, a quelle dell'Irlanda, del Portogallo, Delle Banche Spagnole, di Cipro, ma anche le crisi che vedremo a breve (Slovenia, Cipro) e quelle che vedremo successivamente sono piu' o meno tu...



Inviato da iPhone

La Cina deve aderire al nuovo ordine mondiale finanziario, parola di Soros



Inviato da iPhone

Bersani, da sempre l’uomo sbagliato nel posto giusto


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Bersani, da sempre l'uomo sbagliato nel posto giusto




L'ex-segretario emiliano non si riesce a rassegnare e annuncia la carica contro il nemico Renzi





read more



Inviato da iPhone

Aiuto. Mario Monti estinto come un Dodo


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Aiuto. Mario Monti estinto come un Dodo

dodododoQuando si parla di animali estinti – ogni tanto, nei momenti di stanca accade anche questo – il conversatore più svelto tira fuori il Dodo, volatile che non volava, con il testone e il becco vigoroso e ritorto. L'ultimo dei Dodo delle Mauritius scomparve tre secoli fa, forse per la colonizzazione dell'arcipelago, forse ucciso da un portoghese. Anche in politica esistono i Dodo. Sono i protagonisti di un appena ieri di gloria e che i telegiornali ingrati stanno provvedendo a sterminare. Scorrendo i Tg delle settimane appena passate, il re dei Dodo è senz'altro il senatore Mario Monti. Ricordate quell'uomo elegante, con i capelli grigi, il loden e una loquela ricercata? Ebbene, di quell'uomo onnipresente non c' è più traccia.

Il secondo posto fra i politici estinti è sicuro appannaggio di Gianfranco Fini: evaporato. A eccezione di qualche traccia gossip sulla resistenza del coniugio con la signora Tulliani, il vuoto assoluto. Spalla a spalla gareggia Pierferdinando Casini. Un profilo aggrottato qualche giorno fa, poi più nulla. Di altri Dodo si registrano rarefatti avvistamenti. Ignazio La Russa è stato notato alla testa di un corteo, ma muto ed è un peccato, visto che i suoi "e digiamolooo" varrebbero una sosta mozzafiato. Altro agli sgoccioli, Maurizio Gasparri. Nemmeno tanto tempo fa, veniva accostato per una dichiarazione a piacere, dall'acqua su Marte alle uova al tegamino. Adesso lo si vede così raramente che spesso viene il dubbio: ma è lui o non è lui?

Uno che forse non è mai esistito, ma divertiva tanto è Oscar Giannino. Un mese fa, l'Huffington Post gli ha chiesto: dove sei, cosa fai? Ma il fondatore di "Fare per fermare il declino" ha declinato l'invito. Gli eroi sono nuovi. Enrico Letta sembra in formato ridotto perché non "buca" il video, ma c'è e dovrebbe ringraziare i Tg che addirittura lo chiamano "premier". Alfano non conta, non si percepiva prima, non è percepito nemmeno adesso. Uno onnipresente è l'Assente Programmatico: Beppe Grillo. Ma è un caso a parte, viene usato solo in negativo, quando nel M5S affiorano "tensioni e veleni (Tg1) o "catastrofi elettorali" (Tg5). New entry Giorgia Meloni. Le hanno appioppato la rifondazione della destra, ma è già ridotta a un lemure del Madagascar, tutta occhi. Però c'è anche qualcuno fuori gara, un uomo solo ...



Inviato da iPhone

Il bricolage del governo non farà "ripartire" nulla


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il bricolage del governo non farà "ripartire" nulla

Il bricolage del governo non farà
Una "lenzuolata" di mini.provvedimenti che non cambiano granché e peggiorano solo la condizione del lavoro dipendente. Non un'idea, tantomeno un progetto...
Continua a leggere l'articolo...


Inviato da iPhone

Demoliscono le nostre libertà. Vogliono trasformarci in una massa di individui privi di coscienza collettiva


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Demoliscono le nostre libertà. Vogliono trasformarci in una massa di individui privi di coscienza collettiva

bannerInvestire_640x80

 Demoliscono le nostre libertà. Vogliono trasformarci in una massa di individui privi di coscienza collettivaParto da una premessa fondamentale: con la nascita della rete internet e l'affermarsi dei social network, la circolazione delle idee e delle opinioni ha subìto un notevole progresso. La gente comune può finalmente esprimere le proprie idee a una moltitudine indefinita di persone, senza il filtro del potere e dei media tradizionali. A mo' di esempio, immaginiamo un giro di interviste proposte da un TG qualsiasi: chi ci garantisce che quelle mandate in onda nel servizio poi rispecchino effettivamente tutte le opinioni date? Quante ne censurano le redazioni? Non si sa. Quello che è certo è che tale censura non può accadere su internet, dove le opinioni incontrano pochi ostacoli e pochi controlli. Da qui, l'idea malsana di proporre strumenti di controllo e censura anche sulla rete telematica.

Fatta questa premessa, un concetto che assumo come cardine dell'intero mio discorso: vogliono restringere sempre più le nostre libertà individuali, tramite il controllo delle nostre opinioni. Vogliono controllarci e indirizzarci, e vogliono imporci una visione del mondo omologata e politicamente corretta. Per attuare questo progetto adottano misure e provvedimenti che, gioco forza, restringono fortemente le suddette libertà, imbrigliando le opinioni in un binario precostituito e tracciato dal potere.

Non ne faccio una questione di maggioranza o minoranza politica, ma di potere ed elitè. Perché per quanto noi ci illudiamo che in una società esistano gruppi di maggioranza e gruppi di minoranza, le decisioni finali vengono prese sempre da una stretta cerchia di potenti oligarchi che palesemente od occultamente governano e controllano il flusso economico e le informazioni dell'intero sistema. E questi poteri ed elitè non gradiscono le opinioni fuori controllo, i social network e dunque gli ampi margini di libertà che la rete internet garantisce a noi, comuni cittadini.

Onde pote...



Inviato da iPhone

Gli uffici pubblici in ritardo pagheranno una multa di 50 euro al giorno


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Gli uffici pubblici in ritardo pagheranno una multa di 50 euro al giorno

Nelle pieghe del decreto del Fare


Inviato da iPhone

IL CASO BANKIA: COME SARANNO SPOGLIATI I RISPARMIATORI EUROPEI


Ti è stato inviato tramite Google Reader

IL CASO BANKIA: COME SARANNO SPOGLIATI I RISPARMIATORI EUROPEI



FONTE: MOVISOL.ORG




Il 28 maggio circa duecentomila cittadini spagnoli che avevano affidato i propri risparmi a Bankia sono stati violentemente privati del poco che era loro rimasto. Quel giorno sono state poste in vendita le nuove azioni della banca nazionalizzata, il cui prezzo è crollato da 1,35 a 0,55 Euro, oltre l'80% in meno del valore del 2011, quando nacque il gruppo bancario. Le perdite totali dei piccoli risparmiatori potrebbero ammontare al 75-90% dei loro depositi originari.



Ecco come è stata perpetrata la frode.


Inviato da iPhone

Il demone sterminatore. Cronache dal fiume senza rive

demoneNon c’è modo migliore per presentare Il demone sterminatoreche prendere in prestito le parole dette nel corso di una recente presentazione da Eugenio Saguatti: “Non saprei come collocarlo in libreria".
È un dark-gothic-horror-fantasy-epic-adventu e altro ancora.
Consigliato a chi ama le robe fosche, apprezza gli sconfinamenti di genere, cerca personaggi complicati, fuori dagli stereotipi, vuole una lunga e sporca avventura.
Vivamente sconsigliato a chi pensa: il fantasy è per ragazzini, non somiglia per niente a Tolkien, che palle, non ci sono

La ripresa fasulla e una montagna di dollari stampati dalla Fed


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La ripresa fasulla e una montagna di dollari stampati dalla Fed

di BILL BONNER


Non c'è molto da dire a seguito del nuovo massimo del Dow Jones. Nessuna nuova salita né grande crollo. Per quanto ne possiamo sapere, il denaro facile della FED ha fatto salire i prezzi delle azioni. Gli investitori si aspettano più soldi facili. Quindi pensano che le azioni saliranno di più. Siamo stati invitati ad una conferenza sugli investimenti a New York. Ciò che ci ha colpito finora è come siano ottimisti i giovani investitori. Pensano che le azioni saliranno per sempre.


"Ho 36 anni," ci ha spiegato uno. "Ciò significa che ero troppo giovane per entrare nel boom del 1982-2000. Tutto quello che ho visto sono le azioni che vanno su e giù. Sono solo un po' più alte oggi rispetto al 2000 – quando avevo appena 23 anni.  "Ma quando guardo indietro, alla storia del mercato azionario, quello che vedo è un mercato che compie grandi salti in avanti… poi entriamo in periodi in cui i prezzi non vanno da nessuna parte… e poi sperimentiamo un altro grande balzo in avanti. Voglio essere sicuro di non mancare il prossimo grande passo verso l'alto".


La sua lettura della storia del mercato azionario è molto diversa dalla nostra. Quello che vediamo è un mercato che, in termini aggiustati all'inflazione, sale… e poi va giù. Può salire per decenni… e scendere per decenni. Il prossimo grande movimento al rialzo potrebbe non iniziare per altri 5-10 anni. Nel frattempo, gli investitori potrebbero perdere la metà o due terzi del loro denaro. Poi di nuovo, potrebbe non esserci un altro rally in vista. Ma il mercato al rialzo degli anni '50 e '60 era basato sulla crescita e sull'espansione della produzione. E il mercato al rialzo degli anni '80 e '90 fu trainato dall'espansione del credito.


Cosa guiderà il prossimo mercato al rialzo? La crescita economica reale ha rallentato a passo d'uomo. La popolazione sta invecchiando. La produttività è in calo. Il credito non può espandersi per sempre. I più grandi mercati al rialzo sono finiti? Non lo sappiamo. Ma non scommetteremmo il nostro futuro finanziario andando dietro al prossimo.


Ricchezza Illusoria


"Ma le azioni sono salite sin dal 2009," ci ha risposto il giovane. "Le aziende fanno registrare profitti da record. Ci sono un sacco di nuove tecnologie ed innovazioni online. Non vedo alcuna ragione per cui questo mercato al rialzo sia alla fine. Potrebbe andare avanti per molti anni". Sì, potrebbe. Ma questo è un mercato guidato dall'illusione… come abbiamo spiegato. E' un'illusione creata dal denaro falso.


"Oh, andiamo… il nu...



Inviato da iPhone

PREMIO TERZANI ...AL FINANZIERE SOROS. C'E' QUALCOSA DA CAPIRE MEGLIO...


Ti è stato inviato tramite Google Reader

PREMIO TERZANI ...AL FINANZIERE SOROS. C'E' QUALCOSA DA CAPIRE MEGLIO...

L'assegnazione del premio Tiziano Terzani al finanziere George Soros possiede una sua intrinseca logica, dato che l'attività giornalistica di Terzani ha rappresentato un fattore di notevole confusione negli anni '70 e '80. 

Può essere indicativo ricordare come Terzani dichiarasse, con la massima disinvoltura, il modo in cui si era costruito un'intera teoria circa i presunti moventi utopistici dei massacri commessi dal regime di Pol Pot in Cambogia; una teoria poi affermatasi come luogo comune inattaccabile. Terzani avrebbe ottenuto questo risultato sulla base di una singola frase all'interno di una breve intervista rilasciatagli dal ministro degli Esteri del governo cambogiano dell'epoca.

In realtà è cosa sin troppo comune confondere le acque sparando frasi ad effetto e slogan idealistici per nascondere motivazioni opportunistiche, meschine o addirittura abiette.
Ne sa qualcosa proprio il "filantropo" Soros, il quale ha contribuito anche lui a creare confusione scrivendo un libro sulla crisi, con una particolare attenzione alla questione europea. Soros ha palesato nel libro le sue superiori doti intellettuali, esibendosi in intuizioni fulminanti e originali, come quella secondo cui il progetto monetario dell'euro presentava contraddizioni sin dall'inizio. Certo, chi ci avrebbe mai pensato.


Ma l'ingegnosità di Soros è andata ben oltre. A chi gli contestava le sue responsabilità nell'attacco speculativo alla lira nel 1992, Soros ha risposto che: «La crisi non è degli speculatori, ma sono le norme dei governi a rendere possibili gli speculatori come messaggeri di cattive notizie». Quindi la speculazione finanziaria potrebbe rientrare tra i lavori socialmente utili.

Su "Il Fatto Quotidiano" del 13 maggio, in soccorso delle tesi di Soros è arrivato addirittura l'economista di "opposizione" Alberto Bagnai, a ribadire le esclusive responsabilità della politica nella sopravvalutazione della lira che rese possibile la speculazione del '92. La sortita di Bagnai appare però eccessivamente ingenua e imprudente nel momento in cui, nell'attuale governo italiano, si riscontra la presenza di una lobbista dello stesso Soros, cioè la ministra degli Esteri Emma Bonino.

Soros però non si è mai accontentato di agire solta...


Inviato da iPhone

Il Decreto Fare, Molte Piccole Luci ed un Enorme Ombra


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il Decreto Fare, Molte Piccole Luci ed un Enorme Ombra

bannerInvestire_640x80

Facciamo finta che il così detto Decreto Fare passi più o meno invariato dal Parlamento e facciamo anche finta che i relativi regolamenti attuativi vengano scritti per tempo, in questo caso si tratta nel complesso di un buon provvedimento ma che non risolve ne affronta il punto nodale, Spesa pubblica e pressione fiscale.

Ad ogni modo alcuni provvedimenti del Decreto Fare sono comunque necessari a prescindere perchè tentano di alleggerire la pressione burocartica e spostano risorse da opere ferme/inutili (come ad esempio la TAV per cui si certifica la conclusione lavori a babbo morto, se ci saranno i soldi). 

Al momento in cui scrivo non è ancora disponibile la lettera del decreto dunque devo basarmi sui resoconti della conferenza stampa dei ministri di ieri, non è mia abitudine analizzare provvedimenti di legge sulla base di dichiarazione dunque posso limitarmi a dare in giudizio di massima sullo spirito di questo Decreto.

Mi pare che il governo stia andando nella direzione di una sburocratizzazione, trovo molto interessante la norma che fa pagare alla pubblica amministrazione ogni giorno di ritardo su gli atti richiesti dalle imprese, purtroppo ho sentito la parola "norma sperimentale" su questo provvedimento il che la dice molto lunga sulle pressioni che il corpo burocratico italiano ha fatto per limitare i danni (e far terminare la sperimentazione nel nulla). Altra norma annunciata è l'aumento del tempo di validità del DURC (documento di regolarità contributiva), la lentezza e la farraginosità per ottenere il DURC è una delle bestialità della burocrazia italiana. 

Oltre a questo il Ministro Lupi ha annunciato la cancellazione di parte delle tasse sulla nautica che hanno distrutto l'intero settore (grazie a quel "fenomeno" chiamato Mario Monti), temo però che ci vorrà qualche anno prima che torni un minimo di fiducia e cittadini italiani e stranieri tornino con le loro imbarcazioni nei porti italiani.

Ottimo il "secondo tentativo" di introdurre la mediazione civile obbligatoria, sono curioso di vedere se la lobby degli avvocati (a proposito di consorterie) riuscirà di nuovo a bloccare questo settore.

I tre provvedimenti più di "moda" sono:

1- Impignorabilità della prima casa per debiti inferiori a 120.000 € (vedremo la norma cosa dice in realtà)

2- Riduzione di una voce di spesa del...



Inviato da iPhone

Il saccheggio del Pianeta, il nuovo rapporto del Club di Roma


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il saccheggio del Pianeta, il nuovo rapporto del Club di Roma


Il 6 di giugno sarà presentato ufficialmente a Berlino il nuovo rapporto del prestigioso Club di Roma, stilato questa volta dal prof. Ugo Bardi, docente di chimica presso l'Università di Firenze e, come riporta la sua biografia su wikipedia, "autore di molteplici contributi in vari campi della scienza, divulgatore scientifico, nonché blogger assai attivo in tale ambito: il suo blog (Effetto Cassandra) è uno dei più letti tra la comunità scientifica italiana.

Il rapporto si intitola PLUNDERING THE PLANET, HOW TO MANAGE THE EARTH'S LIMITED MINERAL RESOURCES, in cui il prof. Bardi offre un'indagine unica e affascinante della storia geologica del nostro pianeta. L'ispezione ci fa rabbrividire per le gigantesche forze che muovono le placche tettoniche e come si formano i depositi di minerali, metalli, combustibili fossili. È in questo contesto geologico che l'umanità deve riflettere sul modo di trattare i tesori limitati del nostro pianeta.
Nelle prime fasi della storia umana, queste risorse sono apparse senza limiti. Limitata erano piuttosto le capacità umane per accedervi. Si può interpretare la storia umana come la crescente capacità di accedere a queste risorse naturali. Dopo secoli di sempre più successo di prospezione e di sfruttamento dei tesori minerarie, siamo giunti al punto in cui dobbiamo trattenerci perché, ormai è noto, le risorse non sono infinite.
Una pietra miliare in questo dibattito è stata la pubblicazione del primo rapporto del Club di Roma nel 1972, "I limiti dello sviluppo" (è anche noto che la traduzione italiana di questo studio fu errata, in quanto si sarebbe dovuto dire "I limiti della crescita", dettaglio non da poco poiché crescita e sviluppo non sono proprio la stessa cosa). Questo studio presentò gli scenari di possibili percorsi di sviluppo tra il 1972 e il 2100. Per la prima volta fu presentato un modello quantitativo del percorso della civiltà industriale mondiale come funzione della ridotta disponibilità di risorse minerali.

Come già affermato in I limiti dello sviluppo, non stiamo andando a "corto" di minerali nel prossimo futuro, ma siamo di fro...


Inviato da iPhone

Il capitalismo finanziario parassita non è riformabile, va abbattuto.


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il capitalismo finanziario parassita non è riformabile, va abbattuto.

Slasch16 per Informare per Resistere. Fonte:   Una volta ci mandavano in guerra a morire per difendere i loro palazzi, distruggere tutto il resto,  per poter speculare sulla ricostruzione. Alla fine di ogni guerra, qualsiasi guerra, la borghesia parassita ne usciva più ricca e più potente pronta a sfruttare i sopravvissuti per aumentare i profitti [...]


Inviato da iPhone

EURO FORTE, SEMBRA LUGLIO 2008? E SE ARRIVASSERO 10 LEHMAN BROTHERS IN EUROPA? CONFISCA DEI CONTI CORRENTI IN ITALIA ? UNA CERTEZZA ! BANCHE SEMPRE PIU' VICINE A UNO SHOCK!


Ti è stato inviato tramite Google Reader

EURO FORTE, SEMBRA LUGLIO 2008? E SE ARRIVASSERO 10 LEHMAN BROTHERS IN EUROPA? CONFISCA DEI CONTI CORRENTI IN ITALIA ? UNA CERTEZZA ! BANCHE SEMPRE PIU' VICINE A UNO SHOCK!

Questa estate o anche poco dopo ...se, e solo se, la liquidita' non dovesse arrivare ai mercati....la situazione in EUROPA e in ITALIA potrebbe diventare incandescente.
Nelle ultime settimane stiamo assistendo al fallimento della liquidita'...(prove tecniche?)
1) 85 miliardi in USA al mese  pare non bastino 
2) Europa che vede aumentare le sofferenze bancarie. Tassi in salita sul Bund tedesco e su tutta europa.Euro estremamente forte verso tutto il mondo.
3) Stati uniti con tassi in salita e dollaro che si indebolisce verso l'euro
4) Giappone dove la liquidita' iniettata sembra non ottenere gli effetti voluti...anzi..i tassi d'interese sono in salita.
5) mercati emergenti in forte difficolta' ...con valute deboli (perche' gli investitori riportano a casa gli euro...)
6) oro particolarmente debole (oramai da mesi)

Grafico perEUR/USD (EURUSD=X)
Quanto sta accadendo sui mercati finanziari assomiglia PURTROPPO, a quanto e' accaduto due mesi prima del fallimento della Lehman Brothers..
A LUGLIO 2008 IL DOLLARO TOCCO' IL SUO VALORE MINIMO SULL'EURO (1,60) NEI DUE MESI SUCCESSIVI SI VERIFICO' UN FENOMENO ANOMALO...IL DOLLARO PASSO' IN POCHE SETTIMANE A 1,30.
Grafico perEUR/BRL (EURBRL=X)ma non solo...quello che accadde fu un aumento dei tassi di interesse, un crollo del valore dell'oro, un crollo del valore delle materie prime, un crollo delle valore delle valute estere...


Inviato da iPhone

FOMC Projections Preview: Disinflation Watch


Ti è stato inviato tramite Google Reader

FOMC Projections Preview: Disinflation Watch

The FOMC meets on Tuesday and Wednesday of the coming week.  I expect no policy change following the FOMC meeting with the Fed continuing to purchase $85 billion in longer-term Treasury and agency mortgage-backed securities per month. I also expect the forward guidance thresholds will remain unchanged.



In the press conference on Wednesday, I expect Fed Chairman Ben Bernanke to argue we still need to see "substantial improvement" in the labor market, and to note the downside risks to the economy, especially from current fiscal policy.  He will probably make it clear that the Fed will not raise rates for a "considerable" time after the end of QE, and it seems likely he will express some concern about the low level of inflation.



Looking at the May 1st FOMC statement, the sentence on inflation will probably be changed:


"Inflation has been running somewhat below the Committee's longer-run objective, apart from temporary variations that largely reflect fluctuations in energy prices. Longer-term inflation expectations have remained stable."

This will probably be changed to something like "Measures of underlying inflation have trended lower, and the Committee sees some risk that inflation could persist for a time below rates that best foster economic growth and price stability in the longer term". 



The first part of the sentence is from the November 2010 FOMC meeting; the last part of that sentence is from the FOMC's March 2009 statement.  Those were key meetings for the FOMC: In 2009, the FOMC expanded QE1, and in November 2010, the FOMC announced QE2.



On the projections, it looks like GDP will be downgraded again, and inflation projections will be reduced.  The projections for the unemployment rate will probably be unchanged.  Note: December 2012 projections included to show the trend, TBA - To be announced.



The central range for 2012 GDP will probably be closer to the lower end of the March projections.










<...
GDP projections of Federal Reserve Governors and Reserve Bank presidents
Change in Real GDP1201320142015
June 2013 Meeting ProjectionsTBATBATBA
Mar 2013 Meeting Projections2.3 to 2.82.9 to 3.42.9 to 3.7
Dec 2012 Meeting Projections2.3 to 3.03.0 to 3.53.0 to 3.7


Inviato da iPhone

Assist di Letta a banche e costruttori, i soldi dei mutui arriveranno dallo Stato


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Assist di Letta a banche e costruttori, i soldi dei mutui arriveranno dallo Stato

Alla fine i soldi per i prestiti alle famiglie, almeno quelli per i mutui, arriveranno dalle stesse famiglie dopo aver fatto un giro tortuoso. Ammesso e non concesso che venga approvato l'articolo 48 del pacchetto di provvedimenti al vaglio del Consiglio dei ministri (decreto Fare e ddl Semplificazioni). Nell'ultima bozza la norma era in cima alla lista delle "ulteriori norme da valutare" nel sottoinsieme riferibile al ministero delle Infrastrutture e dei trasporti di Maurizio Lupi.

L'ipotesi formulata è inequivocabile e prevede che il contante arrivi dalla Cassa Depositi e Prestiti, la società controllata all'80,1% dal ministero delle Finanze e al 18,4% dalle Fondazioni bancarie che gestisce i risparmi postali degli italiani. Vista la ritrosia degli istituti del Paese che hanno già attinto a piene mani denaro a tassi risibili dalla Bce (260 miliardi di euro il totale dei prestiti ricevuti), toccherebbe a lei fornire alle banche la liquidità necessaria "per l'erogazione di mutui ipotecari per l'acquisto di abitazioni principali", come si legge nella bozza.

In dettaglio, la normativa proposta allarga alle persone fisiche la platea  dei possibili destinatari di finanziamenti della Cdp che per legge attualmente può sostenere Stato, Regioni, enti locali, enti pubblici o di diritti pubblico e le piccole e medie imprese (per le sole "finalità di sostegno all'economia") attraverso la concessione di prestiti, il rilascio di garanzie o l'acquisto di quote azionarie/obbligazionarie. E lo fa in prima persona oppure attraverso le banche.

Fonte del denaro, fondi rimborsabili sotto forma di libretti di risparmio postale e di buoni fruttiferi postali, assistiti dalla garanzia dello Stato e distribuiti attraverso Poste italiane e fondi provenienti dall'emissione di titoli, dall'assunzione di finanziamenti e da altre operazioni finanziarie, che possono essere assistiti dalla garanzia dello Stato.

Su questa base l'ipotesi messa in campo dagli uomini di Lupi prevede alcune clausole. Innanzitutto le abitazioni oggetto dei mutui che le banche erogheranno alle famiglie con il denaro pubblico dovranno avere delle "caratteristiche definite da un decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro dello sviluppo economico". Quanto alle condizioni dei finanziamenti, saranno stabilite da "contratti tipo" definiti con apposita convenzione tra la Cassa e l'Associazione bancaria italiana, "per un ammontare massimo definito annualmente con decreto del Ministro dell...



Inviato da iPhone

VLOGANZA.TV --- Il superciclo delle materie prime é finito


Ti è stato inviato tramite Google Reader

VLOGANZA.TV --- Il superciclo delle materie prime é finito

Le materie prime stanno facendo peggio dell'azionario da sei mesi, il periodo più lungo degli ultimi 15 anni. I fondi hedge hanno tagliato le puntate rialziste sulle materie prime del 51 percento dal massimo di 16 mesi del settembre scorso e gli investitori hanno ritirato un record di $23.3 miliardi dai fondi che investono sulle materie prime dall'inizio dell'anno. Il...
cosiddetto superciclo, cioè un periodo di aumento dei prezzi più lungo del normale, é eclissato dall'aumento dell'offerta e dal calo della domanda. Prezzi più bassi significano margini di guadagno maggiori per le aziende e inflazione sotto controllo che permette alla Federal Reserve di continuare il suo programma di stimolo.

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=PqcMrm_CS6o

 


Inviato da iPhone

Si scrive Unione Europea, si legge divisione energetica


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Si scrive Unione Europea, si legge divisione energetica

L'indipendenza politica di uno Stato ha come presupposto l'indipendenza economica; l'indipendenza economica presuppone quella energetica. Il perseguimento di quest'ultima comporta obiettivi e decisioni non sempre conciliabili, se non quando apertamente  in conflitto, con quelli dei propri partner vicini e lontani.

Per trovare un senso alle tante, troppe divisioni che lacerano l'Unione Europea dall'interno, riporto per intero questo editoriale di Gabriele Crescente su Presseurop, dal significativo titolo L'energia è politica:



A chi si chiede come mai il tentativo dell'Ue di trovare un accordo sull'embargo sulle armi alla Siria sia fallito in modo cosi imbarazzante, una piccola macchia sulle carte potrebbe offrire qualche risposta. È il gigantesco giacimento di gas South Pars/North Dome nel Golfo persico, a metà tra le acque territoriali di Iran e Qatar. Teheran, alleata di Damasco, vuole costruire un gasdotto attraverso la Siria per raggiungere le sponde del Mediterraneo e il ricco mercato europeo. Doha, il principale sponsor dei ribelli, ha un progetto rivale che attraverserebbe una Siria post-Assad e la Turchia con la stessa destinazione finale. Curiosamente, la degenerazione della crisi siriana all'inizio del 2011 è avvenuta pochi mesi dopo l'inizio dei negoziati per il progetto iraniano alla fine del 2010.


Attraverso i loro campioni nazionali Gdf e Shell, Francia e Regno Unito sono tra i principali partner dell'industria gasifera del Qatar. La Russia ha da tempo str...



Inviato da iPhone

La crisi fa saltare i negozi come birilli: città desertificate


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La crisi fa saltare i negozi come birilli: città desertificate

bannerInvestire_640x80

di CLAUDIO PREVOSTI

negozi strachiusi La crisi fa saltare i negozi come birilli: città desertificateLa crisi rischia di lasciare le citta' sempre piu' povere di negozi, bar e ristoranti. A lanciare l'allarme e' l'Osservatorio di Confesercenti, che calcola che, se il trend di chiusure delle imprese del commercio registrato nei primi quattro mesi dell'anno dovesse continuare allo stesso ritmo, al primo gennaio 2014 gli esercizi commerciali potrebbero essere decimati dalle chiusure. E la desertificazione colpirebbe soprattutto il Sud. In particolare, bar e ristoranti registreranno infatti un saldo negativo combinato di 17.088 imprese, arrivando a perdere il 5% del totale di aziende registrate dicembre 2012. Ai negozi di moda e abbigliamento potrebbe andare anche peggio: a scomparire saranno ben 11.328 esercizi, secondo le stime, con una contrazione dell'8% sul 2012. Calo piu' contenuto invece per il settore alimentare, il cui saldo previsto e' di -4.701 unita', con una variazione negativa del 3% sul 2012.

E la crisi del commercio colpisce tutto il territorio nazionale, con particolare accanimento nel Sud. Per quanto riguarda le attivita' del settore alimentare, le stime Confesercenti indicano un saldo particolarmente negativo soprattutto in Sicilia, dove le nuove aperture saranno solo 288, un dato inferiore di quasi quattro volte a quello delle chiusure, previste a quota 1.080. Nell'abbigliamento, invece, e' la Basilicata a mettere a segno il risultato proporzionalmente peggiore: con 240 chiusure e solo 84 nuove aperture, la regione perdera' a fine anno il 10% del totale dei negozi del settore. In Abruzzo, invece, e' previsto un record negativo per i ristoranti: con 144 aperture e 534 chiusure, al primo gennaio 2014 la regione avra' perso l'8% del totale delle imprese attive nella ristorazione. Nel settore bar, spicca la stima per la Valle D'Aosta che, con 33 nuove aperture e 30 chiusure, potrebbe mettere a segno una variazione minima, ma positiva, dell'1%.

da L'indipendenza



Inviato da iPhone

LAVORI IN CORSO - L'ETICHETTA "GRECIA"


Ti è stato inviato tramite Google Reader

LAVORI IN CORSO - L'ETICHETTA "GRECIA"


DI JORGE SOTIRIOS

counterpunch.org




'Crisi' è una parola greca ma lo è anche "Icona". Immagine, rappresentazione, segno o simbolo: tutti indicano la stessa cosa. Un'icona imprime un'immagine nella mente individuale e agisce come riferimento per definire una comunità. Nel corso della tempesta finanziaria, quando salvataggi, misure d'austerità, scioperi e tagli alle pensioni erano il pane quotidiano, i pubblicitari hanno iniziato a rivedere il termine "Grecia". La crisi greca è diventata endemica nel paese e il turismo ha subito il colpo peggiore. Nessuno voleva più andare a visitare un paese in crisi finanziaria. La Croazia sembrava un'alternativa migliore. Un bicchiere di retsina davanti a una taverna con un polipo appeso sull'entrata potrà sempre essere un'icona dell'estate in tutta la Grecia, ma per un numero di turisti sempre più sparuto.


Inviato da iPhone