18/06/13

MARI D’ITALIA: TEATRO DI GUERRA


Ti è stato inviato tramite Google Reader

MARI D'ITALIA: TEATRO DI GUERRA

- Gianni Lannes  - Altro che vacanze al sole, tranquillità in spiaggia e cocomeri in fresco. Una terra in mezzo al Mare Mediterraneo usata dagli alleati – ossia padroni – peggio di una portaerei. In attesa di una catastrofe, ecco il bollettino bellico del mese di giugno dell'anno di grazia corrente. Alcuni esempi a caso, [...]


Inviato da iPhone

La disoccupazione preoccupa Draghi


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La disoccupazione preoccupa Draghi


Andrea Angelini


Inviato da iPhone

Euro/Dollaro: Morgan Stanley short per 10 milioni di dollari in attesa del FOMC


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Euro/Dollaro: Morgan Stanley short per 10 milioni di dollari in attesa del FOMC

Morgan Stanley ha avviato una posizione short sul cambio Euro/Dollaro vendendo 10 milioni di Dollari a partire da 1.3310 con stop a 1.3440 e target a 1.28.

La decisione, spiega la banca, è determinata dalla forza rialzista del Dollaro e il sentiment neutrale sull'Euro a ridosso dell'appuntamento di mercoledì con il Fomc e la Federal Reserve.

Spiega Morgan Stanley in una nota:

"I nostri strategist ritengono che attualmente i mercati stiano prezzando la riduzione del quantitative easing a (...)


-
News
/
,
,


Inviato da iPhone

BELFAST: OLTRE 2 MILIONI DI STERLINE INVESTITI DAL GOVERNO PER FARE FINTI NEGOZI, DIPINTI SUI MURI


Ti è stato inviato tramite Google Reader

BELFAST: OLTRE 2 MILIONI DI STERLINE INVESTITI DAL GOVERNO PER FARE FINTI NEGOZI, DIPINTI SUI MURI


La follia dei governi è senza confini... piu' di 2milioni di sterline (2,2 mio euro ca) investiti per fare questi dipinti sui muri esterni, che smulano un inesistente negozio, in "pseudo-attività... questo con al crisi economica che attanaglia gli irlandesi...


Inviato da iPhone

Le 10 tecnologie che cambieranno il mondo


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Le 10 tecnologie che cambieranno il mondo


La banca d'investimento Citi ha stilato la classifica delle dieci innovazioni tecnologiche in grado di rivoluzionare per sempre le attività produttive


di Valeria Panigada



Dirompenti quanto l'avvento del computer per le sorti della macchina da scrivere. La stampante 3D, il "mobile payment" e, sorprendentemente, la sigaretta elettronica sono secondo la banca americana Citi alcune delle tecnologie più redditizie del futuro, quelle in grado di modificare radicalmente le attività produttive così come la vita di tutti i giorni e quindi, in una sola espressione, il modo di fare business. La banca d'investimenti le ha inserite nella classifica delle dieci innovazioni che stanno rivoluzionando il mondo e il denaro. Si tratta di tecnologie che possono creare un mercato nuovo e potenzialmente distruggerne uno già esistente in un arco di tempo nemmeno troppo lungo. Identificarle e capire quali settori e imprese verranno coinvolti è sicuramente importante anche dal punto di vista dell'investitore. Ovviamente l'informatica e l'hi-tech dominano incontrastate, ma i progressi stanno cambiando anche altri settori, come la medicina, l'energia e lo svago. In alcuni casi si tratta di tecnologie già esistenti e in procinto di divenire meno costose e quindi maggiormente diffuse, in altri casi si tratta di innovazioni che si stanno affacciando alla ribalta solo ora ma che hanno il potenziale per divenire popolari nel giro di pochi anni. In questo senso le aziende già attive nelle dieci tecnologie rivoluzionarie possono godere di un vantaggio competitivo non indifferente che si rifletterà sulle aspettative di crescita e dunque sul prezzo del titolo e la sua quotazione in Borsa. Al tema Citi ha dedicato un corposo report che F ha sintetizzato nelle prossime pagine.


 

Scopri nell'articolo integrale pubblicato su F di giugno:

  • Le stime di crescita per ciascuna delle 10 tecnologie e le società che più potrebbero beneficiarne




 
Richiedi F al tuo edicolante o clicca qui per abbonarti




Inviato da iPhone

Il gigante (nuovamente) malato


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il gigante (nuovamente) malato

E' iniziato tutto con le proteste studentesche contro l'aumento del prezzo dei biglietti dell'autobus a Sanpaolo, ma sta rapidamente espandendosi alla messa in discussione del sistema politico del paese. Sullo sfondo, i fondamentali macroeconomici in costante deterioramento ed i nodi di riforme troppo a lungo rinviate vengono ora al pettine. E' l'inverno (australe) dello scontento brasiliano.


(...)
Continua a leggere Il gigante (nuovamente) malato (643 parole)




© Phastidio.net, 2003 - 2013. |
Permalink


Tags: | Categorie: Economia & Mercato, Esteri




Leggete anche:



Nessun articolo correlato







Inviato da iPhone

Forex: domani dichiarazione FOMC. Cosa farà la Fed? 3 possibili scenari e conseguenze per il dollaro


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Forex: domani dichiarazione FOMC. Cosa farà la Fed? 3 possibili scenari e conseguenze per il dollaro

Negli ultimi mesi, ogni dichiarazione del FOMC è sempre stata attesissima e sotto i riflettori. Nessuna sorpresa qui, dopo tutto ci sono state un sacco di speculazioni su quando la Fed inizierà effettivamente a ritirare le sue misure di stimolo.

Il problema, tuttavia, è nel modo in cui i membri della Fed stanno comunicando le loro idee. Alcuni membri della Fed chiedono l'assottigliamento, mentre altri ritengono che i tempi non sono ancora maturi. Questo sta inviando segnali contrastanti ai (...)


-
Economia internazionale
/
,
,
,
,
,


Inviato da iPhone

Banche spagnole, urgono extra accantonamenti per 10 miliardi


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Banche spagnole, urgono extra accantonamenti per 10 miliardi

Il ministro dell'Economia spagnolo, de Guindos, ha previsto che le banche del Paese dovrebbero effettuare accantonamenti aggiuntivi per perdite su [...]




Inviato da iPhone

Nuovo record per le sofferenze bancarie, oltre 133 mld ad aprile


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Nuovo record per le sofferenze bancarie, oltre 133 mld ad aprile

L'Abi ha sottolineato l'elevata rischiosità dei prestiti a causa della crisi: dal 2008 al 2012 le banche italiane hanno visto triplicare i prestiti [...]




Inviato da iPhone

TUTTO L'ORO LINGOTTO PER LINGOTTO ( 2 puntata . seguito dello scorso post)


Ti è stato inviato tramite Google Reader

TUTTO L'ORO LINGOTTO PER LINGOTTO ( 2 puntata . seguito dello scorso post)

Reblogged from IL CORRIERE DELLA COLLERA:


QUANTO ORO C'E', CHI LO HA , DOVE STA, CHI LO USA.


Poiché l'oro e' indistruttibile, abbiamo quello cavato nella storia dell'umanità che e' valutato a circa 150.000 tonnellate. Oltre il 65% di questo, e' stato estratto nelle Americhe.

Di 15.000 tonnellate di questo minerale si sono perse le tracce.

Queste valutazioni sono del WGC (World Gold Council), che sta all'industria estrattiva dell'oro come l'OPEC sta a quella del petrolio.


Read more… 403 more words


ECCO LA SECONDA PUNTATA.


Inviato da iPhone

Anche il Brasile scoppia: rivolte e proteste nelle notti della Confederations Cup


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Anche il Brasile scoppia: rivolte e proteste nelle notti della Confederations Cup

Da una parte la Turchia, in lotta per Gezi Park contro lo "sceriffo" Erdogan. Dall'altra parte dell'oceano, il Brasile, con un governo più solido, ma con non meno problematiche. Tra tutte l'inflazione, (13% per le derrate alimentari), ma anche le elevate spese che il governo deve sostenere per la preparazione dei prossimi Mondiali (nel 2014) e Olimpiadi (nel 2016). E non è un caso che le rivolte siano scoppiate proprio nel periodo in cui si sta giocando la Confederations Cup.

Le ragioni della (...)


-
Politica Internazionale
/
,
,


Inviato da iPhone

Dopo anni di silenzio Obama vuole l’intervento in Siria


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Dopo anni di silenzio Obama vuole l'intervento in Siria




Suscita scetticismo la recente svolta interventista di Obama: il rischio è di protrarre la guerra





read more



Inviato da iPhone

I 1000 miliardi rubati dalle multinazionali


Ti è stato inviato tramite Google Reader

I 1000 miliardi rubati dalle multinazionali

MultinazionaliCARI AMICI TRA POCHI GIORNI I LEADER MONDIALI DECIDERANNO SE COLPIRE LA GIGANTESCA EVASIONE FISCALE DELLE MULTINAZIONALI
del valore di mille miliardi di dollari all'anno, sufficienti a mettere fine alla povertà, consentire a ogni bambino di andare a scuola e raddoppiare gli investimenti ecologici! Sono vicini a un accordo ma il Presidente USA Obama e il Primo Ministro canadese Harper sono sotto pressione da parte delle lobby e non hanno ancora deciso: facciamoci sentire affinché mettano fine a questo gigantesco furto che subiamo ogni anno: Tra pochi giorni i governi decideranno se colpire la gigantesca evasione fiscale delle multinazionali, del valore di mille miliardi di dollari all'anno, permettendo di raccogliere denaro sufficiente a mettere fine alla povertà, consentire a ogni bambino di andare a scuola e raddoppiare gli investimenti ecologici! Molti governi vogliono che anche le potenti multinazionali paghino le tasse, ma gli USA e il Canada non hanno ancora preso posizione. Per arrivare a un accordo abbiamo bisogno di metterli sotto pressione.
MILLE MILIARDI DI DOLLARI


Inviato da iPhone

LE BANCHE CHE PRESTANO A SE STESSE


Ti è stato inviato tramite Google Reader

LE BANCHE CHE PRESTANO A SE STESSE


"I sempre più numerosi italiani che, in quanto capifamiglia o
imprenditori, si sono visti recentemente negare un prestito dalla loro banca, speriamo saltino a piè pari in questi giorni le pagine di economia dei giornali.







A leggerle con cura rischierebbero un travaso di bile. Gli articoli
che costeggiano le quotazioni di Borsa narrano tre vicende apparentemente slegate tra di loro, ma che hanno un comune denominatore: in barba al conclamato merito di credito e al forte incremento
delle sofferenze bancarie, le nostre maggiori banche continuano a finanziare chi ha ampiamente dimostrato di saper unicamente accumulare debiti su debiti non mettendoci nulla o quasi di tasca
sua. E se trascuriamo l'incompetenza dei nostri banchieri e le loro ambizioni politiche, l'unica spiegazione che è possibile dare per questo comportamento è che le nostre banche prestano solo
alle società di cui sono azioniste.




La prima vicenda è quella che vede Banca...



Inviato da iPhone

IL REGIME FINANZIARIO CHE DETIENE IL VERO POTERE ECONOMICO


Ti è stato inviato tramite Google Reader

IL REGIME FINANZIARIO CHE DETIENE IL VERO POTERE ECONOMICO





Ricchi diventati super-ricchi e poveri sempre più poveri. E' questa la fotografia che negli ultimi cinque anni, ha sconvolto
l'intero assetto economico mondiale. L'influenza degli istituti di credito ha giocato un ruolo fondamentale e il grosso degli investimenti si è spostato su prodotti sicuri come i Titoli
di Stato
, perché garantiti dalle banche centrali.



banksters thumb[1]



Tutto ciò, naturalmente gioca a sfavore dell'economia reale, che soffre della mancanza di credito e prestiti, non solo alle famiglie, ma anche alle piccole e medie imprese, che ogni
giorno si vedono costrette a chiudere i battenti per una crisi che non trova nessuna uscita da quel labirintico tunnel che si chiama fallimento



In parole povere le banche sono sempre più a corto di liquidità, soprattutto nel settore del piccolo e medio
credito, perché non raccolgono masse di denaro dai piccoli risparmiatori. Perciò sottraggono capitali al sistema paese, spostando i propri guadagni nelle nuove istituzioni finanziarie gestite
dalle famiglie più potenti, creando un insieme di organismi quasi nascosti per gestire ad hoc, i capitali dei super ricchi.



Sono i Family Office, i detentori del potere finanziario mondiale, con un capitale stimato di circa 500
miliardi di dollari, che invadendo a macchia d'olio alcuni settori tradizionalmente gestiti dalle banche, traggono un vantaggioso ritorno.



Dall'investimento nei settori energetici all'agricoltura, passando per il trade finance, sono queste le nuove frontiere del
guadagno, con un capitale aumentato del 20% rispetto a quello investito, quindi superiore al tasso interbancario corrente.



La conseguenza diretta si chiama concentrazione di denaro nelle mani di pochi...



Inviato da iPhone

Il Quantitative Easing dell’Europa


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Il Quantitative Easing dell'Europa

bannerInvestire_640x80

Il+Quantitative+Easing+dell%27Europa Il Quantitative Easing dellEuropa

Continuano i guai per quei paesi le cui banche vedono aumentare i propri debiti non performanti. Adesso ce lo conferma anche il Financial Times, dopo che su queste pagine è stato avvertito di questo pericolo da molto tempo. Tutti coloro che hanno creduto alle promesse dei burocrati soffriranno di un brutto risveglio. Osservate questa immagine e potrete farvi un'idea di cosa aspetta chi ha acquistato monnezza obbligazionaria. Già i primi traballamenti della strategia giapponese di invadere il mercato di yen appena stampati hanno fatto aumentare di nuovi gli spread dei bond periferici… dopo tutto chi potrebbe essere talmente folle di comprare quella monnezza obbligazionaria se non le politiche stupide di altri burocrati?
_____________________________________________________

di Mark J. Grant

La maggior parte della gente non pensa che l'Europa sia impegnata nel Quantitative Easing. Sa che gli Stati Uniti lo sono, che la Gran Bretagna lo è e ora anche il Giappone, ma pensa che l'Europa abbia finora rifiutato di percorrere questa strada. Lo si pensa perché questo è quello che è stato detto. Purtroppo è impreciso.

Il Quantitative Easing europeo ha luogo ...



Inviato da iPhone

La proposta del Manifesto Anti-Euro: due monete diverse per nord e sud. “Francia, tocca a te farlo”


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La proposta del Manifesto Anti-Euro: due monete diverse per nord e sud. "Francia, tocca a te farlo"

Un gruppo di economisti europei, tra i quali gli italiani Claudio Borghi e Alberto Bagnai, hanno presentato a Parigi il Manifesto Anti-Euro all'interno del quale esperti provenienti da vari Paesi dell'Eurozona mettono nero su bianco la loro avversione nei confronti della moneta unica, spiegando quali sarebbero secondo loro le misure da prendere per evitare il tracollo.

Andiamo quindi a vedere qual è la proposta di questi economisti per scongiurare l'ipotesi che l'intera Europa sprofondi nel (...)


-
Economia internazionale
/
,
,
,
,


Inviato da iPhone

Turchia in rivolta e Grecia al collasso. Cronache di crisi, tra dramma e poesia


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Turchia in rivolta e Grecia al collasso. Cronache di crisi, tra dramma e poesia

Crisi - Rimane altissima la tensione in Turchia dove i manifestanti sono determinati a portare avanti in tutto il Paese il loro movimento per più libertà e democrazia, contro la gestione autoritaria del potere del premier islamico Erdogan. Intanto in Grecia l'ultimo concerto dell'orchestra sinfonica consegna un ritratto drammatico e poetico di un Paese al collasso.


Inviato da iPhone

In apparenza.. va alla grande

limousine“Ostentare per coprire”: l’impressione è che sia divenuto un meccanismo psicologico prevalente dellasocietà contemporanea. Dare a vedere, versare fiumi di parole, fare sfoggio di, per nascondere il problema o la carenza opposta.
L’Italia è una società in declino e più si declina, più ci si danna per mascherare il tracollo.
Per esempio, più la gente è inefficiente sul lavoro, più si dà da fare per vendersi come super-impegnata, oberata, incasinata. In realtà le persone più in gamba che ho conosciuto, che portano avanti quan

Pasticcioni per caso?

imagesCAMXTHKAMonti nel 2011, cercando soldi e popolarità, fece il decreto legge sulla solidarietà, imponendo una tassa sulle pensioni sopra i 90.000 euro.
Per incostituzionalità ora il decreto è stato rigettato, perché discrimina i pensionati dai lavoratori e dai disoccupati.
“Dura lex sed lex” è un principio accettabile, ma si può capire la rabbia della gente.

Il grande errore dei biocombustibili



Il grande errore dei biocombustibili
EFFETTO CASSANDRA | DOM 16 GIU
http://pulse.me/s/mRBjM


Da "The Oil Crash". Traduzione di MRDi Antonio Turiel Cari lettori,già da un paio di decenni nella maggior parte dei paesi ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

Dentro il superstato, a nostra insaputa



Dentro il superstato, a nostra insaputa
HOME | MAR 18 GIU
http://pulse.me/s/mOfVD


L'Unione Europea, con il silenzio complice dei nostri politici, si appresta a diventare un Paese associato agli USA: nemmeno ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

LA MENZOGNA DELLA GUERRA BUONA



LA MENZOGNA DELLA GUERRA BUONA
COMEDONCHISCIOTTE | MAR 18 GIU
http://pulse.me/s/mRCEI


DI MICKEY Z countercurrents.org "La guerra è confezionata dai leaders politici, i quali devono fare uno sforzo immane, ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

GRILLO ALLA TV TURCA...



GRILLO ALLA TV TURCA...
CAFÉ HUMANITÉ | DOM 16 GIU
http://pulse.me/s/mNYll


PRIMA PARTE - SECONDA PARTE Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

Le banche centrali in crisi



Le banche centrali in crisi
ARIANNA EDITRICE: RASSEGNA STAMPA | LUN 17 GIU
http://pulse.me/s/mRP6S
800x600     Le voci sulla possibile riduzione di acquisti ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

Verso la trasparenza fiscale globale


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Verso la trasparenza fiscale globale

L'OCSE consiglia il G8 - Passi cruciali possibili entro la metà del 2014


Inviato da iPad

Draghi promette: "stamperemo soldi, se serve"


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Draghi promette: "stamperemo soldi, se serve"

Draghi promette:
Un banchiere centrale non userebbe mai parole così "rozze", ma è esattamente quello che ha garantito ai "mercati" per proteggere l'euro da nuove ondate speculative.
Continua a leggere l'articolo...


Inviato da iPad

Studio Roubini-Bremmer: strategia di uscita dalla Fed "pericolosa". Possibili nuove crisi in arrivo


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Studio Roubini-Bremmer: strategia di uscita dalla Fed "pericolosa". Possibili nuove crisi in arrivo

Mentre il FOMC della Federal Reserve inizia una riunione di due giorni, l'economista Nouriel Roubini e il politologo Ian Bremmer avvertono che la strategia di uscita dall'allentamento monetario della Fed sarebbe una strategia "pericolosa" e che porterebbe ad instabilità finanziaria.

"Sappiamo come il film si è concluso, e potremmo prepararci per un sequel. L'economia reale e il mercato del lavoro entrambi deboli, insieme con un elevato indice di indebitamento, suggeriscono la necessità di (...)


-
Economia internazionale
/
,
,
,
,
,


Inviato da iPad

Mercato dell’auto, precipitano le vendite in Francia e Germania


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Mercato dell'auto, precipitano le vendite in Francia e Germania

di LUIGI POSSENTI


Il mercato automobilistico è una specie di cartina di tornasole per capire lo stato dell'economia. Anche per il mese scorso, i dati sono tutt'altro che rassicuranti.


A maggio, però, l'Italia cede il titolo di 'Cenerentola' tra i cinque principali mercati europei dell'auto a Francia e Germania, entrambi con flessioni nelle vendite superiori al -8% (a 136.129 unita') segnato dal nostro Paese.


Il calo peggiore lo ha registrato la Francia con il -10,4% (a 148.490), che diventa il terzo mercato dopo la Gran Bretagna, seguita dalla Germania con il -9,9% (a 261.316) che si conferma pero' il primo mercato. Seguono Spagna (-2,6% a 70.534) e Gran Bretagna (+11% a 180.111), l'unico mercato in progresso.



Inviato da iPad

Governo Letta: il ‘decreto del fare’, ovvero l’ennesima elemosina di Stato


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Governo Letta: il 'decreto del fare', ovvero l'ennesima elemosina di Stato

Il Governo Letta ha da qualche giorno annunciato il cosiddetto 'decreto del fare' che dovrebbe fornire un impulso decisivo all'Italia per uscire dalla recessione.

Mi sono preso la briga di analizzare due dei tanti provvedimenti varati dal governo:

Riduzione di 500 milioni nei costi delle bollette elettriche.

Quando ho letto questa notizia sono rimasto perplesso perché la cifra mi sembrava bassa ma non avevo fatto il conto dell'impatto sulla singola famiglia. Ci ha pensato il Corriere della Sera: per il 2013, ogni famiglia spenderà 5 euro (si, avete capito bene) in meno all'anno e dal 2014 saranno ben 10 euro in meno per anno. A quelli di voi che hanno poco autocontrollo, una raccomandazione: quando andrete a fare la spesa, forti di questo maggiore reddito, non eccedete con alimenti tipo aragosta e caviale perché sono nocivi per la salute.

Stanziamento di 100 milioni annui per la ristrutturazione degli edifici scolastici

In Italia ci sono oltre 73.000 scuole. Non che abbiano tutte bisogno di essere sistemate ma una buona parte sì. Diciamo 50.000? Quanto stanziato dal governo rappresenta una cifra di ben 2.000 euro per ogni scuola, cifra con la quale possono comprarci al massimo la carta igienica, visto che da tempo le famiglie degli alunni devono provvedere anche a quella.

Siamo alla solita politica degli annunci e delle elemosine di Stato, come quella della social card.

In compenso il Governo Letta è riuscito a compiere l'ennesimo furto con destrezza nelle tasche degli italiani, sottraendo oltre 90 milioni di euro dai fondi che gli italiani hanno destinato al terzo settore con il 5 per mille. Un'operazione vergognosa emersa solo grazie ad una interrogazione del Senatore Bobba alla quale il sottosegretario Fassina ha dovuto rispondere con non poco imbarazzo.

Da ultimo ma non meno imbarazzante, i malati di patologie gravi quali la Sla sono dovuti scendere per l'ennesima volta in piazza per ottenere lo sblocco per il fondo di sostegno alle loro famiglie. Si tratta di 275 milioni, una cifra irrisoria se rapportata alle esigenze reali ma che era stata del tutto congelata nonostante le promesse reiterate dei governi precedenti

Invece di fare operazioni dall'impatto perlopiù mediatico, suggerirei al nostro Presidente del Consiglio di presentarsi al prossimo vertice di Bruxelles con molta maggiore determinazione puntando ad ottenere le deroghe ai vincoli di bilancio già ottenute a suo tempo dalla Spagna.



Inviato da iPad

Draghi: "Livelli di disoccupazione inaccettabili"


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Draghi: "Livelli di disoccupazione inaccettabili"

La Bce "è pronta ad agire, se necessario", per aiutare l'economia europea e dispone di numerosi strumenti per farlo


Leggi tutto



Inviato da iPhone

DRITTI VERSO LO SHOCK DELLE RISORSE


Ti è stato inviato tramite Google Reader

DRITTI VERSO LO SHOCK DELLE RISORSE

COME LA SCARSITÀ DI RISORSE ED IL CAMBIAMENTO CLIMATICO POTREBBERO PRODURRE UN'ESPLOSIONE A LIVELLO GLOBALE


DI MICHAEL T. KLARE
tomdispatch.com


Tenetevi forte. Non lo direste mai, ma stando a quanto affermano gli esperti mondiali e l'intelligence statunitense la Terra vi sta scivolando sotto i piedi. Che voi ne siate a conoscenza o meno, siete su un nuovo pianeta, un mondo al collasso di risorse mai visto prima.


Due scenari da incubo – la penuria globale di risorse vitali e l'incombere degli sconvolgimenti climatici – stanno già convergendo ed è probabile che nei prossimi decenni saranno la causa di un'ondata di agitazioni, contestazioni, rivalità e conflitti.


Leggi tutto



Inviato da iPhone

La Cina ed il suo "sdoppiamento della personalità"...


Ti è stato inviato tramite Google Reader

La Cina ed il suo "sdoppiamento della personalità"...

La Cina patisce di una grave forma di "sdoppiamento della personalità"...

Non c'è una sola Cina ma ce ne sono (almeno) due...

Una è la Cina "ufficiale" sotto il ferreo controllo dello Stato.

L'altra è la Cina "in nero", la Cina "fantasma" che consiste in tutto quello che sfugge al controllo dello Stato...

Questa seconda Cina è probabilmente quella più "vera", quella che sta man mano emergendo come la Cina dominante e le sue dimensioni stanno crescendo.

Quanto a lungo queste due "Cine"...



[clicca sul titolo per leggere tutto il post]


Inviato da iPhone

Forex: euro, un porto sicuro nella tempesta? Il parere degli analisti


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Forex: euro, un porto sicuro nella tempesta? Il parere degli analisti

L'euro sta emergendo come un'improbabile oasi nell'ultimo attacco di turbolenza del mercato. Euro porto sicuro?

Gli asset dai titoli giapponesi alle obbligazioni dei mercati emergenti ai buoni del Tesoro degli Stati Uniti sono crollati questa primavera, ma l'euro è riuscito in gran parte ad evitare il trading volatile che ha coinvolto le altre valute, compreso il dollaro e lo yen giapponese, che ha guadagnato circa il 4% contro il dollaro nel corso delle ultime quattro settimane di trading.

Si (...)


-
Analisi dei Mercati
/
,
,
,
,


Inviato da iPad

Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento


Ti è stato inviato tramite Google Reader

Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento

I titoli e i temi che potrebbero contribuire ad animare la sessione odierna sui mercati finanziari internazionali.

Petrolio: chiusura in lieve calo ieri per le quotazioni dell'oro nero che si sono .........

Lagarde a Sarkozy: "Sono qui per servirti come vuoi"

Lagarde a Sarkozy: "Sono qui per servirti come vuoi"

Lagarde a Sarkozy: "Sono qui per servirti come vuoi"
SOCIETÀ | In una lettera, emersa dalle carte giuridiche durante lo scandalo Tapie, il capo del FMI e allora ministro dell'Economia si metteva "a totale disposizione" del Capo di Stato.

Il nodo dell’euro non può più essere eluso

Il nodo dell’euro non può più essere eluso:
Il nodo dell’euro non può più essere eluso
L’idea di dotare 17 paesi di una moneta unica in presenza di enormi  divergenze nella struttura delle loro economie reali, senza contemplare meccanismi automatici di integrazione e redistribuzione fiscale, come avviene per qualunque altra moneta, è…
Continua a leggere l'articolo...

QUELLO CHE LE BANCHE NON VI DICONO

QUELLO CHE LE BANCHE NON VI DICONO:




di Paolo Cardenà - In molti si illudono che quando si recano in banca o si rivolgono a qualche promotore finanziario, questi, agiscano nell'interesse esclusivo dei clienti e rispettino fedelmente il codice deontologico, oltre che gli obblighi .......

JP MORGAN LO DICE A CHIARE LETTERE: IL PROBLEMA DELL'EURO SONO LE COSTITUZIONI ANTIFASCISTE

JP MORGAN LO DICE A CHIARE LETTERE: IL PROBLEMA DELL'EURO SONO LE COSTITUZIONI ANTIFASCISTE:

DI CLAUDIO MARTINI

il-main-stream.blogspot.it



Ho trovato su questo blog una notizia molto interessante: JP Morgan ha emesso un documento, nel quale viene presentata un’analisi del processo di aggiustamento degli squilibri macro-economici dei paesi del sud. Ma il documento non si limita a parlare di inflazione o di partite correnti. Entra nel merito dei “difetti” dei paesi del sud. A proposito dei limiti tipici di questi paesi, si dice:




Brasile, migliaia in piazza contro caro-trasporti e spese per eventi sportivi

Brasile, migliaia in piazza contro caro-trasporti e spese per eventi sportivi:

“Preoccupazione” per le manifestazioni di protesta che stanno attraversando tutto il Paese, ma anche l’invito a “non fare speculazioni politiche e a tirare conclusioni affrettate”. Il segretario generale della presidenza brasiliana, Gilberto Carvalho e la presidente Dilma Rousseff prendono posizione sugli scontri tra cittadini e polizia seguiti alle nuove manifestazioni di protesta contro l’aumento dei prezzi dei trasporti pubblici e contro le faraoniche spese per l’organizzazione dei grandi eventi sportivi, i Mondiali del 2014 e le Olimpiadi del 2016, che hanno ..........

Se Il Mondo Comincia a Vendere T-Bond (e dunque a Vendere Dollari)

Se Il Mondo Comincia a Vendere T-Bond (e dunque a Vendere Dollari):



bannerInvestire_640x80



Ogni mese la FED pubblica il Treasury International Capital report (TIC report) ovvero una statistica mensile che rileva quanta parte di debito pubblico americano è in mano straniera. Normalmente, in valore assoluto, ogni singolo mese la FED riesce a piazzare in mano straniera una quantità di “Treasury Bond” che aumenta dello 0,5%-1%.

Ebbene abbiamo appena saputo che ad Aprile anziché esserci stato il solito afflusso netto di capitali stranieri in USA attraverso i T-Bond, c’è stato un corposo deflusso, anzi il peggiore degli ultimi anni, circa un -1,1% in meno.



766147 13715305486083 0 thumb Se Il Mondo Comincia a Vendere T Bond (e dunque a Vendere Dollari)



766147 13715305486083 1 thumb Se Il Mondo Comincia a Vendere T Bond (e dunque a Vendere Dollari)

Sappiamo anche che NON è stata la solita Cina a vendere .......