24/09/13

Geni

Geni

201206230926380Ci sono quelli, pochi, che fanno progredire le conoscenze umane. Poi ci sono quelli, porzioni del DNA contenenti informazioni. Ora io non saprei se Saccomanni appartenga alla prima categoria o che tipo di DNA abbia. Ma d’istinto direi no alla prima e quella del babbione, alla seconda. Sì, perchè scoprire ora che servirà una manovrina, o meglio una manovra, per far quadrare i conti è cosa da impediti. Tutti per mesi a sbandierare che eravamo “rientrati” e ora si scopre che no, solo perché, essendo andato in vacanza, il governo non ha saputo trovare i soldi che servivano. Ricordo che tra parlamentari, consiglieri regionali, direttori ministeriali e boiardi di Stato, e sono tutte persone nominate quindi non necessariamente munite di un curriculum adeguato, siamo intorno alle 10.000 unità. Se gli riducessimo gli emolumenti del 15% avremmo trovato 200 milioni. Se avessimo venduto almeno 40.000 auto blu (in tutto sono 60.000) avremmo portato a casa almeno 500 milioni. Se avessimo rifatto una legge, non bocciabile dalla Corte Costituzionale, sulle pensioni d’oro avremmo portato a casa altre centinaia di milioni l’anno. E siamo al miliardo, giocando solo con il lavoro di una giornata (e ci stanno tante brioches col cappuccino). E già che erano lì, avrebbero potuto chiudere la buvette, il parrucchiere e tutti i servizi odiosi di cui loro usufruiscono e noi paghiamo. Anche qui, milioni a centinaia. E siamo ancora ai giochetti da bambini.

FT: Le conseguenze economiche del Merkel tre

del Merkel tre

Nel suo commento sulle elezioni tedesche, Wolfgang Munchau, condirettore del Financial Times, sottolinea come questo esito elettorale dia solo nuovo fiato alla pratica del extend and pretend, ossia 'tirare avanti facendo finta di niente': nulla sarà risolto.

Angela Merkel
è riuscita ripetere il successo di Konrad Adenauer, che nel 1975 si assicurò la maggioranza assoluta con lo slogan : "Niente esperimenti".
Perseguire il pareggio del bilancio, rifiutare piani di salvataggio o meccanismi di condivisione del debito, per non parlare poi di addirittura cancellare il debito, può sembrare ad occhi inesperti una politica prudente e responsabile. Invece, dice Munchau, la storia purtroppo insegna che forzare un'eccessiva austerità durante una recessione, posticipare una ristrutturazione del debito divenuta inevitabile, o ritardare l'altrettanto inevitabile ricapitalizzazione del sistema bancario, è un modo di procedere alquanto “spericolato”, o per usare l'espressione di Adenauer, un vero “esperimento”.........Continua a leggere

Ci siamo: Monte dei Paschi impone il "bail in" sugli obbligazionisti bloccando il pagamento di cedole da $650 milioni



Ci siamo: Monte dei Paschi impone il "bail in" sugli obbligazionisti bloccando il pagamento di cedole da $650 milioni
JOHNNY CLOACA'S FREEDONIA | MAR 24 SET
http://tinyurl.com/o9dpl8k


Ecco l'ennesima prova di incopetenza economica da parte di un "esperto del settore." Secondo il professore d'economia Alberto ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

Aridatece Monti

Aridatece Monti

super-mario-monti1Bisogna ammetterlo, se Mario Monti come politico si è rivelato un mezzo disastro, almeno come premier un po’ di cose le aveva fatte e i conti erano tornati a quadrare.
Si dirà: bella forza, aveva messo solo tasse, vero, anche se la riforma delle pensioni e del lavoro, seppur perfettibili, erano state fatte, assieme a molte altre cose, ad esempio il taglio delle Province e dei Tribunali inutili, il tutto in un solo anno di governo. Ci si aspettava che un governo politico avesse più forza e invece il governo Letta è riuscito a togliere solo l’Imu sulla prima casa, anche se non definitivamente, ora scopriamo che ha sfondato il tetto del 3% di deficit e siamo appena usciti dalla procedura di infrazione. Il premier sostiene che è a causa dell’instabilità politica, in realtà il debito pesa per un 25%, il resto è dovuto all’ Imu, che va comunque tolta, al mancato aumento dell’Iva, che non andrebbe fatto e ai sussidi di disoccupazione, esodati e sanatorie nel pubblico impiego. Fino ad ora la copertura è dovuta all’ aumento delle accise (tasse), mancano totalmente i tagli. Non è un problema d’ instabilità politica, è la politica ad essere un problema, visto che continua a spendere e tassare, sapendo che per questa strada il Paese muore.

Uscita dall’euro = svalutazione?



Uscita dall'euro = svalutazione?
GZ - WEBSPACE | MAR 24 SET
http://pulse.me/s/qDMs8


Vorrei commentare un recente articolo di Alberto Bagnai apparso su Libero, dove afferma che, in caso di uscita dall'euro ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

Telecom passa a Telefonica: i poteri forti affidano l’eutanasia agli spagnoli



Telecom passa a Telefonica: i poteri forti affidano l'eutanasia agli spagnoli
ECONOMIA | MAR 24 SET
http://pulse.me/s/qDne9


Dopo essersi contesi per 16 anni il controllo dell'azienda Mediobanca, Intesa e Generali l'hanno consegnata per pochi spiccioli ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

La verità di Saccomanni: siete morti, bisogna che qualcuno ve lo dica



La verità di Saccomanni: siete morti, bisogna che qualcuno ve lo dica
BLOG DI INFORMARE | MAR 24 SET
http://pulse.me/s/qC0Vq


La minaccia è stata inutile. Neanche 24 ore dopo che il ministro dell'Economia, FabrizioSaccomanni, ha detto di essere ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

Azioni Oil interessanti

Azioni Oil interessanti

REPSOLRIO TINTO 9.8 x 3.8% Rio-Tinto, società a grande capitalizzazione esposta sulle materie prime, in particolar modo sui minerali ferrosi (>70% EBITDA), di cui è il secondo produttore al mondo. Il gruppo si caratterizza per attraenti progetti di crescita, con ritorni potenzialmente molto interessanti, e per un basso livello di costi operativi rispetto alla media dell’industria. I livelli valutativi sono bassi, a fronte di una buona patrimonializzazione. Ci attendiamo una buona crescita degli utili ’13, nonostante la peggiorata dinamica sul fronte dei prezzi del ferro, anche grazie ai progetti di crescita e alle iniziative sul fronte costi. Risultati 2Q in linea con le stime di consensus; confermato target di 3 mld di taglio costi entro il 2014. Indicazioni positive sull’avanzamento del piano investimenti nella miniera di Pilbara.

La sparatoria nella base navale americana è collegata al tentativo di arrestare Obama ?



La sparatoria nella base navale americana è collegata al tentativo di arrestare Obama ?
DIETRO IL SIPARIO | LUN 23 SET
http://pulse.me/s/qDta7


Vedi anche Il Congresso minacciato di ritorsione tramite un false flag nucleareLa sparatoria nella base navale americana è ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

Il dissesto italiano. Una terapia



Il dissesto italiano. Una terapia
RINASCITA - TUTTI | MAR 24 SET
http://pulse.me/s/qCELN


Dove e come trovare i soldi occorrenti per mettere a posto il dissesto finanziario dell"Italia? Professori, Economisti, ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

Il milione del Senato



Il milione del Senato
BLOG DI BEPPE GRILLO | MAR 24 SET
http://pulse.me/s/qDwHq


Nel 2012 una cerchia ristretta di persone ha deciso di spendere 1.022.513 euro dei cittadini in questo modo Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

FERMI TUTTI!: TERREMOTO BANCARIO! FUORI CUCCHIANI DA BANCA INTESA?



FERMI TUTTI!: TERREMOTO BANCARIO! FUORI CUCCHIANI DA BANCA INTESA?
DAGOSPIA | MAR 24 SET
http://pulse.me/s/qDuGU


1. DAGOREPORTQuesta sera i due grandi vecchi democristiani, il potentissimo presidente della Fondazione Cariplo Giuseppe ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

L’INSTABILITÀ NON LO AL-LETTA: IL PREMIER PRETENDE LA VERIFICA DEL SOSTEGNO DEI PARTITI



L'INSTABILITÀ NON LO AL-LETTA: IL PREMIER PRETENDE LA VERIFICA DEL SOSTEGNO DEI PARTITI
DAGOSPIA | MAR 24 SET
http://pulse.me/s/qDKFu


Alberto D'Argenio e Carmelo Lopapa per "La Repubblica" E adesso Enrico Letta pretende la verifica. Sarà il momento del redde ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

LIBOR-TACCI! UNA SETTIMANA NERA PER JPMORGAN: DOPO LA MULTA DA 920 MLN, DUE NUOVI PROCESSI!



LIBOR-TACCI! UNA SETTIMANA NERA PER JPMORGAN: DOPO LA MULTA DA 920 MLN, DUE NUOVI PROCESSI!
DAGOSPIA | MAR 24 SET
http://pulse.me/s/qC1D9


1. LIBOR: JP MORGAN CITATA IN GIUDIZIO INSIEME AD ALTRE 12 (BLOOMBERG)TrendOnline - Dieci istituti di credito internazionali ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

Italiani donate sangue: come premio andrete in pensione più tardi!



Italiani donate sangue: come premio andrete in pensione più tardi!
SIGNORAGGIO.IT | MAR 24 SET
http://pulse.me/s/qFoGB


Spesso, specialmente nel periodo estivo, le autorità sanitarie rivolgono appelli per donare sangue: la cui disponibilità in ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

Test per sapere se anche tu sei un blecbloc, come dice il sistema.



Test per sapere se anche tu sei un blecbloc, come dice il sistema.
ITALIAN INSANE INFORMATION | MAR 24 SET
http://pulse.me/s/qCuZh
Come tutti sanno, noi esseri umani siamo biologicamente incapaci di incazzarci. Perciò, quando un gruppo di bipedi manifesta ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

PRESTO MARPIONNE POTRÀ FONDERE CHRYSLER-FIAT E QUOTARE TUTTO A WALL STREET (BYE BYE ITALIA)



PRESTO MARPIONNE POTRÀ FONDERE CHRYSLER-FIAT E QUOTARE TUTTO A WALL STREET (BYE BYE ITALIA)
DAGOSPIA | MAR 24 SET
http://pulse.me/s/qEneF


Paolo Griseri per "Affari&Finanza-La Repubblica" Chi bluffa nella partita a poker della Chrysler? Nei giorni scorsi, nelle ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

(S)VENDITA ITALIA



(S)VENDITA ITALIA
GLI ARTICOLI DI CADOINPIEDI.IT | MAR 24 SET
http://pulse.me/s/qCVIY


di Redazione Cadoinpiedi.it Il telefono agli spagnoli, gli aerei, forse, ai francesi. Con Telecom e Alitalia è ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

Gioco d’azzardo: il grande business di Stato e criminalità



Gioco d'azzardo: il grande business di Stato e criminalità
SIGNORAGGIO.IT | MAR 24 SET
http://pulse.me/s/qCnu7


Un tempo era l'oro ora è il gioco; può sembrare una provocazione ma nasconde un fondo di verità. Già perché in tempi di crisi ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

Alitalia e Air France: la porcata dopo la buffonata



Alitalia e Air France: la porcata dopo la buffonata
GIORNALETTISMO | MAR 24 SET
http://pulse.me/s/qC2E9


Secondo Los Echos il gruppo franco-olandese sarebbe pronto a partecipare a una ricapitalizzazione, ma senza passare la soglia ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

PIANGE IL TELEFONO



PIANGE IL TELEFONO
VINCITORI E VINTI | MAR 24 SET
http://pulse.me/s/qD0YT


Stamane vado di fretta e ve la farò breve. La notizia che si legge sui giornali italiani è che Telecom, tra non molto, parlerà ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

E Monti usa i soldi dell’Imu per salvare la banca rossa



E Monti usa i soldi dell'Imu per salvare la banca rossa
SIGNORAGGIO.IT | MAR 24 SET
http://pulse.me/s/qEdFO


Bankitalia accusa: "Mps ci ha nascosto dei documenti". L'ex numero uno dell'Abi, Giuseppe Mussari, ha ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

Per la Boldrini c’è il più imponente apparato di sicurezza che la Casta ricordi



Per la Boldrini c'è il più imponente apparato di sicurezza che la Casta ricordi
SIGNORAGGIO.IT | MAR 24 SET
http://pulse.me/s/qCIU6


«Ho chiesto di non avere la scorta. Non ho paura di camminare per Roma. Non ho paura di andare da casa in ufficio. Può accadere ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

LA MANOVRINA DEL GOVERNINO - LETTA DEVE “TAGLIARE” PER EVITARE L’AUMENTO DELL’IVA



LA MANOVRINA DEL GOVERNINO - LETTA DEVE "TAGLIARE" PER EVITARE L'AUMENTO DELL'IVA
DAGOSPIA | MAR 24 SET
http://pulse.me/s/qF3Vn


Roberto Giovannini per LaStampa.it ENRICO LETTA PUGNO CHIUSO Si avvicina un decreto legge per risolvere il pasticcio dell'Iva. ... Read more

--
Inviato tramite Pulse/


Inviato da iPad

STIGLITZ: L’indipendenza della banca centrale non è necessaria ed è anche impossibile

Da Business Insider un post di gennaio, ma sempre attuale! Joe Stiglitz  riconferma quel che dovrebbe essere a tutti evidente: le  istituzioni rispondono sempre a qualcuno, bisogna solo chiedersi "a chi"...

traduzione di Malachia Paperoga
 
Joseph Stiglitz, due volte vincitore del premio Nobel e uno dei più famosi economisti della nostra epoca, oggi in India, al C D Deshmukh Memorial Lecture, ha espresso verbalmente la sua contrarietà nei confronti dell’indipendenza delle banche centrali, scrive il The Times of India....Continua a leggere

EX PRESIDENTE DEL SENATO BELGA: LA GUERRA IN SIRA SERVE A ISRAELE . INTELLIGENCE FRANCESE DIETRO QUESTIONE ARMI CHIMICHE

EX PRESIDENTE DEL SENATO BELGA: LA GUERRA IN SIRA SERVE A ISRAELE . INTELLIGENCE FRANCESE DIETRO QUESTIONE ARMI CHIMICHE

 

Beirut, (SANA) – L'ex Presidente  del Senato belgaAnne-Marie Lizin, ha detto che un piccolo gruppo  dei servizi segreti francesi puo' essere responsabile per l'idea di aver creato la questione delle armi chimiche in Siria.


In una intervista a al-Manar TV's website, la Lizing ha detto che un piccolo nucleo nella Intelligence francese potrebbe essere responsabile per la manipolazione seguita  alla questione delle armi chimiche e che questo nucleo non accetterebbe che l'opinione pubblica francese rifitasse la guerra in Siria

La Lizing ha detto  di aver visto un video che le ha fatto venire dei sospetti; in questo video un cameraman nascosto registrava da un balcone  e metteva a fuoco il luogo  da cui un razzo "veniva" lanciato 4 o 5 secondi prima di essere veramente lanciato, aggiungendo che mentre la verità in futuro potrà venire fuori, video del genere manipolano i sentimenti nel presente e ad essi ha fatto seguito, muovendo da istigazione, il ministro degli Esteri Francese  Laurent Fabius e la sua squadra, che hanno influenzato  il Segretario di Stato USA John Kerry.

Lizina attribuito la linea dura dei Francesi ad un gruppo di linea dura condotto da Fabius, dicendo che la Francia è direttamente coinvolta nel sostegno ai terroristi  in Siria. Ha anche citato un esempio in cui un uomo che parlava francese ha detto ad una radio pubblica belga che lui allena in Siria quei combattenti che non parlano Arabo, aggiungendo che quell'uomo chiaramente lavora per una Agenzia francese.

Per quanto riguarda l'attitudine della British House of Commons (Parlamento) verso la guerra in Siria, Lizin ha detto che i parlamentari britannici comprendono che  che agenzie di intelligence sono le sole  che possono aver fatto i video descrivendo l'attacco chimico
mentre gli ispettori erano vicino.


La Lizin ha anche evidenziato che la opinione pubblica europea rifiuta l'agressione alla Siria, con la maggioranza delle persone  in 28 paesi EU che non voglino una guerra, mentre i belgi la rifiutano totalmente.

La Lizin ha anche lodato la posizione del Vaticano  sulla situazione in Siria e l'appello di Papa Francesco per pregare per la Siria, dicendo che questo appello colpiva moltissimo l'opinione pubblica europea e che arrivava nel momento giusto, perchè gli Europei non vogliono piu' guerre.


La Lizin ha concluso dicendo che la guerra in Siria serve a Israele, qualcosa che ufficiali israeliani  apertamente riconoscono.

H. Sabbagh

Fonte: http://sana.sy/eng/22/2013/09/20/503532.htm 
Syrian Arab News Agency

La RIPRESA: per il c..o!


ECCO GLI ARTICOLI CITATI NELL'IMMAGINE: 
Confindustria: 'La recessione e' finita l'Italia è ad una svolta' -http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/economia/2013/09/11/Confindustria-recessione-finita-Italia-svolta_9280310.html

Istat, italiani sempre più poveri: quasi cinque milioni non hanno soldi per vivere
 -http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/07/17/istat-italiani-sempre-piu-poveri-in-4-milioni-non-hanno-soldi-per-vivere/658402/


Condividi l'immagine su Facebook: la trovi QUI

LTRO III. Draghi lancia il salvagente alle banche più deboli in Eurozona

LTRO III. Draghi lancia il salvagente alle banche più deboli in Eurozona

Bce pronta ad agire con nuovi finanziamenti agevolati alle banche dell’Unione Europea. Però NULLA di strutturale. Quindi aria fritta. Le  continuano ad essere protagoniste. Solo qualche giorno fa, si parlava del “no taper” della FED ed ecco che un’altra banca centrale di primaria importanza risponde per le rime. Orvviamente parliamo di colei che “manca ...

La ripresa economica è una balla e l’egemonia tedesca fa male all’Europa

La ripresa economica è una balla e l’egemonia tedesca fa male all’Europa


di FABRIZIO DAL COL
Ieri il Financial Times ha pubblicato un testo, “il monito degli economisti” (“The Economists’ Warning”), un documento ispirato e promosso da due italiani, Emiliano Brancaccio e Riccardo Realfonzo (Università del Sannio) e sottoscritto da alcuni tra i principali esponenti della comunità accademica internazionale, appartenenti a …
LEGGI5 Comments

ELEZIONI GERMANIA/ Kolbe (Cdu): la Merkel si è infilata in un vicolo "cieco"


ELEZIONI GERMANIA/ Kolbe (Cdu): la Merkel si è infilata in un vicolo "cieco"

INT. Manfred Kolbe
Pubblicazione: martedì 24 settembre 2013

Angela Merkel trionfa ma fa a pezzi il suo principale alleato, i liberali di Fdp, e si troverà quindi costretta a governare con i suoi avversari. La scelta potrà cadere soltanto sui socialdemocratici (Spd) o suoi Verdi, entrambi usciti sconfitti dal voto e quindi a dir poco riluttanti a formare una Grosse Koalition che potrebbe indebolirli ulteriormente. Soltanto quattro i partiti a entrare nel Bundestag. Alla Cdu/Csu, con 311 seggi, mancano quattro parlamentari per avere la maggioranza assoluta. Gli altri partiti sono Spd con 192 seggi, la Linke (Sinistra) con 64 e i Verdi con 63. Per Manfred Kolbe, parlamentare uscente della Cdu, “quello che attende la Merkel sarà un processo di formazione del governo molto difficile e che richiederà settimane se non mesi. Alla fine l’ipotesi più probabile sarà la formazione di una Grosse Koalition di Cdu/Csu e socialdemocratici”.

Onorevole Kolbe, quali sono le ragioni politiche del successo della Cdu/Csu?
La prima ragione di questa vittoria è la popolarità, coerenza e credibilità della Cancelliera Angela Merkel, che è arrivata ai livelli di Helmut Kohl nei suoi tempi migliori. Non soltanto la Cdu porta a casa il 42% delle preferenze, ma la Merkel ha anche il sostegno personale del 60-70% dei tedeschi. Sulla biografia della Merkel non c’è l’ombra di un solo scandalo, è una persona assolutamente integra e questo è il fondamento della sua credibilità.

E la seconda ragione?
La seconda motivazione è il buono stato dell’economia tedesca, che attualmente va fortissimo e non ha mai avuto un tasso di disoccupazione così basso dopo l’unificazione. Nell’Ovest della Germania non abbiamo praticamente più disoccupazione, e nell’Est è scesa dal 25% dell’era Schroeder all’8% attuale.

Come interpreta il 4,9% di Alternative fur Deutschland (Afd)?
Ad Afd sono mancati 20mila voti e avrebbero superato la soglia di sbarramento entrando nel Bundestag. La ragione di questo risultato è un vastissimo malumore nella società tedesca, originato dai giganteschi pacchetti di salvataggio agli Stati eurodeboli. Molti tedeschi, ben più del 5%, temono che alla lunga la Germania non potrà sopportare queste garanzie che in futuro potrebbero aumentare ulteriormente. Si tratta di una preoccupazione trasversale a tutta la società tedesca. Rispetto alle elezioni precedenti, i liberali passano dal 15% al 4,8%.

Quali saranno le conseguenze?

FINANZA/ I problemi che la Germania vuol nascondere all’Europa


FINANZA/ I problemi che la Germania vuol nascondere all’Europa

Mauro Bottarelli
Pubblicazione: martedì 24 settembre 2013

L’indice flash Pmi dell’Eurozona sale a settembre al top da giugno 2011 e oltre le attese grazie al settore servizi, fornendo nuovi segni di una ripresa economica: da 51,5 è cresciuto a 52,1, oltre i 51,9 punti previsti dagli economisti. In particolare, l’indice manifatturiero è arretrato da 51,4 di agosto a 51,1 punti, sotto gli attesi 51,8 punti, mentre l’indice Pmi servizi ha superato le attese a 52,1 punti, dai 50,7 punti di agosto e contro una previsione di 51 punti. Ancora una volta è la locomotiva tedesca a trascinare l’eurozona: il settore privato in Germania è infatti cresciuto a settembre a ritmi che non vedeva dallo scorso gennaio, con l’indice composito Pmi salito a 53,8 da 53,5 di agosto.
Fin qui le baggianate ufficiali. Poi arrivano i fatti, sottoforma di proposta del ministro delle Finanze greco, Yannis Stournaras, il quale sarebbe talmente convinto che le cose nell’eurozona stanno volgendo verso il bello da aver già preparato un piano alternativo al terzo salvataggio del suo Paese, la cui necessità è già stata confermata da Wolfgang Schaeuble prima e dalla Commissione Ue poi. Spaventato dalle condizioni che la troika imporrebbe a questo ennesimo aiuto, il ministro vorrebbe infatti utilizzare gli assets di proprietà statale come collaterale per ottenere dei prestiti attraverso la creazione di un veicolo speciale (Special Purpose Vehicle) che sarebbe gestito congiuntamente da funzionari greci ed europei. In parole povere, questo veicolo, proprio per sua natura, permetterebbe alla Grecia di emettere obbligazioni legate alle proprietà statali, bonds che verrebbero poi presentati come collaterale al fondo Esm per ottenere prestiti.
Il fatto che la notizia sia emersa proprio domenica, quando i membri della troika sono arrivati ad Atene per il loro rituale soggiorno di controllo, la dice lunga. E nonostante i trionfalismi e le reazioni da sindrome di Stoccolma che hanno accompagnato la vittoria di Angela Merkel alle elezioni, più all’estero che in Germania a dire il vero, qualche dubbio sui mercati resta. E non soltanto legato all’ipotesi di una nuova grosse koalition con l’Spd, stante il non raggiungimento da parte della Cdu della maggioranza assoluta. Lasciate stare le Borse, un termometro ormai sconnesso dalla realtà, guardate i bonds: ieri sia il Bund a 10 anni che il Treasury di pari durata hanno visto aumentare i rendimenti, nonostante la conferma da parte della Fed di un nuovo diluvio di soldi e la vittoria comunque straripante del partito dell’austerity in Germania. Come mai? Forse perché la Fed sa di aver bucato la bolla e gli osservatori più acuti se ne sono accorti, anche se per ora la falla è minuscola e il sibilo quasi impercettibile?

LARRY SUMMERS, L'AGENTE DI GOLDMAN SACHS

Joseph Stiglitz non poteva credere alle sue orecchie. Eccoli alla Casa Bianca, con il presidente Clinton che chiedeva consiglio ai capi del Tesoro sulla vita e la morte dell’economia americana, quando Larry Summers, vice segretario del Ministero del Tesoro, si gira verso il suo capo, il segretario Robert Rubin, e dice: “Cosa ne penserà Goldman?” Come? Poi, a un altro incontro, Summers ha ripetuto: cosa ne penserebbe Goldman? Scioccato, Stiglitz, allora presidente del Consiglio dei Consulenti Economici, mi ha raccontato di essersi girato verso Summers e di avergli chiesto se pensasse appropriato decidere della politica economica degli Stati Uniti in base a quello che “avrebbe pensato Goldman”. Invece di dire, i fatti, o meglio, i bisogni degli americani, sapete, tutta quella roba che si sente negli incontri di Gabinetto nell’Ala Ovest. Summers ha guardato Stiglitz come se fosse un ingenuo pazzo che aveva letto troppi libri di educazione civica.

R.I.P. Larry Summers
Larry Summers – probabile scelta per la presidenza della Federal Reserve – domenica ha rimosso il suo nome da quelli presi in considerazione 
Domenica pomeriggio, nell’affrontare la rivolta dei senatori del suo stesso partito, Obama ha scartato Larry Summers come probabile sostituto di Ben Bernanke alla presidenza della Fed. Prima che arrivasse la notizia che la fiaccola di Summers era stata spenta, stavo per scrivere un altro articolo su di lui, il Mutant Zero dell’economia. (Il mio primo pezzo su The Guardian, di 15 anni fa, avvertiva che “Summers è, di fatto, un colono alieno mandato sulla Terra per trasformare gli umani in fonti di proteine”). Tuttavia, il fatto che Obama abbia provato a sbattere Summers nelle profondità terrestri ci dice molto più sul primo che sul secondo, soprattutto per chi lavora. Indizio: non sei uno di loro.
Leggi tutto...