19/01/14


Articolo pubblicato  su MERCATOLIBERONEWS del 19/01/2014.


E VAI MARPIONNE.


 

All’indomani della relazione di MOODYS e delle titubanti rimostranze sulla OPERAZIONE VEBA, era evidente una discesa in campo dell’Amministratore Fiat per dare una “VISIONE GLOBALE STRATEGICA” del Gruppo FIAT a difesa delle scelte. Ha scelto naturalmente un GIORNALE DI REGIME, ma non identificato con la PROPRIETA’, che ha vantato e incensato per l’ennesima volta quanta abilità esista nella strategia e gli enormi vantaggi che porterà al PAESE.

Il quotidiano la “REPUBBLICA” è assai noto di quanto PORTA VOCE sia ed umile servitore dell’INDUSTRIA PRIVATA DI STATO, essendo di Proprietà di DE BENEDETTI, e soltanto un buon ITALIOTA fedele per credulità a prescindere può pensare che non sia di parte, ma portatore di verità importanti.. Ebbene tra LUPI NON CI SI MANGIA, ma si scambiano favori. Tutti rivolti a salvaguardare i loro PATRIMONI a prescindere. Questo non è disdicevole, essendo un dovere ed un diritto dell’imprenditore, ma almeno non si cerchi di fare il BUON SAMMARITANO quando invece si continua a perseguire un succhiamento delle risorse create dagli ITALIANI. Ripeto per gli ITALIOTI, ciò è giusto. Ma veniamo all’intervista.

 

            - BUON SAMMARITANO:  “A MIRAFIORI-GRUGLIASCO si faranno le MASERATI. 
                                                              A MELFI le 500 X e piccole JEEP. A POMIGLIANO le
                                                              PANDA. A CASSINO il rilancio dell’ALFA. Mi impegno:
                                                              quando il piano sarà a regime, la rete INDUSTRIALE
                                                              ITALIANA sarà piena, naturalmente mercato permettendo.
                                                              Se non crolla un’altra volta, rientreranno tutti gli operai
                                                              ITALIANI”.   

          

            - OSSERVAZIONE: Allo stato odierno, dopo aver chiuso TERMINI IMERESE si è
                                               smantellata la sede storica della MASERATI in  EMILIA                                                naturalmente                               
                                               per razionalizzazione industriale, e molti operai sono in cassa
                                               integrazione, quindi a carico della COMUNITA’. Per quanto riguarda 
                                               le produzioni sono simbolicamente, come accennato giustamente,
                                               legate al MERCATO e quindi anche il pieno regime od il
                                               mantenimento delle FABBRICHE. Altrimenti…… li teniamo ancora 
                                               carico della COMUNITA’. Ma gli altri operai delle fabbriche intorno
                                               al mondo ? Continueranno. E poi è vero gli altri possono essere
                                               licenziati. Morale: Anche se non produco in ITALIA mantengo la
                                               presenza con il carico dello STATO, produco da altre parti a costi
                                               inferiori ed, in caso di discesa del MERCATO, posso licenziare. Tutto
                                               questo condito da “FINANZIAMENTI “ degli STATI.
 

             - BUON SAMMARITANO: “I Tedeschi del GRUPPO VOLKSWAGEN, l’ALFA se la
                                                              possono sognare e credo che la sognino infatti, perché
                                                              l’ALFA è centrale nella nostra STRATEGIA ed il suo DNA
                                                              deve essere autenticamente tutto Italiano sempre, non potrà
                                                              diventare americano. Inoltre basta anche con i motori FIAT
                                                              nell’ALFA ROMEO. Così come sarebbe stato un errore
                                                              produrre il SUV MASERATI a DETROIT; e infatti resterà a
                                                              casa. La FIAT andrà nella parte alta del MASS MARKET,
                                                              con le famiglie PANDA e CINQUECENTO e uscirà dal
                                                              segmento basso e intermedio. LANCIA diventerà un marchio
                                                              soltanto per il MERCATO ITALIANO, nella linea “Y”. La
                                                              vera scommessa è utilizzare tutta la rete industriale per
                                                              produrre il nuovo sviluppo di ALFA, rilanciandola come
                                                              ECCELLENZA ITALIANA”.

 

            - OSSERVAZIONE: Che i Tedeschi amino il marchio ALFA è arcinoto a tutti; che siano
                                               disposti a scendere a trattativa con la FIAT si possono porre molte
                                               perplessità. Comunque loro all’ECCELLENZA ITALIANA credono e
                                               gli investimenti fatti sulla LAMBORGHINI avvalorano questa tesi.
                                               Non stupirebbe il fatto che la nostra ECCELLENZA venga col tempo
                                               sponsorizzata e diffusa nel mondo grazie ai TEUTONICI più che
                                               dalla FIAT, che diverrà sempre più “AMERICANA”. L’abbondonare
                                               il segmento basso e intermedio per entrare in quello MASS MARKET
                                               dimostra l’incapacità produttiva di essere presente su più fronti con
                                               tutte le sue INCOGNITE che queste comportino. Inoltre un marchio
                                               completamente dedicato ad un solo MERCATO evidenzia già la
                                               sua fine, visto come essi recepiscono quello ITALIANO. E’ come un
                                               avvertimento se non mi comprate LANCIA, vi chiudo la FABBRICA.
                                               E questo vale per tutte le altre FABBRICHE. La loro sopravvivenza
                                               non sarà determinata da STRATEGIE INDUSTRIALI atte a fare
                                               prodotti di QUALITA’, bensì a quanto gli ITALIANI sono disposti ad
                                               “ASSISTERE” questo GRUPPO o tramite lo STATO con sussidi o
                                               tramite il privato con l’acquisto delle auto. Tutto a prescindere se i
                                               prodotti da me commercializzati siano validi. Non si vorrà mettere per
                                               strada delle famiglie.       

 

            - BUON SAMMARITANO:  “L’operazione CHRYSLER ha riparato la FIAT ed i suoi
                                                              lavoratori dalla tempesta della “CRISI ITALIANA” ed
                                                              europea che non è affatto finita. Inoltre l’operazione
                                                              VEBA per acquisire il 100% delle azioni CHRYSLER non
                                                              rappresenta un danno per l’ITALIA, ma anzi è una
                                                              possibilità per l’INDUSTRIA ITALIANA in un mercato
                                                              dimezzato. La nuova società che nascerà dalla fusione, avrà
                                                              un nuovo nome, ancora TOP SECRET e verrà quotata a
                                                              NEW YORK. Andremo dove ci sono i soldi e d esista un
                                                              accesso più facile ai capitali. Il mercato americano è quello
                                                              più fluido. Deciderà il CDA ed io sono pronto ad andare
                                                              anche ad HONG KONG. La scelta di dove quotare la società
                                                              influenzerà la SEDE della nuova società come per la CNH
                                                              INDUSTRIAL che risiede in OLANDA”.           

            - OSSERVAZIONE: Ora, essendo io un assertore convinto che sarebbe opportuno trovare
                                               altri lidi dove fare BUSINESS anziché l’ITALIA, terra bellissima ma
                                               distrutta da una CASTA POLITICA E PRIVATA sulla pelle degli
                                               ITALIANI con la complicità degli ITALIOTI, mi sembra assai
                                               squallido che un appartenente a quella CASTA di PRIVILEGIATI
                                               affermi questo. Si invoca sia da DESTRA che da SINISTRA di non
                                               abbandonare la nave, ma di sostenere la rotta alfine di uscire insieme
                                               dalla MELMA in cui ci hanno cacciato e loro sono i primi ad uscirne
                                               invocando che in codesta maniera lo si fa’ per il bene del PAESE.
                                               Alla faccia delle responsabilità e degli esempi. Grazie per aver
                                               dimostrato come si predica bene e si razzoli male. Purtroppo non
                                               servirà a nulla per gli ITALIOTI, ma diventa un ulteriore tassello
                                               agli ITALIANI di quanto siano stati e continuano ad essere
                                               depauperati della loro esistenza.
                                               Cercare una via di fuga od un nuovo inizio e avvalorato nei fatti dagli
                                               stessi individui che continuano a sostenere di non farlo perché
                                               desiderano che VOI paghiate il debito che LORO hanno creato e
                                               lasciano situazioni sempre più dismesse e bisognose di
                                               “COMPRESSIONE STATALE E SINDACALE”, ma che alla fine si
                                               traduce in MAGGIORI ONERI e CARICHI FISCALI per chi resta,
                                               mentre loro fanno BUSINESS in altri lidi. EBBENE ANDATEVENE.
                                               fate come loro cercate SOLUZIONI ALTERNATIVE che vi
                                               permettano di vivere come fanno loro. Non fattevi derubare dei vostri
                                               risparmi di una vita di LAVORO VERO non PRIVILEGIATO come
                                               di cui loro si sono BEATI e continuano a farlo.
 

Se la nostra salvezza è nelle mani di codesti signori e dei loro accoliti Dio ce ne salvi. Quando leggo sui BLOG come questo PAESE è ormai FALLITO e sulla via della POVERTA’, la conferma è questa. Non perché sia sbagliato trovare alternative estere, ma per l’IPOCRISIA di questa gente che reputa tutta la popolazione dei CREDULONI. Essi non sbagliano perché una grossa fetta ci crede, un po’ per  FEDE a prescindere ma in gran parte perché sono COLLUSI ed essendo dalla loro parte reputano che non gli accadrà nulla e quindi ubbidiscono ciecamente (PENSARE è FATICA) fino a quando si accorgeranno che non erano altro che strumenti da usare per il loro fine.  

Ora pensare che ci possa essere un cambiamento di questo SISTEMA in questa situazione è puramente UTOPICO. Solo una forma di protesta NON VIOLENTA, come dire, alla GANDHI può portare CAMBIAMENTO RADICALE.

Immaginate se tutto il SETTORE PRIVATO si fermasse sia nelle AZIENDE che nei suoi dipendenti.

Immaginate se si cominciasse a BOICOTTARE gli acquisti dei GIORNALI che sono solo in mano dei PARTITI o delle PROPRIETA’ DI CASTA o di giornalisti lacchè al loro soldo.

Immaginate se i CONTRIBUENTI cominciassero a pagare le TASSE non in funzione di quanto dice lo STATO, ma in base alle loro POSSIBILITA’.

Immaginate se ad ogni aumento dei prodotti i CONSUMATORI non comprassero più quei PRODOTTI, ma si rivolgessero ad altri che favoriscono le loro NECESSITA’ e DISPONIBILITA’.
 
Ed infine IMMAGINATE se dopo tutto il parlare di LEGGE ELETTORALE come BASE PRIMARIA di questo PAESE, pur di non affrontare i VERI PROBLEMI della GENTE, nessuno VOTASSE.
 

ECCO SOLO ALLORA SI POTRA’ PENSARE CHE IL POPOLO HA VOGLIA DI CAMBIARE,

IL RESTO SONO SOLO CHIACCHERE. 

 

VITTORIO