24/12/14

Auguriiiiiiii

Ultima news di Natale 😉😉😉
Zio
Buon Natale a tutti voi....

Musica dentro - Paolo Freso

http://www.finanzaelambrusco.it/wp-content/uploads/2014/12/musica-dentro-autobiografia-paolo-fresu-thumb.jpg
 Bastano poche note per accorgersi che si tratta di lui. Sì di Paolo Fresu, la tromba che incanta. Feltrinelli ha pubblicato una nuova edizione del suo libro dall’accattivante titolo “Musica dentro”; un libro che consiglierei di offrire a tutti coloro che amano la musica e il j...
Musica dentro - Paolo Freso
http://www.finanzaelambrusco.it/wp-content/uploads/2014/12/musica-dentro-autobiografia-paolo-fresu-thumb.jpg

Tweet da zerohedge (@zerohedge)

zerohedge (@zerohedge)
"Central Banking Has Lost Its Way," Stephen Roach Warns "The Fed Is Heading For Another Catastrophe" zerohedge.com/news/2014-12-2…

Scarica l'app ufficiale di Twitter qui


Inviato da iPhone

USA E NATO PREPARANO LA GUERRA CON LA RUSSIA?



USA E NATO PREPARANO LA GUERRA CON LA RUSSIA?
COMEDONCHISCIOTTE | MER 24 DIC
http://pulse.me/s/3eK30M


  DI MICHEL CHOSSUDOVSKY   Global Research   Già con il Summit della NATO in Galles, lo scorso ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

AZIENDE IN GINOCCHIO LA GRANDE ILLUSIONE DEI 40 TAVOLI RISOLTI (Salvatore Cannavò).



AZIENDE IN GINOCCHIO LA GRANDE ILLUSIONE DEI 40 TAVOLI RISOLTI (Salvatore Cannavò).
TRISKEL182 | MER 24 DIC
http://pulse.me/s/3hzW6N


SPOT DI FINE ANNO Renzi sbandiera i suoi successi, ma la maggior parte sono soluzioni-tampone pagate con soldi pubblici. E ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

IL TUO NUOVO iPHONE6? SAI CHE LO HANNO COSTRUITO DEI VERI E PROPRI SCHIAVI DEL NUOVO MILLENNIO? NON CI CREDI? ECCO IL SERVIZIO TRASMESSO DALLA BBC E RIGOROSAMENTE CENSURATO DAI MEDIA ITALIOTI



IL TUO NUOVO iPHONE6? SAI CHE LO HANNO COSTRUITO DEI VERI E PROPRI SCHIAVI DEL NUOVO MILLENNIO? NON CI CREDI? ECCO IL SERVIZIO TRASMESSO DALLA BBC E RIGOROSAMENTE CENSURATO DAI MEDIA ITALIOTI
IL GRANDE COCOMERO | MER 24 DIC
http://pulse.me/s/3exSIp
Un documentario di BBC Panorama sembra mostrare le non ottime condizioni di lavoro nelle fabbriche dei prodotti Apple in Cina Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

LE FALSITA’ SULLA RICCHEZZA DEGLI ITALIANI INCIDERA’ SUL 2015 ?

Nel film, vincitore di 5 PREMI OSCAR nel 2001,  “IL GLADIATORE”, prima che inizi la BATTAGLIA COI MARCOMANNI per garantire i confini di ROMA, si sviluppa un dialogo tra MASSIMO ed il suo GENERALE al rifiuto di essi di sottomettersi a ROMA.

- GENERALE: “Un popolo dovrebbe sapere quando è SCONFITTO”
- MASSIMO:    “Tu lo capiresti ? Io lo capirei ?” 

Tralasciando una libera traduzione storica del film e rammentando che l’allora “GERMANIA” non fu MAI completamente CONQUISTATA e ROMANIZZATA sia per mancanza di “RICCHEZZE” di interesse che per una cocente sconfitta delle LEGIONI DI VARO che furono massacrate nella FORESTA DI TEUTOBURGO. I sette anni successivi portarono al consolidamento dei confini di ROMA sui fiumi RENO e DANUBIO e la completa rinuncia a conquistare le terre al di là. Ebbene la “BATTAGLIA” del film era una di quelle di “CONSOLIDAMENTO” dei confini in un periodo ancora fulgido dell’IMPERO ROMANO sotto l’imperatore MARCO AURELIO. 
La non conoscenza alla “SCONFITTA” di un POPOLO è sempre determinato da se stesso, ma in particolar modo dalla MIOPIA di chi li GOVERNA e della “CREAZIONE AD ARTE” di creare nemici per DERESPOSANBILIZZARSI. E qui ci si deve porre la domanda: “chi veramente ha il potere del comando ? E il GOVERNO oppure la CASTA o CASTE o LOBBIES che si occultano, ma in seguito condizionano le scelte ? La MASSA è veramente così ininfluente sulle scelte ?
Il CAOS che si è generato nella votazione sulla LEGGE DI STABILITA’ e la scrittura delle normative con errori che hanno peggiorato le scelte economiche (vedasi il regime forfettario delle piccole PARTITE IVA) conferma che gli ITALIOTI sono ancora preponderanti e non stanno percependo NULLA dell’economia del nostro PAESE e delle EVOLUZIONI nel resto del GLOBO. E come se vivessero in una CAMPANA DI VETRO immuni da eventuali contraccolpi che possano produrre ECONOMIE FORTI, che col passare del tempo ci emarginano sempre più nei PAESI PERIFERICI.

In questo contesto si inserisce il BOLLETTINO STATISTICO DI BANKITALIA sulla RICCHEZZA DELLE FAMIGLIE ITALIANE che evidenzia come a fine 2013 essa è diminuita dell’1,4 %. Ma, dice, che il pro capite è di EURO 144.000 ed a livello famiglia di EURO 356.000, grazie ad una flessione del 3,5 %  del settore immobiliare ed un incremento del 2,1 % del settore finanziario. Cioè contemplando attività reali ed attività finanziarie. Il valore di questa “RICCHEZZA” si aggira intorno ad una cifra di EURO 8.728miliardi, ma il nostro DEBITO PUBBLICO si aggira ad EURO 2.175miliardi. Facendo una “sottrazione” da serva tra RICCHEZZA meno DEBITO PUBBLICO l’avanzo dovrebbe aggirarsi ad EURO 6.553miliardi. Siamo dei NABABBI ?!?!?! La verità è completamente diversa.

Tralasciando i valori statistici dove fa diventare ricco chi non lo è e normale chi possiede i milioni di EURO, la RICCHEZZA è disequilibrata sul PATRIMONIO IMMOBILIARE in CRISI PROFONDA e sempre più destinato al RIBASSO e la DEFLAZIONE causerà un ulteriore perdita. Le attività finanziarie sono soggette ad una volatilità maggiore per le leggi di MERCATO o della FINANZA. Non solo, se prendessimo il “PARCO” immobiliare noteremmo che esso si sta deprezzando anche per mancata MANUTENZIONE, poiché aumentano i proprietari che non riescono o faticano ad onorare le spese condominiali o le piccole riparazioni. Questo implica il contenimento di spesa ai soli consumi ed alle emergenze. L’abbandono di terreni, case e immobili commerciali per non pagare TASSE, è una pratica che si sta diffondendo a macchia d’olio come anche la valutazione di donazione allo STATO. Il passaggio da una ECONOMIA DI POSSESSO ad una ECONOMIA D’USO inciderà notevolmente sui valori togliendo potenziali ACQUIRENTI.  La rimodulazioni degli investimenti dall’immobiliare al finanziario sarà una scelta predominante e per l’immobiliare l’uscita dal TUNNEL è ancora lontana. Anzi, nel MONDO ci si attende BOLLE SPECULATIVE in questo settore.

La conseguenza sui consumi è ancora pesante, perché se permane la CRISI, il senso di INCERTEZZA e PRECARIETA’ e la prassi degli accantonamenti per i periodi BUI permarranno , con ringraziamento sentito delle BANCHE che vedono aumentare i depositi di ben EURO 400miliardi, la ripresa è impensabile. Anzi, le stesse BANCHE devono continuare ad aumentare le RISERVE e gli aumenti di CAPITALE per superare gli STRESS TEST e l’incrementarsi dei CREDITI INESIGIBILI. Questo incide fortemente sull’ECONOMIA REALE dove solo le AZIENDE che vivono di EXPORT possono dirsi fortunate e crescenti.

Per finire poniamo la ciliegina sulla torta aggiungendo i MALI tipicamente nostrani della CRIMINALITA’ ORGANIZZATA, la CORRUZIONE e le manipolazioni di CASTA o LOBBIES o PROFESSIONISTI o SINDACATI della BUROCRAZIA che continuano ad aumentare la SPESA IMPRODUTTIVA STATALE e conseguentemente il DEBITO PUBBLICO e con esso gli interessi. Solo la tenuta dello SPREAD ed il prezzo del PETROLIO LOW COST da ossigeno all’ECONOMIA REALE, altrimenti sarebbero  dolori.

CON QUESTO SISTEMA NON E’ POSSIBILE NESSUNA RIPRESA.

Quindi dobbiamo LASCIAR OGNI SPERANZA PER L’ANNO 2015 ?  NON CREDO. Tenendo validi i presupposti di una RIPRESA GLOBALE, l’unica chance che potrebbe trainarci ad un PIL positivo, le cause che potranno ostacolare la RIPRESA sono:

1) TASSE: Esse non diminuiranno, ma aumenteranno. La grancassa della propaganda di regime con i MEDIA al loro soldo (vedasi finanziamenti all’editoria) manifestano grande soddisfazione ad un ulteriore riduzione del CUNEO FISCALE sul lavoro tra aziende e dipendenti è VERA, ma diverrà FARSA da “giro contabile” con le TASSE sulla CASA, sui TRIBUTI LOCALI, dagli ESTIMI CATASTALI e sulle MULTE della viabilità, BANCOMAT preferito dai COMUNI e POLIZIA STRADALE. Non solo. Se a questo aggiungessimo LE TRAVI che continuano a porsi alla diminuzione del DEBITO PUBBLICO delle CLASSI sopra elencate di cui sono RICCAMENTE COMPENSATE, ci si accorgerà, quando tutto sarà a regime, della BUFALA. Province, Senato e Partecipate ne sono l’esempio. Un MINESTRONE che non risolve NULLA e da il FIANCO ad attacchi a che tutto fallisca. Il “RENZI DI TURNO” dovrà mettersi una ARMATURA per difendersi dalle pugnalate sul petto dei suoi NEMICI, ma, peggio ancora, da quelle alla schiena dei suoi AMICI. Le CLAUSOLE DI SALVAGUARDIA poste nella LEGGE DI STABILITA’ sarebbero inconsistenti, se, come si prevede, l’ECONOMIA diventa virtuosa, ma credo che la BANDA DEGLI ITALIOTI PARASSITI, destinati a perdere i privilegi, preferiranno far crollare il PAESE piuttosto che cambiare. La VERA mossa di anticipo, sarebbe di RIDURRE le CARTELLE ESATTORIALI anche con forme di SALDO E STRALCIO, alfine di costituire un CASTELLETTO sia come scudo contro gli attacchi e salvaguardie che per elevare il MORALE e portare OTTIMISMO nei cittadini. Ho sempre sostenuto che non esiste PEGGIOR FRENO a qualsiasi RIPRESA ECONOMICA nel sentirsi OPPRESSI DAI DEBITI. Nessuno ha il desiderio del FARE se sopra di lui svolazzano AVVOLTOI pronti a saltargli addosso alla prima debolezza. Esso non sarebbe un CONDONO, come molti pensano, ma UMANITA’ per chi è stato maldestro o sfortunato e non sempre per sue colpe.

2) BANCHE:  Una motivazione per cui si tiene ELEVATA la ricchezza delle famiglie ITALIANE è il valore degli IMMOBILI. Il dato di BANCA ITALIA è capibile, ma non condivisibile. Su quali parametri sono state fatte le valutazioni ? Se è vero che il valore dell’immobile è quello  determinato dal prezzo che l’ACQUIRENTE reputa giusto, in questo momento possiamo affermare, visto la CARENZA DI ACQUIRENTI, che è decisamente sovrastimato. La conferma della tesi viene proprio dalle BANCHE che sui debitori preferiscono porre IPOTECHE senza eseguire pignoramenti ben sapendo che non risolverebbero il CREDITO proprio per mancanza di ACQUIRENTI. Perciò piuttosto che trovare un accordo coi debitori, magari con soluzioni anche qui a SALDO E STRALCIO, preferiscono perseverare nell’INFAMIA di svendere i crediti a cifre irrisorie agli “SQUALI DI WALL STREET”. Facendo riferimento all’articolo da me pubblicato  su questo blog il 18/09/2014 DALLE COMICHE DI AGOSTO ALL’INFAMIA DELL’ITALFONDIARIO DEL GRUPPO FORTRESS. leggete questi due articoli; 


MPS: cede 4mila crediti in sofferenza. Con questa operazione cedute posizioni per quasi un miliardo


(ANSA) - MILANO, 22 DIC - MPS ha ceduto a FORTRESS INVESTMENT GROUP un portafoglio di quasi 4mila crediti in sofferenza con un valore lordo di bilancio di circa 380 milioni, comprendente prestiti garantiti e non garantiti a medio e lungo termine. Nel 2014 MPS ha ceduto complessivamente circa 16mila posizioni in sofferenza con un valore lordo di quasi un miliardo.

La mia BANCA E’ DIFFERENTE:

ICCREA HOLDING E ITALFONDIARIO INSIEME
PER LA GESTIONE DEI CREDITI PROBLEMATICI
DELLE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

Roma, 16 dicembre 2014 – ICCREA HOLDING (la Capogruppo del Gruppo bancario ICCREA che riunisce le società che offrono prodotti e servizi alle Banche di Credito Cooperativo) ed ITALFONDIARIO (Società controllata dal fondo di private EQUITY FORTRESS  e leader in Italia nella gestione del credito) hanno siglato una partnership strategica finalizzata alla gestione dei portafogli di NON PERFORMING LOANS (NPL) delle Banche di Credito Cooperativo.
L’accordo prevede che BCC Gestione Crediti (società del Gruppo ICCREA dedicata a supportare le BCC nell’intera filiera dei crediti problematici) sia affiancata da ITALFONDIARIO (che ne acquisisce il 45%) nella gestione delle sofferenze e degli incagli, apportando il proprio consolidato know-how e le proprie BEST PRACTICE. In questo modo BCC Gestione Crediti, avvalendosi del contributo di ITALFONDIARIO, potrà offrire una completa e strutturata gamma di strumenti e servizi complementari, e dare un supporto più efficace alle BCC nella gestione attiva del credito problematico. Tutto questo sarà sviluppato attraverso un modello di gestione calibrato sulle dimensioni delle singole banche e consentirà al loro management una migliore focalizzazione sui processi e sulla pianificazione ottimale dei risultati del recupero, nonché sulla definizione di eventuali piani di cessione delle sofferenze.
In quest’ottica FORTRESS ha costituito un apposito veicolo di cartolarizzazione che, ad oggi, ha acquistato portafogli di crediti NON PERFORMING da diverse banche del Sistema del Credito Cooperativo per circa 50 milioni di euro di valore nominale ed, entro la fine dell’anno, sta valutando di concludere ulteriori contratti per oltre 200 milioni di euro.
«L’accordo con FORTRESS-ITALFONDIARIO – ha dichiarato Giulio Magagni, Presidente di ICCREA HOLDING – si inserisce nell’ambito dello sviluppo del nostro modello di servizio alle BCC, e che comprende necessariamente il fronte della gestione degli NPL. Siamo certi che la partnership con una società leader come ITALFONDIARIO ci consentirà di operare con ancora maggiore efficacia in un contesto tutt’ora difficile, che ha visto una crescita decisamente importante dei volumi del credito problematico all’interno del Sistema. Si potranno così liberare risorse progettuali e strategiche per valorizzare pienamente il ruolo di ogni Banca di Credito Cooperativo».
«Mi piace sottolineare – ha dichiarato Giovanni Castellaneta, Presidente di ITALFONDIARIO – come, per la prima volta, si dia vita, in Italia, a una partnership basata su un modello di servizio unico, studiato e realizzato ad hoc come approccio “di sistema” per il mondo del Credito Cooperativo, mondo che, come noto, rappresenta storicamente e tradizionalmente un punto di riferimento a sostegno delle PMI che, da sempre, costituiscono la vera ossatura del nostro sistema economico, e del risparmio familiare».
ICCREA HOLDING S.p.A. (il cui capitale è partecipato dalle Banche di Credito Cooperativo-BCC) è al vertice del Gruppo bancario ICCREA, il gruppo di aziende che fornisce alle BCC un sistema di offerta competitivo predisposto per i loro oltre 6 milioni di clienti e che riunisce le aziende che offrono prodotti e servizi per l’operatività delle Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali (segmento INSTITUTIONAL) e la loro clientela di elezione: piccole e medie imprese (segmento Corporate) e famiglie (segmento Retail). ICCREA HOLDING è altresì membro dell’UNICO Banking Group, l’associazione con sede a Bruxelles che riunisce le principali banche cooperative europee.
Al 30 giugno 2014 operano in Italia 381 Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali, con 4.460 sportelli. Hanno una presenza diretta in 2.700 Comuni e 101 Province. La raccolta diretta di sistema (da banche e clientela, a cui si aggiungono le obbligazioni) è di 195 miliardi di euro (3,2%, a fronte di un -3,7% registrato nel sistema bancario); gli
impieghi economici si attestano a 135,6 miliardi di euro (-0,5%, a fronte del -2,4% del sistema bancario). Considerando anche gli impieghi delle banche di secondo livello, la quota arriva a 149 miliardi, per una quota di mercato dell’8%. Gli impieghi alle imprese si attestano a 88 miliardi (-1,2%, contro il -1,7% del sistema bancario). Considerando anche i
finanziamenti erogati dalle banche di secondo livello, gli impieghi alle imprese si attestano su 99,8 miliardi di euro). Il patrimonio (capitale e riserve) è di 20,2 miliardi di euro (+0,8%).
ITALFONDIARIO S.p.A., nata nel 1891 come istituto bancario, alla fine degli anni ’90 si trasforma in società specializzata nel Credit Management e oggi rappresenta la più importante realtà indipendente del settore per la gestione integrate del credito. Una leadership riconosciuta dalle principali società di rating internazionale Controllata da FORTRESS, uno dei maggiori Fund Manager del panorama internazionale, ITALFONDIARIO rappresenta il punto di riferimento delle più importanti realtà bancarie e finanziarie, oltre che delle aziende pubbliche e private, per la gestione in outsourcing dei crediti PERFORMING e NON PERFORMING.
Al 30 giugno 2014 TALFONDIARIO ha gestito oltre 350,000 crediti per un valore di 36 miliardi di Euro di GBV e può vantare il Miglior TRACK record sul mercato italiano per ogni tipologia di credito.
Attraverso ITALFONDIARIO RE, ITALFONDIARIO sviluppa inoltre un’attività specialistica per la gestione e la valorizzazione delle garanzie immobiliari, offrendo ai propri clienti soluzioni modulari e integrate per la gestione del credito.
GEXTRA, realtà specializzata nella consulenza per il PROCESS MANAGEMENT e nei servizi in OUTSOURCING per la gestione del credito, e IBIS, specializzata nelle attività di Business Information, completano il profilo del Gruppo.

Ormai sono disposti a SVENDERE tutto e tutti pur di incassare qualche spicciolo, ponendo sul lastrico famiglie ITALIANE. Perché questa SVENDITA sono disposti ad effettuarla con FORTRESS anziché col debitore ? Perché si vuole affossare il MORALE dei LAVORATORI ITALIANI sia DIPENDENTI CHE IMPRENDITORI a fronte di quale beneficio ? L’assommarsi di questo MACIGNO con quello delle CARTELLE ESATTORIALI è e resta il MAGGIOR OSTACOLO alla RIPRESA. I FAUTORI di questa PERSECUZIONE dimostrano di essere degli IM...”PREPARATI”, ma soprattutto degli AGUZZINI e le ISTITUZIONI dovrebbero eseguire dei CONTROLLI FISCALI nei confronti di questi SOSTENITORI della “LEGALITA’ A TUTTI I COSTI” e scoprirebbero certi SCHELETRI degni degli avvenimenti delle ultime settimane. Tutto sulla pelle delle VITTIME di questa CRISI. Piccoli IMPRENDITORI a cui non è stato MAI PERMESSO di ristrutturare il loro DEBITO coi più machiavellici motivi, ma col principale intento a sottrare con poche MIGLIAIA di EURO i loro beni. INTERESSANTE è sempre analizzare chi si è ACCAPARATO i beni e quali LEGAMI esistano sia col debitore che con i “PROFESSIONISTI” sia del CREDITO che della RISCOSSIONE. Ci si accorgerebbe che forse quello che appare NORMALE alla fine tanto NORMALE non è e che i fruitori dei beni delle ASTE GIUDIZIARI tanto estranei alla “morte” economica del DEBITORE non sono.

MOBILITARSI IN FAVORE DEL MORALE E DELLA EQUITA’ DI GIUSTIZIA DEI CITTADINI SARA’ IL VERO VOLANO DELLA RIPRESA.  SOTTOVALUTARLO O PEGGIO NON CONSIDERARLO DIVERRA’ IL PIU’ GROSSO BOOMERANG NEI CONFRONTI DELLA LEGGE DI STABILITA’.


3) CRIMINALITA’ ORGANIZZATA: Tutti si affannano a dire che occorrono NUOVE LEGGI contro le infiltrazioni criminali nell’ECONOMIA REALE, ma è proprio il desiderio delle ORGANIZZAZIONI CRIMINALI. Esse sanno che più controlli ed ostacoli vengono instaurati e più i CITTADINI si allontanano dalle ISTITUZIONI creando terreno fertile per i loro traffici ed alla CORRUZIONE. Non capirlo è da IM…..”PREPARATI”. Se piuttosto che stare seduti nei TALK SHOW televisivi a ricercare la popolarità di IMMAGINE, i nostri politici e tutori della legge stessero sul CAMPO i risultati sarebbero ECCELLENTI. Legiferare tanto per farlo sapendo che in seguito l’applicazione delle stesse leggi è insostenibile e talmente DELETERIO sull’ECONOMIA REALE da minare in modo IRREVERSIBILE la fiducia nella politica. I tassi crescenti di CORRUZIONE dopo TANGENTOPOLI hanno sempre confermato la tesi a tal punto che il rischio o l’aumento delle pene non hanno inciso minimamente sulla crescita e la diffusione del fenomeno, L’unico sistema è togliere la LINFA VITALE che permette tutto questo traffico. Il  DENARO PUBBLICO è il vero BUSINESS. Il disinteresse dell’opinione pubblica è l’altra complicità, come se i soldi delle TASSE non incidessero nel benessere di questo PAESE, però quando ci sono difficoltà tutti a chiedere l’intervento STATALE  od investimenti PUBBLICI per AZIENDE e LAVORO. La COLLUSIONE davanti ad una simile TORTA ed i “guadagni crescenti “ dei partecipanti, aiuta l’OMERTA’ e l’ADESIONE, soprattutto in tempi di crisi. Solo gli ITALIOTI possono credere che sia una GIUSTA DECISIONE aumentare le LEGGI, per mettersi il cuore in pace, ma essa non fa che confermare quanto siano creduloni. MAFIA CAPITALE ha dimostrato che il fenomeno è TRASVERSALE ed indipendente dalle IDEOLOGIE. Quindi pensare di attribuire le colpe alla parte aversa non è altro che PUERILE. Gli ITALIOTI prima di credere alle favole o schierarsi come TIFOSI, dovrebbero recuperare la componente di EDUCAZIONE CIVICA, che pare irrimediabilmente persa, e cominciare ad essere ONESTI prima con se stessi ed in seguito con gli altri, ma non cominciando dal BASSO, ma dall’ALTO DELLE ISTITUZIONI fino a scendere nei singoli COMUNI, che talvolta è ancora peggio e permette il CONTROLLO DEL TERRITORIO. Chi si candida ha il DOVERE di occuparsi di risolvere i PROBLEMI DEL PAESE non di MUNGERE soldi pubblici per il loro TORNACONTO ECONOMICO. Dovrebbero essere ONORATI di servire il PAESE, come per la CAMERA DEI LORDS in Inghilterra. La LINFA VITALE deve diminuire e lasciata maggiormente nelle tasche dei CITTADINI. Lo STATO non deve provvedere a tutto, poiché questa politica porta inevitabilmente allo scontro SOCIALE tra PUBBLICO E PRIVATO, dove i secondi si sentono SUDDITTI ed i primi AGUZZINI. Non incidere in profondità su questo TEMA lenisce la CREDIBILITA’ DELL’ITALIA nel MONDO sul mantenimento degli IMPEGNI e dell’uscita dalla CRISI. Tutti quegli ITALIOTI che pensano che le nostre siano causa dei cattivoni tedeschi, del FMI, della TROIKA o chi ne ha più ne metta non è altro che la DERESPONSABILIZZAZIONE di se stessi. Se invece fosse vero, dobbiamo domandarci come mai siamo arrivati in questa “PALUDE”, dove persino i nostri giovani non credono più nel PAESE ed emigrano per trovare una soluzione al loro futuro oppure imprenditori e laureati che ci privano delle loro capacità intellettive, a cui tutti ci invidiano, e ai quali tutti aprono le porte per la nostra genialità. Forse quello che vogliono veramente è il CROLLO DEL SISTEMA ITALIA MARCIO, a cui la CRIMINALITA’ ORGANIZZATA e le CASTE ci hanno portato, per poi ricostruirla dalle MACERIE..


PIU’ SI TOGLIE POTERE ECONOMICO AGLI  INDIVIDUI PIU’ ESISTERA’ UN DESERTO ECONOMICO E POVERTA’. IL PERFETTO HABITAT DELLA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA.


ANNO 2015: Gli attuali avvenimenti ed alcuni fattori FAVOREVOLI dell’economia ci inviano un messaggio importante: se non cogliete questa grande occasione per la risoluzione dei problemi economici siete veramente degli  IM…PREPARATI. Mai come in questo periodo si sono manifestati questi effetti positivi:

- Risorse energetiche e materie prime a LOW COST

- Tassi di interesse del DEBITO PUBBLICO bassi se non addirittura negativi 

-  EXPO

- Riforme strutturali da MINESTRONE ALL’ITALIANA, ma più consone alla  competizione GLOBALE

Soltanto questi quattro fattori sarebbero sufficienti ad avere un PIL di fine anno positivo, anche se il quarto fattore è veramente un ACCROCCHIO TIPICAMENTE ITALIANO, ma piuttosto che niente è meglio piuttosto. Ecco perché reputo che il 2015 non dovrebbe essere così negativo come i tre punti sopra elencati potrebbero presagire. Anzi, se si incidesse fortemente ed in senso VERO di cambiamento sui quei punti, ponendo un sano PRAGMATISMO ed UMANITA’ per i punti 1 e 2 ed una GUERRA SENZA QUARTIERE sul 3, potrebbe esserci la sorpresa di un PIL più vicino all’ 1 % che alla parità. Se i CITTADINI hanno aumentato la RICCHEZZA FINANZIARIA di EURO 400miliardi, vuol dire che esiste una base seria per diminuire gli interessi sul DEBITO PUBBLICO e di conseguenza lo stesso DEBITO e le TASSE. Le risorse liberate, insieme alla lotta agli sprechi, alla diminuzione invasiva dello STATO, alla corruzione ed all’ILLEGALITA’ ORGANIZZATA, potranno essere dirottate ad  infrastrutture produttive e non assistenziali PUBBLICHE, alfine di migliorare sia il TERRITORIO che la MOBILITA’ intesa come trasporti soprattutto su ROTAIA (con ringraziamento sia dai PENDOLARI che degli altri UTENTI), poiché quello su gomma beneficerà dal prezzo del carburante MAI VISTO a questi livelli. Questo permetterà, oltre che a dare LAVORO, di continuare il rinnovamento a sviluppare risorse alternative al PETROLIO con ENERGIE RINNOVABILI. Aver aumentato l’IVA sul PELLETTES al 22 % lo si può considerare un errore da IM…PREPARATI dei peggiori ITALIOTI. Le compagnie energetiche i ricavi non devono aumentarli sulle necessità primarie (cucinare e riscaldare e primario quanto il PANE e il LATTE), ma sui SERVIZI alla clientela. L’uscita “improvvisa o ponderata” dei ROCKFELLER dal PETROLIO potrebbe essere un segnale ?  L’avanzare irreversibile dell’ECONOMIA D’USO su quella di POSSESSO aggraverà fortemente il SETTORE IMMOBILIARE che diverrà sempre meno interessante e strategico soprattutto per il singolo CITTADINO. In ITALIA sarà dura a morire per una mentalità ARCAICA dell’ECONOMIA, ma saranno i giovani che non vorranno più legarsi alla proprietà MANGIA RISORSE. Se questo implicherà anche la PRIMA CASA è difficilmente quantificabile oggi, ma i giovani daranno la risposta. Essi saranno portati a seguire le OPPORTUNITA’ di lavoro piuttosto che attenderle nel luogo natio. Sarà una vera RIVOLUZIONE a cui si dovranno tutti adeguare. Il singolo INDIVIDUO sarà portato ad incrementare le disponibilità LIQUIDE per disporre di maggior POTERE D’ACQUISTO. Le AZIENDE, forse, al POSSESSO per fini di BUSINESS.
Anticipare la VIRTUOSITA’ ECONOMICA ed eliminare gli ostacoli PARASSITARI dell’IMMOBILISMO sarà la GRANDE SFIDA che il “RENZI DI TURNO” dovrà vincere. Qui permangono i dubbi sia per le “CASTE PRIVILEGIATE” e le sanguisughe attaccate alla bestia produttiva dell’ECONOMIA REALE che per alcune convinzioni ideologiche radicate nelle persone. Se riuscirà a liberarsi sia degli uni che dell’altro, otterrà sicuramente, anche se STEP BY STEP, dei risultati interessanti. Le polemiche in questo PAESE sono all’ordine del giorno, poiché parlare non si sbaglia MAI solo chi DECIDE e LAVORA SBAGLIA. Purtroppo la “mentalità mediterranea” porta a discorsi da BAR ed a niente di costruttivo. Se metà di questo PAESE ha una ECONOMIA GRECA e l’altra una ECONOMIA CONTINENTALE una motivazione esisterà. Se 70 anni di PACE, alcuni BOOM ECONOMICI ed investimenti pubblici non hanno inciso sulla crescita dell’intero PAESE, una motivazione esisterà.  Se nonostante la nostra tanto vantata “RICCHEZZA” individuale o famigliare sia superiore ai tedeschi, inglesi, americani, etc. dobbiamo essere ancora EMIGRANTI, una motivazione esisterà.

RISPONDERE COI FATTI A QUESTE DOMANDE PORTERA’ ALLA RIPRESA, IN CASO CONTRARIO ASPETTATEVI UN ATTACCO FINANZIARIO SPECULATIVO PEGGIORE DI QUELLO CHE STA COINVOLGENDO ATTUALMENTE LA GRECIA E LA NOSTRA VANTATA RICCHEZZA SVANIRA’ COME NEVE AL SOLE.



IL PERSEVERARE NELLE METODOLOGIE DELLE RENDITE PARASSITARIE  E’ COME NON CAPIRE QUANDO UN POPOLO E’ SCONFITTO.

 

VITTORIO

Gli sparanumeri



Gli sparanumeri
APPELLO AL POPOLO | MER 24 DIC
http://pulse.me/s/3elpOs
Quanti degli attuali pseudo-economisti, italiani e stranieri, che infestano i format televisivi, pontificando e sparando numeri ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

I LEADERS MONDIALI RICEVONO LO STESSO COPIONE DALLE STESSE PERSONE. NO? GUARDARE PER CREDERE



I LEADERS MONDIALI RICEVONO LO STESSO COPIONE DALLE STESSE PERSONE. NO? GUARDARE PER CREDERE
CAFÉ DE HUMANITÉ | MER 24 DIC
http://cafedehumanite.blogspot.com/2014/12/i-leaders-mondiali-ricevono-lo-stesso.html


Il primo Ministro Australiano  John Howard e quello canadese Stephen Harper leggono lo stesso copione, parola per parola,  che ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

I monopoli dei beni vitali non possono essere privati - Paolo Barnard

http://www.finanzaelambrusco.it/wp-content/uploads/2014/12/Paolo-Barnard.jpg
 Poche righe. Una delle leggi fondamentali dell’economia è che il Monopolista di qualcosa di fondamentale, come ad esempio la moneta o il petrolio, ne fissa il prezzo e non si scappa. Lo decide lui. Quando si tratta di uno Stato democraticamente eletto, il monopolio della moneta è un bene, perc...
I monopoli dei beni vitali non possono essere privati - Paolo Barnard
http://www.finanzaelambrusco.it/wp-content/uploads/2014/12/Paolo-Barnard.jpg

Il cyber-attacco preventivo degli USA alla Corea democratica avrà gravi conseguenze



Il cyber-attacco preventivo degli USA alla Corea democratica avrà gravi conseguenze
AURORA | MER 24 DIC
http://pulse.me/s/3gGyeP


Wayne Madsen Strategic Culture Foundation 23/12/2014Gli Stati Uniti hanno utilizzato le più inconsistenti prove per ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

La soluzione al Paradosso di Jevons: energia per la transizione



La soluzione al Paradosso di Jevons: energia per la transizione
EFFETTO RISORSE | MER 24 DIC
http://pulse.me/s/3fPdKj


Da "The Oil Crash". Traduzione di MRdi Antonio Turiel Cari lettori,una cosa che sono solito spiegare nei discorsi di ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Warren Buffett, l’uomo dalle uova d’oro



Warren Buffett, l'uomo dalle uova d'oro
MONEYFARM BLOG | MAR 23 DIC
http://pulse.me/s/3ekPE3


Warren Buffett, uomo più ricco del mondo (tra il 2007-2008), giovanotto poco più che ottantenne, è tra i numeri uno della ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Medioevo Italiano: "piallata" anche la Partita IVA del Regime dei Minimi (che aiutava i giovani ad inventarsi ed i disoccupati a re-inventarsi)



Medioevo Italiano: "piallata" anche la Partita IVA del Regime dei Minimi (che aiutava i giovani ad inventarsi ed i disoccupati a re-inventarsi)
IL GRANDE BLUFF | MAR 23 DIC
http://pulse.me/s/3eaLKn


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); Sei Giovane e ci stai provando? Hai perso il posto di lavoro e stai ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

GLI ERRORI DI PUTIN



GLI ERRORI DI PUTIN
COMEDONCHISCIOTTE | MER 24 DIC
http://pulse.me/s/3dn2hU


DI URIEL FANELLI keinpfusch.net In questi giorni scrivo meno, per ovvi motivi, ma visto che stanno iniziando le tensioni in ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Canale olandese ha prove fotografiche dell'abbattimento del Boeing malese in Ucraina



Canale olandese ha prove fotografiche dell'abbattimento del Boeing malese in Ucraina
LA VOCE DELLA RUSSIA, NOTIZIE | MER 24 DIC
http://italian.ruvr.ru/news/2014_12_23/Canale-olandese-ha-prove-fotografiche-dellabbattimento-del-Boeing-malese-in-Ucraina-7049/
L'emittente olandese RTL ha ricevuto delle immagini fotografiche che indicherebbero che l'aereo della Malaysian ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone