18/01/15


LA GUERRA DELLE VALUTE (XIII PARTE). COMPLIMENTI ALLA SVIZZERA !!! CONDOGLIANZE ALLA GRECIA ?


Nel gioco degli scacchi, di cui i RUSSI sono maestri, esiste una mossa che porta a difesa del RE nel caso fosse sotto attacco dell’avversario oltre che permettere una eventuale possibilità di contrattacco: l’ARROCCO. Se tutto ciò fosse trasferito a livello ECONOMICO, si potrebbe affermare che il concentrarsi sul CORE BUSINESS e dismettere ASSET NON STARTEGICI è la forma paritetica dell’ARROCCO. Quello che stiamo osservando dallo scoppio della CRISI UCRAINA è esattamente un ARROCCAMENTO delle varie ECONOMIE AVANZATE sempre più nei “PROPRI CONFINI ECONOMICI” affinché si proteggano e consolidino i risultati ottenuti nel corso del tempo. Su quali principi economici si basa l’ARROCCAMENTO DEL BUSINESS ? E per tutti ha lo stesso significato ? E quei PAESI che non lo possono effettuare quali saranno i loro destini ? Ma il dubbio più AMLETICO:  “CHI FA DA SE FA PER TRE” o “L’UNIONE FA LA FORZA”  ?

Le analisi da porre per verificare la SOPRAVVIVENZA od il FALLIMENTO dell’ECONOMIA di un  PAESE varia a secondo di principi MACROECONOMICI, ma sempre più sulla loro MENTALITA’, TRADIZIONI e CULTURA. Infatti si riscontra che PAESI con dati MACROECONOMICI considerevoli possono essere deboli sotto il profilo del PENSIERO SOCIALE COMUNE da divenire un PAESE FALLIMENTARE e viceversa altri con DATI MACROECOMICI insignificanti, ma che grazie al loro PENSIERO SOCIALE divengono interessanti oltre la SOPRAVVINVENZA. Molti poi confondono il PENSIERO SOCIALE con lo STATO SOCIALE.

Un grande filosofo, additato nel corso del secolo scorso come artefice del pensiero del MALE, disse: “Le CONVINZIONI sono peggio delle bugie per occultare maggiormente la VERITA’”. La convinzione che lo STATO SOCIALE sia prevalentemente di SINISTRA e la DESTRA ne sia l’antitesi, la storia l’ha smentito con la caduta dei REGIMI FASCISTI E COMUNISTI. Il perché è più semplice di quanto si possa immaginare, pensare che lo STATO SOCIALE sia applicabile a prescindere è stata, è e sarà la tesi che porterà sempre al suo FALLIMENTO. Ogni volta che si impone un COSTO SOCIALE esso deve essere sostenibile prima che dal lato ECONOMICO dal lato del PENSIERO SOCIALE COMUNE. Se esso va contro questo principio, esso diverrà un BOOMERANG nei confronti di chi lo propone con effetti imprevedibili. Inoltre pensare di drenare risorse economiche con leggi punitive, amministrative e penali pensando che questo risolva e sostenga il COSTO SOCIALE è chiaramente da IM….PREPARATI BECERI che non fanno altro che incrementare nei CITTADINI non la validità o la sostenibilità del costo, bensì la SUDDITANZA ad una CASTA che vuole solo preservare i suoi PRIVILEGI e concederli ad i suoi accoliti. Questo comportamento porta alla rottura dello STATO SOCIALE, poiché nessuno vuol sentirsi SUDDITTO ma CITTADINO.


Se questo principio è VERO, è evidente che i CAPITALI si muovono in funzione di preservare la loro forza, ma soprattutto la loro PERSEVERANZA. Ricordarsi anche che i capitali non si muovono da soli, ma esistono INDIVIDUI UMANI che agiscono, dovrebbe far pensare a tutti i vari COMPLOTTISTI, PERSECUTORI, “FILOSOFI IMPROVVISATI” ed “ECONOMISTI RADICALI” che sono anche le MASSE che difendono i loro INTERESSI, perché, forse contano di più EURO 200.000,00= sudati, che i CAPITALI INGENTI , poiché quest’ultimi si muovono con largo anticipo ed hanno tutti i “MEZZI LEGALI” per non sostenere i COSTI SOCIALI ESOSI di qualsiasi PAESE GLOBALE. In una fase di TURBOLENZA ECONOMICA come l’attuale, l’ARROCCAMENTO è più che MAI GIUSTIFICATO ed, osservando attentamente, non si ARROCANO i PAESI, come molti sostengono, da PARADISI FISCALI, bensì quelli di ECONOMIE FORTI e con protezioni BELLICHE oltre che ECONOMIE REALI PRODUTTIVE DI ECCELLENZA.


Le MATERIE PRIME, ed in particolare il PETROLIO, sono in discesa da INCUBO, ma vengono mitigate da un DOLLARO FORTE a fronte di VALUTE come EURO ed YEN in discesa, ma mitigate da costi di IMPORTAZIONE MAI VISTI da diversi anni a questa parte.


Molti sostengono che sia in atto una “GUERRA” tra i PAESI PRODUTTORI DI PETROLIO e gli STATI UNITI affinché vengano DISTRUTTE le società produttrici di OIL DA SCISTO che permettono agli stessi USA di divenire INDIPENDENTI dalle importazioni ed, addirittura, esportatori. Solo gli IM….PREPARATI possono pensarlo. Gli obbiettivi sono ben diversi e chi immagina la RUSSIA in questi obbiettivi è ancora più FUORVIATO. TRA LUPI NON CI SI MANGIA. Si può fare un bellissima “PARTITA A SCACCHI” per determinare il primato in ECONOMIA, ma alla fine, ed è già in PROGRESS, troveranno il GIUSTO EQUILIBRIO  fino alla prossima PARTITA. A conferma di questa partita, che diviene sempre più interessante, sono gli ultimi due avvenimenti: la RIVALUTAZIONE DEL FRANCO SVIZZERO e l’ELEZIONI GRECHE.


L’uscita dal CAMBIO FISSO con l’EURO a 1,20 ha posto il FRANCO SVIZZERO in una rivalutazione degna di un SUPERENALOTTO. Pensare a quanto abbiano guadagnato gli INGENTI CAPITALI degli OLIGARCHI di tutto il MONDO che tengono depositi presso il FORZIERE DEL GLOBO, compresi RUSSI, CINESI, ARABI etc. etc., viene da SORRIDERE quando si leggono sui BLOGS articoli che inneggiano alla RUSSIA od alla CINA e denigrano gli STATI UNITI e l’OCCIDENTE. Solo gli IM….PREPARATI possono immaginare la DEDOLLARIZAZIONE, la fine dell’OCCIDENTE, il crollo del “CAPITALISMO” od una REVENESCENZA del COMUNISMO che sta scomparendo dalla faccia della Terra, come è sparito il FASCISMO. Tutte “CONVINZIONI” personali che offuscano la VERITA’ ed illudono MASSE. Chi cavalca questo pensiero, e magari ne diverrà il condottiero, in seguito ne sarà il CARNEFICE di chi lo seguirà. Anche chi sostiene, avendo osservato il crollo della BORSA di ZURIGO, una crisi economica del PAESE DEGLI GNOMI e delle sue industrie dimostra di essere un IM….PREPARATO.  Se la rivalutazione è stata una vincita da SUPERENALOTTO, per quale motivo non incassarne una parte dei proventi ? E’ tanta manna dal cielo ed in un SOLO GIORNO. Per quanto riguarda la crisi delle sue industrie si ancora più IM….PEPARATI, poiché le loro basi produttive sono prevalentemente fuori dalla SVIZZERA ed anzi avranno un maggior sviluppo se produrranno in una VALUTA DEBOLE. Pensare all’ACQUA SAN PELLEGRINO, a MOTTA, a PERUGINA ed altri marchi ancora in mano alla NESTLE’ e con nessuna BASE PRODUTTIVA in SVIZZERA fa percepire meglio l’impatto. Non solo. Se consideriamo la LINDT, famosa per il cioccolato di ALTA QUALITA’, essa ha basi produttive anche al di fuori e il prodotto non perde in QUALITA’. Ma potremmo parlare per ore e i FATTI sarebbero sempre a favore degli GNOMI.


Un ulteriore complimento deve essere fatto sulla sorpresa e la forza, classica della MENTALITA’ TEUTONICA. Tutti sostengono che in atto una GUERRA DELLE VALUTE quindi si devono applicare STRATEGIE BELLIGERANTI all’ECONOMIA. Le GUERRE o BATTAGLIE LAMPO sono sempre state prerogative degli eserciti TEUTONICI che incidono talmente in profondità nelle difese nemiche fino allo scompaginamento dell’avversario. Essa si basa su tre principi fondamentali l’analisi del PUNTO DEBOLE, la SORPRESA e la RAPIDITA’ di esecuzione. L’eventuale loro problema è il CONSOLIDAMENTO DEI VANTAGGI ottenuti, che per la loro ampiezza possono divenire INGESTIBILI. Questa strategia non è applicabile per una FORZA DI INVASIONE che implica dispiegamento di forze militari notevoli, ma soprattutto disponibilità LOGISTICHE e RISORSE di BENI di ingente quantità. Una fusione di queste due STRATEGIE è stata posta in essere dagli ISRAELIANI i quali alla GUERRA LAMPO segue sempre un ridimensionamento dei territori conquistati e restituzione di parte di essi dietro un ACCORDO DI PACE, fino alla prossima GUERRA, In FINANZA non essendoci territori e popolazioni da conquistare il consolidamento è indubbiamente più fattibile, ma nulla è certo. Di certo è il successo dell’operazione della BNS nel breve e poi date un ‘occhiata alla CARTINA GEOGRAFICA di dove è posizionata la SVIZZERA e vedrete che il confine più LABILE, se così si può affermare, è rivolto a SUD, ma confina pur sempre con VAL D?AOSTA, PIEMONTE, LOMBARDIA e TRENTINO ALTO-ADIGE.        PIU’ CASSAFORTE DI COSI’ !!!!!!


Quello che sta accadendo nei BALCANI, con GRECIA compresa, evidenzia che la PARTITA A SCACCHI si giocherà, in questo momento, su questo territorio con la RUSSIA che vuole aprirsi sempre più una MAGGIORE APERTURA  ai “MARI APERTI” (VLADIVOSTOK è talmente distante dalla centralità ECONOMICA RUSSA e la forza ECONOMICA della CINA e GIAPPONE sono troppo predominanti) ed il consolidamento dell’UNIONE EUROPEA. La GRECIA si troverà, come tutti i PAESI dell’AREA, a dover scegliere con chi UNIRSI. Se questi PAESI reputano di rimanere ISOLE FELICI, dove essere SOVRANI di se stessi con una MONETA PROPRIA e poter sostenere il proprio DEBITO PUBBLICO causato dalla MENTALITA’ MEDITTERANEA basata sull’ASSISTENZIALISMO STATALE a prescindere, è PURA ILLUSIONE. I CANTI DELLE SIRENE che rievocano tristi passati e paure che potrebbero tornare si scontreranno con la REALTA’ ECONOMICA del PAESE, poiché nessuno si prenderà a CARICO un INDEBITATO senza una “CONGRUA” partita di scambio, Inoltre le ECONOMIE di questi PAESI non sono floride e consolidate su ECONOMIE REALI FORTI E COMPETITIVE.


La rivalutazione del FRANCO SVIZZERO implica di fatto una SCELTA DI CAMPO AUTONOMA dei PAESI di quest’area: “RIMANERE NELL’UNIONE EUROPEA CON REGOLE DEL CONTENIMENTO DEL DEBITO PUBBLICO, MA CON LA PROTEZIONE ECONOMICA DELLA BCE CHE IMPLICA ANCHE RIFINANZIAMENTI, IN CASO CONTRARIO…….. AMICI COME PRIMA ED AUGURI”. Una altra mossa è stato l’accordo della RUSSIA con la TURCHIA per il passaggio dell’oleodotto di GAS e PETROLIO al di fuori dell’UCRAINA e nel contempo una riduzione di queste materie prime ai PAESI BALCANICI. Una “FORZATURA ECONOMICA” che implica considerazioni importanti:


1) La TURCHIA non è nell’UNIONE EUROPEA, ma è un PARTNER PRIVILEGIATO e la sua CRESCITA ECONOMICA e decisamente più cospicua di tutti i BALCANI messi insieme. E’ molto popoloso ed il desiderio di questo PAESE di una maggiore “AFFERMAZIONE ECONOMICA” nell’EX IMPERO OTTOMANO è decisamente attrattiva, ma rievoca un passato decisamente preoccupante soprattutto per  GRECI e CIPRIOTTI.


2)  Se è vero che si va verso un accorpamento in poche VALUTE GLOBALI al fine di avere AREE ECONOMICHE con POPOLAZIONI NUMEROSE ed economie non di scala, ma MACROSISTEMI ECONOMICI integrati sia all’interno che all’esterno, essere “INDIPENDENTI” e sperare di essere indenni da speculazioni economiche sarà soltanto da IM….PREPARATI. Forse se si sarà su un’isola sperduta in mezzo al mar, può essere realizzabile, ma i DUBBI permangono.


3) Più un PAESE spingerà la SUA ECONOMIA ad INDEBITARSI in un ASSISTENZIALISMO SOCIALE da ancien regime dove devono PAGARE I RICCHI A FAVORE DEI POPOLI sempre più verrà emarginato. Chi sosterrà il proprio STATO SOCIALE sulla forza ECONOMICA della propria ECONOMIA REALE e favorendo investimenti ed interessi nel PAESE, non solo potrà ottenere BENESSERE, ma nemmeno fuga di CAPITALI.


4) I vari PARADISI FISCALI verranno anch’essi emarginati se non si “INTEGRERANNO” con le “REGOLE GLOBALI” della FINANZA, ma soprattutto con le ECONOMIE DOMINANTI. Il fatto che in molti di questi PARADISI si va eliminando STEP BY STEP il segreto bancario, implica il VERO OBBIETTIVO del PETROLIO BASSO. A buon intenditore poche parole. Non è la RUSSIA, che ha ridotto la PRODUZIONE, non è l’IRAN, che ha tolto anche il sostegno all’ISIS, non è la CINA, che ha trovato un ACCORDO sull’emissione nocive, non sono i PAESI del GOLFO ed ARABIA SAUDITA, a cui non rinuncerebbero MAI all’ombrello protettivo degli USA, non è di certo CUBA, visto i nuovi rapporti, ed infine non sono gli “OLIGARCHI REGOLARI” del MONDO ai quali il SEGRETO BANCARIO non li scalfisce minimamente, ma sono le “INSTABILITA’”.


Le “INSTABILITA’” possono essere “UTILI”, ma non generano PROGRESSI ECONOMICI. Se per di più sono violente, esse implicano MALESSERE od ADESIONI. Quest’ultime  sono determinate più da EMULAZIONI, che possono sfociare in CONVINZIONI. Ora considerando che la maggior parte di queste INSTABILITA’ usano il PETROLIO come fonte di approvvigionamento FINANZIARIO per acquisto di MATERIALE BELLICO, il prezzo basso implica un maggior afflusso di GREGGIO IN NERO (ottimo giro di parole) a fronte di un prezzo OBBLIGATORIAMENTE venduto più ridotto di quello del MERCATO, essendo ILLEGALE. Nel contempo gli INSTABILI non essendo produttori di MATERIALE BELLICO, i costi di acquisto di esso, essendo sempre ILLEGALE, costa maggiormente. Tutto questo in un stretto giro bancario in PARADISI FISCALI non INTEGRATI


Quanto questa STRATEGIA durerà nel tempo è difficilmente valutabile. Di certo la VALUTA FINANZIARIA per eccellenza (DOLLARO) e la VALUTA DA FORZIERE (FRANCO SVIZZERO) a livelli così alti assieme a VALUTE PRODUTTIVE (EURO E YEN) così svalutate, sono una forza DIROMPENTE su quei PAESI sostenitori o partecipi agli INSTABILI, essendo generalmente PAESI poveri ed INDEBITATI. perché verranno sempre più emarginati. Una forma nuova che non implica sanzioni, che potrebbero affamare le popolazioni e portarli ad aderire agli INSTABILI, ma mantengono scambi economici e tolgono LINFA VITALE agli INSTABILI.


Questo implica una ECONOMIA GLOBALE DEFLATTIVA in particolar modo su quei PAESI con DEBITO PUBBLICO elevato e prevalentemente ASSISTENZIALE. E qui esistono differenze tra i PAESI. Chi pone il GIAPPONE e l’ITALIA  sullo stesso piano per via dell’indebitamento dimostra di essere un IM….PREPARATO a cui dovrebbe rispondere a queste domande:


1) La nuova ABENOMICS è stata rivolta a pagare pensioni, privilegi, assistenze e favorire gli AMICI degli AMICI  od invece è stata rivolta alla ECONOMIA REALE dei CONSUMI e soprattutto alla sua POTENZA INDUSTRIALE atta a penetrare nel MERCATO GLOBALE ?


2) Il PENSIERO SOCIALE del Giappone, partendo dalla CLASSE DOMINANTE, è rivolta più ad un unione del PAESE come integrità di intenti tra chi comanda e chi deve operare od invece chi si candida lo fa per interessi personali al fine di approfittarsene delle risorse PUBBLICHE ?


3) Se è vera la tesi che afferma che l’ITALIA è un PAESE per metà con “ECONOMIA GRECA” e per l’altra “ECONOMIA CONTINENTALE”, il GIAPPONE ha l’identica situazione ?


4) Quanti Giapponesi esportano CAPITALI dai loro confini per fuggire da una politica FISCALE esorbitante e senza ritorno in servizi e quanti invece lo fanno come investimento, ma mantenendo la sede nel loro PAESE perché i loro interessi sono sostenuti dal GOVERNO ? E per l’ITALIA  ?


Ora capite cosa significa PENSIERO SOCIALE  COMUNE e quanto esso incida sull’ECONOMIA di un PAESE. A tal riguardo, la stessa BANCA D’ITALIA si è apprestata immediatamente a divulgare una crescita per il 2015 più ridotta delle antecedenti previsioni, forse a causa dei fallimenti delle valutazioni degli anni precedenti, perché non tenevano presente la variabile del PENSIERO SOCIALE COMUNE. Meglio volare basso e sperare nella DIVINA PROVVIDENZA. Se poi l’ECONOMIA CRESCE nessuno farà caso all’errore in caso contrario tutti erano stati avvisati.


Eppure i segnali favorevoli per quest’anno sono ENORMI. Se il PAESE non li sa cogliere è giusto che vada FUORI DA TUTTE LE UNIONI, perché dimostriamo di essere degli IM…..PREPARATI. L’ostacolo maggiore sono gli ITALIOTI fuori da ogni logica ECONOMICA e radicati nelle CONVINZIONI provinciali avvallate da RADICAL CHIC e KATO-COMUNISTI più interessati a mantenere i loro privilegi che a diffondere VERITA’. Qualcuno ha definito il PAESE nemmeno STATALISTA, bensì MEDIOEVALE. Forse non ha tutti i torti, ma di certo è un PAESE ARCAICO dove tutto è legato a stereotipi di MONOPOLIO più che una sana concorrenza. E’ sufficiente osservare le varie LOBBY e come esse incidono sull’ECONOMIA non tanto per il progresso quanto per il regresso ECONOMICO. La stessa nostra BORSA più del 50 % è rivolta a SOCIETA’ FINANZIARIE che PRODUTTIVE. Una grande anomalia per un PAESE considerato MANIFATTURIERO e che identifica quanto si prevalga la RENDITA, la quale porterà sempre di più all’impoverimento degli ITALIOTI che non hanno ancora percepito che in atto una RIVOLUZIONE ECONOMICA  che porterà dal POSSESSO all’USO dei BENI soprattutto per quanto riguarda il PRIVATO più che le AZIENDE. L’INDICE che conterà non sarà più il PATRIMONIO, ma il POTERE D’ACQUISTO dell’individuo. Esso è talmente marcato tra l’italiano ed il tedesco da identificare ricco il primo, ma sotto il profilo pratico è esattamente il contrario. Il tedesco ha un POTERE D’ACQUISTO molto superiore.


Sapete dove si può mettere un ITALIOTA, proprietario di IMMOBILI (esclusa la prima casa) con tutte le TASSE, SPESE CONDOMINIALI, SERVIZI ACCESSORI e scarsa LIQUIDITA’, il suo MATTONE. Decisamente non in bocca perché non è commestibile.

 

VITTORIO

Richard Werner on banking and how banks create money - YouTube

Richard Werner on banking and how banks create money - YouTube

Il Parlamento Europeo marcia unanime verso la guerra



Il Parlamento Europeo marcia unanime verso la guerra
RISVEGLIO GLOBALE | DOM 18 GEN
http://pulse.me/s/3iFppM
Leggi qui:http://www.vineyardsaker.it/brevi-e-importanti/il-parlamento-europeo-marcia-unanime-verso-la-guerra/questa è la ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Allarme Cina negli Usa



Allarme Cina negli Usa
ARTICOLI | DOM 18 GEN
http://pulse.me/s/3iPGFR


L'arte della guerra   Il governo cinese ricorre a «sleali» pratiche commerciali,   stimolando l'economia e le esportazioni con ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Update: Predicting the Next Recession



Update: Predicting the Next Recession
CALCULATED RISK | DOM 18 GEN
http://pulse.me/s/3hMmy3


Recently there has been some discussion of a recession in 2015. That seems very unlikely to me - I'm not even on ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

The ECB Switches Into ‘Red Alert’ Mode



The ECB Switches Into 'Red Alert' Mode
ZERO HEDGE BLOGS | DOM 18 GEN
http://pulse.me/s/3hQgn7


Now it has become increasingly obvious the European economy is stuck in an extremely dangerous deflationary spiral, ECB ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

E ADESSO TOCCA ALLA DANIMARCA!! DIFENDERE O NON DIFENDERE QUESTO E' IL DILEMMA!



E ADESSO TOCCA ALLA DANIMARCA!! DIFENDERE O NON DIFENDERE QUESTO E' IL DILEMMA!
MERCATO LIBERO | DOM 18 GEN
http://pulse.me/s/3je9iX


ECCOLO IL NUOVO JORDAN : Danish Economy Minister Oestergaard says that EUR/DKK peg is securela banca centrale di Copenaghen ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

ALLARME TEDESCO: “MASSICCIA FUGA DI CAPITALI DALL’ITALIA” - CRISI DI LIQUIDITÀ PER IL SECONDO GRUPPO BANCARIO ELLENICO - LA FUGA DI CAPITALI IN GRECIA STA ACCELERANDO, SENZA ASPETTARE I RISULTATI DELLE ELEZIONI



ALLARME TEDESCO: "MASSICCIA FUGA DI CAPITALI DALL'ITALIA" - CRISI DI LIQUIDITÀ PER IL SECONDO GRUPPO BANCARIO ELLENICO - LA FUGA DI CAPITALI IN GRECIA STA ACCELERANDO, SENZA ASPETTARE I RISULTATI DELLE ELEZIONI
ARTICOLI | DOM 18 GEN
http://pulse.me/s/3cUY8W
EURO CRAC Rosaria Amato per La Repubblica   Si allarga l"allarme banche in Grecia. Se nei giorni scorsi si ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Temperature globali in aumento? Fosse solo quello il problema......



Temperature globali in aumento? Fosse solo quello il problema......
EFFETTO RISORSE | DOM 18 GEN
http://pulse.me/s/3hCkU6


Da "The Guardian". Traduzione di MR (h/t Luca Pardi)Oceani sempre più acidi minacciano le popolazioni di mitili del mondo Le ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Tweet da Andrea Mazzalai (@icebergfinanza)

Andrea Mazzalai (@icebergfinanza)
Le notizie di questi giorni su fallimenti di piccoli brokers o perdite banche probabilmente sono solo antipasto default hedge fund o banca

Scarica l'app ufficiale di Twitter qui


Inviato da iPhone

La farsa della libertà di espressione

Dal Palazzo dell'Eliseo all'indomani dei terribili omicidi in Francia della scorsa settimana, l'ex presidente Nicolas Sarkozy ha condannato la violenza come "un attacco alla civiltà". Ben pettinato, abbronzato ed elegantemente vestito, le sue solenni parole lo facevano apparire come l'incarnazione della "civiltà".
Si tratta di un restyling unico di un politico che è coinvolto in accuse di azioni illegali, corruzione e crimini di guerra.
Di Finian Cunningham
Dissidentvoice
 
Sarkozy non si preoccupava troppo di "civiltà", quando lui e i suoi alleati britannici lanciavano la campagna di bombardamenti della NATO in Libia nel marzo 2011, in palese violazione del mandato delle Nazioni Unite, attacchi che dopo sette mesi hanno portato all'omicidio del vecchio leader libico Muammar Gheddafi - dal quale Sarkozy in passato, compiaciuto e in gran segreto, aveva ricevuto donazioni per le sue campagne, prima di accoltellarlo alle spalle.

Grecia: soldi ritirati dalle banche. Ecco cosa sta succedendo e perché



Grecia: soldi ritirati dalle banche. Ecco cosa sta succedendo e perché
FOREX TRADING ONLINE: FOREXINFO.IT | DOM 18 GEN
http://pulse.me/s/3e2s5L
In vista delle elezioni politiche del 25 Gennaio i cittadini della Grecia hanno già iniziato a correre ai ripari ritirando i ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Articolo da Scenarieconomici.it's Facebook Wall



http://pulse.me/s/3hlDoy

SCENARIECONOMICI.IT'S FACEBOOK WALL | DOM 18 GEN



Ecco la prova che Draghi mente sull'irreversibilità dell'euro! (di Antonio Maria Rinaldi)ScenarieconomiciScenarieconomici.it ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Il papà di Renzi ora rischia anche la truffa



Il papà di Renzi ora rischia anche la truffa
IL CONTAGIO | DOM 18 GEN
http://pulse.me/s/3g8Kel


DOPO L'INCHIESTA CHE LO VEDE INDAGATO PER BANCAROTTA, AVVIATE NUOVE INDAGINI SUL MUTUO INSOLUTO PAGATO DALLO STATO. Dal papà ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Ordine pubblico, Via libera all’impiego dello spray al peperoncino



Ordine pubblico, Via libera all'impiego dello spray al peperoncino
INFORMARE PER RESISTERE | SAB 17 GEN
http://pulse.me/s/3deBIh
Via libera all'impiego dello spray al peperoncino nei servizi di ordine pubblico. Una sperimentazione di sei mesi partirà per i ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Valerie LOPEZ, rivela la frode bancaria su una TV americana



Valerie LOPEZ, rivela la frode bancaria su una TV americana
STAMPA LIBERA | SAB 17 GEN
http://pulse.me/s/3i1GhZ Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

IDEE/ La moneta per uscire dalla crisi



IDEE/ La moneta per uscire dalla crisi
IL SUSSIDIARIO.NET :: ECONOMIA E FINANZA | DOM 18 GEN
http://pulse.me/s/3iY2lW
Per uscire dalla crisi, spiega MAURO ARTIBANI, bisogna tornare a vedere il valore, dare la spinta per riattivare il ciclo del ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Abbiamo pagato, ora almeno non fatecele più vedere



Abbiamo pagato, ora almeno non fatecele più vedere
INFORMARE | DOM 18 GEN
http://pulse.me/s/3jxhvw


  (Gianfrasket) - Continua implacabile il martellamento dei media italiani sulla generosità, l'altruismo, la ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Ciò che Dio unisce - Sacha Naspini

http://www.finanzaelambrusco.it/wp-content/uploads/2015/01/cio-che-dio-unisce.jpg
 Sacha Naspini torna a scrivere le storie che piacciono a noi, quelle ce l’hanno fatto conoscere e apprezzare, in piena sintonia con I cariolanti (Elliot, 2009) e Le nostre assenze (Elliot, 2012), ma anche con L’ingrato e I sassi (Il Foglio Letterario, 2009). Storie di vita quotidiana, romanzi di...
Ciò che Dio unisce - Sacha Naspini
http://www.finanzaelambrusco.it/wp-content/uploads/2015/01/cio-che-dio-unisce.jpg