27/02/15

CNN: allarme yuan. La valuta cinese è troppo debole



CNN: allarme yuan. La valuta cinese è troppo debole
VALORI.IT | VEN 27 FEB
http://pulse.me/s/3yxtnA
La valuta cinese rischia di deprezzarsi eccessivamente rispetto al dollaro con conseguenze potenzialmente problematiche per il ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Grecia: Colpirne uno per educarne cento



Grecia: Colpirne uno per educarne cento
FEATURED | VEN 27 FEB
http://pulse.me/s/3ykdjo


"Colpirne uno per educarne cento: Questa era la risposta tedesca al problema dalla crisi greca e l'inflessibilità doveva ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

La liquidità è ferma sui conti correnti (tranne che in Grecia)



La liquidità è ferma sui conti correnti (tranne che in Grecia)
IL MIO BLOG DI ECONOMIA E FINANZA | VEN 27 FEB
http://pulse.me/s/3zcnHZ


Fonte: Elaborazioni su dati BCEIl 2015 si apre con i prestiti al settore privato non bancario della zona euro sostanzialmente ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Congiuntura: alla via così



Congiuntura: alla via così
PIANO INCLINATO | VEN 27 FEB
http://www.pianoinclinato.it/congiuntura-alla-via-cosi/
Queste ultime settimane di dati hanno confermato le indicazioni macroeconomiche che ho sostenuto nei mesi scorsi: 1) la ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Commento ai dati degli Stati Uniti

http://www.finanzaelambrusco.it/wp-content/uploads/2015/02/American-Independence-525x393.png
 Nuovamente in calo le nuove richieste di sussidi di disoccupazione, sotto quota 300 mila (-21 mila unità a 283 mila) nell’ultima settimana, e senza effetti straordinari.  La settimana di osservazione, inoltre, è la stessa dell’Employment report di febbraio, il che potrebbe preludere a un dato mo...
Commento ai dati degli Stati Uniti
http://www.finanzaelambrusco.it/wp-content/uploads/2015/02/American-Independence-525x393.png

2 consigli VINCENTI per investire il tuo capitale

****************************************************
Nota di Zio: Mi sono registrato sul sito Deshgold di Gennaro Porcelli per poter
scaricare gratis il suo ebook sull'oro e sulla moneta fiat (senza valore intrinseco)
vi consiglio di non perderlo perché sarebbe un grave errore non leggerlo!!
Ziobarbero   
****************************************************




Leggo spesso di commenti critici circa l’investimento in oro fisico nel lungo termine. 
La confusione che si genera è spesso ingiustificata e senza basi, ritengo quindi di dover fare chiarezza, perché, a quanto pare, la questione “investire in oro fisico nel breve o lungo termine” è mal posta e generica.

Le fasi che caratterizzano la gestione di portafoglio sono due: quella “strategica” e quella“tattica”.
La fase strategica di costruzione di un portafoglio dovrebbe individuare quali classi d’attività (asset class), potrà dare i maggiori rendimenti futuri in un’ottica d’investimento di lungo periodo. Solo a questo punto l’investitore (o il risparmiatore) dovrebbe destinare una parte determinante del suo patrimonio in questa asset class (coerente con i livelli di massimo rischio accettato, ovviamente).
Questa fase si caratterizza come stadio ex ante della gestione del patrimonio.
Nella fase tattica, invece, l’investitore/risparmiatore tenterà di cogliere profitto nei movimenti di brevissimo, breve e medio termine dell’asset class individuata nella fase strategica.
Quindi la fase tattica è una fase ex post.

Le due fasi hanno sempre e comunque un obiettivo basilare: massimizzare i rendimenti (attesi).
La fase strategica è fondamentale. Il risparmiatore deve essere in grado di anticipare i movimenti di lungo termine di una determinata asset class.
Se non si è in grado di riconoscere la classe d’attività che sovraperformerà il mercato, il rischio è quello di intaccare la solidità del patrimonio, condizionando negativamente (nonchè compromettendo) il valore di portafoglio.
La fase tattica di gestione del patrimonio è determinata, invece, dalla volontà di migliorare l’efficienza del portafoglio strategico.

Lasciate che vi racconti una mia esperienza come esempio.
Verso la fine del 1999 avevo previsto lo scoppio di una bolla speculativa sui mercati azionari statunintensi.
Il credito facile e una bolla speculativa di fine secolo aveva dato origine a un clamoroso rigonfiamento delle quotazioni azionarie, soprattutto negli USA (il Dow Jones correva al rialzo dal 1982; il grave crollo azionario dell’ottobre 1987 era stato superato senza gravi traumi e il Dow – dal 1982 al 1999 – era in rialzo del + 1.150%).
Al Nasdaq di New York alcune azioni del settore Internet guadagnavano il + 1.500% nell’arco di un solo anno di contrattazioni.
I mercati azionari USA (ma anche quelli mondiali) erano in preda alla frenesia azionaria di fine millennio.
L’oro e il petrolio, invece, erano classi d’attività fortemente sottovalutate.
Ne dedussi che il ciclo del mercato azionario era giunto al suo “picco”, mentre il ciclo del metallo giallo era giunto ai minimi del suo ventennio (nel 1980 le quotazioni dell’oro erano giunte a quotare più di $800,00 per oncia).
Cominciai a “sottopesare” l’azionario (tranne l’acquisto di azioni minerarie). Nel 2001 cominciai a “sovrappesare” decisamente l’investimento in oro fisico da investimento.
Prevedevo un rialzo delle quotazioni del barile di oro nero che avrebbero portato verso l’alto tutte le commodities; di riflesso, le quotazioni dell’oro sarebbero schizzate al rialzo.
Prevedevo anche la fine del dollaro americano come valuta di riserva (anche se in un arco temporale di 20 – 25 anni dal 2000).
Per tutto il decennio continuai ad accumulare oro da investimento (ed azioni minerarie, con le plusvalenze delle quali acquisivo oro fisico).
Mi presi una pausa a fine 2010.
Mi fermai, l’oro aveva corso per 10 anni consecutivi (a parte una forte pausa ribassista – pullback – durante la crisi dei mutui subprime, l’oro aveva sempre corso al rialzo, mai un pullback durato più di 12 mesi).
Avevo costruito il mio “portafoglio strategico” di lungo periodo; l’asset class di riferimento era l’oro fisico.
Quindi, a inizio 2000 avevo avuto la fortuna di individuare (ex ante) nell’oro fisico l’asset class che mi avrebbe dato le migliori soddisfazioni nell’incipiente inizio del ciclo economico.
Dal 2013 e a fine 2014 sono ritornato nel mercato dell’oro fisico mi sono preposto di acquisire ancora oro fisico per massimizzare i rendimenti di breve termine (tre anni, tre anni e mezzo).
I miei ultimi acquisti fanno parte della fase tattica di gestione del mio portafoglio, quella di breve termine.
Intendo mantenere la mia quota di oro fisico strategico sino alla fine del ciclo dell’oro, mentre la quota di oro fisico che ho acquistato nel 2013 e 2014, la utilizzerò come investimento di breve termine in grado di ottimizzare il rendimento del portafoglio in generale.

Spero di essermi chiarito: 
  • individuare l'asset class di riferimento (una dalla crescita sicura, eh!) e investire una parte consistente del portafogli;
  • giocare con la restante parte nei cicli di breve termine, cercando di massimizzare il profitto.

Per gestire un portafoglio o un patrimonio è fondamentale che ogni investitore/risparmiatore identifichi quale asset class potrà sovraperfomare il mercato in un’orizzonte temporale di lungo termine.
Per farlo è necessario determinare le fasi di un ciclo finanziario: per esempio, chi avesse acquistato oro fisico nel 1980 al culmine delle sue quotazioni, avrebbe fatto un pessimo investimento se avesse voluto massimizzare i rendimenti nel breve termine perchè il ciclo dell’oro toccava il suo “picco” proprio nel 1980.
Chi avesse investito oro in quell’anno sarebbe stato costretto a tenerlo in portafoglio per almeno 30 anni per avere un rendimento soddisfacente.
Con questo non intendo dire che chi ha investito in oro fisico nel 1980 abbia fatto un’errore: in effetti, a settembre 2011 le quotazioni dell’oro toccavano i $1.921,00 per oncia.
Dipende sempre dall’orizzonte temporale dell’investimento che quel risparmiatore/investitore si era posto nella gestione del suo portafoglio.
Se quell’investitore si era posto un orizzonte temporale di lunghissimo termine (magari crearsi un proprio fondo pensione in oro), non avrebbe fatto un pessimo investimento, anzi. Ma se vogliamo avvantaggiarci delle potenzialità di un ciclo finanziario è chiaramente fondamentale riconoscere le fasi iniziali del ciclo rialzista di una classe d’attività.

Potremo successivamente incrementare l’efficienza del portafoglio, all’interno dello stesso ciclo, investendo nelle fasi di pausa ribassista (pullback), prendendo profitto anche a breve termine (tre anni).
Ovvio che se abbiamo intenzione di realizzare il maggior profitto nell’arco di un ciclo finanziario, dovremo essere bravi ad individuare l'inizio di una fase rialzista. 

FOREIGN POLICY: E’ ORA DI CACCIARE LA GERMANIA DALL’EUROZONA

Su Foreign Policy il prof.  P. Chovanec, della Columbia University,  ribadisce che il problema dell’eurozona sono gli squilibri tra i paesi, non i debiti pubblici. In questo senso, la Germania è il paese più sbilanciato di tutti, e una sua uscita dall’euro sarebbe la soluzione migliore, come già da tempo ha chiarito il Manifesto di Solidarietà Europea................Continua a leggere

Giappone: produzione auto in calo -9,8% a gennaio



Giappone: produzione auto in calo -9,8% a gennaio
IL SUSSIDIARIO.NET :: ECONOMIA E FINANZA | VEN 27 FEB
http://pulse.me/s/3xM8Pk
(Pubblicato il Fri, 27 Feb 2015 08:04:00 GMT) Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPad

Wall Street non può scendere (per il momento)



Wall Street non può scendere (per il momento)
FINANZA IN CHIARO | VEN 27 FEB
http://pulse.me/s/3zgCpj


Ancora un recupero finale Salgono J&J, Cisco Systems e Amex. Scendono Caterpillar, Chevron ed Ibm. Sul Nasdaq in luce ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPad

Il caso Grecia dimostra che dall’euro si esce solo con una guerra o con la rivoluzione (di Antonio Maria Rinaldi)



Il caso Grecia dimostra che dall'euro si esce solo con una guerra o con la rivoluzione (di Antonio Maria Rinaldi)
BLOG DI POPOLI LIBERI E COMUNITA' IPHARRA | VEN 27 FEB
http://pulse.me/s/3xMwkp


Il caso greco, ma sarebbe più opportuno chiamarla direttamente la tragedia greca, ha definitamente fatto ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPad

Articolo da Come Don Chisciotte



http://pulse.me/s/3zeOw3

COME DON CHISCIOTTE | VEN 27 FEB



  FONTE MOON OF ALABAMA Gli USA stanno aggirando la loro autodichiarata politica di non inviare armi in Ucraina o nei ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPad

In Asia è guerra di valute, yuan ai minimi da due anni. Borsa di Tokyo +0,1%



In Asia è guerra di valute, yuan ai minimi da due anni. Borsa di Tokyo +0,1%
MILANO FINANZA | VEN 27 FEB
http://www.milanofinanza.it/news/in-asia-e-guerra-di-valute-yuan-ai-minimi-da-due-anni-borsa-di-tokyo-0-1-201502270759446419/


Borse asiatiche piatte (Tokyo +0,1%). Yuan ai minimi degli ultimi due anni contro il dollaro perché gli investitori vedono il ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPad

VIGILIA QE...SPREAD BUND BTP SOTTO I 100 PUNTI BASE? TASSI DECENNALE TEDESCO ALLO 0.3%



VIGILIA QE...SPREAD BUND BTP SOTTO I 100 PUNTI BASE? TASSI DECENNALE TEDESCO ALLO 0.3%
MERCATO LIBERO | VEN 27 FEB
http://pulse.me/s/3xv4dq


- ultimo giorno di febbraio, dollaro fortissimo, yuan fortissimo, sterlina fortissima, pure rublo fortissimo....O ....O FORSE ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPad

FLASH! - LA PRIMA FOTO DI 'JIHADI JOHN', IL BOIA DELL'ISIS IL CUI VERO NOME E' MOHAMED EMWAZI, LONDINESE, CHE FU ARRESTATO DALL’ANTITERRORISMO BRITANNICO NEL 2010



FLASH! - LA PRIMA FOTO DI 'JIHADI JOHN', IL BOIA DELL'ISIS IL CUI VERO NOME E' MOHAMED EMWAZI, LONDINESE, CHE FU ARRESTATO DALL'ANTITERRORISMO BRITANNICO NEL 2010
ARTICOLI | VEN 27 FEB
http://pulse.me/s/3xG3LB Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPad

UTILI vs PIL: il mondo rischia la recessione?



UTILI vs PIL: il mondo rischia la recessione?
INTERMARKETANDMORE | VEN 27 FEB
http://pulse.me/s/3znI4k


Uno studio di Société Générale mette a confronto i dati sulla crescita degli utili societari con la crescita del PIL reale ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPad

Per la casta priorità la cittadinanza agli stranieri. Per ultimo via i vitalizi ai condannati



Per la casta priorità la cittadinanza agli stranieri. Per ultimo via i vitalizi ai condannati
L'INDIPENDENZA NUOVA | VEN 27 FEB
http://pulse.me/s/3zvlvc


di CASSANDRA Per i cittadini, come dimostra il recente sondaggio di Eurobarometro, la priorità è affrontare il problema ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPad

Il punto sui mercati

http://www.finanzaelambrusco.it/wp-content/uploads/2015/02/31284282-a-souligne-l-homme-3d-debout-entre-des-points-d-interrogation-rouges-sur-fond-blanc-les-problemes-tr.jpg



 L’S&P500 sopra 2100, un livello non distante dai target di fine anno di molti strategist, può iniziare a costituire un problema? Diciamo che quantomeno fa sorgere qualche dubbio, tanto più in una fase in cui dovrebbe tornare di attualità il dibattito sul rialzo dei tassi di interesse da p...
Il punto sui mercati
http://www.finanzaelambrusco.it/wp-content/uploads/2015/02/31284282-a-souligne-l-homme-3d-debout-entre-des-points-d-interrogation-rouges-sur-fond-blanc-les-problemes-tr.jpg