10/04/15

CHI FINANZIA I PRESIDENTI DEGLI STATI UNITI? A breve, Jeb Bush, fratello dell'e...



CHI FINANZIA I PRESIDENTI DEGLI STATI UNITI? A breve, Jeb Bush, fratello dell'e...
ABBATTIAMO LA FRODE BANCARIA E IL SIGNORAGGIO'S FACEBOOK WALL | VEN 10 APR
http://pulse.me/s/3ThLE9


CHI FINANZIA I PRESIDENTI DEGLI STATI UNITI? A breve, Jeb Bush, fratello dell'ex presidente George W Bush e Hillary ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

LA DISTRUZONE DEGLI OCEANI



LA DISTRUZONE DEGLI OCEANI
COME DON CHISCIOTTE | VEN 10 APR
http://pulse.me/s/3RSuwc


DI PAUL CRAIG ROBERTS paulcraigroberts.org Sono un ammiratore delle inchieste di Dahr Jamail. In questo articolo, Oceani in ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Barclays, 7 commodity ai raggi X

http://www.finanzaelambrusco.it/wp-content/uploads/2015/04/commodity-trading.jpg
  Ecco le proiezioni degli specialisti di Barclays sui prossimi trimestri.
1) Petrolio Brent. Dopo aver perso oltre il 45% rispetto a un anno fa, la quotazione del Brent è stimata 47 dollari al barile nel secondo trimestre 2015 (da 53 nel primo), in leggero recupero a 50 dollari nel terzo, per po...
Barclays, 7 commodity ai raggi X
http://www.finanzaelambrusco.it/wp-content/uploads/2015/04/commodity-trading.jpg

Non chiamateli più tassi di interesse o titoli con rendimento



Non chiamateli più tassi di interesse o titoli con rendimento
INTERMARKETANDMORE | VEN 10 APR
http://pulse.me/s/3TlStu


Ormai i record non si contano più. Il più clamoroso forse riguarda la Svizzera che un paio di giorni fa si è ritrovata con ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Spelling Out The Big Reset



Spelling Out The Big Reset
ZERO HEDGE | VEN 10 APR
http://pulse.me/s/3S9H6w


Written by LK in Hong Kong, Courtesy of Bullionstar Blogs Spelling Out The Big Reset As economies age, debt builds up. Advanced ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

EVANS-PRITCHARD: IL MALTRATTAMENTO DELLA GRECIA DA PARTE DELLA UE È UN REGALO ALLA RUSSIA DI PUTIN

Ambrose Evans-Pritchard sul Telegraph commenta – con una certa preoccupazione per il futuro dell’Alleanza Atlantica e per quello che lui chiama il sistema di sicurezza occidentale –   il progressivo avvicinamento tra Grecia e Russia, che non ha prodotto risultati eclatanti ma ha posto le premesse per una buona collaborazione futura compromettendo l’unità del fronte occidentale, mentre la Grecia si prepara probabilmente a un default verso la BCE.  La responsabilità è tutta di un’Europa che, nata per essere un’unione fraterna, si sta facendo a pezzi da sola per il “vil denaro”.....Continua a leggere

Febbraio 2015: Ancora Credit Crunch, Sempre meno Prestiti a Famiglie e Imprese



Febbraio 2015: Ancora Credit Crunch, Sempre meno Prestiti a Famiglie e Imprese
RISCHIO CALCOLATO | VEN 10 APR
http://pulse.me/s/3U0zT0


E' nato prima l'uovo o la gallina. Ovvero. Sono le banche che non concedono credito o non c'è nulla con un ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

ECCO L’88° SEGNALE DELLA CRISI: ITALIA E FRANCIA SENZA CARNE E PESCE A TAVOLA



ECCO L'88° SEGNALE DELLA CRISI: ITALIA E FRANCIA SENZA CARNE E PESCE A TAVOLA
RISCHIO CALCOLATO | VEN 10 APR
http://pulse.me/s/3QDkz7


di LUIGI CORTINOVIS Mentre loro mangiamo alla mensa del Senato spendendo quattro soldi, chi vive del proprio fa sempre più ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

SPY FINANZA/ La bolla cinese nascosta dai rally di Borsa



SPY FINANZA/ La bolla cinese nascosta dai rally di Borsa
IL SUSSIDIARIO.NET :: ECONOMIA E FINANZA | VEN 10 APR
http://pulse.me/s/3ThWaK
In Cina continua a crescere la bolla equity, con conti trader in progressivo aumento. Il centro nevralgico sembra essere nel ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

DALLA GRECIA/ 24 aprile, la nuova "data di scadenza" per Atene



DALLA GRECIA/ 24 aprile, la nuova "data di scadenza" per Atene
IL SUSSIDIARIO.NET :: ECONOMIA E FINANZA | VEN 10 APR
http://pulse.me/s/3Qo8Q2
Tsipras è stato in visita a Mosca. Nel frattempo la Grecia ha versato quanto previsto al Fmi. Ora si attende la fatidica data ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Vi ricordo che il capo delle COOP è ministro.



Vi ricordo che il capo delle COOP è ministro.
FORUM DI FINANZAONLINE.COM | VEN 10 APR
http://pulse.me/s/3S8bBP

Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

VENETO BANCA PERDE IL 23% DEL VALORE...E 75708 COGLIONI DEI SUOI AZIONISTI PIANGONO! MERCATO LIBERO RIDE!



VENETO BANCA PERDE IL 23% DEL VALORE...E 75708 COGLIONI DEI SUOI AZIONISTI PIANGONO! MERCATO LIBERO RIDE!
MERCATO LIBERO | VEN 10 APR
http://pulse.me/s/3SoNKj


ALTRA GIORNATA DI PROFONDA GIOIA PER MERCATO LIBERO...NELL'APPRENDERE CHE VENETO BANCA HA REGALATO UN MEGA SUPPOSTONE GALATTICO ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

CIFRE INCREDIBILI: QUESTO STATO CI PRIVA DEI DIRITTI, MA SPRECA ALLA GRANDE



CIFRE INCREDIBILI: QUESTO STATO CI PRIVA DEI DIRITTI, MA SPRECA ALLA GRANDE
BLOG MBI | VEN 10 APR
http://pulse.me/s/3TtTs0


Elenco semi completo di come vengono spesi i soldi degli Italiani, sono cifre enormi…….ma guardate per che ... Read more

--
Sent via Pulse/


Inviato da iPhone

Tassa di successione, stangata sulle aliquote

http://www.finanzaelambrusco.it/wp-content/uploads/2015/04/Successione.jpg
 Continuano le novità fiscali previste per il 2015. Dopo la riforma del catasto e del consequenziale aumento di Imu e Tasi ed altre imposte sugli immobili, l’anno appena iniziato porterà modifiche sulla tassa  di successione.
L’imposta di successione e donazione è una tassa dovuta per...
Tassa di successione, stangata sulle aliquote
http://www.finanzaelambrusco.it/wp-content/uploads/2015/04/Successione.jpg

Articolo pubblicato  su MERCATOLIBERONEWS del 09/04/2015.


AL LUPO !!  AL LUPO !!  ED IL LUPO ARRIVO’.

 

Prima di leggere l’articolo, pregherei il lettore di leggere o rileggere l’articolo che scrissi su questo sito in data 11/12/2013: “ITALIA; UN PAESE DESTINATO AD AVVOCATI CHE GIOCANO A MONOPOLI.”  per evidenziare che i fatti drammatici di MILANO accaduti in data odierna sono stati una sorpresa solo per chi pensava di essere intoccabile, ma per i cittadini ONESTI MASSACRATI E DEPAUPERATI dalla crisi non sono altro che una conseguenza ORRIPILANTE E TRAGICA di una persona deviata mentalmente, ma che molti non si sono meravigliati anche se non hanno condiviso la drammaticità e l'epilogo.  

Il personaggio che ha scatenato la sua ira paranoica e la sua situazione processuale di truffatore e truffato, non è minimamente paragonabile a quello che  devono subire gli imprenditori SERI dalle “angherie” degli addetti ai lavori della LEGGE. Questo non significa che quest’ultimi approvino la scelta e sicuramente in via “UFFICIALE” nessuno dirà MAI la sua personale opinione contro le istituzioni e la poca UMANITA’ ED ETICA che alcuni gestori della LEGGE usano per INTERESSE PERSONALE nei fallimenti o le disavventure dei malcapitati della CRISI. Il punto “6” dell’articolo del 11/12/2013 evidenziava quello che accadeva nei tribunali italiani e che lo stesso articolo ANSA qui sotto manifestava già nel 2009:


DA ARCHIVIO ANSA. Nel 2009 quando il giudice Ciampi arrivò al tribunale fallimentare

L'articolo dell'Ansa © Ansa

 

09 aprile 201512:19News

 (ANSA) - MILANO, 19 GIU 2009 - ''Ho letto la notizia con una certa sorpresa e apprensione''. Lo ha detto questa mattina Fernando Ciampi, il presidente facente funzione della sezione fallimentare del Tribunale di Milano riferendosi alla vicenda del giudice Maria Rosaria Grossi, finita sotto inchiesta a Brescia e della quale ha preso il posto come capo pro tempore dell'ufficio in quanto e' scaduto il mandato del presidente Bartolomeo Quatraro. Il giudice Ciampi non ha detto altro sulla vicenda essendo arrivato oggi alla sezione fallimentare, dopo aver ricevuto un incarico a partire dal 19 giugno fino al 30 settembre, nulla sapeva dell'iniziativa dei giudici che hanno raccolto le confidenze di alcuni professionisti, avviato una indagine interna e steso un dettagliata relazione al presidente del Tribunale Livia Pomodoro. Relazione che e' finita alla Procura di Brescia e ha dato il via all'inchiesta nel quale il giudice Grossi e' indagato per tentata concussione e abuso di ufficio. Nei suoi confronti il Pm Fabio Salomone, ha chiesto la sospensione dal servizio. Il magistrato e' stato convocata per essere interrogato dal Gip il primo di luglio. Da quanto si e' saputo la relazione dei giudici fallimentari adombrerebbe il sospetto (in base ai racconti raccolti) che Grossi nominasse nelle varie procedure fallimentari commercialisti di suo gradimento scavalcando i curatori. Commercialisti con cui poi avrebbe suddiviso, questa e' l'ipotesi, i compensi ottenuti. Cosa che sarebbe anche accaduta con un avvocato scomparso nella primavera dell'anno scorso e che avrebbe avuto rapporti molto stretti con il giudice ora indagato.(ANSA).

Ora se già nel lontano 2009 si sapeva di quanto “ALCUNI” rappresentanti delle leggi, non delle FORZE DELL’ORDINE bensì come PROFESSIONISTI,  lucravano sui poveri DISPERATI della crisi portandoli come dice l’articolo qui sotto del WSI in data odierna, ad essere UMILIATI ED ANNICHILITI sia come imprenditori ma soprattutto come “UOMINI.”

 

Crisi, raddoppiato numero di suicidi per cause economiche

 

Più di 200 i casi solo in Italia nel 2014. Da inizio crisi 439 morti. Trend peggiore delle morti bianche e età vittime si sta abbassando.  

ROMA (WSI) - I casi di morti bianche sono più numerosi, ma i suicidi per via della crisi economica sono più che raddoppiati mentre i caduti sul lavoro sono in costante diminuzione.
Negli ultimi 3 anni i suicidi per motivi legati alla crisi sono aumentati di oltre il 100% in Italia, attestandosi a 439. Nel solo 2014 sono state complessivamente 201 le persone che si sono tolte la vita per motivazioni economiche, rispetto ai 149 casi registrati nel 2013 e agli 89 del 2012.
Sono questi gli ultimi dati resi noti da Link Lab, il Laboratorio di Ricerca Socio-Economica dell’Università degli Studi Link Campus University, che da oltre tre anni studia il fenomeno e che adesso pubblica i dati complessivi di un’attività di monitoraggio avviata nel 2012.
«La crisi economica continua a contare le sue vittime – dichiara Nicola Ferrigni, docente di Sociologia della Link Campus University e direttore di Link Lab – che negli ultimi tre anni sono cresciute in maniera esponenziale. Dopo l’impennata registrata nel 2013, infatti, i suicidi legati a difficoltà economiche hanno conosciuto un ulteriore e significativo aumento nel corso del 2014 risultando più che raddoppiati rispetto al 2012. Un’escalation che ben rappresenta un drammatico scenario in cui debiti, fallimenti, licenziamenti, stipendi non percepiti, disoccupazione diventano il movente di stragi che si consumano quotidianamente. L'analisi complessiva dei 3 anni, evidenzia un fenomeno che sta interessando in maniera trasversale strati sempre più ampi della popolazione senza alcuna particolare caratterizzazione geografica, investendo con la stessa forza Nord, Sud ed Isole, e che sta trascinando prepotentemente verso la disperazione non più solo imprenditori e titolari di azienda ma un numero sempre più considerevole di disoccupati: 45% gli imprenditori suicidi, 42% i disoccupati».
Segnali positivi sono arrivati solo negli ultimi mesi dell'anno scorso, che registrano una "significativa diminuzione del numero di suicidi", come osserva sempre Nicola Ferrigni. "A partire dal mese di agosto con i 12 casi registrati per arrivare ai 10 e 11 casi rispettivamente nei mesi di novembre e dicembre".
il numero più basso di vittime dall’inizio dell’anno contro i 26 tragici episodi di aprile che si conferma, come nel 2013, il mese con il maggior numero di suicidi. "Si tratta con molta probabilità – continua il direttore di Link Lab – dell’ennesima iniezione di fiducia degli italiani, in linea con quella registrata dall’Istat a fine marzo che vede imprese e consumatori più ottimisti sulla ripresa dell’economia e del Paese e che riaccende dunque le speranze".
A preoccupare è però un altro dato: l'età delle vittime si sta abbassando. Dal 2012 si assiste ad un abbassamento dell’età delle vittime: la classe d’età che va dai 35 ai 44 anni, infatti, ha conosciuto un notevole incremento passando dal 13,5% del 2012 al 21,4% del 2014. Appare altrettanto preoccupante il numero dei suicidi legati a problematiche e difficoltà economiche tra i più giovani: tra il 2012 e il 2014, il 5,5% delle vittime ha infatti un’età compresa tra i 25 e i 34 anni (4% nel 2014) mentre l’1,4% ha meno di 25 anni (2,5% nel 2014 a fronte di una percentuale pari a 0 registrata nel 2012).
L'aumento è vertiginoso tra i disoccupati. Dal 2012 al 2014 sono stati rispettivamente 198 gli imprenditori (il 45,1% del totale) e 183 i disoccupati (41,7% sul totale) vittime di suicidio per crisi economica. Quello che emerge con drammatica evidenza è però proprio l’aumento del numero di coloro che hanno deciso di togliersi la vita in seguito alla perdita del posto di lavoro: i disoccupati suicidi infatti passano dal 31,5% del 2012 al 38,9% del 2013 e al 48,3% del 2014.
Tra i disoccupati, a destare preoccupazione è soprattutto il dato relativo ai più giovani, al di sotto dei 34 anni. A fronte infatti del 6,9% del totale dei suicidi registrati dall’inizio del 2012 a fine 2014, tra tutte le categorie occupazionali, si rileva una percentuale più elevata, pari al 12,4% fatta registrare dalla sola categoria dei disoccupati con età inferiore ai 34 anni.
Sono cresciuti a 249 i tentati suicidi registrati in Italia per motivazioni economiche dal 2012 al 2014.
Dal 1997 al 2005 l'Italia è stato il paese con il più alto numero di morti sul lavoro, che fino al 2008 era di 1260 l'anno. Nel 2014 sono stai 663 i casi riportati di morti bianche.

 

C'è possibilità di emulazione ? Chi lo può dire, anzi e da condannare. Però valutare il gesto come isolato sarebbe da IM....PREPARATI.

La condanna peggiore sarebbe quella di non analizzare i fatti VERI delle cause della DISPERAZIONE ECONOMICA. Chi non ha niente da perdere, poiché è stato ANNICHILITO, potrebbe divenire un potenziale KILLER. Oggi che accaduto il precedente, non porre delle soluzioni preventive che non debbono essere repressive, ma comprensive ed alternative. Il TECNICISMO LEGISLATIVO può divenire deleterio più di quanto si possa immaginare, non considerarlo porterà a conseguenze imprevedibili.


Se fossero stati considerati i segnali di allarme che provenivano dai siti indipendenti del WEB per  quello che prima o poi sarebbe accaduto, forse si poteva evitarlo.

Se la GUARDIA DI FINANZA avesse fatto indagini sui “MECCANISMI” di assegnazione dei CURATORI o CURATELLE fallimentari, tutti incentivati ad allungare i tempi per prendere più onorari a carico della RICCHEZZA DEGLI ITALIANI che sono i FONDI PUBBLICI e quindi del DEBITO PUBBLICO (ciò era impensabile sotto HIMMLER-BEFERA tutto impegnato nella campagna di CORTINA, PORTOFINO e SARDEGNA), o esaminare perché porre in vendita gli immobili alle aste, dove spesso se gli aggiudicavano gli AMICI degli AMICI se non gli stessi PROFESSIONISTI, od esaminare come questi PROFESSIONISTI (Avvocati, Commercialisti, etc..) hanno acquisito gli ultimi immobili di loro proprietà o di parenti stretti o lontani od amici e confrontare chi erano i proprietari precedenti, forse un “CONFLITTO DI INTERESSE” era solo una punta dell’ICEBERG del MALAFFARE che accadde nei PALAZZI dove la LEGGE dovrebbe essere uguale per tutti, ma nei fatti è PURA IPOCRISIA.

Se prima di arrivare a porre gli interessi creditizi, che se pur legittimi, come prioritari, si desse la possibilità ai debitori di rientrare secondo le loro entrate, soprattutto in periodi di crisi, ben sapendo che la messa in asta di qualsiasi immobile non è altro che perdita secca di valore; forse verrebbero scongiurati fatti di sangue. E non mi rivolgo tanto alla sparatoria di MILANO quanto ai SUICIDI.

Se l’ETICA e l’UMANITA’ prevalessero di più sul BUSINESS e la CUPIDIGIA che pervade molti STUDI LEGALI, forse tutto questo non accadrebbe.

Se chi deve sentenziare si ponesse una questione MORALE e non solo TECNICA della legge, forse eviterebbe una ”TORTURA PSICOLOGICA” se non la DISPERAZIONE degli individui. Oggi i piccoli imprenditori SERI  sono le vere VITTIME di questa TERZA GUERRA MONDIALE, che non è BELLICA ma ECONOMICA. Non esistono campi di sterminio, bensì EMARGINAZIONE SOCIALE. Chi fallisce non ha più possibilità di riemergere e quindi viene posto in una ECONOMIA OCCULTA, che lo pone ad essere ILLEGALE per causa di forza maggiore. E sicuramente meglio il SISTEMA ANGLOSASSONE che ti pone in miseria subito, ma il giorno dopo tu puoi ricominciare senza che il sistema ti emargini.

Tutti possono commettere errori, ma darle un ulteriore possibilità è OBBLIGATORIO da parte della COMUNITA’. In ITALIA solo chi lavora nella PUBBLICA AMMINISTRAZIONE è immune da questa emarginazione, visto che non si possono licenziare, ma tutti gli altri sono CARNE DA MACELLO dove l’equità legale per loro non esiste. Questo è un abuso di CITTADINI su altri CITTADINI. E senza considerare EQUITALIA, AGENZIE DELLE ENTRATE, etc., ma questa  è una altra storia.

La ripresa che è in essere, più per INERZIA che per  STRUTTURA, ha bisogno di tutti ed in particolar modo di chi ha voglia di fare impresa. Se pensare che mazzolare chi ha fatto impresa fino a ieri e la crisi la posto in condizione “PRECARIA” ed emarginarlo, non solo è uno spreco ma è da IM…PREPARATI.  Se non vengono prese posizioni a favore di queste nuove “VITTIME”, la sensazione è che avvenimenti di questo tenore possono accadere ancora e non necessariamente all’interno dei TRIBUNALI.   

 

VITTORIO