28/12/15

Persino Visco lancia l’allarme sul Bail-In [feedly]



----
Persino Visco lancia l'allarme sul Bail-In
// ARIANNA EDITRICE


Di tutte le cose dette da Ignazio Visco, il governatore della Banca d'Italia, nella pseudo intervista di Domenica sera da Fabio Fazio, ce ne è una, probabilmente quella meno colta dal pubblico televisivo, che in realtà vale la pena di sottolineare. Essa riguarda, di fatto, la nuova norma del Bail-In che entrerà in vigore dal primo gennaio del prossimo anno.

Sorvoliamo su tutto il resto (qui, comunque, un rapido riepilogo) tranne che su un punto che rappresenta la più perfetta sintesi della ipocrisia stessa del gioco delle varie parti. In merito al caso di Banca Etruria ......

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Treasury Curve Crashes To 9-Month Lows, S&P Slumps Into Red For 2015 [feedly]



----
Treasury Curve Crashes To 9-Month Lows, S&P Slumps Into Red For 2015
// Zero Hedge

Who could have seen that coming?

 

 

Which has pushed The S&P 500 back into negative territory for the year...

 

As the Treasury curve flattens dramatically...  

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Oil May Drop Under $20 In The Short-Term, But What Is Its Price Floor? [feedly]



----
Oil May Drop Under $20 In The Short-Term, But What Is Its Price Floor?
// Zero Hedge

In practice, there is no bottom to how low oil prices can drop: as Canada's Bank of Montreal calculated over the weekend, as a result of an unsustainable supply-demand balance "something has to give", and for that to happen oil may drop to $25, $20 or even $15, as some aggressive put buyers are speculating. This is what the Canadian bank said:

We believe that the weakness in crude oil prices reflects a combination of fundamental factors and financial flows. Fundamentally there is simply too much oil.

 

Could oil prices collapse to $20?

 

The short answer is 'yes.' We believe that crude oil prices could fall further unless global oil production is reduced. We estimate that the global oil market could be oversupplied by roughly 920,000 bpd in 2016. The key assumptions are year-over-year growth in global demand of 1.2 million bpd, Saudi Arabia, Iraq and Libya hold production at current levels, Iran ramps up production at moderate pace over the course of the year and the U.S. rig count remains at current levels.  This would translate to a build in global crude oil inventories of roughly 231 million barrels over the course of the year and potentially result in OECD crude oil inventories reaching capacity by the end of the year.

In theory, however, imploding crude prices, while distinctly probable in the near-term in order to flush out all "pent up" fundamental and financial excesses, will likely revert for several reasons, chief of which is that as we approach the production price floor in an environment where marginal funding for drillers is now practically non-existent, the long overdue series of corporate defaults will ultimately result in much of the marginal production going away (if only for the time being - a simple debt for equity swap means the assets can still perform even as the liabilities are restructured).

That, however, is just the beginning.

Here, again via BMO, are the various oil price floors which make any short-term oil plunge very likely but a long-term oil price collapse not practical.

Where is the floor price for oil?

 

We believe that the sustainable floor price for oil is a Brent price in the range of $30-35/bbl. Oil prices could temporarily fall below that level; however, companies would begin to shut-in production as variable production costs would exceed cash flow for some projects. Cash operating costs vary materially depending on the type of development, as shown in Chart 30. There are also additional expenses such as cash taxes and interest payments that represent incremental cash costs that vary by company and must be paid out of cash flow. It is also worth noting that the revenue generated for any type of play varies depending on the quality of the oil being produced and its location. For example, in situ oil sands receive a price that is currently $16/bbl less than the price of Brent. That means at Brent prices of $30-35/bbl, in situ oil sands operations on average are not generating enough revenue to cost their cash costs. Companies that rely on trucking and rail are exposed to significant transportation costs that could effectively decrease cash flows by $10-20/bbl. Western Canadian conventional heavy oil producers often incur relatively high trucking costs to transport production. In prior oil price downturns, this was some of the first production to get shut-in.

 

 

What oil price is required to sustain production?

 

We believe that  


Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

L'Unione Ti Fa Il Culo - Bruxelles Si Prepara A Essere Implacabile Con Il Bulletto Renzi: Nessuna Deroga Su Banche E Deficit - Merkel E Juncker Sognano Di Vendicarsi Commissariando L'Italia A Suon Di Prestiti Salva-Banche. E Per Renzi Sarebbe La Sua Fine [feedly]



----
L'Unione Ti Fa Il Culo - Bruxelles Si Prepara A Essere Implacabile Con Il Bulletto Renzi: Nessuna Deroga Su Banche E Deficit - Merkel E Juncker Sognano Di Vendicarsi Commissariando L'Italia A Suon Di Prestiti Salva-Banche. E Per Renzi Sarebbe La Sua Fine
// Articoli

JUNCKER RENZI Alberto D'Argenio per "la Repubblica"   Anche quando responsabili politici e funzionari europei lasciano Bruxelles per trascorrere le vacanze nel proprio Paese, alcuni cellulari restano accesi. E così chi lavora a stretto contatto con Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione, spiega come viene giudicata la nuova offensiva europea di Matteo Renzi.   «Cert...
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Russia, rublo crolla a nuovo minimo da oltre un anno [feedly]



----
Russia, rublo crolla a nuovo minimo da oltre un anno
// Milano Finanza

Il dollaro ha superato la soglia dei 72 rubli per la prima volta da dicembre 2014, a 72,46 rubli; l'euro ha toccato i 79,55 rubli, il massimo da [...]
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Premiata Vivisezione Di Minori In Europa: A Ruba I Bambini In Italia! [feedly]



----
Premiata Vivisezione Di Minori In Europa: A Ruba I Bambini In Italia!
// Su La Testa!





di Gianni Lannes


Ecco l'orrore sotto i nostri occhi dormienti. E' ormai l'eldorado alla luce del sole della tratta di bambini, specialmente quelli migranti non accompagnati da anima viva, e che nessuno reclama. Il baricentro criminale si è spostato dalla Turchia allo Stivale tricolore. Attualmente la rotta ....
Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

More Bad News For Oil: Saudis Are Handling Oil Price Crash Better Than Expected [feedly]



----
More Bad News For Oil: Saudis Are Handling Oil Price Crash Better Than Expected
// Zero Hedge

We've spent quite a bit of time this year documenting Saudi Arabia's fiscal bloodbath. 

In the wake of the kingdom's move to deliberately suppress crude prices in an effort to preserve market share by bankrupting the US shale complex, Riyadh found itself in a tough spot. Thanks to ZIRP and the wide open capital markets it fosters, US producers were able to stay afloat for longer than the Saudis likely expected. 

Although the cracks are beginning to show (the US has seen the most oil and gas bankruptcies since the crisis this quarter), the damage was done. Thanks to the fact that the monarchy needs to maintain the everyday Saudi's standard of living (not to mention continue to feed the American MIC by spending billions on weapons) implementing budget cuts is a tall order, so when oil revenue collapses, the red ink piles up quickly. 

By the summer, it was readily apparent that the Saudis were set to run a budget deficit on the order of 20% of GDP. That risked imperiling the country's vast SAMA war chest ...


Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Fate Presto: Salvate Le Banche! [feedly]



----
Fate Presto: Salvate Le Banche!
// icebergfinanza

ImmagineProvate a riflettere! Negli ultimi anni, mai una volta che la classe politica abbia reagito in maniera così decisa come sta accadendo ora per le banche, alle decisioni della Commissione Europea. Mai una volta che qualcuno abbia messo in dubbio … Continua a leggere
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

ALLARME OBBLIGAZIONI: ecco cosa rischi se la banca fallisce, le nuove regole del 2016 [feedly]



----
ALLARME OBBLIGAZIONI: ecco cosa rischi se la banca fallisce, le nuove regole del 2016
// Piovegovernoladro

ALLARME OBBLIGAZIONI: ecco cosa rischi se la banca fallisce, le nuove regole del 2016
Piovegovernoladro

Lo scenario che si è verificato con il fallimento e successivo salvataggio dei quattro istituti di credito Banca Marche, Etruria, Carichieti e Carife con i titolari di obbligazioni subordinate rimasti senza un centesimo del denaro investito nelle obbligazioni subordinate potrebbe essere ben più sobrio rispetto a quel che può accadere dal 1 gennaio 2016, quando ...

Piovegovernoladro
Piovegovernoladro - Rassegna Stampa Indipendente


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

DELEVERAGING: il debito resta protagonista, eccome! [feedly]



----
DELEVERAGING: il debito resta protagonista, eccome!
// IntermarketAndMore

debito-pubblico-italiaDopo la bolla immobiliare, l'utilizzo della levafinanziaria è diminuito marginalmente, il margin debt resta sui massimi ed il deleveraging vero resta utopia. Ma se si inverte la tendenza, che succede ai mercati? Continua a leggere
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

(Tutto sulle vostre spalle...) La vera VIA alla "soluzione finale" della Grande Crisi = pelarvi il culo come ai babbuini... [feedly]



----
(Tutto sulle vostre spalle...) La vera VIA alla "soluzione finale" della Grande Crisi = pelarvi il culo come ai babbuini...
// IL GRANDE BLUFF

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}); (Tutto sulle vostre spalle) La vera VIA alla "soluzione finale" della Grande Crisi = pelarvi il culo come ai babbuini... Ma era tutto assolutamente scontato fin dall'inizio... E chi avesse seguito questo BLOG non solo ne sarebbe da tempo CONSAPEVOLE... ma da tempo avrebbe già messo in atto UNA strategia composita, pragmatica ed efficace di PROTEZIONE&CONTRASTO. Andate un po' a vedere il PRIMO post del mio BLOG: correva l'anno 2009...ben...

[clicca sul titolo per leggere tutto il post]
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

In Cina c’è una “Leggerissima” Instabilità Finanziaria [feedly]



----
In Cina c'è una "Leggerissima" Instabilità Finanziaria
// Rischio Calcolato

Cose strane avvengono sui mercati orientali.

Essenzialmente 3:

Questa notte le azioni di tipo B cinesi quotate a Shanghai ovvero lo specchio di quelle quotate in cina sono crollate:20151227_china6_0Anche il vero e proprio listino di Shanghai è venuto giù anche se non troppo (-2.5%):

20151227_china1_0

E i tassi interbancari a una settimane sono saliti di brutto:

20151227_china2_0

Di solito quando queste cose avvengono è necessaria una sana "svalutazione competitiva" dello Yuan.

Vediamo come andrà a questo giro, solo una notazione: ad un certo punto non è che tutti possono svalutare su tutti indefinitamente. Il gioco è a somma zero.

p.s. e prima o dopo anche agli USA converrà "svalutare"a quel punto comincerà un film che Star Wars è un flop.

Condividi


(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Durden: Questo e' quello che fa l'oro in una crisi valutaria [feedly]



----
Durden: Questo e' quello che fa l'oro in una crisi valutaria
// Argento Fisico

Zero Hedge - This Is What Gold Does In A Currency Crisis, Canadian Edition


il Dollaro canadese (CAD) in rotta (come tante valute di paesi produttori di commodities) .. 


.. e l'Oro prezzato in CAD (+17% in 9 mesi) 


Now combine a falling currency with a crashing oil price and the result is a surprisingly favorable environment  ....
Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Idealista.it: non si arresta il calo dei prezzi delle case, -5% nel 2015 [feedly]



----
Idealista.it: non si arresta il calo dei prezzi delle case, -5% nel 2015
// Trend Online

Nel corso del 2015 i prezzi delle case in Italia sono calate del 5% a a 1.

Nel corso del 2015 i prezzi delle case in Italia sono calate del 5% a a 1.973 euro/m². Lo rileva uno studio di Idealista.it. Nel 2016, osserva il responsabile dell'ufficio studi, i valori degli immobili residenziali potrebbero oscillare in una forbice compresa tra il -2,5% e lo 0%.

(RV)


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

BCE: il QE ha fallito, Draghi in balia dei mercati finanziari [feedly]



----
BCE: il QE ha fallito, Draghi in balia dei mercati finanziari
// IntermarketAndMore

draghi-qe-europeo-rinforzatoIl QE Europeo aveva una missione principale che non è stata raggiunta. Anzi, il quadro sta addirittura peggiorando, con un'inflazione in ulteriore discesa. E cosa può fare la BCE? Il quadro di mercato non è poi così vicino alle speranze … Continua a leggere
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Il 2016 sarà l’anno più difficile per l’Italia: la Germania vorrà dare il colpo finale al nostro relativo benessere prima del termine del mandato Obamiano. Il rischio troika [feedly]



----
Il 2016 sarà l'anno più difficile per l'Italia: la Germania vorrà dare il colpo finale al nostro relativo benessere prima del termine del mandato Obamiano. Il rischio troika
// Scenarieconomici.it

image

Foto Ufficio Stampa Palazzo Chigi/Tiberio Barchielli/LaPresse01-07-2015 Berlino - GermaniaPoliticaMatteo Renzi a BerlinoNella foto: Il Presidente del consiglio Matteo Renzi nel corso della conferenza stampa con la Cancelliera Angela MerkelPhoto Ufficio Stampa Palazzo Chigi/Tiberio Barchielli/LaPresse01-07-2015 Berlin - GermanyPoliticasIn the picture: Matteo Renzi and Angela MerkelDISTRIBUTION FREE OF CHARGE - NOT FOR SALE

Devo riconoscere che l'Italia è contemporaneamente un paese assurdo ed inaccettabile – ad es. gestiamo la cosa pubblica in modo abominevole, abbiamo una giustizia fondamentalmente ingiusta che ormai ci governa, la meritocrazia non esiste a vantaggio dei soliti potentati ed a fronte di tutto questo il popolo è  

----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

La crisi della CGIL: pochi soldi, molti vizi [feedly]



----
La crisi della CGIL: pochi soldi, molti vizi
// Informare per Resistere

Sono stati "dimissionati"dalla Camusso Franco Tavella, segretario generale regionale e Federico Libertino, numero uno della Camera del lavoro metropolitana di Napoli. I due diretti interessati hanno fatto intravvedere motivi di
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Article from proiezionidiborsa.it


Giappone qualcosa scricchiola
proiezionidiborsa.it
https://lnkd.in/eUdMnHA



È ora di bilanci in Giappone dopo che i dati sulla produzione industriale hanno mostrato il primo segno meno da …
Read more...
---
Shared via LinkedIn Pulse


Inviato da iPhone

SPY FINANZA/ Gli "interessi" di Renzi dietro lo scontro con l'Ue [feedly]



----
SPY FINANZA/ Gli "interessi" di Renzi dietro lo scontro con l'Ue
// Il Sussidiario.net

In questi giorni lo scontro tra Italia e Ue sembra totale. Per MAURO BOTTARELLI è però funzionale a Renzi e alle opposizioni per nascondere altri problemi

(Pubblicato il Fri, 25 Dec 2015 06:07:00 GMT)

SPY FINANZA/ Spagna-Portogallo, il "domino" che fa gola alla speculazione, di M. Bottarelli
SPY BANCHE/ La "versione di Renzi" sbugiardata dal FT, di P. Annoni
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

2016 – Le catastrofiche previsioni di Jacques Attali [feedly]



----
2016 – Le catastrofiche previsioni di Jacques Attali
// Ticinolive

Attali 1dal portale www.blognews24ore.com

Le previsioni per il nuovo anno dell'economista francese Jacques Attali, dall'edizione online del giornale francese L'Express.

1. Nuovi attentati terroristici molto gravi sono attesi in molti paesi, inclusa la Francia.

2. Peggioramento dei conflitti in corso in Siria, Irak, Libia, Yemen e Ucraina.

3. Scoppieranno altri conflitti, in ...

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Troppo Ottimismo Nei Dati Usa [feedly]



----
Troppo Ottimismo Nei Dati Usa
// icebergfinanza

Cara America ti scrivo così Ti distraggo un po', e siccome sei molto lontana dalla realtà più forte ti scriverò. Da quando sei partita c'è una grossa novità, l'anno vecchio è finito ormai ma qualcosa ancora da te non va. … Continua a leggere
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Usa: tutti più poveri, non stupitevi se vorranno l’uomo forte [feedly]



----
Usa: tutti più poveri, non stupitevi se vorranno l'uomo forte
// LIBRE

Scende la durata della vita, cresce a dismisura la vendita di armi insieme alla frustrazione, alla rabbia, al senso di precarietà e insicurezza. «La fotografia impietosa e allarmante fornita da Robert 

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Durden: Lo Zimbabwe diventa la prima colonia di Beijing in Africa: Yuan Renminbi a corso legale [feedly]



----
Durden: Lo Zimbabwe diventa la prima colonia di Beijing in Africa: Yuan Renminbi a corso legale
// Argento Fisico


Lo Zimbabwe dopo la simpatica iperinflazione di pochi anni fa (si parla del recentissimo 2009) aveva rimosso dalla circolazione il suo Dollaro. Quest'estate poi ne hanno eliminato il corso legale (legal tender) e 174 quadrilioni di Dollari dello Zimbabwe sono stati cambiati in 5 USD:


After its disastrous ...
Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Il 2016 ci porterà un governo-troika? Orribile anno a tutti di Eugenio Orso [feedly]



----
Il 2016 ci porterà un governo-troika? Orribile anno a tutti di Eugenio Orso
// Pauper Class

Ripiegando sulle questioni interne e su quelle europee, senza considerare il terribile rischio di guerra che si avvicina a noi, non può essere sfuggito ai più lo "scontro" fra l'europa con la e minuscola, quella dell'unione monetaria e finanziaria a strozzo, e il governo italiano Padoan-...


Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

"Le Pensioni Piu' Generose Del Mondo" E L'Adeguamento Della Costituzione Pro-€Uropa (Bail-In&Bank-Run) [feedly]



----
"Le Pensioni Piu' Generose Del Mondo" E L'Adeguamento Della Costituzione Pro-€Uropa (Bail-In&Bank-Run)
// Orizzonte48

https://pbs.twimg.com/media/CXKUVb6WAAETYLo.jpg:large




1. Alcuni assunti utilizzati come premessa per sviluppare il ragionamento sopra riportato, esigono un confronto coi dati macroeconomici ...

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Missione riuscita: la grave crisi dello scisto negli Stati Uniti [feedly]



----
Missione riuscita: la grave crisi dello scisto negli Stati Uniti
// Aurora

Philippe Grasset, Dedefensa, 26 dicembre 2015saudis14n-2-webDa un anno il prezzo del petrolio è una delle variabili più importanti nella situazione economica, con notevole collasso e molteplici effetti generali che ovviamente aumentano l'instabilità del sistema finanziario, commerciale, economico e strategico in generale. Sappiamo  


Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Il nemico interno. L’elite finanziaria statunitense è interessata al business con i patrocinatori dello Stato Islamico [feedly]



----
Il nemico interno. L'elite finanziaria statunitense è interessata al business con i patrocinatori dello Stato Islamico
// controinformazione.info

Miliziani dello Stato Islamico

Il Governo degli Stati Uniti continua a mostrare una certa ostilità verso le forze che combattono attivamente contro lo Stato Islamico, lo afferma un analista, Caleb Maupin del New Eastern Outlook. Nel suo articolo Maupin esprime l'opinione che l'elite finanziaria statunitense persegue i suoi propri interessi in Siria ed in Iraq.  Quando lo Stato Islamico si fa più forte, i suoi profitti aumentano, sottolinea Maupin. "Quale è la fonte dell'armamento dell'ISIS ? Questa organizzazione, ugualmente agli altri gruppi terroristi in Siria, ha ricevuto un flusso costante di armi dagli Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Bahrain e Qatar. Questi paesi sono monarchie assolute appoggiate dalla Exxon Mobil e da altre possenti società petrolifere statunitensi ", spiega Maupin. E' un  ......
Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Decrescita e Felicità @ Blog Economy Day

Decrescita e Felicità @ Blog Economy Day Intervento di Riccardo Caselli, per Finanza e Lambrusco, al Blog Economy Day 2011 ahttp://www.finanzaelambrusco.it/articoli/articoli/video-e-lambrusco/decrescita-e-felicita/

LA STAMPA TEDESCA: ”L’ITALIA USCIRA’ DALL’EUROZONA PERCHE’ SARA’ COSTRETTA A FARLO. LA BCE HA PERSO LA PARTITA” (BOOM!)

LA STAMPA TEDESCA: "L'ITALIA USCIRA' DALL'EUROZONA PERCHE' SARA' COSTRETTA A FARLO. LA BCE HA PERSO LA PARTITA" (BOOM!)

LA STAMPA TEDESCA: "L'ITALIA USCIRA' DALL'EUROZONA PERCHE' SARA' COSTRETTA A FARLO. LA BCE HA PERSO LA PARTITA" (BOOM!)

L'Italia non ha alcun motivo valido per rimanere all'interno dell'unione monetaria, e non l'ha mai avuto. Da sei anni - scrive il quotidiano tedesco "Die Welt" - l'economia italiana si trova in una

http://www.stopeuro.org/stampa-tedesca-litalia-uscira-dalleurozona-perche-costretta-farlo-bce-perso-partita-boom/



Inviato da iPhone

Allarme studio Gb, Italia e Francia rischiano posto in G8 [feedly]



----
Allarme studio Gb, Italia e Francia rischiano posto in G8
// RSS di Economia - ANSA.it

Cina supera gli Stati Uniti nel 2029. Germania forte con gli immigrati
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Durden: L'Europa inizia il 2016 con circa 2000 miliardi di debiti pubblici che pagano meno dello 0% [feedly]



----
Durden: L'Europa inizia il 2016 con circa 2000 miliardi di debiti pubblici che pagano meno dello 0%
// Argento Fisico



.. cioe' si paga per averli in portafoglio invece che guadagnarci qualcosa. Ve beh che, dicono, siamo in deflazione o quasi, pero' ...

Zero Hedge - Europe Enters New Year With Nearly $2 Trillion In Sub-Zero Interest Debt

"As the European Central Bank wound down its asset purchases for the year, the amount of euro-region government bonds that yield less than zero was at about $1.68 trillion, indicating investors see the potential for further easing of monetary policy in 2016,"
Bloomberg writes, adding that "a slump in oil prices is supporting economists' view that the ECB is unlikely to veer from its accommodative policy stance as it struggles to achieve its inflation goal of just under 2 percent."


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Vedi altre grafiche sui flussi migratori in giro per il mondo qui:Zero Hedge - Tracking People Flows: Global Migration S... [feedly]



----
Vedi altre grafiche sui flussi migratori in giro per il mondo qui:Zero Hedge - Tracking People Flows: Global Migration S...
// Argento Fisico


Vedi altre grafiche sui flussi migratori in giro per il mondo qui:

Zero Hedge - Tracking People Flows: Global Migration Summarized In 7 Charts




In Italia siamo ancora "messi bene" rispetto a parecchie altre realta' europee (in CH gli extracomunitari blogger italiani sballano le medie :D) .. meno del 10% di immigrati? Se lo dice Euroststat .. sara' che in alcune regioni sono quasi zero perche' dalle mie parte il 10% mi sa che e' stato passato molti anni fa ..



----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Piu’ Derivati (E Rischi) Per Tutti: Ecco Il Nuovo Sistema Bancario Europeo [feedly]



----
Piu' Derivati (E Rischi) Per Tutti: Ecco Il Nuovo Sistema Bancario Europeo
// Scenarieconomici.it

banche crisi MOD

banche crisi MOD

Il motto "L'euro difenderà i vostri risparmi" diventa ogni giorno che passa più superato, mentre ormai la moneta unica e la sua sovrastruttura burocratica distesa fra Bruxelles e Francoforte si rivela sempre più come il leviatano del risparmio e della classe media del vecchio continente, soprattutto dell'Italia.

Un ulteriore mattone ....

----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Polonia, governo nazionalizza banche e dà bonus alle famiglie: sinistra euroserva e banchieri insorgono! – [feedly]



----
Polonia, governo nazionalizza banche e dà bonus alle famiglie: sinistra euroserva e banchieri insorgono! –
// controinformazione.info

Beata  Szydlo, primo ministro della Polonia

VARSAVIA – Mentre il nuovo governo polacco di Beata Szydlo si accinge a deliberare il reddito di cittadinanza per tutte le famiglie che hanno più di un figlio e mette in cantiere la rinazionalizzazione del settore bancario, i rappresentanti dei partiti di centrosinistra sconfitti nelle elezioni di ottobre scendono in piazza ad urlare la loro rabbia contro il partito di maggioranza "Diritto e Giustizia" di Jaroslaw Kaczynski, "colpevole" di voler riformare a tempo di record la Polonia. A....

America Latina, previsioni economiche 2016 negative [feedly]



----
America Latina, previsioni economiche 2016 negative
// Forex Trading Online

Per i paesi dell'America Latina, dati macroeconomici poco esaltanti per il 2016.

- Economia internazionale / , , , ,
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Atene, l’ambulatorio autogestito è una barricata contro la Troika [feedly]



----
Atene, l'ambulatorio autogestito è una barricata contro la Troika
// Popoff Quotidiano

Reportage da Ellinikò, ambulatorio autogestito che ha rifiutato il premio dell'Ue ma rischia lo sgombero per consentire la svendita del sito a un magnate. E' l'effetto del terzo memorandum [da Atene, Nicoletta Dosio]

L'articolo Atene, l'ambulatorio autogestito è una barricata contro la Troika sembra essere il primo su Popoff Quotidiano.


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Usa: tutti più poveri, non stupitevi se vorranno l’uomo forte [feedly]



----
Usa: tutti più poveri, non stupitevi se vorranno l'uomo forte
// La Stella

Di libreidee.org

Scende la durata della vita, cresce a dismisura la vendita di armi insieme alla frustrazione, alla rabbia, al senso di precarietà e insicurezza. «La fotografia impietosa e allarmante fornita da Robert Reich dei sentimenti che pervadono la sempre più impoverita classe media americana contraddice la rosea immagine divulgata dai nostri media di un'America "in ripresa" dove l'economia cresce e i posti di lavoro aumentano», scrive Maria Grazia Bruzzone. «Quella che era stata la grande forza degli Stati Uniti – una classe media solida, lavoratrice, fiduciosa, dove l'ascensore sociale funzionava, esempio per il mondo – non esiste più e non è una novità. Ma oggi si sta avviando per una china preoccupante alla ricerca dell'uomo forte che possa salvarla. Sta già accadendo». Non solo. «I sentimenti che pervadono la "classe ansiosa", come la chiama Reich, ci sembrano assomigliare molto a quelli di noi europei. Sempre più attratti, infatti, da partiti anti-sistema, così come negli Usa volano i sondaggi per quell'outsider estremista che è Donald Trump, dal quale imedia tutti prendono sdegnosamente distanza, non senza imbarazzo, ma senza vederne la spia di un fenomeno sociale».

 

Con Trump, i media americani si sono comportanti esattamente come quelli europei nei confronti di Marine Le Pen in Francia, «fino a plaudire all'anomala "alleanza" di sinistra e destra "moderata" che ne ha bloccato la vittoria, ma non l'ascesa come Robert Reichprimo partito». Sono i motivi per cui, sul suo blog su "La Stampa", la Bruzzone propone la traduzione di un recente post di Robert Reich, «non un estremista e neppure un disfattista, ma un ex sottosegretario al lavoro durante la presidenza Bill Clinton». Oggi saggista e blogger, con libri pubblicati anche in Italia. «Un allarme, il suo, che fa riflettere. A partire dal titolo: "La classe media americana è in uno stato di rivolta"». Scrive Reich: «La grande classe media americana è diventata una classe ansiosa – ed è in rivolta». Innanzitutto «si sta vieppiù restringendo, come risulta da un'indagine Pew». La middle class «non rappresenta più la maggioranza degli americani, sorpassata dalla somma delle famiglie di classe alta – i ricchi – e bassa – i poveri». Oggi, «le probabilità di cadere nella povertà sono alte in modo impressionante, specialmente per la maggioranza priva di istruzione superiore».

Due terzi degli americani vivono di stipendio in stipendio, continua Reich. «La maggior parte può perdere il lavoro in ogni momento. Molti appartengono alla crescente forza lavoro "a richiesta", impiegati quando e se ve ne sia bisogno, pagati quel che si può, quando si può. Se non riescono a farcela col pagamento dell'affitto o del mutuo, o non ce la fanno a pagare il negozio di alimentari o le bollette, perderanno la loro base e arretreranno ancora». Lo stress impone il pagamento di un pedaggio salatissimo, anche in termini di salute: «Per la prima volta nella storia, la durata della vita della classe media bianca sta scendendo». Secondo una recente ricerca dell'economista Premio Nobel Angus Deaton e della sua collega Anne Case, uomini e donne bianchi di mezza età negli Usa hanno cominciato a morire più presto: «Si avvelenano con droghe e alcol, o commettono Angus Deatonsuicidio. Le probabilità di essere uccisi da un jihadista in America sono di gran lunga inferiori alla probabilità di queste morti auto-infitte», e la recente tragedia di San Benardino «si limita ad innalzare un senso di arbitrarietà e fragilità soverchianti».

La "classe ansiosa" si sente vulnerabile davanti a forze di cui non ha alcun controllo, e in più sa di non poter contare su un governo che la protegga. «Le reti della sicurezza sono piene di buchi. La maggior parte di coloro che hanno perso il lavoro non hanno neppure un'assicurazione per la disoccupazione» (la cassa integrazione negli Usa non è mai esistita). «Il governo non proteggerà il loro posto di lavoro dall'essere trasferito ("outsourced") in Asia, o dal venir sostituito da un lavoratore illegale». Il governo «non è neppure in grado di proteggerli da persone malvage con armi o bombe. Ed è il motivo per cui la classe ansiosa si sta armando, comprando armi in quantità record». In novembre, l'Fbi ha censito 2 milioni e 243.000 nuove armi: il 2015 si avvia così a superare il record del 2013, con 21 milioni di armi. «Il governo è considerato non tanto incompetente quanto incapace di dar loro un accidente», continua Reich. «Lavora per i big e i ricchi – il "capitalismo degli amici" che foraggia i candidati e ottiene in cambio speciali favori». Moltissimi gli "arrabbiati", convinti che il governo «è gestito dai banchieri di Wall Street che sono stati salvati dopo aver provocato il caos nell'economia, dai titani delle corporations che hanno ottenuto lavoro a basso costo, dai miliardari che hanno avuto scappatoie fiscali di ogni genere».

Due autorevoli scienziati della politica, Martin Gilens e Benjamin Page, hanno esaminato 1.799 decisioni prese dal Congresso in vent'anni, scoprendo e chi le ha influenzate. La loro conclusione: «Le preferenze dell'americano medio sembrano state scarsissime, vicine allo zero, statisticamente non rilevanti nell'impatto sulla politica pubblica». Per Reich, «è solo una questione di tempo prima che la classe ansiosa si rivolti. Sosterranno un uomo forte che li protegga da tutto il caos. Uno che salvi il loro posto di lavoro dall'essere trasferito all'estero, si scontri con Wall Street, bastoni la Cina, faccia piazza pulita dei lavoratori illegali, impedisca ai terroristi di entrare in America. Un uomo forte che possa rendere l'America di nuovo grande – che in realtà significa rendere di nuovo sicuri i cittadini che lavorano. Era – è – un sogno del tubo, naturalmente, un inganno da illusionista. Nessuna persona singola può fare questo. Il mondo è di gran lunga troppo complesso. Non puoi costruire un muro lungo il confine col Messico [dal quale entrano negli Usa migliaia di immigranti, lavoratori illegali]. Non puoi tener fuori Donald Trumptutti i musulmani come ha appena proposto Trump, con grande scandalo mediatico. Non puoi impedire alla corporations di spostare sedi all'estero. Non lo si può nemmeno tentare. Eppure, loro pensano che ci possa essere uno abbastanza intelligente e in gamba da poter cambiare tutto».

Trump, per esempio: «E' ricco. Dice le cose come stanno. Rende ogni tema un test della sua forza personale. Dice che i suoi avversari sono deboli mentre lui è forte. E' crudo e rude? Forse è quel che ci vuole per proteggere la gentemedia in questo mondo crudelmente precario». Per anni, Reich ha percepito «il brontolio della classe ansiosa». Scrive: «Ho ascoltato la sua rabbia crescente – nelle sedi sindacali, nei bar, nelle miniere di carbone e nei saloni di bellezza, nelle strade e lungo le acque stagnanti dell'America. Per anni ho sentito le sue lamentele, le sue teorie cospirazioniste, la sua indignazione». Spiega: «Per lo più sono brava gente, non bigotti o razzisti. Lavorano sodo e hanno un grande senso dell'equità. Ma il loro mondo pian piano è stato messo da parte. E loro sono impauriti e stanchi». Ora che succede? «Arriva qualcuno che è anche più bullo di quelli che per anni li hanno angariati economicamente, politicamente e anche violentemente. L'attrazione è comprensibile, anche se mal riposta. Se non sarà Donald Trump, sarà qualcun altro che si presenta come uomo forte. Se non sarà questo ciclo elettorale, sarà il prossimo. La rivolta della classe media ansiosa è appena cominciata».

DA libreidee.org


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Clamoroso: BND sospetta una infermità psichica di Obama che ne altera le decisioni [feedly]



----
Clamoroso: BND sospetta una infermità psichica di Obama che ne altera le decisioni
// controinformazione.info

Merkel guarda Obama con sospetto

Sorcha Faal Possibile rottura della Germania con la politica degli USA sulla Siria a causa di un rapporto riservato trasmesso dai servizi di intelligence tedeschi (BND) da cui si evince che il presidente Barack Obama potrebbe essere affetto da turbe psichiche che ne alterano le capacità decisionali (Barack Obama "may be insane"). L'informativa in questione circola anche a Mosca negli ambienti del Cremlino e si afferma che vi sia stata una riunione segreta a Damasco tra alti funzionari della Bundeswehr (forze armate) con un alto esponente dei servizi di intelligence (BND) ed omologhi siriani in cui gli esponenti tedeschi hanno riferito che la Germania ha deciso di rompere con la politica e con gli obiettivi perseguiti dagli USA in Siria nella zona di guerra e che sono coscienti di una possibile infermità psichica del presidente USA. Secondo questa informativa, funzionari del servizio federale tedesco di Intelligence (BND) si sono recati segretamente a Damasco per stabilire una collaborazione con il governo siriano ed hanno fatto questa dichiarazione in accordo con una mossa ordinata dalla cancelliera Angela Merkel al di sopra delle obiezioni di Obama sulla lotta delle nazioni in una coalizione  contro l'ISIS. In rottura con la politica USA su questo conflitto, la Germania ha provveduto a ritirare le batterie di missili Patriot poste sul confine turco e 250 militari della Bun....

Il Capitalismo Sta Davvero Morendo ? [feedly]



----
Il Capitalismo Sta Davvero Morendo ?
// Come Don Chisciotte

DI JACOPO SIMONETTA

In Europa occidentale dove è nato, Il capitalismo è vecchio ormai di 300 anni.   Non moltissimi in una prospettiva storica, ma comunque una rispettabile età.   Durante questo ormai lungo periodo è stato dato per spacciato varie volte, ma sempre ha trovato il modo di cavarsela e, anzi, uscire dalla crisi più forte di prima.    Direi anzi che la principale caratteristica di questo singolare sistema socio-economico è la sua incredibile resilienza.   La sua capacità, cioè, di reagire alle difficoltà rilanciando ogni volta la sua scommessa ad un livello più alto.   Se mai è esistita una filosofia politica della rivoluzione permanente, questa è proprio il capitalismo.


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

SPY FINANZA/ Il "grande equivoco" sui soldi in banca [feedly]



----
SPY FINANZA/ Il "grande equivoco" sui soldi in banca
// Il Sussidiario.net

Per GIOVANNI PASSALI, esiste un grande, gigantesco equivoco su come nasce il risparmio e su come funziona il sistema bancario. Cosa che non aiuta l'economia reale

(Pubblicato il Sun, 27 Dec 2015 06:03:00 GMT)

SPY FINANZA/ Gli "sporchi trucchi" di banche e Bce, di G. Passali
SPY BANCHE/ La "versione di Renzi" sbugiardata dal FT, di P. Annoni
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Le imprese smentiscono Renzi: “Le tasse non caleranno fino al 2018″ [feedly]



----
Le imprese smentiscono Renzi: "Le tasse non caleranno fino al 2018″
// notixweb

www.notixweb.com

1427022382-renzullo[1]

Tasse alle stelle per i prossimi tre anni: la legge di Stabilità non alleggerisce la pressione sulle famiglie, che anzi quest'anno è cresciuta ancora. E tutto questo senza calcolare gli effetti devastanti di una manovra completamente in deficit…


Migranti, presidente ceco: “è un’invasione organizzata di rifugiati uomini” [feedly]



----
Migranti, presidente ceco: "è un'invasione organizzata di rifugiati uomini"
// notixweb

www.notixweb.com

qayhrkz6

Praga – L'ondata di migranti che arrivano in Europa e' una "invasione organizzata". Lo ha affermato il presidente della Repubblica Ceca Milos Zeman, accusando i rifugiati uomini di scappare dai conflitti in Medio Oriente.

"Perche' questa gente non impugna le armi e lotta contro lo Stato islamico e la liberta' della propria patria?", si e' chiesto durante il suo messaggio di Natale il capo di Stato, non nuovo a commenti critici sul tema. Il flusso massiccio di migranti in Europa, ha aggiunto, e' una "invasione organizzata, non un movimento spontaneo di rifugiati".

"Questo Paese e' nostro e non puo' essere per tutti", ha concluso il presidente. La Repubblica Ceca ha concesso asilo soltanto a 70 rifugiati, a fronte di circa 1.400 richieste, ed e' uno dei Paesi che si oppone con maggiore convinzione alle quote di ripartizione Ue. (AGI)

http://www.imolaoggi.it/

L'articolo Migranti, presidente ceco: "è un'invasione organizzata di rifugiati uomini" sembra essere il primo su notixweb.


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Abenomics Is Dead - Japanese Data Collapses Across The Board [feedly]



----
Abenomics Is Dead - Japanese Data Collapses Across The Board
// Zero Hedge

With recent JPY strength not helping, last week ended on a down-note for Japan as its jobless rate ticked up from 3.1% to 3.3% (the biggest rise since January) and Household spending collapsed. However, as the last week of the year begins, things have not improved as a double whammy of awfulness just hit the shores of Abe's nation with retail sales (worst since the tsunami) and industrial production ugly and missing across the board. We are sure, of course, that just one more dose of faith-based QE will fix this.

Household Spending has been a disaster...

 

And Retail Sales is therefore terrible... (away from the effects of the pre- and post-tax hike moves, this is the worst monthtly drop in Retail Sales since The 2011 Tsunami!!!)

 

And so Industrial Production is lagging...

 

So to summarize - with JPY strength amid carry unwinds, Kuroda worriedly stuck on the sidelines, and global economic collapse, Japan's Abenomics 'program' just created the following disaster trhee years later:

  • Household Spending plunges 2.9% YoY - worst since March (post-tax-hike)
  • Jobless Rate jumps to 3.3% (from 3.1%)
  • Industrial Production drops 1.0% MoM - worst in 3 months
  • Retail Trade tumbles 1.0% YoY - biggest drop since March (post-tax-hike)
  • Retail Sales plunges 2.5% MoM - Worst drop since Fukushima Tsunami (absent tax-hike)

But apart from that - everything is awesome.

*  *  *

Finally, in the interests of keeping things light over the holiday period, we note that when asked if this means trouble ahead for President Shinzo Abe, he allegedly replied "Depends."


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Bank of Montreal Asks If "Oil Prices Could Collapse To $20"; Answers: "Yes" [feedly]



----
Bank of Montreal Asks If "Oil Prices Could Collapse To $20"; Answers: "Yes"
// Zero Hedge

When looking at the price of oil in 2015, Canada's Bank of Montreal admits it was wrong. Very, very wrong.

In our "2015 Year Ahead" report we laid out three plausible scenarios: (1) our base case, which forecast Brent crude oil prices of $50-60/bbl over the first half of 2015 and $60-80/bbl over the second half of the year; (2) a bull case, which forecast a Brent trading range of $85-95; and a bear case, which suggested a Brent trading range of $50-60/bbl. The actual trading range in 2015 proved to be even more 'bearish' than our bear case, with Brent generally trading between $36 and $60/bbl. So what did we get wrong?

The answer: pretty much everything but mostly the fact that in the race to the production bottom ("we'll make up for plunging prices with soaring volumes") only dramatic outcomes, which shock the status quo, have any impact, to wit:

"we assumed that Iraq production would average 2.9 million bpd; actual production was roughly 1 million bpd higher. We also assumed that Saudi Arabia would be content to hold production at 9.2 million bpd whereas actual production was roughly 800,000 bpd higher. In our view, this incremental 1.8 million bpd of production was the principal reason that global oil inventories swelled by more than 340 million barrels to a record high of approximately 3.1 billion barrels and why crude oil prices have collapsed."

Well, that, and the fact that the financial BTFD community finally threw in the towel on the most financialized commodity, and following two failed attempts at dead cat bounces, may have thrown in the towel. That said, just looking at speculative positions, oil may have a long way to drop still.

 

Which may also explain why, as noted last week, someone has made material directional (and/or hedge) bets via puts that oil will slide to $25, $20, even as low as $15.

 

However, now that the financial overhang from the price of oil has been stripped away, the supply/demand fundamentals once again matter. Which brings us back to BMO, and its latest oil price forecast for the coming year. According to the far more downbeat (compared to last year) Canadian bank, "the current supply-demand balance is not sustainable; something has to give." More:

If OPEC production increases with the return of Iran and non-OPEC production declines only modestly, global inventories could test capacity in 2016. Since this can't happen either OPEC and/or non-OPEC has to voluntarily (or involuntarily in the case of a disruption) reduce supply. We believe that crude oil prices will need to remain low enough for long enough to force non-OPEC producers to reduce production. We believe that Brent oil prices in the range of $35-45/bbl are required to force a further reduction in the U.S. rig count and/or shut-in oil production from higher cost sources such as stripper wells, conventional heavy oil and mature offshore platforms. Our base case assumes that Brent crude trades in the $35-40/bbl range over the first half of 2016. We believe that this could lead to a reduction in non-OPEC supply in the second half of 2016 that balances supply and demand and supports modestly higher prices in $45-55/bbl range over the second half of the year. The reduced activity should also allow inventories to begin being drawn down in 2017, which should support prices in the $50-60/bbl range in 2017.

More on the near record supply/demand imbalance:

We believe that the weakness in crude oil prices reflects a combination of fundamental factors and financial flows. Fundamentally there is simply too much oil. The main culprit is Iraq, which increased production by roughly 1 million bpd over the last 12 months, along with Saudi Arabia which added an additional 800,000 bpd over the same period. In our view, this incremental 1.8 million bpd of production was the principal reason that global oil inventories swelled by more than 340 million barrels to a record high of approximately 3.1 billion barrels and why crude oil prices have collapsed.

 

* * *

In other words, in order to avoid embarrassment for the second year in a row, BMO is merely parroting the Goldman base-case of a reduction in the net supply imbalance in the second half of 2016, which should push prices of oil higher. On paper, sure. In reality, who knows.

Which is also why BMO, prudently, hedges by laying out the biggest downside risk to any forecast: a full-on price implosion.

Could oil prices collapse to $20?

 

The short answer is 'yes.' We believe that crude oil prices could fall further unless global oil production is reduced. As shown in Table 2, we estimate that the global oil market could be oversupplied by roughly 920,000 bpd in 2016. The key assumptions are year-over-year growth in global demand of 1.2 million bpd, Saudi Arabia, Iraq and Libya hold production at current levels, Iran ramps up production at moderate pace over the course of the year and the U.S. rig count remains at current levels.

 

 

This would translate to a build in global crude oil inventories of roughly 231 million barrels over the course of the year and potentially result in OECD crude oil inventories reaching capacity by the end of the year, as shown in Chart 14. Another risk is that Libya increases production. The countries two warring factions recently signed a UN-brokered agreement to form a national government. This could lead to higher levels of production, potentially adding another 1 million bpd to the already over-supplied market. Under this scenario, we believe that crude oil prices could plunge to $20/bbl to ensure that enough crude oil is taken off the market to prevent inventories from breaching capacity.

Good luck with that "voluntary" reduction thesis. If anything, the worse the fiscal outlook of any given oil-exporter gets, the more it will export to offset declining prices, as Chinese steel producers have been kind enough to demonstrate.

Which is why, for anyone focusing on the fundamentals instead of the financials (and the biggest upside price risk has nothing to do with geopolitical events but more with a central bank -coughnorwaycough - announcing it would launch a commodity-focused QE) a $20 case should be the base-case around which to hedge, especially since last week Dennis Gartman turned "Very, Very Quietly Bullish Of Crude."

In a follow-up article we will show what $20/oil means for the key industry participants in the context of everyone's specific oil price floor, and what happens if and when it is breached.


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Pil a livelli pre-crisi non prima del 2020 La Cgia stronca l’ottimismo del governo [feedly]



----
Pil a livelli pre-crisi non prima del 2020 La Cgia stronca l'ottimismo del governo
// notixweb

www.notixweb.com

amikgdz0

L'economia italiana tornerà alla situazione pre-crisi non prima del 2020. Lo stima l'Ufficio studi della Cgia, ricordando che dall'inizio della crisi (2007) ad oggi, nel nostro Paese il Pil è sceso di oltre 8 punti, i consumi delle famiglie di 6,5 punti e gli investimenti quasi 27,5 punti percentuali. La disoccupazione, invece, è pressoché raddoppiata. Se nel 2007 ammontava al 6,1 per cento, il dato medio del 2015 dovrebbe attestarsi al 12,1 per cento. "Il Premier Renzi – segnala il coordinatore dell'Ufficio studi della Cgia Paolo Zabeo – fa bene a trasmettere ottimismo e fiducia. La situazione, tuttavia, rimane ancora molto delicata. Per recuperare il terreno perso ci vorrà molto tempo. Se nel ....

http://www.affaritaliani.it/

L'articolo Pil a livelli pre-crisi non prima del 2020 La Cgia stronca l'ottimismo del governo sembra essere il primo su notixweb.


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

David Collum: The Next Recession Will Be A Barn-Burner [feedly]



----
David Collum: The Next Recession Will Be A Barn-Burner
// Zero Hedge

Submitted by David Collum via PeakProsperity.com,

For those who enjoyed his encyclopedic 2015: Year In Review, this week we spend an hour with David Collum to ask: After processing through all of that information, what do you think the future is most likely to bring?

Perhaps it comes as little surprise that he sees the global economy headed back down into recession, one that will be deeper and more damaging than the 2008 crisis:

In 2008/9, while the equity markets when down, the bond markets went up. And that buffered an awful lot of pensions and 401Ks and endowments and things like that. And so people felt pain, but they didn't realize that there was an offsetting gain. They did not notice that part as much, but I think the next downturn is going to be concurrent bond market collapse and equity collapse and there will be no slack in that downturn.

 

I think stocks and bonds are both at ridiculously high levels now. The bond market can only go down from here, right? I mean, it can keep going up for a while, but there is just nothing left to be squeezed out of it. Interest rates are at seven hundred-year lows, supposedly - they're certainly at stupid lows, right. You have a third of Europe at negative rates... And so I think at some point the bond market's got to collapse. It will start in the high yield market, and that is happening right now. Then it'll spread, maybe treasuries will get bid to the stratosphere, but at some point you've got to get a real return. And so bonds have to sell off to get back to that real return -- after all, all crises are credit crises, right,? And then equities are going to go once there's not leverage out there for share buy backs and stuff like that.

 
That's why I think the next recession is going to be a barn-burner. 

Click the play button below to listen to Chris' interview with David Collum (74m:53s)


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone