31/01/16

“Il prossimo attacco in Europa sarà peggio dell’11 settembre” [feedly]



----
"Il prossimo attacco in Europa sarà peggio dell'11 settembre"
// notixweb

www.notixweb.com

1454267642-1194

 

In un nuovo filmato, un jihadista francese minaccia nuovi attentati: "Dimenticherete le bombe di Parigi"

Un militante dell'Isis, in apparenza un francese con i capelli biondi, minaccia nuovi attentati in Occidente in un video di cui dà notizia il Guardian.

Nelle immagini il terrorista, vestito ....

Who Warned "Be Careful What You Wish For... If Interest Rates Go Negative" [feedly]



----
Who Warned "Be Careful What You Wish For... If Interest Rates Go Negative"
// Zero Hedge

Now that the Bank of Japan has joined other central banks such as Denmark, Sweden, the ECB, and Switzerland into pushing its rates into what until just two years ago was considered the monetary twilight zone below the zero bound, and in the process sending a record $5.5 trillion in government bond yields negative...

 

... which quickly puts into in context all the recent warnings about physical cash being eliminated (because as a reminder negative rates and cash simply can not coexist as the latter provides a ready immunity from the former), such as the following:

Perhaps the only open question is .....

The Last (Policy-Induced) Gasp Of Speculative Excess [feedly]



----
The Last (Policy-Induced) Gasp Of Speculative Excess
// Zero Hedge

Excerpted from Doug Noland's Credit Bubble Bulletin,

"Shock and awe" is not quite what it used to be. It still carries a punch, especially for traders long the Japanese yen or short EM and stocks. The yen surged 2% against the dollar (more vs. EM) Friday on the Bank of Japan's (BOJ) surprising move to negative interest rates. BOJ Governor Haruhiko Kuroda has a penchant for startling the markets. Less than two weeks ago he stated that the BOJ would not consider adopting negative rates. It wasn't all that long ago that central bankers treasured credibility.

For seven years, I've viewed global rate policies akin to John Law's (1720 France) desperate move to .....

Il Sistema-Bestia Cresce: In Norvegia Stanno Abolendo I Contanti! [feedly]



----
Il Sistema-Bestia Cresce: In Norvegia Stanno Abolendo I Contanti!
// La Stella

DI MICHAEL SNYDER

La più grande banca norvegese sta chiedendo una eliminazione completa e totale del denaro contante. Già sono molte le filiali bancarie norvegesi che NEMMENO toccano più i "contanti" , ma questo non basta per la DNB.

Vuole che sia vietato, completamente, l'uso del contante, e stanno vendendo questa loro richiesta come un mezzo per reprimere i criminali ed il riciclo di denaro sporco. Alla fine però, la verità è che le banche vogliono costringere chiunque ad usare le banche per incassare le "fees" su tutte le transazioni.

DnB Master Card

Si tratta di un punto messo in agenda per motivi di pura avidità, ma che potrebbe anche aprire le porte ad una grande tirannia. Sfortunatamente, non stiamo solo assistendo ad un aggressivo movimento che porterà la società norvegese a vivere senza contanti,  ma lo stesso sta accadendo anche inSvezia, in Danimarca e in molte altre nazioni in tutto il mondo. Questo Sistema Bestiale sta crescendo, ma sono solo pochisime le persone che sembrano allarmate da questo fatto.

Quando ho cominciato a capire quanto stava succedendo in Norvegia, sono rimasto assolutamente sbalordito. I miei antenati vennero in America arrivando da laggiù, e non avevo idea di quanto stava accadendo. Qui di seguito un articolo da the International Business Times

 

La più grande banca norvegese ha chiesto che nel paese venga bloccato l'uso del denaro contante, ha riferito un quotidiano locale di venerdì. Questa deve essere intesa come l'ultima mossa di un paese che è sempre stato in .....

RT: L’incubo americano – soltanto ricchi e poveri, sparita la classe media [feedly]



----
RT: L'incubo americano – soltanto ricchi e poveri, sparita la classe media
// Vocidallestero

L'economia statunitense sta generando una ricchezza da togliere il fiato per una minoranza elitaria della popolazione a scapito di milioni di persone che adesso precipitano nelle fratture aperte nel sistema economico. E allora perché continuiamo a guardare questo penoso spettacolo anno dopo anno?

La classe media americana, un tempo glorificata, è sulla buona strada per essere relegata nei libri di storia; un manufatto di un'epoca passata, quando posti di lavoro ben retribuiti, accompagnati da una forte rappresentanza sindacale e dal sostegno del governo, hanno dato a milioni di famiglie americane un senso di sicurezza e anche la prosperità.

CY-u4DSWYAA5cao

Numero di miliardari che possiedono la stessa ricchezza del 50% della popolazione (e il mezzo di trasporto che occuperebbero)

Fate una ricerca su Google .....

"Time To Panic"? Nigeria Begs World Bank For Massive Loan As Dollar Reserves Dry Up [feedly]



----
"Time To Panic"? Nigeria Begs World Bank For Massive Loan As Dollar Reserves Dry Up
// Zero Hedge

Having urged "don't panic" just 4 short months ago, it appears Nigeria just did just that as the global dollar short squeeze forces the eight-month-old government of President Muhammadu Buhari to beg The World Bank and African Development Bank for $3.5bn in emergency loans to help fund a $15bn deficit in a budget heavy on public spending amid collapsing oil revenues. Just as we warned in December, the dollar shortage has arrived, perhaps now is time to panic after all.

In September, Nigerian central bank Governor Godwin Emefiele ruled out a naira devaluation on Thursday and told people not to panic about a government order which risks draining billions of dollars from the financial system.

In an interview with Reuters, Emefiele said he was ready to inject liquidity if needed into the interbank market, which dried up this week following the directive to government departments to move their funds from commercial banks into a "Treasury Single Account" (TSA) at the central bank.

 

The policy is part of new President Muhammadu Buhari's drive to fight corruption, but analysts say it could suck up as much as 10 percent of banking sector deposits in Africa's biggest economy - playing havoc with banks' liquidity ratios.

 

With global oil prices tumbling, banks and companies are already struggling with the consequences of a dive in Nigeria's energy revenues that has hit the naira currency and triggered flows of capital out of the country.

 

Then JP Morgan kicked Nigeria out of its influential Emerging Markets Bond Index last week due to restrictions that the central bank imposed on the currency market to support the naira and preserve its foreign exchange reserves.

 

Since taking office in May, Buhari has vowed to rein in Nigeria's dependency on oil exports which account for 90 percent of foreign currency earnings. However, he has faced criticism from investors for failing to appoint a cabinet yet or outline concrete policies.

Amid confusion over the implementation of the single account policy, overnight interbank lending rates spiked to 200 percent, but Emefiele denied the policy had provoked a liquidity crisis.

"There is no shortage of liquidity," he said, pointing to an oversubscribed sale of treasury bills on Wednesday. "A spike is a momentary action. It's sentiment."

 

"I do not think there is any need for anybody to panic," he added.

But with CDS markets now implying a drastic devaluation (and capital controls already in place), it seems the time to panic has come...

 

We warned of the looming dollar shortage in March of last year, and most recently in December we warned that Africa was bearing the brunt as some of continent's largest economies, including Nigeria, Angola, Ethiopia and Mozambique, restricted access to the greenback to protect dwindling reserves.

But, as The FT reports, it seems time is up for Nigeria, as the troubled nation has asked the World Bank and African Development Bank for $3.5bn in emergency loans to fill a growing gap in its budget in the latest sign of the economic damage being wrought on oil-rich nations by tumbling crude prices.

Nigeria's economy is Africa's largest and has been hit hard by the fall in crude prices — oil revenues are expected to fall from 70 per cent of income to just a third this year. 

 

Finance minister Kemi Adeosun told the Financial Times recently that she was planning Nigeria's first return to bond markets since 2013. But Nigeria's likely borrowing costs have been rising alongside its budget deficit. A projected deficit of $11bn, or 2.2 per cent of gross domestic product, had already risen to $15bn, or 3 per cent, as a result of the recent turmoil in oil markets.

 

...

 

The country's financial buffers are also eroding. The central bank's foreign exchange reserves have nearly halved to $28.2bn from a peak of almost $50bn just a few years ago. A rainy-day fund that had $22bn in it at the time of the 2008-09 global financial crisis now has a balance of $2.3bn.

 

...

 

"I think we all agree that Nigeria is facing significant external and fiscal accounts challenges from the sharp fall in . . . oil prices, as of course are all oil exporters," Gene Leon, the IMF's representative in Nigeria, told the FT. But he added that Nigeria was not in immediate need of an IMF programme. "We are not in that space at all."

 

...the new government is also facing questions about its handling of the economy. Capital controls introduced last year have weighed on growth and the IMF has called for Mr Buhari to pursue alternatives.

 

The central bank introduced the first controls before Mr Buhari took office last May, but many new measures have been imposed since and the president has repeatedly voiced his support for them.

During a January visit Christine Lagarde, the IMF's managing director, urged the government to allow the naira to trade more freely so that it could help absorb economic shocks.

"It can also help avoid the need for costly foreign exchange restrictions, which we don't really support," she said in an address to parliament.

But Mr Buhari and his government are likely to resist a full IMF rescue programme.

The former military ruler butted heads with the IMF while leading the government in the 1980s and many observers believe he would be reluctant to invite the fund in again.

The question is - will the $3.5bn loan be used to keep social unrest from exploding on the streets or to further attempt to sustain an unsustainable peg?

As we previously warned, defending one's currency is a losing game as not only Argentina most recently, but the Swiss National Bank most infamously, will admit.

"As African central banks place restrictions on access to their dollars, while burning through these reserves to support their currencies, they are also storing up longer-term troubles. "Few investors will want to put money into a country at an official exchange rate that is not set by the market and which is not seen as sustainable in the long run," said Charles Robertson, global chief economist at investment bank Renaissance Capital."

For now Africa has avoided the "hyperinflation monster", the result of an all too predictable scarcity of dollars, however the countdown is on and with every passing day that oil prices do not rebound, the inevitability of a full-on continental currency collapse, with hyperinflation and social unrest to follow, becomes increasingly more likely.

Worse, Africa is just the start: while the manifestations will differ, the mechanics of the dollar shortage, which we recently quantified in the trillions of dollars, are universal, and should the Fed's rate divergence path with the rest of the world continue pushing the USD ever higher, soon this USD-shortage will escape the confines of the world's poorest continent and make landfall somewhere where it will be far more difficult to ignore the adverse consequences of the global commodity collapse and the Fed's monetary policy.


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Il PIL dell’Italia? E’ tornato all’anno Mille [feedly]



----
Il PIL dell'Italia? E' tornato all'anno Mille
// Scenarieconomici.it

Una bella infografica dell'Economist ricostruisce il PIL mondiale dall'anno 1 ai giorni nostri, con le percentuali delle maggiori nazioni sul totale in moneta costante – PPP, purchase power parity in dollari 1990. Come si può vedere la quota parte odierna del PIL italiano è più o meno pari a quella dell'anno Mille.

 

History of world GDP

 

L'Italia dell'anno Mille era una mera espressione geografica. I Comuni non erano ancora le potenze economiche e militari che .....

Bpm e Banco Popolare: fusione? [feedly]



----
Bpm e Banco Popolare: fusione?
// Borsa Finanza

Il risiko nel comparto bancario movimenta le Borse europee. L'agenzia di rating Standard&Poor's vede segnali di ripresa, tuttavia ritiene necessaria un'aggregazione del settore.


Continua a leggere: Bpm e Banco Popolare: fusione? (...)

Bpm e Banco Popolare: fusione?, pubblicato su Borsa Finanza il 31/01/2016

© Carlo Valuta per Borsa Finanza, 2016. | Commenta! |
Tag: ,


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Ri-Emergenti [feedly]



----
Ri-Emergenti
// MoneyRiskAnalysis – Borsadocchiaperti

E' l'ora di ri-emergenti
Sono molti mesi, forse anche troppi, che i mercati emergenti vengono etichettati come "affogati". I coefficienti di sostenibilità dicono che se ci sono dei paesi a rischio annegamento sono proprio quelli cosiddetti core.

Demografia – Crescita – Monetarismo

Sono tre elementi essenziali, dai quali i mercati si sono allontanati in termini di valutazione, badando più ......

Ri-Emergenti : MoneyRiskAnalysis – Borsadocchiaperti

Sfruttiamo il rimbalzo...
zio



http://www.moneyriskanalysis.com/blog/2016/01/31/ri-emergenti/?utm_source=twitterfeed&utm_medium=twitter


Inviato da iPhone

Hedge fund Usa scommettono contro yuan [feedly]



----
Hedge fund Usa scommettono contro yuan
// RSS di Economia - ANSA.it

Wsj, big prevedono calo fino a 40%. Timori 'guerra valute'
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

La Fine Del Mondo E' Iniziata Poche Settimane Fa.. [feedly]



----
La Fine Del Mondo E' Iniziata Poche Settimane Fa..
// Mercato Libero

ripropongo questo articolo fondamentale per capire le dinamiche 2016
 A CHE PUNTO SIAMO DELLA CRISI? SEMPLICE...SIAMO ALL'INIZIO. LEGGETEVI QUANTO HO SCRITTO NELL'ARTICOLO IL PETROLIO E' IL NUOVO SUBPRIMA DEL 2016 LA SCORSA SETTIMANA
 
E ADESSO GUSTATEVI FINO IN FONDO L'ARTICOLO PIU' IMPORTANTE DEL 2016 ..UNA LEZIONE DI ECONOMIA SCRITTA DA DAVID STOCKMAN, IL ROUBINI DEL 2016.

 David Stockman,
Ci stiamo avvicinando a un punto di svolta cruciale nel ciclo globale delle bolle finanziarie che è in corso da più di due decenni. Vale a dire, le banche centrali del mondo hanno finalmente finito la polvere da sparo. Saranno incapaci di fermare l'implosione del credito, che inesorabilmente seguirà la nuova bolla.
Finiremo col parlare della Fed che si appresta ad un cambiamento epocale alzando i tassi di interesse, ma prima è fondamentale delineare il contesto macroeconomico globale. In una parola, stiamo entrando in una grandiosa deflazione. Il precipizio si .....

Interactivebroker Introducela Tassa Sul Denaro - I Tassi Negativi Sull'Euro Dal 5 Febbraio - Come Proteggersi Da Questo Scenario [feedly]



----
Interactivebroker Introducela Tassa Sul Denaro - I Tassi Negativi Sull'Euro Dal 5 Febbraio - Come Proteggersi Da Questo Scenario
// Mercato Libero

...avere un saldo di  1.000.000 di euro su interactivebrokers dal 5 febbraio sara' un problema, infatti ogni singolo giorno il risparmiatore trovera' un po' meno soldi sul conto corrente..
I BROKERS SONO I PIU' VELOCI E I PIU' SMART NEL CAPIRE LE TENDENZE...E' EVIDENTE CHE NEI PROSSIMI MESI QUESTO DIVENTERA' UNO STADARD.
le banche introdurranno interessi negativi sui saldi di conto corrente ..e questo comportera' un problema per l'investitore.
I portafogli vanno strutturati adeguatamente in funzione di questo nuovo scenario...I soldi vanno diversificati e non lasciati fermi...questa è una DEFLAZIONE PARTICOLARE...dove cash is not king...perche' viene tassato (se lasciato in banca)
CONTATTA PER UNA CONSULENZA 
335.6651045 

LA MASSIMA DEL 2016:
UN DOMANI 80 EURO AVRANNO LO STESSO POTERE DI ACQUISTO DI 100 EURO DI OGGI, 
 IL VALORE DELL'AZIONE DELLA COCA COLA  SCENDERA' DI PARI PERCENTUALE...
BASTEREBBE MANTENERE IL VALORE DEL DENARO INTATTO..
PECCATO CHE I 100 EURO DI OGGI VERRANNO COLPITI DA TASSI NEGATIVI (TASSA SUL DENARO)
PER PROTEGGERE IL TUO POTERE DI ACQUISTO..DEVI QUINDI SHORTARE LA COCA COLA...
CHE A PARITA' DI MARGINI DI PROFITTO GUADAGNERA' MENO DOLLARI NOMINALI 

 ESEMPIO COCA COLA
coca cola  negli anni 70 era una bella azienda e faceva utili ...eppure valeva in borsa meno di 3 dollari...molto meno dei 48 di oggi.
perche' coca cola oggi vale di piu' che nel 1975? 
1) ha aumentato le vendite ! questo grazie all'arricchimento di tante persone globalmente
2) il denaro ha perso di valore!..se nel 1975 si vendeva una bottiglia di coca cola a 10 centesimi di dollaro con costi di materie prime per 2 centesimi, costi di ......

The Fed's Next Surprise Move [feedly]



----
The Fed's Next Surprise Move
// Zero Hedge

FED

The Federal Reserve seems to have been caught off-guard by the recent turmoil on the markets. As the Chinese economic growth seems to be slowing down, all of the Western central banks need to re-think their plans, and the Federal Reserve will have to kneel in the dust.

Whereas just a few weeks ago, the Fed 'promised' the markets it would increase the interest rates 4 ...

Banche: Boom di sofferenze, +93% in quattro anni [feedly]



----
Banche: Boom di sofferenze, +93% in quattro anni
// Borsainside.com

La quota maggiore dei crediti deteriorati è preponderante nel Sud.

L'articolo Banche: Boom di sofferenze, +93% in quattro anni è stato pubblicato in origine dal portale Borsainside.com


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

America Contro Europa...I Due Paesi Litigano Su Di Chi Siano Le Tasse Di Google E Company [feedly]



----
America Contro Europa...I Due Paesi Litigano Su Di Chi Siano Le Tasse Di Google E Company
// Mercato Libero

L'europa inizia a tassare le multinazionali americane....un processo appena iniziato e che non e' visto bene dalle autorita' americane..
Tenete presente che negli ultimi anni..con la scusa che le regole (AMERICANE) devono essere rispettate..l'america ha incassato da aziende europee miliardi di multe..come fosse una .....

Se Il Giappone Porta I Tassi Di Interesse In Negativo...L'America Risponde [feedly]



----
Se Il Giappone Porta I Tassi Di Interesse In Negativo...L'America Risponde
// Mercato Libero

http://930e888ea91284a71b0e-62c980cafddf9881bf167fdfb702406c.r96.cf1.rackcdn.com/data/tvc_19c4b43d6803dfcca7098cb797d306d9.png
nessuna sorpresa nel vedere il mercato azionario americano recuperare livelli importanti. Nel mese di gennaio la perdita scende a 4 punti percentuali...veramente nulla se paragonata al crollo di 13% della borsa italiana da inizio anno .
I tassi di ....

L’Unione Europea manda (giustamente) a Fare in Culo Banca d’Italia [feedly]



----
L'Unione Europea manda (giustamente) a Fare in Culo Banca d'Italia
// Rischio Calcolato

Foto Roberto Monaldo / LaPresse28-10-2015 Roma (Italia)Economia91ma Giornata Mondiale del RisparmioNella foto Ignazio Visco (Governatore Banca d'Italia) Photo Roberto Monaldo / LaPresse28-10-2015 Rome (Italy)91th World Savings DayIn the photo Ignazio Visco

(il vostro nuovo eroe, Renzi non bastava?)

Quando ci vuole, ci vuole.

Mi sono vergognato per voi sentendo il vostro banchiere centrale (Ignazio Visco) chiedere di rimandare le norme sul Bail In Bancario dopo che:

  • L'Italia con i suoi parlamentari europei eletti l'ha votato a Bruxelles
  • L'Italia con i suoi parlamentari eletti ha recepito le norme in tempi record
  • Banca d'Italia ha miseramente fallito nel ....

Durden: "Il vaso di Pandora e' aperto". Perche' il Giappone potrebbe aver dato il via ad una silenziosa corsa agli sportelli [feedly]



----
Durden: "Il vaso di Pandora e' aperto". Perche' il Giappone potrebbe aver dato il via ad una silenziosa corsa agli sportelli
// Argento Fisico


L'altro giorno Goldman parlava di last ditch measure, una mossa diperata da parte della Bank of Japan quella di sconfinare in territorio negativo coi tassi. A ruota anche Deutsche Bank arriva ad ....

I Tassi Negativi Della Boj: Un Altro Passo Verso Il Disastro Globale [feedly]



----
I Tassi Negativi Della Boj: Un Altro Passo Verso Il Disastro Globale
// MiglioVerde

KURODAdi GERARDO COCO

Ciò che caratterizza le banche centrali è il fatto che, quando le misure che adottano non funzionano, le ripetono e, se continuano a non funzionare, le rilanciano… senza limiti. La follia, secondo Albert Einstein, è fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi. Ma nel caso delle banche centrali siamo andati oltre: fanno di peggio aspettandosi il meglio. Cosa ha .....

Another Nail In The US Empire Coffin: Collapse Of Shale Gas Production Has Begun [feedly]



----
Another Nail In The US Empire Coffin: Collapse Of Shale Gas Production Has Begun
// Zero Hedge

Via SRSroccoReport.com,

The U.S. Empire is in serious trouble as the collapse of its domestic shale gas production has begun.  This is just another nail in a series of nails that have been driven into the U.S. Empire coffin.

Unfortunately, most investors don't pay attention to what is taking place in the U.S. Energy Industry.  Without energy, the U.S. economy would grind to a halt.  All the trillions of Dollars in financial assets mean nothing without oil, natural gas or coal.  Energy drives the economy and finance steers it.  As I stated several times before, the financial industry is driving us over the cliff.

The Great U.S. Shale Gas Boom Is Likely Over For Good

Very few Americans noticed that the top four shale gas fields combined production peaked back in July 2015.  Total shale gas production from the Barnett, Eagle Ford, Haynesville and Marcellus peaked at 27.9 billion cubic feet per day (Bcf/d) in July and fell to 26.7 Bcf/d by December 2015:

Top-U.S.-Shale-Gas-Fields-Production

As we can see from the chart, the ....

A Bullish Blast From The Past [feedly]



----
A Bullish Blast From The Past
// Zero Hedge

The first time the S&P 500 was at the current levels was early June 2014... i.e. your equity market investment has returned nothing for 19 months.

 

In the interests of "fair and ....

“The Money Mafia” [feedly]



----
"The Money Mafia"
// Global Research

Exposing perceived fault lines in our banking and financial systems and explaining how unemployment could be cut in half in two years and worldwide prosperity restored, this book argues the existence of exotic energy sources to replace fossil fuels and…
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Fed, le colombe rialzano la testa [feedly]



----
Fed, le colombe rialzano la testa
// Trend Online

Non si riesce ancora a trovare un equilibrio sui mercati in questo inizio tormentato del 2016.

Non si riesce ancora a trovare un equilibrio sui mercati in questo inizio tormentato del 2016. Da un lato le banche centrali hanno fatto il loro dovere rassicurando il sostegno alla ripresa, come sottolineato dalla Bce, mentre la Fed conferma un approccio morbido nell'accompagnare i rialzi dei tassi sul dollaro, tenendo in considerazione l'evolversi della situazione internazionale.

Questo aspetto emerso ...

La Cina è vicina. Anche quando rallenta [feedly]



----
La Cina è vicina. Anche quando rallenta
// Trend Online

Il rallentamento della Cina mette a rischio sia l'armonia all'interno del paese asiatico sia il benessere del resto del mondo.

Il rallentamento della Cina mette a rischio sia l'armonia all'interno del paese asiatico sia il benessere del resto del mondo. Condividere le ....

Ora Renzi cede pezzi d'Italia. Una porzione di mare italiano è passato alla Francia [feedly]



Inviato da iPhone

BANCHE E POLITICA/ Bad bank, il "falso mito" che illude l'Italia [feedly]



----
BANCHE E POLITICA/ Bad bank, il "falso mito" che illude l'Italia
// Il Sussidiario.net

Le banche italiane soffrono in Borsa per colpa dei crediti in sofferenza. Ma anche se se ne liberassero con la bad bank, spiega GIANLUIGI LONGHI, la crisi non passerebbe

(Pubblicato il Sun, 31 Jan 2016 06:06:00 GMT)

BANCHE E POLITICA/ Le "manovre pericolose" di Padoan su Mps, di S. Luciano
SPILLO/ Le teorie che trasformano i risparmiatori in "parco buoi", di G. Longhi
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

SPY FINANZA/ Generali: per il "dopo Greco" crescono i nomi di Cucchiani e Balbinot [feedly]



----
SPY FINANZA/ Generali: per il "dopo Greco" crescono i nomi di Cucchiani e Balbinot
// Il Sussidiario.net

Per il dopo Greco in Generali cresce l'attesa di una ricostruzione del management interno con figure di prestigio come Enrico Cucchiani e Sergio Balbinot. ANTONIO QUAGLIO

(Pubblicato il Sun, 31 Jan 2016 06:05:00 GMT)

SPILLO/ La mossa del cavallo di Renzi sulle banche sgambettate da Fitch, di G. Credit
FINANZA & MERCATI/ La vera brutta notizia dietro l'addio di Greco a Generali, di S. Luciano
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Maggiani: noi ignoranti, prede perfette per banche criminali [feedly]



----
Maggiani: noi ignoranti, prede perfette per banche criminali
// LIBRE

E' mai possibile che alla direzione del sistema bancario italiano possa albergare una, una sola brava persona? Ebbene sì, esiste, esiste perché io lo conosco, conosco un banchiere per bene. Ho sentito dire che anche il ministro Boschi ne conosce uno, che ce l'ha addirittura in casa, e allora fanno già .....

ZeroHedge: la fine dell’era delle bolle finanziarie [feedly]



----
ZeroHedge: la fine dell'era delle bolle finanziarie
// Vocidallestero

ZeroHedge riporta un interessante articolo scritto a dicembre da David Stockman, ex politico e uomo d'affari americano. Secondo Stockman l'economia mondiale è di fronte ad un periodo di deflazione almeno decennale (la 'stagnazione secolare') causato dalla politica di tassi bassi in vigore dagli anni '90; questi tassi hanno alimentato, oltre alle bolle speculative degli ultimi 25 anni, un'enorme bolla sugli investimenti in beni capitali che ha enormemente ampliato la capacità produttiva mondiale oltre la capacità della domanda di assorbirla, rubando capacità produttiva al futuro. Dopo 84 mesi di zero lower bound e con la liquidità indotta con i QE sui mercati degli asset che ha causato investimenti sempre più speculativi, la risalita dei tassi, già avviata, innescherà la distruzione di questa capacità in eccesso per via deflattiva. L'alternativa – con i tassi ancora a zero – è il crollo del sistema finanziario.

di David Stockman, 13 dicembre 2015

Ci stiamo avvicinando a un punto di svolta cruciale nel ciclo globale delle bolle finanziarie che è in corso da più di due decenni. Vale a dire, le banche centrali del mondo hanno finalmente finito la polvere da sparo. Saranno incapaci di fermare l'implosione del credito, che inesorabilmente seguirà la nuova bolla.

Finiremo col parlare della Fed che si appresta ad un cambiamento epocale alzando i tassi di interesse, ma prima è fondamentale delineare il contesto macroeconomico globale.

In una parola, stiamo entrando in una grandiosa deflazione. Il precipizio si manifesta nel rinnovato massacro che si sta svolgendo nei mercati delle materie prime.

Questa settimana l'indice Bloomberg delle materie prime, che comprende tutto, dal petrolio greggio a soia, rame, nichel, cotone e bestiame, è affondato sotto quota 80 per la prima volta dal 1999. Adesso è inferiore quasi del 70% rispetto al suo massimo storico, alla vigilia della crisi finanziaria, e del 55% dal suo picco durante la ripresa del 2011.

BloombergCommodityIndex1

I rialzisti di Wall Street e gli apologeti keynesiani della Fed vogliono farvi credere che non c'è molto da dire. Sostengono che è solo un temporaneo eccesso di petrolio e qualche eccessiva esuberanza di investimenti in conto capitale nel settore dei metalli e dell'industria mineraria.

Ma le loro rassicurazioni che, in un anno o giù di lì, l'attuale eccessiva offerta di rame, greggio, minerali di ferro e altre materie prime sarà assorbita da un'economia globale in espansione non potrebbero essere più lontane dalla verità. In realtà, questo errore è al centro del mio punto di vista sugli investimenti.

Noi riteniamo che l'economia globale sia enormemente rigonfia di spesa basata su debito che non può essere sostenuta. E che questa distorsione sia aggravata sul lato dell'offerta da un incredibile surplus di capacità produttiva in eccesso. A cui si sommano antieconomici e cattivi investimenti che sono stati innescati dal credito a bassissimo costo offerto dalle banche centrali.

Di conseguenza, l'economia mondiale in realtà sta per contrarsi per la prima volta dagli anni '30. Questo perché il prezzo in caduta delle materie prime è solo il preludio a quella che sarà una depressione degli investimenti in conto capitale in tutto il mondo – proprio il genere di cose che non è più successo dagli anni '30.

C'è stato così tanto eccesso di investimenti nel settore energetico, minerario, in quello della lavorazione, produzione e stoccaggio dei materiali, che nulla di nuovo sarà costruito negli anni a venire. Il boom degli ultimi due decenni, in sostanza, [anticipando gli investimenti] ha rubato al futuro molto della sua capacità di produzione.

Quindi ci sarà una seria riduzione nella produzione di macchine per miniere e movimento terra, di impianti di perforazione per i giacimenti di petrolio, di autocarri pesanti e vagoni ferroviari, di navi cargo e portacontainer, di macchinari per la movimentazione e lo stoccaggio di materiali, di macchine utensili e apparecchiature per il trattamento chimico e molto, molto altro.

Il punto cruciale, però, è che la netta riduzione dell'industria dei beni capitali ha implicazioni molto più distruttive per la macroeconomia rispetto ad una riduzione delle vendite di elettrodomestici di consumo o del numero di posti in bar e ristoranti.

I servizi sono praticamente senza scorte di lavoro e le catene di approvvigionamento di beni di consumo durevoli come lavastoviglie e automobili in genere hanno forse da 50 a 100 giorni di scorte a portata di mano. Così, quando si accumulano investimenti eccessivi in scorte, l'alleggerimento delle stesse e la conseguente riduzione della catena di approvvigionamento sono relativamente di breve durata.

Ma quando si tratta di beni strumentali il metro importante per la misura dell'inventario è la capacità in essere. Ecco dove le politiche pro-bolle finanziarie da parte della Fed e delle altre banche centrali hanno fatto tanti danni.

Lunghi periodi di costo sotto mercato del capitale inducono la aziende a sopravvalutare drasticamente il rendimento degli investimenti. E quindi alla fine ad accumulare l'equivalente di anni e anni di eccesso di capacità.

Questo è molto diverso dalle recessioni dei beni di consumo vissute dai nostri nonni negli anni '50 e '60. Quelle tipicamente implicavano tagli moderati di produzione e diversi trimestri di riduzione delle scorte. Questa volta l'aggiustamento dei beni capitali richiederà anni, forse più di un decennio.

Ecco perché.

Quando le miniere di ferro sono ampiamente sovradimensionate, per esempio, i nuovi ordini per le grandi macchine gialle da miniera della Caterpillar (CAT) possono scendere quasi a zero. Ecco perché CAT sta già vivendo il più lungo periodo di calo delle vendite al dettaglio – 35 mesi di fila e non è ancora finita – nella sua storia centenaria.

Caterpillar1

Questo è anche il motivo per cui la recessione globale in arrivo sarà così prolungata e ostinata. Quando il credito a buon mercato genera un boom di beni capitali longevi e costosi, dà luogo ad una "conduttura" di nuove capacità.

Questa conduttura non è facile da chiudere e spesso ha senso completarla – diciamo portacontainer, acciaierie o nuovi campi minerari – anche se i prezzi e la redditività sono già in declino. Questo è noto come il problema dei "costi irrecuperabili".

Gli ordini di macchine da miniera rischiano di restare profondamente depressi per il resto del decennio. E questa sindrome si presenterà anche nella maggior parte degli altri settori, come per camion pesanti, cantieri navali, impianti di perforazione petrolifera, ecc

Questa depressione nelle industrie di beni capitali, a sua volta, significa la scomparsa di migliaia di posti di lavoro altamente qualificati e ben remunerati in aziende come Caterpillar. Lo stesso accadrà per le loro vaste catene di rifornimento di componenti, materiali e fornitori di servizi in outsourcing. E la cascata di queste contrazioni lungo la catena alimentare dell'economia intensificherà ed espanderà ulteriormente la dinamica deflazionistica.

Il grafico sottostante da qualche suggerimento sulla crisi massiccia che si sta parando davanti al mondo intero.

Nel corso degli ultimi 25 anni gli investimenti in conto capitale da parte delle società quotate in borsa del mondo sono cresciuti di un incredibile 500%. Gran parte di questo fenomeno è accaduto in Cina e nelle economie dei mercati emergenti (EM), e nelle infrastrutture di trasporto e di distribuzione che li collega.

GlobalCapex1

Eppure questa massiccia esplosione della spesa per investimenti non si è verificata perché diversi miliardi di contadini asiatici improvvisamente hanno deciso di mettere da parte un'infinità di nuovi capitali.

In realtà, questa campagna senza precedenti di costruzioni e investimenti in conto capitale è stata finanziata quasi interamente dall'emissione massiccia di credito a tasso di interesse reale virtualmente nullo.

Ciò significa che il capitale è stato drasticamente sotto-prezzato facendo abbondare sprechi, eccessi e inefficienze.

Alla fine, l'economia globale si è pericolosamente sbilanciata. E queste conseguenze negative del falso boom di credito delle banche centrali mettono infatti in evidenza le opportunità di investimento future.

Il sano investimento capitalistico basato sui prezzi di mercato e sull'accantonamento del risparmio dal reddito corrente può andare avanti all'infinito, alimentando l'aumento di efficienza, produzione e ricchezza.

Ma gli investimenti in conto capitale basati sul credito a basso costo consentono solo temporaneamente all'economia mondiale di allargare la sua torta, e mangiarsela anche. Ora è il tempo del conto.

Inutile a dirsi, durante la fase di espansione della bolla finanziaria innescata dalle banche centrali, regna l'ottimismo e rialzisti e speculatori insistono sul fatto che "questa volta è diverso".

Eppure le solide leggi della finanza e dell'economia di mercato non cambiano mai. Spesso ci vuole un tempo prolungato prima che tutti gli eccessi facciano il proprio lavoro e infine la bolla scoppi.

Il grafico sottostante riassume questa grande deformazione.

Nel corso degli ultimi due decenni, il debito da rimborsare nel mercato globale del credito è salito da 40 trilioni di dollari a 225 trilioni di dollari. Questo rappresenta un'incredibile espansione del debito di 185 trilioni di dollari. Questa eruzione sarebbe semplicemente inimmaginabile senza l'aiuto delle banche centrali che stampano denaro.

Al contrario, il PIL globale è cresciuto soltanto di 50 trilioni di dollari nello stesso periodo, e anche questo risultato è un'esagerazione. Gran parte di questa crescita rappresenta soltanto il pass-through del credito facile, e non risparmi reali investititi efficientemente nella produzione.

Di conseguenza, è probabile che l'economia globale abbia accumulato più di $ 4 di nuovo debito per ogni $ 1 di PIL incrementale.

Non solo questa è evidentemente un'equazione finanziaria insostenibile, ma significa anche che quando si ferma la crescita del credito, il debito si ritira dal PIL. Non era nuova ricchezza, solo produzione rubata al futuro.

GlobalDebt1

E questo ci porta alla prossima mossa della Fed di alzare i tassi di interesse per la prima volta in 10 anni. Sarà pari a un cambiamento di rotta che a tempo debito frantumerà l'intero regime delle bolle finanziare che ha dato origine al falso credito e al boom degli investimenti in conto capitale descritto sopra.

Come ho detto spesso, la Fed è diventata dipendente dalla "Soluzione Semplice". Durante più dell'80% degli oltre 300 mesi nel corso dell'ultimo quarto di secolo o ha tagliato i tassi o li ha lasciati invariati.

EasyButton1

Di conseguenza, i giocatori d'azzardo professionisti nell'odierno casinò di Wall Street non hanno alcuna vera esperienza di un periodo in cui l'adagio "la Fed è tua amica" non funziona. Hanno sperimentato essenzialmente mercati fittizi a senso unico, sapendo che l'"opzione" Greenspan/Bernanke/Yellen sarebbe venuta in soccorso su azioni e altri asset rischiosi.

Ma ecco il punto. Dopo 84 mesi di tassi di interesse a zero – gente, questa sì che è pura follia secondo tutti gli standard storici – la Fed ha esaurito tempo e scuse.

Se alla fine non comincia a normalizzare i tassi, come più volte promesso, la sua credibilità sarà fatta a pezzi. E accadrà quello che ha a lungo mortalmente temuto. Cioè, il mercato crollerà in un attacco sibilante che frantumerà la fiducia in quello che è essenzialmente un gigantesco schema Ponzi basato sul credito.

E le altre principali banche centrali del mondo sono nella stessa barca.

Proprio la scorsa settimana abbiamo visto la BCE fermata bruscamente dalla potente rappresentanza tedesca che essenzialmente ha detto a Draghi che 1.3 trilioni di euro stampati sono abbastanza.

Allo stesso modo, anche la Banca popolare della Cina (PBOC) ha esaurito la polvere da sparo. E questo è di monumentale importanza.

L'epicentro del boom globale di materie prime, investimenti in conto capitale e industriale era in Cina. Grazie alla frenesia con cui la PBOC ha stampato la più grande quantità di denaro nella sua storia, un eccezionale debito pubblico e privato è esploso da 500 miliardi di dollari nel 1994 a 30 trilioni di dollari oggi.

Questa è una crescita di 60 volte. C'è da meravigliarsi che i grafici sui beni e gli investimenti in conto capitale mostrati sopra sono andati quasi verticali durante il picco del boom globale?

Ma ora la Cina è di fronte al crollo del suo schema Ponzi, e il capitale è in fuga dal paese ad un ritmo prodigioso.
Soltanto negli ultimi 15 mesi, quasi 1 trilione di dollari è volato a Londra, New York, in Australia, a Vancouver e in altri luoghi sicuri per la fuga di capitali

Così la PBOC è costretta a fermare le sue macchine da stampa, al fine di evitare che il tasso di cambio dello yuan crolli e che il deflusso di capitali vada completamente fuori controllo.

Anche in Giappone, la stampa della Banca del Giappone non sta più accelerando. Questo perché nonostante migliaia di miliardi di nuovi capitali creati dal nulla negli ultimi anni, il Giappone è sull'orlo della sua quinta recessione in sette anni. Anche in Giappone, la bolla finanziaria sta perdendo la sua credibilità.


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

NELLA SOCIETA' CAPITALISTA NESSUN DIRITTO E' GRATIS

Le colorate manifestazioni a sostegno delle "unioni civili" hanno posto in secondo piano la furia di una tempesta abbattutasi per pochi giorni sulla società italiana. Nulla a che vedere con le tormente di neve americane. Si parla di elementi ben più violenti e non naturali: una tempesta finanziaria. Il crollo dei titoli bancari degli scorsi giorni ha rivelato importanti dettagli sulla direzione presa dalle società capitaliste nei deboli paesi del sud europa, tutti quanti interessati - guarda caso - da un insolito attivismo riformatore in materia di cosiddetti "diritti civili". E' come se si fosse aperto per un attimo il cofano motore di un veicolo complesso e straordinario consentendo ai più curiosi ed attenti di carpire importanti informazioni. Come spesso succede, molti avevano la testa girata da un'altra parte.

Cominciamo dal titolo bancario che ha subito la perdita più consistente: il Monte dei Paschi di Siena. Sulla chiacchierata banca, persino i fogli di regime come La Stampa (1) riportano come il consistente ribasso sarebbe stato dovuto ad un'abile manovra da parte di alcuni fondi speculativi (hedge funds) americani. 

Davide Rubini: Il fischio finale

Davide Rubini: Il fischio finaleDavide Rubini Il fischio finale Gilgamesh edizioni - Pag.http://www.finanzaelambrusco.it/articoli/articoli/cultura/davide-rubini-il-fischio-finale/

Bloomberg: il nuovo malato d’Europa ha un rating Tripla A [feedly]



----
Bloomberg: il nuovo malato d'Europa ha un rating Tripla A
// Vocidallestero

La crisi economica della Finlandia continua ad avvitarsi, e questa volta è Bloomberg a chiamare esplicitamente il paese nordico, fino a poco tempo fa indicato come esempio di competitività ed efficienza, "il nuovo malato d'Europa". Tra tagli allo stato sociale e ai diritti dei lavoratori, lotta alla contrattazione collettiva e al potere dei sindacati, assistiamo al medesimo copione visto applicare in tutti i paesi in crisi dell'eurozona: rimane confermato che dove non si può svalutare la moneta si deve svalutare il lavoro al grido di "fate presto!". L'unica nota fuori posto rimane quel rating tripla A che già cinque mesi fa era messo alla berlina da illustri analisti.

di Raine Tiessalo e Nicholas Rigillo, 27 gennaio 2016

Un'economia cronicamente depressa, disoccupazione in crescita e l'avversione per riforme di libero mercato. Sembra una familiare storia europea?

Ma non è la Grecia, la Spagna o il Portogallo. E' la Finlandia.

Mentre i paesi indebitati e in difficoltà dell'area meridionale dell'eurozona lottano per uscire dalla loro crisi che dura ormai da 6 anni, alcuni con più successo di altri, la Finlandia sta soccombendo alla propria.

La sua economia, che si è contratta ogni anno dal 2012, è stata quella che ha ottenuto i peggiori risultati nell'area della moneta comune nei primi tre trimestri del 2015, secondo i dati Eurostat. Il suo deficit è relativamente più alto di quello dell'Italia, pur essendo al quarto posto nell'Unione Europea in termini di quantità di imposte e oneri sociali richiesti ai suoi cittadini, e il suo tasso di disoccupazione supera quello dei suoi vicini nordici. Gli ultimi dati pubblicati mercoledì da Statistics Finland [l'istituto pubblico di statistica, equivalente all'Istat italiana, ndVdE] hanno mostrato che il tasso di disoccupazione è salito al 9,2 per cento nel mese di dicembre, il livello più alto dal giugno 2015.

-1x-1

Il ministro delle finanze, Alexander Stubb, ha iniziato il proprio incarico riferendosi al suo paese come il più recente "malato d'Europa".

"La Finlandia è diventata un'economia basata sul ....

Welcome To The Currency War, Part 21: Japan Goes Negative; US To Return Fire In 2016 [feedly]



----
Welcome To The Currency War, Part 21: Japan Goes Negative; US To Return Fire In 2016
// DollarCollapse.com

Well that didn't take long. Two weeks of falling share prices and the European and Japanese central banks go into full panic mode. The ECB promised new stimulus — which the markets liked — and then BoJ upped the ante with negative interest rates — which the markets loved. Here's a quick summary from Bloomberg:

Central Banks Intensify Campaign for Negative Rates

In surprising markets by penalizing a portion of banks' reserves, the Bank of Japan on Friday joined a growing club taking the once-anathema step of pushing some borrowing costs beneath zero.

"Negative rates are now very much the new normal," said Gabriel Stein, an economist at Oxford Economics Ltd. in London. "We've seen they are possible and we're going to see more." Negative rates once "sounded illogical," said Stein. "We now know what we thought was true isn't."

This is a resounding admission of failure. Over the past seven years the world's central banks have cut ...