26/06/16

"Nessuna crisi economica col Brexit, ma inizio crollo UE o disgregazione UK" [feedly]



----
"Nessuna crisi economica col Brexit, ma inizio crollo UE o disgregazione UK"
// Sputnik Italia - Notizie, Оpinioni

La decisione della Gran Bretagna di separarsi dall'Unione Europea può rappresentare l'inizio del crollo della UE o della disgregazione del Regno Unito, ritiene Nouriel Roubini, economista americano che aveva predetto la crisi economica del 2008. Secondo la Reuters lo ha affermato al Forum Economico Mondiale a Tianjin.
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Brexit? Figlia del Fiscal Compact che uccide l’Europa [feedly]



----
Brexit? Figlia del Fiscal Compact che uccide l'Europa
// Gustavo Piga

E così Brexit è avvenuta. Da 5 anni questo blog ha ricordato in tutti i modi possibili ed immaginabili come un'uscita di un primo "qualcuno" fosse sempre più vicina, e come questo evento era più che evitabile se solo lo … Continue reading
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Primo Effetto: A Calais Ritorna La Frontiera E I Trafficanti Adesso Alzano I Prezzi [feedly]



----
Primo Effetto: A Calais Ritorna La Frontiera E I Trafficanti Adesso Alzano I Prezzi
// Piovegovernoladro

Sono almeno settemila i migranti sparpagliati fra le dune di Calais e le spiagge di Dunquerke, sulla sponda francese della Manica. Da settimane attendono in accampamenti di fortuna un passaggio clandestino per il Regno Unito, appiattiti fra i container caricati sui treni o aggrappati disperatamente agli assi dei camion. Sulla sabbia che settant'anni fa vide …

L'articolo PRIMO EFFETTO: A CALAIS RITORNA LA FRONTIERA E I TRAFFICANTI ADESSO ALZANO I PREZZI sembra essere il primo su Piovegovernoladro.


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Brexit: l’Europa cade nel baratro [feedly]



----
Brexit: l'Europa cade nel baratro
// Aurora

Intervista al noto geopolitico russo Aleksandr Dugin – Katehon, 25/06/201658085– La prima domanda è "il futuro"?
Dugin (D): Il ritiro del Regno Unito dall'Unione europea è un evento d'importanza colossale. L'intera architettura del mondo cambia perché non si tratta solo di un Paese europeo, ma di uno dei poli della civiltà europea. E se il Regno Unito si dice fuori dall'Europa, fuori dall'UE, significa che il valore dell'UE cambia. La cosa più importante è che nessuno permetterà un'Europa senza la Gran Bretagna. Si può dire che sia la fine dello spazio di civiltà.

– Si tratta della rinascita dello sciovinismo inglese o solo dei vari problemi apparsi negli ultimi tempi?
D: Il Regno Unito non ha né le risorse, né la ....

Forget Brexit, This Is The Ticking Time Bomb For The Markets [feedly]



----
Forget Brexit, This Is The Ticking Time Bomb For The Markets
// Zero Hedge

dowindex_wide-712d80debe9c74ef2213d61357710e6198eef788-s6-c30

Low interest rates can be a great tool to get an economy in slow-down mode going again, but there always is an unwanted side effect. If credit becomes too cheap and available for just anyone, there's bound to be 'abuse' in the system, as households (and companies) can spend the borrowed cash on anything they want.

We have already warned you before about the share buybacks on the financial markets, as the increasing profits (per share) are mainly inflated by lower interest expenses and a lower amount of outstanding shares, rather than really seeing a substantial improvement of the business and sector those companies are operating in.

Share Buyback 2

Source: Factset Research

Even though there has ....

BREXIT: ECCO LE DICHIARAZIONI PIÙ INCREDIBILI... di Marco Mori [feedly]



----
BREXIT: ECCO LE DICHIARAZIONI PIÙ INCREDIBILI... di Marco Mori
// sollevazione

[ 26 giugno ]

La dittatura nazi-UE dichiara guerra alla Gran Bretagna. Ecco le dichiarazioni post brexit più incredibili.

Lo storico voto del brexit ha avuto un altro vantaggio. L'UE ha ...

Good Bye Europa: Politici Centralisti E Burocrati Mai Eletti Tremano [feedly]



----
Good Bye Europa: Politici Centralisti E Burocrati Mai Eletti Tremano
// MiglioVerde

EUSSR-europa statodi GERARDO COCO

Con il voto del 24 giugno scorso, la Gran Bretagna ha deciso di abbracciare il resto del mondo e la globalizzazione senza passare per l'Unione Europea. Il voto segna uno spartiacque tra globalizzazione e centralizzazione. Dopo il Brexit dobbiamo aspettarci, più autonomia, più sussidiarietà più decentramento del ...

Piazza Affari: guai a toccare il tasto buy per il momento! [feedly]



----
Piazza Affari: guai a toccare il tasto buy per il momento!
// Trend Online

Il crollo storico del Ftse Mib fa cadere il mercato in una profonda incertezza e probabilmente ci vorrà del tempo perchè si possano ritrovare certi equilibri. I titoli e i temi da seguire in avvio di settimana.

La vittoria della Brexit al referendum di giovedì scorso nel Regno Unito, si è tradotta il giorno successivo in una seduta drammatica per le Borse. Si è difesa meglio delle altre la Borsa londinese che ha ceduto il 3,15%, mentre il Dax30 e il Cac40 hanno accusato un ribasso rispettivamente del 6,82% e dell'8,04%.

Crollo storico per il Ftse Mib

Un discorso a partre va fatto per ....

Zerohedge – La Vera Catastrofe Del Brexit: Le 400 Persone Più Ricche Del Mondo Perdono 127 Miliardi Di Dollari [feedly]



----
Zerohedge – La Vera Catastrofe Del Brexit: Le 400 Persone Più Ricche Del Mondo Perdono 127 Miliardi Di Dollari
// Sa Defenza

ZEROHEDGE – LA VERA CATASTROFE DEL #BREXIT: LE 400 PERSONE PIÙ RICCHE DEL MONDO PERDONO 127 MILIARDI DI DOLLARI


160212095430-brexit-wall-street-custom-gs-540x304

Per lo scorno di tutti gli scettici, ZeroHedge conferma che il paventato disastro innescato dal Brexit si è effettivamente verificato: il crollo del mercato azionario successivo al referendum ha creato un buco di 127 miliardi di dollari nei patrimoni degli uomini più ricchi del pianeta, limandoli del 3,2%. George Soros l'aveva detto ai britannici: "state attenti, il Brexit vi renderà più poveri". Non aveva precisato che si riferiva a se stesso e ai suoi colleghi miliardari, ma pare che i britannici l'abbiano comunque capito, votando di conseguenza.

di Tyler Durden


Nonostante l'allarmismo e le minacce di un'apocalisse finanziaria imminente se avesse vinto il Brexit, incluse le tremende previsioni di gente come George Soros, la Banca d'Inghilterra, David Cameron (che ha anche invocato la guerra), e pure Jacob Rothschild, qualcosa di "inaspettato" è successo ieri : il Regno Unito è stata il mercato europeo con le migliori prestazioni a seguito dell'esito pro-Brexit.

20160624_EU1_0
Andamento degli indici delle borse europee, venerdì 24 giugno


Questo risultato è stato proprio come ci aspettavamo tre giorni fa, per i motivi che abbiamo scritto in "Soros sbaglia?", dove dicevamo che "in un mondo in cui le banche centrali corrono a svalutare la loro valuta con tutti i mezzi necessari solo per ottenere un modesto vantaggio competitivo nelle guerre commerciali globali, un crollo del GBP [Great Britain Pound, la sterlina inglese, ndT] è esattamente ciò che la Bank of England dovrebbe volere, se questo significa far partire l'economia del Regno Unito ".


Venerdì scorso, anche il mercato ha iniziato a riprezzare, e nel farlo si è scoperto che gli stati sovrani che perdono di più col Brexit non sono il Regno Unito, ma quelli dell'Europa.


Ma non solo. Perché come abbiamo notato ieri in "Chi sono i più grandi perdenti del Brexit?" c'è un perdente ancora maggiore rispetto all'UE: le persone più ricche della Gran Bretagna e d'Europa.

L'indice dei
L'indice Bloomberg della ricchezza dei miliardari britannici


I 15 cittadini più ricchi della Gran Bretagna si sono ritrovati a perdere 5,5 miliardi di dollari delle loro fortune collettive venerdì, dopo che il paese ha votato per lasciare l'Unione europea. L'uomo più ricco della Gran Bretagna, Gerald Grosvenor, guida la pattuglia, con 1 miliardo di dollari, secondo l'indice Bloomberg dei miliardari. E' stato seguito dal proprietario di Topshop, Philip Green, dal barone e proprietario terriero Charles Cadogan e da Bruno Schroder, azionista di maggioranza della società di gestione patrimoniale e mobiliare Schroders Plc.


Non è stata solo la Gran Bretagna: come ha aggiunto Bloomberg durante la notte, le 400 persone più ricche del mondo hanno perso 127,4 miliardi di dollari venerdì quando i mercati azionari globali hanno vacillato alla notizia che gli elettori britannici hanno scelto di lasciare l'Unione Europea. I miliardari hanno perso il 3,2 per cento del loro valore netto totale, portando la somma aggregata a 3,9 trilioni di dollari, secondo l'indice Bloomberg dei miliardari. La perdita maggiore è stata della persona più ricca d'Europa, Amancio Ortega, che ha perso più di 6 miliardi di dollari, mentre altri nove hanno perso più di 1 miliardo di dollari, tra cui Bill Gates, Jeff Bezos e Gerald Cavendish Grosvenor, la persona più ricca del Regno Unito.


Ironia della sorte, adesso si scopre che quando George Soros ha minacciato "lo schianto del Brexit vi renderà tutti più poveri – attenzione", quello che intendeva veramente era "mi renderà più povero". E sì, George, la gente è stata avvertita, che è il motivo per cui ha votato come ha fatto.


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Giovani del M5 Stelle

Giovani del M5 Stelle E quindi anche inesperti e un filino « talebani ». Ma carichi, sfrontati e decisi.http://www.finanzaelambrusco.it/articoli/articoli/politica/giovani-del-m5-stelle/