15/11/16

Rickards: Dovranno bloccare tutto il sistema [feedly]



----
Rickards: Dovranno bloccare tutto il sistema
// Argento Fisico


Intervista di Chris Martenson a Jim Rickards che dopo "New Case for Gold" ha scritto ora il terzo capitolo (di 4) dopo "Currency Wars" (2011) e "The Death of Money" (2014): "The Road to Ruin". 


Provo un riassuntino (se dimentico qualcosa di importante ditemelo nei commenti): 

1) Jim ricorda che se nel 1998 Wall Street ha salvato un Hedge Fund e nel 2008 la Fed ha salvato Wall Street, alla prossima crisi - che Jim da intorno al 2018, quindi piuttosto vicina, a poche centinaja di giorni da ora - dovra' essere il Fondo Monetario Internazionale a salvare le Banche Centrali. Perche' se e' vero che le BC hanno tamponato la crisi negli ultimi anni e' pur vero che non hanno risolto niente, hanno solo rimandato perche' dopo 8 anni buoni ancora siamo con le BC a bilanci stracolmi di debito e non solo e a tassi ZIRP se non NIRP (a zero se non tassi negativi). Se tutto fosse, ormai, stato ristabilizzato, dice Jim, sarei il primo a fare i complimenti alle ....

The Euro and the European Central Bank (ECB) Are “Murdering Europe”. How Globalization Destroys Nations [feedly]



----
The Euro and the European Central Bank (ECB) Are "Murdering Europe". How Globalization Destroys Nations
// Global Research

The Euro is murdering the nations and economies of the EU quite literally. Since the fixed currency regime came into effect, replacing national currencies in transactions in 2002, the fixed exchange rate regime has devastated industry in the periphery states…
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Trump è per il neo-liberalismo quel che la caduta del Muro fu per il socialismo reale

La vittoria travolgente di Donald Trump nelle elezioni per la presidenza degli Stati Uniti, ancora più straordinaria data l'ostilità attiva della stragrande maggioranza dell'establishment finanziario, economico, culturale, mediatico, inclusi i maggiorenti del Partito Repubblicano, chiude la lunga fase storica iniziata a cavallo degli anni '80 al di là e al di qua dell'Atlantico.

Dopo la Brexit del 23 giugno scorso, una "Brexit plus, plus" è arrivata l'8 Novembre. Sono scosse politiche di magnitudo massima, successive a una sequenza di scosse minori: le elezioni regionali in Francia, le presidenziali in Austria, le amministrative in Italia, il crollo del consenso alle grandi-coalizioni nelle elezioni regionali in Germania, per ricordare soltanto le più recenti. Il messaggio di fondo è chiaro: l'insostenibilità economica, sociale e democratica del capitalismo neo-liberista, della globalizzazione dei capitali e di merci e servizi giocata sulla svalutazione del lavoro.

Speciale Dal Qe Al Qs [feedly]



----
Speciale Dal Qe Al Qs
// Economia e Finanza

Immaginate che le banche centrali invece di comperare asset rischiosi mettendo la moneta stampata per la bisogna nelle mani degli speculatori che poi continuano con essa a specularci senza alcun beneficio per l'economia reale, comperino  BUONI SPESA dalle banche che li hanno avuti versati agli sportelli dalle IMPRESE, e da queste ottenuti dietro vendita di beni e servizi dai CONSUMATORI, che a loro volta li hanno avuti in omaggio dall'UE tramite i rispettivi ministeri dell'economia nazionali.
Ci siete? succederebbe che la moneta stampata andrebbe a finire direttamente nell'economia reale, convertendosi in maggiori ....

Lo Strano ‘Effetto Trump’ – Mostra L’Innaturalita’ Del Sistema [feedly]



----
Lo Strano 'Effetto Trump' – Mostra L'Innaturalita' Del Sistema
// Blondet & Friends

"Donald Trump può essere un buon presidente, dopotutto", scrive il giornale economico francese "La Tribune": "Accusare  la politica commerciale cinese non è assurdo".

http://www.latribune.fr/opinions/tribunes/donald-trump-peut-etre-un-bon-president-des-etats-unis-616190.html

"Trump può davvero rimettere  sui binari l'economia Usa", concede su Asia Times David Goldman, speculatore americano basato ad Hong Kong, e (quando scrive di geopolitica con lo pseudonimo di "Spengler") suprematista ebraico e neocon.  "L'economia Usa è il 10 per cento più piccola di quanto potrebbe ...

Obbligazioni in rubli

Obbligazioni in rubli Il rublo ha risentito della recente discesa del petrolio da 50 a 45 dollari, dovutohttp://www.finanzaelambrusco.it/articoli/articoli/finanza/obbligazioni-in-rubli/

Cercando la Salvezza in un paese a rischio permanente [feedly]



----
Cercando la Salvezza in un paese a rischio permanente
// Phastidio.net

Puntata di Focus Economia del 14 novembre condotta da Sebastiano Barisoni su Radio24. Su rendimenti di mercato e spread italiano, intervento del vostro titolare (a partire dal minuto 45), con Claudia Segre, presidente della Global Thinking Foundation e segretario di Assiom Forex. Perché l'Italia soffre di più sulla risalita dei rendimenti globali? Perché il nostro…

Continua a leggere il post Cercando la Salvezza in un paese a rischio permanente su Phastidio.net.


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

INTERMARKET: manca solo un attore all’appello [feedly]



----
INTERMARKET: manca solo un attore all'appello
// IntermarketAndMore

market-trend-intermarketBond giù, Euro giù, commodity giù. Manca solo l'azionario che invece sorprende e regge anche se nel quadro intermarket era prevedibile anche una forte correzione dell'equity. Come mai? com per il QE, è intervenuto un elemento di disturbo che cambia le carte in tavola. Ma, cosa FONDAMENTALE, non cambia le regole del gioco. Continua a leggere
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Brexit, svelato documento riservato: “Londra non ha un piano concreto” [feedly]



----
Brexit, svelato documento riservato: "Londra non ha un piano concreto"
// FanpageFanpage


Una nota governativa confidenziale, rivelata dal Time, svelerebbe le forti divisioni tra i ministri della Premier Theresa May sui passi da intraprendere. Il documento parla di almeno sei mesi per redigere un piano concreto ma dal governo smentiscono la paternità della nota
Continua a leggere
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Trump Moment ! Deflazione 80 Reflazione 20 ! [feedly]



----
Trump Moment ! Deflazione 80 Reflazione 20 !
// icebergfinanza

Immagine000Nel fine settimana ci siamo divertiti attraverso la storia a smontare una per una le leggende metropolitane che vedono dietro l'evento di Trumpo al potere negli Stati Uniti, il rischio di inflazione o reflazione come meglio credete. Per chi non … Continua a leggere
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Siete Licenziati! [feedly]



----
Siete Licenziati!
// Francesco Simoncelli's Freedonia

La pseudo-ripresa sventolata dai media maintream, che negli ultimi 84 mesi avrebbe inglobato l'economia statunitense, ha i suoi giorni contati. Gli errori economici sottostanti mascherati dalla stampante monetaria della FED, si sono acuiti ed esploderanno in faccia ai pianificatori centrali. Debiti pubblici e privati ai massimi, mostri burocratici nel commercio e nella sanità, ed una Federal Reserve fuori controllo che ha gonfiato bolle a destra ed a manca. La recessione è inevitabile, così come una deflazione di quei ....

Bloomberg: il petrolio può tornare tra 25 e 30 dollari [feedly]



----
Bloomberg: il petrolio può tornare tra 25 e 30 dollari
// Trend Online

L'incontro dell'Opec in agenda il 30 novembre, ha un ostacolo in più. Trump. Che però potrebbe anche dare una mano senza volerlo...

L'incontro dell'Opec in agenda il 30 novembre, ha un ostacolo in più. Trump. Le quotazioni del greggio, dopo aver toccato l'apice a metà ottobre con 52 dollari, arrivano a 45,26 dollari per il Brent e 44,35 per il WTI, facendo temere un ...

Il Perchè Dei #Terremoti A Catena Nel Mondo: La Cintura Di Fuoco [feedly]



----
Il Perchè Dei #Terremoti A Catena Nel Mondo: La Cintura Di Fuoco
// Piovegovernoladro

vulcano-eurzione

Nuova Zelanda, Argentina, Alaska, Giappone, Panama sono state colpite da terremoti molto forti nella giornata di domenica 13 novembre. Una forte scossa di magnitudo 6.2, ha colpito infatti il nordovest dell'Argentina. Il sisma, a una profondità di 100 chilometri, si è verificato al confine con il Cile. Sempre nell'Oceano Pacifico dopo il forte terremoto delle 12:02 …

L'articolo IL PERCHÈ DEI #TERREMOTI A CATENA NEL MONDO: LA CINTURA DI FUOCO sembra essere il primo su Piovegovernoladro.


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Piazza Affari [feedly]



----
Piazza Affari
// Mercato Libero

UNICREDIT fusione con Societe Generale ma 13 miliardi di aumento capitale...MPS inizia la conversione in azioni dei bond subordinati...Atlantia ci sara' il buy back? Ferragamo delude la trimestrale il lusso è opaco.. tassi cosi' in alto deprimono le utilities e le aziende molto indebitate...il referendum si avvicina e il movimento 5 stelle incontra due grandi fondi americani...Renzi è sempre piu' solo...mentre Trump e Putin si sentono al telefono.
TRUMPS dara' una mano all'Italia prima del 4 dicembre?

----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

MONTE dei PASCHI: parte la conversione dei bond, ma OCCHIO alla risoluzione! [feedly]



----
MONTE dei PASCHI: parte la conversione dei bond, ma OCCHIO alla risoluzione!
// IntermarketAndMore

img1024-700_dettaglio2_monte-dei-paschi-di-sienaLa conversione di bond subordinati in azioni è il primo passo verso al ricapitalizzazione. Ma per l'obbligazionista si manifesta il "dilemma del prigioniero". E il rischio di faliimento non si può escludere nel caso in cui i numeri della conversione non fossero soddisfacenti. Continua a leggere
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Tokyo chiude piatta, preoccupata per una fuga di capitali dall'Asia [feedly]



----
Tokyo chiude piatta, preoccupata per una fuga di capitali dall'Asia
// Milano Finanza

Azioni asiatiche in territorio misto mentre i mercati continuano a valutare le implicazioni di una amministrazione Trump, a partire dal timore che un [...]
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Trump E La Sconfitta Degli “Utili Intellettuali Idioti” [feedly]



----
Trump E La Sconfitta Degli "Utili Intellettuali Idioti"
// MiglioVerde

hillarydi MATTEO CORSINI

Verso le 12 dello scorso 8 novembre stavo sorseggiando una birra al termine dell'ultima tappa del mio giro di quest'anno per le montagne nepalesi. Meteo ottimo tutti i giorni, salita in vetta al Lobuche East il 3 novembre in condizioni perfette, quindi bilancio pienamente soddisfacente.

A quel punto, però, la mente è tornata alle beghe quotidiane della mia vita occidentale, e ho realizzato che, tenendo conto del fuso orario, negli Stati Uniti stava iniziando il ...

Quando il futuro ha esaurito le promesse ciò che vince è la voglia di passato [feedly]



----
Quando il futuro ha esaurito le promesse ciò che vince è la voglia di passato
// Piano Inclinato

L'economia guida del mondo cambia filosofia. Non è solo la presidenza Obama a chiudersi: dopo che il referendum inglese aveva già aperto la via, il mondo occidentale intraprende con decisione una rotta nuova. È finita la fase culturale del mercato aperto, della concorrenza internazionale, del globalismo e della continua ricerca di opportunità attraverso la libera circolazione di beni, persone e […]
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Germania, l'economia rallenta nel terzo trimestre più delle attese [feedly]



----
Germania, l'economia rallenta nel terzo trimestre più delle attese
// Borsainside.com

Il PIL tedesco è aumentato nel terzo trimestre del 2016 dello 0,2%.

L'articolo Germania, l'economia rallenta nel terzo trimestre più delle attese è stato pubblicato in origine dal portale Borsainside.com


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Terra incognita

Terra incognitaOpportunità e rischi del populismo globale Lenin non risparmiò scherno e disprezzohttp://www.finanzaelambrusco.it/articoli/articoli/politica/terra-incognita/

Wall Street: ancora un record storico, ma lo storno è vicino [feedly]



----
Wall Street: ancora un record storico, ma lo storno è vicino
// Finanza in Chiaro

I titoli bancari sostengono il Dow Jones, bene anche Caterpillar. Di nuovo giù il Nasdaq, l'elezione di Trump non giova ai titoli tecnologici.

Sesto rialzo di fila per il Dow Jones e terzo record storico consecutivo. La sensazione, però, è che all'indice più vecchio del mondo cominci a mancare un po' di benzina. Oggi, ad esempio, non solo lo S&P500 (-0,01%) ed il Nasdaq (-0,36%) han terminato le contrattazioni al di ...

Anche Prelevare Dal Conto Corrente Diventa Un Reato: Oramai E’ Inquisizione Di Stato! Ecco Le Nuove Infami Leggi: I Tuoi Soldi? Non Potrai Farne Cio’ Che Vuoi [feedly]



----
Anche Prelevare Dal Conto Corrente Diventa Un Reato: Oramai E' Inquisizione Di Stato! Ecco Le Nuove Infami Leggi: I Tuoi Soldi? Non Potrai Farne Cio' Che Vuoi
// Il Grande Cocomero

Da domani, chi preleva dal conto corrente una somma superiore a mille euro in un giorno o a cinquemila euro in un mese potrà essere oggetto di indagini da parte dell'Agenzia delle entrate. Viene infatti fissato un limite numerico alle operazioni sul proprio conto oltre il quale scatterà automaticamente una presunzione di "nero" qualora il contribuente non riesca a dimostrare il contrario. È questo l'emendamento più allarmante appena approvato al decreto fiscale e che rischia di costituire un vero e proprio spauracchio per contribuenti e risparmiatori. Difatti, benché la normativa sulla tracciabilità dei pagamenti stabilisce che l'uso dei contanti è vietato solo a partire da 3.000 euro, e nonostante i chiarimenti ministeriali secondo cui tale limite non si applica a prelievi e versamenti sul conto corrente (per i quali non vi è alcun tetto), la nuova norma vorrebbe imporre ai correntisti un vincolo particolarmente forte. Ma procediamo con ordine.

SOLDI SUL CONTO CORRENTE, COSA PUOI FARE?

Se è vero che nel conto corrente ci sono soldi tuoi e, in linea teorica, dovresti essere libero di farne quello che vuoi, ivi compreso prelevarli nella misura e nei tempi che preferisci, di fatto non è così: salvo per i professionisti (per i quali sussiste una sentenza della Corte Costituzionale che li salva da questo regime [1]), tutte le volte in cui le cause del prelievo o del versamento in banca non possono essere dimostrate al fisco, quest'ultimo (o meglio, l'Agenzia delle Entrate) può presumere che, dietro l'operazione, si nasconda un'attività in nero. Scatta quindi il recupero a tassazione di quel reddito. Insomma una vera e propria sanzione per chi non sa dire da dove provengono o dove finiscono i suoi soldi sul conto corrente. Un principio che la legge stabilisce, in modo netto e chiaro per gli imprenditori, ma che spesso è stato applicato anche ai lavoratori dipendenti. La possibilità di effettuare un accertamento fiscale per prelievi o versamenti consistenti di denaro sul conto non ha salvato, infatti, in passato, neanche il lavoratore con reddito fisso, come il normale lavoratore dipendente (di norma ritenuto sempre al riparo dai sospetti dell'Agenzia delle Entrate). La giurisprudenza, infatti, ammette – sebbene non in via sistematica, ma solo laddove le evidenze di una possibile evasione fiscale siano conclamate – gli accertamenti bancari anche sui risparmiatori. Sicché è sempre bene, anche in tali ipotesi, conservare traccia dell'impiego del denaro contante a seguito di prelievo o versamento.

Si tratta, ovviamente, solo di una «presunzione» contraria al contribuente, che opera per di più in automatico, ma che consente sempre la prova contraria. Una prova, tuttavia, non sempre facile da raggiungere atteso che, spesso, dopo molto tempo, si perde traccia e memoria delle ragioni dei propri spostamenti monetari. Ecco allora che, oltre a una corretta causale, è sempre meglio conservare un archivio con le pezze giustificative dell'impiego di consistenti somme di denaro.

LA NUOVA NORMA

La nuova norma vuole imporre un limite numerico per le presunzioni sui prelievi: la possibilità che il prelievo divenga ricavo sussisterà al superamento di limiti giornalieri e mensili fissati, rispettivamente, a mille e 5 mila euro. Viene così integralmente riscritta la norma [2] in base alla quale i prelievi possono costituire "compensi". Il legislatore interviene affermando come la norma in questione potrà operare al ricorrere di un requisito «numerico»: la presunzione contraria al contribuente, per i prelievi non giustificati, scatterà solo se viene superato il limite giornaliero di mille euro e, comunque, quello di 5 mila euro mensili. Entro invece tale limite siamo dinanzi a una sorta di «franchigia» entro la quale il problema non dovrebbe sussistere. Al contrario, superate le predette soglie la norma potrebbe essere azionata ma, si ritiene, soltanto per l'eccedenza rispetto alle stesse.

 

 

SCRIVITI ALLA NUOVA PAGINA FACEBOOK (CLICCA QUI) 

FONTE

RISCHIO CALCOLATO


----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone

Bce ha 1.165 miliardi di titoli di Stato [feedly]



Inviato da iPhone

China: Trump's First Crisis? [feedly]



----
China: Trump's First Crisis?
// Zero Hedge

Submitted by John Paul Smith via GovernmentsAndMarkets.com,

There is a growing possibility that China will be at the epicentre of President-elect Trump's first crisis, triggered by concerns over the potential impact of protectionist measures on China's trade surplus, which currently supports the increasingly fragile financing chains supporting corporate debt that the IMF estimates at around 155% of GDP.

Trump's pledges to impose tariffs of up to 45% on Chinese manufactured goods threatens to drive a significant uptick in the amount of capital flight from the renminbi, while the prospect of measures to change the US tax system to encourage companies to repatriate cash to the are already pulling the dollar higher.

At this point the likelihood of Trump actually delivering on his protectionist rhetoric is secondary to the psychological impact on resident corporate and household savers of any potential threat to the current uneasy equilibrium within the Chinese economy.

The situation could quickly become much more acute than the one faced by the FOMC earlier this year, when the Fed appears to have backed off raising rates primarily due to concerns about China, so that President Trump will have to make a decision whether to clarify his intentions towards China and possibly repudiate his key campaign pledge at a relatively early stage of his presidency.

The consequences of his not doing so could be to precipitate an economic and financial crisis within China, that would obviously have major adverse consequences for the regional and global economies and also some potentially very serious implications for geopolitical stability.

In brief, our longstanding bearish view on China has rested on the governance factors at both a central and local government level that have led to massive cost factor subsidies driving overcapacity across a broad range of industries.

This has resulted in very high levels of debt which are being financed from an increasing range of institutions and instruments, most recently the city and county banks and shadow financing instruments, all of which are lack transparency even by Chinese standards.

No-one disputes any more that an increasing amount of financing is being used to service and roll over existing loans and that higher write-offs are not keeping pace with the flow of doubtful loans. The financing structures that surround the overcapacity industries are increasingly fragile especially on a regional level; Chinese enterprises are simply too interconnected to fail.

Over the course of 2016, there have been some indications of a visible improvement in both the macro-economic and corporate numbers, as well as some of the more physical and therefore reliable indications of activity such as power production and freight journeys.

This has, however, been a function of the massive monetary and fiscal stimulus beginning in the second half of 2015, to head off a potential crisis in response to the plunge in the onshore equity market.

Despite this apparent stabilisation, some of the more important underlying corporate indicators which we monitor, in particular the continuing rise in working capital ratios and debt relative to operating cashflow across a range of major industries (ex-capital goods), have not shown any real improvement, indicating a real vulnerability to further deterioration when the government and PBoC take their respective feet off the fiscal and monetary accelerators.

Moreover, even if the authorities do prove reluctant to ease for fear of the consequences, the psychological impact of the possibility of severe protectionist measures on the trade surplus will likely drive an increase in capital flight which will of itself have a tightening effect, especially as the PBoC will continue to intervene to keep what has so far been a relatively orderly renminbi depreciation from becoming a crisis inducing market riot.

The key point here is that all significant corporate and household savers will be well aware of the underlying fragility of much of the industrial base and accompanying financing structures.

The perception that the trade surplus could fall by a significant amount, together with a growing belief in a stronger dollar, is likely to be the catalyst for those Chinese who are in a position to export capital, to rush for the exits. Capital exports were relatively high in the latter part of 2015, running at an estimated $100bn plus in the fourth quarter. The level this year has been considerably smaller, but nevertheless appears to have been increasing to figures in excess of $50bn in both September and October.

Moreover, no-one really knows what constitutes an adequate level of reserves given the opaque nature of the PBoC balance sheet.

Some commentators aver that ...

Whiff of Panic in Miami’s Condo Market [feedly]



----
Whiff of Panic in Miami's Condo Market
// Zero Hedge

By Wolf Richter, WOLF STREET

The Miami-Dade County condo market is coming under severe stress, and turmoil is spreading. There are two aspects: supply and sales activity overall, and the more obscure but highly indicative "preconstruction market."

Preconstruction condos are a favorite playground for condo flippers. They buy the units before construction begins. When the building is completed, some of the buyers (in recent years 30% to 40%) flip their units at a profit, benefiting from the run-up in condo prices in the interim. This activity is crucial in helping developers fund their working capital. Alas, the math has stopped working.

The overall condo and townhouse market in Miami-Dade County is already in trouble. In October, sales plunged 30% year-over-year, while inventory for sale rose to over 14,000 units as of November 1, according to StatFunding's Preconstruction Condo Market Update.

At the current sales rate, that makes for over 13 months' supply. The blue bars in the chart from StatFunding represent the swooning sales (in units, left scale). The green line represents the ballooning inventory (in units listed for sale, right scale):

us-miami-dade-condo-sales-inventory-2016-10

There is some seasonality. So here is ...

SPY FINANZA/ Bce, il disastro nascosto dietro Trump [feedly]



----
SPY FINANZA/ Bce, il disastro nascosto dietro Trump
// Il Sussidiario.net

In Italia torna la deflazione e aumenta lo spread. Per la Bce, però, sembra essere colpa dell'imprevista vittoria di Donald Trump. Il commento di MAURO BOTTARELLI

(Pubblicato il Tue, 15 Nov 2016 06:04:00 GMT)

SPY FINANZA/ La mossa di Trump che può far salire il prezzo del petrolio, di M. Bottarelli
IDEE/ Paolo Baffi e le lettere per aiutare l'Italia nella crisi, di G. Fabi
----

Shared via my feedly reader


Inviato da iPhone