15/02/17

DECODEX: la Censura ai tempi del Web

In Francia è arrivato il "Decodex": uno strumento che pretende di distinguere il bene dal male e la verità dalla menzogna, avrebbe potuto inventarlo Orwell e per il Ministero della Verità del Grande Fratello sarebbe stata una manna dal cielo! Invece è Le Monde che offre questo "servizio" al cittadino-lettore ipoteticamente "perso" nella giungla di informazioni del web (sic). Grazie a quest'arma informatica chiamata Decodex, può identificare e distinguere la buona verità giornalistica dalla cattiva propaganda. 
A prima vista quest'idea potrebbe sembrare lodevole, ma una riflessione più approfondita solleva molte perplessità e la domanda nasce spontanea: chi controlla i controllori? O meglio chi verifica iverificateur?
Concretamente, Decodex si presenta come un motore di ricerca, si digita l'indirizzo di un sito e questa bocca della verità (sic) dice se è affidabile o diffonde false notizie. Ci sono già estensioni disponibili per Chrome e Firefox e anche per reti sociali come Facebook e Twitter. A partire dal 2 febbraio, 600 siti, per lo più francesi, saranno valutati da un motore di ricerca attraverso un sistema di bollini colorati che ne sentenziano l'affidabilità: grigio per i siti pubblici come Wikipedia, blu per i siti parodia, rosso per i siti "non del tutto affidabili, complottisti o fuorvianti", arancione per i siti "inaffidabili o altamente orientati", verde per i siti "molto affidabili". Un modo con cui si vuole classificare la loro nocività per l'informazione.
Posta un commento