10/05/17

Venezuela 2017: un giorno, e molte minacce, alla volta

"L'opposizione vuole bruciare i voti
che hanno eletto Maduro"
 
Eneko
Nei quattro anni dalla morte di Hugo Chavez nel marzo 2013, la rivoluzione bolivariana in Venezuela è invecchiata prematuramente. L'entusiasmo del popolo venezuelano ha lasciato il posto ad un clima tetro. Nella divergenza di opinioni su chi o cosa sia da biasimare, il fervore rivoluzionario o l'odio viscerale del "regime" lasciano il posto all'apatia e alla stanchezza rassegnata.
Di Supriyo Chatterjee সুপ্রিয় চট্টোপাধ্যায়
TLAXCALA

Il paese ricorda quei vecchi alcolizzati felici (erano numerosi all'epoca in cui la birra era a buon mercato) che improvvisamente furono privati ​​della loro bibita: almeno questa è l'impressione che ho avuto durante il mio recente soggiorno lì. Il calo del prezzo del petrolio ha provocato una recessione economica; l'abbondanza degli anni di Chavez è finita, e i venezuelani si sono rassegnati al fatto che quel periodo non tornerà mai più.


Rimane molto poco dei segni esteriori della vita politica, che siano manifesti, striscioni o graffiti; è come se la politica fosse stata esorcizzata dalla strada. Le conversazioni che precedentemente finivano nel dibattito politico, oggi ruotano principalmente intorno alla ricerca di pane, zucchero o di mais, dove trovarli e a che prezzo. Ci sono code nei supermercati, ma meno di prima da quello che mi è stato detto, e i venditori del mercato nero, qui chiamati "bachaqueros", vendono i loro prodotti sulle bancarelle installate sui marciapiedi, esponendo i loro prezzi senza timore delle autorità.
Posta un commento