27/01/18

41 cuori battono ancora a Guantanamo

"Ci vorrebbe un genio per chiudere Guantanamo"
(Allusione ironica al tweet di Trump
nel quale si definiva “un genio”
)
L’11 gennaio 2018 ci ricorda che sono trascorsi sedici anni durante i quali la prigione di Guantánamo continua a tenere prigionieri esclusivamente uomini musulmani, avendo sottoposto molti di loro a torture e detenzioni arbitrarie. 
Convocate da Witness Against Torture (WAT, Testimoni contro la tortura), una trentina persone si sono riunite a Washington D.C. con l’intento di digiunare una settimana intera per cercare di far chiudere  Guantánamo e abolire per sempre le torture.
Sei giorni fa, Matt Daloisio è arrivato da New York con un furgone accuratamente carico di cartelloni e striscioni creati nel corso di dodici anni, oltre a sacchi a pelo, vestiti invernali e altri oggetti essenziali per quella settimana.
Posta un commento