04/01/18

Dissidenti in Iran e in Palestina: trova le differenze

Khalida Jarrar, membro del parlamento
palestinese
Perché i palestinesi che partecipano a proteste settimanali lungo la barriera di confine, sono meno coraggiosi o meno giustificati dei manifestanti iraniani?
Dobbiamo chiamare le cose con il loro nome. I palestinesi e la manciata di israeliani che combattono l'occupazione sono dissidenti. Così dovrebbero essere chiamati. Sono dissidenti che si oppongono al regime. Sono dissidenti come chiunque si oppone a qualsiasi regime tirannico e meritano tanto rispetto e apprezzamento quanto ne abbiamo dato ai dissenzienti nel corso della storia, da Nelson Mandela ad Andrei Sakharov, da Lech Walesa a Natan Sharansky.

Il regime che stanno combattendo e di cui sperano nella rovina, non è meno crudele dei tiranni contro i quali i più famosi dissidenti nella storia hanno combattuto. Questo regime non ha alcun collegamento con la democrazia di cui Israele è così orgoglioso e che il mondo applaude. 
Posta un commento