15/08/18

La Russia definisce "allarmante" il nuovo bilancio militare statunitense



----
La Russia definisce "allarmante" il nuovo bilancio militare statunitense
// Feed RSS di lantidiplomatico.it


"Prima di tutto, il numero record di spese per la difesa è sorprendente. Sono circa 720 miliardi di dollari, una dotazione senza precedenti di fondi per scopi militari, e (questo) è già un dato allarmante ", ha spiegato il vice ministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov.
 
Mosca, ha aggiunto l'alto funzionario, condurrà quindi una "analisi approfondita" della situazione per scoprire in dettaglio quali sono gli scopi perseguiti dal governo degli Stati Uniti con quella crescita storica di stanziamenti per la Difesa.
 
Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato lunedì il National Defense Authorization Act (NDAA), che stanzia 716 miliardi di dollari per finanziare le attività militari nell'anno fiscale 2019 ( 16 miliardi in più del 2018).
 
Il nuovo bilancio del Pentagono (Dipartimento della Difesa USA) include 6300 milioni di dollari richiesti da Trump per l'Iniziativa europea di deterrenza, che prevede un aumento dello schieramento americano in Europa, secondo Washington per contrastare la presunta "aggressione russa" .
 
Il vice ministro degli esteri russo ha anche criticato la violazione da parte degli Stati Uniti, con la firma di ieri del presidente degli Stati Uniti, il trattato dei 'Cieli Aperti' concordato con la Russia.
 
"Nonostante affrontiamo questo problema nel quadro della commissione consultiva sui cieli aperti, leggiamo nella nuova legge che il finanziamento delle attività per il suo adempimento è sospeso (...). È lamentabile", secondo Riabkov.
 
Il trattato sui cieli aperti è entrato in vigore il 1° gennaio 2002 e attualmente conta 34 Stati membri. Costituisce uno dei maggiori sforzi internazionali per la trasparenza militare, poiché istituisce un programma di voli di sorveglianza aerea senza armi sul territorio di tutti i paesi partecipanti.
 
----

Read in my feedly


Inviato da iPhone
Posta un commento