30/10/18

La vittoria di Bolsonaro è la continuazione del golpe liberista nel Brasile

Alle 20:00 (ora di Brasilia) il TSE (1) ha confermato l’elezione a presidente del candidato del PSL (2), Jair Bolsonaro. Un ex-capitano dell’esercito, divenuto negli ultimi mesi un leader nazionale grazie alle sue posizioni razziste, alla sua ossessiva omofobia, all’esasperato bigottismo evangelico, all’esaltazione pubblica della dittatura e della tortura e, logicamente, a un amore cieco per il mercato, associato a un odio demenziale nei confronti della sinistra, dei sindacati e del mondo progressista.

Una vittoria che, comunque, presenta numerose contraddizioni. Infatti, il nuovo presidente (3), oltre a non avere a disposizione un partito organizzato, storicamente legato ai settori importanti della classe dominante, difende un programma economico ultra-liberista, molto controverso che asseconda tutte le richieste del mercato, in particolare quelle delle multinazionali statunitensi.
Posta un commento